martedì 5 novembre 2013

Appuntamenti e convegni in Toscana

Firenze, 31 ottobre 2013.

Cari amici,
informo innanzi tutto che mercoledì 6 novembre 2013 a Pisa presso il Seminario Santa Caterina - via San Zeno - alle ore 21.15, testimonianza di p. Damiano Puccini su "Cristiani del libano con i profughi della Siria" . L'iniziativa è promossa dal Centro culturale San Ranieri e la cittadinanza è invitata. Allego il manifesto dell'evento.

Ricordo poi che a Firenze giovedì 7 novembre 2013 verrà presentato il nuovo libro di Pucci Cipriani "La Memoria negata: appunti per una Storia della Tradizione cattolica in Italia" (Solfanelli Editore pp. 400 con venti foto inedite) con il seguente programma:
- ore 16:00 presso la chiesa dei Santi Gaetano e Michele (Piazza Antinori), S. Messa in rito romano antico in suffragio di:
Don LUIGI MIGLIORINI (Priore di Cardetole - Fi); Don UMBERTO PRIMO LENZINI (Priore di Streda Diocesi di San Miniato); Mons. LUIGI STEFANI (Cappellano della Misericordia di Firenze e parroco di Santa Margherita de' Ricci); Mons. CARLO CELSO CALZOLAI (Parroco di San Giovannino dei Cavalieri); Don IVO ISIDORO BIONDI (Parroco di San Martino in Argiana); Don RINO BRESCI (Parroco di Candeli - Fi); Mons. GIUSEPPE VIGNINI (penitenziere del Duomo di Firenze); Can. Don GIOVANNI SQUARCINI (Priore di San Mauro a Signa),  e degli scrittori ATTILIO MORDINI e TITO CASINI.

- ore 17:30 presso L'AUDITORIUM AL DUOMO (Via Cerretani, 54\r, 50123 FIRENZE), presentazione del libro: "LA MEMORIA NEGATA: APPUNTI PER UNA STORIA DELLA TRADIZIONE CATTOLICA IN ITALIA" (Solfanelli Ed) con l'Autore e l'Editore. Interverranno:
Massimo de Leonardis- Ordinario di Storia delle Relazioni e delle Istituzioni Internazionali e Docente di Storia dei Trattati e Politica Internazionale e Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche dell'Università Cattolica di Milano;
Alfio Krancic- Giornalista e vignettista de "IL GIORNALE";
Roberto de Mattei- Docente di Storia del Cristianesimo, Preside della Facoltà di Storia all'Università Europea di Roma - Direttore di "Radici Cristiane".
Presiederà l'Avvocato Ascanio Ruschi- Presidente della Comunione Tradizionale.

Clicca qui  leggere una lettera del Prof. Osvaldo Ravoni apparsa sul sito di Riscossa Cristiana relativa al libro di Pucci Cipriani. 

La serata di giovedì 7 novembre 2013 vuol essere anche una giornata speciale per il suffragio delle anime di tutti quei valorosi fratelli che sono scomparsi dopo aver combattuto il "bonum certamen", e anche un omaggio davvero doveroso alla figura di p. Serafino Lanzetta che lascia Firenze "deportato" in uno sperduto paesino delle montagne austriache dopo le vicessitudini davvero incredibili della persecuzione dei frati francescani dell'Immacolata rimasti fedeli (la stragrande maggioranza) alla regola dell'Ordine e al loro padre fondatore p. Stefano Manelli (attualmente agli "arresti domiciliari" come accadde anche a San Padre Pio da Pietralcina) e soprattutto alla Chiesa di Cristo e alla Santa Tradizione (clicca qui per avere un quadro cronologico degli avvenimenti che hanno portato a questa situazione incredibile). Ha ripreso a pieno ritmo, dopo il papato del Beato Giovanni Paolo II e quello del "nostro" amato Benedetto XVI, una persecuzione - e nemmeno troppo strisciante - ma tremenda e plateale nei confronti di chi è rimasto fedele alla Tradizione e soprattutto alla Santa Messa cattolica, la Messa in rito romano antico, la Messa di sempre e di tutti: uno dei primi provvedimenti nel commissariamento dei frati francescani dell'Immacolata è stato quello di impedire la celebrazione della Messa della Chiesa che nessuno può impedire di celebrare in quanto grantita dalla bolla "quo primum" di San Pio V e dal "Motu proprio Summorum Pontificum" di Benedetto XVI. Oltre che pregare giovedi prossimo7 novembre parleremo anche di questo e del licenziamento da parte di "Radio Maria" di due valenti giornalisti, i nostri amici Alessandro Gnocchi e Mario Palmaro che sono stayi "messi alla porta" per aver osato criticare seppur cortesemente lo "stile del nuovo papa" (clicca qui). Vi segnalo anche l'articolo apparso su "Il Foglio" del 30 ottobre u.s. sempre di Gnocchi e Palmaro (clicca qui).

Venerdi 8 novembre 2013, alle ore 21:00, a cura del Centro Culturale di Staggia Senese "Amici del Timone" verrà presentato, alla presenza dell'Autore, il libro "CONTRO IL BUDDISMO" (Fede e Cultura) di Roberto Dal Bosco.

Il 21 novembre 2013, per iniziativa del Gruppo Consiliare di "Fratelli d'Italia" presso la Regione Toscana verrà presentato il libro di Piero Vassallo: "FALSE ICONE DELLA DESTRA" (Solfanelli Ed.), alla presenza dell'Autore e dell'Editore. Presiederà il Convegno il Consigliere Regionale Giovanni Donzelli, interverranno: Pucci Cipriani, Alfio Krancic, Domenico Rosa, Ascanio Ruschi e Angela Sorice.

Domemica 1° dicembre 2013 a san Donato in Poggio verrà presentato il libro di Pucci Cipriani : "La Memoria negata" (Solfanelli pp.430 Euro 25)  con il seguente programma:
Ore 18.00 Santa Messa in rito romano antico nella Pieve di San Donato in Collina.
Ore 19:30 presentazione del libro di Pucci Cipriani: "La Memoria negata: appunti per una storia della Tradizione cattolica in Italia" (Solfanelli).
Con l'Autore interverranno:
Prof. Francesco Dal Pozzo - Ordinario di Filosofia del Diritto all'Università di Perugia.
Avv. Ascanio Ruschi - Presidente della Comunione Tradizionale.
Dopo la presentazione si può rimanere per una cena tra amici, facendo una libera offerta, e prenotandosi obbligatoriamente agli indirizzi di posta elettronica ascarus@libero.it  oppure gabribagni@gmail.com.

Sempre nel mese di dicembre presenteremo la raccolta di liriche del giovane Guido Scatizzi "Specchi e schizzi d'anima" (Solfanelli ed.) con la prefazione di Pucci Cipriani.

Sabato 15 febbraio 2014 a cura della "Comunione Tradizionale" GIORNATA DELL'AMICIZIA TRA FEDE E SCIENZA - MENDEL DAY  (Comunicheremo appena possibile luogo e data).

L'ultima settimana  di marzo 2014 verrà presentato il libro di Cristina Siccardi "L'inverno della Chiesa dopo il Concilio Vatica II: i mutamenti e le cause" (Sugarco Edizioni pp.300 Euro 23,00) che potrete trovare in libreria fin da ora:

"Oggi è lintera Chiesa che soffre. Il sacerdozio è vilipeso oltre ogni dire e - quel che è peggio! - il sacro timore di Dio viene sbeffeggiato da un'empia irreligiosità. (...) La fede non ha avuto il suo inizio da oggi, ma ci è venuta dal Signoe, tramite i suoi discepoli. Che non si abbandoni, dunque, ai nostri giorni, quella tradizione, conservata nelle chiese fin dal principio; né siamo noi infedeli a cio che ci è stato affidato".
SANT'ATANASIO -  IV Secolo.

E sulla meditazione delle parole di Sant'Atanasio, vi saluto nella speranza di incontrarvi presto 

Avv. Ascanio Ruschi

8 commenti:

  1. Leggendo affermazioni come queste : "deportato" in uno sperduto paesino delle montagne austriache dopo le vicessitudini davvero incredibili della persecuzione dei frati francescani dell'Immacolata rimasti fedeli (la stragrande maggioranza) alla regola dell'Ordine e al loro padre fondatore p. Stefano Manelli (attualmente agli "arresti domiciliari" come accadde anche a San Padre Pio da Pietralcina) e soprattutto alla Chiesa di Cristo e alla Santa Tradizione" è un motivo in più per starmene ben lontano dal quel tipo di convegno.
    Anche il sottotitolo " Contro il Buddismo " è provocatorio e foriero di fosche tinteggiature.
    Mi meraviglio come la Curia abbia concesso i locali ad un'iniziativa simile !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro anonimo del delle 9,05 comprendo benissimo e giustifico il suo disappunto. Infatti una statuette del Buddha è stata sull'altare (stavolta con la a minuscola) ad Assisi. E che diamine in CVII celebra il biddhismo, lo eleva alla pari del cristianesimo (anche qui la c minuscola è voluta) e questi dannati Tradizionalisti ne parlano male ?
      Ma come si permettono ! Li perdoni caro anonimo e non se ne abbia a male questi eretici sono destinati ad estinguersi, papa francesco (tutto in minuscolo) sta facendo del suo meglio, sono duri a morire ma vedrà che ci riuscirà.

      Elimina
  2. Il pamphlet "Contro il Buddismo"sta all'insegnamento del Buddha come le battute di Dario Fo stanno al Cattolicesimo: servono solo a compiacere chi è già convinto o tutt'al più a épater le bourgeois. Con l'obiettivo polemico del libello il Buddismo c'entra poco (basta studiare un poco seriamente).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi fare qualche esempio o parli senza averlo neppure letto?

      Elimina
    2. Per esempio il concetto buddista di "vuoto" interpretato in chiave nichilista, là dove già i pensatori buddisti dei primi secoli chiariscono che così inteso porta completamente fuori strada.

      Altro esempio, il modo con cui è presentata la vicenda della setta di Asahara, che è in realtà una forma di pseudobuddismo spurio (ma in generale quella di prendere le vicende di una singola persona in errore per inficiare la validità della dottrina nella quale si è formata è una prassi stolta, in cui fra l'altro gli anticattolici si sono distinti nei secoli).

      Altro esempio, la sottolineatura di certe pratiche estreme del tantrismo tibetano, il quale non è sic et simpliciter "il Buddhismo".

      Ognuno, comunque, è padronissimo di accontentarsi. Il caso degli insulti al Buddha e al Dharma è ampiamente contemplato nei testi buddisti, che invitano a non indignarsi più di tanto della malevolenza di chi non trova di meglio da fare.

      Tutt'altra questione, invece, è quella della stragrande maggioranza dei sedicenti buddisti occidentali, per lo più vittime dell'esotirmo che ignorano i fondamenti della filosofia del Buddha e non hanno nessuna voglia di impegnarsi a fondo né nel suo studio né nella sua pratica. Ma non di questo, se non in seconda battuta, si occupa il pamphlet in questione, che pensa invece di colpire al cuore quanto non ha neppure intravisto.

      Elimina
  3. Gli esempi li ho fatti. Ma non sono stati pubblicati. Perché non so. Comunque, se le garba, si diverta pure con il tiro al piccione contro il Buddismo. Tenga solo presente che non si tratta di un'azione meritoria.

    RispondiElimina
  4. Gli esempi te li feci, ma non filtrarono alla censura della redazione.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.