giovedì 26 settembre 2013

Messa ballata domenica 29 settembre? Per i Gesuiti non è uno spettacolo ma un rito di spiritualità...

29 settembre 2013: che S. Michele difenda la Chiesa di Dio!

 Domenica 29 settembre debutta la messa ballata
Spiritualità il corpo in movimento torna a far parte del rito cattolico

 di S. Cappelletto, da VaticanInsider del 25.09.2013


messa ballata
Non sarà uno spettacolo durante la Messa. Ma una coreografia che accompagnerà la Messa, un rito che si unirà a un altro rito. Domani e domenica 29, in due incontri promossi da Torino Spiritualità, la danza tornerà a essere parte integrante di una funzione liturgica della Chiesa cattolica. «Non accade da secoli, da quando la fisicità e la corporeità della fede sono state come imprigionate. Pensi ai banchi delle chiese: rendono impossibile qualsiasi movimento, qualsiasi gestualità che non sia stare in piedi, seduti, in ginocchio». [che cosa scandalosa, nevvero? n.d.r.]Eugenio Costa, genovese e gesuita, musicista e liturgista, una lunga esperienza di parroco a Torino e Milano prima di venire chiamato a lavorare nella casa generalizia dell’ordine fondato da Ignazio di Loyola, ammette: «Ci stiamo pensando da anni, Roberta e io, ma abbiamo preso coraggio dopo aver visto i vescovi accennare dei passi di danza, per la verità un po’ goffi, durante la recente visita del Papa in Brasile». [eccolo qua!! E' arrivata la conferma! Quella dei Vescovi ballerini in brasile, si era detto sin da subito, sarebbe stato un pessimo esempio.... e le conseguenze, estreme e peggiori, non si sono fatte attendere; n.d.r.]
«I l momento è finalmente arrivato - dice padre Costa - però non abbiamo ancora detto nulla ai nostri vicini di casa», confida, con soave astuzia, indicando col braccio alla sua destra: a pochi metri dalla sede centrale dei Gesuiti a Borgo Santo Spirito a Roma, inizia il territorio dello Stato del Vaticano.
Roberta, è Roberta Arinci: studi di danza classica occidentale da bambina e poi molti anni passati a scoprire la danza classica indiana, per imparare a comprendere la ritualità, la sacralità dei movimenti. «Entrare a capo chino, eseguire in silenzio e per amore, uscire in punta di piedi»: questo il motto di Ars Bene Movendi, il gruppo, milanese e tutto femminile, di danza liturgica da lei fondato e attivo già da alcuni anni nella Parrocchia di San Fedele.
Il gesuita e la danzatrice sanno di non avere precedenti ai quali ispirarsi; detestano «le sbandierate, le lenzuolate, lo sgraziato sgambettare, l’atmosfera da stadio dei gruppi carismatici che nulla hanno a che fare con la sacralità di una funzione». [ah, bè. allora va bene. Siamo a posto. Non c'è nulla da temere... ; n.d.r.]. Padre Costa ricorda, quasi come unico esempio superstite, i «dodici Kyrie» del rito ambrosiano, quando i celebranti assumono atteggiamenti che richiamano dei gesti coreografici [io sono stato 12 anni a Milano, e non me ne sono mai accorto...; n.d.r.]. Sanno anche che le gerarchie ecclesiastiche europee «hanno imposto una secolare rimozione della fisicità, per il prevalere di una cultura che ha penalizzato il corpo. Ma che pericolo c’è se riportiamo il nostro corpo nella preghiera, come già accade in tante funzioni celebrate in Africa e in Sud-America?» [che pericolo c'è? Bè se non ci arriva da solo... tanto vale evitare la pena di provare a spiegarlo...; n.d.r.]
E dunque sono consapevoli dell’opportunità che viene ora offerta al loro lavoro. Giovedì sera, alla Cavallerizza Reale, la Arinci, accompagnata da musica e canto, interpreterà danzando quattro temi biblici: la Genesi, l’Annunciazione, il miracolo del cieco di Gerico, la Passione. Domenica, durante la messa delle 11,30 nella chiesa di San Filippo, lei e il suo gruppo, indossando un sari arancione e una stola che richiama il prescritto colore liturgico, «con movimenti sobri, eleganti, dignitosi», scandiranno cinque momenti della Messa: Gloria, Alleluja, Sanctus, Agnus Dei, Inno dopo la comunione.
«Vogliamo evitare che la nostra preghiera - perché questa danza è una preghiera - venga percepita come un corpo estraneo. Il desiderio è che un domani tutta l’assemblea dei fedeli accetti di fare un passo, di unirsi a noi». [ma non devono proprio nemmeno azzardare a sperarlo. La Messa è quella e si studino le l'O.G.M.R. di Paolo VI nn. 42-44 "Gesti e Atteggiamenti del corpo", che non prevede, tra gli atteggiamenti per i fedeli, il ballo; se vogliono ballare vadano dai NeoCatecumenali....; n.d.r.]
Perché questo accada, bisognerà rivoluzionare la disposizione attuale: via i banchi, tutto lo spazio occupato dall’assemblea lasciato libero perché i fedeli possano muoversi, danzare il rito. [anche ammesso che sia cosa buona poter ballare... ma perchè togliere i banchi, impedendo così di inginocchiarsi? Come farebbero ad assumere la posizione che è prevista, lecita e diremmo, principale, del fedele durante la celebrazione eucaristica? Ecco perchè siamo contrari a queste iniziative: si "antropomorfizza troppo la Messa, si concentra tutto sull'uomo, e si elimina l'aspetto trascendentale, che meglio si manifesta mediante l'adorazione in ginocchio di Nostro Signore Gesù Cristo durante la Consacrazione e la Comunione. (n. 43 O.G.M.R. di Paolo VI, n.d.r.]
Se c’è un Papa che può capire la sfida, sembra proprio l’attuale: gesuita, argentino, molto fisico nel modo di porsi, spregiudicato e stratega quanto occorre.

34 commenti:

  1. Scenda un fuoco a consumare questi eretici!
    Cristianamente e per seguire la linea del vescovo-di-roma imploreremo la misericordia nelle preci per le loro anime!

    RispondiElimina
  2. Nella Basilica di Loreto ( dove è deposta la s. Casa dove Gesù si è incarnato ) hanno rimosso i banconi ponendo solo sedie. Dopo la s. Comunione, infatti, tutti si mettono seduti stravaccati.... Inoltre l'introduzione del sari arancione alla messa da molto da pensare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sebastiano Pistore26 settembre 2013 15:37

      L'ho visto anch'io: se prenderà piede la danza liturgica dei gesuiti almeno non ci saranno più le sedie e la gente starà sempre in piedi. :)

      Oppure si sdraierà per terra...

      Elimina
  3. Ma non sarà forse ora di sopprimere nuovamente i Gesuiti?
    Daniele

    RispondiElimina
  4. Qui in Brasile c´è un´altra Chiesa Cattolica, molto diversa di quella Chiesa Romana, purtroppo! Qui la pagliacciata post-conciliare non ha mai fine e neppure limite!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sebastiano Pistore26 settembre 2013 15:34

      Una curiosità: tu ti chiami veramente Ricardo Pistori?

      Perchè io mi chiamo Sebastiano Pistore ed abito in Via Riccardo Pistore.

      Elimina
    2. Ustrega! Ma allora siamo in parecchi. Io sono Mic Pistore e mia zia è Luisa Pistori, allieva devota di Dante Pistorelli.

      Elimina
    3. LA PAGLIACCIATA CHE LEI DICE SI CHIAMA TEOLOGIA DELLA LIBERAZIONE...

      Elimina
  5. Guardate qui: https://www.facebook.com/DanzaLiturgica. Bello, vero?

    RispondiElimina
  6. Provate ad immaginare la faccia del Santo Curato d'Ars se entrasse in questa chiesa durante questa "funzione". Penso che basti ciò per dimostrare la deriva a cui siamo giunti. Ci mancava la "lallazione antiochena".

    RispondiElimina
  7. Chissà se installeranno le luci psichedeliche in Chiesa e assumeranno qualche buttafuori ... per chi è troppo tradizionale!

    RispondiElimina
  8. sapete se Francy sta cambiando i consultori dell'ufficio delle celebrazioni liturgiche del sommo pontefice? oggi in rinunce e nomine era apparsa la nomina dei consultori, poi è stata tolta... sapete se i nuovi consultori si aggiungeranno a quelli precedenti o se li sostituiranno? se fossero sostituiti andrebbe via don bux...

    RispondiElimina
  9. il pensiero del Card. Montini sui banchi:

    […] Altro problema anche più importante è quello dei banchi: non si può oggi pretendere né prolungata assistenza, né pio contegno dei fedeli senza i banchi. Le sedie non offrono né l’ordine, né la comodità dei banchi, che sono oramai collocati, in tutte le chiese, anche monumentali e cattedrali, dove si voglia la compostezza e la numerosità dell’assemblea dei fedeli, e la loro devota assistenza alle sacre funzioni. […]

    Milano, nella festa della Natività di Maria Santissima, 8 settembre 1957.

    † Giovanni Battista Montini
    Arcivescovo di Milano

    http://www.to.chiesadimilano.it/or4/or?uid=ADMIesy.main.index&oid=535365
    http://www.to.chiesadimilano.it/or4/or?uid=ADMIesy.main.index&oid=570703
    http://www.to.chiesadimilano.it/or4/or?uid=ADMIesy.main.index&oid=637824

    RispondiElimina
  10. Per chi (romano) non lo sapesse descrivo come si svolgono i "coreografici" 12 kyrie:
    Quando si compie una procesisone d'ingresso (ad esempio per le Palme o la Presentazione del Signore al tempio) i ministranti con la croce e le candele, giunti ai piedi dell’altare, si fermano rivolgendosi verso i fedeli mentre il clero e gli altri ministri si dispongono su due file rivolte l’una verso l’altra e il sacerdote presidente chiude la processione stando rivolto verso la croce. Si cantano i dodici Kyrie con una sallenda appropriata. Durante il canto della Sallenda, al Gloria, ci si inchina alla Croce e poi, al Sicut erat, al celebrante, per dirigersi infine nel presbiterio.
    Quindi questa coreografia è fatta di: processione, sosta e inchini, ma soprattutto non è inventata di sana pianta ma proviene dalla tradizione millenaria del rito.
    Volendo proprio trovare qualcosa di "simile a una danza" nella liturgia ambrosiana, ma anc'esso elemento che ci proviene dalla tradizione, suggerirei il caso questo si unico dei "pueri cantores" che, solo in Duomo, cantando l'antifona Dopo il Vangelo nella Messa in Cena Domini si schierano attorno all'altare, simbolo di Cristo, come per volerlo difendere con la loro infantile innocenza dalle trame del tradimento.
    IMMAGINE: http://img205.imageshack.us/img205/4708/img58712ed.jpg

    RispondiElimina
  11. Non sanno gia' cosa inventare per alimentare la vanita', l'egocentrismo... Cristo, per costoro, non ha piu' importanza!

    RispondiElimina
  12. Outro jesuíta (ou talvez o mesmo?) :

    http://www.traditioninaction.org/RevolutionPhotos/A350rcDanceJesuit.html

    http://www.traditioninaction.org/RevolutionPhotos/A096rcDancingJesuit.htm

    E isto:

    http://www.traditioninaction.org/RevolutionPhotos/A244rcWurzburgHindu.html

    RispondiElimina
  13. Mi sembra giusto vietare la Divina Liturgia in rito tridentino con tutto il suo raccoglimento e i suoi buoni frutti spirituali e promuovere invece messe ecumeniche... messe esibizioniste, di dubbia validità e dall'origine ideologica molto discutibile.

    RispondiElimina
  14. Gesù ha istituito l'Eucarestia in una cena condivisa con i suoi apostoli, probabilmente attorno ad un tavolo. Tutto il resto è invenzione dei preti! Bisogna tornare agli origini!!! Speriamo in un Vaticano 3, che rinnovi anche la Liturgia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dire idiozie! Quella celebrata nella notte del Venerdì Santo ha istituito l'Eucarestia non come memoriale bensì come Sacrificio Incruento della Croce da ripetere ad ogni Messa! Gli apostoli delle origini recitavano già il canone della Messa Tridentina con cui non si è inventato nulla ma solamente si sono codificati riti antichissimi di centinaia d'anni! si studi bene l'evoluzione della liturgia prima di spararle così grosse!!! La cena intorno ad un tavolo come dice lei è una pura invenzione di Lutero che purtroppo come vediamo ha fatto adepti anche nella Chiesa Cattolica! Gli ortodossi infatti, ben prima dei cattolici romani celebrano la loro Messa come sacrificio perché così è stato stabilito da Cristo!!!

      Elimina
    2. E poi sempre con questa storia del Vaticano III! Ma perché non si converte al protestantesimo? Lì troverà tutte le messe-cena che vuole intorno al tavolo!!! Mi faccia il piacere!

      Elimina
    3. Ma no Hierro 1973, sei stato imbrogliato o non hai studiato bene. Da dove hai presso che gli apostoli recitavano il canone della Messa Tridentina??? Gli apostoli hanno vissuto nel 1° sec. dopo Cristo, mentre il Concilio di Trento è del 16° sec. dopo Cristo.
      E si noti che non uso numeri romani, perché i numeri romani come il latino sono cose ormai sorpassate, dei tempi che furono. Nessuno scrive in numeri romani ne nessuno parla in latino... tranne i tradizionalisti e i Bancomat in Vaticano.

      Elimina
    4. Caro anonimo delle 23.27, se la tua è una provocazione mi sta bene me tra i due quello che non ha studiato sei tu. Il Messale c.d. Tridentino non è un Messale redatto ex novo bensì una elaborazione dei Riti all'epoca celebrati. La Quo Primum faceva salvi infatti quelli antichi più di 200 anni. Il Messale di Pio V decodificava infatti il Rito cattolico contro l'eresia protestante. Se studia bene vedrà che il Canon Missae Tridentino risale al II-III secolo dopo Cristo (100-200) quindi recitato in piena epoca apostolica. E quel Canone è restato immutato fino al 1970. Per contro se c'è un Messale che è stato redatto ex novo e non ha precedenti o fondamenta storiche è proprio quello di Bugnini del 1970. Un Messale che più della Messa Cattolica riprende in via preponderante elementi delle celebrazioni Protestanti. E poi ti sembra che nel 1970 si conoscessero così bene le origini della Messa? La Liturgia è un dono che ci ha fatto Cristo non si può manomettere a nostro piacimento. Studia bene quindi mi raccomando non parlare per luoghi comuni o per sentito dire! Anzi ti consiglio il blog di questo sito "Le origini apostolico-patristiche della Messa Tridentina" vedrai che ti chiarirà molti dubbi.

      Elimina
  15. Facciamo capire che rispetto a questa c e una altra Chiesa, andando tutti al pellegrinaggio Una cum Papa nostro.
    Per favore redazione, avviate un martellamento a tappeto a questo scopo: il rischio é che il S Padre ai rafforzi sempre più nelle Sie false convinzioni sulla irrilevanza numerica e sulla natura passatista degli amanti della tradizione, e che poi agisca di conseguenza...

    RispondiElimina
  16. Messa Beach da copacabana, messa rock, messa ballata... a quando la messa strip (con spogliarello), o magari
    la messa cenata (con aperitivo serale) etc.. etc.. ???


    Bertoldo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisanzio Pistoro28 settembre 2013 08:51

      Alla Messa con aperitivo post-celebrazione ci siamo già arrivati da tempo...

      Elimina
  17. Coraggio che sta per arrivare P.Marini,con le sue vesti dell'amico stilista ne vedremo di tutti i colori e in tutti i sensi,la CC non c'è più da un pezzo,questo è solo un cadavere in putrefazione che viene addobbato ed esibito....un vat3?Perché mai,non ha fatto abbastanza danni il 2?Preghiamo,preghiamo,non resta altro da fare....

    RispondiElimina
  18. Facciamo una marcia in Vaticano per chiedere subito il Vaticano 3, che abolisca il latino, che permetta i sacerdoti di sposarsi come i cattolici di rito orientale, che nomini donne cardinali al governo della Chiesa, che faccia una volta per tutte l'opzione preferenziale dei poveri, che tolga tutte quei pizzi e merletti delle veste dei presbiteri che sembrano tutt'altro che uomini virili provati!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alt un momento!!! Non si può pretendere di prendere un pezzo della Chiesa Ortodossa e delle chiese protestanti a piacimento. Riprendiamo allora anche il Rito Ortodosso in greco antico che ne dice? và bene anche quello? Se le piace la chiesa protestante si converta pure al calvinismo o al luteranesimo che problema ha???

      Elimina
  19. "Alla Messa con aperitivo post-celebrazione ci siamo già arrivati da tempo..."

    Se è per questo con le "Cenette" neocatecumenali del sabato siamo andati anche oltre... ma non è questo il punto.

    Se si comincia a sdoganare questa deriva presto avremo pizza e vangelo sull'altare, avremo la messa ballata in liscio
    o la messa punk o rasta con tanto di canna pippata scambiata al segno di pace.

    Se ad ogni guitto e saltimbanco e spregiatore di Cristo (gesuita o meno che sia) sarà permesso di salire sull'altare
    e fare quello che gli viene in mente assieme ai suoi coreografi ed alla sua compagnia di buffoni nani e ballerine, presto la Santa Messa sarà ridotta ad un circo e la foca ammaestrata durante l'offertorio porterà all'altare la palla di gomma (risparmiando a bergoglio la camminata a piedi).

    Sono schifato!!!!

    Bertoldo

    RispondiElimina
  20. San Filippo, a Torino, dove mi pare di aver capito che si svolgerà questa stupidaggine, è una parrocchia morta. Non preoccupatevi.

    RispondiElimina
  21. A me viene in mente una mia conoscente di tanti anni fa che diceva : "Chi canta prega due volte, chi balla anche prega tre".
    Tommaso Pellegrino - Torino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che. chi canta anche... preghi 2 volte, se il canto è sublime e conforme al Divin Sacrificio Incruento che rende presente, attualizzandolo in ogni Messa celebrata, il Mistero Redentore dell'umanità, cioè la Crocefissione e Morte di Gesù, può anche essere possibile... -se ripeto sono canti degni del Convivio Sacrificale invisibile ma Reale [..questo Sacrificio Vivo e Santo..]- ,ma spesso, purtroppo molte sono le "animazioni" indecorose.. se non pagane spece a certi funerali.... . Ma la danza, non mi risulta che sia stata contemplata dal Signore, che ha osservato il rituale ebraico anche per la Cena, quando ha istituito il "Sacrificio Perfetto" della Nuova Alleanza ed il Sacerdozio Ministeriale, che perpetuasse, operando i sacerdoti in "Persona Christi", e fino alla fine del mondo, il comando "..fate QUESTO in mia memoria.." .
      Mi scusi, ma non è che magari la " terza preghiera" , da Lei e dal gesuita di cui sopra, tanto bramata, magari "pregata" da un'avvenente danzatrice, distragga i fedeli, o il celebrante.., dal Mistero Eucaristico o magari addirittura induca i "figli di eva" a "desiderare" la..... anzichè la propria moglie...[adulterio di pensiero] : insomma non è che questa terza "preghiera", finisca, su istigazione del demonio, per invalidare le altre 2 ??? . Non è che tutte queste " novità" di voi modernisti faranno "l'ufficio di satana" perfino durante le future celebrazioni ???? . Può anche essere che vengano più giovani alle vostre celebrazioni, ma verranno per ringraziare,adorare, pregare, impetrare grazie dal il Signore o per esibirsi o per vedere..??? : presto si stancheranno perche sui "cubi" delle discoteche o dei ritrovi mondani, le ragazze saranno più discinte e magari caine....
      Ne avete fatti in questi molti anni di "esperimenti" celebrativi ed il risultato è, che come dice il Sommo Pontefice, che la Cresima, anzichè "confermare" i nostri figli, è divenuta, in tante realtà ecclesiali, il "Sacramento del Congedo" dalla Chiesa e purtroppo dalla vera Fede in Gesù Cristo: sono queste stramberie ciò che si auspicava, quale "frutto spirituale" , dall'Anno della Fede ???
      Che ne dirà la Madonna "Sempre presente alle Celerazioni" come sapientemente ci diuce Giovanni Paolo II che verrà presto dichiarato Santo della Chiesa?
      credo, caro Tommaso, ... che la sua nonna o zia, si riferisse al candore dei bambini, che facevano le piccole belle recite del Natale, pregando sì in questo caso"col corpo".., perchè dimostravano amore a Gesù, ma forse quando la" raggiungerà" Le spiegherà meglio di come andavano le cose ai tempi.

      Elimina
  22. Ho visto poco fa, presentata trionfalisticamente e come una grande innovazione, questa aberrante oscenità consumatasi all'interno di quella Chiesa barocca oltraggiata.
    E' una vergogna: balli e riti indù all'interno di una celebrazione Cattolico Romana, con il favore dei pretini che lo fanno fare (quello in video era uno pseudo prete con vestito indiano) e dei "fedeli" così "felici" di tante belle "innovazioni".
    E' un'apostasia dilagante.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.