lunedì 11 febbraio 2013

IL PAPA ABDICA!


Lo stemma della sede vacante, che si aprirà il 28 prossimo


Un gesto senza precedenti negli ultimi sei secoli di storia della Chiesa: Sua Santità Papa Benedetto XVI lascerà la carica di successore di Pietro, con effetto dal 28 febbraio prossimo.

Lo scarno annunzio dato oggi si limita a dire che il ''Il Papa ha annunciato che lascera' il suo Ministero alle 8 pomeridiane del 28 febbraio''. (BOLLETTINO N. 0089 - 11.02.2013 3 Dal Vaticano, 10 febbraio 2013 BENEDICTUS.)

I motivi dietro questa scelta sono al momento ignoti, e chissà mai se li sapremo. Possono essere questioni di salute, come appare dalle scarne parole dello stesso Benedetto; e sotto questo profilo ricordiamo come l'allora cardinale Ratzinger avesse "vissuto male" il periodo di decadenza fisica e mentale dell'ultimo Giovanni Paolo II quando, aldilà della funzione di testimonianza di tener duro fino all'ultimo, la sede di Pietro si era rivelata nave senza nocchiero in gran tempesta; o meglio, governata da nostromi tutt'altro che qualificati. Il card. Ratzinger si era lasciato sfuggire allora un invito pubblico alle dimissioni, che poi, di fronte all'indignazione di Papa Woitila e, più ancora, della sua corte di assistenti (a partire dal segretario Diszwich) si era dovuto umilmente rimangiare.

Ma anche la difficoltà di governo quotidiano che deve affrontare un Papa studioso e intellettuale, e per converso sfornito di tutto quel polso e senso pratico necessari alla carica, possono avere inciso nella scelta, insieme con l'indebolimento inevitabile dell'età.

Già nei decenni passati un Ratzinger più "progressista" aveva teorizzato l'utilità di prevedere una sorta di incarico a tempo, e non più vitalizia, per il sommo pontificato.

Quella dell'incarico rinunziabile, che personalmente mi piace poco, non è comunque una novità assoluta nella Chiesa, pur senza disturbare il noto precedente di Celestino V. Vi furono nel medioevo parecchi papi deposti o rinunzianti (e alcuni poi reinstallati sul trono: col record di Benedetto IX, papa per tre volte). L'ultimo caso, nel 1417, pose fine allo scisma d'Occidente: v'erano tre papi o pretesi tali e così il papa e i due antipapi accettarono di dimettersi tutti e tre.

Speriamo solo che il prossimo Papa non sia un Bonifacio VIII o, a prestar fede alla profezia dello Pseudomalachia (e noi fede non vi prestiamo), un Pietro II, l'ultimo pontefice.

E sempreché, a voler pensarle tutte, la mossa non possa anche servire in qualche modo ad orientare, in senso più conforme agli indirizzi del dimissionario, la scelta del prossimo Conclave.

Certo è che la notizia odierna ha l'effetto della deflagrazione di un ordigno nucleare.

Enrico


Le parole del Papa nell'annunziare la gravissima decisione


Carissimi Fratelli,
vi ho convocati a questo Concistoro non solo per le tre canonizzazioni, ma anche per comunicarvi una decisione di grande importanza per la vita della Chiesa. Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio, sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l’età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino.
Sono ben consapevole che questo ministero, per la sua essenza spirituale, deve essere compiuto non solo con le opere e con le parole, ma non meno soffrendo e pregando.
Tuttavia, nel mondo di oggi, soggetto a rapidi mutamenti e agitato da questioni di grande rilevanza per la vita della fede, per governare la barca di san Pietro e annunciare il Vangelo, è necessario anche il vigore sia del corpo, sia dell’animo, vigore che, negli ultimi mesi, in me è diminuito in modo tale da dover riconoscere la mia incapacità di amministrare bene il ministero a me affidato.
Per questo, ben consapevole della gravità di questo atto, con piena libertà, dichiaro di rinunciare al ministero di Vescovo di Roma, Successore di San Pietro, a me affidato per mano dei Cardinali il 19 aprile 2005, in modo che, dal 28 febbraio 2013, alle ore 20,00, la sede di Roma, la sede di San Pietro, sarà vacante e dovrà essere convocato, da coloro a cui compete, il Conclave per l’elezione del nuovo Sommo Pontefice.
Carissimi Fratelli, vi ringrazio di vero cuore per tutto l’amore e il lavoro con cui avete portato con me il peso del mio ministero, e chiedo perdono per tutti i miei difetti.
Ora, affidiamo la Santa Chiesa alla cura del suo Sommo Pastore, Nostro Signore Gesù Cristo, e imploriamo la sua santa Madre Maria, affinché assista con la sua bontà materna i Padri Cardinali nell’eleggere il nuovo Sommo Pontefice.
Per quanto mi riguarda, anche in futuro, vorrò servire di tutto cuore, con una vita dedicata alla preghiera, la Santa Chiesa di Dio..

http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/speeches/2013/february/documents/hf_ben-xvi_spe_20130211_declaratio_it.html

Fratres carissimi Non solum propter tres canonizationes ad hoc Consistorium vos convocavi, sed etiam ut vobis decisionem magni momenti pro Ecclesiae vitae communicem. Conscientia mea iterum atque iterum coram Deo explorata ad cognitionem certam perveni vires meas ingravescente aetate non iam aptas esse ad munus Petrinum aeque administrandum.
Bene conscius sum hoc munus secundum suam essentiam spiritualem non solum agendo et loquendo exsequi debere, sed non minus patiendo et orando. Attamen in mundo nostri temporis rapidis mutationibus subiecto et quaestionibus magni ponderis pro vita fidei perturbato ad navem Sancti Petri gubernandam et ad annuntiandum Evangelium etiam vigor quidam corporis et animae necessarius est, qui ultimis mensibus in me modo tali minuitur, ut incapacitatem meam ad ministerium mihi commissum bene administrandum agnoscere debeam. Quapropter bene conscius ponderis huius actus plena libertate declaro me ministerio Episcopi Romae, Successoris Sancti Petri, mihi per manus Cardinalium die 19 aprilis MMV commissum renuntiare ita ut a die 28 februarii MMXIII, hora 29, sedes Romae, sedes Sancti Petri vacet et Conclave ad eligendum novum Summum Pontificem ab his quibus competit convocandum esse.

Fratres carissimi, ex toto corde gratias ago vobis pro omni amore et labore, quo mecum pondus ministerii mei portastis et veniam peto pro omnibus defectibus meis. Nunc autem Sanctam Dei Ecclesiam curae Summi eius Pastoris, Domini nostri Iesu Christi confidimus sanctamque eius Matrem Mariam imploramus, ut patribus Cardinalibus in eligendo novo Summo Pontifice materna sua bonitate assistat. Quod ad me attinet etiam in futuro vita orationi dedicata Sanctae Ecclesiae Dei toto ex corde servire velim.

Ex Aedibus Vaticanis, die 10 mensis februarii MMXIII

131 commenti:

  1. e' comunque un atto gravissimo per come lo si puo' analizzare a 360 ° ed è strano che questa notizia non mi sorprenda piu' di tanto .

    ho sempre creduto i Palazzi Apostolici , ORA piu' che mai , un nido di serpi e corte di eunuchi .

    avanti il prossimo .......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanche tu hai timore di Dio e sei dannato alla stessa pena? Caro anonimo 13:01

      Elimina
  2. Per un istante, e solo apparentemente, hanno vinto i lupi contro i quali sua Santità chiedeva le nostre preghiere il 24 aprile 2005.
    Ma noi sappiamo che non praevalebunt!!!

    RispondiElimina
  3. Quoto Edoardo, in tutto e per tutto...
    però provo una gran tristezza e una sensazione di solitudine...
    Giacomo

    RispondiElimina
  4. Bonifacio VIII, il grande papa della Unam Sanctam? Magari si potesse sperare in un Bonifacio IX ..! Poi, se non erro, non fu Celestino V l'ultimo ad abdicare, ma un legittimo papa Gregorio che abdicò per permettere l'elezione di un nuovo papa e ricomporre così il grande scisma d'occidente.

    RispondiElimina
  5. Ecco un file mp3 della Radio Vaticana. Inizia in inglese, poi parla la Santità di nostro Signore in latino:

    http://media01.radiovaticana.va/audiomp3/00357228.MP3

    RispondiElimina
  6. San Michele..proteggilo!

    RispondiElimina
  7. Impossibile non ricollegare questo infausto evento agli sviluppi della vicenda spx.
    Non mi stupirei di vedere il Card. Ratzinger approdare ad Econe.

    RispondiElimina
  8. Non intendo giudicare le scelte personali, ma alcune domande e considerazioni mi sorgono spontanee: la scusa del vigore mi sembra una boiata clamorosa, ma chi può bersela?
    Giovanni XXIII anche con un tumore allo stomaco non ha mai pensato di abdicare.
    Poi della tempra di Ratzinger ne hanno sempre tessuto tutti le lodi, soprattutto in confronto agli ultimi anni di pontificato di GPII.
    Ma lo Spirito Santo non spira più in Vaticano?
    Le forze su cui si regge la barca di Pietro sono tutte umane? O Benedetto XVI rinfaccia a Dio qualcosa?
    Sono sconvolto.
    Mala tempora currunt.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tu vedi neocatecumenali anche nelle tue brache e trolly anche nel piatto dove mangi. Per te e' la normalita'. Di cosa ti stupisci?
      L'obiettivita' non e' la tua materia.
      Se non sai leggere i commenti, lascia stare. Passa ad altro.

      Elimina
    2. Mi scuso, il commento di cui sopra era per anonimo 13:48

      Elimina
  9. Pietro non è un impiegato! Pietro è Pietro fino alla morte, fino al martirio!
    Cosa avrebbe risposto N.S. se San Pietro, sulla via di Roma, gli avesse detto "Vado a consegnare le mie dimissioni"? ( in effetti, nel racconto, la risposta Gesù L'ha data )


    pepito sbazzeguti

    RispondiElimina
  10. E' impossibile giudicare il gesto appieno se non se ne conoscono le motivazioni. Ritengo pressoché impossibile per un credente della tempra del card. Ratzinger pensare che un ruolo decisivo l'abbiano avuto i motivi di salute. Il vangelo non dice "Tu sei Pietro finché sarai in gamba",ma anzi prevede espressamente il caso in cui non Pietro non sarà più in grado di cingersi la veste e di andare dove vorrà. L'unica spiegazione a cui posso pensare è che il Santo Padre abbia visto un grave pericolo per sé e per la Chiesa di Cristo nella sua anima nella permanenza sul soglio pontificio.
    Antiquario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ma in che senso?
      Anche fosse, dov'è finita la "caritas in veritate"?
      Se anche fosse una cosa bruttissima da divulgare, perchè segretarla? Gesù Cristo ha tenuto cose nascoste ai suoi, o è venuto proprio a rivelare quello che era celato nei secoli?
      Se anche fosse che la Chiesa non esiste più, a maggior ragione dovremmo saperlo per meglio prepararci alla venuta di Cristo in gloria e potenza.

      Francamente continuo ad essere sconvolto dalla notizia.

      Per altro tutto ciò non fa che alimentare la boria dei nemici della Chiesa, già lanciati nel toto-papa, a rivendicare lo spirito profetico di Nanni Moretti nel suo discusso film "Habemus Papam", e via dicendo.

      Elimina
  11. Sì, la scusa del vigore è proprio una stupidaggine!!! Che bel futuro ci attende: Al governo un Monti-bis con l'ausilio di sinistra ed invertiti vari ed al Soglio di Pietro un Pontefice magari progressita, moderno e "portatore di una nuova luce" come si auspicano ambienti molto "mondani" diciamo così...

    A peste, fame et bello, libera nos, Domine!

    Preghiamo la Provvidenza

    Quinto Fabio Massimo

    RispondiElimina
  12. Io sinceramente non comprendo lo stupore di molti. Il dispiacere ovviamente sì, ma non lo stupore, cioè la sorpresa, sapevamo che il Papa non stava bene. E inoltre non capisco, come scritto nell'articolo, perché un incarico a tempo sarebbe una cosa "progressista" (peraltro l'abbandono è ampiamente previsto dal Codex). Benedetto XVI ha fatto bene a fare questa scelta, se non ce la fa più fisicamente. E cosa dovrebbe fare? È un gesto di amore verso la Chiesa, non vedo dietro a questo atto complotti o rinunzie dovute alla troppa forza dei "lupi". Il problema è che il prossimo Papa sarà presumibilmente ancora più modernista, questo è il vero problema. Se non è riuscito Benedetto XVI a dare una bella "sterzata" non vedo chi potrà riuscirci. "Mala tempora currunt" ma non certo per il gesto attuale del Papa...

    RispondiElimina
  13. Un ordigno nucleare su cui sei seduto sopra anche tu caro Enrico. Un ordigno nucleare che hai contribuito a costruire anche tu che ancora perseveri nel definirlo progressista. Nonostante i suoi tentativi di farti rimanere "dentro" la chiesa, caro lefebvriano.
    Ora prega Iddio con tutto te stesso che lo Spirito Santo illumini le menti dei cardinali e non venga eletto un VERO modernista, che ritiene i SUPERBI e quelli che non riconoscono la sucessione di Pietro, FUORI dalla chiesa.
    Questo papa andava sostenuto e non sbeffeggiato.

    RispondiElimina
  14. Che l'apostasia non sia più silenziosa?

    RispondiElimina
  15. I Neocatecumenali si sono già messi a trollare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sara' sotto ricatto dei neocatecumenali?

      Elimina
    2. http://www.internetica.it/neocatecumenali/croce-rovesciata.html

      Vedendo da come postano qui dentro pure in situazioni così delicate la croce rovesciata è proprio il loro simbolo che più si addice a loro

      Elimina
    3. Non sono un neucatecumenale ma da come vi esprimete siete da manicomio. Verrebbe da difendere i primi per mandare a quel paese i secondi (chi si esprime come il post di sopra)

      Elimina
    4. Assolutamente d'accordo. Ma siamo pazzi? Abbiamo un papa che si dimette e ne approfittate per attaccare i neocatecumenali? Ma dove siamo?

      Elimina
    5. Ma che bravi,entrate su un sito,attaccate coloro che vogliono la Messa di sempre definendoli degli eretici,dei superbi,degli antiquati,.... salvo poi mettervi piagnucolare quando con voi si perde la pazienza.Andate a fare le vostre catechesi da falliti da qualche altra parte.Si da il sito si chima Messa in Latino,non messa di Kiko!

      Elimina
    6. La tua catechesi lefebvriana e' molto interessante, quasi quanto la catechesi dei kikiani.
      Siete stati separati alla nascita, ma siete gemelli.
      Potenza dei catechisti!

      Elimina
    7. Ah,ora amare la Santa Messa di sempre vuol dire far parte della FSSPX?
      Però,molto interessanti le catechesi neocat e moderniste varie,nemmeno gli UAAR arrivano a tanto.

      Elimina
  16. Perché tanto parlare in un momento in cui l'Anticristo opera con grande dispiegamento di forze?
    In questo momento bisogna solo pregare il Signore che si degni di donare alla Sua Chiesa un Pastore forte nella fede, certo della speranza, e colmo di carità e che possa governare la barca della Chiesa terrena che è alla deriva nella più grande tempesta degli ultimi secoli.

    RispondiElimina
  17. Mater Ecclesiae ora pro nobis!

    RispondiElimina
  18. Ora dovranno accontentarsi di sbeffeggiare Mueller, che pare non abbia tanta voglia di lasciarsi sbeffeggiare...

    RispondiElimina
  19. secondo la stampa laica i papabili sarebbero:

    -scola
    -ouellet
    -turkson
    -canizares
    -rouco
    -sandri
    -tauran

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi entra papa in conclave, ne esce cardinale....

      Vince-68

      Elimina
  20. Se il nostro Papa si dimette è sicuramente per il bene della Chiesa.
    In questo link potete vedere il nostro Papa donare il suo pallio a San Celestino V ,altro Papa dimissionario per il bene della nostra Chiesa.

    http://www.youtube.com/watch?v=s6TuulpYwrA

    RispondiElimina
  21. Beh ora potete chiudere questo blog. La vostra era è finita. Si torna ad una Chiesa normale. Bye bye

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah, Caro anonimo, se il Santo Padre ha deciso di abdicare sarà stato ispirato dallo Spirito Santo. Puoi starne certo. Aspetta a conoscere il nome del prossimo Sommo Pontefice, allora potrai capire quale era è veramente finita.Il Papa sa quello che fa. Tu no.

      Elimina
    2. Wow! che simpaticone! E pure anonimo!

      Elimina
    3. Nessuno ha mai chiesto a voi neocat di postare.Non rimpiangeremo certo la vostra mancanza

      Elimina
    4. Se non ricordo male dicevi le stesse cose dopo la morte di Giovanni Paolo II.
      Tra l'altro ora come all'ora davi del neocatecumenale a tutti. Secondo me te li sogni anche di notte.
      Piu' che a preoccuparti del futuro papa ti dovresti preoccupare del tuo stato di salute mentale.

      Elimina
    5. Si è vero una Chiesa normale...a Econe.

      Elimina
    6. Se sott'intendi col "si torna alla chiesa normale" che la Chiesa sotto la guida di Benedetto XVI fosse anormale, indi non fosse l'autentica vera chiesa di Cristo,e che i suoi atti, come l'aver chiarito che la Messa del Beato Giovanni XXIII non è mai stata abolita e/o vietata, sono invalidi ed erronei, ti informo che sostiene un'eresia detta "sedevacantista", che, caso t'interessi, non è contemplata neppure dai documenti del Concilio Vaticano II. Indi, una chiesa "Normale", cioè una, santa, cattolica apostolica romana fedele all'insegnamento di Cristo è la stessa identica che abbiamo avuto fino ad adesso da 2000 anni circa a questa parte e che continueremo ad avere fino Alla fine dei tempi
      P.S.: inoltre, non potendo un Papa annullare gli atti dei suoi predecessori, la Messa in Latino c'è e te la tieni (tiè), indi il blog ha ancora senso di esistere

      Elimina
  22. Basta che non sia un massone con figli a carico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più facile che li abbia scaricati.

      Elimina
  23. Quanto al "la vostra era è finita", vorrei suggerire un posto nel quale chi ha scritto il commento potrebbe recarsi nell'attesa della Chiesa normale. A buon intenditor...

    RispondiElimina
  24. MARIA ora pro nobis

    RispondiElimina
  25. La coerenza e l'amore per la Chiesa hanno sempre contraddistinto il Card. Ratzinger. Ben sa come funziona quando un papa non é piú in grado di esercitare il munus con forza, determinazione e indipendenza e già aveva espresso la sua opinione con Giovanni Paolo II. Ora dunque il bene della Chiesa. Preghiamo lo Spirito Santo per questo e ringraziamo Dio per avercelo donato. Al di là delle nostre idee o posizioni, credo sia il momento di guardare con umiltà a Pietro ed al suo successore cercando di realizzare davvero quell'"ut unum sint" pregato da Cristo. Con rispetto per tutti. Davide

    RispondiElimina
  26. Preghiamo, ma se Satanasso vincesse una battaglia in conclave teniamo pronte le valigie ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le valigie falle tu! C'è una sola Chiesa, quella di Roma, io voglio stare in quella. Che mi piaccia il prossimo Papa o no.

      Elimina
    2. Certo che se la Chiesa ufficiale non fosse più realmente cattolica sarebbero ampiamente giustificati i non praticanti

      Elimina
    3. Cristo non ha mai parlato di Roma

      Elimina
  27. Ho letto da qualche parte che anche le viscere contengono neuroni.
    Ora capisco perche' e' possibile partorire idee di . . . .
    Datevi un contegno perche' state esagerando.

    RispondiElimina
  28. E questo è niente. Su Fides et Forma si paragona addirittura il Papa a Schettino, con tanto di accenno a quanto dettogli dalla capitaneria. veramente un grande amore per il pontefice. E poi scomodate quei poveracci dei neocatecumenali.

    RispondiElimina
  29. in verità pensavo che Fides et Forma fosse sedevacantista. Almeno questa è l'impressione che ho avuto leggendo certi articoli. Adesso scopro che si dospiacciono per le dimissioni. ma..... è un po strano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lacrime di coccodrillo anonimo 16:16
      In realta' aspettano il prossimo per picchiare ancora piu' duro.
      Il momento peggiore sara' dalle 20:00 del 28 febbraio in poi, fino alla fumata bianca.
      Da come commentano si capisce che questi sono cresciuti negli stadi, mica in parrocchia.
      Questi aspettano il derby per picchiare piu' forte della volta precedente.
      Al peggio non c' e' mai fine.

      Elimina
  30. E' l'apocalisse! Signore, salvaci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo veramente vicini alla fine. Oremus!

      Elimina
  31. In prossimo Papa dovrebbe essere Il Cardinale Albino Luciani; purtroppo se ne è già andato in Cielo, purtroppo!!
    Non so se lo ha chiamato Nostro Signore oppure se ci è andato un po' "spintaneamente"!!!

    RispondiElimina
  32. Ho letto or ora il commento "incriminato" su Fides et Forma : la frase su Schettino era fuoriluogo, ma era neppure 1/6 di un ragionamento che nel suo iniziale svilupparsi ha una razionalità innegabile. E' ovvio che davanti al futuro c'è delusione da parte dei fedeli della Tradizione che si sentono orfani.

    In quanto al fumo di Satana penetrato nella Chiesa vi ricordo che ne parlò un Papa stesso e quindi si può temere che cerchi di agire anche durante il conclave.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un tradizionalista che si esprime come ti esprimi tu. Lascia interdetti.
      Non si capisce per conto di chi parli.
      I tradizionalisti che conosco io sono contenti che questo papa si sia tolto di mezzo. Solo la venuta di nostro Signore li potra' mettere a tacere.
      Del fumo di satana ne parlo', manco a farlo apposta, quel Paolo VI che e' ritenuto il non plus ultra della massoneria ecclesiastica.
      Ma di cosa stai parlando? Anonimo16:27
      Di quale delusione da parte degli orfani fedeli della tradizione stai parlando?
      Voglio sperare nella tua buonafede. Altrimenti direi che provieni da un 'altro pianeta

      Elimina
  33. Non posso pensare ad un altro papa che regna, mentre Joseph Ratzinger conta la margherite nella sua baita di montagna. Non riesco, non ce la faccioooooo!!! Praecentor

    RispondiElimina
  34. La frase su Schettino non è semplicemente fuori luogo, è sommamente mancante di rispetto nei confronti del nostro Papa.

    RispondiElimina
  35. Romeo aveva profetizzato la morte lo scorso anno, oggi si dimette ...per i massoni la vittoria è la stessa.Vorrei tanto sapere quale candida manina l'ha spinto a firmare quel foglio.
    Ma sia ben hciaro qualunqwue Papa eletto che si allontani dal magistero di Benedetto XVI sarà considerato usurpatore e intruso.
    Il papa avrebbe potuto darci ancora tanto e invece ci lascia, rispetto la sua decisione ma provo tanto dolore e mi sembra un tradimento.

    RispondiElimina
  36. Che avrebbero dovuto dire i nostri contadini e pastori che vivevano una vita di stenti in campagna...
    Il Papa non doveva far nulla poteva stare in camera senza più comparire ma avremmo saputo che lui era li e avremmo pregato per lui. Non si rinuncia al papato, non si rinuncia alla paternità, ora capisco perché Dante sconvolto pure lui bollò Celestino con quelle parole...Il Papa ci ha abbandonati...quale dolore!noi non vogliamo un efficiente, volevamo lui, siamo stanchi degli efficienti lombardi!Santità perché, perché ci ripensi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dante con le parole CHE FECE IL GRAN RIFIUTO non si riferiva a Celestino V ma a PILATO. Cristo non abbandona mai la Sua Chiesa. Il Papa ha fatto la sua scelta ispirato dallo Spirito Santo. Quando avremo il nuovo Papa (magari Scola.....)capiremo. Ne sono sicuro.

      Elimina
    2. francesco caro ,ma l'hai visto come stava oggi fisicamente il papa ?? occhi perduti nel vuoto ,una magrezza inquietante .... non ci vuole un medico per capire che molto probabilmente ha un cancro allo stato finale , quindi fammi la cortesia di non dire caxxate , ha fatto benissimo a dimettersi ,oppure preferivi lo strazio di GPII che nonn si è dimesso ma nella chiesa non contva piu' nulla a causa della sua terribile malattia

      Elimina
  37. Anche lui eletto dopo il cv2. Anche lui massone modernista. Anche il prossimo papa essendo post concilio vaticano II sara' (ve lo anticipo gia' da ora) un'' altro sporco papa massone modernista. Come tutti i papi prossimi a avvenire.
    A meno che (e qui viene il bello) non si decida di eleggere a Papa un Vescovo o cardinale lefevbriano. Allora, forse, la chiesa torna ad essere la vera chiesa di sempre.
    E proprio scritto cosi' nel libro delle ricette di mons. Lefebvre.
    Basta leggerlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Continua a leggere il libro delle ricette.

      Elimina
    2. Un cardinale lefevriano?
      vorrai dire "vicino ai lefevrani" suppongo. Che mi risulti nessun membro della FSSPX è insignito della porpora. Almeno per ora.
      E comunque, visto come butta negli ultimi tempi anche in quel di Ecône, con il gran fellon che imperversa, meglio tenerci i modernisti di casa nostra, la differenza dopotutto non è molta...

      Elimina
  38. Cade il bastione.

    Il male dilaga.

    RispondiElimina
  39. salve mi chiamo fabio ,vorrei chiedere ma dato che il papa ha dato le dimissioni, dal 1 marzo il motu proprio summorum pontificum decadrà? e coloro che celebrano la messa nella forma extraordinaria potranno farlo oppure no? e se il prossimo papa non sarà ben disposto come benedetto xvi cioè demanderà ai vescovi il permesso per la celebrazione della messa in latino ,come si agirà? vi ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente il summorum pontificum decadrà... come anche la beatificazione di GPII, l'accettazione delle cerimonie neocatecumenali, l'apertura ai paia gay, gli accordi con gli eretici protestanti e molte altre nefandezze.
      Soddisfatto?

      Elimina
  40. Non riesco a capire certi commenti! Sembrano gli apostoli sconfortati dopo la morte di Nostro Signore! Dobbiamo avere FEDE! Io amo Benedetto XVI e ringrazio Dio per averlo donato alla Chiesa. Ora il vicario di Cristo ha annunciato, guidato dallo Spirito Santo per il bene della Chiesa, di non poter più governare la barca di San Pietro.

    Ora dobbiamo pregare per l'elezione del nuovo Pontefice.

    "Perché i miei pensieri non sono i vostri pensieri,
    le vostre vie non sono le mie vie - oracolo del Signore.
    Quanto il cielo sovrasta la terra,
    tanto le mie vie sovrastano le vostre vie,
    i miei pensieri sovrastano i vostri pensieri".

    Sursum corda - Habemus ad Dominum

    Vergine Maria, Madre del Cristo e Madre nostra, accogli le nostre umili preghiere.

    RispondiElimina
  41. Speriamo arrivi un Papa progressista che elimini nefandezze come il Motu proprio e dia una bella registrata ad esaltati come quelli che gestiscono questo sito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli "esaltati come quelli che gestiscono questo sito" si chiamano cattolici. Non so in cosa credi tu. Cmq mi dispiace per te. Non sarà eletto nessun Papa progressista (è una contradizione in termini).

      Elimina
    2. Siamo messi proprio bene!!!
      E menomale che non e' morto ma ha dato semplici dimissioni.
      Ci sarebbe da dimissionare voi progressisti modernisti quanto voi tradizionalisti lefebvriani.
      Questo dovrebbe fare questo Papa. DIMISSIONARVI.
      Perche' la Chiesa e' stanca vostra spocchiosita', dei vostri distinguo, della vostra malafede.

      Elimina
    3. Per l'anonimo delle 17:23: conccordo con lei e aggiungo anche che lei è un pirla.

      Elimina
    4. Anonimo delle 17,23, se le pesa essere cattolico, può anche farsi buddista, non glielo impedisce nessuno, ma non auguri il male al prossimo.

      Elimina
  42. Un vescovo vestito di bianco (non si dice semplicemente "il Papa".....) cammina tra i cadaveri, tra le rovine della Chiesa, e cade "come" morto, trafitto da frecce..... la cosa non mi lascia tranquillo, troppe coincidenze.... i motivi di salute e anzianità non reggono: non avrebbe "inventato" l'anno della Fede se avesse avuto in animo di abdicare a metà dello stesso anno, e se anche gli avessero scoperto in questi giorni una grave malattia, a che pro rinunciare? Avrebbe potuto attendere con serenità la morte, come i suoi Predecessori..... C'è altro in ballo, secondo me...

    RispondiElimina
  43. Sì, ricordo, anche il padre di un mio amico una volta si sentì molto stanco. Passavano i mesi e lui si sentiva veramente esausto, sempre più sfinito. Così un giorno disse a un gruppetto di amici: basta, non ce la faccio più, mi dimetto! a partire da mercoledì prossimo non sono più padre. Il mio amico continuò a volergli bene, sia chiaro, e seppe farsene una ragione, anche se i conti non gli tornavano molto...

    RispondiElimina
  44. Caro Anonimo 17.22 Dante si riferiva proprio a Celestino V nel colui che per viltade fece il gran rifiuto, così come confermato dall'interpretazione autentica di Pietro di Dante figlio dell'Alighieri e dal Boccaccio grande interprete della Divina Commedia.
    Come si fa a rinunciare alla paternità? Rispetto comunque la sua decisione presa per dei motivi a noi ignoti. Il dolore rimane il Pap potrebbe comunque sceglerelui il successore o personalmente senza conclave o guidando il conclave.Lo Spirito Santo non abbandonerà la Chiesa.

    RispondiElimina
  45. Forse non avete ben chiara una questione e mi riferisco sia ai Cattolici che alla feccia che si definisce tale ma che non lo è, come questo anonimo delle 17.23. Non avete compreso come questi siano davvero i tempi che precedono l'Apostasia.. la massoneria ecclesiastica ha lavorato sodo e ci gioco quello che volete che questo papa è stato minacciato in chissà quale modo per farlo dimettere.. Il prossimo papa sarà molto probabilmente una delle eminenze grigie infiltrate e ne vedremo delle belle con decreti ex cathedra che magari daranno il via a tutto ciò che la Chiesa ha sempre condannato. Prendete atto che esiste la possibilità che ci troviamo in piena Apostasia, con un pontefice legittimo, Benedetto XVI, e un possibile anti-papa.

    RispondiElimina
  46. Sette anni d'inferno per il Santo Padre in quel covo di corvi e cornacchie, ...è un miracolo che non abbia fatto la fine di Giovanni Paolo I ...ma l'hanno costretto a dimettersi!La Gran Loggia ha raggiunto l'intento...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravissimo ,in quel covo si serpenti deve ringraziare di non essere morto nel sonno , quando vedi che i cardinali passano il loro tempo litigando per spartirsi le nomine , uno sopporta per un po' ma alla fine giustamente li manda all'inferno

      Elimina
  47. Mi viene in mente il famoso 'pregate affinché io non fugga davanti ai lupi'. Dovremmo prendere in considerazione che B-XVI non abbia retto e sia fuggito? Allora, da tempo noto molta stanchezza nel Papa. A dire il vero, sin dal 2005, scorgevo un senso di spaesamento, di insofferenza per la carica che s'apprestava a dirigere. Poi, quei continui riferimenti al martirio, al sangue. E' innegabile che Joseph Ratzinger non volesse diventare Papa, ma quando è accaduto ha fatto il possibile per guidare nel senso giusto la Chiesa di Roma, l'unica vera Chiesa di Cristo. Oserei dire che chiedesse aiuto ai fedeli per procedere nella sua missione, missione che, probabilmente, si è rivelata più ostica di quanto si potesse immaginare. Non certo a causa sua. Neanch'io credo alle banalità tipo l'età, la sofferenza per una salute precaria. C'è dell'altro. Cosa sia quest'altro non lo so, non lo affermo; dico solo che riguarda la Chiesa e i suoi pastori e che comprende problematiche e segreti molto, molto pesanti.

    RispondiElimina
  48. E' il primo commento sensato che leggo.

    Nel merito posso solo osservare che questo papa (o ex papa, come lo dobbiamo chiamare?) non ha mai nascosto la sua indolenza per una elezione non voluta. Questo ultimo cedimento l'ha miseramente confermato. Nell'anno della fede appena proclamato ! Un tempismo che pare avverare il fatto che viviamo il momento di massimo scatenamento del principe delle tenebre. Speriamo che taccia per sempre e non si sogni di interloquire o pubblicare ancora.

    Che lo Spirito Santo e la Madonna vogliano dare alla Chiesa un pastore degno di questo nome.

    RispondiElimina
  49. Tra i papabili cominciano a circolare nomi non convenzionali secondo Rodari ci sarebbero in ascesa O'Malley ed Erdo, che ne pensate?

    RispondiElimina
  50. E poi dicono che le profezie di Fatima sono concluse, siamo nel pieno della lotta, ma il Cuore Immacolato trionferà.

    RispondiElimina
  51. Se fanno papa a Bertone io mi faccio sedevacantista!

    RispondiElimina
  52. preghiamo il Signore che non diventi papa un curiale ( Bagnasco,Bertone) senno' la Chiesa è bella che finita

    RispondiElimina
  53. Chi parla di "tradimento" (o di "Schettino", o di "debolezza del Papa", o di "fumo di Satana") secondo me sta male, e dovrebbe farsi vedere da uno bravo... Prima di tutto aspettiamo quello che lui dirà, e poi è chiaro che è una questione di energie psico-fisiche, molti fatti gravi - ad esempio la pedofilia - hanno sfiancato Benedetto XVI. Il suo è un gesto bellissimo e sono sicuro che in questi giorni farà in modo che l'apporto del suo pontificato non venga sminuito/vanificato dal suo successore. E non è detto che tale successore non sia ancora più "fermo" su certe materie, quindi non disperiamo. In ogni caso non c'è nulla di cui sorprendersi, sta avvenendo tutto secundum legem, in certi casi è considerato addirittura doveroso lasciare il soglio. Consideriamo poi che Ratzinger è diventato Pontefice all'età in cui morì il suo predecessore, non se l'aspettava neanche di diventare Papa, e ha sempre avvertito che non sapeva se ce l'avrebbe fatta da un punto di vista fisico.

    RispondiElimina
  54. Sono d'accordo con Dziwisz, "dalla croce non si scende".
    L'esempio del Padre di famiglia che affronta le difficoltà fino alla morte per salvare i figli senza segni di debolezza, dove finisce?
    La forza spirituale non può prevalere su quella umana e materiale, altrimenti che esempio diamo?
    Sono deluso, a meno che non sia uno getttare la spugna contro le serpi progressiste.

    RispondiElimina
  55. Figliolo,ma che ti fumi il fumo di satana?

    RispondiElimina
  56. Vi siete accorti che nelle varie rievocazione di questi setti anni di pontifato quasi nessuno ricordi e commenti il motu proprio "SUMMORUM PONTIFICUM" cioé l'atto più importante del Pontefice "uscente"?
    Prevedo un futuro non facile per i tradizionalisti

    RispondiElimina
  57. Quanti commenti inutili, quante chiacchere da bar.
    I cristiani si dovrebbero distinguere dagli altri....
    I fatti
    Il papa si è dimesso.
    Ci sarà un nuovo papa.
    La vita va avanti.
    Preghiamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo e condivido in pieno... "Infatti, in modo imperfetto noi conosciamo e in modo imperfetto profetizziamo. Ma quando verrà ciò che è perfetto, quello che è imperfetto scomparirà. Quand’ero bambino, parlavo da bambino, pensavo da bambino, ragionavo da bambino. Divenuto uomo, ho eliminato ciò che è da bambino.
      Adesso noi vediamo in modo confuso, come in uno specchio; allora invece vedremo faccia a faccia. Al presente conosco in modo imperfetto, ma allora conoscerò perfettamente, come anch’io sono conosciuto. Ora dunque rimangono queste tre cose: la fede, la speranza e la carità. Ma la più grande di tutte è la carità!"

      Elimina
    2. La carità un par de scatole, dove stava la carità quando gli azzeccagarbugli del vaticano hanno propinato quel famosissimo preambolo fantasma come capestro politico per snaturare la spx?
      Due pesi e due misure.
      E' facile fare il gay con l'ano degli altri.

      Elimina
  58. Antonio Peschechera da Barletta11 febbraio 2013 20:57

    Era rimasto l'unico punto di riferimento sulla terra, il faro che da lontano si poteva scorgere anche nei marosi più violenti come quando disse che la Santa Messa non era mai stata abrogata. Ci ha gettati tutti nello sconforto, questo suo gesto. Posso capire San Celestino, Ratzinger no! Il veleno che si portava dentro dai tempi del CVII si è manifestato in tutta la sua virulenza. Ed ecco che personaggi come Sodano gli hanno già espresso la "loro solidarietà". Intelligenti pauca.

    RispondiElimina
  59. Quando arrivano i lupi l'impostore abbandona il gregge e fugge, il buon pastore invece da la vita per le sue pecure.
    Non è farina del mio sacco.
    Ratzinger traditore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi sei tu? Il lupo che se lo voleva sbranare e che e' rimasto con un palmo di naso perche il papa e' riuscito a salvarsi?
      Ciao lupo fatti un semolino che e' meglio, se no muori di fame.

      Elimina
    2. Bravo salvo il papa che papa non vuole essere e in malora il gregge.
      Tieniti pure il finto papa, tanto per te Cristo è morto di freddo.

      Elimina
  60. Una delle speranze che il nostro amato Papa ha sempre portato in cuore è il pieno rientro della FSSPX in seno alla Chiesa entro il suo pontificato.
    E ora?
    Preghiamo davvero tanto, è offriamo "fioretti" a Dio.

    Guidotorinese

    RispondiElimina
  61. Ho capito finalmente perché non era sta prevista la visita di Elisabetta II a papa Benedetto XVI in occasione della suo viaggio in Italia. La regina era stata già informata che non avrebbe trovato alcun papa.

    RispondiElimina
  62. Comunque, secondo me, l'atto di Benedetto XVI è davvero nociva per la Chiesa. San Pietro non è andato in pensione. Il Papa non è un burocrate, un impiegato o un atleta che deve essere sempre efficiente fisicamente. Nè deve sottoporsi sempre ad incontri, udienze e viaggi a ritmo estenuante. Il Papa è Papa fino alla fine ed è Papa anche se è gravemente infermo. Prima ci dice che gli anziani non devono essere messi da parte, che posso fare tanto e poi si dimette perché è troppo stanco? Se è stanco, fa di meno e si riposa; i veri cristiani lo ameranno lo stesso o forse di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravo, ora vaglielo a dire che l'esempio conta più di mille parole e che il suo non è stato un buon esempio: i padri non vanno in pensione.
      Ragazzi se non l'avete ancora capito oggi non è il pontificato di Benedetto XVI che va in pensione, è tutto il papato che delegittimato, relativizzato, desacralizzato, laicizzato come fosse una carica civile.
      Quest'atto è solo ciò che è: un meschino tradimento.

      Elimina
    2. Attenti a quello che dite.
      Molti di voi potrebbero rimpiangere questo papa.

      Elimina
  63. Nei tg di oggi si è parlato di papa Ratzinger alla stessa stregua di GP2: dialogo interreligioso, incontri coi giovani, ecc.; il tutto infarcito dalle immagini relative al suo inizio pontificato (cerimoniale Marini 1st), alle visite nelle moscheee, sinagoghe, ecc. Nessuno che ha parlato della Messa in latino o della revoca della scomunica ai lefebvriani o della ricomparsa del fanone, della ferula e del Crocifisso sull'altare... la vedo brutta in conclave.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, dopo averlo duramente attaccato e' arrivato il momento di rimpiangero, miei cari latinisti ipocriti.

      Avra' anche sbagliato, ma sta dando sberle morali a destra e a sinistra. Nessun altro avrebbe potuto fare di meglio.
      Piu' gente lo odia e piu' forte sara' il mio grido.
      Viva il Papa

      Elimina
  64. "Poscia ch'io v'ebbi alcun riconosciuto,
    vidi e conobbi l'ombra di colui
    che fece per viltade il gran rifiuto"

    RispondiElimina
  65. Papa Bonifacio VIII è stato un grande Papa, coraggioso e forte! Mi sembra un commento infelice quello di colui che ha scritto l'articolo.

    RispondiElimina
  66. Importantissimo è rimanere uniti , uniti , uniti fra di noi che seguiamo l'antica Liturgia, perchè certamente il Signore ci chiederà di sopportare delle difficili prove ! http://traditiocatholica.blogspot.it/2013/02/fulmini-sul-vaticano.html

    RispondiElimina
  67. Il papa abdica?
    No si e' rotto le scatole di sopportarvi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato non si fosse dimesso anche GPII.

      Elimina
    2. Placet anonimo delle 23.06!!!

      Elimina
  68. Se il Papa arriva ad alzare bandiera bianca perché non riesce ad arginare la crisi allora, mi spiace dirlo, Lefebvre aveva ragione, le condizioni erano veramente gravi tanto da giustificare le ordinazioni, GPII non arrivò a capirlo forse troppo accecato da se stesso e dalla sua presenza teatrale o per scarso spirito profetico.
    Lefebvre è morto da martire, Ratzinger morirà da fifone.
    Alla fine anche stavolta il tempo è stato galantuomo.
    Lefebvre è stato, nel secolo scorso, il più grande vescovo di Santa Romana Chiesa dopo S. Pio X (e forse forse neanche di tanto, avrei voluto vedere a parti invertite come finiva).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo ti dispiaccia dirlo. Lo dici con troppo conpiacimento per essere dispiaciuto. Sei solo uno dei danti che parla male dei papi postconciliari. Uno piu' uno meno, non fa molta differenza. Continua ad amare il tuo lefebvre e non dire idiozie.

      Elimina
    2. Continua ad amare il tuoi cari Kiko e Martinez e fai al cosa più giusta:vai a trollare dai tuoi confratelli modernisti.

      Elimina
  69. Santitá ricorda l'evangelico "quo vadis".?

    RispondiElimina
  70. Signori...pregare e non parlare inutilmente...La Madonna ha detto ai veggenti che il suo cuore trionferà...Christus Vincit Christus Regnat Christus Imperat !! Le ragioni della sua abdicazioni non le capiamo, si forse intrighi? Poteri di curia? Che ci importa a noi importano Gesù e Maria .
    CUORE DIVINO DI GESU' IO TI OFFRO PER MEZZO DEL CUORE IMMACOLATO DI MARIA MADRE DELLA CHIESA IN UNIONE AL SACRIFICIO EUCARISTICO LE AZIONI LE GIOIE E LE SOFFERENZE DI QUESTO GIORNO IN RIPARAZIONE DEI PECCATI PER LA SALVEZZA DI TUTTI GLI UOMINI. Maria immacolata nel giorno della tua festa a Lourdes aiuta il nostro Santo Padre a far fronte alle cattiverie che gli diranno dopo la sua abdicazione ....Manda un raggio della tua luce sul nuovo Conclave...intercedi presso il tuo figlio per portare la Chiesa alla salvezza! Ora non ci interessa il rito ...ora serve PREGARE...In nomine Patris et Filio et Spiritui Sancto....

    RispondiElimina
  71. Sono profondamente addolorata! Ci sarà una ragione in più che, per qualche motivo a noi ignoto, è meglio non far conoscere per il bene della Chiesa. Io adesso non capisco la decisione ma, mi auguro di poter farlo in un futuro.

    RispondiElimina
  72. Temo ci siano troppi giudizi avventati.

    Il Papa non fa alcun atto di innovazione o di rottura e agisce in modo perfettamente conforme al diritto canonico esistente.

    Oggi è giornata mondiale del malato e il Papa ha scelto questa ricorrenza per un simile annuncio per affidare se stesso alla Beata Vergine di Lourdes.

    In passato determinate patologie, specie su pazienti anziani, avebbero portato in tempi brevi alla morte mentre, con le terapie attuali, questi tempi possono essere dilatati enormemente

    Credo sinceramente che il Papa abbia voluto evitare alla Chiesa una simile situazione di impaccio.

    Bellissimo, nelle parole del Papa,l'affidamento della Chiesa al suo reale Sommo Pastore, NSGC.

    Anselmo

    RispondiElimina
  73. Benedetto XVI si dimette. La replica di Wojtyla: "Ah, si poteva?". :-)

    RispondiElimina
  74. Mi pare che in questo periodo le parole si sprechino e si inflazionino!!
    Capiamo il gesto.
    Capiamo l'uomo che lo ha fatto!
    Preghiamo per Benedetto XVI!
    Preghiamo per il suo Successore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è nulla da capire. Il prossimo Papa sarà ultra modernista e allora sì che sarà la fine.

      Elimina
  75. ERRORE DI LATINO?
    Forse il mio latino è un po' arrugginito, ma temo che nell'annuncio papale vi sia un grave errore.
    Dice infatti: "Bene conscius sum hoc munus... exsequi debere", che viene tradotto: "Sono bene consapevole che questo ministero... deve essere compiuto". "Essere compiuto" è verbo passivo, ma il latino "exsequi" ha solo la forma, non il significato passivo, essendo deponente. Andava perciò usato un altro verbo transitivo da volgere al passivo, oppure, mutando un poco il significato, trasformare "hoc munus" in complemento oggetto della proposizione infinitiva e aggiungere il soggetto all'accusativo "me". La frase poteva diventare "exsequi me debere".
    Chiedo umilmente se fra i lettori ci sia un latinista che possa verificare questo sospetto.
    In caso affermativo, sarebbe veramente un fatto ridicolo e grottesco, ma soprattutto significativo, che il sommo Pontefice, che avrebbe ripristinato la Messa in latino di San Pio V, da lui mai più celebrata, abbia ripreso l'uso della lingua della Chiesa di Roma, che presiedeva senza conoscerla bene. Che sia un indizio di qualcosa d'altro?

    RispondiElimina
  76. Vorrei segnalare questo video e la notizia correlata che gira sui maggiori social network.
    Si dice che le dimissioni siano state un espediente per il presunto arresto e s'intuisce che la seguente scelta di clausura del Pontefice non sia altro che una copertura per la prigionia.
    http://www.youtube.com/watch?v=DDY-I_YewWA

    RispondiElimina
  77. Michele:
    riprendo quello che ho scritto su "Chiesa e post concilio", aggiungendo qualche riflessione sulla parte finale del Suo messaggio, che lì non ha riportato.

    È vero, è un errore di latino passato inosservato, e non è nemmeno l'unico. Cambiando il soggetto si dovrebbe anche cambiare "suam essentiam" in "ejus essentiam". La cosa migliore sarebbe sostituire "exsequi" con un verbo passivo, come "adimpleri" o "impleri".

    Questo e gli altri però non sono altro che errori, non c'è da costruirci castelli in aria e immaginare chissà quali significati reconditi e subliminali. Mostrano ancora una volta quanto la Chiesa trascuri il latino, e niente più.

    Quanto poi al fatto che il Papa del "Summorum Pontificum" non padroneggi il latino:

    Innanzitutto osservo che alcuni errori che hanno avuto grande risonanza non sono imputabili al Papa, ma senz'altro a chi ha materialmente trascritto il testo per la sua pubblicazione, perché il Papa leggendo la dichiarazione non li ha fatti. Altri errori sono dell'estensore del testo, che non sappiamo bene chi sia, ma probabilmente non è il Papa. L'unico sicuramente del Papa non è stato ancora notato, a quanto ho visto, e non mi interessa renderlo noto.

    Ma il fatto è che il Papa non è chiamato ad essere un latinista. Certo, l'ideale sarebbe se padroneggiasse la lingua della Chiesa. Ma la sua funzione non è quella di un esperto di lingua.

    Il "Summorum Pontificum" incoraggia la liturgia in latino. Nella liturgia il latino si presenta come lingua sacra, in formule fisse, che al limite possono essere pronunziate anche da chi il latino non lo conosce affatto. Molto meglio se lo conosce, certo, e naturalmente è opportuno che il sacerdote sappia comunque che cosa sta dicendo; ma la padronanza della lingua non è strettamente necessaria.

    Quindi non c'è niente né di contraddittorio né di ridicolo, se il Papa promuove il latino e poi lui per primo non si rivela un impeccabile latinista. Carlo Magno promosse una fondamentale riforma dell'insegnamento del latino, lingua della sua amministrazione, eppure pare che da parte sua fosse perfino analfabeta.

    RispondiElimina
  78. Già due anni dal "fulmine a ciel sereno” come disse il Card. Sodano.
    Quanto mi manca il Suo magistero e la Sua profondità teologica! E la Sua educazione e cultura!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.