venerdì 1 febbraio 2013

Ecco i buoni frutti della vera preghiera per l'unità dei Cristiani: una ragazza abiura al luteranesimo e si converte alla fede cattolica. Grazie alla F.S.S.P.X. Foto del rito

Avevamo detto tempo fa (qui) che il senso vero della preghiera per l'unità dei Cristiani è quello di invocare con fede la conversione degli eretici e il ritorno degli scismatici in seno a Santa Madre Chiesa. (e non di ritrovarsi tutti insieme appasionatamente a recitare melense orazioni politicalmente corrette, per volersi bene, ma senza concludere nulla).
Ecco che la F.S.S.P.X ci dà l'ottima opportunità di esemplificare degnamente quanto avevamo auspicato.
Un caloroso augurio alla nostra nuova sorella in Cristo, e grazie a Daniele T. per averci comunicato la lieta notizia.
Roberto

* *
Domenica 13 gennaio 2012, nella cappella della Fraternità san Pio X ad Albano Laziale, Julia Maddalena H. ha abiurato l’eresia luterana ed è entrata nella Chiesa Cattolica ricevendo l’assoluzione al foro esterno da eventuali censure, il S. Battesimo ed il sacramento di Penitenza sotto condizione, prima di accostarsi alla S. Comunione.
Le conversioni manifestano come tramite la Chiesa, malgrado la crisi attuale, la grazia è ancora concessa alle anime di buona volontà, nonostante l’errore comunemente diffuso secondo cui tutte le religione avrebbero in se valori di salvezza (1).
Questo evento cade provvidenzialmente nella settimana consacrata all'unità dei cristiani e ci ricorda in che senso la Chiesa l'aveva istituita: pregare al fine di ottenere il ritorno degli erranti all'unico vero gregge di Cristo che è la Chiesa cattolica. Non certo per ritrovare un’ unità che la Chiesa non ha mai perso, poiché è una delle sue note costitutive, ma che hanno smarrito coloro che sono usciti dal suo seno.
Nella confusione attuale, alimentata dallo scambio di cattedre per la predicazione fra pastori protestanti e parroci, la Chiesa, nel suo rito tradizionale ci ricorda come sia importante abiurare l'errore per entrar a far parte dell'unica vera Chiesa di Cristo che é la Chiesa cattolica, al di fuori della quale non vi è salvezza (2).
Preghiamo particolarmente in questo periodo per le persone che sono nelle tenebre dell’eresia, perché possano seguire i movimenti interiori della grazia e giungere alla vera Chiesa, e chiediamo a Dio che la Chiesa possa rigettare gli errori che tendono a paralizzarne la forza missionaria, così da poter comunicare sempre di più la grazia di cui è depositaria, per la salvezza delle anime.
--------------

1 Cfr. Unitatis redintegratio n° 3, Nostra aetate n° 2

2 Innocenzo III 18-12-1208: “Noi crediamo di cuore e professiamo con la bocca una sola chiesa, non quella degli eretici, ma la santa Chiesa romana cattolica e apostolica, fuori dalla quale noi crediamo che nessuno si salvi”. Dz 792



alle porte della chiesa

segno di croce della madrina


abiura al luteranesimo

recita del miserere

assoluzione al foro esterno

Battesimo

S. Cresima

prima Comunione

154 commenti:

  1. purtroppo l'ecumenismo attuale non favorisce più questo. La conversione e il rientro nella Chiesa Romana di eretici e separati non è lo scopo dell'attuale ecumenismo, né di Benedetto XVI. Per vedere cose del genere occorre guardare verso la fsspx.

    RispondiElimina
  2. Sì ma FSSPX non è di fatto in piena comunione con Roma...pare che non arrivino mai sti accordi :(

    RispondiElimina
  3. Ma di quale Chiesa è entrata a far parte quella ragazza ?
    Della Chiesa Cattolica Apostolica e Romana ? Oppure di un gruppo che non vuole sottoporsi alla disciplina canonica e all'obbedienza del Romano Pontefice ?
    Senza la vera unità con Roma commento iniziale può e deve essere applicato "ad hoc" : ritrovarsi tutti insieme appasionatamente per volersi bene, ma senza concludere nulla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "ritrovarsi tutti insieme appasionatamente per volersi bene, ma senza concludere nulla" hai capito qual'é l'unico tipo di ecumenismo oggi ammesso da Roma...

      Elimina
    2. Allora che ci provino quelle "in perfetta comunione con Roma" a fare quello che hanno fatto i sacerdoti della FSSPX.
      Labronicus

      Elimina
  4. non sono possibili accordi allo stato attuale. Questo è un esempio calzante per capire come Roma e fsspx siano su due direzioni diametralmente opposte... solo che come disse qualcuno, la prima si basa su una dottrina nuova inventata cinquant'anni fa circa, l'altra fa riferimento a 20 secoli di storia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccesso di zelo? O di presunzione?
      Rimane il fatto che rifiuti l'idea che al di fuori della Chiesa Cattolica non vi e' salvezza.
      Se permetti la Chiesa e' UNA e metterla in discussione e' gia' peccato. Non esiste un prima e dopo. Questa e' una forzatura fatta da parte di qualche purista. La chiesa e' il corpo mistico di Cristo che e', e' stato e sempre esistera'. Ab eterno. Altre affermazioni mi sembrano fuorvianti.

      Elimina
    2. la distinzione tra prima e dopo (o meglio l'espressione "Chiesa del Concilio") è la citazione di una lettera di mons. Benelli indirizzata a mons. Lefebvre... Che la Chiesa sia UNA e non abbia mai perso questa nota caratteristica è chiaro, l'unico probelma è che il magistero è stato infettato dal modernismo. Era quello che prevedeva san Pio X!

      Elimina
    3. Allora combatti il modernismo e lascia stare il concilio. Se qualcuno ha manipolato il concilio a suo piacimento, se qualche uomo di chiesa ha male interpretato combatti l'abuso. Lascia stare il concilio e i suoi papi, altrimenti tu non combatti contro l'uomo, combatti contro la Chiesa. Non ci sono mezze misure. I Santi si sono battuti per essa, altri hanno formato altre chiese. La storia della chiesa parla chiaro in questo senso. Tanti, molti Santi avrebbero potuto creare nuove chiese mettendo in discussione papi concili ecc. Ma nessuno, ne Francesco ne Domenico lo hanno minimamente neanche pensato. Altri lo hanno fatto, lutero i valdesi, gli anglicani. Se c'e' qualcuno che ragiona alla stessa stregua di questi ultimi si accomodino. Non sono certo i primi ne saranno gli ultimi. Assumetevi le vostre responsabilita'. Anche lutero era convinto di fare bene e assicurava tutti che lui era l'unico tradizionalista dell'epoca. Abbiamo visto tutti le conseguenze.
      Combattiamo gli abusi non la chiesa.

      Elimina
    4. Modernismo e CVII sono una sola cosa, cari conservator cortesi... il vostro conciliabolo e i suoi Congar, Ranher, De Lubac, Alfrink, Siunens, Hank Kung tanto amati dai vostri papi conciliari sono una rottura insanabile con la Tradizione della Chiesa. Quella "militante".

      Elimina
    5. se la "tradizione" della Chiesa è quella in continuità con i roghi per gli eretici (esseri umani) e delle streghe (fu una Chiesa primitiva e superstiziosa a credere a quelle cose), in continuità con una affermazione della (presunta) verità fatta con la violenza (bel Vangelo!), allora ben venga la rottura... l'aggettivo "militante" fa paura e fate paura voi che lo rivendicate.

      Elimina
    6. ma che dici anonimo 00:35, si parla di Tradizione teologica, liturgica, ecc... non di roghi o simili, che vanno valutati non con disprezzo ma tenendo conto del contesto storico in cui essi avvenivano e della ratio che ha spinto la chiesa a ricorrere a questi mezzi. Almeno qua, su un blog sedicente cattolico, lasciamo perdere i soliti luoghi comuni (più appropriati ad un anticlericale) e rimaniamo su un livello più serio. "Militante" fa paura? pensi che anche san Paolo parla di "buona battaglia"!

      Elimina
    7. Si la rottura con Cristo e la verita' per il demonio e l'eresia. I due emblemi della "nuova Chiesa" conciliare.

      Elimina
    8. Questo promemoria e' per te e per quelli come te caro WILLY
      Chi rompe con la chiesa, rompe anche con Cristo.
      Mandare all'inferno gli altri non ti salvera' anzi peggiorera' la tua situazione. Perche' gli altri non sono quello che tu dici.
      Mio caro mistificatore da strapazzo

      Elimina
  5. Una domanda da inesperto: ho sentito dire che il Battesimo amministrato dai protestanti e' ritenuto valido dalla Chiesa cattolica. Perche' dunque questa ragazza ha ricevuto il Battesimo cattolico?
    Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prima del concilio la Chiesa, nella sua grande sapienza, riteneva prudente battezzare costoro "sotto condizione", ossia era lecito dubitare che chi avesse amministrato il battesimo non l'avesse fatto con la fede e l'intenzione giusta... Oggi questo sarebbe uno scandalo

      Elimina
    2. Per Anonimo delle 11:24 Perchè la FSSPX si ritiene teologicamente e anche gerarchicamente superiore al magistero cattolico che ha sempre ritenuto valido il battesimo dei luterani.
      Ma per ai "primi della classe" tutto è concesso anche di comparire su un sito che dice di stare "una cum papa nostro" vedere accanto l'immagine...
      Ma tatto chic fra un conformismo e l'altro mettere la notiziola di un gruppo "indipendente" ...
      Due passi avanti ,uno indietro ... Due "politicamente" corretti e uno tanto per non dimenticare quei discoli dei lefebvriani .

      Elimina
    3. la prassi in tutto l'orbe cattolico è sempre stata di battezzare sotto condizione i convertiti dal protestantesimo (mai sentito parlare di un certo Wilde, tanto per fare un esempio?), tranne eccezioni rarissime. Non l'hanno certa inventata i lefebvriani, ma l'ha stabilita il Sant'Uffizio in diversi decreti. Informati. Informati. Informati. Studia. Studia. Studia.

      Elimina
    4. Per anonimo delle 15,20 : certamente ! Studiando ho appreso che il battesimo dei luterani è ritenuto valido dalla chiesa cattolica.
      Ma per i "primi della classe" no
      Informati. Informati. Informati. Studia. Studia. Studia.

      Elimina
    5. non conosci i decreti del Sant'Uffizio che ordinano di seguire tale prassi, che io ti ho citato (quello del 1859 e quello pubblicato dopo l'ultima guerra, che danno anche le formule di abiura). Non conosci i precedenti, e io te ne ho citato uno illustre (Wilde). Benson (sai chi era?) nella sua autobiografia si ritiene un caso particolare perché con lui non si procedette al battesimo sub conditione, visto che era stato battezzato da suo padre, "vescovo" anglicano e che si sapeva che aveva seguito correttamente le formula. Il battesimo dei protestanti infatti, seppur speculativamente in genere valido, in pratica viene sempre considerato dubbio fino a prova contraria, per le diverse interpretazioni e pratiche soggettive del mondo protestante. Così per via del dubbio vi è ordine e prassi di battezzare sub conditione. In Gran Bretagna vi era un indulto specifico per "ribattezzare" usando solo forma e materia, senza obbligo di ripetere tutte le cerimonie del Battesimo degli adulti. Ma tu che ne sai?

      Elimina
  6. Felice di leggere la notizia di Roberto su questo blog.
    Ancora piu' felice leggere
    "per entrar a far parte dell'unica vera Chiesa di Cristo che e' la Chiesa cattolica, AL DI FUORI DELLA QUALE NON VI E' SALVEZZA (Innocenzio III un grande papa)
    Questa citazione e' chiarificatrice. Chi ha orecchi per intendere intenda.
    Il Borbone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chiarificatrice ma non più valida, se si vuol essere coerenti col Magistero odierno, se invece si vuol fare della Chiesa un supermarket dove ognuno si prende quel che più gli fa comodo, a seconda dei propri gusti, allora è un altro discorso. L'ecumenismo del "ritorno" è superato dal Magistero attuale, Mortalium animos è stata rimpiazzata da Unitatis Redintegratio, Ut unum sint, etc... Penso che il Santo Padre ce ne stia dando la coerente dimostrazione.

      Elimina
    2. Credo che la patente di validita' non abbia scadenze. Chiarificatrice per quelli che tendono a interpretare male, si. Per questi e' assolutamente necessario.

      Elimina
    3. anonimo 17:52 questo è negare l'evidenza

      Elimina
    4. Anche se ammettessi che hai ragione sarebbero comunque punti di vista. La questione per me va chiarita ma il magistero e' sempre salvo.

      Elimina
    5. il magistero è sempre lo stesso, ma inficiato dal modernismo

      Elimina
    6. E' una tua insinuazione.
      Io combatto il modernismo non la chiesa che non mi sembra inficiata. Semmai, te lo ripeto, lo sono alcuni uomini di chiesa, che io combatto.

      Elimina
    7. e gli uomini di chiesa, che per potrebbero a questo punto essere anche cardinali, prefetti di dicasteri, prelati della curia, non partecipano al magistero?

      Elimina
    8. Se rappresentanti di "abuso" vanno combattuti.
      Non si butta giu' un palazzo per colpa di una finestra.

      Elimina
    9. Ma quale abuso?!?! Ad esempio tenere la chiesa come fosse un capannone di per sé non è un abuso, ma è imposto dal documento della CEI del 96. Tu, che presumo essere a favore della tradizione se scrivi qua, puoi dire che un prete sbaglia se non mette le tovaglie negli altari laterali, se toglie il ss.mo dal centro e lo nasconde in una cappella, se piazza un altare quadrato davanti all'altare maggiore lasciato spoglio? No, perché é una disposizione della CEI. Questo è un esempio piccolo, perché ci sono cose molto più gravi, ma chiaro per rendere l'idea della questione.

      Elimina
    10. Hai detto bene, se scrivo qua e' perche' guardo con benevolenza alla tradizione dei nostri predecessori.
      Infatti non condivido chi toglie il SS.mo e lo nasconde in cappella. Devo comunque dire che non e' uno scandalo perche' molte chiese tra il settecento e l'ottocento prevedevano la.Cappella del SS.mo adiacente quasi sempre all'altare maggiore. E spesso, molto spesso per molti parrochi questo rappresenta un assist per proteggere il SS.mo da furti sacrileghi. Delle tovaglie negli altari laterali avrebbe senso se utilizzati come altari. Un tempo si diceva messa anche li. Non mi scandalizza la mancanza di tovaglia. Mi disturba la mancanza di inginocchiatoi per chi volesse usufruirne al momento della comunione. Mi preoccupa l'eliminazione del piattino. Mi mortifica l'accostarsi alla comunione da parte delle donne senza il velo, che tra l'altro molte sedicenti tradizionaliste non curano. Ma da qui a schierarmi contro la Chiesa ce ne vuole. Quello che disturba e' il vostro atteggiamento altezzoso quasi a voler rimarcare che siete meglio degli altri. Non e' vero, siete comr gli altri. Allora combatti gli abusi e sii tolletante nei confronti dei tuoi fratelli, ma non imporre la tua tesi come l'ineccepibile perche' se studi bene la storia ti renderai conto che molte cose in atto oggi erano applicate gia "ieri" comprese le Cappelle del SS.mo.

      Elimina
    11. ecco vedi questa dell'adeguamento delle Chiese era solo un esempio e tu riduci la questione a questo, tra l'altro utilizzando come metro di giudizio il tuo gusto personale. Non sarai il solito cripto tradizionalista che riduce tutto a una veletta o un piattino? Questo tipo di tradizionalismo è proprio inutile. Io non voglio imporre nessuna tesi, faccio delle constatazioni. L'evidenza non va dimostrata o imposta: il problema è nei testi conciliari e nelle riforme che ne sono sacturite, non nelle applicazioni o cattive interpretazioni. Parlare di cattiva interpretazione è una novità molto recente. Nessuno vuol mettersi contro la Chiesa, ma questa è la realtà.

      Elimina
    12. purtroppo per molti sedicenti tradizionalisti basta una pianeta barocca o un rocchetto in chiacchierino per rinunciare a tutto il resto, per tacere su ecumentismo, libertà religiosa, ecclesiologia, baci al corano ecc... tutto viene ridotto a una questione di liturgia, basta vedere un cardinale, magari con una lunga cappamagna, e si è tutti felici. Questo è carnevale, è un tradizionalismo vuoto. E' la politica di questi anni nella Chiesa: si da qualche zuccherino, un pò a destra e un pò a sinistra, per accontentare tutti e si demonizza la fsspx, senza nemmeno tentare di capire quel'è la vera posizione e il senso delle sue "battaglie"... E questo si riflette anche nel modo di vivere la fede: i vari istituti Ecclesia Dei sono di fatto delle piccole sette elitarie a cui è concessa la liturgia antica ma non possono dire nient'altro, e a loro sta bene così, impeccabili nella liturgia, ma non c'è altro. La fsspx hail coraggio di dire quel che è cambiato, quel che non va, ha un'apertura reale alla chiesa universale, alla missione verso tutti, cioé le sue battaglie non sono per crearsi un piccolo mondo elitario, ma perché tutta la Chiesa possa riflettere e riappropriarsi di quel che è suo... a tal proposito risulta chiara l'ultima omelia di mons. Fellay: "Défendre la foi, garder la foi, mourir dans la foi, voilà l'essentiel ! On a l'impression que les autorités romaines ne nous comprennent pas, parce qu'elles n'ont pas compris que, pour garder cette foi catholique, nous sommes prêts à tout perdre. Nous ne voulons absolument pas lâcher la foi. Or malheureusement c'est un fait que l'on constate tous les jours, avec le Concile, par le Concile, et dans le Concile, ont été introduits des poisons qui sont dommageables à la foi, qui conduisent les âmes dans l'erreur, qui ne les défendent plus, qui ne les protègent plus dans leur foi. Nous dénonçons cela, et c'est pour cela qu'on nous condamne. Encore aujourd'hui, la condition que l'on veut nous imposer pour nous reconnaître le titre de catholique, c'est d'accepter ces choses-là qui justement démolissent la foi. Mais nous ne pouvons pas, c'est tout, c'est simple. En aucun cas, nous ne sommes d'accord pour diminuer ce qui est absolument essentiel pour aller au Ciel, la foi, avec toutes ses conséquences. C’est pourquoi ce combat est nécessaire, un combat de tous les jours"... basta con le bagatelles!

      Elimina
    13. Sai il concilio e' abbastanza recente, io ero ragazzino e gia' si parlava in parrocchia di preti modernisti e delle loro cattive interpretazioni, tante' che di denunce ai vescovi di messe beat al ritmo di rok ne erano piene le scrivanie. Poi come tutte le mode questa vena si e' affievolita. Ma ha avuto ragione la chiesa a pazientare e a dare indicazioni sia pure soft per far rientrare nella quasi normalita' delle cose. A quell'epoca il rischio di tante scissioni erano reali. E che ci sarebbero sicuramente stati questi scismi lo dimostra il fatto che gia' molto prima del concilio, c'era una vena polemica all'interno della chiesa don Milani, don Facibeni, hanno semplicemente ammortizzato questa polemica e lhanno resa feconda fino al concilio. Il concilio poi ha gestito la cosa mettendo dei paletti che non tutti hanno considerato.

      Elimina
    14. Anonimo delle 11:08
      Con il copia incolla non si capisce se e' farina del tuo sacco, o del tuo amico che stai dileggiando. Si perche' di momsignor Fallay ho letto l'intervista in italiano sul Blog "non possumus" e se e' rimasto ancora qualcosa vatti a leggere i commenti perche' tu risulteresti un pischello a confronto dei tuoi confratelli, che auspicano quanto prima un suo ridimensionamento della sua figura perche', a loro dire, troppo vicino ai modernisti. Almeno mettetevi daccordo con i vostri cervelli, e che ne venga fuori una linea editoriale quantomeno leggibile, non dico comprensibile perche' sarebbe troppo.

      Elimina
    15. la predica riportata non sembra lasci adito a incomprensioni o compromissioni col modernismo, tant'é vero che nelle frase precedente a quelle riportate monsignore ha detto: "Je dirais même que, devant cette réalité sublime (vivere e difendere la fede, ndr), parler d’accords ou pas avec Rome, est une bagatelle"...

      Elimina
    16. Spiegalo ai tuoi amici. Forse non conoscono il francese?
      Vai a farti in giro sul blog. Vedi se e' rimasto qualcosa e leggiti i commenti. Delle due l'una. O i toui a mici non conoscono il francese oppure tu leggi quello che vorresti leggere.

      Elimina
  7. Due domande sul "Vetus Ordo" da inesperto:
    1) in quali libri liturgici sono contenuti i riti per il passaggio alla Chiesa cattolica da chi proviene da altre confessioni?
    2) i riti cambiano qualora si faccia cattolico un cristiano ortodosso? Infatti mi pare che gli ortodossi mentengono il sacramento dell'ordine e una corretta dottrina eucaristica e cristologica.
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1)nel rituale romano. La formula dell'abiura era data dal sant'Uffizio e poteva cambiare secondo particolari errori da rigettare e le istruzioni dei Vescovi. Anche il Pontificale contiene una formula per riconciliare eretici e scismatici. La prassi di ribatezzare deriva pure dai decreti del Sant'Uffizio che specificano quale sia l'ordine da seguire in queste cerimonie.
      2)per le conversioni dall'ortodossia di solito non c'è il Battesimo sotto condizione

      Elimina
  8. Gli ortodossi non "mantengono" ma "usurpano" i sacramenti della vera Chiesa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basterebbe questa affermazione per passare velocemente a altri siti frequentati da veri cattolici che sanno sentire con la chiesa e con i legittimi pastori.

      Elimina
    2. allora vai velocemente, ciao

      Elimina
  9. Resta il fatto che non è spiegato il perchè di un nuovo Battesimo vista la validità di quello amministrato dalla comunità di appartenenza. La spx fa regole da sè?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la normale regola cattolica: il battesimo sub condicione; se il primo battesimo fu valido, il secondo è inefficace, ma se il primo fu erroneo e invalido, il secondo sana l'errore e subentra validamente.

      Elimina
  10. Non c'è nulla di eccezional: dato che non tutte le sette protestanti hanno mantenuta integra la fede, è lecito dubitare se il battesimo sia stato amministrato nel nome della Trinità. Se così non fosse il sacramento sarebbe invalido. La fsspx ha amministrato il Battesimo "sotto condizione", ossia esso ha effetto qualora il battesimo precedente fosse invalido. E' una sorta di cautela che la Chiesa ha sempre fatto sua. Questo è permesso anche oggi a seconda delle circostanze. Non c'è nulla di scandaloso o arbitrario. Per capire questo non serve studiare la Summa Theologica o chissà quale manuale di dommatica, basta il catechismo!

    RispondiElimina
  11. Proprio questo è l'ecumenismo per cui prego. don A. Bolli

    RispondiElimina
  12. Già visto altri protestanti convertiti (al cattolicesimo) di doversi ribattesarsi. Mi sembra ovvio. I protestanti non hanno successione apostolica, non si sa mai in quali condizioni è avvenuto il battesimo. Secondo me un battesimo cattolico (e dunque, vero) ci vuole eccome! Al poveraccio delle 12:52, sì il discorso è cambiato, ma la Chiesa non ha cambiato il "fuori dalla Chiesa non esiste salvezza". Cambiarlo sarebbe rompere la Tradizione e il Papa ha già detto che questo non è il caso. C'è quella bella storiella da raccontare alle pecorelle sul popolo di Dio, sul battesimo di volontà e bla bla bla. Ciò nonostante, sappiamo bene che FORSE chi è escluso dalla Chiesa di Cristo potrebbe salvarsi a patto di essere in BUONA FEDE (il che nei nostri giorni credo non sia più possibile, visto il volume di informazione che abbiamo a disposizione) e di voler "internamente" salvarsi. Ossia, questa roba non esiste. Il CVII l'ha affermata solo per soddisfare i poveri eretici ma ha sbagliato i toni e tutta la gente ha finito per credere che la salvezza è a portata di mano a tutti senza sforzi, senza penitenza e senza conversione. Si ricordi che è lo stesso Papa a dire giorno sì giorno no che il relativismo è una piaga, che una religione NON vale l'altra ecc. Poi la creazione dell'ordinariato anglicano (e ora forse luterano) la dicono lunga su come la Santa Sede vede la salvezza fuori dalla Chiesa...

    RispondiElimina
  13. Si in effetti è stata valorizza la "tradizione" anglicana, quella del messale di Cranmer ecc.. ma Benedetto XVI ha chiesto hai protestanti di rientrare nella Chiesa? agli ortodossi? No e non lo farà mai. "Il CVII l'ha affermata solo per soddisfare i poveri eretici ma ha sbagliato i toni e tutta la gente ha finito per credere che la salvezza è a portata di mano a tutti senza sforzi, senza penitenza e senza conversione" è un'affermazione senza senso. Intento del concilio era cambiare rotta rispetto al modo di dialogare del passato, misericordia piuttosto che condanna dell'errore, metter insieme quel che ci unisce e non guardare quel che ci divide. Si può dire tutto ciò che si vuole,condannare il relativismo, sbandierare continuità col passato, ecc... ma nei fatti, tra il dire e il fare vi è di mezzo il mare!

    RispondiElimina
  14. In quest'articolo vi è un insulto alla Fraternità San Pio X e alla memoria di mons. Lefebvre. Come si può pensare di inserire una nota di rimando all'Unitatis Redintegratio e alla Nostra Aetatae? Ci vuole proprio coraggio! Ma siate più onesti e aderenti alla realtà, diversamente o giocate sporco o non avete capito la posizione della Fraternità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile Anonimo,

      temo che abbia letto il post senza indossare gli occhiali. Unitatis Redintegratio e Nostra Aetate non sono stati citati da messainlatino.it bensì dalla Fraternità stessa (http://www.sanpiox.it/public/index.php?option=com_content&view=article&id=851:la-grazia-della-conversione&catid=35&Itemid=123) e sono citati proprio per indicare un tipo di ecumenismo fine a se stesso, che non porta alla conversione al Cattolicesimo.

      Spero proprio che lei abbia letto "in obliquo" o sarò costretto a pensare che è affetto da una brutta malattia: lo zelo amaro.

      Elimina
    2. incasso l'osservazione e chiedo venia.E' stata una distrazione mia, data da una lettura veloce.

      Elimina
    3. Si figuri. È solo che spesso gli avversari della fsspx giocano su queste sviste per accusare i fedeli della fraternità di esser carichi di zelo amaro. Da persona che vuole bene alla Chiesa e alla fsspx, mi è parso giusto avvertirla.

      Elimina
  15. Che lo Spirito Santo ricolmi di Grazie codesta giovane che ha il mio nome e quello della mia più stretta collaboratrice.

    RispondiElimina
  16. Speriamo non sia stata attirata dalla violenza, l'ignoranza e la luteranissima volgarità con cui gli econiati attaccano il Papa ogni volta che aprono bocca per la soddisfazione di modernisti e massoni che grazie a loro non corrono pericolo di vedere la tradizione liturgica ritornare in auge a breve termine. A volte si ha la sensazione che Melloni & C. li paghino per spararne una delle loro.

    Di sicuro non si sentirà più "papista" di prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sante e reali parole che faccio mie copiandole :
      " Speriamo non sia stata attirata dalla violenza, l'ignoranza e la luteranissima volgarità con cui gli econiati attaccano il Papa ogni volta che aprono bocca per la soddisfazione di modernisti e massoni che grazie a loro non corrono pericolo di vedere la tradizione liturgica ritornare in auge a breve termine. A volte si ha la sensazione che Melloni & C. li paghino per spararne una delle loro.

      Di sicuro non si sentirà più "papista" di prima. "
      Ubi Petrus ibi Ecclesia

      Elimina
    2. certo se avesse seguito Lumen Gentium sarebbe diventata molto papista eh

      Elimina
    3. avrebbe scoperto che la Chiesa di Cristo sussiste in realtà anche nella sua setta luterana, o perlomeno ha diversi elementa...

      Elimina
  17. Scusate vorrei capirne un po di piu'.
    Leggo
    "Avevamo detto tempo fa che il senso vero della preghiera per l'unita' dei Cristiani e' quello di invocare con fede la conversione degli eretici e il ritorno degli scismatici in seno a Santa Madre Chiesa".
    Ho letto bene?
    Mi sta bene anche il seguito, vale a dire
    "ecco che la FSSPX ci da l'ottima opportunita' di esemplificare degnamente quanto avevamo auspicato"
    Mi sembrano parole comprensibili e lecite.
    Il punto e' se la comunita' FSSPX e' consapevole di quanto sopra descritto perche' a queste parole non sempre corrispondono i fatti da parte di alcuni confratelli?
    Lo dico senza polemica. Per capire.
    Il Borbone

    RispondiElimina
  18. il punto è che il soggetto di: "AVEVAMO DETTO tempo fa che il senso vero della preghiera per l'unita' dei Cristiani e' quello di invocare con fede la conversione degli eretici e il ritorno degli scismatici in seno a Santa Madre Chiesa" non è il magistero della Chiesa post-conciliare, ma la pia illusione di un cripto-tradizionalista che fa finta che il Magistero attuale insegni ancora un ecumenismo "di ritorno" alla Chiesa Cattolica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa ma la seconda postilla, quella di Innocenzo III che dice "Noi crediamo di cuore e professiamo con la bocca una sola chiesa, non quella degli eretici, ma la santa Chiesa Romana cattolica e apostolica, FUORI DALLA QUALE noi crediamo che nessuno si salvi" Dz 792.
      Come la interpreti e di piu' come la giustifichi alla luce di uno scisma che poi fortunatamente e' rientrato anche se e' ancora sotto minaccia?
      Il Borbone

      Elimina
  19. come la interpreto? ma pare che ci sia solo una cosa da rilevare: discontinuità, l'unica "ermeneutica" utilizzabile per un approccio al CVII. Una minaccia?! Se non ci fosse stata la fsspx la messa antica sarebbe solo un bel ricordo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi se il papa non celebra la messa antica non e' messa. Come non e' messa nessuna messa dal postconcilio in poi celebrata sull'intero globo terrestre, ad eccezione di quella celebrata dalla Fsspx? O il papa si adegua o e' fuori? E'questo che affermi?
      Ho appena finito di leggere un commento dell'anonimo delle 20:22 in cui afferma che anche Lutero era convinto di essere l'unico tradizionalista dell'epoca. Potrebbe esserci attinenza con quello che si sostiene tra i tradizionalisti d'oggi giorno. E se no perche'? Cosa c'e' di diverso tra voi e lutero?
      Lo so che puo' sembrare la mia una provocazione, ma non lo e'. Volevo un tuo chiarimento in merito.
      Grazie per l'eventuale risposta spero quantomeno civile.
      Il Borbone

      Elimina
    2. Per anonimo delle 18,13 e ridaglie con sta' storia della messa tridentina ... il Signore si è servito di Mons.Lefebvre per salvare tutto quello che andava salvato. I successori del vescovo hanno cambiato rotta e hanno sporcato anche la memoria del loro fondatore !

      Elimina
    3. Lutero ed altri hanno combattuto il dogma, la fsspx mi pare faccia il contrario... Nessuno poi ha mai parlato di invalidità della nuova Messa, ma che sia un rito nuovo che tenga conto di istanze provenienti da oltrape mi pare evidente... Il problema centrale non è nell'interpretazione ma nei testi stessi del concilio. E' per questo che la fsspx prega per il Papa, è unita al Papa, alla Roma di sempre, con la speranza che qualcosa possa muoversi. Occorre riflettere, studiare, valutare, pregare. In Italia grazie a Dio ci sono dei teologi, come il can. Gherardini ad esempio, che stanno portando la discussione sui veri problemi. Se ancora oggi si continua a parlare di questo concilio alquanto problematico e si insiste ancora sull'ermeneutica dopo 50 anni, evidentemente c'è ancora molto da chiarire.

      Elimina
    4. Sulla personaljta' del Gherardini la questine e' controversa, perche' all'interno della comunita' qualcuno gli attribuisce una posizione ambigua.
      Per quanto riguarda lutero e' vero che ha combattuto il dogma ma nella sostanza lui ha combattuto il concilio cosi come lefevbre con il cv2. Da qui lo sforzo della comunita' a distinguerlo dagli altri concili come pastorale. Quasi a voler sottolineare che noi non siamo come lutero. Ma sempre battaglia contro la chiesa e'. Si getta discredito sulla chiesa per giustificare un pregiudizio. Gli effetti sono simili nella sostanza a quelli provocati da lutero.
      Mi conforta comunque sapere che la comunita'prega per il papa e che e' unita al papa di sempre se intendi fino a benedetto XVI.
      Io ho fatto una battaglia per far capire l'importanza della preghiera per il papa e per la chiesa intera su questo blog. Risultato? Sono stato tacciato di supponenza e di arroganza.
      Mi fa piacere sentirmelo dire da uno della comunita'.
      Se ti va di rispondermi, ti leggo volentieri, altrimenti. . . Che Dio ti benedica.
      Felice di aver comunicato con te in maniera civile.
      Il Borbone

      Elimina
    5. Ma di quale "comunità" parli? I tuoi discorsi sono sempre un pò astrusi, a volte emerge uno stile un pò neocat, comunque il paragone Lutero/fsspx non regge, non siamo ridicoli, sù. Questa è l'ultima trovata di chi non ha voglia di affrontare i problemi e continuare a imporre il concilio come super domma. Sono posizioni anacronistiche ormai, lasciamole al prefetto del Sant'Uffizio...
      Se qualcuno ti ha attaccato è perché forse traspare dal tuo scrivere il volerti mettere un gradino sopra gli altri, e questo - te lo dico in camera caritatis - non è male... La preghiera è importante, ma per dirlo parafrasando l'ecclesiaste, c'è un tempo per pregare e un tempo per discutere, qua si discute! Se non si capisce ciò sarebbe meglio non intervenire in un blog dove recitare un rosario virtuale è impossibile!

      Elimina
    6. Non è però colpa mia se gli altri non sono al mio livello e non colgono i miei consigli
      Il Borbone

      Elimina
    7. Vedo che il mio nik il borbone e' diventato popolare su questo blog.
      E' soprattutto usato in prestito da attivisti tradizionalisti per non esporsi. I tradizionalisti si divertono cosi'. Ritiro il mio nik. Diffidate da chi lo usa. Non mi sono mai sentito migliore di altri, ma del deficente delle 10:28 sicuramente si.
      Sicuro di fare contenti in tanti vi abbandono al vostro destino, che e' gia' segnato.

      Elimina
  20. La questione del battesimo Pero' non e' cosi'. Il battesimo amministrato dalla comunione luterana e' valido e quello che la sspx ha fatto e' un insulto alla passione di Nostro Signore. Cosi' come quando gli ortodossi ribattezzano I cattolici e' vergognoso. Del resto quegli sciocchi non sono nuovi a tali cose: ricordo un prete cattolico che mi raccontava come fosse stato chiamato in ospedale per una unzione e dopo avere fatto tutto mentre andava via, un prete della sspx arrivava, dato che il moribondo aveva parenti stretti della sspx, e chiesto che avesse fatto il detto prete rispose che in ogni caso avrebbe fatto tutto daccapo, cioe' l'unzione.
    Io non so come fate ad approvare quegli sciocchi che si credono meglio di tutti gli altri. non c'e' niente di buono nella sspx, c'e' solo il fanatismo di chi crede di poter fare tutto quello che vuole. Visto che avete citato il fatto che extra ecclesia nulla salus, domando: ma il vescovo lefebvre, il quale mori' scomunicato, dove dovrebbe essere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mettiamo che il battesimo luterano sia valido, senza alcun dubbio a riguardo... jp devi almeno ammettere che è così solo da 50 anni, prima del concilio una affermazione del genere non era pensabile, il battesimo era perlomeno dubbio

      Elimina
    2. questo commento è purtroppo dato dall'ignoranza della prassi (ordinata dalla Santa Sede) di prima del Concilio, prassi della Chiesa Cattolica e non dei lefebvriani, che ripeteva sotto condizione il battesimo dei protestanti convertiti. Se non vi va bene questa prassi, prendetevela con i Papi e il Sant'Uffizio di un tempo che la avevano resa obbligatoria, non con la FSSPX. Se foste inglesi sapreste benissimo che si faceva così (fino al Concilio), ma in Italia non abbiamo abitudine e parliamo a caso

      Elimina
    3. Ora vi siete messi a fare i distinguo PRECONCILIO? date dell'ignorante anche ai preconciliari santificando lefevbre dicendo che non e' colpa sua? Che lui non c'entra?
      Questa e' manipolazione mentale. Peggio di scientologi altro che cristiani.

      Elimina
  21. Chi non è in comunione col Papa non è cattolico. I lefebvriani non sono in piena comunione col Papa, anzi, nonostante gli enormi passi che il nostro amato Santo Padre ha fatto verso di loro (nessuno è stato trattato meglio di così), loro continuano con le loro smanie di protagonismo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la Tradizione la pietra di paragone della Cattolicità. E' lo scrutinio della Tradizione a determinare chi è cattolico e chi non lo è. Esempio: "padre" Enzo Bianchi è cattolico? Riguardo al caso del battesimo, le risposte sono già state date. La validità del primo battesimo può essere dubbia, data la natura eretica del contesto. Giusto quindi il battesimo "sub conditione". Chi mette in discussione il principio che un battesimo luterano sia dubbio, legittima l'eresia luterana.

      Elimina
    2. Sciocchezze! La Chiesa non ha mai legittimato eresie pur riconoscendo come valido il battesimo di eretici nei limiti in cui vengono riconosciuti I principii generali del cristianesimo. Il problema non e' come dicevo lo scrupolo della sspx, il problema e' che loro si credono l' unica vera chiesa e invece portano solo divisione. Io ho letto qualcosa di gherardini e confesso non ho trovato niente di speciale. E' una vergogna che ci siano cattolici che diano ragione a quegli esaltati. Se le aberrazioni postconciliari non hanno nulla di cattolico, neanche la sspx.

      Elimina
    3. tendete sempre a spostare la questione. Non si parla di aberrazioni "postconciliari", ma conciliari. Smettiamola di giocare a fare i tradizionalisti e difendere il concilio. E' un controsenso. Non sono le interpretazioni che hanno cambiato la Chiesa, ma i testi conciliari, il concilio stesso. Ciò che viene indicato oggi come abuso o cattiva interpretazioni, aberrazione postconciliare, per esempio nella prassi liturgica, era/è incoraggiato non solo da preti, ma anche vescovi, cardinali, ecc... Perchè? Su quali basi se non sui testi del concilio che hanno ispirato le riforme? Possibile che per 50 anni di postconcilio il concilio non si fosse compreso? Non diciamo bagatelle! Il concilio si era capito eccome, è stato applicato e ha dilatato la crisi della Chiesa. Anche se, anche qua è bene precisare, quella che per i tradizionalisti è una crisi, per tantissimi altri, in netta maggioranza, è una meravigliosa primavera (ancora oggi!). Va di moda dire che al concilio ci son stati massoni, modernisti, protestanti, ecc... Però non si vuole ammettere il contributo reale che essi hanno dato nella stesura delle costituzioni, decreti e dichiarazioni. Ci vuole molta onestà intellettuale e meno sentimentalismo.

      Elimina
    4. Eccolo la' il lutero de noiartri.
      Il giovane savonarola dei nostri tempi.
      Il torchemada di cui si sentiva la mancanza.
      Tremate conciliari (se ancora ne fosse rimasto in vita qualcuno) e soprattutto pentitevi di essere nati postconciliari da strapazzo. Arriva lui. Il terrore dell'umanita' l'unico unto. La chiesa? Cardinali? Papi? Clero? Tutti massoni modernisti, satanisti. Solo lui e' il purista. Sottomettetevi perche' a breve vi rivelera' che lui e' il nuovo cristo che stavate aspettando. E chi non si sottomeytera' sara' bruciato al rogo per falsita' e stregoneria e comunque qualche altro cavillo si trova.

      Elimina
    5. non hai capito nulla anomino 11:00!

      Elimina
    6. Ho capito che il concilio ha limitato i danni. Questo ho capito. Chi ha dilatato i danni sono le interpretazioni dei singoli, i quali invitati a rivedete le loro posizioni, quando denuncia c'e' stata, hanno fatto orecchie da mercante nella migliore delle ipotesi, nella peggiore hanno occupato le chiese creando ulteriore scandalo e consenso da parte di quei figli dei fiori che si prestavano a tutto pur di dire una parola contro la chiesa. Il concilio ha cercato di smorzare i toni, e chi questo non l'ha voluto capire ancora sbraita a distanza di 50 anni. La crisi della.chiesa non e' con il concilio. E' stato un attacco pianificato molto prima. Le tue supposizioni, senza una chiave di lettura seria del contesto storico non porta a niente. Solo a salvare egoisticamente la propria posizione.

      Elimina
    7. Ecco un altro Savonarola che pappagalescamente la spara contro il concilio...
      Dal concilio in poi sarebbero tutti apostati e eretici ?
      Bella visione ecclesiale !

      Elimina
    8. e tu chi sei, anonimo 12:44, il grillo parlante? Da quelle setta ecclesiale vieni? Neocat?

      Elimina
    9. Per anonimo delle 12:51 : io vengo solo dalla chiesa cattolica, apostolica e romana.
      Tutto qua !
      Altro non conta.
      Altro non aggiungo perchè sono appena ritornato dalla Messa ( tridentina ) celebrata da un santo sacerdote.
      Perchè sono cattolico mi piace ribadire che Ubi Petrus ibi Ecclesia !
      Dimmi dove e perchè sbaglio ...

      Elimina
    10. No tu appartieni alla "nuova Chiesa conciliare" massonica, liberale e modernista dei Bugnini, dei Congar (quello che pisciava sulle mura del Sant'Uffizio), degli Alfrink (quello che umilio' Ottaviani con tanto di applausi), dei Theilad de Chardin, dei Rahner, dei Câmara, dei Segundo, dei Lercaro etc...





      Elimina
    11. Eccolo la il mistificatore dell'ultim'ora.
      Un'altro che quando non ha piu' argomenti da esporre da' del modernista massonico a chi non si omologa al pensiero unico della fsspx.
      Rassegnatevi state per ridiventare eretici per volere dei vostri capi e per scelta vostra.
      Dare del modernista massonico liberale agli altri non cambia la vostra posizione, anzi, la peggiora.
      Spero che silente ti legga cosi' si rendera' conto chi sono i testimonial di questo blog.

      Elimina
    12. Per Willi & similia Mi auguro solo che stiate scherzando, scherzi di carnevale , nel pretendere di consegnare le " pagelle " con i voti sull'ortodossia di fede sul modernismo eresia ecc ecc
      Mi preoccuperei se qualcuno facesse seriamente queste affermazioni sputando sopra la carità e il vangelo di Gesù.
      A carnevale ogni scherzo vale : bello scherzo commentare questo post in modo di danneggiare la già compromessa immagine della fraternità san Pio X .

      Elimina
    13. Chi scrive "Torchemada" non merita nemmeno di essere preso in considerazione!

      Elimina
    14. Pero' tu mi hai preso in considerazione. Che abbia scritto torchemada anziche' TORQUEMADA hai capito di chi stavo parlando. Questo basta.
      E comunque ti ringrazio per l'appunto.

      Elimina
  22. --ma Benedetto XVI ha chiesto hai protestanti di rientrare nella Chiesa? agli ortodossi? No e non lo farà mai--


    Lo fa tutti i giorni, e l'ottiene anche. Solo che non ha scambiato la Chiesa come il suo pollaio.
    Bisognerebbe finirla con questa propaganda pro-fspx. Ormai ha stufato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo fa tutti i giorni? ma quando? ma torna sul pianeta terra

      Elimina
    2. magari in ossequio alla Mortalium animos che è in perfetta continuità con Unitatis Redintegratio, oppure la Mystici corporis, in perfetta continuità con Lumen Gentium...

      Elimina
  23. Scusate, non ho capito una cosa: ma questa donna è entrata nella Fraternità o nella Chiesa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella "fraternità", ergo non si è convertita al Catolicesimo. E' passata da un'eresia all'altra.

      Elimina
    2. Solo la Chiesa può chi definire chi è eretico e chi non lo è, sulla base della dottrina e delle norme canoniche. E mai, mai, mai la Chiesa ha definito eretica la Fraternità. Ne potrebbe farlo, considerata la perfetta ortodossia della FSSPX e l'oggettività delle esistenti norme che definiscono ciò che è eresia. Ma evidentemente qui c'è qualcuno che vuole sostituire l'autorità della Chiesa con la propria "libera interpretazione". Perfettamente protestante, appunto.

      Elimina
    3. Silente, Placet.
      Marco

      Elimina
    4. La scomunica a lefevbre l'hanno inflitta i marziani, e aspetta qualche altro giorno che non ci sara' bisogno di altre scomuniche, perche' la tua amata fsspx si autoscomunichera'.
      A silente. Ci sei? O ci fai? Insieme al tuo placet Marco?

      Elimina
    5. Caro modernista,si da il caso che la scomunica alla FSSPX è stata revocata da un pezzo.
      Se ci sono persone che si devono aggiornarsi siete voi con i vostri cari Enzo Bianchi,Martinez,Kiko,Ravasi,....

      Elimina
    6. Lo so che e' stata revocata, abbi solo un po' di pazienza e vedrai che la tua beneamata fsspx si autoscomunichera' a meno che non stiano facendo il gioco delle tre carte. Sui blog e da contatti epistolari tra di loro dicono che le posizioni sono inconciliabili con quelle della CHIESA CATTOLICA (BASTA LEGGERE LE LETTERE dei monsignori della comunita') e poi sottobanco cercano di tenere buoni uffici con il papa. Io mi aggiorno continuamente. Per quanto riguarda te basterebbe che tu leggessi le lettere oppure semplicemente consultassi questo blog ogni tanto per rendertene conto della situazione. Ci sono tutte le premesse che la FSSPX SI STACCHI DALLA CHIESA CATTOLICA APOSTOLICA ROMANA. E finiscila di dare del modernista a chichessia solo perche' non e' omologato al tuo pensiero. Etichettare le persone e' una tua esigenza per meglio attaccarle, se proprio devi appiccicarmela addosso beh, allora attaccami quella giusta. CATTOLICO APOSTOLICO ROMANO non altro perche' automaticamente ti confermeresti un mistificatore come tanti tuoi simili.

      Elimina
    7. Un ulteriore indizio
      consulta il blog "Nonpossumus" ti si apriranno autostrade a sei corsie su quanto ti ho appena esposto. Molti capi della fsspx non vogliono far parte della chiesa cattolica, quindi a meno che di uno scisma interno loro, sono destinati ad autoescludersi in toto e questo con buona pace di tutte le tue fantasie astruse.

      Elimina
    8. Cioè a voi da fastidio essere etichettati come modernsiti,cattolici adulti,...salvo poi dare dei protestanti,eretici,.. a coloro che vi stanno sulle scatole dicendo che non capiscono niente,sono retrogradi,sono dei nostalgici dei tempi passati... Il tipico comportamento dei seguaci di Kiko e di Martinez,guarda caso figli prediletti del Bugnini.

      Elimina
    9. Ehi bello,
      non rigirare le carte in tavola e non mistificare la realta'. Lo so che siete bravi a rigirare la frittata, ma con me non attacca.
      Non sono io che dico che sei fuori dalla chiesa, ma siete voi stessi che lo dite. I tuoi capi lo dicono, i tuoi confratelli continuamente lo confermano. Tu stesso lo ammetti quando prendi le distanze dal concilio e dai papi post conciliari. Sei tu che hai sulle scatole me perche' ti sbatto la verita' in faccia. E non puoi uscirtene con l'etichetta che sono modernista solo perche' non sai cos'altro dire.
      Io quello che dico te lo documento. Tu parli di aria fritta. Mettiti d'accordo con il tuo cervello e defininisci una volta per tutte se sei parte della Chiesa o se sei fuori, e agisci di consevuenza. Che il vostro si sia SI e il vostro no sia NO. DECIDI DA CHE PARTE STARE. Non dare l'impressione di essere un disco rotto, che quando non sai che pesci prendere dai del modernista a tutti in senso dispreggiativo, perche' fai un torto alla tua intelligenza umana, che invece e' un nobile dono che ti ha fatto il PadrEterno.

      Elimina
    10. Dal Vangelo secondo Kiko

      Elimina
    11. Dal mistificatore che sei.

      Elimina
    12. La verita' in faccia te la sbattiamo noi a voi modernisti servi dell'anticristo Kiko.

      Elimina
    13. Questi figli del Bugnini e del Maritain autopoclamandosi "sto col papa" si credono gli eletti,i salvati mentre secondo il loro teorema chi non è come loro sono protestanti,degli eretici,.... magari (per non dire di sicuro) poi i Bugnini boys sono gli stessi che approvano i momenti di preghiera con i valdesi e ortodossi,ammirano Martin Luther King,nelle messe Novus Ordo cantano canti composti da autori protestanti (vedi il "Noi canteremo gloria a te"),hanno nella loro discografia le musiche di Bach e Handel ....

      Elimina
    14. Si sono un eletto. Sto con il papa di roma all'interno della chiesa cattolica apostolica romana. Tu e il tuo amico willy con quale papa staite?
      Dimmi chi e' il tuo maestro e ti diro' chi sei.
      Non sara' mica un certo lefevbre, gia' scomunicato dalla chiesa cattolica di roma e morto da eretico? Tra l'altro prima accettate il perdono dalla Santa Chiesa e poi la calunniate.
      Degli ingrati ecco quello che siete. State sputando sul perdono offertovi.
      Certo che avete una facciatosta. Senza ritegno proprio.

      Elimina
  24. Contenta lei contenti tutti!
    Mi piacerebbe però sapere quali sono le motivazioni che l'hanno spinta all'abiura del Luteranesimo

    RispondiElimina
  25. Cara c.dalla 1949
    Ho troppo rispetto per la persona che ha abiurato il Luteranesimo. Un po meno per chi mediaticamente pubblicizza un fatto privato, intimo della persona stessa.
    Sono cose troppo riservate e il book fotografico non rende merito alla posta in gioco.
    Questo giochino lo fanno anche i protestanti oltre alle rimanenti religioni monoteistiche. Titoloni in prima pagina per un cristiano convertito (vedi tdg) tanto da far dire "guardate come siamo belli o quanto siamo bravi" la fede e' un fatto intimo, non un fatto mediatico. Ci si adegua sempre al peggio, e al peggio non c'e' mai fine.
    Io posso affermare la mia gioia, la mia fede, ai quattro venti, ma da qui a farne un book ce ne vuole. Penso che qualcun'altro per qualche interesse personale abbia cavalcato l'onda.
    Penso a tutte quelle conversioni al Cristianesimo in asia o in terra araba e mi vengono i brividi al solo pensiero di quanta fede e quanto coraggio e' messo in campo.
    E comunque va bene cosi'. Solo cerchiamo di non scadere nel ridicolo.

    RispondiElimina
  26. Non capisco tutto Questo trambusto sulla sspx e sul fatto che loro sarebbero I veri depositari della tradizione. Non sono scomunicati, pero' sono sospesi a divinis (grazie al vescovo di losanna friburgo per avercelo ricordato) hanno I loro riti tradizionali secondo il messale di pio v, credono a tutto quello che la Chiesa credeva prima del cvii e non sono molto interessati Allan comunione con Roma se non nel caso in cui il papa dicesse loro scusate tanto, io e I miei predecessori ci siamo sbagliati il concilio era fatto da massoni e sciocchi e solo voi avere ragione. Non credoche aandra' cosi'. Quindi I Quattro vescovi invecchieranno sempre predicando di essere gli unici veri vescovi cristiani e che sono vittime di persecuzioni da parte di modernisti e massoni e, una volta decrepiti dovranno scegliere se ordinare altri vescovi ed essere scomunicati di nuovo e morire scomunicati come il caro Lefebvre oppure lasciare che la sspx finisca senza successione apostolica come gli anglicani. Spero di godermi lo spettacolo.

    RispondiElimina
  27. Scusate l'O.T. ma vi suggerisco di leggere questo articolo: abbiamo molto da imparare dai Padri Bianchi e dai Mussulmani in Mali:
    http://www.tzetze.it/2013/02/pace-comera-il-mali-prima-di-al-qaeda.html

    RispondiElimina
  28. Un dottore della legge si alzò per metterlo alla prova: «Maestro, che devo fare per ereditare la vita eterna?». Gesù gli disse: «Che cosa sta scritto nella Legge? Che cosa vi leggi?». Costui rispose: «Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente e il prossimo tuo come te stesso». E Gesù: «Hai risposto bene; fa' questo e vivrai».
    Ma quegli, volendo giustificarsi, disse a Gesù: «E chi è il mio prossimo?». Gesù riprese:
    «Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gerico e incappò nei briganti che lo spogliarono, lo percossero e poi se ne andarono, lasciandolo mezzo morto. Per caso, un sacerdote scendeva per quella medesima strada e quando lo vide passò oltre dall'altra parte. Anche un levita, giunto in quel luogo, lo vide e passò oltre. Invece un Samaritano (o come direbbereo i seguaci del Bugnini e di Kiko:un protestante,un eretico,un pezzente,un ingrato,un figlio di.... ,un idiota,un pezzo di sterco,....versione ebrea nda) , che era in viaggio, passandogli accanto lo vide e n'ebbe compassione. Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi, caricatolo sopra il suo giumento, lo portò a una locanda e si prese cura di lui. Il giorno seguente, estrasse due denari e li diede all'albergatore, dicendo: Abbi cura di lui e ciò che spenderai in più, te lo rifonderò al mio ritorno. Chi di questi tre ti sembra sia stato il prossimo di colui che è incappato nei briganti?». Quegli rispose: «Chi ha avuto compassione di lui». Gesù gli disse: «Va' e anche tu fa' lo stesso».


    RispondiElimina
  29. Da quando Roberto se ne occupa da solo, questo povero blog è diventato il punto d'incontro degli ignoranti della tela in materia di cattolicesimo.

    RispondiElimina
  30. Il problema non e' Roberto che ti da' la possibilita' di esprimerti e di confrontarti e quindi crescere.
    Il problema sei tu per quello che dici e come ti proponi.
    Stai giudicando l'operato di un tuo confratello che e' rimasto solo a mantenera questa baracca. Ma tu che fai? Qual'e' il tuo contributo? Criticare!!! ecco il tuo contributo. Criticare e fare le pulci standosene sdraiati sul sofa' di mamma'.
    Piena solidarieta' a Roberto

    RispondiElimina
  31. Chi ha ideato il blog lo ha fatto per parlare riguardo la Messa e Liturgia di sempre,non per far apologia o diffamazione di questa o quella Fraternità che la usa nella sua liturgia (FSSP,FSSPX,dministratio Apostolica Sancti Ioannis Mariae Vianney o l'Istituto Mater Boni Consilii... ).
    Il problema nasce quando come ospiti entrano gente pronte a sparare a zero su cose che nulla hanno a che fare con lo scopo del sito dimenticandosi che non sono loro i proprietari.
    Non credo che la redazione di Messa in Latino si meritino l'accusa di tutto ciò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà pure così, ma non dovrebbe permettere lo sproloquio contro la Chiesa, soprattutto, poi, da parte di faziosi e provocatori membri di realtà non cattoliche come i sedevacantisti o gli econiani

      Elimina
    2. Chi vuole far apologia o accuse (provate o no) lo può fare nei siti appositi che trattano di tali argomenti,la rete è grande per tutti,ma qui si parla della Liturgia di sempre.
      Questo non è un sito nato per parlare di diritto canonico di questo o quel gruppo.

      Elimina
    3. Concordo con anonimo.
      E Roberto dovrebbe limitare i suoi commenti alla Liturgia di sempre e non fare propaganda per groppuscoli che sono fuori della Chiesa.

      Elimina
  32. A me sembra soprattutto che sia diventato il blog degli scontenti professionali i piu anti-cattolici

    RispondiElimina
  33. @Silente
    "Solo la Chiesa può chi definire chi è eretico e chi non lo è, sulla base della dottrina e delle norme canoniche. E mai, mai, mai la Chiesa ha definito eretica la Fraternità"

    Invece la "fraternità" è autorizzata a definire eretici i Papi Giovanni XXIII, Paolo VI, Giovanni Paolo II e tutto sommato anche Benedtto XVI, per non parlare del Concilio Ecumenico Vaticano II, vero Silente? Ma pensa un po', ma come ragioni? Se ci fossero accuse reciproche di eresia tra la Chiesa Cattolica Apostolica Romana e la "fraternità" a chi daresti ragione? E quale mai mai mai......proprio a questo siamo. Per cui davvero ripeto bisognerebbe finirla con la propaganda pre-spx.......

    RispondiElimina
  34. Che fai? Discuti con Silente? Megli faresti di parlare colle anatre... sarebbe più utile.

    RispondiElimina
  35. Se la spx sfrutta la conversione di una luteran per farsi pubblicitá che dire del pranzo di Natale della s.egidio? Almeno sforziamoci di essere obiettivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai visto settari essere obiettivi....

      Elimina
  36. Infatti caro anonimo delle 18:03
    Si cerca di far ragionare quelli del pensiero unico dell'una e dell'altra sponda ad essere piu' obiettivi e meno di parte. Il punto di unione e' Cristo e chi lo usa per dividete vada da qualche altra parte. I seguaci di Cristo vanno per il mondo ad annunciare il vangelo e non a parlare di lefebvre o a giustificare le sue eresie sul concilio. Come anche non se ne puo' piu' dei diversi movimenti che sembrano dei movimenti di opinione piu' che religiosi.
    Da qui la voce di chi fin'ora ha subito le posizioni delle due correnti sul filo dell'eresia.

    RispondiElimina
  37. Per la redazione. E' tollerabile che nell'anno della fede su un sito che vuole essere cattolico si debbano tollerare personaggi ( come Willi ) che in preda ai vaneggiamenti lefevriani affliggono i lettori dando loro patenti di modernismo, eresia ecc ecc
    Il pensiero unico degli econiati si è svelato in tutta la sua crudeltà antievanglica.
    Willi fra le varie cose h scritto : " No tu appartieni alla "nuova Chiesa conciliare" massonica, liberale e modernista dei Bugnini, dei Congar (quello che pisciava sulle mura del Sant'Uffizio..."
    E' un cristiano questo uomo ?
    Io avrei paura di incontrarlo ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu, sei un cristiano? Se lo fossi vedresti da te la terribile crisi in atto. Pensa piuttosto ai prelati che hanno coniato il termine "chiesa conciliare": una definizione da far rabbrividire. Ebbene, io sono cristiano senza mio merito e mi rifiuto di seguire tali falsi pastori. Meglio andare da chi ti dà la Fede.

      Elimina
    2. Si, si. Segui lefevbre il vero pastore dell'eresia e della SUPERBIA.
      Lui si che ti da la fede. . .

      Elimina
    3. Bravo! Però io non ho studiato molto, mi puoi dire tu qual è l'eresia professata da monsignor Lefebvre?

      Elimina
    4. Mi accodo all'anonimo qui sopra: l'eresia è la negazione di una verità di fede. Mi dici il vescovo francese quale verità ha negato?

      Elimina
    5. Caro anonimo delle14:26
      Anziche' pensare al termine"chiesa conciliare"
      Pensa all'atto di superbia del tuo beneamato, mi pare, lefebvre e del fatto che e' morto da eretico. Ci sarebbe non solo da rabbrividire ma da pregare a tutto spiano senza nemmeno mangiare e dormire per riparare.
      Mio caro anonimo delle 14:26

      Elimina
    6. L'eresia è la negazione di una verità di fede. Quale verità ha negato Lefebvre? Essendo egli un famoso eretico, non dovrebbe essere difficile trovare la sua eresia. Me la puoi spiegare, per favore.
      Grazie.

      Elimina
    7. Cari anonimi delle 16:05 e 16:07
      Che fate cascate dalle nuvole?
      Come? Siete i sui fedeli adepti e non sapete della scomunica ricevuta? E del motivo per cui l'ha ricevuta? Ora capisco perche' siete lefebvriani. Siete all'oscuro di tutto e queste notizie se ne guardano bene, i vari vescovi da lui nominati con atto di superbia, dal riferirvi.
      Cari fratelli documentatevi prima di seguire pastori eretici, che c'entrano poco con la chiesa cattolica. Fareste bene a rileggervelo bene il catechismo cattolico la cui chiesa e' unica e INDIVISIBILE

      Elimina
    8. Dimenticavo di dirvi che nonostante il perdono della chiesa, con i monsignori che vi ritrovate, cioe' i vostri pastori, se questi non danno una risposta congrua alla fede cattolica, rischiate di riceverne un'altra di scomunica.
      Finche' siete dentro in qualche maniera ne fate parte, una volta fuori sarete i soliti ereteci alla stessa stregua dei Luterani, Calvinisti, Anglicani ecc. . .
      Fate voi

      Elimina
    9. Caro anonimo delle 16:15
      Con quanto detto sopra credo di aver risposto anche a te.
      Pace e bene

      Elimina
    10. L'eresia è la negazione di una verità di fede. Mons. Lefebvre e i suoi successori quali verità hanno negate?
      Grazie per le risposte, ma continuo a non capire. Magari mi puoi indirizzare verso un buon libro che spieghi queste cose. Tu quali hai letto?

      Elimina
    11. Io la risposta te l'ho data. Sei tu che continui a non capire. Anzi a non voler capire. Perche' e' una verita' scomoda per te!!!!!!

      Elimina
  38. Cmq, per l'assioma "extra ecclesia nulla salus" e sua interpretazione suggerisco leggere la lettera all'Arcivescovo di Boston (è roba decisamente preconciliare, per cui farà bene a tutti leggerla). Per la prassi del Battesimo, guardare il Catechismo e il Codice di Diritto Canonico. E magari dare anche un'occhiata alla Dominus Jesus e alla Redemptoris Missio... Non tutti i documenti postconciliari sono proprio eretici, mi pare...

    RispondiElimina
  39. Per quello che so io Lefebvre è stato scomunicato per un atto di disobbedienza verso il pontefice, che in ultima analisi consiste in un peccato, grave quanto si vuole, ma sempre peccato rimane.
    L'eresia, come tutti i legittimi rappresentanti della Chiesa Cattolica hanno più volte dichiarato, non sussiste e non è applicabile come categoria di valutazione.
    Si può dire tutto il male possibile di Lefebvre, ma accusarlo di eresia squalifica inevitabilmente l'accusatore.
    Lefebvre è rimasto fermo al magistero preconciliare, pertanto, chi lo accusa di eresia, oltre a mistificare la realtà, cade in eresia egli stesso poiché sposa l'ermeneutica della rottura, condannata dallo stesso Papa.
    Col giudizio con il quale giudicate sarete giudicati, poi fate vobis.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non solo atto di disobbedienza ma anche di superbia. Per uno che ambiva alla Santita' e' tanta roba!!!!

      Elimina
  40. --L'eresia è la negazione di una verità di fede. Quale verità ha negato Lefebvre?--


    Come risulta anche dagli sviluppi dei suoi epigoni, accusando il Concilio di errori ed eresia, ha negato la verità di fede espressa nel Credo... "la Chiesa una, santa, cattolica, apostolica".

    Come spiega il catechismo tridentino:
    "...come soltanto questa Chiesa non può errare nell'insegnare la disciplina della fede e dei costumi, perché governata dallo Spirito santo, cosi tutte le altre, che si arrogano il nome di chiese, essendo guidate dallo spirito del demonio, devono necessariamente cadere in perniciosissimi errori di fede e di costumi."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quali discipline di fede ha insegnato il Concilio Vaticano II, che non fossero espresse nel magistero precedente. A quale dei punti del Concilio si può applicar l'infallibilità? E tra questi punti, quale veniva contestato da Mons. Lefebvre ed ora dai suoi successori?

      Elimina
    2. Forse non mi sono spiegato bene. La verità di fede contestata da Mons. Lefebvre e ora dai suoi successori, sembra che sia quella del credo "credo la Chiesa, una, santa, cattolica, apostolica", dicasi: sembra perché fino a quando l'eresia non è formalmente imputata per ora è una ipotesi che è fatta. L'articolo del Credo, come spiega il Concilio di Trento riassunto nel catechismo tridentino significa: "soltanto questa chiesa (cattolica apostolica romana) non può errare nell'insegnare la disciplina della fede e dei costumi, perché governata dallo Spirito santo". L'eresia perciò consistere nel negare questo affermando "la chiesa cattolica apostolica romana, riunita in concilio ha insegnato errori ed eresie", come in effetti fece Lefebfre e fanno i suoi successori".
      Il vaticano secondo ha riaffermato e spiegato quella verità di fede nella Lumen gentium, ma il fatto che si tratti di verità di fede dogmatica non risale al Vaticano secondo, ma al Credo e al Tridentino. Spero di essere stato più chiaro.

      Elimina
    3. Quindi siamo diventati tutti farisei che ritenevano valido solo il sacrificio del tempio di gerusalemme e impuri tutti gli altri luoghi, eppure Cristo stesso ha smentito chiaramente questa ideologia.
      Curioso poi che proprio i cattolici progressisti, strutturalmente "antiromani", invocano la "romanità" della Chiesa per scomunicare chi la pensa diversamente.
      Quanta ipocrisia, e si ci vuole proprio un'altra scomunica contro questi cattivoni di cattolici altrimenti poi ci impediscono di fare queste cosucce qui:
      http://www.repubblica.it/politica/2013/02/05/news/chiesa_diritti_gay-51973664/?ref=HRER1-1

      Elimina
    4. Non ho capito, stai accusando il Concilio di Trento di farisaismo e modernismo?

      COmunque è vero, chi non vuole capire non capirà mai. Mi arrendo.

      Elimina
    5. No, intendevo l'esatto contrario: ad oggi i cattivoni della spx mi sembrano molto più tolleranti dei sedicenti apostoli della tolleranza i quali oggi vanno a braccetto con i sodomiti ( che evidentemente pagano bene), e fanno i duri con chi è rimasto fedele a Cristo ed alla sua Chiesa.
      Per la cronaca la fspx non ha affatto eliminato il Credo dalla liturgia quindi evitiamo di fare affermazioni eretiche.

      Elimina
    6. Ok, quindi quando il concilio tridentino dichiara letteralmente "questa Chiesa" sta parlando della Chiesa per così dire "tridentina", quella cioè che ha partorito il concilio tridentino.
      Da questo punto di vista, ad oggi, gli eretici sarebbero in Vaticano visto che al catechismo uscito da Trento ci pensano solo quelli della spx.
      Così torniamo di nuovo da capo a dodici, non se ne esce, sembra un incubo, tutti che si accusano a vicenda e così facendo la Chiesa va a rotoli.
      Proviamo ad essere razionali: dal 1962 ad oggi, chi ha modificato il Credo e in quali parti? quali articoli del catechismo esistente nel 1962 sono stati mutati e da chi? In pratica chi ha cambiato cosa?
      Molto serenamente, partiamo da questo e vediamo dove sono le responsabilità, non parlo di colpe perché secondo me bisogna argomentare razionalmente le scelte fatte in questi decenni.
      Importante è ripartire dal punto iniziale, dal punto di origine del conflitto.
      Però va fatto con imparzialità e senza prosciutto sugli occhi.

      Elimina
    7. Il proposito di essere razionali (non razionalisti) è ottimo, ma il risultato è disastroso. NOn ti rendi conto che così stai negando la successione apostolica e l'assistenza del Risorto fino alla fine dei tempi, aggingendo eresia ad eresia. Il Tridentino parlava della Chiesa Cattolica Apostolica Romana, non della "nostra assemblea". Meglio che lasci perdere.

      Elimina
    8. Quindi, se i papi del XVI secolo parlavano a nome di quelli del XXI, quelli del XXI a nome di chi parlano? Senza polemica, solo per capire, per altro nessuno mette in discussione la successione apostolica se non i successori stessi.

      Francamente non vedo come possa, il fatto per altro ovvio che gli uomini del XVI secolo parlavano a nome proprio, mettere in discussione la successione apostolica. Ovvio che questa permane finché rimangono valide le verità di fede e quindi i pronunciamenti del magistero preesistente. Quindi da parte mia sto dicendo proprio che la successione apostolica trova rinforzo dal magistero preesistente. Il Papa credo stia sostenendo proprio questo principio con l'ermeneutica della continuità. Potrà sembrare tautologico ma preferisco specificare onde evitare fraintendimenti: non c'è continuità se non nella continuità.
      Quindi per me non proviene nessuna perturbazione alla continuità da parte di chi si impegna a sostenere questa continuità.
      prendo comunque atto che ciò che per me appare eclatante per altri è spesso impercettibile.

      Elimina
    9. Forse si può dire che il CVII è stato il primo tentativo della Chiesa di affrontare e respingere il mare magnum del modernismo e di trovare una rotta nel mondo stravolto del novecento. In parte c'é riuscito, in parte no e questo lo ha dichiarato exprofesso BXVI, per cui c'é ancora molto lavoro da fare e molto da aggiungere e precisare, ed ecco perché non ci sono insegnamenti dogmatici definiti, mentre sono confermati quelli precedenti.
      Ragionando così si evita di parlare di errori e di eresie e di cadere nell'eresia, perché la Chiesa mai ha insegnato e mai insegnerà errori.
      Nella forma poi il Concilio pastorale è come una grande predica e questo conferma quanto sopra.

      Elimina
  41. Ben detto anonimo delle 18:01
    ma l'anonimo delle 17:04 o non sa leggete o non vuole capire.
    Come ho gia' letto in questo blog
    Non c'e' peggior sordo di chi non vuol sentire.
    Non c'e' peggior ottuso di chi non vuol capire.

    RispondiElimina
  42. Ho detto anonimo delle17:04 anziche' anonimo delle 16:15
    ma la risposta e' attinente a tutt'e due

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza addentrarci in questioni, atteniamoci ai fatti: è una bella sventola!

      Elimina
    2. L 'ho capita solo ora

      Elimina
    3. L 'ho capita solo ora

      Elimina
    4. L 'ho capita solo ora

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.