giovedì 31 gennaio 2013

Negli USA un Vescovo condanna una nota rivista "cattolica" troppo progressista. Quando anche in Italia?

Dopo centinaia mail di protesta inviate da lettori preoccupati e meravigliati per la deriva "apostata" di una rivista "cattolica", il Vescovo di Kansas City Mons. Finn ha puntato il dito verso il National Catholic Reporter, nota rivista catto-progressista americana, affermando che non si può più chiamare "catholic".
Dovrebbe accadere lo stesso anche in Italia per certe riviste e quotidiani "cattolici". Una tra tutte? Famiglia Cristiana! Un altro esempio? Vita Pastorale! E a volte anche l'Avvenire...
Scrivere ai Vescovi e alle redazioni, e non rinnovare più gli abbonamenti potrebbe essere una forma efficace di protesta anche qui da noi in Italia!
Roberto

Duello a Kansas City. Il vescovo “impresentabile” che sfida i progressisti.
Il National Catholic Reporter, giornale liberal “la pianti di dirsi cattolico”
di Paolo Rodari, da Il Foglio, del 30.1.2013


30 gennaio 2013 IL FOGLIO Per la prima volta nella sua storia il Catholic Kay, la storica rivista della diocesi di Kansas City-Saint Joseph (ventisette contee nello stato del Missouri), è andata a ruba.

S. E. Mons. Robert William Finn,
Vescovo di Kansas City
In prima pagina, infatti, c’è un attacco frontale firmato dal vescovo Robert William Finn, 59 anni (nella foto) contro quella che è probabilmente la più prestigiosa rivista cattolica di area progressista americana, il National Catholic Reporter, che tra l’altro ha la sua sede principale proprio nel cuore della città di Kansas City.
Le parole di Finn non sono equivocabili: a suo dire la rivista “dovrebbe rimuovere l’aggettivo ‘cattolico’ dal proprio nome” perché “è tutto tranne che una rivista cattolica”. Dice Finn: “Negli ultimi mesi sono stato letteralmente sommerso di e-mail e altra corrispondenza da parte di cattolici preoccupati per le posizioni editoriali del Reporter: una rivista che ufficialmente e apertamente condanna l’insegnamento della chiesa sull’ordinazione delle donne, minando con insistenza la dottrina sulla contraccezione artificiale e sulla morale sessuale in generale, diffondendo teologie dissidenti e che respingono dichiaratamente e in più punti quanto stabilisce il magistero della stessa chiesa”. Per tutti questi motivi e per “una serie di altre lamentele” che Finn non si premura di specificare, occorrerebbe che il Reporter non dichiarasse più “d’essere ciò che non è”, appunto “cattolico”.
Che il Reporter abbia tenuto dall’anno della sua fondazione – il 1964 – a oggi posizioni parecchio liberal in merito alla tradizionale dottrina cattolica è fuori di dubbio.
Ma sotto l’accusa che Finn muove al Reporter brucia anche dell’altro, un fuoco appiccato nel 2010 – l’anno del deflagrare sui media di mezzo mondo del problema dei preti pedofili – e che oggi, almeno a Kansas City, non è per nulla spento. Finn non ne parla sulla Catholic Kay, ma la pietra dello scandalo che ha provocato lo scontro frontale col Reporter ha un solo nome. Quale? Il suo.
Sono mesi che la rivista ne chiede le dimissioni dopo che, proprio nel 2010, il vescovo è stato riconosciuto colpevole da un tribunale civile di aver protetto un prete a lui sottoposto, padre Shawn Ratigan, che per anni ha scattato foto pornografiche di giovani bambine della sua parrocchia per poi, si dice, abusare di alcune minorenni.
Il giudice ha condannato Finn a due anni di libertà vigilata – si tratta del più alto prelato della chiesa cattolica americana a essere condannato per una vicenda di abusi –, a una multa di mille dollari e all’obbligo di costituire un fondo di diecimila dollari per le spese di assistenza psicologica alle famiglie delle vittime degli atti di pedofilia commessi da Ratigan.
Ciò che oggi non va giù al Reporter è il fatto che Finn non si dimetta a motivo dei suoi “evidenti errori”. E di più, che i suoi confratelli vescovi, come anche le gerarchie vaticane, non lo spingano a farlo. Che vi sia, insomma, nell’episcopato chi si contrappone alla linea della trasparenza che sembrava l’unica percorribile nel tremendo 2010.
Nonostante Finn parli di centinaia di mail arrivategli contro il Reporter, la città è in subbuglio e non tutti stanno dalla sua parte, anzi. Per molti cattolici di Kansas City alla sentenza devono per forza seguire le dimissioni. E per costringere il vescovo a farlo in tanti hanno organizzato una serie di manifestazioni per le strade della città. “Non si può andare avanti come se nulla fosse accaduto”, dicono. E ancora: “Il vescovo deve andarsene”. E ricordano come prima di lui i vescovi Bernard Law a Boston e Daniel Walsh a Santa Rosa hanno lasciato per non essere stati in grado di arginare i pedofili.
Scrive sulla rivista Bill Tammeus, predicatore presbiteriano: “Nessuno sta dicendo che Finn non può essere perdonato per i suoi peccati. Infatti, il perdono è proprio ciò che Dio è sempre pronto a offrire. Ma quando qualcuno in una posizione di autorità ecclesiale ha fallito in modo spettacolare tanto che anche un tribunale civile l’ha riconosciuto colpevole, ha l’obbligo di evitare ulteriori danni a colei che lo stesso Finn chiama spesso, con parole che dovrebbero farlo tremare, Santa Madre Chiesa”.
Per tutta risposta Finn ha scritto un messaggio dedicato alla Giornata mondiale delle comunicazioni sociali, nel quale chiede l’intercessione del patrono dei giornalisti, san Francesco di Sales, per il Reporter, “sul quale non riesco a esercitare l’influenza che vorrei”.

69 commenti:

  1. Insomma le solite americanate.
    Chissà perché dopo essere stati sgamati questi uomini di chiesa diventano tutti fedelissimi alla tradizone.
    Che siano infiltrati?

    RispondiElimina
  2. Ricordiamoci che negli USA contro la chiesa cattolica operano protestanti (fratelli separati) e massoni (fra) per cui tutto è buono pur di andare contro Roma.

    RispondiElimina
  3. Lascia perplessi il fatto che si dia voce ad un predicatore presbiteriano che pretende di insegnare ai Pastori della Chiesa quel che devono fare. Ma quale assurdità l'opinione secondo cui la colpevolezza giudicata da un tribunale civile debba influire sulla funzione che si è chiamati ad esercitare nella Chiesa...proprio quello che piacerebbe ai massoni. Da quando in qua i termini "tribunale civile" e "tribunale equo" sono equivalenti? Non si dice che non potrebbero esserlo, ma il mondo rimanga al suo posto: fuori dalla Santa Madre Chiesa.
    In genere quando si è perseguitati è un buon segno (evangelico): siamo con ciò più simili a Colui che s'è lasciato giudicare e condannare da un tribunale civile iniquo che non fu l'ultimo ad essere tale.

    RispondiElimina
  4. Diciamo pure francamente che il Vescovo Finn farebbe bene ad andarsene... a prescindere dal fatto che lo dica un protestante o un marziano o che sollevi un po' di fumo sul titolo della testata giornalistica. Ci sono sempre più prelati che, a destra e sinistra, sopra e sotto, dimenticano troppo facilmente il peccato di scandalo.

    RispondiElimina
  5. Mi sembra troppo semplice gridare allo scandalo e stracciarsi le vesti: esiste anche lo scandalo farisaico. Senza contare che inoltre (oggi come oggi) una buona parte dei presunti scandali del genere pedofilia (soprattutto negli stati uniti), sono montature per far soldi...solo la Chiesa può giudicare la eventuale rimozione di un suo Pastore, nessun altro.

    RispondiElimina
  6. fra frustino non mancare di carità, il predicatore presbiteriano è nostro fratello nella fede.
    Il Borbone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ti permetti a usare il nio nik. Sei proprio un vigliacco. Vuoi mettermi contro Frustino? Tanto si capisceche sei un giuda. E voglio che lo sappiano anche i tuoi confratelli.
      Lo so che venderesti per pochi spiccioli anche tua madre. La coerenza e la rettitudine non sai nemmeno dov'e'di cas. Questo tipo del tradizionalismo e' della peggior specie.
      Una persona che si presta D un gioco cosi' sporco e'una lersona senza attributi. Meno di un meschino.
      Il Borbone.

      Elimina
    2. ma Borbone vuoi commuoverci?

      Elimina
    3. ecco che esce fuori il vero Borbone, ecco la sua carità fasulla ah ah ah lui che tanto bacchettava... ma quale dei due sarà il vero? Ma... O forse è sempre la stessa mano?

      Elimina
    4. Lo so che aspettavi questo momento. I vigliacchi sanno bene come usare quest'arte. Io sono a ituato a confrontarmi con persone oneste sia pure nella diversita' di pensiero. Un gioco sporco di questo tipo io non lo faccio e non lo faro' mai. Preferisco mandarti cristianamente a quel paese che mettermi al tuo stesso livello. Perche' il tuo/vostro livello e' troppo basso. E voi vi definite Cristiani? Ma sono molto piu' Cristiani i protestanti, quantomeno sono delle persone vere. Voi siete falsi. Siete dei sepolcri imbiancati. Vergognatevi!!!!
      Il Borbone

      Elimina
    5. Il mondo virtuale in fin dei conti non è reale e giuoca brutti scherzi
      Il Borbone

      Elimina
    6. no caro il mio Borbone tu non sei abituato a confrontarti con persone oneste, ma a moralizzare su tutto e sindacare sulle coscienze degli altri! Ogni tanto scendi dal tuo pulpito virtuale: e già il virtuale non è reale, dunque rilassati un pochetto

      Elimina
    7. L'importante e' sapere con chi hai a che fare. Voi state dando prova di quello che siete e anche i vostri confratelli stanno prendendo consapevolezza che nido di vipere stanno coltivando nel loro seno. Se pensate che i Veri tradizionalisti siano entusiasti di quello che dite e fate, bene! Continuate a dire e a fare il vostro giochino. Spero che quanto prima qualcuno di loro abbia un sussulto di orgoglio e vi mandi per via mediatica la dolce euchessina.
      Il Borbone

      Elimina
    8. ma quale giochino? Ma che dici? Ma a chi sono rivolti i tuoi toni minacciosi? Ma chi sono i Veri tradizionalisti? Forse il sonno inizia a farsi sentire ...sveeeeglia hai perso il contatto col mondo reale!!

      Elimina
    9. Cosa vuol dire "l'importante e' sapere con chi hai a che fare"?????? Ma se siamo su un blog e anche tu di fatto ti nascondi dietro un pc e scrivi nell'anonimato! E' vero che ormai quando leggiamo "Il Borbone" pensiamo al paladino della giustizia, ha colui che solo ha la fede e la difende, ma oltre questo non sappiamo nient'altro di te! Quindi rilassati, il blog non è la vita reale

      Elimina
    10. Brucia e fa male la verita'. Vero tradizionalista dei miei stivali? se vuoi te lo dico in latino cosi' lo capisci meglio.

      Elimina
    11. ah Borbone, mio caro vecchio Borbone, se non ci fossi tu chi ripulirebbe internet dai falsi tradizionalisti!

      Elimina
    12. A moree, tradizzionalmente sto zitto ma tu ciai na faccia a trombetta, se fai a guera a uno che e' borbone, a guera alli piemontesi chi gna fa? A sorchiapone prima de parla tappate li buchi che li piemontesi tesinfilzano.

      Elimina
    13. ah ah ah questa è bella, finalmente qualcuno che mette un pò di allegria con qualche vaneggio!

      Elimina
    14. A venticello che staje a ride? Tanto tesenfizano pure a te.

      Elimina
    15. te te sarvi invece?

      Elimina
  7. Insomma ha protetto un prete pedofilo e il giudice lo ha condannato. In una situazione così il minimo da fare è dimettersi.

    RispondiElimina
  8. Fra frustino, leggo tra le tue righe "il mondo rimanga al suo posto: fuori dalla Santa Madre Chiesa.".
    Ma dico, e il Concilio dove lo mettiamo? Anche tu seguace di Willy?

    Sul vescovo non mi pronuncio, primo perché non sono nessuno per giudicare, secondo non conosco con esattezza i fatti, terzo potrebbe essere tutto e il contrario di tutto e penso non valga neanche la pena starne a parlare.

    Ciao

    RispondiElimina
  9. Bene dopo lo sfogo nei confronti di un falso cattolico (si perche' un VERO CATTOLICO nonsi spaccia per un altro ma si assume le proprie responsabilita' e non aizza il fratello contro l'altro fratello) voglio dire la mia sulla questione. L'America gia' da diversi anni ha dichiarato guerra con tutti i mezzi mediatici al Vaticano. Lo stesso codice di leonardo da vinci e' un libro studiato a tavolino per denigrare i cattolici apostolici romani. Infatti dopo il libro sono venuti fuori film sulla pedofilia nella cattolicissima Irlanda fino ad arrivare agli scandali della chiesa Americana. Ora che in alcuni casi cio' possa corrispondere a verita' e fuori di dubbio, ma quello che non convince sono le proporzioni della casistica. La massoneria mondiale gode di ogni spaccatura all'interno della chiesa, perche' i nemici da abbattere siamo noi. La cultura da eliminare e' la nostra. Se noi facciamo il loro gioco avranno vita facile. Ecco l'importanza di restare uniti e combattere insieme il nemico subdolo e potente che rischia di fare numerosi vittime. Preghiamo e restiamo uniti. E se loro picchiano piu' forte noi preghiamo con maggior vigore. Non siamo soli. La Madonna, i Santi, i Martiri, le schiere degli Angeli, la stessa Trinita' ci sostiene. Non abbiamo nulla da temere. Soprattutto evitiamo di essere meschini tra di noi.
    Vi consiglio di visitare il sito fdf di Maurizio Blondet. Vi illuminera' a riguardo
    Il Borbone

    RispondiElimina
  10. Grazie Borbone e coraggio!
    Frustino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice di leggerti. . . come sempre Frustino.
      Il problema e' che questi non hanno nessuna dignita'. In piu', nessuno a preso le distanze dalla vigliaccata. Dimmi tu come fanno a definirsi Cristiani questi pseudotradizionalisti. Si perche' quelli Veri io li conosco e mai si abbasserebbero a tanto.
      Il Borbone

      Elimina
    2. solo noi, caro Borbone, siamo veri tradizionalisti e veri cristiani
      Frustino

      Elimina
  11. usi ancora il mio nik?!
    Il Borbone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon divertimento.
      Puoi anche sostituirti a me. Tanto vali per quello che dimostri di essere un falso, cioe' niente. Ora ho capito che ti sostituisci anche a Frustino.
      Vuoi ridere?
      Sei l'esempio vivente della meschinita' umana della peggio specie. Tu non sei nemmeno Ateo. Tu non sei niente.
      Che il PadrEterno abbi pieta' di te e spero trovi la forza di perdonarti.
      Il Borbone

      Elimina
    2. questo è troppo, scrivi i post e poi ti rispondi da solo!
      Il Borbone

      Elimina
    3. ah ah Borbone stasera è un pò confuso, comunque benvenuto su internet, dove "falso", "niente", "meschino", etc...iInsomma tutti gli aggettivi che rigiri agli altri hanno un valore un pò relativo, soprattutto quando si sceglie l'anonimato e si può dire tutto il contrario di tutto, si può fingere di essere chi non si è... E così cari Borboni che scrivete su questo blog, rilassatevi e non ergetevi a giudici della coscienza altrui come se foste gli unici a sapere cos'è la tradizione, la fede, la preghiera ecc... umiltà, umiltà cari Borboni! Dio esiste - e se siamo qua non c'è bisogno di dimostrarlo - ma, udite udite, non sei tu Borbone, dunque vivi nella pace e non prendertela per 2 righe scritte su internet: la realtà è ben più amara e non val la pena prendersela per così poco (sempre che tu abbia una vita al di fuori dello schermo)!
      Il Borbonissimo

      Elimina
    4. Quando un gruppo di persone che dicono di difendere la fede si presta a denigrare un fratello che prova a manifestare un pensiero diverso dal tuo e lo aggredisci con la peggiore delle armi. Le armi del diavolo della calunnia, della falsita'. Non sei piu' uomo sei Satana. E anche se non vi ritenete tale, con il vostro fare ne siete degni figli ed eredi.
      Tutto ha un prezzo quanto prima qualcuno verra' a riscuotere.
      Preparatevi.

      Elimina
    5. va bene tutto, ma basta con le minacce!

      Elimina
    6. Animo delle 23:36 sei proprio tragico! ma hai visto cosa scrivi? "denigrare un fratello", "aggredisci con la peggiore delle armi", "calunnia", "satana"... Ma di chi parli? Chi?? Un soggetto? Parli dei signori "Borbone" o "Frustino" o uno dei tanti "Anonimo"??? Potrei capire se si facessero nomi e cognomi, se si conoscessero i soggetti, ma qua siamo su un BLOG, su INTERNET, nella vita reale non esiste nessuno che si chiama "Frustino", qua si può dire tutto o nulla, ma la realtà è un'altra cosa... Tornate con i piedi per terra! La tradizione non è un qualcosa che si costruisce virtualmente, ma si vive...

      Elimina
    7. Tu tradizionalmente hai problemi con il tuo cervello.
      Fatti curare. Borbone o Frustino una dignita' ce lhanno. Tu la tua lhai calpestata per niente. Dovrei sentirmi fiero di combattere al tuo fianco? No. Per niente. Combattiamo cose diverse. Tu combatti la vana gloria e non accetti la sconfitta. Io combatto la buona battaglia. La mia fede e la mia dignita. Non ha prezzo. Noi due non possiamo stare insieme. Io non ho a che fare con te.

      Elimina
    8. Non so se e' un gesto di solidarieta' oppure no?
      Se cosi' fosse lo apprezzo e ti ringrazio. Altrimenti, ti ringrazio lo stesso.
      Il Borbone

      Elimina
    9. vana gloria? sconfitta? ma vi riprendete! "COMBATTERE AL TUO FIANCO"? 00:26 sei fuso, Borbone ormai non hai più credibilità

      Elimina
    10. Se permetti, ora me la godo io. Io non vivo per essere credibile ai tuoi occhi. L' importante e' che sia credibile agli occhi del PadrEterno.
      Essere tradizionalisti della falsita' puo' essere un merito, ma non agli occhi del Mio Dio. Puo' essere invece per il tuo dio, cioe' il cornuto. Ognuno si seglie i maestri che crede meglio per se. Io ho gia' scelto, come anche tu del resto hai gia fatto.
      Ognuno di noi ricevera' il Giusto premio per la propria anima.
      Buona fortuna e ti invito a godertela fino in fondo, perche' dopo sara' solo pianto e stridore di denti.
      Il Borbone

      Elimina
    11. Cara anonima delle 6:39
      Quando parli di me, prima di farlo lavati la bocca.
      Con la Tua credibilita' troveresti lavoro in un circo. E Forse nemmeno li.
      Tuo affettuosissimo
      Borbone

      Elimina
    12. Borbone sta facendo una figura sempre più magra... Prima si limitava a giudicare tutti, colpevoli a suo dire di non pregare. Ora invece, con chissà quale autorità, sentenzia condanne contro adoratori del demonio (coloro che non la pensano come lui), assiurando pene eterne. Borbone sì che è un esempio, un modello per tutti noi... Goda goda, beato lei che ha una conoscenza così chiara delle coscienze e soprattutto del giudizio di Dio! Comunque preferiamo questa versione de "Il Borbone", un pò spregiudicata ma certamente più reale, rispetto a quello di qualche post fa, il profeta santo che bastonava con autorità e intimava a tutti di imparare da lui!

      Elimina
    13. LAutorita' appartiene a Dio, cosi' come anche il Giudizio Divino. Io cerco di combattere la mia buona battaglia. Quello che tu pensi di me non ha importanza, come non ha importanza quello che io penso di te.
      Va in pace
      il Borbone

      Elimina
    14. Finalmente l'hai ammesso, non se giudice, l'autorità appartiene a Dio. Ergo NON GIUDICARE GLI ALTRI, soprattutto su quanto, quando e come pregano, amano Dio e la Chiesa. Finora tutti abbiamo visto che la tua buona battaglia si sia basata solo su questo. Sii più umile e forse potrai intessere un dialogo costruttivo (anche se non sembra tu ne abbia l'esigenza). Ciao Borb! ;)

      Elimina
    15. Io non ho mai goudicato nessuno. Ho solo invitato i fratelli alla preghiera e ad abbandonare le polemiche. Forse ti ha giudicato la tua coscienza, ma io non mi sono MAI permesso di farlo.
      Se hai un minimo di onesta' rileggi quanto ho scritto, e' tutto li. Nero su bianco, non e' stato censurato nulla di quanto ho scritto. Ti accorgerai che mi stai mettendo in bocca parole e giudizi che non ho mai espresso.
      E un problema di conflitto tra te e la tua coscenza.
      Mi dispiace ma e' un tuo problema.
      Il Borbone

      Elimina
    16. Aggiungo
      la malafede e' un peccato da confessare per uno che si ritiene cristiano.
      Il Borbone

      Elimina
    17. Borbone sei proprio stressante, ma fatti un tuo blog e lasciaci in pace, sei in torto marcio e insisti

      Elimina
    18. Quando uno non sa che dire, dice dell'altro che ha torto marcio. Ma dove le imparate queste tecniche? Alla scuola militare di guerra aerea?
      Contenti voi!!!

      Elimina
  12. Aòòò a Borbò ma chi te conosce?!
    I tradizionalisti Veri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aooo che staiaddi. Io lo conosco. Lo conosco mejo de tu madre.
      So tradizzionalista pur io

      Elimina
    2. sete er mejo

      Elimina
  13. Scusate, ma il nome del giornale e' KEY, not Kay. Il titolo completo e':

    THE CATHOLIC KEY TO THE NEWS

    Luciana Cuppo

    RispondiElimina
  14. La cosa più divertente è leggere i commenti, prima o poi li leggeranno a striscia o zelig.

    RispondiElimina
  15. E' un po' di tempo che il conciliarista cattoprotestante Rodari trova sempre da ridire contro i preti che fanno il loro dovere di sempre, trova sempre la pagliuzza per esternare il suo disprezzo.
    Carlo Maria

    RispondiElimina
  16. Io o frequentato per un po' gli ambienti tradizionalisti, attratto dalla bellezza della liturgia.
    Ma vi assicuro che esiste solo quella. Ho incontrato le peggiori persone,i peggiori perbenisti, ipocriti e pronti a giudicari tutti. Mi fate pietã. Vi auguro di avere figli gay, separati, ragazze madri e facenti parte di quelle categorie che disprezzate dall alto dei vostri ragionamenti raffinati. I pizzi e i ricami dorati degli altari non bastano a fare il buon cristiano, per fortuna ho compreso che sia una minoranza esigua

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bé anche tu qualche problema ce l'hai se andavi negli "ambienti tradizionalisti" solo per motivi estetici, non mi sembri molto diverso da coloro che accusi... Loro non sono bravi cristiani, tu si invece coi tuoi auguri carichi di affetto

      Elimina
  17. Che sfigato,Attrazione Fatale.Marco

    RispondiElimina
  18. Torno su questo blog dopo un po' di tempo dalla riapertura dei commenti. Direi che, per un blog "soi disant" tradizionalista, non siamo messi molto bene in termini di frequentazione. Troll, falsari, ladri d'identità, progressisti, difensori ad oltranza degli abomini conciliari, conciliatoristi "moderati", catto-protestanti, negatori della cattolicità della FSSPX, neocat mascherati: è un circo contemporaneamente triste e divertente. Quasi quasi, rimpiango Simon. Almeno era intelligente. Corruptio optimi pessima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro silente,
      stai parlando dei tuoi confratelli. Un po di rispetto. Loro sono si, tutto quello che hai detto, ma non piace sentirselo dire. Agli occhi della fsspx questi tuoi confratelli sono perfetti per la loro causa, altrimenti non se li fila nessuno. Quindi meglio cosi'che niente. Anzi piu' sono ipocriti e falsi e piu' danno lustro al loro credo. Non e' importante quello che dicono, purche' dicano. E tu caro silente sei la dimostrazione vivente che quanto detto corrisponde a verita'.
      Non e' un giudizio il mio, ma un dato di fatto.
      A sile, dormi bene. Nessuno sentira la tua mancanza.

      Elimina
    2. La sua prosa confusa mi impedisce ogni razionale risposta. Si curi.

      Elimina
    3. Per forza. Sei stato colpito e ora affondi.
      A sile dormi bene. La notte porta consiglio. Cosi' razionalizzi bene ed eviti di dire fregnacce.

      Elimina
  19. Dimenticavo: esemplare e memorabile il commento del'energumeno qui sopra che che augura ai tradizionalisti di avere "figli gay, separati, ragazze madri". Caso interessante da un punto di vista sociologico e, forse, psico-patologico.

    RispondiElimina
  20. Tutto materiale per la tua tesi di laurea caro silente.
    IL TITOLO DELLA TESI?
    "i danni e gli effetti provocati da sedicenti cattolici tradizionalisti(come te) sulla pelle di persone per bene"
    Sottotitolo
    "cosa puo'arrivare a dire una persona esasperata dalle fregnacce dette da un ebete"
    Tranquillo. La comunita' ti fara' recapitare per posta il bacio accademico di tutti gli iscritti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La lascio al giudizio dei partecipanti al blog, rinnovandole l'invito: si curi.

      Elimina
    2. A sile dormi bene non te ne fare un cruccio.
      Chi semina vento raccoglie tempesta.
      Tu dal tuo dormiveglia hai esordito accusando gente per bene che viene attaccata dai tuoi simili proprio con le nefandezze da te espresse.
      Fatte na pennica. Consegnate alle braccia de morfeo cosi eviti di dire fregnacce.

      Elimina
    3. Appunto, si curi. O, almeno, curi la sua prosa. Ci sono molti corsi di scrittura e, alcuni, sono anche validi. Temo però che il problema non riguardi la confusione delle sue parole, ma quella delle sue idee. Buona notte.

      Elimina
    4. tu hai scelto il corso piu' economico, vero sile?
      Da come scrivi si capisce che hai studiato sul bignami.
      Metodo validissimo per essere interrogati il giorno dopo, a patto di non addormentarcisi sopra.
      Ti do un consiglio, fatti dare gli appunti dai tuoi confratelli, cosi' eviti di dire sciocchezze e di andare fuori tema.
      Ciao bello, dormi bene

      Elimina
  21. Caro anonimo, grazie per essersi volontariamente prestato quale testimonial della mia affermazione, qui sopra, sulla cattiva frequentazione di questo blog. Comunque la nostra interessante conversazione si chiude qui, perché confusione mentale e maleducazione sono ciò che più mi irrita nel mio prossimo. E' un mio limite. Mi stia bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il testimonial della tua affermazione sei tu. Insinuare che altri siano ladri di identita' , troll, falsari, e non quei tuoi amici che tu difendi tanto a prescindere e' la dimostrazione della tua malafede.
      Nessuno ha bisogno di fare queste sciocchezze se non chi ha un certo interesse a manipolare le menti. Ora, o tu sei gia' stato manipolato a dovere . . . Oppure hai un cervello quanto un cerino per prestarti a un gioco simile. . . L'unica attenuante puo' essere la tua eta'. Ma questo noi non lo possiamo sapere.
      Dai del maleducato agli altri, quando il tuo intervento e' gia' tutto un programma.
      Stammi bene silente. . . E continua a dormire che e' meglio, che a fare l'intellettuale c'e' sempre tempo.

      Elimina
  22. Se uno ha le migliori intenzioni di avvicinarsi al mondo tradizionalista e legge i commenti qui sopra cambia subito idea. Che baracca di matti,ignoranti,presuntuosi e volgari.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.