Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

venerdì 28 ottobre 2011

Assisi 2011, istruzioni per l'uso

Da La Bussola:


del
27-10-2011

Presentiamo la prolusione svolta dal cardinale Raymond Leo Burke al Convegno Pellegrini della Verità verso Assisi, svoltosi lo scorso 1 ottobre a Roma. Gli atti del Convegno sono stati raccolti nel volume Le religioni ad Assisi. Nessuna rinuncia alla verità, in uscita nei prossimi giorni per i tipi della veronese Fede e Cultura e ordinabile qui.

card. Raymond L. Burke



Il fine che ha mosso il nostro incontro è quello di far emergere anzitutto la grande sfida che oggi interpella il cristianesimo nel confronto con le altre religioni, in una cultura pluralista e in una società fortemente secolarizzata, sorda al sacro, intollerante nei suoi confronti e allo stesso tempo così avida di superare ogni diversità, passando a fianco della verità su Dio e sull’uomo. Si combatte la religione, la si vuole escludere dall’areopago politico-culturale, relegandola nell’ambito della mera soggettività e del sentimento, ma si vuole anche tentare una certa omologazione religiosa, tacendo le diversità e inverandole in un nome di un dio dal volto policromo, un dio con tanti volti quanti sono gli uomini religiosi, quante sono le loro religioni.

Il relativismo, mentre tenta di accomunare ogni manifestazione del sacro in una subdola tolleranza religiosa, pretende anche di superare il fenomeno del sacro, allontanando l’uomo dalla verità e quindi dal problema della religio vera. Si tratta perciò di una vera sfida, come più volte denunciato dal Romano Pontefice, Papa Benedetto XVI: il relativismo è una perniciosa malattia del nostro Occidente secolarizzato, apparentemente benevolo e tollerante verso tutti, ma dal cuore insofferente nei confronti di Dio, della verità della persona umana, della coscienza come sacrario dell’uomo.

Penso, per esempio, al Discorso del Santo Padre nell’incontro con le autorità civili durante il Viaggio Apostolico nel Regno Unito, il 17 settembre 2010, nella Westminister Hall. Riferendosi a questo discorso nell’Allocuzione al Collegio dei Cardinali, la Curia Romana e il Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, nel tempo di Natale, il 20 dicembre 2010, il Santo Padre ha dichiarato: «Mi piacerebbe parlare dettagliatamente dell’indimenticabile viaggio nel Regno Unito, voglio però limitarmi a due punti che sono correlati con il tema della responsabilità dei cristiani in questo tempo e con il compito della Chiesa di annunciare il Vangelo. Il pensiero va innanzitutto all’incontro con il mondo della cultura nella Westminster Hall, un incontro in cui la consapevolezza della responsabilità comune in questo momento storico creò una grande attenzione, che, in ultima analisi, si rivolse alla questione circa la verità e la stessa fede. Che in questo dibattito la Chiesa debba recare il proprio contributo, era evidente per tutti. Alexis de Tocqueville, a suo tempo, aveva osservato che in America la democrazia era diventata possibile e aveva funzionato, perché esisteva un consenso morale di base che, andando al di là delle singole denominazioni, univa tutti. Solo se esiste un tale consenso sull’essenziale, le costituzioni e il diritto possono funzionare. Questo consenso di fondo proveniente dal patrimonio cristiano è in pericolo là dove al suo posto, al posto della ragione morale, subentra la mera razionalità finalistica di cui ho parlato poco fa. Questo è in realtà un accecamento della ragione per ciò che è essenziale. Combattere contro questo accecamento della ragione e conservarle la capacità di vedere l’essenziale, di vedere Dio e l’uomo, ciò che è buono e ciò che è vero, è l’interesse comune che deve unire tutti gli uomini di buona volontà. È in gioco il futuro del mondo».

Il vero senso del pellegrinaggio ad Assisi è la ricerca della verità che è Cristo, che ci libererà dalla schiavitù del relativismo, permettendoci di capire sempre più chiaramente la vera natura dell’uomo e l’inviolabilità della coscienza umana.

L’incontro di oggi cerca di lumeggiare i presupposti indispensabili per intendere in modo corretto il prossimo incontro interreligioso di Assisi, presupposti, del resto, già evidenziati dall’allora Card. Joseph Ratzinger, e ora tenuti in gran conto nel raduno che si approssima. Il Santo Padre ha voluto sottolineare il concetto di “pellegrinaggio” verso la Verità: non uno stare insieme per pregare insieme, in modo disparato, col rischio di confondere la fede rivelata soprannaturale, con le “credenze religiose” umane e naturali, ma un camminare insieme verso l’unica Verità. Anche il cristiano cammina, non però solo allo scopo di “cercare la verità”, ma per lasciarsi da essa interamente possedere, certo che la verità non è una somma matematica o un sistema più o meno razionale, ma una Persona, il Signore Gesù Cristo. Camminiamo verso la verità, andando incontro a Cristo e lasciando che Cristo incontri ogni uomo di buona volontà. Camminiamo verso di Lui perché Cristo è per primo venuto verso di noi.

Il Santo Padre ha voluto dare al prossimo raduno di Assisi anche un volto diverso: non si tratta tanto di un incontro interreligioso quanto di un dialogo interculturale sui passi della razionalità, bene prezioso dell’uomo in quanto tale. L’incontro vedrà, infatti, la partecipazione anche di persone non credenti, ma che avvertono nell’istanza religiosa un bene umano positivo e arricchente la società stessa. Sono persone che vedono con la ragione la necessità del bene razionale e naturale per l’uomo, ma non sono ancora giunte al traguardo religioso. Il camminare verso la Basilica di San Francesco, del Santo di Assisi, sarà poi un camminare silenzioso: nel silenzio infatti Dio parla all’uomo.

Del resto, però, non sono pochi i rischi che un tale incontro può sollevare, quanto alla comunicazione massmediatica dell’evento, di cui, come è chiaro, il Pontefice è ben cosciente. I mezzi della diffusione mass-mediale diranno, anche se solo con le immagini, che tutte le religioni si sono ritrovate insieme per chiedere a Dio la pace. Un cristiano poco formato nella sua fede, facilmente potrà trarne la conclusione gravemente erronea che una religione valga l’altra e che Gesù Cristo sia uno dei tanti mediatori di salvezza. Oltretutto, si tratta di modi di pensare non tanto isolati e causati dall’ignoranza del cristiano mancante di una buona catechesi, ma purtroppo, da diversi anni, propalati come nuove teologie del pluralismo religioso.

Per questa ragione il nostro incontro vuole sottolineare, facendo eco al Magistero recente, particolarmente articolato nella Dichiarazione Dominus Iesus della Congregazione per la Dottrina della Fede, del 6 agosto 2000, la dottrina cattolica circa il dialogo interreligioso. Ahimè, il pluralismo religioso è finito con l’essere inteso, anche nella Chiesa, non solo tale di fatto ma purtroppo anche di principio. La Notificazione della Congregazione per la Dottrina della Fede, del 24 gennaio 2001, con la quale si riprovavano le aperture sincretistiche del Padre Jacques Dupuis, contenute nel suo libro, Verso una teologia cristiana del pluralismo religioso, in effetti sintetizza i principali errori in questa materia, facendo riferimento in particolare all’insegnamento del Magistero presentato nella Dichiarazione Dominus Iesus.

Vorrei riportare questi errori principali in modo schematico, per renderci conto della grande posta in gioco quando si affronta il tema del dialogo interreligioso:

I. A PROPOSITO DELLA MEDIAZIONE SALVIFICA UNICA E UNIVERSALE DI GESÙ CRISTO

1. Deve essere fermamente creduto che Gesù Cristo, Figlio di Dio fatto uomo, crocifisso e risorto, è l’unico e universale mediatore della salvezza di tutta l’umanità.

2. Deve essere pure fermamente creduto che Gesù di Nazareth, Figlio di Maria e unico Salvatore del mondo, è il Figlio e il Verbo del Padre. Per l’unità del piano divino di salvezza incentrato in Gesù Cristo, va inoltre ritenuto che l’azione salvifica del Verbo sia attuata in e per Gesù Cristo, Figlio incarnato del Padre, quale mediatore della salvezza di tutta l’umanità. È quindi contrario alla fede cattolica non soltanto affermare una separazione tra il Verbo e Gesù o una separazione tra l’azione salvifica del Verbo e quella di Gesù, ma anche sostenere la tesi di un’azione salvifica del Verbo come tale nella sua divinità, indipendente dall’umanità del Verbo incarnato.


II. A PROPOSITO DELL’UNICITÀ E PIENEZZA DELLA RIVELAZIONE DI GESÙ CRISTO

3. Deve essere fermamente creduto che Gesù Cristo è il mediatore, il compimento e la pienezza della rivelazione. È quindi contrario alla fede della Chiesa sostenere che la rivelazione di/in Gesù Cristo sia limitata, incompleta e imperfetta. Inoltre, benché la piena conoscenza della rivelazione divina si avrà soltanto nel giorno della venuta gloriosa del Signore, tuttavia la rivelazione storica di Gesù Cristo offre tutto ciò che è necessario per la salvezza dell’uomo e non ha bisogno di essere completata da altre religioni.

4. È conforme alla dottrina cattolica affermare che i semi di verità e di bontà che esistono nelle altre religioni sono una certa partecipazione alle verità contenute nella rivelazione di/in Gesù Cristo. È invece opinione erronea ritenere che tali elementi di verità e di bontà, o alcuni di essi, non derivino ultimamente dalla mediazione fontale di Gesù Cristo.

III. A PROPOSITO DELL’AZIONE SALVIFICA UNIVERSALE DELLO SPIRITO SANTO

5. La fede della Chiesa insegna che lo Spirito Santo operante dopo la risurrezione di Gesù Cristo è sempre lo Spirito di Cristo inviato dal Padre, che opera in modo salvifico sia nei cristiani sia nei non cristiani. È quindi contrario alla fede cattolica ritenere che l’azione salvifica dello Spirito Santo si possa estendere oltre l’unica economia salvifica universale del Verbo incarnato.

IV. A PROPOSITO DELL’ORDINAZIONE DI TUTTI GLI UOMINI ALLA CHIESA

6. Deve essere fermamente creduto che la Chiesa è segno e strumento di salvezza per tutti gli uomini. È contrario alla fede cattolica considerare le varie religioni del mondo come vie complementari alla Chiesa in ordine alla salvezza.

7. Secondo la dottrina cattolica anche i seguaci delle altre religioni sono ordinati alla Chiesa e sono tutti chiamati a far parte di essa.

V. A PROPOSITO DEL VALORE E DELLA FUNZIONE SALVIFICA DELLE TRADIZIONI RELIGIOSE

8. Secondo la dottrina cattolica si deve ritenere che «quanto lo Spirito opera nel cuore degli uomini e nella storia dei popoli, nelle culture e religioni, assume un ruolo di preparazione evangelica». È dunque legittimo sostenere che lo Spirito Santo opera la salvezza nei non cristiani anche mediante quegli elementi di verità e di bontà presenti nelle varie religioni; ma non ha alcun fondamento nella teologia cattolica ritenere queste religioni, considerate come tali, vie di salvezza, anche perché in esse sono presenti lacune, insufficienze ed errori, che riguardano le verità fondamentali su Dio, l’uomo e il mondo.

Inoltre, il fatto che gli elementi di verità e di bontà presenti nelle varie religioni possano preparare i popoli e le culture ad accogliere l’evento salvifico di Gesù Cristo, non comporta che i testi sacri delle altre religioni possano considerarsi complementari all’Antico Testamento, che è la preparazione immediata allo stesso evento di Cristo».

Questa notificazione e la stessa Dichiarazione Dominus Iesus, furono davvero provvidenziali. Infatti, molti – i fautori della discontinuità – ritenevano che col Vaticano II la Chiesa dovesse abbandonare il suo insegnamento assertivo e censorio, per limitarsi ad una descrizione dei dati di fede di tipo pastorale, lasciando così pullulare gli errori. Invece, il Magistero funge da guida per i fedeli, indicando loro la verità rivelata da custodire fedelmente e mettendoli in guardia dagli errori dottrinali e morali.

L’incontro con i capi delle altre religioni, pertanto, non vuole minimamente offuscare, nel Magistero e nella coscienza dei fedeli, il dovere che ha la Chiesa di annunciare a tutti la salvezza in Gesù Cristo per mezzo della Chiesa. La Chiesa non potrà mai esimersi dal dovere di far seguire al dialogo l’annuncio del Vangelo.

Dominus Iesus, citando il Catechismo della Chiesa Cattolica, ha ribadito ciò con fermezza: «“Dio ‘vuole che tutti gli uomini siano salvati e arrivino alla conoscenza della verità”’(1Tm 2,4): vuole la salvezza di tutti attraverso la conoscenza della verità. La salvezza si trova nella verità. Coloro che obbediscono alla mozione dello Spirito di verità sono già sul cammino della salvezza; ma la Chiesa, alla quale questa verità è stata affidata, deve andare incontro al loro desiderio offrendola loro. Proprio perché crede al disegno universale di salvezza, la Chiesa deve essere missionaria”. Il dialogo perciò, pur facendo parte della missione evangelizzatrice, è solo una delle azioni della Chiesa nella sua missione ad gentes. La parità, che è presupposto del dialogo, si riferisce alla pari dignità personale delle parti, non ai contenuti dottrinali né tanto meno a Gesù Cristo, che è Dio stesso fatto Uomo, in confronto con i fondatori delle altre religioni. La Chiesa infatti, guidata dalla carità e dal rispetto della libertà, dev’essere impegnata primariamente ad annunciare a tutti gli uomini la verità, definitivamente rivelata dal Signore, ed a proclamare la necessità della conversione a Gesù Cristo e dell’adesione alla Chiesa attraverso il Battesimo e gli altri sacramenti, per partecipare in modo pieno alla comunione con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo. D’altronde la certezza della volontà salvifica universale di Dio non allenta, ma aumenta il dovere e l’urgenza dell’annuncio della salvezza e della conversione al Signore Gesù Cristo».

In conclusione, potremmo interpretare l’animo di Papa Benedetto XVI, il quale ha voluto l’incontro di Assisi, alla luce di una sua omelia, pronunciata in S. Pietro, nella Solennità dell’Epifania 2007. Diceva in modo accorato il Pontefice: «Mi riferisco alle guide spirituali delle grandi religioni non cristiane. A distanza di duemila anni, possiamo dunque riconoscere nelle figure dei Magi una sorta di prefigurazione di queste tre dimensioni costitutive dell’umanesimo moderno: la dimensione politica, quella scientifica e quella religiosa. L’Epifania ce lo mostra in stato di "pellegrinaggio", cioè in un movimento di ricerca, spesso un po’ confusa, che, in definitiva, ha il suo punto d’arrivo in Cristo, anche se qualche volta la stella si nasconde. Al tempo stesso ci mostra Dio che a sua volta è in pellegrinaggio verso l’uomo.Non c’è solo il pellegrinaggio dell’uomo verso Dio; Dio stesso si è messo in cammino verso di noi: chi è infatti Gesù, se non Dio uscito, per così dire, da se stesso per venire incontro all’umanità? […] Ai capi dei popoli, ai ricercatori e agli scienziati, oggi più che mai, è necessario affiancare i rappresentanti delle grandi tradizioni religiose non cristiane, invitandoli a confrontarsi con la luce di Cristo, che è venuto non ad abolire, ma a portare a compimento quanto la mano di Dio ha scritto nella storia religiosa delle civiltà, specialmente nelle "grandi anime", che hanno contribuito a edificare l’umanità con la loro sapienza e i loro esempi di virtù. Cristo è luce, e la luce non può oscurare, ma solo illuminare, rischiarare, rivelare. Nessuno pertanto abbia paura di Cristo e del suo messaggio!».

Preghiamo perché per il prossimo incontro del Santo Padre con i capi delle altre religioni e i non-credenti ad Assisi sia un vero pellegrinaggio verso Cristo, pienezza della rivelazione di Dio a noi. Certamente, Egli ci sarà per venire incontro a tutti quanti faranno il pellegrinaggio ad Assisi per cercarlo.

32 commenti:

  1. mmmmm! si sente lo stridore delle unghie sugli specchi.. :P Apprezzabile in ogni modo il tentativo apologetico. Quindi tutte le religioni a camminare insieme in pellegrinaggio verso Cristo! a me va bene ma a loro? non credo che se il Papa lo avesse spiegato ai partecipanti questi sarebbero accorsi comunque..

    RispondiElimina
  2. meglio la parte sull'incontro interculturale che vuole unire le culture e non le religioni

    RispondiElimina
  3. Si tratta di un testo che precede l'evento ed è quanto un credente poteva auspicarsi... ma secondo me risulta superato dai fatti e detti in Assisi (meno nel discorso in S. Pietro del pomeriggio precedente). Purtroppo, insieme alle luci, persistono le ombre. 

    RispondiElimina
  4. Dispiace dire che sia  il cronista Rai , Valli, che il presidente della Comunità di s. Egidio hanno ipotecato l'incontro di Assisi e la telecronaca con i gesti , le parole di K Wojtila, facendo passare ancora una volta il messaggio: i segni di Wojtila e le sue parole erano veri segni di ecumenismo e non già i segni e le parole lasciate da Ratzinger. ogni gesto, ogni canto, ogni abbracio erano sempre  depotentziati con "il nostro pensiero va a quel pomeriggio dell'ottobre 1986 quando Giovanni Paolo II...." una  continua litanica  parabola fino all'esaurimento... alla fine si sono dovuti arrendere che per LA PRIMA VOLTA CON RATZINGER  LE RELIGIONI SONO ANDATE  SULLA TOMBA DEL SERAFICO PADRE FRANCESCO. Una parentesi brevissima per poi riprendere la litanica  e stereotipata frase "il nostro pensiero va..etc....... 

    RispondiElimina
  5. E i resoconti (qualcuno ce n'è) che continuano a parlare di incontro INTERRELIGIOSO?
    http://it.gloria.tv/?media=209292

    RispondiElimina
  6. Già è da masochisti seguire le telecronache "liturgiche" della RAI; beccarsi la diretta di Assisi 3 è addirittura da suicidi. Ma chi ve l'ha fatto fare?

    RispondiElimina
  7. Interessante la prolusione, ma è più interessante vedere come viene recepito questa volta Assisi dai media - e non da quelli specificatamente cattotlici, ecco qui i due maggiori: 
    http://www.corriere.it/cronache/11_ottobre_27/vecchi-assisi-elogio-agnostico-pensante_6b391526-00a1-11e1-a50b-be6aa0df10bc.shtml
    http://www.repubblica.it/esteri/2011/10/27/news/benedetto_xvi_ad_assisi-23953164/index.html?ref=search

    Al di là delle scontate differenze tra le due testate, emergono almeno tre punti:

    1. Si sottolinea la volontà del Santo Padre di non scivolare nel sincretisimo. Repubblica accenna anche ad una dichiarazione simile del primate anglicano.
    2. Si da un certo risalto alla valenza culturale dell'evento
    3. Si sottolineano molto le parole del papa sugli agnostici.

    Nella certezza delle ottime intenzioni del Santo Padre, io credo che il pericolo maggiore - il danno prodotto dai media - sia scampato, o comunque siamo sulla buona strada.

    E non dimentichiamoci di leggere le stesse parole del Santo Padre: http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1350009
    Nulla di eclatante ma neppure nulla di pericoloso.

    Trovo molto bello che il papa dica che il fatto che gli agnostici "<span>non riescano a trovare Dio dipende anche dai credenti con la loro immagine ridotta o anche travisata di Dio". </span>
    Senza guardare subito a chi testimonia male la fede con la sua sciatteria o la sua compromissione col mondo, guardiamo in primis noi stessi.

    RispondiElimina
  8. <span>Nessuno pertanto abbia paura di Cristo e del suo messaggio!».</span>
    LEGGO questa bella frase  e, ricordandomi di quando papa GPII, appena eletto, disse a tutto il mondo:
    <span>Non abbiate paura di APRIRE LE PORTE A CRISTO !</span>
    entusiasmando giovani e vecchi, facendo alzare gli occhi a Cristo, Unica Nostra Speranza....
    oggi chiedo:
    C'è stato qualcuno IERI che abbia  lanciato -con quelle stesse CHIARE PAROLE-  a tutti quei credenti multicolor  questo splendido invito di
    APRIRE LE PORTE A CRISTO  ?
    qualcuno l'ha sentito  proclamare, l'ha registrato nei reportages  e  nei tg  ?
    fatemi sapere.......

    RispondiElimina
  9. <span><span><span>ed ecco la grande kermesse-ONU delle religioni in versione 2011      
         
    la didascalia dell'autore:      
         
    Spirit of Assisi 2011 -      
    "We Come Only Armed with Love" by Jesse Manibusan and Bro.      
    ma certo.....come no !      
    oh yeah ! ! ....  Love and peace all over the world  !      
         
    un planetario volemose bene,  (e che ce frega delle differenze, viva il mondo ! aggiungi un posto a tavola)....      
    (mi ricorda tanto quella canzone: mettete dei fiori nei vostri cannoni......      
    come ai bei tempi degli hippies, con tutta la paccottiglia pacifinta  di quei formidabili anni che non vogliono morire.....)    ma per favore  !....:(</span></span></span>

    http://www.youtube.com/v/DyWZhk4ZDFo" type="application/x-shockwave-flash" width="170" height="140

    <span><span><span>povero S. Francesco, che razza di travisamento e strumentalizzazione del suo pensiero e del suuo stile .....    
    al servizio del pacifismo indifferentista panteista  !      
    che Dio perdoni la sua Chiesa.....      
    vedere anche questo  entusiasta reportage:  </span>    
    http://it.gloria.tv/?media=209281    
    et al.:    
    http://it.gloria.tv/?media=209292    
    intitolato proprio così:  incontro INTERRELIGIOSO....</span></span>

    RispondiElimina
  10. E' vero che dobbiamo guardare in primis a noi stessi e dobbiamo sempre vigilare e pregare sulla nostra fedeltà per garantire un'autentica testimonianza. Tuttavia, se non si specifica che è Cristo Signore Colui che purifica e rende realizzabile la vera Pace nei cuori e nelle strutture umane che essi animano, resta un discorso monco e anche ambiguo, perché lascia intendere che anche le altre religioni possano manifestare il volto di Dio... e si lascia intendere che si tratta dello stesso Dio. Ma questo, se può valere per il Dio Creatore, non vale per il Dio SS. Trinità che si è rivelato e ha operato e continua ad operare nel mondo in Cristo. Non si può ignorare che ogni uomo è forgiato sull'imagine di Colui che adora e scrive nel mondo una storia diversa, sviluppa una diversa antropologia, in base a ciò in cui crede rivelato da Colui cui si affida...

    RispondiElimina
  11. IN OFFICIUM DEFUNCTORUM28 ottobre 2011 11:55

    <span>vorrei recitare un dies irae almeno una volta l'anno, qualcuno sa dirmi se per il due novembre è prevista una Missa pro defunctis in rito tridentino o ambrosiano antico vicino a milano o comunque in città limitrofe? grazie  </span>

    RispondiElimina
  12. anche meno di 20 anni, i nostri eroi ci si stanno mettendo di buzzo buono per farla fallire molto prima

    RispondiElimina
  13. In ogni caso nel rito ambrosiano non c'è il Dies Irae...quindi se desideri questa perla preziosa e purtroppo rara, devi rivolgerti al rito romano...

    RispondiElimina
  14. A Brescia il 02 novembre alle 18.00 alla Chiesa di S. Zeno.

    RispondiElimina
  15. Io me ne sono ben guardato, con benefici effetti sulla mia salute... tanto si sapeva che si sarebbe inneggiato ad ogni pie' sospinto all'inventore della kermesse di Assisi.
    I quintali di "distinguo", come lo scritto sopra questi commenti, non verranno MAI recepiti dai semplici fedeli, che continueranno a vedere Assisi come l'incontro dove <span>"il nostro pensiero va a quel pomeriggio dell'ottobre 1986 quando Giovanni Paolo II...."</span>

    RispondiElimina
  16. Allo "spirito del Concilio" si e' aggiunto lo "spirito di Assisi"... poveri noi quanti spiritelli...
    Se si voleva far leva sull'aspetto "civico" (cerchiamo di vivere in pace) potevano riunirsi in una sala convegni anziche' entrare in chiesa...

    RispondiElimina
  17. Credo ci sarà anche a Bergamo il 2 novembre nel Santuario dedicato alla Madonna della Neve alle h. 20.30.

    RispondiElimina
  18. nei reportages e nei tg non ne ho sentito parlare. Ma la prolusione è chiarissima e dice cose che vanno bene a me e credo anche a lei memory, perché in linea con il magistero e con il tempo che ci è concesso di vivere.

    RispondiElimina
  19. parole, parole, parole... (Mina e A. Lupo, 1972)

    RispondiElimina
  20. <span>Tra 20 anni, con questo trend, l'azienda chiesa fallirà.</span>

    E' un problema di selezione avversa. Le teste migliori (un po' per colpa della secolarizzazione, molto perchè il cattolicesimo non ha più alcuna identità definita, e buona parte ce l'ha anche avuta il collasso totale della scuola cattolica) hanno scelto carriere nelle professioni liberali, nelle aziende, e lì hanno speso i loro talenti, coi risultati che oggi si vedono. Un cardinal "Marchionne" avrebbe letteralmente decapitato gli sciagurati che avessero proposto boomerang come Assisi I+n, come se in Fiat al responsabile della rete di vendita venisse in mente di organizzare una bella kermesse "della pace" nella quale mandare il messaggio che tutte le marche di automobili sono uguali. Ma noi dobbiamo far fuoco con la legna che abbiamo e accontentarci del Cardinal Ravasi.

    RispondiElimina
  21. <span>A ben riflettere, a che pro dare le istruzioni per l'uso ad evento accaduto?  
    Questo può significare che le istruzioni corrispondevano agli auspici della Redazione, come del resto a quelli di noi tutti.  
    Ma non è quanto meno 'strano' e anche inusuale, che nessuno della Redazione abbia dato un suo più specifico contributo di riflessione su quanto è realmente accaduto?</span>

    O forse, come ha scritto qualcuno sul mio blog, lo spettacolo patetico di Assisi 3 è passato quasi in sordina facendo apparentemente meno danni del previsto, solo perché la maggior parte dei danni sono stati già prodotti nell'intero ultimo cinquantennio?

    RispondiElimina
  22. A forza di voler spettacolizzare, teatralizzare tutto, a forza di voler cercare a provocare  l`emozione a tutti i costi, si corre il rischio che un evento, come l`incontro di ieri, sia oscurato se non occultato da un  altro evento concomitante ancor più, o diversamente, emozionante; ieri ad esempio c`è stato in Italia il funerale di un campione di motociclismo che ha sollevato una grandissima emozione e occupato le pagine dei media, in Francia c`era Sarkozy e l`euro a tener la tribuna, senza dubbio altri e più profondi sono i motivi del disinteressamento dei media all`incontro di Assisi,  comunque se gli iniziatori e organizzatori speravano in un impatto mondiale....c`est raté, hanno fallito,  e chi ne ha parlato ha sopratutto evidenziato l`opposizione della FSSPX, dando la parola ai suoi membri.

    RispondiElimina
  23. Vogliamo essere onesti fino in fondo? Secondo me sono state più deleterie per la fede alcune scene cui si è assistito durante i funerali del povero Simoncelli (RIP) dell'intero assisi III. I giovani su quale diretta erano sintonizzati secondo voi?

    RispondiElimina
  24. Poi il commovente riferimento ad uno striscione: "Marco, insegna agli angeli ad impennare". Quando Lambiasi pronuncia queste parole, il silenzio viene interrotto da uno scrosciante applauso.  A conclusione della sua toccante omelia, il Vescovo di Rimini ha ricordato: "La sera prima dell'ultima gara, hai dichiarato la tua voglia di vincere il gran premio; volevi salire sul gradino più alto del podio perchè da lì ti avrebbero visto tutti. Ci addolora non vederti più, ma ci dà pace sapere di essere inquadrati da te, dal podio più alto che ci sia.  Lasciaci dire un'ultima parola: Addio Marco".

    MAH!

    Ma le parole più toccanti sono certamente quelle della fidanzata di Marco Simocelli, Kate Fretti, che di fronte a migliaia di persone radunatesi in cerchio attorno al feretro sul sagrato della chiesa dopo i funerali del giovane pilota, racconta, con la voce rotta dal pianto ma con tanta forza d'animo, come ha affrontato le prime ore dopo la terribile notizia della morte del suo Sic. "Dopo quello che è successo domenica sera (http://is.gd/DxVz8R) - spiega Kate Fretti - c'era un ragazzo che abbiamo conosciuto a Boracay nell'ultima vacanza che abbiamo fatto io, Marco e Paolo, e gli ho chiesto: 'Sei credente?' E lui mi ha risposto: 'Credente e praticante' ". "E perché ce l'hanno portato via? - domanda ancora la fidanzata di Simocelli all'amico - E lui mi ha detto, perché quando una persona finisce la sua missione sulla Terra, Dio la richiama con sé. Io da credente, ma non so bene in cosa, ho elaborato un'altra teoria", conclude Kate, spiegando: "Lui aveva solo pregi ed era una persona perfetta, e le persone troppo perfette non possono vivere con noi comuni mortali".

    RI-MAH!

    RispondiElimina
  25. <span>Avete visto aziende che puniscono quelli che fanno innovazione e cercano di offrire un prodotto migliore, per conquistare più mercato, che puniscono quelli che si impegnano e li guardano con sospetto?  </span>

    Il problema è che con l'innovazione sono fermi al 1965 (come musicalmente sono sempre tre o quattro sanremo indietro). Forse dovrebbero davvero imparare dalla Fiat che ha ritirato fuori la 500, o la VW col nuovo maggiolino,

    RispondiElimina
  26. Avete presente i ritrovi anti-droga, anti-alcoolismo ecc che si vedono spesso nei film americani? Bene.
    Capo dei buddhisti: Buongiorno a tutti, sono Pinco Pallino e rappresento Buddha.
    TUTTI: Ciao, Pinco Pallino.
    Capo dei buddhisti: Ecco, la mia esperienza è questa: io credo in Buddha, ci ho sempre creduto e sempre ci crederò, perché lui è un grande.
    Coordinatore: Grazie, capo dei buddhisti, per la tua testimonianza. Bene, ora passiamo a te, sì tu seduto là. Racconta la tua esperienza.
    Mullàh: Salve a tutti, sono il mullàh e rappresento Allàh.
    TUTTI: Ciao, mullàh.
    Mullàh: Quanto alla mia esperienza, sono seguace di Mohammed, perché LUI è il profeta per eccellenza, insieme ad altri che mai furono grandi come lui. Sono contento di professare il muslim che è l'unica vera religione. Grazie per l'attenzione.
    Coordinatore: Grazie a te, mullàh. E ora passiamo a te, che cosa vuoi raccontarci di te?
    Benedetto XVI: Ecco.... sì.... dunque.... io sono il Papa Benedetto XVI, al secolo Joseph Ratzinger e rappresento il Cattolicesimo.
    TUTTI: Ciao RATZINGER (*)
    Coordinatore: Hai altro da aggiungere?
    Benedetto XVI: Beh sì vorrei dire che Gesù Cristo...
    Coordintore: Bene se nessuno ha da fare domande e se avete esposto tutti la vostra esperienza, possiamo aggiornarci alla prossima seduta. Perfetto, arrivederci a tutti. Mi raccomando, fate tesoro delle vostre esperienze e voletevi bene. LOVE & PEACE

    RispondiElimina
  27. <span>Errata corrige: "Ciao, JOSEPH" -___-</span>

    RispondiElimina
  28. :( .....(<span><span> silenzio imbarazzato di alcuni minuti.......)    
       
    .....EVVIVA  !!!   clap clap.....
       
    ......applauso a scena aperta ....    </span><span></span></span> :) :) ....<span><span></span></span><span><span></span></span> :-D :-D :-D
    <span><span>VIVA TUTTI  !!    ....VIVA IL MONDO  !!    
       
    we are  the children.......we are the world  !!!    
       
    PEACE  AND LOVE     ....ALL OVER THE WORLD  !!    
    (....aggiungi un posto a tavola, che c'è un amico più.....trallallà....    </span></span> :) :) ....
    <span><span>           se </span></span><span><span>sposti un po' la seggiola, stai comodo  anche  tuu... </span></span><span><span></span></span> :-D :-D :-D <span><span></span></span>
    <span><span>EVV</span></span><span><span>IVA  TUTTIiiiiiiiiii    !  evviva tutti gli dèi del mondo, viva .....!
    </span></span>

    RispondiElimina
  29. Alpium Pastor Quidam28 ottobre 2011 16:58

    Risposta ad OFFICIUM DEFUNCTORUM
    A Modena il 2 Novembre ore 19,30 nella Parrocchia dello Spirito Santo, Messa tridentina.
    Qui il Dies Irae(benchè in Italiano) viene recitato ad ogni funerale come preghiera di riflessione dopo la Comunione al posto della pausa di silenzio. Sui libretti di canto della parrocchia lo si trova e in latino e in italiano

    RispondiElimina
  30. IN OFFICIUM DEFUNCTORUM28 ottobre 2011 17:58

    grazie per le indicazioni :)

    RispondiElimina
  31. blog: fulminati = miele : api ?

    Sono ancora in terra dal ridere, grandioso!

    RispondiElimina
  32. Testo intriso di "wishful thinking". E poi, perchè dovremmo unire le culture? Io non ho nessuna intenzione di unire la mia cultura a quella dei boscimani o dei "fratelli maggiori".

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.