Con il sinodo sui giovani dal titolo "discernimento vocazionale" il Papa vuole arrivare a

martedì 6 luglio 2010

Inquietanti sospetti sul cardinale Danneels

Il card. Danneels mentre si reca all'interrogatorio giudiziario


Le notizie di oggi sono costernanti. A seguito della ben nota 'retata' della Conferenza episcopale belga e, soprattutto, del sequestro di cassoni di documenti, materiali, computer, telefonini, fascicoli, in Arcivescovado e a casa del card. Danneels, iniziano a filtrare sulla stampa belga notizie davvero preoccupanti in riferimento al contenuto del materiale prelevato.

In particolare, sarebbero stati rinvenuti documenti istruttori delle indagini processuali sul famigerato pedofilo assassino Marc Dutroux, come fotografie dell'esumazione delle bambine sue vittime e relazioni interne destinate ai magistrati inquirenti; si sarebbero trovati pure pezzi semibruciati di un altro dossier, sempre in tema di pedofilia, ma questa volta inerente membri della Chiesa (fonte: RTL.be).

Quanto precede è indiscrezione giornalistica. Ma credibile: sia perché siamo abituati a questo genere di fuga di notizie, sia soprattutto perché è oggi in corso un interrogatorio a Palazzo di Giustizia del cardinale Danneels: segno che i magistrati ritengono necessari suoi chiarimenti. Il cardinale è sentito per ora come testimone; ma rischia, secondo la stampa belga, quanto meno un'accusa di omissione di soccorso (per non avere impedito fatti di pedofilia di cui era a conoscenza) ed una condanna fino ad un anno di prigione.

Non è la prima volta che grossi sospetti si accumulano sul cardinale, fino a gennaio arcivescovo primate del Belgio. Sei anni orsono, egli ottenne un'ingiunzione giudiziale contro un giornale di Bruxelles che andava pubblicando pretesi rapporti sul suo coinvolgimento proprio nell'affare Dutroux: il giornale riferiva di asseriti tentativi di ricatto contro il cardinale, che sarebbe stato minacciato dell'invio in Vaticano di una videocassetta compromettente (Fonte: Cathcon). Ma di tutto questo, naturalmente, nessuna prova.

Invece, è purtroppo dato di fatto (che si accompagna coerentemente con quanto abbiamo riferito a proposito del "Catechismo Danneels") la circostanza che nel 1984 il cardinale (nominato arcivescovo di Bruxelles-Malines fin dal 1979) ricevette una lettera di una mamma preoccupata per l'attività del Gruppo di Lavoro Ecumenico sulla Pedofilia. Si trattava di un organismo, spalleggiato dalla Conferenza Episcopale Belga, che venne perfino lodato dal giornale ufficiale dei vescovi, Kerk en Leven (Chiesa e Vita), sul numero del 9 agosto 1984, dove l'articolista riferiva che quell'ente avrebbe "fatto conoscere nelle chiese il fenomeno della pedofilia, condiviso informazioni e rimosso pregiudizi". Lo scopo del Gruppo, citiamo, era creare un punto di incontro per pedofili "per scambiare idee vicendevolmente e per incoraggiarsi. Sono benvenuti tutti coloro che desiderano conoscere meglio la pedofilia e i pedofili in condizioni di maggior trasparenza, rispetto e fiducia".

La madre che si rivolgeva a Danneels aveva ottenuto documenti precisi che sottopose preoccupata al cardinale. La propaganda di quel Gruppo Ecumenico era di questo genere (citiamo, da questa fonte in inglese; qui l'originale in fiammingo):

- Se tuo figlio (o bambino) o figlia (o bambina) si sente a posto con la relazione con un pedofilo, per favore non rompere quella relazione;

- La reazione dell'ambiente sociale circostante è spesso di maggior danno che i fatti in sé;

- Molti Cristiani convinti possono imparare dai pedofili;

- E' preferibile che si crei una relazione di fiducia tra il pedofilo e i genitori.

Il cardinale Danneels non prese minimamente in considerazione le preoccupazioni di quella madre. Chissà se c'entrava il fatto che, proprio in quegli anni, il miglior amico e alleato del cardinale, il vescovo di Bruges Vangheluwe, praticava (sicuramente con attitudine di "trasparenza, rispetto e fiducia") una relazione pedofila col proprio nipote di undici anni.

Il giornale Knack osserva che l'ispirazione per questo gruppo ecumenico venne da ambienti progressisti, interni ed esterni alla Chiesa.

Il cardinale Danneels era papabile 'di punta' del campo progressista all'ultimo conclave. A una bambina di undici anni che, dopo il suo ritorno da Roma, gli chiedeva, per un giornale dell'infanzia dell'emittente pubblica fiamminga VRT, quale nome avrebbe scelto se fosse stato eletto Papa, questa fu la risposta: "Mi sarebbe piaciuto essere Giovanni XXIV".

Enrico

150 commenti:

  1. Alcuni anni fa era uscito un pamphlet intitolato Via col vento in Vaticano. Scritto infame che però parlava di riunioni a sfondo pedofilo con presenza di alti prelati. Niente niente c'era qualcosa di vero?

    RispondiElimina
  2. roba da matti!!!

    RispondiElimina
  3. Fermo restando il bel "curriculum" del cardinale, non dimentichiamo che potrebbe trattarsi di materiale "miracolosamente" trovato ( portato?)
    sul luogo di "un'ispezione" che definire delirante alla Dan Brown è perfino riduttivo.

    Prudenza!

    RispondiElimina
  4. Questo è ancora più assurdo della notizia del 30...no, non riesco a crederci, è irrazionale, non voglio, non posso crederci...mi pare tutto, troppo, così assurdo...il gruppo diocesano di "pastorale pedofila", un eventuale coinvolgimento nel caso di Marcinelle...ma dove siamo arrivati? Pietà di noi, Signore, pietà...

    RispondiElimina
  5. mi viene da piangere...

    RispondiElimina
  6. Filippo Burighel6 luglio 2010 17:08

    Signori, non dimenticate che stiamo parlando del Belgio. Paesi "nordici" come Danimarca, Olanda e Belgio sono da sempre considerati le basi operative "politiche" della pedofilia internazionale. In Olanda esiste tranquillamente (e ciò è abbastanza grave di per sé) un partito che tra le tante idee becere e libertaria propone la depenalizzazione della pedofilia. Fino a qualche anno fa poi in Danimarca aveva sede un famigerato sito in difesa della pedofilia.

    RispondiElimina
  7. Filippo Burighel6 luglio 2010 17:08

    <span>Signori, non dimenticate che stiamo parlando del Belgio. Paesi "nordici" come Danimarca, Olanda e Belgio sono da sempre considerati le basi operative "politiche" della pedofilia internazionale. In Olanda esiste tranquillamente (e ciò è abbastanza grave di per sé ) un partito che tra le tante idee becere e libertaria propone la depenalizzazione della pedofilia. Fino a qualche anno fa poi in Danimarca aveva sede un famigerato sito in difesa della pedofilia.</span>

    RispondiElimina
  8. Dev'essere ridotto allo stato laicale, come monito per tutti.

    RispondiElimina
  9. In casi come quelli belgi o olandesi mi chiedo se sia stata la società a rovinare la Chiesa locale, o se sia stata la Chiesa locale a rovinare la società...e, purtroppo, visti gli ultimi sviluppi, comincio a dirmi che è la seconda risposta ad essere giusta...

    RispondiElimina
  10. Christus Spes Mea6 luglio 2010 17:38

    Vogliamo, dunque, e ordiniamo, e comandiamo rigorosamente in virtù di santa obbedienza, che i vescovi vigilino diligentemente nelle loro diocesi all'efficace esecuzione di queste norme, se vogliono evitare le pene canoniche. Se qualche vescovo, infatti, si mostrerà negligente o troppo lento nel liberare la sua diocesi dai fermenti ereticali quando la loro presenza fosse certa, sia deposto dall'ufficio episcopale e sia sostituito da un uomo adatto, il quale voglia e sappia confondere la malvagità degli eretici.

    IV Concilio Lateranense -III  Degli eretici

    RispondiElimina
  11. Christus Spes Mea6 luglio 2010 17:39

    XIV
    Punizioni per i chierici incontinenti
    Perché i costumi e il comportamento del clero siano riformati in meglio, tutti cerchino di vivere una vita pura e casta, specialmente quelli che hanno ricevuto gli ordini sacri: si guardino, quindi, da ogni vizio di impurità, specie da quello per cui l'ira di Dio scese dal cielo sui figli dalla ribellione (29), affinché possano servire Dio onnipotente con cuore puro e corpo casto.
    E perché un facile perdono non sia incentivo alla trasgressione, stabiliamo che chi sia preso in flagrante delitto di incontinenza, sia punito secondo le sanzioni canoniche, in proporzione del suo peccato: e vogliamo che queste norme canoniche vengano più efficacemente e più strettamente osservate, in modo che quelli che il timore di Dio non trattiene dal male, siano almeno frenati dalla pena temporale dal cadere nel peccato.
    Se, quindi, qualcuno, sospeso per questo motivo, presumesse di celebrare i divini misteri, non solo sia spogliato dei benefici ecclesiastici, ma sia anche deposto per questa duplice colpa, e per sempre. I prelati che sostenessero tali peccatori nella loro iniquità, specialmente se per denaro o per qualche altro utile temporale, siano soggetti alla stessa pena. Quelli che, secondo l'uso della loro regione, non hanno rinunziato all'unione coniugale, se cadessero in peccato, siano puniti più gravemente, dato che hanno la possibilità di godere del legittimo matrimonio.

    Concilio Lateranense IV

    RispondiElimina
  12. documenti semibruciati...mah! Se uno si vuole liberare di documenti li brucia completamente e almeno non li tiene in casa. Comunque sia questi sono i frutti del CVII. Mi viene male al pensiero di chi in futuro siederà al conclave per divenire papabile. Ma almeno si potesse far segliere allo Spirito Santo anche tra i sacerdoti....e non solo tra i cardinali....come ai vecchi tempi....o tra vescovi ancora non in piena sintonia con Roma.....ma in piena sintonia con il Magistero millenario della Chiesa....Che il buon Dio c'è la mandi buona!

    RispondiElimina
  13. Che strazio! Ma prima  o poi tutta la sporcizia doveva venire a galla.
    Che cosa ci facevano da Dannels, quelle foto e documenti sul caso Dutroux e su due delle vittime di quel criminale?
    Sono state messe lì da chi ha fatto la perquisizione?
    La giustizia belga è marcia, basta ricordarsi come ha istruito il caso Dutroux, come lo ha insabbiato,è in mano di massoni e compagnia bella, si parlava anche di satanismo, l`"alta" società, e perfino membri della famiglia reale, si diceva all `epoca fossero coinvolti, eppure un pesante velo di silenzio è caduto,sepolto sotto tonnellate di sabbia.
    Se il card.Dannels ha coperto pedofili, se ha messo mano in quelle porcherie, o se le ha nascoste proteggendo i colpevoli, si è reso complice di crimini orrendi.
    La sanzione, se la sua colpevoelzza è avverata, mi pare evidente.

    RispondiElimina
  14. E allora leggete anche questa e che Dio abbia pietà di noi:

    CORRIERE.IT

    L'ha adescata in chat, su internet, celando la sua identità. Non il nome e cognome ma la "professione": lui, l'adescatore, è un sacerdote ma si è spacciato per professore; e lei una liceale di appena 15 anni, caduta nella trappola. La strana coppia è stata sorpresa in macchina, sulla Tangenziale a Napoli, mentre consumavano un rapporto orale.
    Secondo quanto riporta «Leggo», la ragazza non sapeva di trovarsi con un sacerdote tanto che avrebbe detto all'assistente sociale: «Credevo fosse mio amico, non immaginavo fosse un prete». Il prete, M.D.M., ha meno di quarant'anni e esercita il sacerdozio a San Giorgio a Cremano, nel Vesuviano. È stato denunciato a piede libero per violenza sessuale in danno di minori.
    IN AUTO RITROVATO ABITO TALARE - Nell'auto dell'uomo è stato trovato anche l'abito talare. M. D. M. pare avesse corteggiato la ragazzina per mesi in Rete, sostenendo di essere un professore - questo è quello che ha raccontato la quindicenne - e diventando un punto di riferimento per lei, figlia di genitori separati, con qualche problema nel relazionarsi ai coetanei. Ieri, lunedì, è stato sorpreso sul fatto dalla Polstrada in via Cinthia, e identificato. Intanto le indagini continuano con la perquisizione effettuata dagli agenti nella casa in cui il prete vive con la madre e il successivo sequestro del personal computer utilizzato dall'uomo

    RispondiElimina
  15. Le notizie filtrano, ma posson passar dalla cannuccia delle bolle di sapone. Ho letto qualcosa sulla stampa, perché il PC è stato due giorni fuori uso. I giudizi attendano, per non esser temerari; la precipitazione può giocar brutti scherzi. Ciò detto, aggiungo che non mi meraviglierei di niente.

    RispondiElimina
  16. DANTE PASTORELLI6 luglio 2010 18:09

    <span>Le notizie filtrano, ma posson passar dalla cannuccia delle bolle di sapone. Ho letto qualcosa sulla stampa, perché il PC è stato due giorni fuori uso. I giudizi attendano, per non esser temerari; la precipitazione può giocar brutti scherzi. Ciò detto, aggiungo che non mi meraviglierei di niente.</span>
    <span><span><span>– </span></span></span>

    RispondiElimina
  17. Si son rovinate a vicenda: buona parte del clero ha seguito la corruzione della società, l'ha minimizzata, l'ha approvata, l'ha giudicata frutto positivo del progresso ec. ecc.

    RispondiElimina
  18. Ancora una volta, con la connessione che va e che viene , quassù, c'è stata un'utentica tempesta e son cadui dei fulmini a pochi metri dalla mia casa, è partito in due momenti diversi il mio commento di cui sopra.

    Quanto al prete non c'è da ormai più niente di cui meravigliarsi, anche se fa uno schifo incommensurabile: però, anche la ragazzina ingenua ne sa di cosette! E non mi si venga a dire che a quell'età si crede ancora a Babbo Natale. Andar in macchina con sconosciuti non lo gliel'han mai detto i suoi genitori che è pericoloso?

    RispondiElimina
  19. Se fosse davvero colpevole, riduzione allo stato laicale e scomunica. Poi il carcere e la chiave in un tombino.
    Speriamo e preghiamo che sia una montatura.

    RispondiElimina
  20. DANTE PASTORELLI6 luglio 2010 18:26

    <span>Se fosse davvero colpevole, riduzione allo stato laicale e scomunica. Poi il carcere e la chiave in un tombino. 
    Speriamo e preghiamo che sia una montatura.</span>

    RispondiElimina
  21. Aveva l'abito talare in macchina? allora questo sacerdote non è intelligente come quelli che per "sbrigare i loro affari" non lo comprano direttamente. >:o

    RispondiElimina
  22. <span>In questi giorni si sente di tutto.</span>
    <span>Personalmente, non mi interessa più tanto ciò che accade.</span>
    <span>Secondo me, non si tratta affatto di persecuzione anticattolica (certamente qualcuno "ci marcia" su queste cose!) ma di perseguire giustamente dei criminali sporcaccioni ed i loro manutengoli.</span>
    <span>Ben venga questa purificazione, non dobbiamo affatto temerla!</span>
    <span>Comunque, prima o poi i conti nella Chiesa bisognerà farli. E la base, come sempre, è il Suo comando (attendite, infatti è un imperativo):</span>
    <p><span>Attendite a falsis prophetis, qui veniunt ad vos in vestimentis ovium, intrinsecus autem sunt lupi rapaces: a fructibus eorum cognoscetis eos. </span><span>Numquid colligunt de spinis uvas, aut de tribulis ficus ? Sic omnis arbor bona fructus bonos facit: mala autem arbor malos fructus facit. Non potest arbor bona malos fructus facere: neque arbor mala bonos fructus facere. Omnis arbor, quæ non facit fructum bonum, excidetur, et in ignem mittetur. </span><span>Igitur ex fructibus eorum cognoscetis eos.</span><span> </span><span>(Math 7, 16</span><span>‐</span><span>20)</span><span>.</span>
    </p>

    RispondiElimina
  23. Andreotti docet:
        "A pensar male si fa peccato, ma...."

    RispondiElimina
  24. chissà se i preti conciliari che durante le loro allucinanti omelie si stracciavano le vesti per le parole  profferite dal cardinal Willialmson in merito ai dubbi sull'esistenza delle camere a gas (anche se a ben vedere egli non ha mai negato la così detta shoa ma ha dubitato del numero di uomini barbaramente uccisi dai diabolici nazisti), faranno lo stesso per le molto più gravi nefandezze commesse dai loro "amici" di corrente. Ovviamente è una doimanda retorica la mia, sicuramente taceranno. vergogna vergogna vergogna

    RispondiElimina
  25. sempre avanti6 luglio 2010 19:35

    e la Chiesa ha voluto abbracciare lo spirito del mondo....con tutto quel che conteneva, perchè è bello 
    ed opportuno "discernere, trasfigurare e superare" tutte le forze che spingono il mondo nel suo progresso inarrestabile, come ad es. la Rivoluzione Francese !
                Superare.....in che senso ?

    RispondiElimina
  26. istriano......6 luglio 2010 19:36

    ..........da spedirlo in convento...a lavare i pavimenti!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  27. sempre avanti6 luglio 2010 19:36

    <span>e la Chiesa ha voluto abbracciare lo spirito del mondo....con tutto quel che conteneva, perchè è bello  
    ed opportuno "discernere, trasfigurare e superare" tutte le forze che spingono il mondo nel suo progresso inarrestabile, come ad es. la Rivoluzione Francese ! 
                Superare.....in che senso ?</span>

    RispondiElimina
  28. sempre avanti6 luglio 2010 19:41

    infatti...voleva scegliere, se eletto, il nome di "Giovanni XXIV": chissà perchè.... ?
    forse per portare sempre più "avanti" il discorso della panacea-misericordia che fa dire:
    "Tutto va bene, continuate pure così che domani andrà meglio, in un continuo superamento di tutto e di più?
    :(

    RispondiElimina
  29. sempre avanti6 luglio 2010 19:41

    <span>infatti...voleva scegliere, se eletto, il nome di "Giovanni XXIV": chissà perchè.... ? 
    forse per portare sempre più "avanti" il discorso della panacea-misericordia che fa dire: 
    "Tutto va bene, continuate pure così che domani andrà meglio, in un continuo superamento di tutto e di più? "
    :( </span>

    RispondiElimina
  30. TUTTO QUESTO E ALTRO ANCORA METTERA' SEMPRE PIU' IN EVIDENZA COME IL CLERO E LA GERARCHIA PROGRESSISTA SIANO PERICOLOSI PER LA CHIESA E SI DOVRA' TORNARE ALLA FEDE CATTOLICA DI SEMPRE RADICATA NELLA TRDIZIONE.

    RispondiElimina
  31. sempre avanti6 luglio 2010 21:10

    già...il Concilio Lateranense IV, ma non quello Vaticano II, che ha proclamato che non bisogna usare più il rigore, nè tantomento scomuniche, ma solo....la medicina della misericordia !
    ....e chi si sognerà mai di contraddire IL CONCILIO per eccellenza-detto ?
    Usare il rigore contro questi peccati (che non ricevono più tale nome da 45 anni....) richiederebbe una incredibile -improponibile- presa di posizione (non si sa da quale autorità) che nell'atto di condannare a chiare lettere simili (eventuali) comportamenti "erronei", si metterebbe ipso facto nella scomodissima posizione di "avversario del Concilio", col dovere implicito di sconfessarlo su qualche punto, almeno sulla validità quella mitica "medicina"....smitizzando così ben 45 anni di nuova "tradizione conciliare" !
    E chi avrà un tale fegato ?
    *DONT_KNOW*

    RispondiElimina
  32. sempre avanti6 luglio 2010 21:10

    già...il Concilio Lateranense IV, ma non quello Vaticano II, che ha proclamato che non bisogna usare più il rigore, nè tantomento scomuniche, ma solo....la medicina della misericordia !
    ....e chi si sognerà mai di contraddire IL CONCILIO per eccellenza-detto ?
    Usare il rigore contro questi peccati (che non ricevono più tale nome da 45 anni....) richiederebbe una incredibile -improponibile- presa di posizione (non si sa da quale autorità) che nell'atto di condannare a chiare lettere simili (eventuali) comportamenti "erronei", si metterebbe ipso facto nella scomodissima posizione di "avversario del Concilio", col dovere implicito di sconfessarlo su qualche punto, almeno sulla validità quella mitica "medicina"....smitizzando così ben 45 anni di nuova "tradizione conciliare" !
    E chi avrà un tale fegato ?
    *DONT_KNOW*

    RispondiElimina
  33. sempre avanti6 luglio 2010 21:12

    <span>XIV  
    Punizioni per i chierici incontinenti  </span>
    .........<span>Concilio Lateranense IV</span>

    <span>già...il Concilio Lateranense IV !...ma non quello Vaticano II, che ha proclamato che non bisogna usare più il rigore con gli erranti e i peccatori, nè tantomento le scomuniche, ma solo....la medicina della misericordia !  
    ....e chi si sognerà mai di contraddire IL CONCILIO- per-eccellenza-detto ?  
    Usare il rigore contro questi peccati (che non ricevono più tale nome da 45 anni....) richiederebbe una incredibile -improponibile- presa di posizione (non si sa da quale autorità....) che nell'atto di condannare a chiare lettere simili (eventuali) comportamenti "erronei", si metterebbe ipso facto nella scomodissima posizione di "avversario del Concilio", col dovere implicito di sconfessarlo su qualche punto, almeno sulla validità quella mitica "medicina"....smitizzando così ben 45 anni di nuova "tradizione conciliare" !  
    E chi avrà un tale fegato ?  
    *DONT_KNOW* </span>

    RispondiElimina
  34. sempre avanti6 luglio 2010 21:14

    <span><span>XIV    
    Punizioni per i chierici incontinenti  </span>  
    .........<span>Concilio Lateranense IV</span>  
     
    <span>già...il Concilio Lateranense IV !...ma non quello Vaticano II, che ha proclamato che non bisogna usare più il rigore con gli erranti e i peccatori, nè tantomento le scomuniche, ma solo....la medicina della misericordia !    
    ....e chi si sognerà mai di contraddire IL CONCILIO- per-eccellenza-detto ?    
    Usare il rigore contro questi peccati (che non ricevono più tale nome da 45 anni....) richiederebbe una incredibile -improponibile- presa di posizione (non si sa da quale autorità....) che nell'atto di condannare a chiare lettere simili (eventuali) comportamenti "erronei", si metterebbe ipso facto nella scomodissima posizione di "avversario del Concilio", col dovere implicito di sconfessarlo su qualche punto, almeno sulla validità di quella mitica "medicina"....smitizzando così ben 45 anni di nuova "tradizione conciliare" !    
    E chi avrà un tale fegato ?    
    *DONT_KNOW* </span></span>
    (dopo che si è detto in lungo e in largo che "nella Chiesa c'è posto per tutti"....)

    RispondiElimina
  35. sempre avanti6 luglio 2010 21:24

    <span>Gruppo di Lavoro Ecumenico sulla Pedofilia.</span>
    :( ..... ! ! !
    e c'è ancora qualcuno che si meraviglia di ciò che la Madonna disse a La Salette, a proposito della corruzione generale del clero (e con termini alquanto crudi, senza pietismi o buonismi di sorta....) che sarebbe sopraggiunta come una piaga purulenta e ripugnante nella Chiesa del secolo successivo, insieme all'annuncio dell'insediamento dell'anticristo a Roma, che avrebbe perso la Fede ?
    ....e ci si meraviglia ancora del perchè il Vaticano volle mettere all'Indice il testo di quel segreto, e del perchè non abbia mai svelato il vero testo del 3. segreto di Fatima ?
    ma certo, è inevitabile ora che assistiamo dal vivo all'avverarsi di tutte le predizioni, e giorno per giorno ci si chiariscono tutti i PERCHE'  !

    RispondiElimina
  36. sempre avanti6 luglio 2010 21:25

    <span>Gruppo di Lavoro Ecumenico sulla Pedofilia.  
    :(  ..... ! ! !  
    e c'è ancora qualcuno che si meraviglia di ciò che la Madonna disse a La Salette, a proposito della corruzione generale del clero (e con termini alquanto crudi, senza pietismi o buonismi di sorta....) che sarebbe sopraggiunta come una piaga purulenta e ripugnante nella Chiesa del secolo successivo, insieme all'annuncio dell'insediamento dell'anticristo a Roma, che avrebbe perso la Fede ?  
    ....e poi ci si meraviglia ancora del perchè il Vaticano volle mettere all'Indice il testo di quel Messaggio, e del perchè non abbia mai svelato il vero testo del 3. segreto di Fatima ?  
    ma certo, è inevitabile ora che assistiamo dal vivo all'avverarsi di tutte le predizioni, e giorno per giorno ci si chiariscono tutti i PERCHE'  !</span>

    RispondiElimina
  37. Scusate ma il Vicario di Cristo e i suoi collaboratori che facevano...a parte girovagare per il mondo?
    Quale tremenda responsabilità per chi li ha designati e ordinati vescovi!

    RispondiElimina
  38. Tutto questo schifo (perchè anche se Danneels non è coinvolto direttamente in attività criminali... cioè, tollera un grupo ecumenico sulla pedofilia?! Vade retro!!) mi spinge a due cose: ringraziare il Signore per averci dato papa Benedetto XVI, la cui opera di pulizia diventa sempre più meritoria. E allo stesso tempo pregare il Signore perchè tale opera di pulizia possa proseguire nel miglior modo possibile e più a lungo possibile. La piaga è profonda, non basterà questo pontificato per finire le pulizie.

    RispondiElimina
  39. La fortezza inespugnabile contro questi crimini orrendi?
    Ripristinare ex abrupto il Messale Romano di San Pio V e abolire completamente il nuovo rito  fonte di questi mali.
    Nominare nuovi vescovi fedeli alla tradizione,alla Roma Eterna e riformare i seminari. Il Romano Pontefice si riprenda il potere delle somme chiavi usurpato dai vescovi.
    Se il Papa non farà questo andrà...a raccoglier farfalle sotto l'Arco di Tito.
    La situazione è drammatica da fine Impero..in questo caso da Finis Ecclesiae.
    Vogliamo bene a Papa Benedetto preghiamo perché Dio gli dia il coraggio di andare avanti.

    RispondiElimina
  40. sempre avanti6 luglio 2010 22:04

    <span>la cui opera di pulizia diventa sempre più meritoria....</span>
    ammesso che proceda !
    e che si verifichi coi fatti la  "tolleranza zero" ....

    RispondiElimina
  41. sempre avanti6 luglio 2010 22:05

    <span><span>la cui opera di pulizia diventa sempre più meritoria....</span> 
    ammesso che proceda !  e che dimostri coi fatti la  "tolleranza zero" ....</span>

    RispondiElimina
  42. La prudenza in tali casi è d'obbligo. Vale tuttavia ricordare che la nota setta mira non solo alla sovversione ma all'inversione dei valori per cui ciò che chiamiamo male viene da loro indicato come sommo bene, in virtù di conoscenze segrete e poi tutto segue a ruota. La pedofilia diviene quindi pratica consigliata, salvo poi rinfacciarla a fini scandalistici. Il loro nume tutelare è infatti anche noto come "l'accusatore".
    1979-2009. Occorre agire con prudenza e rispettando i tempi naturali degli avvicendamenti.

    FdS

    RispondiElimina
  43. sempre avanti6 luglio 2010 22:07

    <span><span>la cui opera di pulizia diventa sempre più meritoria....</span>  
    ammesso che proceda !  e che dimostri coi fatti la  "tolleranza zero" ....</span>

    RispondiElimina
  44. http://www.stampalibera.com/?p=11378

    RispondiElimina
  45. Meno male che il buon Re Baldovino è morto. Vedere il punto a cui è arrivato il suo Regno lo avrebbe straziato.

    RispondiElimina
  46. Meno male che il buon Re Baldovino è morto. Vedere il punto a cui è arrivato il suo Regno lo avrebbe straziato.

    RispondiElimina
  47. Meno male che il Signore ha già chiamato il buon Re Baldovino.

    RispondiElimina
  48. Filippo Burighel6 luglio 2010 22:59

    Ovviamente qualche soluto imbecille dirà che non argomento, ma fatto sta che queste sono le solite trite e ritrite manie cospirative. Non c'è nessun "vero" terzo segreto di Fatima da svelare. Urge farsi un vita fuori da internet chi pensa queste cose.

    RispondiElimina
  49. Filippo Burighel6 luglio 2010 23:02

    <p>Ovviamente qualche soluto imbecille dirà che non argomento, ma fatto sta che queste sono le solite trite e ritrite manie cospirative. Non c'è nessun "vero" terzo segreto di Fatima da svelare. Urge farsi un vita fuori da internet chi pensa queste cose.
    </p>

    RispondiElimina
  50. Ammetto che la fonte non è il massimo, ma non avendone altre, forse può servire.
    Ecco un estratto di un articolo di Blondet datato 17 marzo 2010:

    "Ricordate il “mostro di Marcinelle”?
    Marc Dutroux, l’anonimo elettricista belga condannato per il rapimento e stupro di sei ragazzine: una vicenda che è stata soffocata mediaticamente per le implicazioni a cui stavano portando le indagini.
    Come si legge in vari punti del blog di Paolo Franceschetti:
    (…) il punto è che le notizie sono quasi scomparse.
    Quel poco che so, è la solita storia..
    Nei fatti di Marcinelle gli investigatori a un certo punto erano arrivati ai cosiddetti personaggi insospettabili convolti in questa atroce vicenda: Reali del Belgio (massoni), alcuni vescovi, politici importanti. Gli investigatori che se ne sono occupati sono morti tutti. Uno è uscito di strada in un rettilineo, ad una velocità stimata di 80 km orari… Incidente. Uno si sarebbe suicidato con tre (3!) colpi di pistola.
    Altri si sono impiccati…
    e così via."

    RispondiElimina
  51. <span>Via col vento in Vaticano? Siamo all'orrore. Non aggiungo altro, solo preghiera e richiesta di perdono a Cristo sarà il mio vivere</span>

    <span>mattax </span>

    RispondiElimina
  52. Nell'abitazione di un vescovo uno immagina di trovarvi ...l'Imitazione di Cristo,l'Introduzione alla vita devota.
    E poi voleva chiamarsi Giovanni...per continuare lo sfascio!
    Oh i Cardinali dementi,traditori di Cristo, che non elessero Agagianian o Siri!
    Linguaccia mia...ma il Messaggio della Santa Vergine dela Salette è chiaro.

    RispondiElimina
  53. Scusate l'OT, ma avete saputo della nomina di mons.  Burke a membro della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti? Un bel passo avanti rispetto a quando ne era segretario mons. Domenico Sorrentino!

    RispondiElimina
  54. Se i fatti saranno confermati ci toccherà definirlo un libro profetico. Che casino, che gran casino!

    RispondiElimina
  55. Lavare i cessi..! (Scusate la volgarità).

    RispondiElimina
  56. Siete geniali. Col pretesto che si tratta di "progressisti" state aiutando (senza alcun discernimento) chi spala sterco sulla Santa Chiesa.

    RispondiElimina
  57. A dire il vero chi spala sterco sulla Chiesa son coloro che si sono resi colpevoli di crimini ignobili e coloro che li hanno coperti con ii loro silenzio.
    Noi ci limitiamo a vedere lo sterco, ad essere incomodati dal suo odore nauseabondo e a sperare che venga definitivamente rimosso.
    Anche il Santo Padre manca d discernimento quando dice che la vera persecuzione viene dall' interno della Chiesa?

    RispondiElimina
  58. <span>
    <span>A dire il vero chi spala sterco sulla Chiesa sono coloro che si sono resi colpevoli di crimini ignobili e coloro che li hanno coperti con il loro silenzio. 
    Noi ci limitiamo a vedere lo sterco, ad essere incomodati dal suo odore nauseabondo e a sperare che venga definitivamente rimosso. 
    Anche il Santo Padre manca di discernimento quando dice che la vera persecuzione viene dall' interno della Chiesa?</span></span>

    RispondiElimina
  59. er tripparolo7 luglio 2010 00:19

    stò giudizio su nà regazzina de 14 anni tò potevi risparmià......

    RispondiElimina
  60. A me sembra che il materiale di cui lei parla, varo ospite, lo abbia depositato sulla Santa Chiesa il cardinale Danneels e i suoi manutengoli. Che poi siano ultra-progressisti, anche se mi sembra più idoneo chiamarli semplicemente apostati, forse non è una semplice coincidenza!

    RispondiElimina
  61. Non sono solo rumori,è una agghiacciante realtà che la giustizia belga ha insabbiato il caso Dutroux, e che molti personaggi, anche politici, non solo belgi, o sono morti in circostanze poco chiare, o si sono ritirati.

    RispondiElimina
  62. A me sembra che il materiale di cui Lei parla, caro ospite, sia stato depositato sulla Santa Chiesa dal card. Danneels e dai suoi manutengoli. E non con la pala, ma usando interi convogli ferroviari. Che poi questi eminenti e reverendi signori siano ultra progressisti, anche se molto più semplicemente penso siano  solo degli apostati, forse non è una coincidenza, Le pare?

    RispondiElimina
  63. Anche Andreotti può  sparare cavolate.

    RispondiElimina
  64. ... e, adesso che il vento è repentinamente cambiato, non essendosene accorto per tempo, troppo pervaso dalla sua spasmodica e forsennata bramosia di distruttiva innovazione a tutti i costi, questo clero è rimasto con il cerino in mano. Sarà certamente poco cristiano, ma dal profondo del cuore mi sorge un incontenibile: "ben gli stà !!".

    RispondiElimina
  65. Mah, io sinceramente non vorrei che si trattasse di un malinteso. Siamo sicuri che i termini utilizzati nel documento del "Gruppo di lavoro ecumenico sulla pedofilia" siano traducibili in "pedofilia" e "pedofili" secondo l'accezione che ne facciamo in Italiano???
    D'altronde, ogni buon cristiano dovrebbe essere necessariamente pedofilo, giacché questo termine, letteralmente, non dovrebbe avere un significato negativo, anzi. Coloro che molestano sessualmente i bambini non sono "pedofili", cioè amici dei bimbi, bensì  pedoclasti, pedomani e pederasti.

    RispondiElimina
  66. <span>Mah, io sinceramente non vorrei che si trattasse di un malinteso. Siamo sicuri che i termini utilizzati nel documento del "Gruppo di lavoro ecumenico sulla pedofilia" siano traducibili in "pedofilia" e "pedofili" secondo l'accezione che ne facciamo in Italiano??? 
    D'altronde, ogni buon cristiano dovrebbe essere necessariamente pedofilo, giacché questo termine, letteralmente, non dovrebbe avere un significato negativo, anzi. Coloro che molestano sessualmente i bambini non sono "pedofili", cioè amici dei bimbi (da παιδός :bambino e da φιλία :amicizia, affetto),bensì  pedoclasti, pedomani e pederasti.</span>

    RispondiElimina
  67. <span><span>Mah, io sinceramente non vorrei che si trattasse di un malinteso. Siamo sicuri che i termini utilizzati nel documento del "Gruppo di lavoro ecumenico sulla pedofilia" siano traducibili in "pedofilia" e "pedofili", secondo l'accezione che ne facciamo in Italiano???   
    D'altronde, ogni buon cristiano dovrebbe essere necessariamente "pedofilo", giacché questo termine, letteralmente, non dovrebbe avere un significato negativo, anzi. Coloro che molestano sessualmente i bambini non sono "pedofili", cioè amici dei bimbi (da παιδός :bambino e da φιλία :amicizia, affetto),bensì  pedoclasti, pedomani e pederasti.</span></span>

    RispondiElimina
  68. <span><span><span>Mah, io sinceramente non vorrei che si trattasse di un malinteso. Siamo sicuri che i termini utilizzati nel documento del "Gruppo di lavoro ecumenico sulla pedofilia" siano traducibili in "pedofilia" e "pedofili", secondo l'accezione che ne facciamo in Italiano???     
    D'altronde, ogni buon cristiano dovrebbe essere necessariamente "pedofilo", giacché questo termine, letteralmente, non dovrebbe avere un significato negativo, anzi. Coloro che molestano sessualmente i bambini non sono "pedofili", cioè amici dei bimbi (da παῖς - παιδός :bambino e da φιλία :amicizia, affetto),bensì  pedoclasti, pedomani e pederasti.</span></span></span>

    RispondiElimina
  69. <span><span><span><span>Mah, io sinceramente non vorrei che si trattasse di un malinteso. Siamo sicuri che i termini utilizzati nel documento del "Gruppo di lavoro ecumenico sulla pedofilia" siano traducibili in "pedofilia" e "pedofili", secondo l'accezione che ne facciamo in Italiano???       
    D'altronde, ogni buon cristiano dovrebbe essere necessariamente "pedofilo", giacché questo termine, letteralmente, non dovrebbe avere un significato negativo, anzi. Coloro che molestano sessualmente i bambini, poiché  con tali atti fanno loro del male, non sono "pedofili, cioè amici dei bimbi (da παῖς - παιδός :bambino e da φιλία :amicizia, affetto),bensì  pedoclasti, pedomani e pederasti.</span></span></span></span>

    RispondiElimina
  70. Anche io ho questa impressione. I nemici della Chiesa, sul tema della pedofilia dei preti, non fanno distinzione tra progressisti e tradizionalisti.

    RispondiElimina
  71.  Forse se l'è tolta per non sporcarla. Nonostante questo "piccolo cedimento" deve essere proprio un bravo sacerdote che ama la sua santa veste ;)

    RispondiElimina
  72.  Forse se l'è tolta per non sporcarla. Nonostante questo "piccolo cedimento" deve essere proprio un bravo sacerdote che ama la sua santa veste ;)

    RispondiElimina
  73. Richard Williamson, Papa ..Subito !!!!

    RispondiElimina
  74. sempre avanti7 luglio 2010 04:49

    bravo Andrìa !

    RispondiElimina
  75. sempre avanti7 luglio 2010 05:08

    egr. Filippo,
    sarebbe degna di miglior causa la sua disquisizione linguistica ed etimologica, tesa -con grande affanno e dovizia di raffronti- a DIFENDERE L'INDIFENDIBILE !
    per il semplice motivo che a fronte di tutta la sua inutile difesa stanno i FATTI, cioè le immagini eloquentissime del famoso catechismo pubblicato su vari siti e riportato qui giorni fa: ma dica un po' sig. Filippo, lei l'ha letto o non l'ha letto il thread dove si è discusso di quest'OBBRORIO DEL CATECHISMO in cui si incitano i bambini all'inizio di "attività sessuali", da soli e con la guida di coloro che lei chiama
    AMICI DEI BIMBI ?
    Le devo riprotare qui il testo di quel thread, se lei non ha voglia di andare su quella pagina ?
    legga, allora, prima di difendere le cause perse:
    <span>"... negli anni Novanta il cardinale Danneels ha fatto adottare un abominevole testo di catechismo dal titolo Roeach, scritto dal prof. Jef Bulckens dell’Università Cattolica(!) di Lovanio e dal prof. Frans Lefevre del Seminario(!) di Bruges. Ecco come questo ‘catechismo’ spiega la sessualità dei bambini (che già... cosa c'entra col catechismo?): ad esempio con la fotografia, riprodotta qui sotto, <img></img>di una bambina nuda i cui fumetti dicono: ....... Un altro disegno mostra un bambino e una bambina nudi che ‘giocano al dottore’ e il maschietto che dice.....”. Altro disegno mostra tre tipi diversi di genitori. Sono <span>riprovati quelli con atteggiamenti puritani</span>; quelli con la dicitura: “Corretto” sono naturalmente coloro che così reagiscono: “Sì, .......è un bel divertimento” (se volete saperne di più di questa vicenda, e del rifiuto <span>sdegnoso di Danneels di ascoltare le proteste dei fedeli, </span>leggete qui).</span>
    --------------------------
    Dunque: proteste dei fedeli SCANDALIZZATI DA UN CATECHISMO SCHIFOSO, LURIDO, BESTIALE,
    CHE GRIDA VENDETTA AL COSPETTO DI DIO,
    catechismo che viene approvato dal Vescovo in questione, SORDO ALLE PROTESTE SDEGNATE E ALLARMATISSIME DEI GENITORI   ! ! !
    ....e lei egregio Filippo, di fronte a queste IMMANI SCHIFEZZE, pensa di dover difendere 
    i sostenitori di simili MOSTRUOSITA', infischiandosene di ciò che è PECCATO, SCANDALO PER I PICCOLI, ROVINA DELLE ANIME....
    e si permette anche di giocare con le parole per dire che i pedofili sono amici dei bimbi ???

    Ma lei sig. Filippo, vuole prendere in giro se stesso o tutti noi e le persone che ancora usano la ragione e il buon senso, prima ancora che la Fede ?
    O vuole far parte di quella schiera (in aumento) di ex-cristiani cattolici (e molti del clero) di cui si dovrà dire:
                               "DEUS DEMENTAT  QUOS   PERDERE  VULT" ? ?
    ---------
    PS....ma mi dica, sig. Filippo: LEI, ha figli  ?

    RispondiElimina
  76. sempre avanti7 luglio 2010 05:11

    <span>egr. Filippo,  
    sarebbe degna di miglior causa la sua disquisizione linguistica ed etimologica, tesa -con grande affanno e dovizia di raffronti- a DIFENDERE L'INDIFENDIBILE !  
    per il semplice motivo che a fronte di tutta la sua inutile difesa stanno i FATTI, cioè le immagini eloquentissime del famoso catechismo pubblicato su vari siti e riportato qui giorni fa: ma dica un po' sig. Filippo, lei l'ha letto o non l'ha letto il thread dove si è discusso di quest'OBBRORIO DEL CATECHISMO in cui si incitano i bambini all'inizio di "attività sessuali", da soli e con la guida di coloro che lei chiama  
    AMICI DEI BIMBI ?  
    Le devo riprotare qui il testo di quel thread, se lei non ha voglia di andare su quella pagina ?  
    legga, allora, prima di difendere le cause perse:  
    <span>"... negli anni Novanta il cardinale Danneels ha fatto adottare un abominevole testo di catechismo dal titolo Roeach, scritto dal prof. Jef Bulckens dell’Università Cattolica(!) di Lovanio e dal prof. Frans Lefevre del Seminario(!) di Bruges. Ecco come questo ‘catechismo’ spiega la sessualità dei bambini (che già... cosa c'entra col catechismo?): ad esempio con la fotografia, riprodotta qui sotto,  [ma l'immagine se la vada a vedere coi suoi occhi, sig. Filippo, IDEM DICASI PER LE DIDASCALIE, CHE SPIEGANO BENE  ciò che fa piacere agli amici dei bimbi-così da lei detti.....] di una bambina nuda i cui fumetti dicono: ....... Un altro disegno mostra un bambino e una bambina nudi che ‘giocano al dottore’ e il maschietto che dice.....”. Altro disegno mostra tre tipi diversi di genitori. Sono <span>riprovati quelli con atteggiamenti puritani</span>; quelli con la dicitura: “Corretto” sono naturalmente coloro che così reagiscono: “Sì, .......è un bel divertimento” (se volete saperne di più di questa vicenda, e del rifiuto <span>sdegnoso di Danneels di ascoltare le proteste dei fedeli, </span>leggete qui).</span>  
    --------------------------  
    Dunque: proteste dei fedeli SCANDALIZZATI DA UN CATECHISMO SCHIFOSO, LURIDO, BESTIALE,  
    CHE GRIDA VENDETTA AL COSPETTO DI DIO,  
    catechismo che viene approvato dal Vescovo in questione, SORDO ALLE PROTESTE SDEGNATE E ALLARMATISSIME DEI GENITORI   ! ! !  
    ....e lei egregio Filippo, di fronte a queste IMMANI SCHIFEZZE, pensa di dover difendere   
    i sostenitori di simili MOSTRUOSITA', infischiandosene di ciò che è PECCATO, SCANDALO PER I PICCOLI, ROVINA DELLE ANIME....  
    e si permette anche di giocare con le parole per dire che i pedofili sono amici dei bimbi ???  
     
    Ma lei sig. Filippo, vuole prendere in giro se stesso o tutti noi e le persone che ancora usano la ragione e il buon senso, prima ancora che la Fede ?  
    O vuole far parte di quella schiera (in aumento) di ex-cristiani cattolici (e molti del clero) di cui si dovrà dire:  
                               "DEUS DEMENTAT  QUOS   PERDERE  VULT" ? ?  
    ---------  
    PS....ma mi dica, sig. Filippo: LEI, ha figli  ?</span>

    RispondiElimina
  77. sempre avanti7 luglio 2010 06:06

    tanto per verificare l'uso comune ed acquisito uniformemente del vocabolo "pedofilo" in tutte le lingue europee:

    <span>"Police also confiscated 450 files containing <span>reports of pedophile offences by members of the clergy,</span> that had been submitted to an investigation committee which was established within the church to deal with pedophilia cases."</span>
    -----------------
    <span> ! "pedophile offences" !</span>

    http://www.brusselsjournal.com/node/4471
    (contenente l'art. relativo alla notizia delle indagini, riferente anche le catechesi "pedagogiche"....)

    RispondiElimina
  78. Fare ironia su un tema del genere, perchè immagino sia ironia, è di pessimo gusto, irrispettuoso per chi ha sofferto, soffre  e soffrirà purtroppo a causa di quei criminali che sono i pedofili.
    Penso che il signor Filippo, che fa sottili e dotte distinzioni di linguaggio, sappia leggere e capire l`italiano, penso abbia letto il thread e dunque sa esattamente il contenuto del lavori di quel "gruppo di lavoro".
    Ci sono delle situazioni, dei momenti,in cui bisognerebbe saper fermarsi prima di scrivere delle corbellerie.
    Ah, all`esimo linguista Filippo dico che l`accezione di quel termine è lo stessa  ovunque e cioè quella di un crimine orrendo.

    RispondiElimina
  79. E così dunque sarebbe stato un magazine inglese ad avere inviato quelle foto e documenti a Danneels per avere una sua reazione.

    ttp://www.lesoir.be/actualite/belgique/2010-07-07/le-dossier-dutroux-a-ete-envoye-par-un-magazine-anglais-780341.php

    RispondiElimina
  80. <span>E così dunque sarebbe stato un magazine inglese ad avere inviato quelle foto e documenti a Danneels per avere una sua reazione. 
     
    http://www.lesoir.be/actualite/belgique/2010-07-07/le-dossier-dutroux-a-ete-envoye-par-un-magazine-anglais-780341.php</span>

    RispondiElimina
  81. Andrea Carradori7 luglio 2010 08:18

    Quale orrore !
    Anche se tutte le notizie fossero false come si può associare il nome di un Principe della Chiesa, Primate, ad una così orrenda vicenda?
    Il predecessore del Primate emerito dicono che fosse sposato civilmente...
    la situazione è orrendamente disastrosa !!!

    RispondiElimina
  82. Renato Degnipatri7 luglio 2010 10:31

    Mi sembra mooooolto probabile.

    RispondiElimina
  83. Christus Spes Mea7 luglio 2010 11:50

    Il carcere e la chiave nel tombino?
    Perchè camparlo in carcere? Torniamo a una sana pena di morte per reati gravi come questi!

    RispondiElimina
  84. Christus Spes Mea7 luglio 2010 11:55

    A una bambina di undici anni che, dopo il suo ritorno da Roma, gli chiedeva, per un giornale dell'infanzia dell'emittente pubblica fiamminga VRT, quale nome avrebbe scelto se fosse stato eletto Papa, questa fu la risposta: "Mi sarebbe piaciuto essere Giovanni XXIV".
    Ma guarda un po!

    RispondiElimina
  85. Reazione visceralmente ma non razionalmente comprensibile.

    RispondiElimina
  86. E' preferibile il carcere, in modo che possa pentirsi. E se la giustizia civile lo assolve,  un monastero e il silenzio sarebbero indicati.

    RispondiElimina
  87. Christus Spes Mea7 luglio 2010 12:12

    Non sai quante persone si sono convertite sul patibolo per merito di alcuni Santi...

    RispondiElimina
  88. Se a 15 anni una ragazza va in auto con uno sconosciuto tanto più adulto e gli si offre in modi che richiedono notevole esperienza - un tempo appannaggio delle prostitute bolognesi -, no: il giudizio negativo coinvolge tutt'e due i protagonisti. Il prete è un infame e l'ho detto, e per lui vorrei una punizione esemplarmente pesante; la "regazzina" ha un cervellino e deve saperlo usare. Purtroppo di regazzine così anche le scuole abbondano, per amor dell'arte o per pochi spiccioli. Basta col falso buonismo. Chiamiamo le cose e le persone col loro nome. Io vedo cos'accade anche nei pressi della mia abitazione. Già si vuol dare il voto a 16 anni. A 15 queste figliole ne san più di quanto ne sapesssero quelli della mia generazione a 25!
    Diverso sarebbe stato e avrebbe dovuto essere il giudizio se fosse stata costretta con la violenza, cosa che da quanto riportato è da escludere. Inoltre ho chiamato in causa anche i genitori, che evidentemente niente han saputo dare alla regazzina. Alla quale auguro di cuore un cambiamento radicle di vita.

    RispondiElimina
  89. Se a 15 anni una ragazza va in auto con uno sconosciuto tanto più adulto e gli si offre in modi che richiedono notevole esperienza - un tempo appannaggio delle prostitute bolognesi -, no: il giudizio negativo coinvolge tutt'e due i protagonisti. Il prete è un infame e l'ho detto, e per lui vorrei una punizione esemplarmente pesante; la "regazzina" ha un cervellino e deve saperlo usare. Purtroppo di regazzine così anche le scuole abbondano, per amor dell'arte o per pochi spiccioli. Basta col falso buonismo. Chiamiamo le cose e le persone col loro nome. Io vedo cos'accade anche nei pressi della mia abitazione. Già si vuol dare il voto a 16 anni. A 15 queste figliole ne san più di quanto ne sapesssero quelli della mia generazione a 25!
    Diverso sarebbe stato e avrebbe dovuto essere il giudizio se fosse stata costretta con la violenza, cosa che da quanto riportato è da escludere. Inoltre ho chiamato in causa anche i genitori, che evidentemente niente han saputo dare alla regazzina. Alla quale auguro di cuore un cambiamento radicle di vita.

    RispondiElimina
  90. Se a 15 anni una ragazza va in auto con uno sconosciuto tanto più adulto e gli si offre in modi che richiedono notevole esperienza - un tempo appannaggio delle prostitute bolognesi -, no: il giudizio negativo coinvolge tutt'e due i protagonisti. Il prete è un infame e l'ho detto, e per lui vorrei una punizione esemplarmente pesante; la "regazzina" ha un cervellino e deve saperlo usare. Purtroppo di regazzine così anche le scuole abbondano, per amor dell'arte o per pochi spiccioli. Basta col falso buonismo. Chiamiamo le cose e le persone col loro nome. Io vedo cos'accade anche nei pressi della mia abitazione. Già si vuol dare il voto a 16 anni. A 15 queste figliole ne san più di quanto ne sapesssero quelli della mia generazione a 25!
    Diverso sarebbe stato e avrebbe dovuto essere il giudizio se fosse stata costretta con la violenza, cosa che da quanto riportato è da escludere. Inoltre ho chiamato in causa anche i genitori, che evidentemente niente han saputo dare alla regazzina. Alla quale auguro di cuore un cambiamento radicle di vita.

    RispondiElimina
  91. Se a 15 anni una ragazza va in auto con uno sconosciuto tanto più adulto e gli si offre in modi che richiedono notevole esperienza - un tempo appannaggio delle più navigate prostitute bolognesi -, no: il giudizio negativo coinvolge tutt'e due i protagonisti. Il prete è un infame e l'ho detto, e per lui vorrei una punizione esemplarmente pesante; la "regazzina" ha un cervellino e deve saperlo usare. Purtroppo di regazzine così anche le scuole abbondano, per amor dell'arte o per pochi spiccioli. Basta col falso buonismo. Chiamiamo le cose e le persone col loro nome. Io vedo cos'accade anche nei pressi della mia abitazione. Già si vuol dare il voto a 16 anni. A 15 queste figliole ne san più di quanto ne sapesssero quelli della mia generazione a 25!
    Diverso sarebbe stato e avrebbe dovuto essere il giudizio se fosse stata costretta con la violenza, cosa che da quanto riportato è da escludere. Inoltre ho chiamato in causa anche i genitori, che evidentemente niente han saputo dare alla regazzina. Alla quale auguro di cuore un cambiamento radicle di vita.

    RispondiElimina
  92. Se a 15 anni una ragazza va in auto con uno sconosciuto tanto più adulto e gli si offre in modi che richiedono notevole esperienza - un tempo appannaggio delle più navigate prostitute bolognesi -, no: il giudizio negativo coinvolge tutt'e due i protagonisti. Il prete è un infame e l'ho detto, e per lui vorrei una punizione esemplarmente pesante; la "regazzina" ha un cervellino e deve saperlo usare. Purtroppo di regazzine così anche le scuole abbondano, per amor dell'arte o per pochi spiccioli. Basta col falso buonismo. Chiamiamo le cose e le persone col loro nome. Io vedo cos'accade anche nei pressi della mia abitazione. Già si vuol dare il voto a 16 anni. A 15 queste figliole ne san più di quanto ne sapesssero quelli della mia generazione a 25!
    Diverso sarebbe stato e avrebbe dovuto essere il giudizio se fosse stata costretta con la violenza, cosa che da quanto riportato è da escludere. Inoltre ho chiamato in causa anche i genitori, che evidentemente niente han saputo dare alla regazzina. Alla quale auguro di cuore un cambiamento radicle di vita.

    RispondiElimina
  93. Se a 15 anni una ragazza va in auto con uno sconosciuto tanto più adulto e gli si offre in modi che richiedono notevole esperienza - un tempo appannaggio delle più navigate prostitute bolognesi -, no: il giudizio negativo coinvolge tutt'e due i protagonisti. Il prete è un infame e l'ho detto, e per lui vorrei una punizione esemplarmente pesante; la "regazzina" ha un cervellino e deve saperlo usare. Purtroppo di regazzine così anche le scuole abbondano, per amor dell'arte o per pochi spiccioli. Basta col falso buonismo. Chiamiamo le cose e le persone col loro nome. Io vedo cos'accade anche nei pressi della mia abitazione. Già si vuol dare il voto a 16 anni. A 15 queste figliole ne san più di quanto ne sapesssero quelli della mia generazione a 25!
    Diverso sarebbe stato e avrebbe dovuto essere il giudizio se fosse stata costretta con la violenza, cosa che da quanto riportato è da escludere. Inoltre ho chiamato in causa anche i genitori, che evidentemente niente han saputo dare alla regazzina. Alla quale auguro di cuore un cambiamento radicle di vita.

    RispondiElimina
  94. DANTE PASTORELLI7 luglio 2010 13:27

    Prego la REDAZIONE di cancellare i primi cinque in terventi dello stesso tenore partiti tra una connessione e una disonesione in serie.

    RispondiElimina
  95. DANTE PASTORELLI7 luglio 2010 13:28

    In tempo di santi.

    RispondiElimina
  96. Immaginavo che non sarei stato capito e che avrei suscitato qualche reazione leggermente "scomposta".
    Non sono un dotto nè un linguista, in ogni caso ribadisco che, a mio avviso, quel termine è ambiguo, tant'è che molte di queste persone, affette dalla patologia in questione, lo utilizzano anche per giustificare le pratiche erotiche effettuate a detrimento ( termine dotto)  del  sano sviluppo psico-fisico di  bambini.  Queste disgraziate persone sono pedoerotomani.
    Il disegnino osceno del catechismo belga, l'ho già visto e non mi serve riguardarlo. Visto che a molti piace fare di tutta l'erba un fascio,  costoro dovrebbero prendersela anche con l'attuale primate del Belgio, belga anch'egli, salutato poche settimane fa dalla stessa Redazione di questo Blog con un: " Evviva: mons Léonard nuovo Primate del Belgio ( e futuro Cardinale...)".  Non mi pare che mons. Léonard si sia dissociato dai suoi confratelli vescovi nè  che la sua voce si sia levata sdegnata contro le oscenità del catechismo belga; tral'altro, immagino che sia stato trattenuto ed interrogato dalla polizia insieme a tutti gli altri vescovi. Poi, vorrei capire cosa c'entra il cardinale Daneels col "mostro di Marcinelle". Su altri blog e forum c'è gente che pensa che Doutroux  fosse un vescovo od un prete "coperto dal Vaticano." Tutti questi pettegolezzi, questi sussurri per dire cosa?  se avete informazioni sicure parlate invece di gettare sospetti ed alimentare dicierie. Mi sembra  di essere ai tempi della caccia all'untore.

    RispondiElimina
  97. No, si sbaglia cara Luisa. Daneels è un porco modernista e pertanto anche un pervertito. 

    RispondiElimina
  98. <span>Immaginavo che non sarei stato capito e che avrei suscitato qualche reazione leggermente "scomposta".  
    Non sono un dotto nè un linguista, in ogni caso ribadisco che, a mio avviso, quel termine è ambiguo, tant'è che molte di queste persone, affette dalla patologia in questione, lo utilizzano anche per giustificare le pratiche erotiche effettuate a detrimento ( termine dotto)  del  sano sviluppo psico-fisico di  bambini.  Queste disgraziate persone sono pedoerotomani.  
    Il disegnino osceno del catechismo belga, l'ho già visto e non mi serve riguardarlo. Visto che a molti piace fare di tutta l'erba un fascio,  costoro dovrebbero prendersela anche con l'attuale primate del Belgio, belga anch'egli, salutato poche settimane fa dalla stessa Redazione di questo Blog con un: " Evviva: mons Léonard nuovo Primate del Belgio ( e futuro Cardinale...)".  Non mi pare che mons. Léonard si sia dissociato dai suoi confratelli vescovi nè  che la sua voce si sia levata sdegnata contro le oscenità del catechismo belga; tral'altro, immagino che sia stato trattenuto ed interrogato dalla polizia insieme a tutti gli altri vescovi. Poi, vorrei capire cosa c'entra il cardinale Daneels col "mostro di Marcinelle". Su altri blog e forum c'è gente che pensa che Dutroux  fosse un vescovo od un prete "coperto dal Vaticano." Tutti questi pettegolezzi, questi sussurri per dire cosa?  se avete informazioni sicure parlate invece di gettare sospetti ed alimentare dicierie. Mi sembra  di essere ai tempi della caccia all'untore.</span>

    RispondiElimina
  99. <span>No, si sbaglia cara Luisa. Danneels è un porco modernista e pertanto anche un pervertito. </span>

    RispondiElimina
  100. <span>È arrivato il tempo che Pietro alzi la voce e imponga la sua Autorità. Basta con le mezze misure, basta con tutto questo squallore. Non posssiamo e non vogliamo vedere tanta sporcizia, povera Chiesa e sopratutto povero Signore. Fuori tuttti questi farabutti criminali, si radrizzi finalmente la barca di Pietro; Caro e Dolcissimo Cristo in terra ormai è arrivato il tempo di fare giustizia, anche a costo di uno scisma.</span>
    <span>Proporrei mons. Falley e Gallareta come cardinali di Santa Romana Chiesa, e a quel paese tutti gli altri!!!  </span>

    RispondiElimina
  101. Redazione di Messainlatino.it7 luglio 2010 14:52

    Se c'è qualcuno che fa di tutta l'erba un fascio, sei tu Filippo. Che c'entra Léonard, che oltre ad essere all'epoca molto meno influente del primato belga, era, soprattutto, vescovo di una diocesi francofona, mentre quel catechismo era in fiammingo?
    Quanto ai sussurri contro Danneels, ti dice niente che ieri sia stato interrogato dal primo mattino alle 8 di sera? E sottoposto ad un imprevisto confronto (che, come chiunque può immaginare, presuppone contraddizioni e inverosimiglianze di una deposizione) con gli ex presidenti delle commissioni ecclesiastiche dio indagine sugli abusi?

    RispondiElimina
  102. E di cosa ti scandalizzi ?? Sarebbe stato strano se  come nome avesse scelto Pio XIII. E' un uomo coerente.

    RispondiElimina
  103.  Cristo fu interrogato, processato e crocifisso. Secondo la vostra logica doveva essere colpevole di qualcosa.

    RispondiElimina
  104. <span>
    <p>egr. Ospite (ore 12.00),
    </p><p>certo nessuno dovrebbe gioire per la dannazione di una sola anima al mondo, perchè anche per un solo uomo Gesù Cristo avrebbe sofferto la Sua Passione e Morte.
    </p><p>Ma è pur sempre il Signore che dice due cose ben chiare:
    1: "Dio non vuole la  morte del peccatore, ma<span> </span><span>che si converta<span> </span></span>e viva";
    </p><p>2:<span> </span><span>"Chi ama il fuoco in esso perirà";</span><span> </span>(il cerino= peccato del distruttore della retta Dottrina, come tutte le rivoluzioni violente tese ad abbattere i buoni edifici che reggono la società civile, cominciando dalla Chiesa, con la sua Teologia e Morale perenni, distruzione che alla fine divora i distruttori stessi: il pantoclasta citato dal bravo Moscardò....)
    </p><p>In tal senso si può comprendere la reazione di chi, di fronte allo sfacelo generale provocato dai pantoclasti, sbotta dicendo:
    </p><p>"Se uno vuole ostinatamente seguire il peccato distruttore, da quello stesso peccato sarà trascinato a perdizione, come un piromane che alla fine viene divorato dal suo incendio!"
    </p><p>ed è questo -se non si pente- il grosso rischio di <span>impenitenza finale</span>, quando il cuore è indurito e pietrificato nel male, incapace di convertirsi!
    </p></span>

    RispondiElimina
  105. bravissimo Pastorelli ! grazie!
    è ora di ricominciare a chiamare le cose col loro nome, soprattutto il peccato.
    Basta col BUONISMO che offende Nostro Signore perchè è falsa carità, che manda le anime a dannazione, poichè non ammonisce mai sul peccato e sulle sue conseguenze.
    E conviene ricordare che in tempi andati (ante 1962, ovviamente....) i bambini, PUR NON conoscendo gli aspetti "adulti" della vita (sessualità, con annessi morali finalizzati alla famiglia, o a-morali relativi al libertinaggio....),
    sapevano però BENISSIMO DISCERNERE IL BENE DAL MALE, e venivano educati a riconoscere -con intuito "spirituale" ben formato- CHI FOSSERO i seduttori di anime, i LUPI in veste di agnelli che potevano circuìrli e distruggerli, sia fisicamente che -soprattutto- moralmente e psicologicamente.
    L'educazione familiare cristiana sapeva quali parole usare per AVVERTIRLI DEI PERICOLI, ed essi imparavano per tempo la virtù della PRUDENZA  e quella fondamentale della CASTITA', nei pensieri, parole ed opere, fuggendo il più possibile i cattivi incontri, maestri, discorsi e immagini.
    I fanciulli di un tempo erano<span> casti e guardinghi</span>, cento volte più accorti contro i malvagi, da cui sapevano tenersi alla LARGA: non c'era bisogno di rivoltarsi nel FANGO, per sapere che esso sporca, e lo evitavano IN ANTICIPO, non come si fa oggi, che -dal muitico '68- si teorizza che bisogna sguazzarci per bene nel fango, per maturare, dicendo che bisogna fare TUTTE LE ESPERIENZE per crescere.
    Quelli erano astuti ed innocenti: col cuore puro e intatto si difendevano dalla corruzione che li insidiava, poichè erano cristianamente FORMATI; questi di oggi invece, pur essendo INFORMATISSIMI su tutti gli <span>aspetti materiali </span>del comportamento umano sessuale, non sanno e non vogliono astenersi dal peccato, perchè vien detto loro che è bene conoscere tutto  e SPERIMENTARE DI TUTTO.
    I genitori stessi, figli o nipoti ormai degli sciagurati slogan del '68 (amore libero, vietato vietare....) li spingono a fare quello che vogliono: poi si stupiscono di aver allevato dei begli animali selvaggi....
    HANNO PERSO L'INNOCENZA, per voler conoscere tutto, ma L'ESPERIENZA NON gli SERVE PIU' affatto A DIFENDERSI DAL MALE, come constatiamo in tanti crudeli e dolorosi fatti di cronaca !
    (E spero che ci siano ancora tante belle eccezioni a questa situazione generale !....)
    :(

    RispondiElimina
  106. <span>bravissimo Pastorelli ! grazie!  
    è ora di ricominciare a chiamare le cose col loro nome, soprattutto il peccato.  
    Basta col BUONISMO che offende Nostro Signore perchè è falsa carità, che manda le anime a dannazione, poichè non ammonisce mai sul peccato e sulle sue conseguenze.  
    E conviene ricordare che in tempi andati (ante 1962, ovviamente....) i bambini, PUR NON conoscendo gli aspetti "adulti" della vita (sessualità, con annessi morali finalizzati alla famiglia, o a-morali relativi al libertinaggio....),  
    sapevano però BENISSIMO DISCERNERE IL BENE DAL MALE, e venivano educati a riconoscere -con intuito "spirituale" ben formato- CHI FOSSERO i seduttori di anime, i LUPI in veste di agnelli che potevano circuìrli e distruggerli, sia fisicamente che -soprattutto- moralmente e psicologicamente.  
    L'educazione familiare cristiana sapeva quali parole usare per AVVERTIRLI DEI PERICOLI, ed essi imparavano per tempo la virtù della PRUDENZA  e quella fondamentale della CASTITA', nei pensieri, parole ed opere, fuggendo il più possibile i cattivi incontri, maestri, discorsi e immagini.  
    I fanciulli di un tempo erano<span> casti e guardinghi</span>, cento volte più accorti contro i malvagi, da cui sapevano tenersi alla LARGA: non c'era bisogno di rivoltarsi nel FANGO, per sapere che esso sporca, e lo evitavano IN ANTICIPO, non come si fa oggi, che -dal mitico '68- si teorizza che bisogna sguazzarci per bene nel fango, per maturare, dicendo che bisogna fare TUTTE LE ESPERIENZE possibili per crescere.  
    Quelli erano astuti ed innocenti: col cuore puro e intatto si difendevano dalla corruzione che li insidiava, poichè erano cristianamente FORMATI; questi di oggi invece, pur essendo INFORMATISSIMI su tutti gli <span>aspetti materiali </span>del comportamento umano sessuale, non sanno e non vogliono astenersi dal peccato, perchè vien detto loro che è bene conoscere tutto  e SPERIMENTARE DI TUTTO.  
    I genitori stessi, figli o nipoti ormai degli sciagurati slogan del '68 (amore libero, vietato vietare....) li spingono a fare quello che vogliono: poi si stupiscono di aver allevato dei begli animali selvaggi....  
    HANNO PERSO L'INNOCENZA, per voler conoscere tutto, ma L'ESPERIENZA NON gli SERVE PIU' affatto A DIFENDERSI DAL MALE, come constatiamo in tanti crudeli e dolorosi fatti di cronaca !  
    (E spero che ci siano ancora tante belle eccezioni a questa situazione generale !....)  
    :( </span>

    RispondiElimina
  107. DANTE PASTORELLI7 luglio 2010 16:40

    Se fosse stata a conoscenza ch'era un prete la "regazzina" non  sarebbe andata con lo sconosciuto: col prof. sì, col priore no, insomma. Essa rivela così che partiva con una prospettiva ben chiara. Mi auguro, ripeto, che questa esperienza la porti a riflettere e ad utilizzar sulla via del bene la capacità di discernimento che sembra non mancarle. E che trovi intorno a sé gente che con amore l'aiuti in questo cammino.
     
    Quanto agli adolescenti delle generazioni ormai lontane, condivido, pur senza crearmi mitiche epoche d'oro morale, quanto scritto da "DI PIU": Maria Goretti e Domenico Savio, oltre a Gabriele dell'Addolorata, ci eran presentati come modelli di vita santa. Non eravamo santi, noi: ma almeno sapevamo che non c'erano scusanti e attenuanti  alle nostre libere scelte di peccare. Debolezza. immaturità affettiva. Certo, certo, ma eravamo pienamente coscienti del male intrinseco dei nostri comportamenti. Non mancavano sporcaccioni che tentavan d'adescarci e sapevamo cosa da noi s'attendevano. Se qualcuno c'è cascato non è accaduto per il destino cinico e baro.

    RispondiElimina
  108. DANTE PASTORELLI7 luglio 2010 16:40

    Se fosse stata a conoscenza ch'era un prete la "regazzina" non  sarebbe andata con lo sconosciuto: col prof. sì, col priore no, insomma. Essa rivela così che partiva con una prospettiva ben chiara. Mi auguro, ripeto, che questa esperienza la porti a riflettere e ad utilizzar sulla via del bene la capacità di discernimento che sembra non mancarle. E che trovi intorno a sé gente che con amore l'aiuti in questo cammino.
     
    Quanto agli adolescenti delle generazioni ormai lontane, condivido, pur senza crearmi mitiche epoche d'oro morale, quanto scritto da "DI PIU": Maria Goretti e Domenico Savio, oltre a Gabriele dell'Addolorata, ci eran presentati come modelli di vita santa. Non eravamo santi, noi: ma almeno sapevamo che non c'erano scusanti e attenuanti  alle nostre libere scelte di peccare. Debolezza. immaturità affettiva. Certo, certo, ma eravamo pienamente coscienti del male intrinseco dei nostri comportamenti. Non mancavano sporcaccioni che tentavan d'adescarci e sapevamo cosa da noi s'attendevano. Se qualcuno c'è cascato non è accaduto per il destino cinico e baro.

    RispondiElimina
  109. DANTE PASTORELLI7 luglio 2010 16:41

    Se fosse stata a conoscenza ch'era un prete la "regazzina" non  sarebbe andata con lo sconosciuto: col prof. sì, col priore no, insomma. Essa rivela così che partiva con una prospettiva ben chiara. Mi auguro, ripeto, che questa esperienza la porti a riflettere e ad utilizzar sulla via del bene la capacità di discernimento che sembra non mancarle. E che trovi intorno a sé gente che con amore l'aiuti in questo cammino.
     
    Quanto agli adolescenti delle generazioni ormai lontane, condivido, pur senza crearmi mitiche epoche d'oro morale, quanto scritto da "DI PIU": Maria Goretti e Domenico Savio, oltre a Gabriele dell'Addolorata, ci eran presentati come modelli di vita santa. Non eravamo santi, noi: ma almeno sapevamo che non c'erano scusanti e attenuanti  alle nostre libere scelte di peccare. Debolezza. immaturità affettiva. Certo, certo, ma eravamo pienamente coscienti del male intrinseco dei nostri comportamenti. Non mancavano sporcaccioni che tentavan d'adescarci e sapevamo cosa da noi s'attendevano. Se qualcuno c'è cascato non è accaduto per il destino cinico e baro.

    RispondiElimina
  110. Oltre a tutto ciò, io proporrei di infilargli in paletto di frassino nel cuore e di decapitarlo.

    RispondiElimina
  111. Filippo, non so dove vuole arrivare, ma una cosa è certa lei ripete corbellerie su corbellerie.
    Studi piuttosto il dossier Dutroux, quello del vescovo di Bruges,quello delle centinaia  di preti pedofili belgi, denunciati senza risultato presso Danneels, che oggi dice non ricordarsi...
    Sì i preti belgi, il vescovo di Bruges, sono tutti dei porci, dei criminali, dei pedofili che hanno infangato la Chiesa, distrutto le vite di tanti innocenti, e sono tutti modernisti.

    RispondiElimina
  112. <span>Filippo, non so dove vuole arrivare, ma una cosa è certa lei ripete corbellerie su corbellerie. 
    Studi piuttosto il dossier Dutroux, quello del vescovo di Bruges,quello delle centinaia  di preti pedofili belgi, denunciati senza risultato presso Danneels, che oggi dice non ricordarsi... 
    Sì i preti belgi, il vescovo di Bruges, sono tutti dei porci (riprendo il suo vocabolario), dei criminali, dei pedofili che hanno infangato la Chiesa, distrutto le vite di tanti innocenti, e sono tutti modernisti.</span>

    RispondiElimina
  113. Fammi capire, cara Redazione, mons. Léonard, sta in Belgio, era in riunione con gli altri vescovi belgi  il giorno della retata della polizia, ma siccome è fraconfono non dovrebbe saper nulla del porno-catechismo, nonostante ne abbia parlato pure la stampa belga. Ora si spiega anche il silenzio del Vaticano! E già, in vaticano non ci stanno fiamminghi e nemmeno in Vallonia.
    Anche se fosse stato un semplice prete di campagna avrebbe potuto far sentire la sua voce. Nella chiesa conciliare non hanno forse pure i laici diritto a farsi sentire?  

    RispondiElimina
  114. DANTE PASTORELLI7 luglio 2010 16:53

    C'è qualcosa che non funziona nel mio PC. Mi scuso per questi commenti che van per i fatti propri. Inoltre non appare la scritta "delete" per cui non posso rimediare. CI PENSI LA REDAZIONE A CANCELLARE I DOPPIONI

    RispondiElimina
  115. <span>sapevamo che non c'erano scusanti e attenuanti  alle nostre libere scelte di peccare. </span>
    <span>eravamo pienamente coscienti del male intrinseco dei nostri comportamenti. </span>
    ---------------
    sì,e era esattamente questo che volevo dire, senza pretendere di mitizzare le epoche passate.
    Ma le pare niente la differenza in ciò:
    - sapere che non c'erano scusanti (se non forse talune "attenuanti", da valutare in confessione....) alle libere scelte,
    - essere coscienti del MALE intrinseco dei comportamenti ,
    che  si chiama educazione al DISCERNIMENTO E ALLA RESPONSABILITA' ?
    Le risulta che si insegnino ancora queste cose (escludendo certamente immagino la sua famiglia e poche altre....) ?
    sono i giovani di oggi consapevoli della differenza tra BENE E MALE, nel relativismo morale imperante ?
    Non son venuti forse sulle cattedre dei maestri di utopia a dire che TUTTO VA BENE, se il mio IO DECIDE CHE QUELL'AZIONE E' BUONA PER ME, e quindi non "giudicabile"=non condannabile  ?
    Non intendevo affatto dire che la società fosse un paradiso, nè che giovani e vecchi fossero santi, figurarsi !....
    ma sapevamo bene DOVE FOSSE E CHI FOSSE LA FONTE DELLA GIUSTIZIA E DELLA SANTITA' : questa è la grande differenza con la società di oggi, che ne ha smarrito l'ubicazione e il nome, anche in chiesa, tra i pastori,
    come vediamo !

    RispondiElimina
  116. <span><span>sapevamo che non c'erano scusanti e attenuanti  alle nostre libere scelte di peccare. ( </span> .....)
    <span>eravamo pienamente coscienti del male intrinseco dei nostri comportamenti. </span>  
    ---------------  
    sì:  era esattamente questo che volevo dire, senza pretendere di mitizzare le epoche passate.  
    Ma le pare niente la differenza in ciò ?
    - sapere che non c'erano scusanti (se non forse talune "attenuanti", da valutare in confessione....) alle libere scelte,  
    - essere coscienti del MALE intrinseco dei comportamenti ,  
    che  si chiama educazione al DISCERNIMENTO E ALLA RESPONSABILITA' ?  
    Le risulta che si insegnino ancora queste cose (escludendo certamente immagino la sua famiglia e poche altre....) ?  
    sono i giovani di oggi consapevoli della differenza tra BENE E MALE, nel relativismo morale imperante ?  
    Non son venuti forse sulle cattedre dei maestri di utopia a dire che TUTTO VA BENE, se il mio IO DECIDE CHE QUELL'AZIONE E' BUONA PER ME, e quindi non "giudicabile"=non condannabile  ?  
    Non intendevo affatto dire che la società fosse un paradiso, nè che giovani e vecchi fossero santi, figurarsi !....  
    ma sapevamo bene DOVE FOSSE E CHI FOSSE LA FONTE DELLA GIUSTIZIA E DELLA SANTITA' : questa è la grande differenza con la società di oggi, che ne ha smarrito l'ubicazione e il nome, anche in chiesa, tra i pastori,  
    come vediamo !</span>
    <span></span><span><span> – </span>Edit</span><span><span> – </span>Moderate</span>

    RispondiElimina
  117. <span><span><span>sapevamo che non c'erano scusanti e attenuanti  alle nostre libere scelte di peccare. ( </span> .....)  
    <span>eravamo pienamente coscienti del male intrinseco dei nostri comportamenti. </span>    
    ---------------    
    sì:  era esattamente questo che volevo dire, senza pretendere di mitizzare le epoche passate.    
    Ma le pare niente la differenza in ciò ?  
    - sapere che non c'erano scusanti (se non forse talune "attenuanti", da valutare in confessione....) alle libere scelte,    
    - essere coscienti del MALE intrinseco dei comportamenti ,    
    che  si chiama educazione al DISCERNIMENTO E ALLA RESPONSABILITA' ?    
    Le risulta che si insegnino ancora queste cose (escludendo certamente, immagino, la sua famiglia, con i suoi figli e nipoti, e poche altre....) ?    
    sono i giovani di oggi consapevoli della differenza tra BENE E MALE, nel relativismo morale imperante ?    
    Non son venuti forse sulle cattedre dei maestri di utopia a dire che TUTTO VA BENE, se il mio IO DECIDE CHE QUELL'AZIONE E' BUONA PER ME, e quindi non "giudicabile"=non condannabile  ?    
    Non intendevo affatto dire che la società fosse un paradiso, nè che giovani e vecchi fossero santi, figurarsi !....    
    ma sapevamo bene DOVE FOSSE E CHI FOSSE LA FONTE DELLA GIUSTIZIA E DELLA SANTITA' : questa è la grande differenza con la società di oggi, che ne ha smarrito l'ubicazione e il nome, anche in chiesa, tra i pastori,    
    come vediamo !</span> 
    </span>

    RispondiElimina
  118. .....<span><span>e sono tutti modernisti, guarda caso: perchè -evidentemente- NON è un caso, ma semplicemente un sistema di pensiero nel quale la Verità si deve evolvere secondo le mode e  il capriccio dell'uomo, e<span> il bene e il male non esistono, </span>sono sovrastrutture al servizio dell'antico "potere clericale" ! </span></span>
    <span><span>tutte le azioni oggi sono insindacabili, la Legge morale dei 10 comandamenti è superata, adatta ad immaturi, non all'uomo d'oggi, arbitro e giudice assoluto nel suo IO di ogni sua azione, di cui  non deve rendere conto nè a Dio nè alla società !</span></span>
    La Legge morale naturale, sia per gli atei sia per i cattolici adulti, è tutta da interpretare ....a Soggetto = ognuno come crede opportuno!
    ...e che cosa ha a che fare questo pensiero con la morale cristiana, derivata dal Vangelo ? solo questo: che il Vangelo si deve "modernizzare", e Gesù Cristo anche si dovrà evolvere secondo il pensiero modernista, accettando l'immoralità dilagante....perchè secondo costoro, <span>tutto si fa in nome della libertà dell'"amore" </span>!....
    .....QUALE ? ? ? ?!

    RispondiElimina
  119. e quindi si è capaci e pronti a fare "di tutto e di più" senza freni: perchè solo i bambini avrebbero bisogno di limiti, gli adulti NON ne hanno bisogno, sono liberi da ogni vincolo di legge morale !

    RispondiElimina
  120. Però  che dialettica intelligente hanno questi modernisti, capaci di dire "n`importe quoi", pur di difendere un prelato moderrnista che ha contribuito largamente, come il suo predecessore, non solo a ridurre  la Chiesa Belga all`agonia ma a fare di ciò che resta uan specie di scheggia impazzita e fuori controllo.
    Capaci  anche di tirare in ballo un cardinale che taluni definiscono tradizionalista (non io) per tentare di minimizzare  le responsabilità di Danneels: il che da qualcosa del  genere: "e il vostro cardinale tradizionalista che cosa ha fatto"?
    Lamentable, vraiment.

    RispondiElimina
  121. <span>
    <span>Però  che dialettica intelligente hanno questi modernisti, capaci di dire "n`importe quoi", pur di difendere un prelato modernista che ha contribuito largamente, come il suo predecessore, non solo a ridurre la Chiesa Belga all`agonia ma a fare di ciò che resta una specie di scheggia impazzita e fuori controllo. 
    Capaci  anche di tirare in ballo un cardinale che taluni definiscono tradizionalista (non io) per tentare di minimizzare  le responsabilità di Danneels: il che da qualcosa del  genere: "e il vostro cardinale tradizionalista che cosa ha fatto"? 
    Lamentable, vraiment. </span></span>

    RispondiElimina
  122. No, no, non dico che non sia niente, anzi è veramente molto. Sapevamo che quel comportamento era contro la legge di Dio Non avevamo attenuanti, non ce le creavamo e nessuno ce le forniva, ma trovavamo la misericordia del confessore. Oggi si creano attenuanti d'ogni genere , ma a 15 anni, nei limiti della propria crescita intellettuale, si può ben discernere il bene dal male. Il fatto è che nessuno più dice che che un determinato comportmento è male, t'imbecherano, in TV e su riviste, che si tratta di esperienze che maturano. Ed uno segue la "moda". Ma quanti davvero sono in uno stato d'ignoranza invincibile?

    RispondiElimina
  123. il Papa va in vacanza, caro mio

    RispondiElimina
  124. Se parli di me, non sono modernista nè tradizionalista e nemmeno cattolico, protestante, musulmano, ebreo etc... Sono uno che prova affetto per la Chiesa, una Chiesa che forse non esiste più. Mi d<span>i</span>spiacerebbe se la Chiesa scomparisse. Un tempo sono stato un integralista cattolico.

    RispondiElimina
  125. Lo so, dico corbellerie, pazienza. Vorrei sapere come mai non avete lapidato anche il cardinale Bernard Law o tutti gli altri vescovi del mondo che non hanno denunciato alla polizia i preti pedofili delle loro diocesi. Forse perché il cardinale Law, avendo assistito ad un pontificale tridentino, è stato santificato ipso facto? E' possibile. In ogni caso, Danneels non è stato ancora condannato per  alcun reato, se avverrà lo crocifiggeremo e gli daremo fuoco. La cosa strana è che qui c'è gente che si dichiara vicina al papa, il quale però, a sua volta, manifesta la sua vicinanza ai vescovi belgi ......

    RispondiElimina
  126. <span>Lo so, dico corbellerie, pazienza. Vorrei sapere come mai non avete lapidato anche il cardinale Bernard Law o tutti gli altri vescovi del mondo che non hanno denunciato alla polizia i preti pedofili delle loro diocesi. Forse perché il cardinale Law, avendo assistito ad un pontificale tridentino, è stato santificato ipso facto? E' possibile. In ogni caso, Danneels non è stato ancora condannato per  alcun reato, se avverrà lo crocifiggeremo e gli daremo fuoco. La cosa strana è che qui c'è gente che accusa l'episcopato belga di eresia e di complicità coi pedoerotomani e che, allo stesso tempo,  si dichiara vicina al papa, il quale però, a sua volta, manifesta la sua vicinanza ai vescovi belgi ......</span>
    Today, 21.19.37<span><span><span>– </span></span><span>Flag</span></span><span><span><span> – </span></span><span>Mi piace</span></span><span><span><span> – </span></span><span>Reply</span></span><span><span><span> – </span></span><span>Delete</span></span><span><span><span> – </span></span><span>Edit</span></span><span><span><span> – </span></span><span>Moderate</span></span>

    RispondiElimina
  127. Perhchè, non può? Ci vanno tutti. Non sta andando  mica  alle Male Dive o alle Sei Ascelle. Con tutte le cose a cui deve pensare! Lasciatelo riposare un pochino questo povero Vicario di Cristo ! ;)

    RispondiElimina
  128. Veramente, almeno io ho scritto che non si posson dare arcipreture di basiliche romane a personaggi screditati, proprio faceno il nome di Law.

    RispondiElimina
  129. DANTE PASTORELLI8 luglio 2010 00:18

    <span>Veramente, almeno io ho scritto che non si posson dare arcipreture di basiliche romane a personaggi screditati, proprio facendo il nome di Law.</span>
    <span>Inoltre il caso Law risale a tempi anteriori all'apertura di questo blog.</span>

    RispondiElimina
  130. Adesso capisco meglio certe affermazioni che non campano nè in cielo  nè in terra.

    RispondiElimina
  131. Interessante analisi del proefessor Agnoli:

    http://www.ilfoglio.it/soloqui/5693

    RispondiElimina
  132. <span>Interessante analisi del professor Agnoli: 
     
    http://www.ilfoglio.it/soloqui/5693</span>

    RispondiElimina
  133. Vedo che  Filippo è così fiero dei suoi commenti da mettersi un "mi piace" o anche due...

    RispondiElimina
  134. Ho letto l'articolo del Prof. Agnoli, lo trovo molto profondo ed equilibrato, lo condivido punto per punto.
    don Bernardo

    RispondiElimina
  135. Non sono mai fiero di ciò che faccio o dico.

    RispondiElimina
  136. Non sono nemmeno ateo. Immagino che tu soffra nel non potermi dare un'etichetta od un marchio identificativo.

    RispondiElimina
  137. Sì, è vero. Mi ricordo.

    RispondiElimina
  138. Grazie infinite a Luisa per averci segnalato l'art. di Agnoli sul Foglio: veramente perfetto e, come dice don Bernardo, completamente condivisibile. Mi permetto di aggiungere solo un riferimento storico. Il Regno del Belgio è nato dall'iniziativa di valloni e fiamminghi cattolici stanchi delle prepotenze degli olandesi protestanti. Scomparso il cattolicesimo, che era l'unico collante che teneva insieme due stirpi così diverse come valloni e fiamminghi, oggi il Belgio è prossimo a far la fine della Jugoslavia. E' un po' il paradosso della nostra Italietta. Il cosiddetto Risorgimento ha fatto l'unità d'Italia combattendo la Chiesa, mentre il cattolicesimo era l'unica cosa che avevano in comune i lombardi con gli umbri e i calabresi. Se non siamo ancora arrivati al punto dei belgi è solo grazie al fatto che da noi, nonostante tanti chierici, il cattolicesimo c'è ancora. 

    RispondiElimina
  139. http://www.zenit.org/article-23110?l=italian
    Prove false contro la Chiesa in Belgio


    Un quotidiano crea un collegamento con il caso dell'assassino seriale Dutroux


    BRUXELLES, mercoledì, 7 luglio 2010 (ZENIT.org).- Gli investigatori della Giustizia belga non hanno trovato alcun documento che colleghi l'Arcivescovado di Bruxelles con il caso del pederasta e assassino Marc Dutroux, ha rivelato questo mercoledì l'avvocato dell'Arcivescovado Fernand Keuleneer durante una conferenza stampa.
    Il rappresentante legale ha convocato l'incontro per rispondere alle informazioni diffuse il 6 luglio dal quotidiano fiammingo “Het Laatste Nieuws”, secondo cui nella perquisizione dell'Arcivescovado del 24 giugno da parte della Giustizia belga sarebbero stati trovati documenti sul caso “Julie e Melissa”, due bambine sequestrate, torturate, abusate sessualmente e assassinate nel 1995 dall'omicida seriale Dutroux.
    La notizia del presunto ritrovamento ha fatto il giro delle redazioni giornalistiche del mondo. Visto che sempre questo martedì il Cardinale Godfried Danneels, di 77 anni, Arcivescovo emerito di Malines-Bruxelles, è stato interrogato per dieci ore negli uffici della Polizia Giudiziaria Federale della capitale, alcuni media hanno visto in questo un rapporto diretto.
    La Procura di Bruxelles ha confermato questo mercoledì che non esistono accuse contro il Cardinale Danneels, anche se Jos Colpin, portavoce del procuratore, non ha escluso che l'ex primate del Belgio venga nuovamente chiamato a testimoniare.
    Il portavoce della Procura ha anche confermato che i documenti sul caso Dutroux in realtà non erano altro che un DVD “che, tra le altre cose, circola da tempo nelle redazioni”.
    Un comunicato diffuso da Keuleneer spiega che, come avvocato dell'Arcivescovado, ha inviato questo mercoledì un messaggio alla Giustizia belga con domande molto precise dopo la presunta fuga di notizie provocata dal quotidiano fiammingo.
    “Le informazioni apparse su 'Het Laatste Nieuws' provengono da persone incaricate dell'indagine? Se è così, perché sono state rese pubbliche? Queste informazioni sono corrette? Se è così, i documenti menzionati in questo articolo sono stati trovati negli archivi? Non abbiamo ricevuto l'inventario dei documenti in possesso della Giustizia”.
    “Avete un'idea della persona dalla quale sono saltati fuori questi documenti e di come sono stati trovati negli archivi?”, prosegue l'avvocato dell'Arcivescovado.
    “Finora non c'è stata risposta a questa lettera per quanto riguarda queste domande”, ha spiegato Keuleneer.
    “Di fronte alla mancanza di informazioni, l'Arcivescovo si è visto costretto a comunicare in base alle informazioni di cui è in possesso. Dopo un'indagine interna, non si tratterebbe di dossier in formato cartaceo”, come ha fatto intendere il quotidiano fiammingo, “ma di CD-rom che erano stati inviati da una persona ben nota alla stampa e all'Arcivescovado”.
    “Come menziona oggi la stampa, questi CD-rom sono stati inviati, durante il caso Dutroux, a giornalisti giudiziari, politici e altre cariche del Paese. Non si tratterebbe, quindi, di un 'ritrovamento unico'”.
    “Sarebbe deplorevole che un''informazione' sotto il segreto professionale sia stata comunicata volontariamente alla stampa da persone legate all'indagine per fare sensazione”, deplora l'avvocato dell'Arcivescovado.
    “Ciò non contribuirebbe alla serenità dell'indagine – conclude –. I Vescovi del Belgio desiderano collaborare correttamente con la Giustizia. Desiderano contribuire rispondendo alle domande degli investigatori, e non reagendo ad articoli di stampa”.

    RispondiElimina
  140. <span>Allora diciamo che ti piacci molto, e i tuoi commenti pure!    :-D </span>

    RispondiElimina
  141. <span>Allora diciamo che ti piacci molto, e i tuoi commenti pure!    :-D </span>

    RispondiElimina
  142. Oh...non sa quanto io soffra, il dolore è assolutamente insopportabile!
    Suvvia i suoi commenti non hanno semplicemente nè capo nè piede! 
    Tutto qui. ;)

    RispondiElimina
  143. No, assolutamente. Non mi piaccio affatto. Soffro di gravi complessi di inferiorità.

    RispondiElimina
  144. Fra' Filippo da Varagine9 luglio 2010 00:00

    Mah, io penso che ci sia lo zampino della Massoneria. Danneels è sicuramente complice del mostro di Marcinelle, ma siccome i framassoni belgi sono in combutta coi vescovi modernisti e coi pedoerotomani, hanno fatto sparire le prove. I "sussurri" che lo hanno condannato venivano direttamente da Dio. Così è stato detto, così è stato scritto. D'altronde, se uno è mordernista può essere  capace di tutto.

    RispondiElimina
  145. Ma dai Filippo!
    Iscriviti ad un corso di teatro,son sicura che saresti eccellente !  ;)

    RispondiElimina
  146. <span>Allora, caro Filippo, come già ti ho suggerito più sotto, iscriviti ad un corso di teatro, vedrai che le tue doti naturali ne usciranno magnificate. 
    Non penso invece che questo blog di cattolici "tradizionalisti" sia il luogo ideale per surmontare i tuoi gravi complessi di inferiorità, hai bisogno di una scena più ampia e più adatta al tuo talento che forse ignori ancora!  <span> ;) </span></span>

    RispondiElimina
  147. Redazione di Messainlatino.it9 luglio 2010 10:34

    Caro Filippo novello predicatore,
    attenzione con i "sicuramente"... per certe accusa giova portare prove concretissime, oppure andarci - verbalmente - un pò più prudenti.

    Lorenzo

    RispondiElimina
  148. Renzo, tu sei nuovo? Mi sa che non leggi tutti i commenti ;)

    RispondiElimina
  149. Fra' Filippo da Varagine9 luglio 2010 15:23

    Grazie , cara Luisa. In effetti non sei la prima a darmi questo consiglio. Però sono troppo timido per esibirmi su di un palcoscenico. Inoltre il mio Super-io è molto potente  e mi impedisce di adeguarmi ad un ambiente, come quello del teatro, che lui giudica troppo corrotto e disinibito. Pertanto, fin quando non verrò cacciato, continuerò a sollazzarmi in questo simpatico blog che mi fa ricordare i bei tempi in cui ero un adolescente integralista, quando essere tradizionalisti non faceva tanto chic come oggi. In effetti sono portato a fare l'avvocato del diavolo. Quando qualcuno parla male della Chiesa, prendo le parti di quest'ultima, viceversa, in ambienti  benpensanti e pedanti, cerco di difendere coloro che vengono additati per la loro condotta riprovevole.  Forse sono così perché il mio Io si è scisso, non saprei. Ormai conduco una malinconica esistenza da......tradizionalista emerito. God bless You, dear Aloise ;)

    RispondiElimina
  150. Non mi dai l`impressione di essere  così malinconico, ma piuttosto un burlone, "qui se fiche totalement de ce blog et de ceux qui écrivent", vedi tu, mi sembra un pò sterile e vuota come "démarche", tempo perso per te, ma sopratutto per chi ti legge.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.