domenica 27 giugno 2010

La progressista Chiesa belga riceve la sua ricompensa

In questa storia abietta non ci sono i buoni e i cattivi. Sono tutti cattivi o, nel migliore dei casi, men che mediocri. Negli alti ranghi si salva solo mons. Léonard, già vescovo di Namur e da poco arcivescovo di Malines-Bruxelles e nuovo primate, la cui figura giganteggia su tutti gli altri, anche se in buona parte per effetto della bassezza degli altri.

Sapete ormai tutti che la magistratura belga (la stessa che, ai tempi dell’efferato caso Dutroux, il pedofilo assassino seriale, condusse le indagini in modo da coprire gli ambienti politici colpiti dallo scandalo) ha montato una sceneggiata che è peggio che grottesca: una ‘retata’ di tutta la conferenza episcopale belga riunita in arcivescovado a Malines, tenendo i presuli sequestrati dal mattino alla sera e requisendo loro computer e perfino telefonini; perquisizione domiciliare a casa dell’emerito Danneels; e soprattutto – e la cosa ha davvero dell’incredibile – profanazione delle tombe di due cardinali per cercare chissà quali documenti seppelliti con loro (fatti gravissimi che, si dica per inciso, in altri tempi avrebbero comportato la "sospensione" dei rapporti diplomatici tra S. Sede e Governo del Belgio, col ritiro del Nunzio e la convocazione dell'Ambasciatore belga). E poi i belgi si lamentano di far la figura dei gonzi nelle barzellette: non è venuto in mente ai solerti sbirri e ai loro mandanti togati che per fare sparire documenti ci sarebbero mezzi molto più semplici ed efficaci che infilarli nelle tombe (il fuoco, ad esempio, o semplici trituratori di carta). E infatti, come ovvio, nelle tombe han trovato solo ossa, tra cui quelle del grande protagonista del Concilio, il progressistissimo card. Suenens. Ma, del resto, tutto è stato studiato per assestare il massimo danno di immagine ad una Chiesa, che di immagine da salvare ne ha già poca: dal nome dell’operazione di polizia (“Operazione Chiesa”), alla contestazione del reato di associazione per delinquere. La Chiesa, cioè, viene del tutto ufficialmente accusata di essere un’associazione “di malfattori” finalizzata allo stupro di minorenni.

Il mondo secolare sferra il suo attacco alla giugulare di una Chiesa che pur da quarant’anni non fa che cantare le lodi di quel mondo, cercando di vellicarlo e adularlo a tutti i costi, e in particolare a costo della Fede. E’ noto infatti che l’episcopato belga dal Concilio in poi gareggia con l’Olanda a chi si fa interprete più audace dello Spirito del Concilio (nel Belgio fiammingo, la percentuale di preti contrari al celibato è l’80%, e il 56% è per l’ordinazione femminile; senza contare il sostegno alle cause gay e divorziste; per contro la pratica religiosa del fu cattolico Belgio ha conosciuto un crollo spettacolare, peggiore perfino della Francia). E ora i vescovi belgi, servi infedeli e rinnegati di Nostro Signore, ricevono la loro giusta ricompensa da quello stesso 'mondo moderno' che hanno indecorosamente corteggiato.

Siamo ingenerosi ed eccessivi? Giudicate voi, da alcuni fatti che non sono che la punta dell’iceberg.

- Nelle settimane scorse, si è dovuto dimettere il vescovo di Bruges Roger Vangheluwe che era alla guida di quella diocesi dal 1984 (nella foto: la tenuta già vi dice di che idee progressiste fosse). Ventisei anni di rovina. Ecco che cosa lo stesso ha confessato: Quando ero ancora un semplice sacerdote e per un certo tempo all'inizio del mio episcopato ho abusato sessualmente di un giovane dell'ambiente a me vicino”. Attenzione quindi: questo qui non è accusato, come moltissimi suoi colleghi, di avere scriteriatamente trasferito parroci pedofili, o di averli coperti: questo qui lo stupro sodomita su minorenni lo praticava in proprio. E, tra l’altro, sul nipote: anche una pennellata di incesto non guasta in tanto squallore.

- Nell’ospedale Saint Andrien di Tielt il cappellano, per vent’anni, ha abusato sessualmente di donne con problemi psichici, o addirittura in coma. Quasi un necrofilo, insomma. Un altro prete, Norbert Bethune, ne riferì anni dopo… al vescovo di Bruges. Che non essendo senza peccato, come si è visto, naturalmente non tirò nessuna pietra al colpevole.

- Il sacerdote Rik Devillé, le cui accuse alla magistratura sono all’origine di questa tempesta, racconta di aver raccolto numerosissime testimonianze e denunce, che ha comunicato all’arcivescovo Danneels senza risultato. Egli riferisce che su 300 casi, solo 15 sono stati debitamente approfonditi e tutti si sono conclusi con semplici spostamenti dei colpevoli.

- E’ a Liegi che fu istituita nel Medio Evo la processione del Corpus Domini, poi estesa a tutta la cristianità. Dal Concilio in poi, essa è stata ovviamente abolita: tutte le processioni, specie nel Nordeuropa, sono considerate come tipicamente preconciliari, superstiziose, pagane, ostacolo all’abbraccio ecumenico coi nostri fratelli separati (protestanti). Quest’anno però un comitato spontaneo ha voluto riesumare quell’antica tradizione, proprio a Liegi. Ecco come ha reagito il vescovo della città, mons. Jousten, che naturalmente ha rifiutato di partecipare alla processione (attenzione, quelle che seguono sono le sue parole alla lettera, per incredibile che ciò appaia): “Io mi domando semplicemente se hanno riflettuto a sufficienza al significato che potrebbe avere una tale processione. Una processione esprime forse la nostra fede? Oppure si vuole manifestare piuttosto davanti agli altri quale è la nostra fede? Allora, per me, il significato di una processione è in primo luogo una professione di fede dei cristiani, tra cristiani [..] La domanda che mi pongo è, precisamente, quale può essere l’impatto di una tale processione sulla popolazione, che vede sfilare dei cristiani”. Queste affermazioni per noi sono ancora più gravi delle negligenze nel prevenire comportamenti sessualmente devianti: sono la prova che un vescovo ha perso la fede, o quanto meno ogni senso della finalità della sua carica.

- E sempre sotto questo profilo: che dire del fatto che, a Charleroi, la parrocchia di Saint-Lambert diventa una moschea tutti i venerdì, per consentire ai musulmani di pregare Allah, mentre i simboli cristiani vengono coperti con lenzuola? Senza, naturalmente, che nessuno trovi nulla a ridire?

- E per concludere: negli anni Novanta il cardinale Danneels ha fatto adottare un abominevole testo di catechismo dal titolo Roeach, scritto dal prof. Jef Bulckens dell’Università Cattolica(!) di Lovanio e dal prof. Frans Lefevre del Seminario(!) di Bruges. Ecco come questo ‘catechismo’ spiega la sessualità dei bambini (che già... cosa c'entra col catechismo?): ad esempio con la fotografia, riprodotta qui sotto, di una bambina nuda i cui fumetti dicono: “Stimolarmi la patatina mi fa sentire bene”; “Mi piace togliermi le mutande con gli amici”; “Voglio restare nella camera quando mamma e papà fanno sesso”. Un altro disegno mostra un bambino e una bambina nudi che ‘giocano al dottore’ e il maschietto che dice: “Guarda, il mio pisello è grosso”. Altro disegno mostra tre tipi diversi di genitori. Sono riprovati quelli con atteggiamenti puritani; quelli con la dicitura: “Corretto” sono naturalmente coloro che così reagiscono: “Sì, sentire e stimolare quelle parti è un bel divertimento” (se volete saperne di più di questa vicenda, e del rifiuto sdegnoso di Danneels di ascoltare le proteste dei fedeli, leggete qui).

Quello era il Catechismo Cattolico della Chiesa belga, ancora dieci anni fa. Niente di meno che una tentata corruzione di minorenni, un’apologia di pedofilia: anziché trasmetter la Fede, serviva a far capire ai ragazzini che “certe cose” sono belle e raccomandabili, anche alla più tenera età.

Chi osa dunque lamentarsi se la Procura tratta questi vescovi da delinquenti? E dato che la Chiesa non sembra trovare in se stessa forze sufficienti per reagire, ben vengano persecuzioni anche molto più gravi di queste. Saranno forse un aiuto esogeno per l'opera di pulizia intrapresa dal Santo Padre Benedetto XVI. Ma contro di lui la parte corrotta del clero è coalizzata e lo costringe a continue marce indietro: ad esempio, per restare al Belgio, è di pochi giorni fa la nomina a Bruges dell'arciprogressista ex vescovo ausiliare di Danneels, De Kesel. Eppure sarebbe urgentissimo ripulire gl’immondi letamai di Augia: a partire dal piano dottrinale, prima ancora che morale, perché una consimile degradazione è figlia legittima di quella sedicente ‘nuova ecclesiologia’, che l’applicazione di fatto del Concilio Vaticano II ha coerentemente generato.

267 commenti:

  1. Ma il pudore che fine ha fatto?

    RispondiElimina
  2. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 08:15

    Condivido lo sdegnato giudizio della Redazione, specie sull'assoluta mancanza di fede di vescovi e sulla loro opera di distruzione della morale.
    Però c'è sempre da chiedersi e non ci si deve mai stancare di chiedersi pubblicamente -affinché tutti e ciascuno in Vaticano si assumano le loro responsabilità ed ammettano, anch'essi pubblicamente e sonoramente, in modo che sentano anche le pietre,  i loro errori grossi come grattacieli - chi avrebbe dovuto vigilare su questi vescovi, chi li ha eletti, chi avrebbe dovuto, una volta letti certi catechismi, scomunicare i colpevoli dell'assalto alla pudicizia, all'innocenza dei bambini (la macina al collo), chi ha permesso il diffondersi di catechismi erronei dottrinalmente: e si arriva sempre agli stessi papi e agli stessi prefetti di Congregazioni fondamentali.
    Premesso che per questi vescovi, che han sequestrato e incarcerato la fede sottoponendola a tortura micidiale, la punizione d'esser "sequestrati" ed interrogati è una blanda risciacquata, vien da sorridere sulla stupidità delle autorità belghe e dei loro agenti di polizia: scoperchian le tombe per trovar cosa? Qualche giovine amante sepolto vivo coi cardinali defunti? O incartamenti di abusi sessuali? Sarebbero così cretini, i vescovi e i cardinali, da non distruggere i documenti per renderli definitivamente introvabili?

    RispondiElimina
  3. Ariodante Dalla27 giugno 2010 08:29

    D'accordo su quasi tutto ma...mi piacerebbe sentire anche le motivazioni degli "accusati"

    RispondiElimina
  4. Bellissimo reportage. C'è da sottolineare l'ultimo periodo: non solo De Kesel, ma anche Vancottem, l'altro ausiliare di Bruxelles sotto Danneels, è diventato vescovo e addirittura di Namur, la vecchia diocesi di Léonard, l'unica finora "funzionante". C'è da pensare che dietro le nomine ci sia la volontà di Léonard di liberarsi di questi ingombranti fardelli ereditati da Danneels, ma la scelta di favorirli per la guida di nuove diocesi lo scredita moltissimo. Questa logica non può essere cattolica.

    RispondiElimina
  5. non ho parole, e se penso che cose del genere possono arrivare anche in Italia o in alcune parti sono già presenti, mi vengono i brividi, il totale sovvertimento del cristianesimo, l'Anticristo è così vicino, il diavolo si traveste in molte maniere

    RispondiElimina
  6. Andrea Carradori27 giugno 2010 09:31

    <span><span>Condivido anche io  l'Editoriale della Redazione di MESSAINLATINO così come condivido lo splendido articolo, che mette in risalto il sensus ecclesiae della Redazione de La TRADIZIONE CATTOLICA n.ro 2 del 2010 ( l'ultimo numero) a pagina 29 dal Titolo CHE ORA E' DELLA NOTTE ?.    
    Segnalo questi due articoli a chi, dovendo rappresentare la Chiesa in questo momento terribile, non solo sfodera dei raccapriccianti ed inopportuni sorrisi ma osa anche fare delle battute sul calcio italiano ... invece che sgranare il Rosario davanti le telecamere per far vedere ai telespettatori che anche loro stanno pregando per le sorti della Chiesa.    
    In tempore calamitatis si dovrebbero esporre le Reliquie e cantare le Litanie dei Santi in continuazione !  
    Così fecero nella mia Regione durante la persecuzione napoleonica.    
    Farsi vedere sorridenti e scherzosi non fa che insuperbire ancor più i nemici della Croce e di Cristo che affilano le loro infernali armi contro i Sacerdoti.    
    Quando si sveglieranno dal sonno questi uomini di Chiesa ?    
    Un ex seminarista, fuggito al tempo del consolidamento della riforma liturgica, dice spesso " Stai a vedere che chiameranno noi a sostenere la Chiesa ...."    
    Maria Santissima Immacolata prega per gli uomini di Chiesa addormentati dalle sciocchezze del mondo !</span></span>

    RispondiElimina
  7. Questo del catechismo belga mi fa inorridire! Voglio credere che questo letame non è mai arrivato a conoscenza dei Sommi Pontifici...

    RispondiElimina
  8. Cruccas.Gianluca27 giugno 2010 09:56

    Chi osa dunque lamentarsi se la Procura tratta questi vescovi da delinquenti, visto che lo sono?

    Ciascquno raccogliera' quello che avra' seminato. Chi semina nella sua carne, dalla carne raccogliera' corruzione; chi semina nello Spirito, dallo Spirito raccogliera' vita eterna. Gal 6, 7b-8

    In Belgio stanno raccogliendo cio' che hanno seminato.

    Per quanto riguarda le parole di Bertone, mi verrebbe da dirgli che il regime comunista ha fatto di peggio infatti ha ucciso e uccide tantissime persone, forse non conosce la storia ho forse gli accordi che hanno preso durante l'ultimo concilio gli inbavaglia la bocca

    RispondiElimina
  9. IN LOGICA ARISTOTELICA

    Una proposizione errata non implica la verità della contraddittoria

    Entrambe possono essere false e di fatto lo sono

    RispondiElimina
  10. <span><span><span>L'idea che i vescovi infedeli ricevano il guiderdone del mondo moderno che hanno corteggiato è un'illazione ideologica. Non perché i vescovi belgi non siano stati in larga misura infedeli, ma perché quella innescatasi nei loro confronti non è la persecuzione del mondo moderno, bensì l'azione investigativa di uno stato - moderno o antico qui poco importa - che procede nei loro confronti sulla scorta di indizi non proprio tenui. Tale stato agisce con eccessiva aggressività, abusando della sua posizione dominante? E' probabile. In Belgio le lobbies tradizionalmente anticattoliche - non le nomino, ma ci si intende, vero? - sono presenti in forma particolarmente concentrata. Ma certo la magistratura belga non persegue il nulla. I vescovi ricevono sì un guiderdone, ma esso non è frutto della loro grave relazione adulterina con il secolo (più che con il mondo moderno), non scaturisce dal tradimento di quel mondo in cui avevano creduto, dell'amico cui si erano venduti, bensì della intollerabile sequela di abusi sessuali e relative coperture di cui la Chiesa belga - e non solo - si è nel tempo macchiata. E ha ragione chi dice che da Roma sarebbero dovute venire da tempo folgori e tuoni all'indirizzo di questi individui e di questo generale andazzo. La chiave di lettura non è: il mondo moderno, cattivo e infido, tradisce i vescovi traditori; ma: una realtà ecclesiastica che ha accumulato su di sé a dir poco gravissime ombre viene infine perseguita (forse con compiaciuta durezza) da parte della magistratura di uno stato sovrano; magistratura probabilmente ideologizzata, forse persino gestita da altri poteri, ma certo in possesso di significativi indizi (non foss'altro i precedenti del soggetto collettivo indagato). Non si tratta, insomma di persecuzioni, ma si prosecutions. A giustificarle basterebbe quell'idiozia di pseudocatechismo di cui il post riporta qualche ignobile saggio. Il clero belga, l'alto clero belga ha/è deviato? Weg, weg mit ihm!
    </span></span></span>

    RispondiElimina
  11. Il demonio esiste27 giugno 2010 10:01

    E sa bene quale sia il suo bersaglio, i preti e i vescovi. Preghiamo per i preti che hanno sbagliato anche per i modernisti.

    Giustizia e Misericordia, ma chi ha sbagliato paghi.

    RispondiElimina
  12. a Roma sapevano bene di questi catechismi e delle posizioni dottrinali di molti altri vescovi; ma con un papa indaffaratissimo a scendere da un aereo per risalir su un altro e andare in giro per il mondo a far le ole col bastone la Chiesa era semplicemente ingovernata.
    A questa anarchia si aggiunga:
     il bel concetto di collegialità episcopale che di fatto ha trasformato le conferenze episcopali in potentissime corporazioni di signorotti feudali;
    le posizioni neomoderniste di tutta la Curia Romana che di conseguenza parteggiava per i propi sodali sparsi nell'orbe e li metteva a capo delle diocesi e il risultato è quello descritto egregiamente dalla Redazione.

    RispondiElimina
  13. non implica la veritá della CONTRARIA

    RispondiElimina
  14. Che schifo, che orrore! Riceverò forse delle critiche, ma, mi dispiace, nessuna solidarietà agli accusati! Solidarietà, amore massimo per la Chiesa, quella universale e quella belga...ma nessuna solidarietà agli uomini di Chiesa belgi...loro sono i responsabili della morte teologica e morale del cattolicesimo belga, e corresponsabili del degrado e della corruzione della società belga...gli sta bene, hanno raccolto quello che si meritano, dopo i disastri che hanno seminato...
    E qui forse riceverò critiche ancora maggiori...a Suenens, hanno fatto da morto quello che andava a lui fatto da vivo...condanno la violazione della sua tomba per via del principio generale del rispetto ai defunti, non perchè coinvolto c'è Suenens...un massone, un eretico, uno sposato contro i canoni...una delle figure cattoliche più squallide degli ultimi 50 anni...
    Mi dispiace, mi rendo conto che uso toni forti, ma quando ho letto tutto questo, non ci ho visto più...
    Povera Chiesa belga...la Chiesa di San Bonifacio, San Villibrordo...di Padre Poppe, Padre Damiano, Padre Dehon...distrutta in 40 anni da questi squallidi individui!

    RispondiElimina
  15. Benedetto XVI si ritrova una Chiesa fragilissima e deve agire con estrema delicatezza per evitare di mandarla in frantumi.
    Non dimentichiamoci che i vescovi e i preti neomodernisti non sono mica in galera, no, sono saldamente ai loro posti, e pertanto il papa deve tenerne conto. Agire in altro modo potrebbe causare una miriade di microscismi.
    Diverso sarebbe se i vescovi neomodernisti finissero tutti in galera; a quel punto ilpapa avrebbe più libertà di azione.

    E con profondo dolore dico: se per ripulire la Chiesa dal letame neomodernista può esser di aiuto la Magistratura, ben vengano retate e incarceramenti di vescovi e preti neomodernisti.

    RispondiElimina
  16. Senza dubbio è arrivato, come era arrivato quello francese che Benedetto XVI doveva conoscere perfettamente dal momento che ha ripreso con vigore i vescovi i francesi a Lourdes.
    È di questo che io non riesco a capacitarmi, del silenzio di Roma che tutto sapeva, insomma il Belgio non è agli estremi  del mondo!

    RispondiElimina
  17. <span>se la Chiesa ha dimenticato la Giustizia di Dio, 
    per usare la <span>panacea-misericordia</span> (grottesca caricatura buonista di quella divina...) 
    ben venga la giustizia umana (se c'è ancora...) !</span>

    RispondiElimina
  18. <span>una consimile degradazione è figlia legittima di quella sedicente ‘nuova ecclesiologia’, che l’applicazione di fatto del Concilio Vaticano II ha coerentemente generato.
    </span>

    RispondiElimina
  19. <span>ma se preti e vescovi stessi (in massima parte) non credono più all'esistenza di satana e al suo influsso sulle azioni umane, e alla sua attiva e instancabile opera di assalto alla Chiesa e alle anime, e non parlano più nè di 
    PECCATO , NE' DI NOVISSIMI.....da 45 anni, 
    di che cosa ci meravigliamo ?</span>

    RispondiElimina
  20. <p>Lo stato belga esiste ancora? Caos, divisioni, derive etiche, (ma la parola  etica ha ancora un senso in certi Paesi?), una società gangrenata  in profondità, in mano alle potenti lobbies, scossa dal caso Dutroux che ha rivelato, ma non fino in fondo, la corruzione fino alle ossa della giustizia, del potere, della società in generale.
    </p><p>Sono stata molto sorpresa e delusa  dalle nomine recenti di vescovi ultraprogressisti, non è facendo  due passi in avanti e tre indietro che le falle della Barca potranno essere reparate e la Barca consolidata.
    </p><p>Possiamo immaginare le ragioni di tali scelte che rivelano, ameno che il Papa stesso sia un modernista ciò che non credo, come Benedetto XVI sia obbligato a compromessi con quei vescovi ribelli, con quegli ambienti che hanno avuto tutta la libertà per portare in avanti i loro progetti  distruttori.
    </p><p>"Obbligato" forse a cedere davanti alle pressioni, al timore di scosse ancor più grandi, mi domando quale sia  oggi il reale potere del Papa, di un Papa che sapeva perfettamente il 19 aprile a che cosa andava incontro, che misurava perfettamente la sporcizia e le colpe del clero, di un Papa integerrimo, con una vita spesa al servizio della Chiesa, che deve oggi affrontare le conseguenze di tutte le porcherie commesse da altri nel passato,
    </p><p> 
    </p>

    RispondiElimina
  21. <span>

    Lo stato belga esiste ancora? Caos, divisioni, derive etiche, (ma la parola  etica ha ancora un senso in certi Paesi?), una società gangrenata  in profondità, in mano alle potenti lobbies, scossa dal caso Dutroux che ha rivelato, ma non fino in fondo, la corruzione fino alle ossa della giustizia, del potere, della società in generale.
    Sono stata molto sorpresa e delusa  dalle nomine recenti di vescovi ultraprogressisti, non è facendo  due passi in avanti e tre indietro che le falle della Barca potranno essere reparate e la Barca consolidata.
    Possiamo immaginare le ragioni di tali scelte che rivelano, ameno che il Papa stesso sia un modernista ciò che non credo, come Benedetto XVI sia obbligato a compromessi con quei vescovi ribelli, con quegli ambienti che hanno avuto tutta la libertà per portare in avanti i loro progetti  distruttori.
    "Obbligato" forse a cedere davanti alle pressioni, al timore di scosse ancor più grandi, mi domando quale sia  oggi il reale potere del Papa, di un Papa che sapeva perfettamente il 19 aprile a che cosa andava incontro, che misurava perfettamente la sporcizia e le colpe del clero, di un Papa integerrimo, con una vita spesa al servizio della Chiesa, che deve oggi affrontare le conseguenze di tutte le porcherie commesse da altri nel passato.
    </span>

    RispondiElimina
  22. Benedetto XVI? similes cum similibus congregantur! Ma non si può dire!

    RispondiElimina
  23. Sono d'accordo con il commento della redazione. Ricordiamoci che questo è il periodo in cui satana ha in mano tutto il mondo! La madonna in un messaggio ha detto che il Signore ha lasciato fare a satana per un periodo di un secolo, dopo trionferà il Cuore  Immacolato di Maria. Quindi, tutto il marciume del mondo non è da stupirsi. In particolare si accanisce contro la Chiesa, è lì che ci sono anime da portare alla perdizione eterna per mezzo dei loro rappresentanti. fatica poco il demonio, basta tenere nelle sue redini i capi che automaticamente cadono nella rete infernale migliaia di anime.
    Signore Gesù, mi rivolgo direttamente a te:"liberaci dal male!"

    Nicola

    RispondiElimina
  24. Quali Litanie dei Santi?Quelle tradizionali o quelle riformate?

    RispondiElimina
  25. Sentite, per pudicizia, potete per favore cancellare quell'immagine di quel bambino che dice quelle cose? Per chi capisce l'olandese (come me) potrebbe essere alquanto disturbante (io lo trovi tale).

    RispondiElimina
  26. Ma davvero fai?Le sapevo io che faccio il magazziniere alla Gondrand.Vuoi che non le sapesse Ratzinger?Ahahahahahahahah!

    RispondiElimina
  27. Pero' la differenza c'e'!Il comunismo ha coperto la Chiesa di SANGUE.Ora la Chiesa s'e' coperta di cacca!

    RispondiElimina
  28. Per i reati di pedofilia ed altri ci penserà la magistratura belga e speriamo che sia più seria di quella italiana.Ma per i reati contro la Fede, per aver distrutto la cattolicità ed avere avvelenato intere generazioni dovrebbe pensarci il Vaticano commissariando l'intera chiesa belga, mandando a riflettere in convento di clausura quei pastori infedeli che ancora si chiamano vescovi. Ma dalla reazione del Vaticano alla notizia delle perquisizioni niente questo succederà ed in belgio finirà anche quel poco che è rimasto della  Fede cattolica.

    RispondiElimina
  29. Non era ingovernata la Chiesa!Alla cassa c'erano Sodano,Sepe(!),Re e Ruini.Alla dottrina c'era Ratzinger.

    RispondiElimina
  30. La Chiesa e' in un BUCO NERO.Ne vedremo ancora delle belle!Prima di regalare solidarieta' a tutti(nessuno escluso...)riflettiamo:HIC DIGITUS DEI.

    RispondiElimina
  31. E' la verità, caro robdealb!
    Suenes ha portato i cavalli ad abbeverarsi nelle acquasantiere, Lui e la sua cricca (lungi dall'esser estinta per sempre, anzi..) hanno profanato la Domus Orationis, hanno corrotto il Corpo Mistico..
    Ora, non posso non condividere l'analisi del Card. Bertone sui metodi "bolscevichi".. ma si profana solo ciò che è sacro. Suenes, grazie a Dio, li ha anticipati: ha tolto da vivo tutto ciò che di sacro avrebbe potuto esserci da profanare.
    Poi, sul fatto che li abbiano trattenuti tutto il giorno.. Tanto, a veder quanti fedeli gli sono rimasti, non credo abbiano un granché da fare.

    RispondiElimina
  32. Ottima cornice.Ogni giorno s'assottiglia la schiera dei laudatores del Concilio.E dagli e dagli e dagli...........

    RispondiElimina
  33. Di niente.Solo gli stolidi(ahime' sempre la maggioranza numerica,cio' che rende la democrazia,scientificamente discorrendo,la peggior tirannide!)ancora si meravigliano.

    RispondiElimina
  34. Nessuno,se non vuole,e' preda di Satana.La Chiesa aveva TUTTE LE GRAZIE,sovrabbondanti,per resistere.Poi venne Roncalli,il Concilio,Montini e la Grande Apostasia.Di che cosa ci meravigliamo?Trovo ingiuste queste accuse a Satana.NON E' LUI IL COLPEVOLE!

    RispondiElimina
  35. Ma per fortuna che È disturbante!
    Avrebbe dovuto esserlo per coloro che lo hanno immaginato e poi pubblicato e poi diffuso !

    RispondiElimina
  36. <span>Si può dire, e lei l'ha detto.  
    Che lo si condivida o meno, è un altro paio di maniche. Io personalmente non credo si possano nemmeno accostare Suenes e Daneels a Ratzinger.  
    Credo che le immagini scabrose di certe "cateporcate" non abbiam nemmeno più a che fare con la questione "modernismo o non modernismo", ma siano solo materia da perizia medico-psichiatrica, oltre che elementi da portare in Procura.  
    I genitori avrebbero duvuto bersagliare Daneels con quel libro, come le monetine per Craxi davanti al Raphael. Chi solo pensa certe vignette, è un porco pervertito. Se le mette pure nel "catechismo", è un pericoloso maniaco represso che ha perso ogni nesso con le realtà che lo circondano.</span>
    <span> 
    Lascia sicuramente sgomenti il fatto che nessuno abbia rimosso dai loro ruoli certe persone. Non solo, ora si mandano pure i corifei di Daneels alle Cattedre di Namur e a Bruges.. Altro che in cattedra: mandateli in bidelleria.</span>

    RispondiElimina
  37. Ariodante Dalla27 giugno 2010 12:13

    Nessuno parla mai di Papa Luciani. Come mai? Forse perchè è durato troppo poco per "fare danni" oppure perchè è considerato, come davvero è, un GRANDE SANTO?

    RispondiElimina
  38. e avrebbe dovuto esserlo pure per gli uffici della Curia che, o li hanno autorizzati, oppure non li hanno condannati quando ne son venuti a conoscenza.

    Che certi monsignori romani fossero distratti?
    Magari erano intenti pure lori a controllarsi la patatina! :*

    RispondiElimina
  39. Faccio da solo catechismo ai miei figli (al parroco non va giù) con il cat. di San Pio X. Pregate per noi e per tutte le famiglie: la Chiesa ci ha quasi abbandonati. Dobbiamo andarci a cercare l'ortodossia fuori dalle parrocchie, perchè esse non danno più la fede ai nostri figli.

    RispondiElimina
  40. Concordo.Corifeo della Neue Theologie,esperto al Concilio,coautore della Lumen Gentium,compilatore del CCC,correttore eterodosso della Dottrina(definita solennemente al Concilio di Firenze e ribadita da Pio VI e da Pio X)del Limbo,assonnatissimo Prefetto al S.Uffizio PER 25 ANNI!Cosa ci aspettiamo?Lo Spirito Santo dovrebbe usare il megafono.E forse.......

    RispondiElimina
  41. Non ha avuto tempo per farsi conoscere meglio.Se campava forse qualcosa l'avrebbe aggiustata,ma il preludio non fu dei migliori(aboli' l'incoronazione prevista PERSINO da Paolo VI nel De eligendo Romano Pontifice!).

    RispondiElimina
  42. Ci sono due aspetti inquietanti nella vicenda Belga...

    1) l'eccessiva foga della sua magistratura la quale NON avrebbe MAI agito come ha fatto se si fosse trattato di andare a controllare in una qualsiasi ambasciata straniera.... in tal caso sarebbe scoppiato il "caso", l'incidente DIPLOMATICO... ma trattandosi della Chiesa, chissenfrega... e questo dimostra come la Chiesa in Blegio abbia perduto la sua autorevolezza, non conti davvero più nulla, NEPPURE IL RISPETTO DOVUTO...NON si tengono IN OSTAGGIO 9 VESCOVI impedendo loro di mangiare e bere e di andare al bagno, come ha rivelato il cardinale Bertone....qui siamo AL SEQUESTRO DI PERSONA e mai sarebbe accaduto ad uno usciere di una qualsiasi ambasciata fosse anche il Tumbctum....e la più povera e sperduta... ma alla Chiesa si, si può farle di tutto... e se la magistratura Belga ha passato davvero i limiti della correttezza (il che non preclude affatto le indagini fatte tra persone CIVILI E NON DELINQUENTI), la Chiesa in Belgio, rappresentata dai suoi Vescovi, è davvero caduta in basso... ha superato se stessa nel peggio...e questo ci fa comprendere il livello di incapacità costituito da Vescovi  che hanno perduto ogni credibilità...

    2) la Chiesa Belga ha una TALPA!
    si! ragioniamoci un attimo: le perquisizioni sono perfino giunte nella CRIPTA....che cosa cercavano?
    Qualunque cosa cercassero QUALCUNO deve aver avvisato la Magistratura che li, perfino nella Cripta ci fosse da cercare... cosa poi abbiano trovato, non è dato di sapere, ma solitamente, iniziative di perquisizioni a tappeto, non si fanno a caso... si fanno sempre DIETRO RIVELAZIONI PRIVATE...
    è inquietante allora che ci sia una TALPA ed è inquietante che la Chiesa Belga abbia qualcosa da nascondere... ed inquietante sarà il fatto che NOI non sapremo mai cosa cercassero di così peccaminoso e semmai lo troveranno o l'abbiano trovato...

    Ancora un motivo in più per elevare il Santo Curato d'Ars, PATRONO dei Sacerdoti!

    RispondiElimina
  43. E fai BENE!!!Mio figlio e mia figlia,dopo CINQUE anni di "catechismo" in Parrocchia conoscevano TUTTO del sesso e non sapevano QUANTI erano i Sacramenti.Andai dal Parroco,mi disse che avevo l'anima da "cattolico bambino".Gli dissi il versetto del Vangelo "se non diverrete come questi bambini...".Mi fece una risata di cazzo da raggelarmi.QUESTA E' OGGI LA CHIESA!Viva il Concilio!

    RispondiElimina
  44. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 13:11

    Chiediglielo. Son più amici tuoi che nostri. Tra eretici vi potete inender bene.

    RispondiElimina
  45. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 13:17

    In Belgio e altrove sono papi, cardinali, vescovi e preti ad aver ucciso milioni di anime.

    RispondiElimina
  46. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 13:19

    Hai ancora qualche dubbio? E solo quello belga?

    RispondiElimina
  47. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 13:20

    Non era ingovernta? Allora era governata da complici di quelle nefandezze.

    RispondiElimina
  48. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 13:22

    Ma i loro superiori non ti suscitano altrettanto sdegno, mio buon Rob?

    RispondiElimina
  49. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 13:30

    Ma chi dall'alto ha approvato o tollerato?
    Il pretesto dei microscismi ormai ha fatto il suo tempo. Questi scismi esistono già nella Chiesa: farli venire alla luce è come  il risultato di un'ecografia che svela il cancro (io ne so qualcosa): bisturi , dunque, e gli scismatici ostinati vengan cacciati e formin pure sette autonome ma che almeno non si ammantino indebitamente del nome fulgido della Santa Chiesa Cattolica. Agire diversamente, ora che la situazone sta giorno dopo giorno precipitando come da tanti di noi previsto da decenni, non può più definirsi prudenza ma resa al demonio.

    RispondiElimina
  50. ma che razza di vescovo è uno che si rifiuta a partecipare al CORPUS DOMINI,  ma anche a criticarlo, è ridicolo 

    RispondiElimina
  51. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 13:31

    I bidelli seri lavorano e sono utili.

    RispondiElimina
  52. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 13:33

    Ma il colpo che si aspetta non arriva.

    RispondiElimina
  53. Don Camillo, è vero.. quei supporti della CEI sono giovanilisticheggianti e scialacquati.. e persino "un po'" eretici (apologia del pancristianesimo con buona pace di Pio XI e della Mortalium Animos, sul filo dell'indifferentismo religioso-vedi figure di Gandhi e San Francesco praticamente messe sullo stesso piano nel volumetto azzurro "sarete miei testimoni"..ecc).
    Sono lo specchio di una fede ridotta a euristica, come scrive giustamente Amerio... la fede stessa è intesa nella logica della soddisfazione di un bisogno dell'uomo.. insomma, nè più nè meno come un bene di consumo.. Non traspare il messaggio di una Verità salvifica e trascendente, di una "forza di gravità" della Croce che, come quella meramente fisico-naturale, quand'anche negata non cessa di ESSERE, e di essere PER TUTTI (posso pure non credere che esista la forza di gravità.. ma non per questo levito nel vuoto).
    Più che compendio alla Dottrina cattolica, al massimo può essere usato come prefazione alle ricette per la felicità di nonna papera quali sono gli scritti di Hanselm Grün.
    Sono lontani i tempi del Catechismo spiegato ai bambini di Padre Dragone ssp (della serie, quando i Paolini ne capivano ancora qualcosa..) Oggi per trovarlo bisogna rivolgersi ai sedevacantisti del MBC.. ed è tutto dire.

    alla Cei non sanno, forse, che quei volumetti non li usa nè legge mai nessuno, nelle aule di catechismo. Non che si usino testi migliori: nella stragrande maggioranza dei casi, non ne usano proprio: fotocopie da colorare, cartelloni su cui sbizzarrire la propria creatività, un po' di sagra dei buoni sentimenti, Gesù amico mio, pellegrinaggi sulle orme dei riformatori svizzeri.. e via dicendo.
    Ora poi, il catechismo, o meglio, l'Iniziazione Cristiana dei fanciulli e dei ragazzi (ICFR), viene nuovamente "riformato" e distribuito tra parrocchie, movimenti, Azione cattolica e AGESCI.. perchè, come scritto nella presentazione di un libretto arrivato agli scout, "sappiamo quanto il cammino di ICFR sia omogeneo e a volte anche massificante, poco individualizzato e quindi scarsamente commisurato alle esigenze di fede e di vita dei destinatari".
    Mamma che babilionia...

    RispondiElimina
  54. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 13:42

    La Chiesa ha ancora tutta la sua sovrabbondanza di grazie, la sua capacità santificatrice. Sono gli uomini di Chiesa, a cominciar dai Papi, che hanno tradito la loro missione, in modo cosciente o incosciente, non voglio esprimermi: certo nessuno dei papi dopo il 1958 può ritenersi inconsapevole dei danni prodotti o che dai loro atti sarebbero stati prodotti: nessuno di loro era uno psichicamente labile.
    Papa Luciani è stato una meteora, un sorriso e nient'altro.

    RispondiElimina
  55. Redazione di Messainlatino.it27 giugno 2010 13:42

    <span>Associare anche solo di striscio Joseph Ratzinger con quei mascalzoni pervertiti (nella dottrina, prima ancora che nella morale) è profondamente ingiusto e storicamente inaccurato. Come dimostra il fatto che Ratzinger era e resta il nemico pubblico n. 1 di quella gente: nopn dimenticate che Danneels era il capocordata antiratzinger all'ultimo conclave, arrivando a sdegnare l'invito a pranzo del neoeletto. E lo dimostra pure il fatto che, da quando è stato eletto (anzi, da quando a cominciato a fare qualcosa, ossia 1-2 anni dopo l'elezione) lo tempestano di cannonate i presuli, i media, tutti.  
    A noi non resta che sostenerlo con tutte le nostre energie, pur sapendo lucidamente quanto sia indebolita la sua posizione proprio perché si oppone all'andazzo.</span>

    RispondiElimina
  56. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 13:44

    Erano monsignorE?

    RispondiElimina
  57. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 13:46

    Certo non era della tua cricca.

    RispondiElimina
  58. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 13:46

    Certo non era della tua cricca.

    RispondiElimina
  59. Redazione di Messainlatino.it27 giugno 2010 13:52

    Già, il famoso catechismo col Che Guevara. Ma confronto di quello belga, con la bimba-lolita che si masturba, fa l'effetto di un libro devozionale di S. Alfonso Maria de' Liguori.

    RispondiElimina
  60. Perchè, sono cambiate pure quelle???

    RispondiElimina
  61. Redazione di Messainlatino.it27 giugno 2010 14:09

    Wilhelm, non c'è contrapposizione tra le due chiavi di lettura. E' ovvio che qui non c'è una persecuzione stile stati comunisti (ossia accuse pretestuose e infondate), ma c'è davvero una situazione ecclesiale la cui corruzione fa apparire Alessandro VI o Marozia come pii e devoti. E' però anche vero che la magistratura belga c'è andata a nozze e ha calcato la mano senza alcuna obbiettiva esigenza investigativa, per dare il massimo danno di immagine.
    Allo stesso modo, una crisi pedofila di quella specie è in stretta correlazione con "l'apertura al mondo". Forse l'abbiamo dimenticato, ma fino a metà degli anni '90 le rivendicazioni pedofile erano considerate legittime e anzi 'moderne' come quelle omosessuali (ad es. come quella per l'adozione da parte di coppie omo). Fu proprio il caso Dutroux a far aprire gli occhi. Ancora fino a pochi mesi fa un partito progressista olandese chiedeva l'abolizione del divieto di pedofilia. Le chiese più 'aperte' hanno voluto seguire la modernità anche in quell'aspetto, purtroppo anche sul lato pratico. Perché è vero che il peccato è bipartisan: ma i modernisti hanno teorizzato anche la bontà del peccato, la fine della repressione, l'inesistenza della retribuzione, rompendo così gli argini dottrinali e i sensi di colpa.

    RispondiElimina
  62. Mi sembra più Fidel Castro

    RispondiElimina
  63. Ringrazio moltissimo la Redazione di Messainlatino per l'ottimo lavoro che mi ha permesso di acquisire elementi che non avevo. Non credevo che la Chiesa Belga fosse caduta così in basso. Se è vero come è vero che dai frutti si conosce un albero questo fa capire che tutta l'operazione Vaticano II è stata un gigantesco flop, un autogol della Chiesa, una Chiesa superba che ha voluto fare di testa sua prescindendo da Dio e dallo Spirito Santo chiamato in causa solo a parole......
    Resto in adorazione difronte alla immensa, inneffabile, GIUSTIZIA DIVINA che sta schiacciando questi omuncoli mitrati che con la loro "svolta antropologica" hanno voluto mettere al posto di Dio, l'uomo contemporaneo, il mondo moderno che adesso li ripaga con la moneta del disprezzo e dell'indifferenza.......
    La lezione è una sola: tornare alla Tradizione ed è ora che in Vaticano si sveglino e prendano seri provvedimenti contro certi episcopati, occorre sconfessare il modernismo e emanare leggi ad hoc che a partire dai seminari e dalle pontifice università mandino a casa i modernisti. Il Papa celebri quanto prima in pubblico col rito tridentino, si puniscano i vescovi che ostacolano in Motu Proprio. A questo punto non bisogna aver paura di scismi perche lo scisma già c'è ed inoltre nell'Occidente la gente si allontana sempre più dalla fede.
    Preghiamo molto la Madonna Immacolata.
    Don Bernardo

    RispondiElimina
  64. VEROGNA! MASSIMA VEGOGNA! Come si può fare un catechismo simile?! Come possono?
    Tutti quei vescovi tutti meriterebbero la riduzione allo stato laicale e non solo l'allontanamento come spesso succede! SCHIFO! SCHIFO! Bruceranno all'inferno per tutti i danni che hanno fatto, tanto non ci credono!

    RispondiElimina
  65. Reverendo,

    Il Concilio Vaticani II è un Concilio. E come tale va accettato pienamente. Ovviamente interpretato bene. Io parlerei piuttosto di certe interpretazioni errate (anche se poi comunque giudicare i Vescovi non spetta a noi, meglio pregare per loro e magari fare dei sacrifici).

    Un saluto!

    RispondiElimina
  66. I giudizi sulla sorte eterna delle persone lasciamoli al Signore.

    RispondiElimina
  67. Ecco qua la solita solfa dell'accettare il Concilio come se fosse un superdogma.....
    Secondo i modernisti tutti i dogmi si possono discutere ad eccezione del superdogma vaticano II.
    Io come ogni vero cattolico accetto il Vaticano II tutto e solo il quelle parti in cui rispecchia la Tradizione precedente..... 

    RispondiElimina
  68. Eh! Da quando c'é la democrazia nella Chiesa...

    RispondiElimina
  69. non farti tentare da soluzioni troppo semplici: <span>Non hanno ragione!</span>

    RispondiElimina
  70. Andrea Carradori27 giugno 2010 14:49

    Certamente solo il Signore giudicherà sulla sorte eterna delle persone.
    Spetta alla Chiesa, tuttavia, emettere il giudizio di condanna nei confronti di chi, pur rivestendo il compito di guidare il gregge verso la grazia, ha traviato la buona dottrina abbandonando le pecore ai lupi.
    nel giro di pochi anni quella che era una delle più solide chiese europee, con un numero consideravole di vocazioni al sacerdozio e alla vita religiosa, è stata quasi completamente distrutta.
    Ci vorranno anni ed anni di paziente ricostruzione, semmai avverrà poichè il numero dei cittadini cattolici sta lasciando il posto ai sempre più numerosi musulmani.
    Questa è la peggiore delle punizioni divine : la mancanza di figli e l'affievolimento delle famiglie cattoliche !
    Il candelabro è stato già rimosso anche nella fertile terra belga.
    Vigiliamo affinchè anche nella nostra Penisola non avvenga altrettanto!
    Anche la nostra santa battaglia a favore della Messa antica si fa più accorata : semmai un Vescovo italiano abbia il coraggio di parlare a noi chiaramente ( non lo fanno mica ....) noi dovremo essere inflessibili nelle nostre richieste .
    La Messa nel venerabile rito antico è un baluardo anche contro la corruzione dei costumi oltre che contro la dottrina deviata.
    Che il Signore ci aiuti !

    RispondiElimina
  71. pepito sbazzeguti27 giugno 2010 14:51

    Piano piano comincia a crollare l'impalcatura di cio' che per i modernisti doveva essere un eterno 'cantiere' e lascia intravedere la vera ,Santa CHIESA !
    IL che e' bello e istruttivo !

    RispondiElimina
  72. Questo post sugli ecclesiastici belgi si sta saturando di commenti volgari e di riferimenti sessuali come una conversazione da bar.

    RispondiElimina
  73. No! Si può accettare il CVII, ma non le interpretazioni democratiche successive del CVII.

    RispondiElimina
  74. <p><span>L’inaudita azione delle Autorità belghe, che è giunta addirittura a violare la sacralità delle sepolture, richiederebbe, da parte della Chiesa, un doveroso sussulto di legittimo orgoglio; questo non certo per coltivare <span> </span>un futile sentimento terreno, ma per tributare un pubblico riconoscimento a quel rispetto dovuto <span> </span>alla figura di Cristo del quale la Chiesa stessa si trova ad essere l’esclusiva mediatrice sulla Terra.</span>
    </p><p><span></span>
    </p><p><span>In altri termini, la Chiesa cattolica dovrebbe avvertire il dovere morale di provvedere a porre l’intero territorio belga sotto interdetto: ivi sospendendo la somministrazione dei Sacramenti, ritirando la gran parte del clero, asportando il Santissimo <span> </span>dalle chiese, dalle cappelle e dai monasteri di quel paese, chiudendo seminari ed i palazzi vescovili e provvedendo, nel contempo, alla nomina dei necessari amministratori apostolici che la situazione concreta richieda.</span>
    </p><p><span></span>
    </p><p><span></span><span>Il che, sotto il profilo della missione salvifica, cambierebbe ben poco, dal momento che l’esiguità territoriale dello Stato interessato importerebbe un disagio tutto sommato esiguo, nell’obbligare a recarsi all’estero quella minoranza ancora desiderosa di poter fruire dei conforti sacramentali: una minoranza tanto più modesta, quanto più è stato imponente il forzoso adeguamento della Chiesa belga alle più mirabolanti “interpretazioni di rottura” del Concilio Vaticano II .</span>
    </p><p><span></span>
    </p><p><span></span><span>Ma saprà la Chiesa del XXI secolo mantenersi fedele alla Sua missione spirituale, abbandonando la ben più comoda <span> </span>“politically correctness” del “volemose bene a tutti i costi”?<span>  </span>O prevarranno, invece, le solite logiche dettate dall’ interesse terreno?</span></p>

    RispondiElimina
  75. Non avrei MAI immaginato che dei vescovi avrebbero potuto permettere la pubblicazione di un simile "catechismo" !!!! Dire schifo è dire poco, oggettivamente la situazione della Chiesa Belga ha ben poche luci e quanto succede ne è solo la inevitabile conseguenza!!
    La cosa che più dispiace è che di fronte ad una società come quella belga che andava alla deriva, i Vescovi preposti a guardiani e paladini della Fede, si sono invece accodati alle file del degrado morale e sociale diventandone scandalosi protagonisti!!!

    RispondiElimina
  76. Ok, ci consoliamo ma... relativamente... sarebbe bello che le famiglie che hanno avuto figli o mariti (o mogli) rovinate da viaggi assurdi a Cuba, si riunissero per deninciare la CEI! tutti i bambini italiani degli anni 80 in poi (fino ad oggi) hanno avuto sotto mani quella robbaccia...  Ma lo sapere che il paese più presente a Cuba e l'Italia http://www.ares2000.net/ricerche/cuba/cubaegliitaliani.htm e ci si domanda come mai? conoscete il potere delle immagini subliminali?! Ma sì... e a Roma e il Papa ancora si parla "dell'importanza dell'educazione alla fede"... senza porsi minimamente il problema di questo "tumore" che viene ancora inoculato nelle classi di catechismo da trenta anni...

    RispondiElimina
  77. Mi pare che l'assise che sfornò il Concilio celebrasse tutta secondo "<span>venerabile rito antico"... eppure...</span>

    <span>e mi pare che il card. Danneels (che ha un nipote pornostar) sia stato ordinato e abbia celebrato sempre con il medesimo rito... mi pare anche (l'abate) franzoni...
    </span>

    RispondiElimina
  78. <span><span>Areki, alle 14,37, dice che nel Vaticano II lo "Spirito Santo è stato chiamato in causa solo a parole".  
      
    Magari fosse stato chiamato anche solo a parole! </span> 
    <span>Sarebbe stato già tanto! </span> 
    <span></span> 
    <span>Il dramma del Vaticano II è che, per dirla con Paolo VI, ha volutamente rinunciato ad ammantare i suoi pronunciamenti del carisma dell'infallibilità. </span> 
    <span>Ne consegue che se non è infallibile è fallibile! 
      
    Quindi lo Spirito Santo all'ultimo concilio non è stato neppure invitato.  
      
    E SI VEDE!</span></span>

    RispondiElimina
  79. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 15:54

    Hann'inserito san lutero, san calvino e san zuinglio.

    RispondiElimina
  80. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 15:59

    Ricordiamoci però, perché è doveroso, che, per quanto peccatore e non solo carnale, Alessandro VI in niente mai intaccò la Fede Cattolica. E per altri versi la sua statura si leva molto più in alto dei macabri prelati belgi e olandesi, ed anche di tanti romani.

    RispondiElimina
  81. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 16:02

    Ma da Roma quale  condanna solenne urbi et orbi è arrivata?

    RispondiElimina
  82. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 16:06

    Il Vaticano II va accettato secondo la regola valida per l'accettazione di tutti i concili: vedi nota praevia del Segretario del Concilio.

    RispondiElimina
  83. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 16:08

    Sempre? Ora non addossiamo a Daneels la professione più antica del mondo d'una sua nipote: se poi gli somiglia, che sciagura.

    RispondiElimina
  84. Significativa riflessione di padre Giovanni Scalese dal suo Blog Senzapelisullalingua:

    Come muore una Chiesa <span>Si potrebbe fare della facile ironia su quanto avvenuto nei giorni scorsi a Bruxelles. Basterebbe citare qualche proverbio. Allo Stato belga si potrebbe rinfacciare: «Il bue dice cornuto all’asino». Ai Vescovi belgi si potrebbe rammentare che «chi pecora si fa, il lupo se la mangia». E alla Segreteria di Stato si potrebbe rimproverare di aver chiuso la stalla quando i buoi erano già scappati. Ma il fatto è di una gravità tale da non permettere sorrisi spensierati. Esso dovrebbe piuttosto stimolare alcune riflessioni.</span><span></span><span>il resto è nel collegamento:</span><span>http://querculanus.blogspot.com/2010/06/come-muore-una-chiesa.html</span><span></span><span></span>

    RispondiElimina
  85. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 16:10

    L'ultimo interogativo deve ritenersi un'affermazione.
    Sei sicuro che  nel Belgio si amministrino in modo valido i sacramenti (nella maggior parte dei casi)?

    RispondiElimina
  86. <span> cartelloni su cui sbizzarrire la propria creatività, </span>

    catechismo FAI-DA-TE
                            ---------->
                 CRISTIANESIMO   FAI-DA-TE
                             ----------->
         gruppo ecclesial-karismatico   FAI-DA-TE    !

    DEPOSITUM FIDEI BIMILLENARIO.....ADDIO  !

    RispondiElimina
  87. E' un'interrogativa retorica, che qui si riferisce ai belgi perché di essi si sta trattando. Il penoso fenomeno di predette diversioni è non solo accertato, ma notoriamente esteso ben al di là dei confini del Belgio.

    RispondiElimina
  88. <span>------>    animazione liturgica     ==== 
                  animatore della Liturgia   ===== 
                  ===>   entertainer liturgico dell'assemblea "concelebrante"  = 
     
        =  coadiutore del presidente dell' ACTIO scen......ahem....liturgica   !</span>

    RispondiElimina
  89. Spesso l'occhio benevolo (nella fattispecie Ratzinger) tende a scorgere buoni propositi anche là dove non ce ne sono. In compenso l'occhio malevolo riesce a vedere il male anche dove non c'è (nella fattispecie in Ratzinger).

    RispondiElimina
  90. L'addebito di tradimento si riferisce anche al Papa attuale?

    RispondiElimina
  91. Ariodante Dalla27 giugno 2010 16:33

    Da non credere!!

    RispondiElimina
  92. <span><span>Si può accettare il CVII, </span>  
    ....ancora STO RITORNELLO    ?????  
      ohh insomma ....  
    ma ci sarà un'anima buona, <span>in alto o in basso nella Chiesa</span>, che si deciderà una volta per tutte di far sapere per CARITA' DIVINA, quale sia questo famoso spirito sconosciuto del Concilio che è stato tradito e male interpretato e mal conosciuto  O NON FATTO CONOSCERE PER NIENTE  a tutti i miseri fedeli cattolici dell'orbe, da 45 anni a questa parte ?  
    SI PUO' SAPERE chi è che ce lo deve spiegare il VERO CONCILIO, e che cosa ha detto veramente?  
    E COME MAI è STATO TRAVISATO,  
    e PERCHE' hanno vinto e stravinto ste famose false interpretazioni che hanno riempito il gregge di fango e di stufo....che non se ne può più a sentirle nominare ??  
     
    In quale secolo o in QUALE MILLENNIO AVREMO la grazia tanto sospirata di sapere  
          che   cosa ha detto  veramente questo mitico Vatican II,  
                 che tutti hanno tradito    (POVERETTO....) e che sta diventando  
    la   BARZELLETTA DEL GRANDE  INCOMPRESO ?  
     
    Chi è quel volontario di gran carità che si accingerà al più presto all'impresa   tanto mitica, quanto    MITOLOGICO  ORMAI NE  E' diventato l'oggetto  ??  
    non se ne può più di quest'attesa logorante,  
               mentre la Chiesa continua a FRANARE  !</span>

    RispondiElimina
  93. Eh, caro Dante, come al solito, non posso che darTi ragione; anch'io nutro la certezza che l'ultimo interrogativo debba piuttosto intendersi come un'affermazione, così come seriamente dubito, del pari, della validità della maggior parte dei sacramenti impartiti in Belgio. E' anche vero che l'episcopato belga, nella fattispecie, altro non ha raccolto se non quello che ha seminato, tuttavia, riterrei che la dignità della figura di Cristo, capo della Chiesa, debba, comunque e sempre, essere ufficialmente riconosciuta e, giacché un oltraggio terreno alla Chiesa cattolica si traduce immediatamente in un oltraggio a Cristo, ecco il mio (onirico) auspicio di un interdetto di cui sopra.
    A presto, M. G.

    RispondiElimina
  94. Ariodante Dalla27 giugno 2010 16:39

    Certamente, però la sua attività pastorale precedente, come vescovo di Vittorio Veneto prima e come Patriarca di Venezia poi, unitamente a quanto affermato da personaggi a Lui vicini, ci può fare immaginare che tipo di Chiesa avrebbe voluto ("una Chiesa che, se Cristo fosse tornato sulla terra, avrebbe potuto riconoscere come la Sua")

    RispondiElimina
  95. e se è FALLIBILE
           IN CHE COSA deve essere obbedito assolutamente, altrimenti non siamo più cattolici
    (così ci dicono ....) =-O   
        o, come si dice, accettato senza discutere ?

    Che cosa dobbiamo accettare, il suoi indecifrabili (ancora....) ERRORI E FALLE di imprecisata specie  ?

    RispondiElimina
  96. non è solo schifo:
                                     è un vero SERVIZIO A SATANA  !
    ricominciamo a chiamare le cose col loro nome:

    quella è ROBA   CHE VIENE ISPIRATA   DIRETTAMENTE  DALL'INFERNO  !

    RispondiElimina
  97. Christus Spes Mea27 giugno 2010 16:51

    Bertone si lamenta dei regimi comunisti che il Concilio Vaticano II non ha mai condannato! Nonostante le continue richieste di alcuni Vescovi, Lefebvre in testa!

    RispondiElimina
  98. Il regimi comunisti hanno coperto la Chiesa anche di sterco.

    RispondiElimina
  99. Christus Spes Mea27 giugno 2010 16:53

    Detestare peccato e peccatori!

    RispondiElimina
  100. <span><span>Vedo che nella sostanza redazione e W.E. sono pienamente d'accordo. E anche nella forma non c'è poi gran divario: per esempio la battuta su Marozia e Alessandro VI è perfetta. La correlazione tra sfascio belga e "apertura al mondo" c'è, indiscutibilmente. Ciò che a volte lascia perplessi è l'equazione secolo=modernità. Probabilmente si tratta di una mera questione terminologica, ma può indurre in rozze generalizzazioni (che certo non vi appartengono, ma che in una parte degli ambienti tradizionalisti talvolta affiorano).
    </span></span>

    RispondiElimina
  101. Vi include anche il Cardinal Ratzinger?

    RispondiElimina
  102. Christus Spes Mea27 giugno 2010 17:00

    Assomigliano al giornale dei tdgeova "Torre di guardia".

    RispondiElimina
  103. Forse, quello che si vede in abito rosso non è il Veescovo di Pisa, ma il suo cerimoniere. Il Vescovo sta reggendo l'ostensorio.

    RispondiElimina
  104. Christus Spes Mea27 giugno 2010 17:01

    Papa Luciani era fieramente contrario alla Messa tridentina...e inoltre fu lui ad inventare il Giovanni Paolo proprio per riconoscenza ai 2 Papi precedenti...

    RispondiElimina
  105. Anche perché a leggere certi commenti sembra che vi sica il rischio concreto di avvitamenti goliardici poco eleganti.

    RispondiElimina
  106. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 17:04

    <span><span>No so se sia illusione ingenua o volontà di misitificazione</span></span>

    RispondiElimina
  107. Non sono stupita da queste frasi, sono simili, nello stile ,a quelle che il Papa ha usato e usa ad esempio nei confronti del cammino neocat e di altri che camminano su strade storte, e cioè afferma, come se fosse già in atto, ciò che deve in realtà essere fatto. Invece di dire: non fate questo o quest`altro, preferisce, dire, voi fate...cioè indica ciò che deve esere fatto, indica la direzione da prendere e lo fa come se già fosse stata presa dagli interlocutori.
    Il problema è che purtroppo il secondo grado non funziona, non mi sembra in effetti che questo modo di comunicazione sia seguito da risultati visibili.

    RispondiElimina
  108. "Ama l'errante, odia l'errore" (Sant'Agostino)

    RispondiElimina
  109. Non posso più credere alla buona fede di un Papa che nomina un personaggio come l'ausiliare di Dannels, De Kesel, nuovo vescovo di Bruges. No, non posso accettarlo, non è normale, è autolesionsmo puro e crudo. Con tutti i buoni sacerdoti conservatori che ci sono in Belgio, chi va a scegliere il nostro Papa? Il peggiore dei modernisti! Dopo il fallimento più totale che hanno dimostrato i vescovi conciliari in quel paese! No, non è credibile un Pontefice che agisce in questo modo. Sono profondamente disgustato dal comportamento e dall'atteggiamento della S. Sede più ancora che per i preti pedofili. Il Vaticano se le va proprio a cercare. E allora non merita niente. Con i vescovi che si sceglie questo Papa, continueremo ad avere cento, mille Thiberville! E allora non mi fa più pena vedere Benedetto XVI aggredito dal mondo intero: mi spiace, ma chi è causa del suo mal pianga se stesso e se un Pontefice non sa fare il suo lavoro, significa che non è all'altezza del posto che ricopre. Sono affranto, deluso e imbestialito, principalmente con questo Papa.

    RispondiElimina
  110. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 17:15

    Il card. Ratzinger era a conoscenza di simili catechismi? Se, come Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, lo era e li ha approvati o comunque non li ha condannati, combattuti e tolti di circolazione, ha grosse responsabilità. Se li ha combattuti, condannati pubblicamente senza esito per la dura cervice altrui, avrebbe dovuto spingere il Papa ad una pubblica sconfessione ed alla condanna di catechismi, loro autori. e vescovi che li avevano approvati. O sbaglio? Naturalmente mi si risponderà: la prudenza, evitare attriti, paura di scismi ecc. ecc., la solita pappardella scotta. Se poi è riuscito a toglierli di mezzo, catechismi ed autori, e vescovi consenzienti o addirittura promotori, non c'è che da rallegrarsi , ma senza parlar di eroismo, perché se lo ha fatto, ha compiuto semplicemente il suo dovere e nient'altro.

    RispondiElimina
  111. Sempre a giudicare senza conoscere. Non si capisce che qui c'è tutta una mentalità da cambiare. Bisogna andare alla radice del problema, un problema che si è stratificato in quasi 50 anni. Davvero credevate che in pochi anni cambiava tutto? Illusi, questa è un operazione di lunga data e Ratzinger sa di dover essere colui che indicherà la rotta, che verrà poi proseguita da altri.
    E poi, si dice sostituire che deve sostituire questo e quello: con chi?
    Certamente nella Chiesa gli elementi validi ci sono ancora, ma come saperlo? E cosa bisognerebbe fare? Catapultarli dalla parrocchia alle curie?
    E se poi, pur essendo buoni uomini, non si rivelano atti a governare una diocesi o una congregazione?

    RispondiElimina
  112. certo che...se davvero ci sono tanti buoni sacerdoti da nominare ....
    ... perchè non li nomina, a preferenza di certi individui ?
    conoscendoli bene, non sa che questi combinerebbero guai di ogni sorta ?
    ...oppure resta da pensare che sia costretto da qualcuno  a fare certe nomine  !

    RispondiElimina
  113. Altro che chiedere perdono per le colpe della chiesa delle crociate, dell'inquisizione, di papa Borgia ecc. Io una schifezza del genere non solo non l'avevo mai vista, ma nemmeno immaginata.
    Eppoi Paolo VI si rifiutò di ricevere mons. Lefebvre perché non era obbediente, eppoi scomunicano lui e lasciano questi... al loro posto come pastori! Qui non si tratta più di errori umani, qui c'è una perseveranza nel male a livello dei colpevoli e di chi ha il dovere di vigilare.

     Bravi, ecco i risultati della medicina della misericordia di giovannea memoria.

    RispondiElimina
  114. ma se è costretto da qualcuno, vuol dire che parla di "bastone" del pastore e non lo usa, come dovrebbe, per tenere a freno i lupi che fanno strage del gregge e potrebbero divorare anche lui  !

    RispondiElimina
  115. <span>atti a governare ?</span>
    se si è buoni pastori, si pensa al bene delle ANIME, non a traviarle !
    se i pastori seguono concretamente le parole del Buon Pastore, NON C'E' timore che non sappiano governare : ma devono crederci, devono amarLO con tutto il cuore il Buon Pastore, per volerlo seguire e imitare, laddove Egli dice anche:
    "DO LA VITA PER LE MIE PECORE" !

    RispondiElimina
  116. Anzi mi sembra talmente impossibile che dubito della serietà della fonte a cui ha attinto la spett. Redazione

    RispondiElimina
  117. <span>è la grande piaga d'ORIGINE di tutti questi abomini in crescendo vertiginoso:  
    la piaga su cui nessuno vuol mettere il dito nè RICONOSCERLA e dire:  
    "Signore pietà di noi per il grave fallo che abbiamo commesso: a non ascoltare Te, che sei Giustizia e Misericordia", e che per 1930 anni avevi comandato di insegnare che  
    MISERICORDIA E' anche e soprattutto (oltre a sfamare e vestire...):  
    - consigliare i dubbiosi  
    - insegnare agli ignoranti  
    - AMMONIRE I PECCATORI !  
    Abbiamo pensato di essere più buoni di Te, lasciando correre TUTTI i peccati e tutti gli errori, perchè pensavamo che essere buoni significasse essere INCLUSIVI: ABBRACCIARE INDISTINTAMENTE  
    verità ed errore con <span>uguale (imparziale) amore che "tutto copre" e su tutto chiude gli occhi  !</span></span>

    RispondiElimina
  118. Io non ho capito la nomina di De Kesel, anzi ne sono stata più che sconcertata, incomprensione assoluta, come non ho capito la non proclamazione del santo Curato d`Ars, patrono dei sacerdoti,  siccome ho fiducia in Papa Benedetto, che non credo sia una banderuola, una persona che dice una cosa e ne fa un`altra,  non mi resta che pensare che Papa Benedetto non è libero di agire, che è "ostaggio" all`interno della Curia di chi non vuole lasciare la minima parcella del potere acquisito negli anni passati.
    Pensare questo non mi fa certo del bene, anzi mi rattrista, ma non saprei altrimenti come spiegare  certe decisioni,  probabilmente mi sbaglio, non domando che a essere convinta della loro giustezza.

    RispondiElimina
  119. Christus Spes Mea27 giugno 2010 18:15

    Appunto, odiare l'errore e chi lo commette.

    RispondiElimina
  120. Christus Spes Mea27 giugno 2010 18:20

    Sul Curato d'Ars Patrono dei sacerdoti sei fuori tempo massimo, visto che il Papa felicemente regnante vi ha già rinunciato per compiacere proprio questo tipo di Vescovi che ogni giorno minacciano scismi (che già esistono).

    RispondiElimina
  121. Scrivi qui il tuo nome...27 giugno 2010 18:20

    <span><span>Da un post di questo stesso blog: "</span></span><span><span><span>Non ogni Concilio valido nella storia della Chiesa è stato anche fruttuoso; in ultima analisi, molti di loro sono stati solo una perdita di tempo. Nonostante tutte le cose buone che possono trovarsi nei testi che ha prodotto, l’ultima parola circa il valore storico del Concilio Vaticano II </span></span><span><span><span>dev</span></span></span><span><span>’essere ancora pronunziata" (</span></span><span><span><span>Ratzinger, Joseph. Principles of Catholic Theology: building Stones for a Fundamental Theology. San Francisco: Ignatius Press, 1987, p. 378).</span></span></span></span>
    <span><span>cordialità,</span></span>
    <span><span>ms</span></span>

    RispondiElimina
  122. Christus Spes Mea27 giugno 2010 18:23

    Santa Rita da Cascia quando s'accorse delle intenzioni omicide dei figli che volevano vendicare la morte del padre, chiese al Signore di prenderseli per evitare che peccassero in tal senso...abbiamo l'esempio di una grande Santa...preghiamo il Signore che si riprenda questi indegni Vescovi che scandalizzano i piccoli e mandano all'Inferno una gran quantità di anime!

    RispondiElimina
  123. Christus Spes Mea27 giugno 2010 18:24

    Di solito, a pensar male si fa peccato...ma ci si azzecca quasi sempre.

    RispondiElimina
  124. ma che specie che pastori sono questi, che seguono non lo Spirito Santo, ma le perversioni della carne, suggerite dal demonio, nemico di Cristo ?
    Come si fa a non riconoscere l'avverarsi del'avviso della Madonna, nella parte del messaggio di Fatima, (quella  ben nota in circolazione, ma che il Vaticano da sempre ha voluto occultare, perchè riguardava l'apostasia del clero), là dove dice:
    <span><span>"In nessuna parte del mondo vi è ordine e Satana regna nei più alti seggi, determinando lo statod elle cose. Egli riuscirà ad introdursi fino alle sommità della Chiesa... ...........  
    Per la Chiesa verrà il tempo delle più grandi prove: Cardinali contro Cardinali e vescovi contro vescovi, Satana marcerà in mezzo alle loro file e a Roma vi saranno cambiamenti.  
    Ciò che è putrido cadrà e non si rialzerà mai più. La Chiesa sarà offuscata ed il mondo avvolto dal terrore
    ...</span>  "</span>
    (e poi ci si viene a schernire chiamandoci apocalittici; ma la Madonna avvisava la Chiesa per il nostro bene, non perchè si divertisse a profetizzare sciagure: Chiesa avvisata, mezza salvata....)

    RispondiElimina
  125. La Chiesa sta vivendo una crisi senza precedenti. E come il navigante durante la tempesta si aggrappa saldamente alla propria imbarcazione, così anche noi cristiani dobbiamo aggrapparci fortemente alla salda Dottrina, alla Fede, l'unica che ci impedirà di non sprofondare.

    RispondiElimina
  126. Al direttore - Finché frugano nella tomba di Suenens, pace. L'importante è che non aprano quella di Renatino de Pedis.
    Maurizio Crippa

    (Il Foglio, 26 giugno 2010)

    RispondiElimina
  127. ma, caro Rob, che significa AMARE ??
    per amore dell'errante bisogna AMMONIRLO SUL PECCATO che sta commettendo, esortarlo al PENTIMENTO E ALLA CONVERSIONE; e anche ammonirlo sulle conseguenze di TRAVIAMENTO DI ALTRE ANIME, come nel caso di chi SCANDALIZZA GLI INNOCENTI ! e di costoro sappiamo bene che cosa ha detto Nostro Signore....
    Questi peccatori sono assassini di anime, come Gesù stesso ha detto!
    E ha detto anche: "GUAI A COLORO per colpa dei quali avvengono gli scandali !"
    Gesù non è mai stato buonista: ce lo ha ridotto così questa Chiesa conciliare e conciliante con tutte le storture e tutti gli errori, i più mostruosi mai pensabili !
    E non si possono SANZIONARE o indurre a penitenza i peccatori, perchè si contraddirebbe il Concilio....evidentemente  !
       Vale e vince, dal 1965 , ancora e sempre , il VIETATO VIETARE  !

    RispondiElimina
  128. Redazione di Messainlatino.it27 giugno 2010 18:58

    <span>Ne abbiamo dubitato anche noi. E' assolutamente troppo inverosimile, troppo scandaloso, troppo SCHIFOSO. Ma purtroppo è vero: qui un articolo di Le Soir (primo quotidiano vallone) del 1998: <span>http://archives.lesoir.be/un-manuel-de-catechese-qui-incite-a-la-pedophilie-_t-19980210-Z0EV3A.html</span>  
    Vi si legge, tra l'altro, che il portavoce della conferenza episcopale belga di allora aveva giustificato il mancato ritiro delle pagine incriminate dicendo che il catechismo si indirizza a giovani già abbastanza maturi per non prendere il messaggio alla lettera, e che comunque eran solo disegni...  
    E si scopre anche che il cardinale Re (ancora e sempre lui!) aveva smentito che il Vaticano avesse imposto di espungere quelle pagine criminose.  
    Quindi: tutti sapevano. E a tutti andava bene così. Ai genitori, evidentemente, molto meno. Oportet ut scandala eveniant: un po' di galera a costoro male non farebbe, avrebbero almeno tempo di riflettere.</span>

    RispondiElimina
  129. finchè non torna in uso la SANZIONE DELL'ERRORE E DI OGNI TRASGRESSIONE,
       gli errori e le traasgressioni continueranno ad imperversare: evidentemente il Papa non può andare contro la stessa proclamazione iniziale del Concilio, dove si dichiarò che 
                    "non si dovevano più usare le *armi* del rigore...."
    :( ....e che significa <span>armi </span>? forse che il <span>giusto rigore della Legge</span> è da considerare un'arma contro il cittadino (o il fedele nell'ordine spirituale e nella Chiesa)? ve l'immaginate uno Stato in cui la legge non proibisca niente e dove tutto sia permesso  ?
    senza giudici e senza reati ? un'ARCADIA-CHE-NON-C'E'....partendo dall'idea che l'uomo "é naturalmente buono" e se sbaglia si corregge da solo" ?
    se così fosse NON avrebbe più ragion d'essere la CONFESSIONE O PENITENZA (così si chiamava fino al 1962....)
    .....e infatti: a pensarci e a vedere tutto quel che accade....

    RispondiElimina
  130. La pappardella scotta non le verra certo ammannita da questo stallo, cui è cara la saggezza ma è odioso il compromesso.

    RispondiElimina
  131. Sì, noi siamo sicuri che il Nocchiero non abbandonerà la barca, perchè Nostro Signore l'ha promesso: ciò non toglie però che Egli permetterà gravissime tempeste e tormenti, come annunciato in tanti avvertimenti, fino al punto che la barca si possa quasi rovesciare, e che sia insidiata da un equipaggio ammutinato, in rivolta contro il capitano, come pare da tanti segni....
    Alla fine vinceranno l'Eucaristia e la Madonna, come presagì don Bosco.....ma dopo lungo travaglio!

    RispondiElimina
  132. E bravo il nostro Card. Re ...........  Vergogna!

    RispondiElimina
  133. "Molti di loro sono stati una perdita di tempo"     SANTE PAROLE!

    RispondiElimina
  134. e ci si chiede a questo punto se tali pastori siano a conoscenza del significato della parola
    PECCATO ! o in quale coacervo cartaceo di "scienze antropologiche" l'abbiano seppellita....
    Ovvero: hanno la piena avvertenza di ciò che fanno ?  ritengono forse di fare cosa buona, e nessuno ricorda loro che
           di buone intenzioni è lastricata la strada dell' Inferno ?

    RispondiElimina
  135. Antonio Ribaldeschi27 giugno 2010 19:40

    Secondo san Tommaso d'Acquino la simonia è una eresia. Dunque non è vero che non aveva problemi riguardo la fede. Semplicemente non ha promulgato documenti eretici, ma una volta non c'era tutta questa gran produzione letteraria come oggi.

    RispondiElimina
  136. non è stato neppure invitato: proprio così!
    per un semplice motivo: che si è imposto -fin dall'inizio: 13 ottobre 1962-
    lo SPIRITO DI FAZIONE, o di divisione, e con un vero sopruso, come raccontato in questa pagina.
    Un gesto ignobile e scandaloso di prervaricazione ai danni del card. Ottaviani, che fu il primo di tutti i soprusi successivi, con cui la fazione modernista ha imposto le sue volontà a tutti i Padri.
    E come si può tirare in ballo lo Spirito Santo in un simile iniquo e indegno modo di procedere ??
    Sappiamo bene da quale parte viene lo spirito di fazione, ce lo dice S. Paolo ! altro che Spirito Santo, che si è dovuto tirar da parte , perchè NON PUO' MAI ESSERE COMPLICE DI INGIUSTIZIE E VIOLENZE, quali sono le sopraffazioni avvenute nel Concilio e raccontate da alcuni testimoni  !

    RispondiElimina
  137. Mi ricordo di una certa torre e di tante persone che parlavano lingue diverse senza capirsi .....

    RispondiElimina
  138. E così dunque il card. Re sapeva.
    Una sola reazione, mi scuso ma non me ne viene un`altra: che schifo! Vergogna!
    Come non pensare che certe persone si sono infiltrate nella Chiesa cattolica con il solo scop di annientarla dall`interno?
    E seminando vittime innocenti sul passaggio?

    RispondiElimina
  139. Quand'uno il coraggio non ce l'ha....(ricordate Don Abbondio col Cardinale Borromeo).Oggi il comunismo e' caduto e se ne puo' parlare!

    RispondiElimina
  140. Caro pastori, indubbiamente i vescovi devono pensare al bene delle anime. Ma devono farlo calati in un istituzione in parte soprannaturale e in parte terrena, che quindi ha anche le incombenze tipiche delle cose terrene.
    Prenda l'esempio di Giovanni Paolo I: un sant'uomo, un grande e zelante pastore di anime, buono, umile, generoso. Ma quando fu eletto papa si ritrovò smarrito nella selva della curia romana.
    Ne sarebbe uscito, se fosse vissuto di più? Penso di si, non era certo uno stupido.
    Ma non era neppure abituato ai ritmi e ai problemi di una grande macchina istituzionale.
    E' a quel tipo di governo che bisogna essere pronti.
    Certo lo zelo per le anime è al primo posto, ma non ci si può concentrare solo su questo trascurando gli aspetti istituzionali, sia perchè questi ultimi devono aiutare gli aspetti spirituali, sia perchè altrimenti le serpi in seno se ne approfittano. E infatti la critica principale che si può rivolgere a Giovanni Paolo II è questa: a furia di viaggiare, ha trascurato il governo interno della Chiesa, più dei suoi predecessori ha dovuto fare affidamento sui collaboratori (e i collaboratori dei collaboratori) per ricevere informazioni e dare disposizioni, e il risultato è l'attuale curia romana, troppo spesso faziosa, impreparata, collezionista di gaffe, che non vuole, o non riesce, a seguire Benedetto XVI.
    Ratzinger ne ha passate di cotte e di crude alla sua congregazione: i preti pedofili, la liturgia in latino, lo IOR, Maciel, Sepe... quante volte ha dovuto soccombere, solo contro tutti.
    Ora che è papa può rimediare, ma sapendo di essere circondato da tanti 'collaboratori' velenosi (alcuni) e incapaci (altri) e conoscendo le condizioni degli altri episcopati, spesso non può prendere la soluzione migliore, ma solo la meno peggio.
    Eppure non posso fare a meno di credere che la sua sia la via giusta. Perchè applica la raccomandazione di Nostro Signore: bisogna passare per la via stretta.
    Certo è difficile, lunga, dolorosa, le sconfitte non mancheranno, ma alla fine darà i suoi frutti.
    Quando? Be, Dio ha i suoi tempi e certo non desidera il 'tutto e subito', tanto agognato nell'immediato, tanto nefasto a posteriori.

    RispondiElimina
  141. E ti pare poco?Un papa ortodosso!Magari l'avessimo avuto,uno come il Borgia, in questo buco nero di mezzo secolo!Almeno si salvava la DOTTRINA:cos'altro dovrebbe fare un Papa?Sturar lavandini?

    RispondiElimina
  142. No, amare il peccatore sempre e odiare senza tregua l'errore che commette: anzi è l'amore verso il prossimo che ha come <span>logica</span> conseguenza l'odio verso il suo errore, perchè l'errore porta danno al prossimo; se non ami il tuo prossimo non odi il suo errore ( e viceversa ancor più correttamente).

    Io amo gli eretici e odio le eresie ( giacchè le eresie non danneggiano me ma gli eretici che le propugnano.

    RispondiElimina
  143. chi scrive "detestare peccato E PECCATORI" mi fa di gran lunga più paura di chi NEGA il peccato e dunque, NON vede peccatori.
    E poi, un dubbio: ma che, lei se ne tira fuori, dai "peccatori"? Lei non ha bisogno forse di redenzione?
    Probabilmente s'è perso il Vangelo di oggi (chiaramente della V domenica dopo la Pentecoste, VO)<span><span>:</span></span>
    <span><span>"In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: Se la vostra giustizia non sarà maggiore di quella degli Scribi e dei Farisei, non entrerete nel regno dei cieli. Udiste come fu detto agli antichi: Non uccidere, e chiunque avrà ucciso, sarà condannato in giudizio; ma io vi dico: chiunque si adira col suo fratello sarà condannato in giudizio. E chi avrà detto al suo fratello: "raca" </span></span>
    <span><span>sarà condannato nel Sinedrio. E chi gli avrà detto: "pazzo" sarà condannato al fuoco della Geenna"..</span></span>
    L'ortodossa traduzione di "raca" suggerita dal messalino è "parola aramaica che vion dire "testa vuota".

    O Signore, dacci sempre la Grazia e la forza di sentirci come il pubblicano, di pregare come il pubblicano..

    RispondiElimina
  144. Nella gamma di responsabilita' su cosa e' diventata la Chiesa,oggi,Ratzinger non e' il primo ma nemmeno l'ultimo:e questa e' storica accuratezza!Che poi "monoculi sunt reges in regno caecorum" e' un altro bel paio di maniche!E posso concordare,ma solo in via accomodatizia.

    RispondiElimina
  145. Quidquid latet apparebit
    Nihil inultum remanebit

    RispondiElimina
  146. Ahahahahahahahahahah !

    RispondiElimina
  147. Ed e' tutto dire..........................................................

    RispondiElimina
  148. La notizia di questo post è veramente scandalosa e giustamente i commenti sono sdegnati e forti, al punto che non dispiacerebbe  a qualcuno (compreso il sottoscritto) che certi neomodernisti finissero in galera.  se non c'è altro modo per liberarcene ci va bene pure questo.
    Detto questo però vorrei aggiungere, e credo che in quello che sto per dire avrò la condivisione della redazione e di molti altri lettori di questo blog:

    noi tradizionalisti non crediamo di essere i giusti, i puri, i santi; sappiamo bene che siamo peccatori come gli altri se non di più degli altri; quindi quando ci scagliamo con forza contro le malefatte dei neomodernisti abbiamo ben presente che il peccato è ovunque, anche tra di  noi.
    Il rigore che chiediamo verso i neomodernisti lo chiederemmo anche per un prete tradizionalista che venisse scoperto a fare cose turpi "contra sextum".

    Abbiamo ben presente che essere innamorati del rito antico non ci libera dalle tentazioni nè dal peccato.

    RispondiElimina
  149. L'unico pericolo qui e' perder la Fede!L'eleganza vien dopo.......

    RispondiElimina
  150. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 20:30

    Anche se rispondevo a te, per la pappardella scotta parlavo in generale, perché si tende sempre a trovar attenuanti ormai prive di credibilità. Inoltre leggo con attenzione quel che scrivi.

    RispondiElimina
  151. Hai scoperto l'acqua calda!Sempre la polizia si muove dietro segnalazione.Non hanno mica la "palla di vetro" come le maghe!

    RispondiElimina
  152. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 20:32

    E dacci anche teste piene.

    RispondiElimina
  153. Redazione si faccia interprete del nostro sdegno e invii una protesta alle congregazioni competenti e al card. Re, chiedendo conto delle loro omissioni scandalose e allegando le pagini edificanti di tale catechismo. Oppure proponga al card. Re di far adottare tale catechismo nelle parrocchie della sua Val Camonica e di sentire i parroci di là cosa ne pensano.

    RispondiElimina
  154. Ma non li vuole nemmeno Satana.Rimarranno vivi in aeternum!

    RispondiElimina
  155. Ciononostante non capisco ancora come sia potuto nascere il bisogno di mettere certe immagini sul catechismo; è importante capire ma basta un linguaggio decente e preciso senza scendere nei " dettagli tecnici" ( anche se, è vero, la questione degli atti impuri è una delle più imprecise e vaghe nei vecchi catechismi per bambini, sia universali sia diocesani).

    RispondiElimina
  156. Il sussulto d'orgoglio la Chiesa lo doveva avere quando,decenni fa,s'e' sbracato tutto in quel Paese!

    RispondiElimina
  157. Luget valde Mater Ecclesia et numquam vere gavisa est.

    RispondiElimina
  158. Re,figurati!Manco fosse il Savonarola!Ahahahahahahahahahah...................................................

    RispondiElimina
  159. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 20:44

    Credo che in questo blog, salvo qualche voce isolata, nessuno gioca al massacro contro il Papa. Vediamo ed apprezziamo quel che di pregevole fa o che ha fatto e speriamo in quel che farà, talvolta con la tristezza di chi assiste a movimenti molto lenti e a provvedimenti inefficaci. Resta l'ombra greve di catechismi immorali e dottrinalmente erronei e sostanzialmente eretici che sono stati lasciati dalla S. Sede in vigore per anni ed anni. L'ombra di teologi mai condannati le cui eresie hanno infestato la Chiesa. Chi risponde dei danni arrecati alle anime? Al disopra degli autori, dei vescovi, chi c'era e chi c'è? Credo che la domanda sia legittima. E' la risposta che non viene e questa mancanza non può non provocar sconforto..

    RispondiElimina
  160. Christus Spes Mea27 giugno 2010 20:45

    Detestare il peccatore non significa augurargli la dannazione eterna (mi guardo bene dal farlo).
    Per detestare il peccato bisogna pur sempre detestare chi lo commette (certo in cuor mio spero si converta) ma pregare Dio perchè tolga di mezzo i nemici non è peccato...

    RispondiElimina
  161. La crisi pur grave non avra' il suo acme su dottrina o morale ma sui soldi:ci sara' una bancarotta senza precedenti(in USA e Irlanda ce n'e' un primo assaggio...)con chiusura di decine di diocesi!

    RispondiElimina
  162. ma la sollecitatio ad turpia non era da scomunica? Roma dorme. Roma ha perduto le Fede. Che tristezza! Signore, salvaci!

    RispondiElimina
  163. COMUNQUE TRA UN COMMENTO E L'ALTRO SI ARGUISCE CHE NEANCHE AI TEMPI DI LUTERO LA CHIESA FOSSE IN QUESTE CONDIZIONI E TEMO CHE IN ITALIA SALVO CAMBIAMENTI SIAMO AVVIATI PER QUELLA STRADA.

    RispondiElimina
  164. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 21:03

    Parlo di Papi in generale, che nella storia in un modo o nell'altro han tradito la loro missione. Dopo il 1958 c'è stata la ventata che avrebbe dovuto far fiorire la nuova primavera della Chiesa e poi gli stessi papi entusiasti  si son dovuti accorger  che era arrivata la bufera, che era entrato nella Chiesa il fumo di satana, che la Chiesa era inondata da un pensiero non cattolico ecc. ecc.
    Chi ha portato nella Chiesa questo fumo, questo pensiero non cattolico? Quali atti decisi e non solo queruli lamenti son venuti dalla S. Sede per impoedirrne l'entrata o almeno per tappar le falle della barca? Non sono stati richiamati i professori eretici allontanati soto Pio XII? Qualcuno non è stato addirittura insignito del cardinalato? Ove si escludano le scomuniche a Lefebvre e a Milingo (nessun accostamento per carità) quali preti, vescovi e cardinali sostanzialmente nemici della Cattedra di Pietro sono stati colpiti?
    C'è tradimento e tradimento. E' un tradimento anche il facile ottimismo che chiude gli occhi abbagliati dalle folle oceaniche; il lasciar la Chiesa senza un governo forte ed in mano altrui; il tentennar dinnanzi a provvedimenti che pure i bambini ritengon necessari; il tollerar la profanazione della santa liturgia della Messa ecc. ecc.
    Il Papa attuale si sta sforzando di raddrizzar la rotta,  certo incontrando dififcoltà interne,  ma anche con una prudenza che a volte, non essendo addentro alle secrete cose, appare debolezza. Ecco, io vorrei un Papa prudente sempre ma forte nell'opera di pulizia e rinnovamento. Ma se si continua di questo passo Benedetto XVI non sarà ricordato ome il restauratore della Chiesa, magari d'una Chiesa più piccola ma ricca di fede e splendente di santità.

    RispondiElimina
  165. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 21:04

    Certamente non vetero-cattolica.

    RispondiElimina
  166. Condivido quanto scrive Antonello, dopo tutto sono cose ovvie e il vero cattolico non è moralista! Sono ancora più d'accordo con don Gianluigi di cui sottoscrivo l'<span>appello alla redazione per chiamare in causa i diretti interessati. Che amarezza nel constatare con quanto zelo ci si è adoperati contro Mons. Lefevre scaglia scatenando tuoni e fulmuni - e tutt'ora si boicottano i "tradizionalisti" mentre si è tollerato ( Dio non voglia che sia stato voluto, ma il dubbio è lecito!) il disgregamento dottrinale e morale della Chiesa!</span>

    RispondiElimina
  167. ripensando anche quando, pochi giorni fa (11 giugno) egli stesso ha detto, proprio in un'omelia qui riportata, ammonendo tutti i pastori su quello che deve essere il loro amore per il gregge:

    <span>"....il pastore ha bisogno del bastone contro le bestie selvatiche che vogliono irrompere tra il gregge; contro i briganti che cercano il loro bottino. Accanto al bastone c’è il vincastro che dona sostegno ed aiuta ad attraversare passaggi difficili. </span>
    <span>Ambedue le cose rientrano anche nel ministero della Chiesa, nel ministero del sacerdote. <span>Anche la Chiesa deve usare il bastone del pastore, il bastone col quale protegge la fede contro i falsificatori, contro gli orientamenti che sono, in realtà, disorientamenti</span>. Proprio l’uso del bastone può essere un servizio di amore. </span>
    <span>Oggi vediamo che non si tratta di amore, quando si tollerano comportamenti indegni della vita sacerdotale. Come pure <span>non si tratta di amore se si lascia proliferare l’eresia, il travisamento e il disfacimento della fede, come se noi autonomamente inventassimo la fede. Come se non fosse più dono di Dio, la perla preziosa che non ci lasciamo strappare via".</span></span>

    e allora, ci aspettiamo ogni volta che alle belle parole seguano i fatti !.....
    :(

    RispondiElimina
  168. <span>Una chiosa al mio interventi delle 15,53: 
     
    Lo Spirito Santo non è stato invitato all'ultimo concilio, e, propio per questo, è intervenuto comunque ugualmente, motu propio, "ispirando" ai padri conciliari propio quella rinuncia ad essere infallibili abbandonandoli quindi a  quel  declassamento a concilio pastorale (cosa inaudita prima). 
     
    Immaginatevi cosa sarebbe successo se il Vaticano II si fosse proclamato  infallibile! 
     
    TE DEUM LAUDAMUS</span>

    RispondiElimina
  169. <span>ripensando anche quando, pochi giorni fa (11 giugno) egli stesso ha detto, proprio in un'omelia qui riportata, ammonendo tutti i pastori su quello che deve essere il loro amore per il gregge:  
     
    <span>"....il pastore ha bisogno del </span>bastone contro le bestie selvatich<span>e che vogliono irrompere tra il gregge; </span>contro i briganti che cercano il loro bottino<span>. Accanto al bastone c’è il vincastro che dona sostegno ed aiuta ad attraversare passaggi difficili. </span> 
    <span>Ambedue le cose rientrano anche nel ministero della Chiesa, nel ministero del sacerdote. <span>Anche la Chiesa deve usare il bastone del pastore, il bastone col quale protegge la fede contro i falsificatori, contro gli orientamenti che sono, in realtà, disorientamenti</span>. Proprio l’uso del bastone può essere un servizio di amore. </span> 
    <span>Oggi vediamo che </span>non si tratta di amore, quando si tollerano comportamenti indegni della vita sacerdotale.<span> Come pure <span>non si tratta di amore se si lascia proliferare l’eresia, il travisamento e il disfacimento della fede, come se noi autonomamente inventassimo la fede. Come se non fosse più dono di Dio, la perla preziosa che non ci lasciamo strappare via".</span></span>  
     
    e allora, ci aspettiamo ogni volta che alle belle parole seguano i fatti !.....  
    :( </span>

    RispondiElimina
  170. E' vero. Troppo spesso chiudendo anche solo mezzo occhio per presunta benevolenza, si è finito per tollerare falle grandi come crateri vulcanici e per lasciar rotolare a valle macigni capaci di spazzare via interi paesi. Ogni forma di manicheismo ideologico va accuratamente evitata, ma quando arriva il momento di usare gli strumenti pesanti - come è da tempo necessario nell'ignobile caso in oggetto - è necessario procedere, prontamente, drasticamente ed esemplarmente.

    Mi permetta di aggiungere - per non essere solo persona che chiede chiarmienti sulle posizioni altrui senza fornirne sulla propria - che nei confronti dell'attuale Pontefice nutro una speciale stima: perché vi vedo colui che, volendo o nolendo, ci ha traghettato fuori da (quella che a mio modo di vedere è stata) l'interminabile foresta di mangrovie del penultimo pontificato, perché la sua comprensione ed elaborazione della spiritualità cristiana mi sembra profonda, sincera e persuasiva; perché trovo la sua sensibilità al sacro e all'arte degna (finalmente!) di un Pontifex Maximus; perché la sua mitezza d'animo ha un timbro profondamente evangelico (non è, cioè, insulso buonismo); perché suscita avversione in tanti, ma tanti, ma tanti, ma tanti imbecilli, anche tra i tonsurati; perché non si stanca di richiamare indirettamente o direttamente il gregge al sole oriente della Tradizione. Nonché per altri motivi, che non sto qui a enumerare. Non nascondo, peraltro, che in più di un'occasione avrei voluto e vorrei vederlo menare qualche sano fendente, specie per ristabilire pienamente e imperativamente il venerabile Rito antico a centro dell'astrolabio cattolico.

    RispondiElimina
  171. Anticristo VICINO?Ahahahahah.Ma che  :-D  lo verresti dentro al letto,per realizzare che c'e' gia >:o '?

    RispondiElimina
  172. <span>
    <p>il Papa stesso ha detto, l'11 giugno:
    </p><p><span><span>"....il pastore ha bisogno del </span>bastone contro le bestie selvatich<span>e che vogliono irrompere tra il gregge; </span>contro i briganti che cercano il loro bottino<span>. ...</span></span>
    </p><p><span><span></span><span> Proprio l’uso del bastone può essere un servizio di amore. </span>   
    <span>Oggi vediamo che </span>non si tratta di amore, quando si tollerano comportamenti indegni della vita sacerdotale.<span> "</span></span>
    </p><p>....e allora ?
    </p><p>che fine ha fatto la tolleranza zero di cui parlava qualche giornalista poco tempo fa ?
    </p></span>

    RispondiElimina
  173. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 21:17

    Ma quella dei vescovi era l'unica Congregazione Roma interessata al caso? Non vi sembra strano? Insomma sempre colpa di Re? Di altri principi no?

    RispondiElimina
  174. Per prendere in mano il bastone bisogna trovarlo. Si potrebbe cominciare a cercarlo nella scrivania detta "Barbarigo".

    RispondiElimina
  175. come da programma27 giugno 2010 21:27

    a questo punto...più spinti e sfrontati ancora di quello che vorrebbero essere gli insegnanti nelle scuole: incredibile !
    e si constata che è raggiunto l'OBIETTIVO del noto programma della Massoneria per distruggere la Chiesa Cattolica, riportato col n. 19:

    <span><span>19- <span>Bruciate tutti i Catechismi. Dite agli insegnanti di religione di insegnare ad amare le creature di Dio invece di Dio stesso. L’amare apertamente è testimonianza di maturità. Fate che il termine “sesso” diventi parola di uso quotidiano nelle vostre classi di religione. </span>    
    <span>*Fate del sesso una nuova religione. Introducete immagini di sesso nelle lezioni religiose per insegnare ai bambini la realtà. Assicuratevi che le immagini siano chiare....</span>   </span></span>
    .................
    obiettivo realizzato con precisione agghiacciante  !
    :(

    RispondiElimina
  176. come da programma27 giugno 2010 21:31

    <span><span>rinuncia ad essere infallibili </span></span>
    magra consolazione....perchè i danni sarebbero venuti lo stesso !

    RispondiElimina
  177. In Belgio la Chiesa e' gia' morta,e da tanto tempo! :'( Non diamo la colpa alla polizia!

    RispondiElimina
  178. ai tempi di Lutero, il Papa Leone X emise la bolla con l'incipit:

    <span><span>"Exurge Domine et iudica causam tuam,..." !</span></span>

               perchè ora il Papa non fa altrettanto nei confronti di fatti gravi e gravissimi ?

    RispondiElimina
  179. Anche Mussolini,in pieno fascismo,aveva ogni tanto bizzarre iniziative socialisteggianti(nostalgie di gioventu').

    RispondiElimina
  180. Reverendo,ma cosa fa?Lei da un'idea,e magari Quello La prende sul serio!!!

    RispondiElimina
  181. Non ero al corrente di questa situazione così tragica nella Chiesa Belga!
    Vi giuro, mi è venuto il volta stomaco...

    Chiedo alla redazione se fosse possibile pubblicare notizie più confortanti riguardo alla Chiesa Belga, possibile che sia tutto così negativo? non ci sono segni di speranza? Vi sono elementi cattolici più ortodossi?
    Non riesco a capire come abbia fatto un'istituzione con duemila anni di storia come la Santa Chiesa Cattolica a permettere questo scempio della fede, ma quello che più mi rattrista non è il decadimento della Chiesa Belga in sè, ma le anime che non verranno salvate a causa di questa confusione, agnelli lasciati in balia di lupi famelici, dove sono i pastori che proteggono e salvano le anime? Tutto questo è terribile...

    Bisogna creare focolai tradizionalisti in Belgio al più presto, e pregare, pregare, pregare, pregare, perchè Satana sta attacando la Chiesa di Cristo!

    RispondiElimina
  182. Una crisi nemmeno paragonabile a quella causata da Lutero o all'altra,quella napoleonica.Almeno la Dottrina e la Liturgia erano SALDISSIME!Il """bello""" e'  che QUESTA crisi e' stata causata DALL' =-O INTERNO:Papi,Cardinali e Vescovi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Non solo:ha travolto :-[ TUTTO DI TUTTO!

    RispondiElimina
  183. Lefebvre:"Rome a perdu la foi".

    RispondiElimina
  184. e mi sembra giunta l'ora di giudicare che specie di ALBERO SIA questo che ha dato frutti così repellenti ! e non mi si venga a dire che "le gemme sono ancora lì che aspettano il sole per sbocciare", come disse l'ill.mo Suenens !
    Basterà per chi ha Fede, che Nostro Signore ha detto:
     "DAI FRUTTI LI RICONOSCERETE"  ?
    ...o dobbiamo aspettarne di più gustosi ancora ? ?

    RispondiElimina
  185. Redazione di Messainlatino.it27 giugno 2010 22:24

    Nel caso belga non è questione di parlare di atti impuri A dei bambini, bensì di parlare di atti impuri DI bambini. Anzi, atti che diventano lodevoli e raccomandati.
    Che cosa ci stia a fare quel discorso in un catechismo, ci sfugge completamente (gli atti dei bambini prima dell'uso di ragione, tra l'altro, non hanno nemmeno rilevanza morale).

    RispondiElimina
  186. Grazie del chiarimento, che nella sostanza è assai condivisibile (ma non porrei ipoteche sulla memoria futura di Benedetto XVI).

    RispondiElimina
  187. <span>se vogliamo prendere coscienza di quale fosse il gradimento da parte del Cielo sulla volontà di aprire il mitico Concilio 21.mo, basterebbe ricordare come suor Lucia abbia INVANO sollecitato ad aprire e divulgare il 3. segreto con tutti gli avvisi della Madre di Dio, a vantaggio e protezione da tutti i mali prossimi a scatenarsi da dietro l'angolo di quel fatidico 1960, in cui Papa Giovanni sdegnosamente rifiutò di aderire alla richiesta dicendo (dopo averlo letto):  
    "Non riguarda il mio pontificato!"  
    ....e procedendo, come programmato, ad indire il Concilio della "grande nuova Pentecoste"....
    Ora, infatti, vediamo bene, che quei tremendi avvisi sull'apostasia conseguenti allo sfacelo della Liturgia e CROLLO verticale della Fede e della morale, anche  nel clero, riguardavano proprio noi, protagonisti dei decenni successivi al '60  !</span>

    RispondiElimina
  188. e l'abominio continua e imperversa con gli arredi satanici e oltraggiosi alla figura del Sacro Cuore:
    <span>Chiesa di Notre Dame de la Chapelle a Bruxelles</span>
    <span>UNA  MOSTRA  DIABOLICA DEL Luglio 2005:</span>
    <span>Non è cattivo gusto,</span>
    <span>si tratta di una voluta profanazione</span>
    E' una chiesa che "si trova proprio nel centro di Bruxelles, uno di quei posti sicuramente frequentati anche dal card. Danneels. È decente supporre che questo prelato sia a conoscenza di tutto e lo approvi ?
    Avrà notato, costui, il blasfemo e derisorio accostamento che è stato fatto a carico del Sacro Cuore ?"
    http://www.unavox.it/FruttiPostconcilio/NuoviPreti/MostraDiabolicaBruxelles.htm

    RispondiElimina
  189. ...e ancora, a Linz, l'arcobaleno al posto del Crocifisso:
    <span>Chiesa del Calvario a Schenkenfelden, diocesi di Linz, Austria</span>
    <span>L'ARCOBALENO  AL  POSTO  DEL  CROCIFISSO</span>

    :'( :'( :'(

    RispondiElimina
  190. <span><span>"L’elemento centrale della profezia, che poi scatena sciagure e cataclismi della più ampia portata, il perno del segreto, è la predizione d’una crisi dottrinale all’interno della Chiesa. Devastante. </span>  
    <span>Una crisi che parte dall’alto, dal vertice umano della Chiesa; che parte negli anni ‘60 e finisce con il trionfo del Cuore Immacolato di Maria Santissima (quindi riguarda il nostro tempo); che sembra collegata alle profezie degli ultimi tempi, anche della Sacra Scrittura e soprattutto dell’Apocalisse, e che forse prepara la via all’Anticristo (come misteriosamente sapevano i mandanti di Agca).</span><span></span>
    ...... 
    <span>E se il card. Oddi, che ebbe un colloquio con suor Lucia, ne trasse la convinzione “che il terzo segreto predicesse qualcosa di terribile che la Chiesa aveva fatto”, ovviamente nel senso improprio degli uomini di Chiesa, il cardinale Ciappi, per decenni e sotto più Pontefici “teologo del Papa”, è stato assolutamente lapidario, scrivendo poco prima di morire:</span></span>
    <span><span> “Nel terzo segreto si profetizza, tra le altre cose, che la grande apostasia nella Chiesa partirà dalla sua sommità!”. </span>  
    <span>L’apostasia è il rigetto, il rinnegamento, la perdita della fede cattolica (non necessariamente per non credere più a niente: magari, ed è la cosa più insidiosa, per sostituirla con una falsa fede). È il monito più grave che la Madre del Verbo Incarnato potesse rivolgere...."</span> 
    http://www.unavox.it/ArtDiversi/div042.htm</span>

    RispondiElimina
  191. Peter Moscatelli27 giugno 2010 23:03

    La profanazione della tomba del Cardinal Suenens mi sembra alquanto simbolica. Tristemente tale.

    RispondiElimina
  192. <span>"....da dopo il 1960, anno indicato dal Cielo per la divulgazione del terzo segreto, c’è nella Chiesa una crisi. Una crisi di tipo innanzitutto dottrinale, perciò radicale, e universale, provenendo dall’alto. Il che contraddice l’impostazione di un certo filone, che riduce il problema ai pur realissimi abusi ed eccessi “in basso”. </span>
    <span>Del mondo non ne parliamo, siamo alla frutta della lunga apostasia moderna: ma quando in un paese le guardie vanno disastrosamente, bisognerà agire lì più che stupirsi e prima di occuparsi dei tanti furti dei ladri… </span>
    <span>E che ci sia questa crisi, straordinaria, l’ha detto tante volte lo stesso Santo Padre, allora cardinale Ratzinger (e probabilmente non è un caso che egli già avesse letto il terzo segreto): pensiamo alla nota Via Crucis del Venerdì Santo 2005, la Chiesa sembra una barca che sta sul punto di affondare… Pensiamo a questa frase di Rapporto sulla fede: “questo confuso periodo dove davvero ogni tipo di deviazione ereticale sembra premere alle porte della fede autentica…” </span>
    ù<span>Non si giudica una situazione eccezionalissima con i criteri d’ordinaria amministrazione”.</span>
    <span>Certo, non è che in tali situazioni si possa legittimamente fare tutto e il contrario di tutto: anche se c’è quell’incendio, non posso entrare in quella casa e rubare; non posso entrare, prendere il bambino e automaticamente trattenerlo per sempre con me; ma legittimamente posso e debbo, in coscienza e in carità, entrare per metterlo al sicuro anche senza l’autorizzazione del padrone di casa ? cosa che, in una situazione normale, sarebbe illegale violazione di domicilio, da non farsi. </span>
    <span>Ora, il Cielo - l’Autorità suprema e assoluta - ci dice: siamo in tempi di crisi straordinaria nella Chiesa: l’ortodossia cattolica è universalmente minacciata e la Chiesa è offuscata, come eclissata, dal fumo di Satana al suo interno. "</span>

    RispondiElimina
  193. DANTE PASTORELLI27 giugno 2010 23:08

    Tutto vero sul piano teorico: ma sul piano pratico? Sull'attuazione dei propositi ben noti? Vorrei, ma non posso? Mi piacrebbe sentire: voglio, stabilisco, decreto, e anatema sia chi a questa mia volontà, decisione, a questo mio decreto si oppone o non ottempera.

    RispondiElimina
  194. <span>che cosa può fare il cristiano in una situazione così eccezionale per la sua gravità ?  
    E' necessario per tutti ritornare alla"<span>“regola per distinguere la verità cattolica dall’errore”, che san Vincenzo di Lerino ci dà nel Commonitorium; si tratta di un’opera e un autore probati, cioè approvati, lodati dalla Chiesa stessa, per tanti secoli. </span>  
    <span>Vi leggiamo: </span>  
    <span>“Come, dunque, dovrà comportarsi un cristiano cattolico [notate bene: “un cristiano cattolico”: quindi, non solo la gerarchia ecclesiastica] se qualche piccola frazione della Chiesa…”: </span>  
    <span>ahinoi, non è questo il nostro caso, oggi non è questione di qualche piccola frazione della Chiesa. </span>  
    <span>“Se, però, si tratta di una novità ereticale che non è limitata a un piccolo gruppo, ma tenta di contagiare e contaminare la Chiesa intera?”: </span>  
    <span>ecco, è questo! </span>  
    <span>Precisamente questa è la situazione da cui la Madonna Santissima voleva fossimo messi in guardia a partire già dal 1960: un pericolo generale per la dottrina della fede, per la retta fede, con gli annessi e connessi. </span>  
    <span>Che fare dunque in questi frangenti? </span>  
    <span>Riprendiamo il Commonitorium dove l’avevamo lasciato: </span>  
    <span>“In tal caso, il cristiano dovrà darsi da fare [e non dormire, sfogare lagnandosi o lavarsi le mani] per aderire all’antichità, la quale non può evidentemente essere alterata da nessuna nuova menzogna”. </span><span>In tali condizioni..."si palesa appropriata la posizione detta tradizionalista: in questo quadro, noi ci attacchiamo al Catechismo antico, alla Messa antica e così via, organizzandoci di conseguenza e come la realtà ce lo consente (e non come in astratto si preferirebbe); </span><span>nell’attesa serena, fedele e militante che, sino in fondo, l’eclissi venga  meno."</span></span>
    <span><span> </span>http://www.unavox.it/ArtDiversi/div042.htm</span>

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.