mercoledì 5 maggio 2010

Buona notizia da Salerno

Molto volentieri pubblichiamo l'annuncio di una Santa Messa a Salerno con la speranza che possa essere l'inizio di celebrazioni regolari.

Il futuro è Tradizione !

Domenica 9 Maggio alle ore 19,00 nella Chiesa di San Domenico
(Parrocchia Santa Maria della Porta e San Domenico) nel cui altare è riposta la reliquia del braccio di San Tommaso, ci sarà una celebrazione secondo il rito romano antico preceduta dal Santo Rosario.
L'indirizzo è via Largo S. Tommaso d’Aquino – SALERNO

Leggete, diffondete E POI VENITE !

Sursum corda !

14 commenti:

  1. chi sarà il celebrante?

    RispondiElimina
  2. Luis Moscardò5 maggio 2010 12:41

    "Il futuro è tradizione!
    ...........
    Leggete, diffondete E POI VENITE !"

    E' inutile, ragazzi, a Sud di Roma dicono in poche parole quello noi si dice con interminabili discorsi! :)

    Sono felice della notizia, AMDG!

    RispondiElimina
  3. Anselmo d'Aosta5 maggio 2010 12:53

    Galeazzi ha dto un anteprima sconvolgente. Per galeazzi il papa pare che voglia nominare nuovo arcivescovo di Torino , con diritto a cardinale, il "suo teologo di fiducia " Mons Bruno Forte.

    Non sapevo che il tanto bla bla bla Bruno Forte era il teolog di fiducia del papa!!!!! :'( :'( :'( :'( :'( :'(

    Se ciò fosse con un trio Forte, Marini, Romeo in un futuro Conclave c'è che mal sperare.L'avanzata del fai da te con innovazioni in campo liturgico- teologico e  morale  ( e che idee) nella Chiesa.

    Buona fortuna !

    RispondiElimina
  4. Finalmente, speriamo solo che alla fine possa anche essere celebrata nella cripta del duomo, che ospita le reliquie di san Matteo evangelista e di san Gregorio VII papa!

    RispondiElimina
  5. Mons.Forte a Milano? E' proprio vero che al peggio non c'e' mai fine: dopo Montini, Martini e Tettamanzi....
    Speriamo si tratti solo di una chiacchiera di corridoio senza fondamento.
    Io ne ho sentite altre, tipo Mons.Fisichella.... sperém!

    RispondiElimina
  6. Se il Papa oserà promuovere a importanti sedi personaggi squallidi e affabulatori come Bruno Forte, Piero Marini, ma anche Versaldi o Nosiglia, vorrebbe proprio dire che non è autonomo nelle sue decisioni ma è ostaggio delle lobbies vaticane legate al potere progressista e pseudoconciliarista, in barba alla sbandierata ma poco applicata ermeneutica della continuità.
    Iddio voglia chiamare al Suo cospetto questi squallidi prelati prima che assurgano a cariche pericolose per il Suo popolo fedele.

    RispondiElimina
  7. Redazione di Messainlatino.it6 maggio 2010 00:12

    L'ultima frase è davvero fuori luogo.

    RispondiElimina
  8. ma e' comprensibile. Diciamo, piuttosto, che costoro si ammalino, si ritirino a vita privata, campino ancora a lungo facendo penitenza e, in tal modo si salvino l'anima

    RispondiElimina
  9. rallegramenti6 maggio 2010 08:54

    <span>Sursum corda ?    
       
    .........    
    ah....sì,  molto bene: un'altra rondine che potrebbe annunciare la Primavera della Tradizione che torna (e per sempre, si spera): felicitazioni ai salernitani!    
    Ma.....io, come Tommaso:    
    non mi uinirò ai cori di esultanza, non canterò vittoria, finchè non vedrò (e non udirò da vicino e toccherò con mano!....) la notizia che si sta celebrando una Messa di S. Pio V nelle seguenti diocesi:    
    Diocesi Teramo-Atri (Mons. Michele Seccia);    
    Arcidiocesi Pescara-Penne (<span>Mons. Tommaso Valentinetti);</span>    
    Arcidiocesi Chieti-Vasto (Mons. Bruno Forte);    
    <span>Arcidiocesi di Campobasso-Boiano (Mons. Giancarlo Maria Bregantini);</span>    
    Diocesi di Isernia-Venafro (Mons. Salvatore Visco);    
    Diocesi di Termoli-Larino (M<span>ons. Gianfranco De Luca);</span>    
    .....e giù ancora, ancora ......a scendere in:    
    <span>Arcidiocesi di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo (Mons Michele Castoro);</span>    
    <span><span>Arcidiocesi di Foggia-Bovino (<span>Mons. Francesco Pio Tamburrino);</span></span></span>    
    ....ecc....ecc....ecc....  !  
    <span>Soprattutto mi rallegrerò quando</span>    
    sentirò notizia che  nelle suddette diocesi e in quelle ancor più a Sud, fino alla Sicilia tutta, si racconterà di <span>COME I PARROCI </span>si stiano (con coraggio e Fede) impegnando a far CONOSCERE AI FEDELI il Motu Proprio Summorum Pontificum di Papa Benedetto, dopo 3 anni dalla sua promulgazione:    
    e SE EFFETTIVAMENTE quei fedeli cattolici siano riusciti a <span>toccare l'argomento MP senza ricevere intimidazioni</span> di sorta, e a SAPERE quale sia il suo contenuto, il suo programma, la sua finalità....e che cosa sia questa famosa MESSA DI SEMPRE, di cui il 99% dei parrocchiani (visto che pochi usano Internet con questo scopo di ricerca), o non ne ha mai avuto notizia (per giovane età...) OPPURE ha dimenticato il suono perfino del suo nome, chiamandola erroneamente, a 45 anni dal Concilio,     
    e usando inconsapevolmente la parola definitoria (riduttiva-restrittiva) d'immemore straniamento  (spesso a bella posta così diffusa dal Potere.....):     
                                                           "Messa in latino" !</span>

    RispondiElimina
  10. rallegramenti6 maggio 2010 09:10

    <span>ah...dimenticavo: naturalmente, per il versante tirrenico (abitato, forse ...., da gente "più combattiva" di quello adriatico) dovrei almeno citare<span> la vera "chicca" </span>che giustificherebbe un'eventuale esultanza corale del popolo italico, a cui unirsi in gaudio, dall'Alpi all'Etna, se udissimo notizie simili alla odierna, avverarsi nella seguente: 
    Arcidiocesi di Napoli (Mons. Crescenzio Sepe) ! 
    allora sì che si potrebbe annunciare, senza tema di smentite, la Primavera della Chiesa "di sempre" (non della cosiddetta "nuova che avanza")!</span>

    RispondiElimina
  11. rallegramenti6 maggio 2010 09:16

    addenda:
    Arcidiocesi Lanciano-Ortona (Mons. Carlo Ghidelli)

    RispondiElimina
  12. Redazione di Messainlatino.it6 maggio 2010 12:33

    Non ci siamo ancora.

    RispondiElimina
  13. Più vi leggo più resto allibito dalle vostre continue contraddizioni. Qualcuno ha detto che dopo Montini, Martini e Tettamanzi al peggio non c'è fine. Qualcun'altro si scandalizza per altri vescovi. Ma voi non siete quelli che tentano con tutte le forze di difendere strenuamente l'operato del Santo Padre e il suo Magistero? Chi è che ve li manda i vostri vescovi? Si nominano da soli? Ancor di più, la porpora se la impogono da loro comprandosi i vestiti di un altro colore o c'è qualcuno che gliela conferisce? Il papa ha recentemente richiamato preti e vescovi macchiatisi di pedofilia, credo che, se le cose stessero davvero come le dipingete voi, non si sarebbe fatto problemi a richiamare per una cosa che causa molto meno male al mondo, come il rispetto del Motu Proprio. Evidentemente, voi strumentalizzate l'operato di papa e vescovi per guardare le cose solo dal vostro, a mio avviso limitatissimo, punto di vista. Tra l'altro, per tornare alle affermazioni precedenti, mi sembra che Montini, dopo essere stato vescovo di Milano, sia diventato anche lui Sommo Pontefice. Come si dovrebbe comportare un fedele "ignorante" (come voi sicuramente state definendo me in questo momento)? C'è un Magistero che è più attendibile di un altro? Bah! Se è così, a questo punto fatevi una Chiesa vostra, nominatevi i vostri vescovi, anzi, visto che è questo ciò che traspare dai vostri discorsi, proclamatevi voi stessi vescovi... mi sembra di capire che riteniate di saperne molto più di loro.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.