venerdì 30 aprile 2010

I Giuristi Cattolici di Pavia in pellegrinaggio alla Sindone




Sabato 24 aprile si è svolto il pellegrinaggio dell’Unione Giuristi Cattolici di Pavia “Beato Contardo Ferrini” in occasione dell’ostensione della S. Sindone a Torino.
In mattinata la preparazione all’evento, con la preghiera della Via Crucis e la visione di un documentario sul sacro telo. Quindi abbiamo potuto venerare, con emozione e commozione, la straordinaria reliquia di nostro Signore, l’immagine del Crocifisso-Risorto. Il Vangelo di Giovanni al cap. 20 racconta che “l’altro discepolo”, viste le bende e il sudario, “vide e credette”, associando così la Sindone alla Fede. Proprio la Fede ha costituito il motivo e, nello stesso tempo, la domanda del nostro pellegrinaggio.
Don Marino Neri, accompagnando il gruppo, ha poi celebrato la Messa in Ostensione Sanctae Syndonis nella forma straordinaria del rito romano (detta anche Messa tradizionale), presso la Chiesa di San Vincenzo de Paoli dell’Istituto Cottolengo. Dopo una preghiera sulla tomba di San Giuseppe Cottolengo ha avuto luogo il pranzo al Monte dei Cappuccini, da dove si può ammirare uno splendido panorama di Torino.
Questa esperienza di intensa spiritualità si è conclusa con la visita a San Giovanni Bosco, San Domenico Savio e Santa Maria Domenica Mazzarello presso la Basilica di Maria Ausiliatrice. Il Rosario, durante il viaggio di ritorno, ha inteso proprio affidare a Maria i copiosi frutti di questo viaggio, che certo resterà a lungo nei nostri cuori.
Marco Ferraresi
Presidente UGC Pavia

3 commenti:

  1. <span>È morto l'antico presidente di Ecclesia Dei, il cardinale Mayer. Penso che questa web dovrebbe dire qualcosa su di lui.
    </span>

    RispondiElimina
  2. Grazie a questo messaggio, vengo finalmente ad apprendere il nome del sacerdote che, nell'ultima domenica di settembre o nella prima di ottobre, ha tenuto una predica, davvero mirabile, sulle Virtù Teologali, alla Messa Tridentina in San Giovanni Domnarum a Pavia.

    Pur conservando una casa in quella città, vi manco ormai da una diecina d'anni, dopo avervi effettivamente risieduto per oltre una ventina e registro, con estremo piacere, il consolidarsi di iniziative tradizionali che, ai miei tempi, purtroppo assolutamente non erano pensabili (nel 1991, per poter ottenere una Messa Tridentina "una tantum", a conclusione di un importante congresso universitario, dovemmo fortunosamente riparare in un "enclave" della vicina Diocesi di Lodi).

    Altrettanto positivamente mi colpisce la lodevole attitudine della locale sezione dell'U.G.C. (una diecina d'anni addietro, l'associazione non mi risultava presente nella città); quella alla quale attualmente mi trovo iscritto, al contrario, al di là delle buone qualità umane di molti fra gli aderenti, anche sul piano liturgico e teologico, manifesta attitudini molto, ma davvero molto "democristiane" ... 

    RispondiElimina
  3. La faccina del messaggio di cui sopra è assolutamente casuale.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.