Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

lunedì 3 giugno 2024

Orrori architettonici… e dove trovarli #191 a Pordenone

Chiesa parrocchiale di Sant’Agostino dell’arch. Francesco Corrado (anno 2001).

Dopo aver guardato con raccapriccio i risultati degli investimenti economici anche della Diocesi di Concordia-Pordenone, ribadiamo la domanda: se lo meritano l’otto per mille?

Lorenzo

Descrizione: La chiesa di Sant’Agostino è inserita in un moderno complesso di opere parrocchiali nel quartiere di Torre di Pordenone. Compresa con altri edifici in un sistema edilizio a corte, la chiesa si presenta dal punto di vista planivolumetrico come un tronco di cilindro con paramento a vista in mattoni concluso da fine muro a gradini. La copertura ad una falda in lastre di rame si innalza verso l’area presbiterale. Questa si palesa esternamente sia per l’emergere sul tetto di un tamburo vetrato che per la muratura a vela curva in calcestruzzo, la quale accogliendo il corpo di fabbrica se ne scosta per lasciare spazio alle vetrate che illuminano l’interno. Sul fronte una pensilina su pilastrini, in continuità agli edifici attigui, compenetra il volume in corrispondenza dell’ingresso. In asse, sulla copertura, svetta un lucernario in calcestruzzo armato, il cui profilo stretto ed allungato si innesta in parte entro la muratura. Internamente l’aula circolare, sempre in mattoni a vista, si raccoglie in prospettiva verso lo spazio presbiterale, collocato entro lo sfondato della muratura opposta all’ingresso. L’area è rialzata di tre gradini e sulla parete intonacata si riflette la luce delle vetrate. L’aula è invece illuminata delle finestre strombate a feritoia che si aprono sulla parte elevata del tamburo e dai tagli di finestre verticali. La copertura è in travi lamellari con andamento a ventaglio convergenti sul lucernario del presbiterio.

Descrizione tratta dalla pagina chieseitaliane.chiesacattolica.it.

Fotografie degli esterni:












Fotografie degli interni:





5 commenti:

  1. Ma qualcuno che spieghi a questi "cosidetti architetti" moderni che le Chiese hanno lo slancio verso il cielo, non ce n'è?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi, una qualunque chiesa romanica, da S. Maria in Trastevere alla basilica di S. Ambrogio a Milano, dalla struttura a capanna non tanto diversa da quella in oggetto, non hanno “slancio verso il cielo”.
      Beh, buono a sapersi.

      Elimina
    2. I tetti di Santa Maria in trastevere e la basilica di S. Ambrogio a Milano hanno questo slancio, mica sono schiacciati!

      Elimina
  2. Fuori é brutta ma ho visto di peggio. Internamente é il solito squallore delle chiese postconciliari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mattoni e soffitto a cassettone…dove sarebbe lo squallore?

      Elimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione