Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

mercoledì 15 maggio 2024

C'è ancora qualcosa di Cattolico? L'elogio della follia nella diocesi di Brescia.

 I sacerdoti ordinati negli ultimi anni in Diocesi di Brescia, accompagnati da S. E. Mons. Pierantonio Tremolada, al pauperistico prezzo di 1.100 euro cadauno, in viaggio "Erasmus" in Svezia incontrano la donna Vescovo.

Chissà di quali profondi argomenti avranno parlato. Hanno dibattuto dei "cinque sola" della dottrina protestante? Avranno discusso di quanto solennemente detto da San Giovanni Paolo II sul sacerdozio femminile?

Ma soprattutto: un tale viaggio e tali visite servono ai sacerdoti per  approfondire e studiare, per poi tramandare, la dottrina millenaria della Chiesa Cattolica? Non sarebbe meglio studiare le vite passate dei Santi piuttosto che quelle attuali degli eretici? Tutto ciò con seminari e chiese sempre più deserti.

L'Erasmus del caso può essere solo Desiderius Roterodamus, quello dell'"Elogio della follia", a Brescia.

Natalino.

QUI il sito della Curia.

QUI il video.




12 commenti:

  1. Quale sarebbe il problema nel conoscere una realtà diversa dalla propria?
    Come si può essere pastori di anime se si vive costantemente nel proprio guscio come fate voi?

    RispondiElimina
  2. OK va bene! Ma siete a conoscenza del Dicastero per la promozione dell'unità dei Cristiani?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esiste una sola unità dei cristiani... Tornare a Roma!

      Elimina
    2. Vale anche per i tradizionalisti? Perché ultimamente pare prendano strade molto diverse.

      Elimina
  3. Poi provi a parlare di protestantizzazione in fase avanzata della Chiesa Cattolica e ti dicono che sei un indietrista cattivo dentro e manchi di carità cristiana. Ci manca solo che ci invitino tutti a diventare luterani, tanto la molteplicità delle confessioni è frutto della "sapiente volontà" di Dio, giusto? Ma come si fa a non riempirsi amarezza e sarcasmo? Qua non è più nemmeno questione di ortodossia della dottrina e del rito, qui siamo all'aperta promozione di tutto ciò che non è mai stato cattolico, e che anzi ha avversato esistenzialmente il Cattolicesimo. L'elenco è lungo.

    RispondiElimina
  4. Si mettano tutti il cuore in pace. La donna può essere madre e regina ma la natura del sacramento impedisce che la donna diventi prete. Il sacramento dell'ordine sacro dato alla donna sarebbe comunque invalido anche se c'è la firma di Bergoglio.

    RispondiElimina
  5. Se invece di andare a fare gite sociali inutili , questi preti facessero i preti per davvero
    Messe
    Sacramenti
    Visite a malati ed anziani
    Presenza coi giovani
    Non avrebbero nemmeno tempo di pensare di andare a perdere tempo in pseudo incontri teologici

    RispondiElimina
  6. Tempo e denaro buttati con gli eretici, invece di compiere la loro vera missione di Sacerdoti della Santa Chiesa Cattolica, Apostolica Romana!

    RispondiElimina
  7. Beh, iniziative come queste aiutano a ridurre le offerte nelle casse della diocesi... magari così capiranno.

    RispondiElimina
  8. La cosa scandalosa è che durante la settimana per l'unità dei cristiani di gennaio tali diaconesse, pretesse, vescovesse protestanti, dunque eretiche vengano fatte salire sui presbiteri delle nostre chiese cattoliche, in pompa magna ovvero anche con mitria, pastorale e paramenti vescovili, dimostrando nei fatti che si considerano valide e anzi di pari grado con i nostri diaconi, preti e vescovi cattolici. Ma questi ultimi nella loro beota insipienza hanno o no capito che si coprono di ridicolo, oltre a svilire i sacramenti? Non sembra... "Avanti tutta, il successo è assicurato!"

    RispondiElimina
  9. Portate i preti in qualche Monastero cattolico!!!!!

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione