Post in evidenza

Elenchi dei Vescovi (e non solo) pro e contro Fiducia Supplicans #fiduciasupplicans #fernández

Pubblichiamo due importanti elenchi. QUI  un elenco coi vescovi contrari, quelli favorevoli e quelli con riserve. QUI  un elenco su  WIKIPED...

domenica 17 dicembre 2023

Quanto in basso dobbiamo ancora cadere? Francesco visto da Henry Sire #francesco #rupnik

Grazie a Marco Tosatti per questa importante  traduzione tratta da One Peter Five
Una durissima e analitica analisi di Henry Sire (QUI il suo libro "Il Papa dittatore", firmato con lo pseudonimo di Marcantonio Colonna) del pontificato di Francesco.
Si parla anche della famosa (e scomparsa) relazione del superiore dei gesuiti P. Kolvenbach che "accusava Bergoglio di mancanza di equilibrio psicologico, devianza, disobbedienza ammantata da una maschera di umiltà e uso abituale di un linguaggio volgare. Ha anche sottolineato, in vista della sua idoneità come vescovo, che Bergoglio si era dimostrato una figura divisiva quando era Provinciale dei gesuiti in Argentina". 
QUI  il modernista Massimo Faggioli ammette la forza sempre crescente del mondo tradizionalista e conservatore in questo pontificato profondamente in crisi.
QUI i post pubblicati sul caso Rupnik da MiL.
Luigi C.

12 Dicembre 2023 

Quando Joseph Shaw mi ha proposto questo intervento all’inizio di settembre, ho suggerito il titolo “Papa Francesco: quanto possiamo sprofondare?”, ma il fatto è che da allora siamo stati superati dagli eventi. Negli ultimi undici anni abbiamo visto tutti il pontificato di Papa Francesco in una traiettoria di accelerazione della discesa verso un tradimento sempre più palese della dottrina cattolica, ma devo dire che non avevo previsto l’impeto gaderiano a cui abbiamo assistito solo negli ultimi tre mesi. Se vogliamo valutare i gravissimi eventi che stanno accadendo intorno a noi, dobbiamo cercare di capire l’uomo che ora siede sul trono di Pietro. Quindi, prima di commentare i recenti sviluppi, vorrei aggiungere alcuni dettagli all’immagine di Papa Francesco che ho fornito nel mio libro Il Papa dittatore, pubblicato per la prima volta sei anni fa. Per darvi qualche informazione su questo libro, devo spiegarvi che sono arrivato a lavorare a Roma nell’aprile 2013, meno di un mese dopo l’elezione di Papa Francesco, e ho vissuto lì per i successivi quattro anni. Lavoravo per l’Ordine di Malta, un’organizzazione che ha stretti legami con la Santa Sede, e ho iniziato subito a sentire i rapporti che arrivavano privatamente dal Vaticano.

Mostravano un Francesco molto diverso dalla figura geniale e liberale che veniva presentata dai media di tutto il mondo. Gli addetti ai lavori sostenevano che, non appena le telecamere pubblicitarie lo avevano tolto di torno, Francesco era diventato una figura diversa: arrogante, sprezzante nei confronti delle persone, incline al linguaggio scurrile e noto per i suoi furiosi scatti d’ira che erano noti persino agli autisti del Vaticano.
Nei due anni successivi ho continuato a ricevere informazioni dall’interno, ad esempio dal defunto cardinale Pell sulla politica interna coinvolta nei due Sinodi sulla famiglia del 2014 e del 2015. Teniamo presente che nei suoi primi anni Papa Francesco aveva a malapena mostrato la mano e che la gente pensava che fosse il riformatore liberale di cui la Chiesa avrebbe avuto bisogno. All’inizio del 2016 ho scritto un articolo per Angelico Press intitolato “Papa Francesco: Dov’è il riformatore dietro l’idolo dei media?”. Cominciavo a pensare che qualcuno dovesse scrivere un libro che rivelasse l’abisso tra l’immagine pubblica di Papa Francesco e la realtà vista in Vaticano; ma a quel punto non pensavo che sarei stato io a scriverlo.

Oltre al divario informativo che ho descritto, ce n’era un altro che derivava dalla barriera linguistica. In effetti, da anni erano disponibili molte informazioni su Jorge Bergoglio e sulla sua carriera in Argentina, ma semplicemente non erano arrivate al resto del mondo perché non erano state tradotte in inglese. Poiché sono per metà spagnolo, questo è stato un altro dei fattori che mi hanno spinto ad assumermi il compito necessario. Quando ho deciso di iniziare a lavorare al libro, la prima cosa che ho fatto è stata quella di fare un viaggio in Argentina, che ho compiuto nel marzo 2017, per parlare con persone che potessero parlarmi del passato di Bergoglio. Si trattava di informazioni che erano tristemente mancate ai cardinali quando hanno eletto Bergoglio nel 2013. In particolare, c’era un libro molto rivelatore che era stato scritto poco dopo l’elezione papale, ma che era stato rapidamente cassato e da allora era diventato quasi introvabile. Il titolo era El Verdadero Francisco (Il vero Francesco), di Omar Bello. L’autore era un dirigente delle pubbliche relazioni che aveva conosciuto personalmente Bergoglio negli ultimi otto anni, avendo lavorato per lui in un canale televisivo gestito dall’arcidiocesi di Buenos Aires. Come professionista nel campo delle relazioni pubbliche, Bello ha subito riconosciuto in Bergoglio un maestro dell’autopromozione. Ha anche descritto un uomo abile nell’esercizio occulto del potere e nella manipolazione delle persone.

Per esempio, Bello racconta nel suo libro due storie che erano già note a Buenos Aires. Una è il modo in cui Bergoglio ha preso in antipatia un membro del personale arcivescovile, il signor Felix Botazzi, e ha deciso di licenziarlo senza che sembrasse che fosse lui.. L’ex dipendente, offeso, ha quindi chiesto un colloquio con Bergoglio, che ha fatto finta di niente. “Non ne sapevo nulla, figlio mio. Perché ti hanno licenziato? Chi è stato?”. Il signor Botazzi non ha riavuto il suo posto di lavoro, ma l’arcivescovo gli ha regalato un’auto nuova e lui se n’è andato convinto che Bergoglio fosse un santo, dominato da una cerchia di subalterni maligni. L’altra storia che Bello ripete è quella di un sacerdote di Buenos Aires, dipendente della diocesi, che cercò aiuto psichiatrico, stremato dall’allegra danza che lui e i suoi colleghi stavano conducendo dal loro arcivescovo. Dopo aver ascoltato le sue pene, lo psichiatra gli disse: “Non posso curarla. Per risolvere i suoi problemi dovrei curare il suo arcivescovo”. Queste e altre rivelazioni sono state fatte poco dopo l’elezione di Bergoglio a pontefice, ma in realtà già prima di allora i media in lingua spagnola avevano pubblicato notizie rivelatrici. Ad esempio, nel 2011 il giornalista spagnolo Francisco de la Cigoňa ha pubblicato un articolo in cui descriveva come Bergoglio si stesse costruendo una rete di potere nelle gerarchie sudamericane attraverso seguaci che aveva piazzato in vari dipartimenti del Vaticano. De la Cigoňa ha riassunto il suo rapporto:

È così che Bergoglio procede a generare una rete di menzogne, intrighi, spionaggio, diffidenza e, più efficace di ogni altra cosa, paura. Bergoglio è una persona che sa soprattutto generare paura. Per quanto possa lavorare con cura per impressionare tutti con l’aspetto di un santo di gesso, austero e mortificato, è un uomo con una mentalità di potere.Dobbiamo notare che questo è stato scritto ben più di un anno prima che Bergoglio fosse eletto papa, prima che qualcuno avesse motivo di sospettare che potesse essere più ampiamente pericoloso.Quando ho iniziato il mio libro, mi sono posto l’obiettivo di trasmettere al mondo anglofono un reportage in lingua spagnola di questo tipo, ma c’era un’altra prova la cui mancata emersione non era dovuta alla barriera linguistica. Mentre vivevo a Roma, cominciai a sentire parlare dai giornalisti di un documento chiamato Rapporto Kolvenbach, che molti di loro avevano cercato di rintracciare senza successo. Si trattava del rapporto che padre Kolvenbach, il generale dei gesuiti, aveva scritto nel 1991, quando era stato proposto di nominare padre Bergoglio vescovo ausiliare a Buenos Aires, e si diceva che fosse decisamente sfavorevole. Una copia del rapporto era stata conservata nell’archivio della Curia generale dei gesuiti a Roma, ma sparì rapidamente non appena Bergoglio fu eletto papa.

Nel corso delle mie ricerche ho scoperto che almeno una copia del rapporto esisteva in mani private, ma il suo proprietario non era disposto a condividerla con me ai fini della pubblicazione. Il più vicino a me è stato un sacerdote che l’aveva letta prima che sparisse dall’archivio dei gesuiti e che me ne ha dato il succo come segue: P. Kolvenbach accusava Bergoglio di mancanza di equilibrio psicologico, devianza, disobbedienza ammantata da una maschera di umiltà e uso abituale di un linguaggio volgare. Ha anche sottolineato, in vista della sua idoneità come vescovo, che Bergoglio si era dimostrato una figura divisiva quando era Provinciale dei gesuiti in Argentina. Dopo undici anni di pontificato di Francesco, possiamo dire che p. Kolvenbach aveva pienamente ragione.

Un’altra chiave del modo di agire di Bergoglio è il retroterra politico dell’Argentina, così estraneo alla comprensione anglosassone. Una delle prime cose che ho sentito su Bergoglio quando sono andato a Roma è stato un sacerdote argentino che ha detto: “Quello che devi capire di lui è che è un politico puro”. All’epoca non ne avevo colto la portata, ma bisogna aggiungere che la politica di Francesco è modellata dalla grande figura dell’Argentina del XX secolo, Juan Perón, che fu dittatore del Paese dal 1946 al 1955, gli anni in cui Bergoglio cresceva. Perón ha abbagliato un’intera generazione di argentini con il suo stile spregiudicato e opportunista, e la sua eredità ha continuato a dominare la vita politica del Paese da allora. Bergoglio è stato più di un generico discepolo del grande uomo. Quando era novizio-maestro dei gesuiti argentini all’inizio degli anni Settanta, assisteva attivamente un partito chiamato Guardia di Ferro che stava lavorando, con successo, per riportare Perón dall’esilio per i suoi ultimi mesi in carica come presidente fino alla sua morte nel 1974. Per gli standard ordinari questo era un modo insolito per il novizio-maestro di un ordine religioso di trascorrere il suo tempo libero, ma illustra il commento che mi è stato fatto da un argentino che era stato allievo del giovane Bergoglio quando insegnava in una scuola gesuita negli anni Sessanta. Forte della conoscenza personale di una vita, mi ha descritto Bergoglio come “un malatao del potere”, un uomo per il quale il potere è una mania, o una malattia.

Così, sulla base di rapporti come questi, ho proceduto a scrivere il mio libro, includendovi un capitolo sulla carriera di Bergoglio prima della sua elezione. In esso, il mio scopo era quello di fornire uno studio del carattere che era tristemente mancato ai cardinali quando lo hanno eletto papa nel 2013.Dopo la pubblicazione, tuttavia, ho scoperto una grande quantità di nuove informazioni che dimostrano che in realtà le cose erano molto, molto peggiori di quanto immaginassi. La prima rivelazione ha riguardato la cattiva gestione finanziaria dell’arcidiocesi di Buenos Aires da parte di Bergoglio. Ho già citato l’articolo di Francisco de la Cigoňa sulla rete di potere che il cardinale Bergoglio ha costruito in Vaticano, ma dobbiamo aggiungere che tale rete è stata resa possibile dall’impiego di ingenti somme di denaro. Il contesto era la quasi bancarotta in cui era incorsa la Santa Sede negli anni Ottanta e Novanta a causa delle attività criminali dei suoi responsabili finanziari, l’arcivescovo Paul Marcinkus e il suo meno noto ma altrettanto corrotto successore Donato de Bonis.

In queste condizioni, la capacità di trasferire grandi somme nelle casse del Vaticano conferirebbe a un uomo di Chiesa un’enorme influenza. Il cardinale Bergoglio lo ha fatto attraverso il controllo dell’Università Cattolica Argentina, che aveva una ricca dotazione di 200 milioni di dollari. In particolare, tra il 2005 e il 2011 circa 40 milioni di dollari sono stati trasferiti dall’Università argentina al Vaticano, in una transazione che doveva essere un deposito, ma che la Banca Vaticana ha prontamente trattato come una donazione.Tuttavia, questa è solo la punta dell’iceberg di un’enorme corruzione finanziaria nell’arcidiocesi di Buenos Aires che è stata tenuta segreta, sebbene il Vaticano ne fosse a conoscenza fin dall’inizio. Nel 2009, dopo undici anni di governo del cardinale Bergoglio come arcivescovo, Papa Benedetto ordinò una visita segreta dell’arcidiocesi da parte di un monsignore, inviato lì apparentemente come membro diplomatico della nunziatura papale, che scoprì gravi irregolarità, tra cui riciclaggio di denaro e legami con la mafia.

A dire il vero, questi illeciti risalivano a prima della nomina di Bergoglio ad arcivescovo nel 1998, ma sono rimasti irrisolti a causa dell’abituale politica di Bergoglio di insabbiamento e protezione dei colpevoli. Si dice che le informazioni ottenute dall’investigatore papale durante la sua visita gli abbiano permesso di avere un ascendente sul Papa e di perseguire una carriera vaticana ben protetta nonostante l’inimicizia di personaggi potenti. L’arcidiocesi che il cardinale Bergoglio dirigeva era quindi intrisa di illeciti finanziari. Per darvi un po’ di storia, tornerò indietro alla prima nomina di Bergoglio a vescovo ausiliare di Buenos Aires nel 1991.Come ho detto, ottenne questo incarico su richiesta dell’allora arcivescovo di Buenos Aires, il cardinale Quarracino, ma l’uomo più influente nel fare pressione per ottenerlo fu monsignor Roberto Toledo, un membro del personale arcivescovile. Non so dire perché monsignor Toledo sia stato un tale sostenitore di Bergoglio, ma emerge come la figura centrale del prossimo grande scandalo che si è verificato nell’arcidiocesi. Questo riguarda un grande fondo pensionistico dell’esercito argentino, al quale nel 1997 è stato chiesto di fare un prestito all’arcidiocesi di dieci milioni di dollari.

A quel punto il cardinale Quarracino era malato e il vescovo Bergoglio era già stato nominato suo suffraganeo con diritto di successione. All’incontro per definire il prestito, il cardinale Quarracino era troppo malato per partecipare, ma era rappresentato da monsignor Toledo. Quando giunse il momento di firmare il contratto, monsignor Toledo uscì dalla stanza, apparentemente per ottenere la firma del cardinale Quarracino, e tornò di lì a poco con una firma che, come emerse in seguito, era stata in realtà falsificata da lui stesso. Poco dopo il fondo pensionistico militare si trovò in difficoltà e si adoperò per recuperare il prestito concesso all’arcidiocesi di Buenos Aires, ma il cardinale Quarracino negò di aver mai firmato il contratto. Ciò che salta all’occhio è il suo modo di trattare monsignor Toledo quando la frode fu scoperta.

In un primo momento è stato rimandato nella sua città natale senza alcuna sanzione. Infine, otto anni dopo, nel 2005, è stato processato per frode, ma non è mai stata emessa alcuna sentenza. Va aggiunto che monsignor Toledo era notoriamente omosessuale e aveva un amante maschio, un istruttore di palestra, che aveva svolto un ruolo di intermediario nei rapporti finanziari che ho descritto. Il dettaglio più macabro di questo caso è emerso nel 2017, quando monsignor Toledo, che da diciotto anni lavorava come parroco senza alcun tipo di sanzione ecclesiastica, è stato accusato di aver ucciso un suo amico di lunga data e di averne falsificato il testamento per ottenere un’eredità milionaria.Monsignor Toledo è un esempio di prelato che era già al suo posto quando Bergoglio è arrivato come vescovo ausiliare, ma è altrettanto rivelatore guardare a coloro che ha promosso una volta diventato arcivescovo. Il primo da notare è Juan Carlos Maccarone, che Bergoglio ha nominato vescovo ausiliare nel 1999. Nel 2005 Maccarone è stato destituito dall’episcopato da Papa Benedetto dopo essere stato filmato mentre aveva rapporti sessuali con un prostituto omosessuale nella sacrestia della sua cattedrale.

Tuttavia, il cardinale Bergoglio lo difese pubblicamente, affermando che le riprese erano una montatura per far cadere il vescovo a causa del suo impegno politico di sinistra. Un altro protetto è stato Joaquín Sucunza, che Bergoglio ha consacrato vescovo ausiliare nel 2000, nonostante fosse già stato citato in una causa di divorzio come amante di una donna sposata. Questi casi mostrano un modello di cinismo morale e di clientelismo clericale che Bergoglio ha mostrato dietro le quinte, mentre presentava l’immagine pubblica di riformatore. Gli esempi più lampanti riguardano il suo ruolo di protettore degli abusatori clericali. Un caso è quello del sacerdote di Buenos Aires Rubén Pardo, denunciato per aver abusato sessualmente di un ragazzo di quindici anni. La madre del ragazzo ha avuto grandi difficoltà a far ammettere il caso all’arcidiocesi; ha denunciato che il cardinale Bergoglio proteggeva il sacerdote colpevole, che gli aveva dato alloggio in una residenza diocesana e che quando ha cercato di parlare con il cardinale nella residenza arcivescovile l’ha fatta espellere dal personale di sicurezza.

Il sacerdote fu infine condannato dai tribunali civili e poco dopo morì di Aids, e un tribunale di Buenos Aires obbligò la Chiesa cattolica a risarcire la famiglia per ciò che aveva subito. L’opinione della madre sulla pretesa di Bergoglio di dare un giro di vite a questi crimini era la seguente: “L’impegno di Bergoglio è solo chiacchiere”.
Un altro caso noto è quello di padre Julio Grassi, che gestiva case di accoglienza per bambini e che sfruttava le ambizioni dei ragazzi di sfuggire alla povertà attraverso il calcio professionistico. Nel 2009 padre Grassi è stato condannato per aver abusato sessualmente di un adolescente, ma mentre il processo era in corso la conferenza episcopale argentina, guidata dal cardinale Bergoglio, si è spesa per commissionare un documento di 2.600 pagine per affermare la sua innocenza. Il rapporto è stato condannato dal tribunale argentino come un grossolano tentativo di interferire con la giustizia e di pregiudicare il dibattimento giudiziario. Nel frattempo, lo stesso don Grassi ha testimoniato che durante le udienze ha avuto il sostegno personale dello stesso cardinale Bergoglio. Come sappiamo, nel mondo ci sono molti vescovi la cui carriera è stata stroncata da accuse meno gravi di questa, eppure Bergoglio è riuscito a uscirne indenne.

Inoltre, come Papa ha dimostrato in molti casi di non avere scrupoli nel proteggere i molestatori clericali, a prescindere dalla presunta politica di tolleranza zero che professa di applicare. Credo valga la pena di offrire una spiegazione generale o generica di questo strano lassismo, che in fondo affonda le sue radici nella cultura sessuale maschilista dell’America Latina. Ciò è più evidente che in Argentina, dove tradizionalmente si dice che un ” frocio” è definito come un uomo che va a letto solo con la propria moglie.

Questa cultura contamina il clero stesso. Molto spesso tra questi latinoamericani, e anche tra gli italiani e altri, c’è l’inclinazione a trattare la visione meno tollerante delle malefatte sessuali come una manifestazione del puritanesimo anglosassone. Con questo atteggiamento, la corruzione sessuale che ha dilagato nella Chiesa e nel Vaticano ha poche speranze di essere riformata, e di fatto si è aggravata con l’attuale Papa. I fatti che ho appena citato sono stati pubblicati in vari articoli, o in alcuni casi scoperti da me, negli ultimi cinque o sei anni, e il mio commento su di essi è il seguente: quando ho scritto Il Papa dittatore lo stato delle mie informazioni mi ha portato a dare un’immagine di Bergoglio come un uomo con alcuni difetti di carattere che avrebbero dovuto essere noti ai cardinali quando lo hanno eletto nel 2013; ma in realtà la realtà è molto peggiore. Quello che troviamo nel 2013 era una situazione di orribile corruzione clericale nella Chiesa argentina, e vediamo Bergoglio seduto proprio al centro di questa situazione. Ora, non lo sto accusando di essere lui stesso corrotto finanziariamente o sessualmente come i chierici che ha protetto.

Mi viene in mente la descrizione che il giornalista De la Cigoňa ha fatto di lui: “lavora con cura per impressionare tutti con l’aspetto di un santo di gesso”. Bisogna ammettere che Bergoglio è sempre stato personalmente austero, anzi ostentatamente austero, ma a questo ha abbinato una politica di circondarsi di persone moralmente deboli e corrotte, proprio per poterle controllare e costruire il proprio potere attraverso di loro, e questa politica l’ha portata avanti per tutto il suo pontificato. Dobbiamo guardare alla situazione che c’era al Conclave del 2013, dopo l’abdicazione a sorpresa di Papa Benedetto XVI. Era generalmente riconosciuto che la Chiesa stava affrontando una crisi e il cardinale Bergoglio era stato esplicitamente eletto per fare riforme in particolare in tre aree: in primo luogo lo scandalo mondiale degli abusi sessuali dei chierici, che aveva gravemente minato l’autorità morale della Chiesa; in secondo luogo il pantano delle finanze vaticane; e in terzo luogo la corruzione morale e politica all’interno della Curia romana, di cui Benedetto XVI aveva ricevuto prove schiaccianti in un rapporto presentato nel dicembre 2012. In tutti e tre questi ambiti il pontificato di Papa Francesco, lungi dal portare riforme, ha peggiorato infinitamente le cose. Caso dopo caso, abbiamo visto i criminali sessuali clericali protetti con un’impudenza che eclissa tutto il passato. Per quanto riguarda le finanze vaticane, all’inizio sembrava che Papa Francesco volesse attuare una vera riforma.

Nominò il cardinale Pell con ampi poteri per riformare le finanze dei vari dipartimenti vaticani, ma nel giro di due anni fu chiaro che si trattava di una promessa vuota. L’audit dei dipartimenti vaticani che Pell aveva avviato è stato cancellato, e cancellato da due degli uomini che Francesco stesso aveva messo al potere: Il cardinale Parolin, come Segretario di Stato, e il cardinale Becciu, suo vice all’epoca. Il cardinale Becciu, dopo quattro anni di crescente potere, ha perso il favore di Papa Francesco nel 2020, è stato di fatto privato del cardinalato ed è attualmente sotto processo per reati finanziari. Nel 2017, Parolin e Becciu hanno ordinato di bloccare la riforma finanziaria del cardinale Pell, in una serie di incidenti che illustrano il regime di dittatura senza legge che prevale ora in Vaticano. Uno di questi è stato il trattamento riservato al laico Libero Milone, che due anni prima era stato nominato revisore generale del Vaticano per portare avanti la riforma finanziaria. Nel 2017 è stato licenziato in circostanze che fanno pensare a uno Stato fascista, con la polizia vaticana che ha fatto irruzione nei suoi uffici e ha confiscato i suoi computer, mentre gli è stato dato un ultimatum per dimettersi o essere arrestato. Come parte della spiegazione di questo trattamento, il cardinale Becciu si è lamentato del fatto che il signor Milone avesse spiato i suoi superiori, in altre parole che stesse facendo il lavoro per cui era stato nominato.

L’aspetto più noto di questo giro di vite è stato il modo in cui ci si è sbarazzati del cardinale Pell. Nel 2017 è dovuto tornare in Australia per affrontare le accuse storiche di abusi sessuali, per le quali è stato condannato al carcere, finché la sua condanna non è stata annullata in appello tre anni dopo. A quel punto era troppo tardi per riprendere il suo incarico in Vaticano. Ci sono tutte le ragioni per credere che il processo australiano sia stato istigato e assistito da figure del Vaticano come mezzo per fermare la sua riforma, e il cardinale Becciu è stato specificamente indicato come l’agente di questa politica. Quando passiamo alla riforma della Curia nel suo complesso, l’esperienza degli ultimi undici anni è stata altrettanto disastrosa della storia finanziaria. Il motivo è che l’interesse di Papa Francesco non è quello di riformare la Curia, ma di controllarla. Come ho già detto, ha sempre esercitato il suo controllo nominando personaggi moralmente deboli e compromessi, che diventano suoi strumenti incondizionati. Così, nella prima metà del suo pontificato, abbiamo visto rimuovere uno dopo l’altro i pochi individui veramente integri della Curia – Burke, Sarah, Müller, Pell – e prendere il loro posto una collezione senza pari di cattivi clericali.

Ad esempio, l’Amministrazione del Patrimonio della Santa Sede, che controllava il denaro del Vaticano, è rimasta sotto la presidenza del cardinale Calcagno, un truffatore clericale italiano della vecchia scuola, nonostante fosse indagato per operazioni immobiliari nella sua precedente diocesi, che avevano danneggiato le finanze della diocesi stessa; era anche un noto protettore di molestatori clericali. Una nomina ancora più scandalosa, per motivi diversi, è stata quella dell’arcivescovo sudamericano Peňa Parra, che ha preso il posto del cardinale Becciu come Sostituto della Segreteria di Stato nel 2018. Peňa è un uomo che, da studente, è stato allontanato dal suo primo seminario in quanto moralmente sospetto, e si dice che abbia fatto carriera sotto la copertura di un circolo di clero omosessuale che lo ha protetto e fatto progredire. Si dice che sia fuggito dal suo paese natale, il Venezuela, e si sia rifugiato a Roma dopo un grave incidente che ha richiesto l’intervento della polizia venezuelana.

Questo background non ha impedito a Peňa di diventare il secondo uomo più potente della Segreteria di Stato, posizione che ricopre tuttora. È solo un esempio della cerchia di sgradevoli latinoamericani che sono stati promossi ai vertici della Chiesa sotto l’attuale Papa. E così si va avanti, con una nomina scandalosa dopo l’altra che fa precipitare la riforma morale della Curia sempre più nel regno dell’impossibilità.

Eppure i media di tutto il mondo, che hanno attaccato selvaggiamente Benedetto XVI in ogni occasione, sono rimasti in silenzio di fronte a scandali che avrebbero distrutto qualsiasi altro papato. Il motivo è semplice: Papa Francesco dà loro esattamente ciò che vogliono. Cercano un Papa che indebolisca la Chiesa e la pieghi alla loro agenda secolarizzante, e questo è esattamente ciò che Papa Francesco sta dando loro. Questa è quindi la chiave della domanda: di cosa si occupa esattamente Francesco nel suo pontificato? Fin dal primo momento, la galleria a cui ha giocato è stata quella dei media secolari, insieme all’establishment intellettuale e politico, e per loro ha sposato ogni causa secolare alla moda, a scapito dell’effettivo insegnamento cattolico. Le sue parole e le sue azioni sono state calcolate esclusivamente per ottenere l’approvazione del mondo, e ci è riuscito completamente. Così tanto da potersi permettere di ignorare qualsiasi altro gruppo di elettori e di farla franca con un clientelismo clericale e una corruzione per i quali i media lo avrebbero massacrato se fossero venuti da un Papa conservatore.

Un corollario di ciò è la sua spinta contro la tradizione. Papa Francesco si rende perfettamente conto che l’unico vero ostacolo alla sua rivoluzione viene dai tradizionalisti della Chiesa cattolica, l’unico elemento con un po’ di spina dorsale disposto a riconoscere che l’imperatore non ha vestiti. Da qui la campagna che ha condotto per tutto il suo pontificato contro i cosiddetti cattolici “rigidi” e “arretrati”, che egli deride a ogni occasione. Ha ripetuto questo tema solo poche settimane fa, quando ha detto che era uno scandalo che i giovani sacerdoti si recassero nelle sartorie ecclesiastiche per ordinare soutanes e paramenti tradizionali. Sappiamo tutti quali sono i veri scandali della Chiesa moderna, ma gli unici che preoccupano Papa Francesco sono quelli dei sacerdoti che seguono la tradizione. Da qui anche la promozione del Cardinale Roche a Prefetto del Culto Divino al posto del Cardinale Sarah, e il Motu Proprio Traditionis Custodes per annullare il lavoro di Benedetto XVI. (A proposito, è stato fatto notare che una possibile traduzione di Traditionis Custodes è “i carcerieri della tradizione”, che è certamente il lavoro che il cardinale Roche e Papa Francesco vorrebbero fare). Come Papa Francesco, anche il Cardinale Roche ama dare lezioni ai cattolici tradizionali su quanto siano fuori moda.

È stato osservato che la Chiesa cattolica è l’unica istituzione in cui uomini di settanta e ottanta anni dicono continuamente ai ventenni e ai trentenni che devono darsi una regolata. A Papa Francesco fa comodo fingere che il tradizionalismo cattolico sia una questione di preti che amano indossare l’abito talare e usare l’incenso in chiesa, ma sa benissimo che è una questione di dottrina, di Deposito della Fede, di filosofia perenne della Chiesa, di tesori della spiritualità; ed è per questo che è un ostacolo insormontabile per un Papa che cerca di condurre la Chiesa sui sentieri del secolarismo moderno. Prima di concludere, dovrei commentare la situazione in cui ci troviamo ora. Come ho detto all’inizio, gli eventi degli ultimi tre mesi hanno colto di sorpresa anche coloro che non si facevano illusioni sull’attuale regime. La spirale negativa si è accelerata in una misura che io stesso non avevo previsto. Quello che abbiamo visto negli ultimi tre mesi è lo scandalo del papato di Papa Francesco nella sua forma più concentrata. Comincerò con lo scandalo degli abusi sessuali e dell’insabbiamento dei chierici, di cui l’esempio più lampante è stato molto presente nelle cronache. Si tratta del caso, di cui sicuramente tutti avrete sentito parlare, del gesuita padre Rupnik, accusato di abusi sessuali del tipo più orrendo inflitti a religiose di cui avrebbe dovuto essere il direttore spirituale. abuso comprendeva elementi sacrileghi terribili, sui quali non mi soffermerò, e andava avanti da decenni, eppure i gesuiti non hanno fatto nulla al riguardo.

All’inizio di quest’anno hanno deciso tardivamente che era meglio fare a meno di padre Rupnik e lo hanno espulso dalla Società, ma la sua protezione è continuata da parte del Vaticano. Padre Rupnik era stato giudicato colpevole del grave crimine canonico di aver assolto uno dei suoi partner sessuali in confessionale, ed era incorso nella pena automatica della scomunica, ma la scomunica era stata revocata nel giro di un mese. Non solo, ma proprio in quel periodo don Rupnik fu invitato a predicare un ritiro all’interno del Vaticano stesso. I tentativi di sottoporre questo sacerdote a un processo ecclesiastico sono stati ostacolati dal fatto che i suoi reati erano caduti in prescrizione; questa può essere revocata in casi appropriati, ma Papa Francesco non l’ha fatto. Egli ha pubblicamente negato di essere coinvolto nel caso, ma Christopher Altieri ha scritto: “alti esponenti della Chiesa vicini a Francesco hanno suggerito con forza che Francesco aveva praticamente tutto a che fare con la gestione del caso”. Padre Rupnik è infatti tipico dei compari clericali immorali che Papa Francesco ha costantemente protetto durante il suo pontificato e prima di esso.

A metà di quest’anno l’insabbiamento di Rupnik stava raggiungendo il suo apice. Alcuni personaggi, come il collega gesuita cardinale Ladaria, prefetto della Dottrina della Fede, volevano che p. Rupnik fosse punito completamente, e si dice che questo sia stato il motivo per cui Ladaria è stato notoriamente disinvitato al recente Sinodo sulla sinodalità. Le forze vaticane stavano persino cercando di far annullare la precedente scomunica di p. Rupnik in quanto irregolare. Alla fine si è scatenata una protesta pubblica, in primo luogo quando un rapporto della Commissione vaticana per la tutela dei minori ha criticato il lassismo dimostrato, e in secondo luogo quando è stato rivelato che p. Rupnik, nonostante la sua espulsione dai gesuiti e le accuse ancora pendenti su di lui, era stato recentemente incardinato nella diocesi di Capodistria. Alla fine di ottobre il Vaticano ha finalmente annunciato che i difetti nella gestione del caso di p. Rupnik erano stati portati a conoscenza del Papa, il quale aveva deciso di rinunciare alla prescrizione per consentirgli di affrontare il processo. Christopher Altieri ha commentato: “Con un tempismo inverosimile e una spiegazione assurda, questo annuncio non fa altro che confermare ulteriormente che Responsabilità, Rendiconto, Trasparenza sono bromuri trasparentemente cinici. Questo atto di crudo potere dimostra che lo stato di diritto nella Chiesa è una farsa”.

Quali sono gli altri atti papali che ci hanno assalito nelle ultime settimane? Abbiamo avuto l’Esortazione Apostolica Laudate Deum, sulla cosiddetta crisi climatica, nella quale come qualcuno ha rimarcato Papa Francesco si è espressa in pieno con Greta Thunberg. L’esortazione dichiara: “Non è più possibile non credere alla causa principalmente umana del cambiamento climatico”. Tanti altri articoli di fede cristiana sono stati scossi, ma siamo lieti che Papa Francesco sostenga ancora un dogma di fede indiscutibile. Poi ci sono stati gli ulteriori scandali morali a cui abbiamo assistito, il fatto che, ad esempio, al cardinale Ricard di Francia sia stato permesso di mantenere il suo cardinalato nonostante avesse ammesso di aver molestato una ragazza di 14 anni anni, o che Papa Francesco ha ancora una volta, nel caso del vescovo Gisana di Sicilia, difeso un vescovo accusato di tutelare molestatori sessuali e ha denigrato i suoi accusatori.

Tutto ciò è scioccante, ma quello a cui dobbiamo guardare è un evento di conseguenze più gravi per la Chiesa. Questo è il corso apertamente scismatico del Cammino sinodale tedesco, che è andato avanti senza alcun tentativo da parte di Papa Francesco di controllarlo o rimproverarlo. Il 3 novembre il vescovo di Spira ha annunciato che avrebbe autorizzato la benedizione delle coppie omosessuali e che avrebbe compilato un elenco di sacerdoti della sua diocesi disposti a praticarla.

Ancora una volta, silenzio totale da Roma. Solo pochi giorni dopo è arrivato l’annuncio che il vescovo Strickland di Tyler è stato licenziato per non essersi allineato alla linea modernista. Qui vediamo dimostrato con perfetta simmetria il modello del pontificato di Papa Francesco: l’eretico è protetto e il fedele vescovo cattolico è destituito. Il cardinale Müller ha pubblicamente definito la destituzione del vescovo Strickland un abuso del diritto divino del papato. Un giornalista italiano è stato indotto a descrivere questo papato come “il pontificato delle purghe” e a contrapporre la pratica di Francesco al suo dichiarato slogan di Misericordia. Peter Kwasniewski ha commentato: Anni fa Henry Sire definì Papa Francesco “il papa dittatore”. Più volte questa valutazione è stata confermata, e mai più di quando il Papa depone un vescovo senza un giusto processo, contro il diritto canonico e per nessun grave illecito immaginabile. Ha unito la mentalità “Io sono la Tradizione” di Pio IX con il motto di Juan Perón: “All’amico, tutto”.  Al nemico, nemmeno giustizia.”

Per quanto tutto ciò sia grave, dobbiamo prestare maggiore attenzione al Sinodo sulla sinodalità recentemente chiuso, perché è il mezzo con cui Papa Francesco sta tentando di istituzionalizzare la sua rivoluzione. La prima osservazione da fare è che tutti questi sinodi, compresi i due precedenti sulla Famiglia, sono stati gestiti in modo da consentire a una cricca di modernisti di portare avanti il ​​proprio programma con il pretesto di un processo consultivo. Per citare un osservatore italiano,

Lo svolgimento dei vari Sinodi di questo pontificato, a cominciare da quello sulla famiglia, per finire clamorosamente con l’ultimo, mostra che le regole delle discussioni e delle deliberazioni, predisposte prima con la scelta degli stessi partecipanti, sono state modificato più volte per mettere a tacere l’evidente rifiuto da parte della maggioranza ecclesiale dell’unica linea di pensiero che si tentava di imporle, e per evitare che emergesse all’interno del Sinodo una linea che non concordasse con quella predeterminata dall’alto.

Tuttavia, quando è emersa la relazione finale del Sinodo, tutti abbiamo ricevuto una sorpresa; si è rivelato inaspettatamente inconcludente. Molti di noi sono rimasti per un attimo perplessi, ma la spiegazione l’abbiamo ottenuta da una rivelazione giornalistica apparsa poco dopo. Si trattava della divulgazione di un progetto di modifica delle regole dei conclavi papali in modo da introdurre la partecipazione dei laici, comprese le donne. Ciò che questo ci ha mostrato è che il punto del Sinodo precedente non era stato il documento che ne sarebbe emerso, ma il processo stesso. Era stato progettato per ammorbidire la Chiesa in vista di una rivoluzione nell’elezione papale. Così abbiamo avuto vescovi che hanno fatto dichiarazioni del tipo: “Sarà impossibile d’ora in poi tenere un Sinodo senza la partecipazione dei laici”. Se così fosse, anche la gente chiederebbe un’elezione papale in condizioni simili.

Da questa notizia emergeva che da mesi erano in corso colloqui tra il Papa e il cardinale Ghirlanda, per modificare le regole del Conclave. Il cardinale Ghirlanda, tra l’altro, oltre ad essere gesuita, è il sostenitore di una visione teologica estrema del potere papale che fa di lui l’agente ideale per radicare il regime di dittatura papale. Appena la storia si è diffusa, c’è stata una pronta smentita da parte del Vaticano, accompagnata da sforzi furiosi all’interno dei vari dicasteri per scoprire chi fosse stato il responsabile della fuga di notizie. La lezione che ciò ha dimostrato è che il Vaticano ha scoperto di aver perso il controllo della narrazione, come si dice oggi, e di essere stato imbarazzato da una rivelazione che ha anticipato i suoi piani. Penso che ci siano pochi dubbi che la cosiddetta riforma andrà avanti, ma presumo che la rivelazione prematura abbia sconvolto il programma di Papa Francesco.

Tuttavia, non tutte le notizie papali provengono dalla stessa Roma. Uno sviluppo molto significativo è arrivato dall’Argentina, sotto forma delle elezioni presidenziali di domenica scorsa e dell’avvento al potere di Javier Milei. In primo luogo, ciò era direttamente contrario alla politica della Chiesa, che, apparentemente su ordine di Roma, aveva fatto apertamente propaganda contro Milei e incitava gli elettori a votare contro di lui. Più in particolare, Milei è un nemico dichiarato di Papa Francesco e lo ha insultato pubblicamente, mentre la sua vicepresidente, Victoria Villarruel, è una cattolica tradizionalista. La Croix ha commentato il risultato: “Francamente, se un gruppo di drogati di affari ecclesiastici dovesse sedersi in un bar e provare a disegnare un biglietto su un tovagliolo da cocktail che equivalesse a un rifiuto tout court dell'agenda di un papa in carica, dubito che avrebbero potuto proporre qualcosa di più vivido di ciò che è effettivamente accaduto". Un commento più severo è arrivato da un esperto politico argentino, il professor Peretó, che in una recente intervista ha affermato che la vittoria di Milei rappresenta un rifiuto nei confronti di Bergoglio, e conferma quello che tutti sanno: agli argentini non piace Papa Francesco e non lo vogliono.

Ormai da anni, quando su giornali e portali compaiono notizie su Bergoglio, gli amministratori si trovano costretti a chiudere i commenti dei lettori, che sono per lo più sprezzanti e duri. Molti forse avranno pensato che il rifiuto di Bergoglio fosse diffuso solo tra chi legge e si informa. È ormai dimostrato che è presente in tutti gli strati sociali, anche tra i poveri. Proprio per questo motivo Bergoglio non verrà mai in Argentina, perché il suo viaggio sarebbe un fallimento. Certo è che la maggioranza del basso clero, soprattutto i preti più giovani, sono stufi di Bergoglio e non vogliono avere niente a che fare con lui: un rifiuto che abbraccia tutto ciò che il Papa fa e difende.

Questa è l’opinione dell’Argentina, alla quale il resto del mondo dovrebbe prestare attenzione, come avrebbero fatto i cardinali elettori nel 2013.

Sembra quindi che anche in questo ambito i piani di Papa Francesco siano falliti, e non bisogna sottovalutare le conseguenze per un Papa così nudo e politico come Francesco. Quindi, riassumendo, cosa possiamo aspettarci per l’immediato futuro? Esito a fare previsioni, ma ciò che gli eventi delle ultime settimane ci hanno mostrato è che Papa Francesco è un vecchio che ha fretta. Vuole disperatamente istituzionalizzare la sua rivoluzione prima di morire, e non si fermerà davanti a nulla per riuscirci. Quindi la risposta alla domanda “quanto più in basso possiamo scendere?” è che probabilmente non c'è limite e possiamo aspettarci di scandalizzarci di fronte a enormità sempre peggiori. Tuttavia, Papa Francesco deve tenere presente che non ha il controllo di tutto. Oltre alle elezioni presidenziali in Argentina, più vicino a noi c'è una legge molto tradizionale che non ha il potere di abrogare, ed è la legge sulla mortalità umana. La realtà finale è che Papa Francesco non sarà qui per sempre, ma che Cristo ci ha detto: “Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla consumazione del mondo”.