Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

mercoledì 6 settembre 2023

Cattolico americano si domanda: "Perché non piaccio al Papa?"

Un'analisi sulla grottesca conversazione del 5 agosto scorso del S. Padre Francesco con i gesuiti portoghesi (QUI il commento di MiL).
"In mezzo a tutte queste incomprensioni, mi sto sforzando di amare Papa Francesco. Vorrei solo che lo rendesse meno difficile".
Luigi


Durante il suo colloquio con i confratelli portoghesi, papa Francesco ha attaccato duramente i fedeli degli Stati Uniti d’America, accusandoli di avere «una mentalità tutta irrigidita e squadrata» e di non «vivere di dottrina, della vera dottrina che sempre si sviluppa e dà frutto, vivono di ideologie». Accuse ingiuste e fuori luogo, a cui ha risposto con rispetto e dolore il cattolico americano Jayd Henricks, presidente dell’Associazione Catholic Laity and Clergy for Renewal, nell’articolo che pubblichiamo di seguito in una nostra traduzione. Riflessioni su cui, in alcuni punti si può discutere, ma ne condividiamo l’essenza, perché queste accuse il Papa potrebbe rivolgere anche a noi.
Per quanto riguardo invece lo sviluppo della Dottrina, vogliamo rammentare che sviluppare significa crescere nella conoscenza, approfondire l’insegnamento, non cambiare a seconda della mentalità dominante o delle richieste di approvazione dei propri vizi. Altrimenti l’ideologia modernista prende il posto della Verità evangelica.

Perché non piaccio al Papa?

di Jayd Henricks (31-08-2023)

Lo ha fatto di nuovo. Durante una recente visita a una scuola di gesuiti in Portogallo, il Santo Padre ha nuovamente criticato la Chiesa cattolica negli Stati Uniti. Ma questa volta non ha usato mezzi termini.
Papa Francesco ha detto chiaramente che la Chiesa in America non gli piace. Pensa che i cattolici statunitensi siano arretrati e un ostacolo allo Spirito Santo. Pensa che molti di loro abbiano rifiutato il Vaticano II e vogliano riportare le lancette dell’orologio a un’epoca preconciliare. Non posso fare a meno di pensare che non gli piaccio, o almeno la caricatura di me che ha in testa quando pensa ai cattolici degli Stati Uniti.

Tra le altre cose, il Papa ha detto:

«Negli Stati Uniti la situazione non è facile: c’è un’attitudine reazionaria molto forte, organizzata, che struttura un’appartenenza anche affettiva. A queste persone voglio ricordare che l’indietrismo è inutile (…)».

«Negli Stati Uniti (…) avverto che si può sperimentare questo clima (di chiusura) in alcune situazioni. Ma così si perde la vera tradizione e ci si rivolge alle ideologie per avere supporto e sostegno di ogni genere. In altre parole, l’ideologia soppianta la fede, l’appartenenza a un settore della Chiesa rimpiazza l’appartenenza alla Chiesa».

«Quei gruppi americani (…) così chiusi, si stanno isolando da soli. E anziché vivere di dottrina, della vera dottrina che sempre si sviluppa e dà frutto, vivono di ideologie. (…)».

A chi si riferisce esattamente Papa Francesco? Non è chiaro — il Santo Padre è spesso ambiguo, e non solo nelle sue lamentele — ma credo che si tratti di persone come me.

Sono un cattolico “conservatore”, ma non sono un tradizionalista, nel senso di che vado alla Messa in latino. Sono stato profondamente formato da Giovanni Paolo II e Benedetto XVI e sono impegnato nel Novus Ordo (la Messa del Vaticano II). Abbraccio la chiamata universale alla santità sviluppata durante il Vaticano II. Amo le Scritture. Sostengo l’opzione preferenziale per i poveri spirituali e materiali. Considero il Catechismo della Chiesa cattolica come una stella polare per la nostra fede. Penso che la Chiesa abbia molto da dire al mondo moderno.

Rifiuto anche l’idea che la Dottrina possa cambiare, anziché svilupparsi. Penso che certe azioni siano intrinsecamente malvagie. Non credo che sia compassionevole sostenere gli individui nel loro peccato. Penso che la Tradizione della Chiesa sia un grande tesoro spirituale.

Queste cose dovrebbero essere incontestabili, eppure l’impressione che il Santo Padre dà è che sostenere tutte queste posizioni significhi essere un cattolico rigido e arretrato, in contrapposizione a uno guidato dallo Spirito Santo. Egli sembra pensare che la solida fede che molti cattolici americani hanno nel Depositum Fidei, e negli insegnamenti morali storici della Chiesa, sia un rifiuto dell’autentico sviluppo della Dottrina. Ma questo ritratto è una caricatura.

Papa Francesco osserva che la dottrina “progredisce”, ma che questo “cambiamento si sviluppa dalle radici verso l’alto, crescendo in accordo con i tre criteri [di sviluppo autentico articolati da San Vincenzo Lerins]. Non conosco un cattolico tradizionale che sia in disaccordo con questo. Ma conosco molti che dissentono con veemenza dal fatto che la messa in discussione a ruota libera dell’insegnamento vaticano da lungo tempo soddisfi questi criteri.

Papa Francesco supervisiona una curia in cui il Relatore generale per il Sinodo sulla sinodalità afferma che l’insegnamento della Chiesa sugli atti omosessuali è “falso”, in cui il capo della Pontificia Accademia per la Vita approva un libro che chiede un completo rovesciamento dell’insegnamento della Chiesa sulla contraccezione, e in cui il capo del Dicastero per la Dottrina della Fede sponsorizza un’apertura alle benedizioni per le coppie dello stesso sesso — per citare solo alcuni esempi recenti di uomini di Chiesa che si oppongono apertamente allo sviluppo autentico sostenuto dal Santo Padre.

Nel frattempo, Francesco lascia ai tedeschi la libertà di portare avanti posizioni eretiche. E tuttavia, in qualche modo, bolla come indietristi i cattolici che non gradiscono che alti prelati vaticani si arrovellino su gravi errori.

In risposta, molti americani hanno criticato il Santo Padre, me compreso.

I sostenitori di Papa Francesco chiamano le critiche come se fossero qualcosa di nuovo e ignobile, il che è particolarmente strano dal momento che Francesco stesso ha detto di accogliere critiche giuste e oneste. I papi Paolo VI, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI sono stati tutti duramente criticati. Non c’è nulla di disobbediente in questo, purché sia fatto con carità, umiltà e in difesa della fede. Infatti, la Scrittura lo richiede (cfr. Gal 2,11; Mt 18,15; Lc 17,3; Lev 19,17).

Il Papa parla spesso di dialogo e crede che le critiche debbano essere fatte faccia a faccia, quindi è frustrante che non sembri mai coinvolgere direttamente la Chiesa in America. I vescovi degli Stati Uniti hanno completato le loro visite ad limina con il Santo Padre circa tre anni fa, eppure in decine di relazioni il Santo Padre non ha mai sollevato le preoccupazioni che potrebbe avere con la Chiesa statunitense. Se ora è così preoccupato per la situazione in America, perché non ha espresso tali preoccupazioni ai vescovi durante le loro visite, o perché non si è incontrato con l’arcivescovo Broglio (attuale presidente della Conferenza episcopale degli Stati Uniti) e altri importanti vescovi statunitensi per parlarne?

In modo sconcertante, Papa Francesco sembra accontentarsi di usare terze parti per bistrattare i fedeli americani.

Questo è frustrante anche perché la Chiesa qui, negli Stati Uniti, in realtà sta andando bene, almeno rispetto alla Chiesa in Europa e in Sud America — compresa, in particolare, l’Argentina. I seminari sono stati ampiamente riformati, le vocazioni crescono tra le comunità religiose fedeli, gli apostolati laici guidano gli sforzi di evangelizzazione, alcune scuole cattoliche sopravvivono anche senza l’aiuto di fondi governativi e ogni anno decine di milioni di dollari della Chiesa statunitense vanno al Vaticano, per aiutare i poveri oltreoceano e per gli aiuti internazionali.

Questo ci spinge a chiederci se il Santo Padre apprezzi lo straordinario bene che fa alla Chiesa: Il Santo Padre apprezza lo straordinario bene che proviene dai cattolici statunitensi? Sembra di no.

Che peccato che il mio padre spirituale, il padre spirituale di milioni di cattolici negli Stati Uniti, ci veda così negativamente.

Man mano che il papato di Francesco si dispiega, un numero crescente di cattolici percepisce che egli non è amorevole nei loro confronti: coloro che lottano per la decima e per crescere famiglie numerose; coloro che praticano la i usano i metodi naturali anziché la contraccezione; coloro che lottano per la santità e la castità pur vivendo l’attrazione per lo stesso sesso; coloro che fanno sacrifici eroici per rimanere in regola con la Chiesa al fine di ricevere l’Eucaristia… la lista potrebbe continuare.

Nessuno di questi cattolici vive “per ideologie”: si sforzano di vivere secondo l’insegnamento della Chiesa, proprio come fa il Santo Padre, anche se non gli piacciamo.

In mezzo a tutte queste incomprensioni, mi sto sforzando di amare Papa Francesco. Vorrei solo che lo rendesse meno difficile.

Traduzione nostra

(Fonte: First Thing)

3 commenti:

  1. A queste persone voglio ricordare che l'indietrismo è inutile .Cosa pensate leggendo questa frase?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che è l'ennesima "tirata" ecomunistica da dare in pasto ai main stream media. Se la curia e la "corrente" clericale al comando può accettare tutti e tutto sempre e ad ogni costo anche in spregio dei SS sacramenti fondati da SS Gesù Cristo, ma non può tollerare e presto accettare i fedeli che per coscienza sentono di aderire a una fede consolidata da 1990 anni allora la Chiesa che è il Corpo Mistico di Gesù Risto lasciatoci in eredità per il nostro bene sta soffrendo per le ferite profonde che gli arrivano ogni giorno dal Papa argentino e i suoi accoliti.
      E non il contrario.
      E non dai fedeli rispettosi dei suoi SS Sacramenti.
      È in bocca al "lupo" a tutti noi Cattolici, perché l'importante è il Giudizio Divino non quello dei mass media e dei suoi feeders

      Elimina
  2. Finirà anche questo pontificato, come tutti quelli che l’hanno preceduto e che seguiranno. Mai paura.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione