Post in evidenza

Intervista di MiL al prof. Andrea Grillo sulla liturgia tradizionale: "La Chiesa non è un club di notai o di avvocati"

Durante la Tre Giorni su don Primo Mazzolari (vedere foto sotto) che si tiene ogni anno in Diocesi di Cremona, a Bozzolo, il Vostro ha inco...

lunedì 28 agosto 2023

Orrori architettonici… e dove trovarli #154 a Roma (RM)

Chiesa parrocchiale di Santa Maria della Visitazione dell’arch. Saverio Busiri Vici (anno 1971).

Lorenzo

Descrizione: La chiesa, a pianta pressoché rettangolare, fronteggia uno spazio urbano senza connotazioni funzionali. La delimitazione dello spazio liturgico avviene esclusivamente attraverso le strutture portanti in calcestruzzo armato a vista. Sul telaio in calcestruzzo armato disposto longitudinalmente, che assolve la funzione portante principale, poggiano le strutture secondarie costituite da radi pilastri di notevole sezione, che a loro volta sostengono le travi-parete. La luce filtra dalle finestre a nastro, poste lungo il perimetro dell'aula e da una serie di vetrate policrome in corrispondenza della zona presbiterale. La pavimentazione, in cemento e ghiaia di fiume, scandita da allineamenti in pietra, e gli arredi fissi del presbiterio sono coerenti con l'idea progettuale che ha previsto la nuda esibizione dei materiali d'opera. Alla chiesa sono annessi un campanile anch'esso in calcestruzzo armato e le opere parrocchiali.

Descrizione tratta dalla pagina beweb.chiesacattolica.it.

Fotografie degli esterni:












Fotografie degli interni:








14 commenti:

  1. Io credo di non aver mai visto una chiesa così brutta. Stavolta mi risparmio pure il mio solito sarcasmo. Crudelmente brutta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma perché privarci di un sano sarcasmo che scaturisce dal vero cuore cattolico che arde di zelo per la Fede immutabile rettamente professata?

      Elimina
  2. Risposte
    1. Forse hai sbagliato sito. Non sono i saldi delle scarpe.

      Elimina
  3. Una palazzina mancante!
    L'arch. che seguiva la corrente "brutalista", ha messo qui tutta la tecnica, infatti più BRUTA di così? :)
    Tra questa, il cubo di Foligno e il formaggino di Trieste non so qual è peggio.

    RispondiElimina
  4. E' dell'architetto il fin la meraviglia.....

    RispondiElimina
  5. A essere benevoli è un esibizionistico pezzo di bravura (?) nell'uso del cemento armato. Alla prova dei fatti mostra indifferenza assoluta per la destinazione cultuale, poteva benissimo essere un auditorium o una palestra senza nulla cambiare. Unica nota positiva, che non riguarda l'architetto, le vetrate istoriate dietro l'altare. Ma è davvero troppo poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa dovrebbe avere per mostrare chiaramente la destinazione cultuale?

      Elimina
  6. Ormai copiate i commenti da un post all’altro!
    Ci fosse uno che giustifica la sua posizione! Niente, indignazione a comando e guai a sgarrare.

    RispondiElimina
  7. Mi riprometto di andarla a vedere. Certo è che dalle foto sembra all'esterno più una pagoda adatta alla Cina moderna che alla spiritualità romana e italiana. Non credo che riuscirei a concentrarmi pe run pensiero di adorazione o una preghiera. Inoltre non ho visto foto del tabernacolo. Ho avuto la brutta esperienza di vedere che in certe chiese medievali hanno sostituito l'altare tradizionale non solo eliminandolo completamente , ma con certi obbrobri architettonici che sicuramente in una chiesa luterana non sarebbero accettati pe runa loro 'santa cena' !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ci pregherei benissimo! È proprio una bella atmosfera.
      Per il resto, anch’io ho visto chiese medievali deturpate da altari barocchi con gli angioletti di stucco che erano dei veri obbrobri.

      Elimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione