Post in evidenza

La Messa proteiforme: a modest proposal. Risposta e proposta al Prof. Grillo

Il Prof. Grillo ha voluto gentilmente confrontarsi (v. qui ) con il nostro commento critico alla sua intervista (in cui, lo ricordiamo, el...

domenica 16 luglio 2023

Il divieto dell'Alaska sul vino d'altare blocca le Messe carcerarie

Aggiornamento del 17-7-23: il Dipartimento Penitenziario dell'Alaska avrebbe annullato il divieto (QUI The Pillar)

Non siamo su "Scherzi a parte".
Dove va la libertà religiosa?
Luigi

The Pillar, 13 luglio 2023 

Una nota politica provvisoria del dipartimento penitenziario dell'Alaska ha vietato l'uso o il consumo di vino d'altare nelle carceri, riducendo di fatto la celebrazione ordinaria della messa nelle carceri statali e la possibilità dei detenuti cattolici di partecipare all'Eucaristia.
Datato 6 giugno, il promemoria, firmato dal Commissario del Dipartimento penitenziario dello Stato dell'Alaska, Jennifer WInkleman, modifica "la politica del vino d'altare mentre [la] programmazione basata sulla fede e i servizi di cappellania sono in fase di revisione" e "si applica a tutti Dipendenti del dipartimento, volontari e prigionieri.
La politica prevede che “nessun vino d'altare o altre bevande alcoliche sarà utilizzato da chiunque sia coinvolto in qualsiasi attività. Si può prendere in considerazione l'uso di un sostituto analcolico (succo) del vino dell'altare.

La policy così come scritta sembrerebbe impedire la celebrazione ordinaria della messa nelle 14 carceri dello Stato.

Giovedì un portavoce del Dipartimento penitenziario dello stato dell'Alaska ha dichiarato a The Pillar che il promemoria non è ancora una regola permanente.

“Il promemoria è stato emesso come guida temporanea mentre DOC rivede la politica nella sua interezza. La politica finale sarà rivista dal Dipartimento di Giurisprudenza per garantire il giusto equilibrio tra la sicurezza nelle strutture DOC e la capacità dei detenuti di praticare le proprie convinzioni religiose", ha affermato il portavoce.

"La precedente politica dell'Alaska DOC consentiva il vino d'altare con l'approvazione del sovrintendente o dei coordinatori della cappellania, ma a nostra conoscenza il vino d'altare non è mai stato approvato", ha aggiunto.

Alla domanda se la mancanza di approvazione del vino dell'altare significasse che la messa non era stata precedentemente celebrata nel sistema carcerario statale dell'Alaska, il portavoce del DOC ha chiarito che le messe avevano avuto luogo.

Il portavoce ha rifiutato di rispondere a ulteriori domande in merito.

Non è chiaro se la messa sia stata precedentemente celebrata senza chiedere il permesso per l'uso del vino dell'altare, o se il permesso sia stato dato a livello di singole carceri, senza il coinvolgimento del DOC.

Ma la copertura giornalistica di The North Star Catholic indica che la messa settimanale in alcune carceri ha attirato una partecipazione costante negli ultimi anni.

Tuttavia, i cappellani cattolici hanno apparentemente affrontato difficoltà nelle carceri dell'Alaska in precedenza.

In un articolo del 2010 sul Catholic Herald, il quotidiano dell'arcidiocesi di Milwaukee, il sacerdote locale p. Thomas Brundage ha parlato del ministero nell'arcidiocesi di Anchorage.

Ha detto che c'erano elementi del sistema carcerario dell'Alaska "che hanno cercato molto duramente di tenermi fuori da lì".

Brundage ha specificamente notato difficoltà nel portare il vino dell'altare nel Palmer Correctional Center per celebrare la messa.

“Dopo essere stato rimproverato per 10 minuti dal comandante in seconda del carcere, ho potuto poi mostrare loro che anche nella loro pagina web (it) elenca la procedura per portare il vino per quelle chiese che usano il vino, e i fondatori della costituzione si rivolterebbero nella tomba sapendo che una denominazione avrebbe dovuto cambiare il modo in cui adoravano quel giorno, a causa dei funzionari statali”, ha detto.

Alla fine, ha detto il sacerdote, i funzionari si sono scusati e gli hanno permesso di celebrare la messa lì.

Né l'arcidiocesi di Anchorage-Juneau né la diocesi di Fairbanks hanno risposto alle domande di The Pillar sulla nuova politica ad interim.


I cattolici sono vincolati a quello che la Chiesa chiama il "precetto della domenica", che richiede loro di partecipare alla Messa in tutte le domeniche e nei giorni festivi di precetto una volta che hanno fatto la loro prima Comunione, di solito all'età di 7 anni.

Il diritto canonico prevede che “nelle domeniche e nelle altre feste di precetto, i fedeli sono obbligati a partecipare alla Messa”. Tuttavia, la "partecipazione" alla Messa è distinta e non include necessariamente la ricezione della Comunione.

Il diritto canonico prevede un obbligo separato che i cattolici ricevano la Comunione almeno una volta all'anno.

Mentre è possibile per i detenuti ricevere la Comunione da un sacerdote o da un ministro straordinario al di fuori della celebrazione della Messa nel contesto di un servizio di Comunione, il diritto canonico afferma che è “altamente raccomandato che i fedeli ricevano la Santa Comunione durante la celebrazione eucaristica si."

I sistemi carcerari statali limitano pesantemente la quantità di vino che i cappellani cattolici possono portare nelle carceri per la celebrazione della messa, spesso limitandola alla quantità minima richiesta per consacrare il calice.

Alcuni stati non consentono ai detenuti di consumare il calice consacrato durante la Messa e ai detenuti è consentito ricevere la Comunione solo sotto una specie.

Tuttavia, mentre l'assemblea può ricevere sotto un'unica specie, e la Chiesa insegna che ricevere la sola ostia costituisce la piena ricezione del sacramento da parte di un cattolico, il sacerdote deve comunque consacrare e consumare lui stesso entrambe le specie durante la celebrazione della Messa.

Il diritto canonico prevede che “è assolutamente vietato, anche in caso di estrema urgente necessità, consacrare una materia senza l'altra o anche entrambe al di fuori della celebrazione eucaristica”.

Non è chiaro se la politica provvisoria dell'Alaska sarà impugnata per motivi di libertà religiosa.

Le precedenti sfide a politiche meno restrittive hanno avuto un certo successo. Mentre i tribunali hanno spesso sostenuto che le autorità carcerarie possono vietare l'alcol, hanno anche riconosciuto che la libertà religiosa dei detenuti cattolici può limitare la natura assoluta di queste politiche.


I regolamenti penitenziari federali attualmente affermano che : "Ai detenuti può essere consentito di ricevere piccole quantità di vino come parte di un rituale religioso solo se somministrato sotto la supervisione di cappellani BOP, appaltatori del clero o volontari del clero autorizzati dall'Ufficio di presidenza a eseguire il rituale".


La consacrazione del pane e del vino al corpo e al sangue di Gesù Cristo nell'Eucaristia è parte costitutiva della celebrazione della Messa. deve essere mescolato”.

“Il vino deve essere naturale dal frutto della vite e non guastato”, secondo la legge. Mentre la politica dell'Alaska consente l'uso di un "sostituto analcolico (succo)" con approvazione, il "succo" propriamente parlando non sarebbe materia valida per la celebrazione della Messa.

L'Ordinamento Generale del Messale Romano richiede che "Il vino per la celebrazione dell'Eucaristia sia del frutto della vite, naturale e genuino, cioè senza mescolanza di sostanze estranee".

A parte la possibilità che siano state introdotte sostanze esterne come zucchero, coloranti e aromi, il succo è materia non valida per la celebrazione della Messa perché non ha subito il processo di fermentazione.

Tuttavia, in alcune circostanze la Chiesa approva l'uso del mustum, che è succo d'uva in cui la fermentazione è iniziata, ma è stata sospesa con il risultato che la sua gradazione alcolica rimane sostanzialmente trascurabile ma comunque presente, allo stesso modo in cui il glutine estremamente basso ospita possono essere validamente consacrate, ma le ostie interamente prive di glutine no.

Una lettera del 2003 della Congregazione (ora Dicastero) per la Dottrina della Fede, firmata dall'allora prefetto Cardinale Joseph Ratzinger, spiegava che il Vescovo diocesano locale è competente a concedere il permesso per la celebrazione della Messa usando mustum, ma osservava che è destinato solo a situazioni in cui il sacerdote che celebra la Messa non potrebbe altrimenti consumare il calice consacrato a causa di gravi "intolleranze all'alcol", compreso l'alcolismo.

La lettera della Cdf, indirizzata ai vescovi statunitensi, osservava che “quando il celebrante principale di una concelebrazione ha il permesso di usare il mustum, si prepari un calice di vino normale” che altri possano ricevere, specialmente eventuali sacerdoti concelebranti.

Non vi è alcuna aspettativa o disposizione nel diritto canonico, nelle norme liturgiche o nella guida del dicastero per l'uso del mustum perché il vino è altrimenti vietato dall'autorità secolare nel luogo in cui deve essere celebrata la Messa.

Mentre le questioni dottrinali riguardanti la materia dell'Eucaristia sono di competenza del Dicastero per la Dottrina della Fede, le questioni disciplinari riguardanti l'uso del mustum sono di competenza del Dicastero per il Culto Divino.

Affinché le due diocesi dell'Alaska concedano il permesso abituale per la sostituzione regolare del mustum con il vino da parte dei cappellani delle carceri statali, sia il Dipartimento penitenziario statale che il Dicastero per il culto divino dovrebbero approvare l'uso.

L'Alaska ospita circa 4.000 prigionieri in 14 istituzioni statali. Lo stato ospita meno di 70.000 cattolici.