Post in evidenza

Intervista di MiL al prof. Andrea Grillo sulla liturgia tradizionale: "La Chiesa non è un club di notai o di avvocati"

Durante la Tre Giorni su don Primo Mazzolari (vedere foto sotto) che si tiene ogni anno in Diocesi di Cremona, a Bozzolo, il Vostro ha inco...

venerdì 26 maggio 2023

Il compianto card. Castrillón Hoyos: "La Messa Tradizionale? Un diritto che nessuno può cancellare."

Pubblichiamo una lettera del cardinale Castrillón Hoyos (ex Prefetto della Congregazione del Clero e Presidente della Pontificia Commissione "Ecclesia Dei", scomparso nel 2018) che, benché sia stata resa pubblica nel già lontano 2008, ci pare di grande attualità, perché espone con chiarezza ciò che avrebbe dovuto essere la corretta applicazione del motu proprio di papa Benedetto XVI "Summorum Pontificum".
Questa traduzione è stata realizzata grazie alle donazioni dei lettori di MiL.
Luigi

Shawn Tribe, New Liturgical Movement, 16/06/2008

Alla Latin Mass Society di Inghilterra e Galles.
Londra - 14 giugno 2008.

Signor Presidente, Reverendi Monsignori e Padri, Signore e Signori,

Sono grato per il vostro gentile invito e per il caloroso benvenuto. È un piacere essere qui oggi a Londra e rivolgermi all'assemblea generale annuale della Latin Mass Society di Inghilterra e Galles. Non vedo l'ora di gioire nel celebrare il Santo Sacrificio della Messa nella grande, storica e bellissima Cattedrale di Westminster per voi questo pomeriggio.

Oggi desidero parlare di tre argomenti correlati.

1. La prima cosa che desidero dire è che apprezzo il lavoro che la Latin Mass Society di Inghilterra e Galles ha svolto negli ultimi quattro decenni. Avete lavorato con i vostri vescovi, talvolta senza ottenere tutti i risultati desiderati. Tuttavia, in tutto ciò che avete fatto, siete rimasti fedeli alla Santa Sede e al successore di San Pietro. E siete rimasti leali in un periodo molto difficile per la Chiesa, un periodo che è stato particolarmente impegnativo per coloro che amano e apprezzano le ricchezze della sua antica liturgia.

È evidente che questi anni non sono stati privi di molte sofferenze, ma il nostro Signore benedetto le conosce tutte, e nella sua Divina Provvidenza trarrà molto bene dai vostri sacrifici e dai sacrifici di quei membri della Società della Messa in Latino che non sono più qui oggi. A tutti voi, a nome della Chiesa, dico: "grazie per essere rimasti fedeli alla Chiesa e al Vicario di Cristo; grazie per non aver permesso che il vostro amore per la liturgia romana tradizionale vi portasse fuori dalla comunione con il Vicario di Cristo!"

Dico anche: "Coraggio!" perché è evidente dai molti giovani in Inghilterra e Galles che amano l'antica liturgia della Chiesa che avete fatto molto bene nel preservare e trasmettere l'amore per questa liturgia ai vostri figli.

2. In secondo luogo, desidero parlare del Motu Proprio Summorum Pontificum del nostro amato Santo Padre, Papa Benedetto XVI. So quale grande gioia la pubblicazione di Summorum Pontificum ha portato ai vostri membri, ed effettivamente a molti fedeli cattolici in tutto il mondo. In risposta alle preghiere e alle sofferenze di così tante persone in questi ultimi quattro decenni, Dio onnipotente ci ha donato un Sommo Pontefice molto sensibile alle vostre preoccupazioni. Papa Benedetto XVI conosce e apprezza profondamente l'importanza dei riti liturgici antichi per la Chiesa, sia per la Chiesa di oggi che per la Chiesa di domani. Per questo ha emesso un documento giuridico, un Motu Proprio, che garantisce libertà legale per i riti più antichi in tutta la Chiesa. È importante comprendere che Summorum Pontificum stabilisce una nuova realtà giuridica nella Chiesa.

Concede diritti ai fedeli ordinari e ai sacerdoti che devono essere rispettati da coloro che hanno autorità. Il Santo Padre è consapevole che, in diversi luoghi del mondo, molte richieste da parte di sacerdoti e fedeli laici che desideravano celebrare secondo i riti antichi spesso non sono state prese in considerazione. Per questo motivo ha stabilito in modo autorevole che celebrare secondo la forma più antica della liturgia - il Santo Sacrificio della Messa, così come i sacramenti e gli altri riti liturgici - è un diritto giuridico, e non solo un privilegio accordato a tutti.

Certamente tutto ciò deve essere fatto in armonia sia con la legge ecclesiastica che con i superiori ecclesiastici, ma anche i superiori devono riconoscere che questi diritti sono ora fermamente stabiliti nella legge della Chiesa dal Vicario di Cristo stesso. È un tesoro che appartiene a tutta la Chiesa cattolica e che dovrebbe essere ampiamente disponibile per tutti i fedeli di Cristo. Ciò significa che i parroci e i vescovi devono accogliere le petizioni e le richieste dei fedeli che la desiderano, e che i sacerdoti e i vescovi devono fare tutto il possibile per offrire questo grande tesoro liturgico della Tradizione della Chiesa ai fedeli.

In questo periodo, immediatamente successivo alla pubblicazione del Motu Proprio, il nostro compito più immediato è quello di provvedere alla celebrazione della forma straordinaria del Rito Romano dove è più desiderata dai fedeli e dove le loro "legittime aspirazioni" non sono ancora state soddisfatte. Da una parte, nessun sacerdote dovrebbe essere costretto a celebrare secondo la forma straordinaria contro la sua volontà. D'altra parte, i sacerdoti che non desiderano celebrare secondo il Messale Romano del 1962 dovrebbero essere generosi nel soddisfare le richieste dei fedeli che lo desiderano.

Per come la vedo io, sono necessari due fattori. 1. È innanzitutto importante trovare una chiesa situata in una posizione centrale, comoda per il maggior numero di fedeli che hanno richiesto questa Messa. Ovviamente, deve essere una chiesa in cui il parroco è disposto ad accogliere questi fedeli dalla sua parrocchia e dalle parrocchie circostanti. 2. È fondamentale che ci siano sacerdoti disposti a celebrare secondo il Messale Romano del 1962 e quindi a offrire questo importante servizio pastorale su base settimanale la domenica. Spesso può esserci uno o più sacerdoti in una determinata zona o sezione diocesana che sarebbero disposti e persino desiderosi di celebrare questa Messa. I vescovi devono essere sensibili a tali disposizioni pastorali, e favorirle. Questa è un'intenzione fondamentale del Summorum Pontificum. È particolarmente triste quando ai sacerdoti viene vietato di celebrare la forma straordinaria della Messa a causa di misure legislative restrittive che sono state prese e che vanno contro le intenzioni del Santo Padre e quindi contro la legge universale della Chiesa.

In questo contesto, sono lieto di lodare anche la Latin Mass Society per la sua organizzazione di sessioni di formazione per i sacerdoti presso il Merton College, in Oxford, lo scorso anno, che ha permesso a molti sacerdoti non familiari con l'usus antiquior di imparare come celebrarlo. Sono molto lieto di dare la mia benedizione a questa iniziativa che si ripeterà anche quest'estate.

Permettetemi di dirlo chiaramente: il Santo Padre desidera che l'uso antico della Messa diventi un evento normale nella vita liturgica della Chiesa, affinché tutti i fedeli di Cristo - giovani e anziani - possano familiarizzare con i riti più antichi e trarre dalla loro bellezza tangibile e trascendente. Il Santo Padre desidera questo per ragioni pastorali così come per ragioni teologiche. Nella sua lettera accompagnatoria al Summorum Pontificum, Papa Benedetto ha scritto che:

"Nella storia della liturgia c'è crescita e progresso, ma nessuna rottura. Quello che le generazioni precedenti consideravano sacro, rimane sacro e grande anche per noi, e non può essere improvvisamente del tutto vietato o considerato dannoso. Spetta a tutti noi preservare le ricchezze che si sono sviluppate nella fede e nella preghiera della Chiesa, e dargli il giusto posto."

3. Questo mi porta al mio terzo punto. Siete giustamente convinti che l'usus antiquior non sia un pezzo da museo, ma un'espressione viva del culto cattolico. Se è vivo, dobbiamo anche aspettarci che si sviluppi. Anche il nostro Santo Padre condivide questa convinzione. Come sapete, ha scelto motu proprio - cioè di sua iniziativa - di modificare il testo della preghiera pro Iudæis nella liturgia del Venerdì Santo. L'intenzione della preghiera non è stata affatto indebolita, ma è stata fornita una formulazione che rispetta le sensibilità.

Allo stesso modo, come sapete anche voi, il Summorum Pontificum ha previsto che la Liturgia della Parola possa essere proclamata nella lingua vernacolare senza essere prima letta dal celebrante in latino. La Messa Pontificale di oggi, naturalmente, avrà le letture solennemente intonate in latino, ma per celebrazioni meno solenni la Liturgia della Parola può essere proclamata direttamente nella lingua del popolo. Questo è già un esempio concreto di ciò che il nostro Santo Padre ha scritto nella sua lettera che accompagna il Motu Proprio Summorum Pontificum:

"Le due forme di uso del Rito Romano possono arricchirsi reciprocamente: i nuovi santi e alcuni dei nuovi Prefazi possono e devono essere inseriti nel vecchio Messale. La Commissione "Ecclesia Dei", in contatto con vari organismi dedicati all'usus antiquior, studierà le possibilità pratiche in tal senso."

Naturalmente saremo felici di ricevere il vostro contributo in questa importante questione. Vi chiedo semplicemente di non opporvi in principio all'adattamento necessario che il nostro Santo Padre ha richiesto.

Ciò mi porta a un altro punto importante. Sono consapevole che la risposta della Pontificia Commissione "Ecclesia Dei" riguardo all'osservanza delle festività di precetto ha causato un certo turbamento in alcuni ambienti. Va notato che le date di queste festività rimangono le stesse sia nel Messale del 1962 che nel Messale del 1970. Quando la Santa Sede ha concesso alla Conferenza Episcopale di un determinato Paese di spostare certe festività alla domenica successiva, ciò dovrebbe essere osservato da tutti i cattolici di quel Paese. Nulla vieta la celebrazione della Festa dell'Ascensione, ad esempio, nel giovedì precedente, ma è importante che sia chiaro che questa non è una Messa di precetto e che la Messa dell'Ascensione dovrebbe essere celebrata anche nella domenica successiva. Questo è un sacrificio che vi chiedo di compiere con gioia come segno della vostra unità con la Chiesa Cattolica nel vostro Paese.

Infine, chiedo le vostre preghiere per coloro di noi chiamati ad assistere il Santo Padre a Roma in questo delicato lavoro di facilitare la Tradizione liturgica antica della Chiesa. Vi chiedo pazienza: siamo davvero pochi e c'è molto lavoro da fare. E ci sono molte questioni da studiare e talvolta possiamo commettere errori!

Che la Beata Vergine Maria, Madre di Dio, interceda per tutti in questa terra che è così bellamente chiamata "La Dote di Nostra Signora", e attraverso le sue preghiere possano tutti i fedeli di Cristo approfondire sempre di più le grandi ricchezze della sacra liturgia della Chiesa in tutte le sue forme.

Darío Cardinal Castrillón Hoyos
Presidente
Pontificia Commissione "Ecclesia Dei"