Post in evidenza

La Messa proteiforme: a modest proposal. Risposta e proposta al Prof. Grillo

Il Prof. Grillo ha voluto gentilmente confrontarsi (v. qui ) con il nostro commento critico alla sua intervista (in cui, lo ricordiamo, el...

mercoledì 5 aprile 2023

Breaking news: Il cardinale João Braz de Aviz nega che uscirà un documento contro gli Istituti Tradizionali

Riprendiamo l'articolo di LifeSiteNews in cui il Cardinale João Braz de Aviz nega che dal suo dicastero uscirà un documento che limita ulteriormente l'attività degli Istituti Tradizionali.

Claudio
AGGIORNATO

Di Michael Haynes, LifeSiteNews, 05/04/2023  QUI

Il cardinale João Braz de Aviz ha negato di essere a conoscenza di un documento, che si dice provenga dalla sua Congregazione (Dicastero) per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica, che limiterebbe fortemente le comunità dedite alla Messa tradizionale.

CITTA' DEL VATICANO (LifeSiteNews) - Un importante cardinale vaticano ha dichiarato a LifeSite di non essere a conoscenza di un imminente documento che limita le comunità che offrono la Messa tradizionale, che secondo quanto riferito dovrebbe uscire a breve dal suo stesso dicastero.

In un incontro con LifeSite il 5 aprile, il cardinale João Braz de Aviz - prefetto della Congregazione (Dicastero) per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica - ha dichiarato di non ritenere che dalla sua Congregazione stia per uscire un documento che introduca nuove restrizioni alle comunità tradizionali.

La domanda è stata posta alla luce di un rapporto del 4 aprile di un rispettato sito cattolico tedesco Summorum-Pontificum.de, che aveva suggerito che il dicastero di Aviz avrebbe presto emanato le ultime restrizioni sulla Messa tradizionale - restrizioni di cui si vocifera da metà gennaio.

Le due comunità tradizionali più note che si prevede saranno colpite da qualsiasi nuovo documento sono la Fraternità Sacerdotale di San Pietro (FSSP) e l'Istituto di Cristo Re Sovrano Sacerdote, che tecnicamente devono rispondere al dicastero di Aviz secondo le prescrizioni della Traditionis Custodes.

Summorum-Pontificum.de ha riferito che il presunto documento si concentrerebbe sui seminari tradizionali, accusandoli di non aderire "alle esigenze del tempo presente, come riconosciuto dal Concilio Vaticano II".

Tuttavia, nonostante la smentita di Aviz, un numero crescente di notizie attendibili suggerisce il contrario e che tale documento esiste. Prima di affrontare gli ultimi aggiornamenti presentati dal Summorum-Pontificum, però, è necessario fare un riassunto dei rapporti che si stanno accumulando.
Il 4 febbraio, Summorum-Pontificum.de ha pubblicato un rapporto aggiornato, fornendo maggiori dettagli sulle restrizioni previste e suggerendo il 3 aprile come data di rilascio. Le restrizioni avrebbero un impatto particolare sulle comunità tradizionali. Le informazioni "apparentemente vanno oltre lo status di semplici voci", ha scritto l'autorevole sito.

Restrizioni vociferate: Cosa si sa finora
Summorum-Pontificum.de è stato il primo a riferire, il 13 gennaio, che Papa Francesco starebbe per emanare un nuovo documento, forse una Costituzione Apostolica, che introdurrebbe restrizioni di ampia portata sulla Messa tradizionale.

Giorni dopo, lo stimato giornalista vaticanista Robert Moynihan ha riferito in modo indipendente che Francesco stava pianificando di attaccare la Messa tradizionale, rilasciando il documento previsto in aprile o maggio. Secondo una lettera pubblicata da Moynihan, il cui autore è stato identificato solo come un "sacerdote che appartiene a uno degli ordini tradizionali", questo prossimo decreto di Francesco non solo conterrà una "ulteriore soppressione della Messa tradizionale", ma avrà anche "il 'peso' di un'esortazione apostolica", invece che di un motu proprio, "per eguagliare" l'esortazione apostolica che Papa Paolo VI utilizzò quando "istituì formalmente il Nuovo Rito".

Presunte restrizioni: cosa si sa finora
Summorum-Pontificum.de è stato il primo a riferire, il 13 gennaio, che Papa Francesco avrebbe pubblicato un nuovo documento, forse una Costituzione Apostolica, che introduce restrizioni di vasta portata sulla Messa tradizionale.

Alcuni giorni dopo, l'autorevole giornalista vaticanista Robert Moynihan ha riferito in modo indipendente che Francesco stava pianificando di attaccare la Messa tradizionale, rilasciando il documento previsto in aprile o maggio. Secondo una lettera pubblicata da Moynihan, il cui autore è stato identificato solo come un "sacerdote che appartiene a uno degli ordini tradizionali", questo prossimo decreto di Francesco non solo conterrà "un'ulteriore soppressione della MTL", ma "avrà anche il 'peso' di un'esortazione apostolica", invece che di un motu proprio, "per corrispondere" all'esortazione apostolica che Papa Paolo VI utilizzò quando "istituì formalmente il Nuovo Rito".

Il 4 febbraio, Summorum-Pontificum.de ha pubblicato un rapporto aggiornato, fornendo maggiori dettagli sulle restrizioni previste e suggerendo il 3 aprile come data di pubblicazione. Le restrizioni avrebbero un impatto particolare sulle comunità tradizionali. Le informazioni "apparentemente vanno oltre lo status di semplici voci", ha scritto il rispettato sito.

Successivamente, The Remnant ha riferito che funzionari vaticani hanno confermato privatamente che Papa Francesco sta esaminando un documento, che potrebbe essere pubblicato come costituzione apostolica, che dichiarerebbe la Messa Novus Ordo di Paolo VI come l'unica liturgia ufficiale del rito latino e regolerebbe rigorosamente comunità come la FSSP e la ICKSP.

Secondo le fonti del Remnant, alla fine di gennaio una bozza sarebbe stata presentata a Francesco dal cardinale Arthur Roche, prefetto della Congregazione (Dicastero) per il Culto divino e la Disciplina dei Sacramenti. Il testo cercherebbe di vietare la Messa tradizionale in modo esplicito o implicito e verrebbe pubblicato intorno al 3 aprile, in coincidenza con il 54° anniversario della promulgazione del nuovo messale nel 1969.

Il Remnant ha suggerito che ci sono due versioni del documento, ma entrambe mirano a sradicare la Messa tradizionale dalla Chiesa. Un cardinale italiano - quindi non Roche - avrebbe presentato la seconda versione al Papa. Il Remnant aveva accuratamente avvertito dell'imminente comparsa della Traditionis Custodes nel 2021.

Anche il blog cattolico italiano MessainLatino ha segnalato l'esistenza del suddetto documento per diverse settimane. Il sito aveva anche previsto con precisione l'arrivo della Traditionis Custodes settimane prima del suo arrivo. 

LifeSite apprende inoltre dalle discussioni con le sue fonti che esiste effettivamente un documento destinato a limitare ulteriormente la Messa tradizionale in qualche modo: la questione è se tale documento emergerà. Dalle prove accumulate dalle varie fonti, sembrano esserci sempre meno dubbi sul fatto che un documento che limita la Messa tradizionale esista in qualche forma all'interno del Vaticano.

Voci sulla Settimana Santa e smentite del Vaticano
Mentre queste notizie emergevano, molti osservatori vaticani aspettavano di vedere se le restrizioni previste per la Messa tradizionale sarebbero arrivate il 3 aprile. Il giorno è passato senza che arrivassero nuove restrizioni.

Poi, il 4 aprile, Summorum-Pontificum.de ha riferito che le tanto temute restrizioni sulla Messa tradizionale non erano scomparse, ma sarebbero presto arrivate. "Il documento, di cui si vociferava già da gennaio, è ora apparentemente pronto e la sua pubblicazione è prevista tra pochi giorni, al massimo settimane", scrive il blog.

Summorum-Pontificum.de ha suggerito che non ci sono state restrizioni il 3 aprile, forse a causa di modifiche finali al testo, o a causa della breve permanenza di Papa Francesco in ospedale solo pochi giorni prima. Era stato ricoverato d'urgenza al Policlinico Gemelli di Roma il 29 marzo ed era stato dimesso il 1° aprile.

Mentre precedenti rapporti hanno suggerito che le nuove restrizioni sarebbero emerse dalla Congregazione per il Culto Divino, Summorum-Pontificum.de ha scritto che sarebbero invece arrivate dalla Congregazione (Dicastero) per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica (CICLSAL).

Secondo il testo del documento riportato, i seminari tradizionali, come quelli della FSSP e della ICKSP, sarebbero considerati non conformi "alle esigenze del tempo presente, come riconosciute dal Concilio Vaticano II". Il testo ordinerebbe ai seminari di insegnare la "liturgia rinnovata di San Paolo VI" come "unica Lex Orandi" del rito romano.

Il sito tedesco continuava:

Fino a quando i corsi di studio, i curricula e i regolamenti disciplinari dei seminari delle comunità non corrisponderanno ai nuovi requisiti, ogni ulteriore formazione è proibita. La ripresa delle attività del seminario richiede una speciale autorizzazione romana. I docenti o i seminaristi che non sono d'accordo con la riorganizzazione ordinata della formazione sono avvisati, con parole appena codificate, di richiedere l'affiliazione o il posto di studio presso la Fraternità San Pio X.

In seguito a ciò, LifeSite ha chiesto alla CICLSAL di poter disporre di un simile documento, ma è stato risposto con fermezza che non era nelle competenze della Congregazione pubblicare un testo del genere. Ma secondo i termini della Traditionis Custodes di Papa Francesco del luglio 2021, la CICLSAL sarebbe proprio il dipartimento vaticano responsabile di trattare con le comunità tradizionali, mettendo così in dubbio la dichiarazione della Congregazione.

Un funzionario della CICLSAL ha dichiarato che tale documento sarebbe stato di competenza della Congregazione per il Clero, ma quando è stato interrogato, la Congregazione ha affermato che tale documento non esisteva.

In una successiva domanda sul presunto nuovo documento, lo stesso cardinale de Aviz ha poi negato l'esistenza di tale documento. 

Il cardinale è uno strenuo oppositore della Messa tradizionale ed è responsabile della distruzione dei Frati Francescani dell'Immacolata e delle religiose dell'ordine.

Si tratta ora di capire se la dichiarazione del cardinale de Aviz sarà supportata dalla realtà o meno. Dato che diversi organi di informazione affidabili hanno riportato in modo indipendente la probabilità di nuove restrizioni e la data di arrivo prevista per il 3 aprile, è strano che non sia ancora arrivato nulla dal Vaticano. Il tempo rivelerà tutto.


6 commenti:

  1. Non vorrei che uscisse un documento "a favore" secondo loro di tali istituti

    RispondiElimina
  2. Fanno tenerezza questi ottuagenari strenui oppositori della messa tradizionale . A quell'età si dovrebbe pensare a cose molto più importanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C’è poco da fare ironia. Quel momento arriverà come un ladro nella notte…e io non vorrei essere nei panni di chi verrà sorpreso con sentimenti di odio verso la Chiesa nel cuore.

      Elimina
  3. Pover'uomini impregnati di nubi..preghiamo per loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intendi quelli che prendono o lasciano quello che offre la Chiesa a seconda di come si svegliano la mattina? Preghiamo perché si convertano dal loro settarismo.

      Elimina
  4. Messa in latino...messa moderna...Ormai conta solo la fede in Gesù Cristo morto per salvarci. Il resto è pura accademia

    RispondiElimina