Post in evidenza

Intervista di MiL al prof. Andrea Grillo sulla liturgia tradizionale: "La Chiesa non è un club di notai o di avvocati"

Durante la Tre Giorni su don Primo Mazzolari (vedere foto sotto) che si tiene ogni anno in Diocesi di Cremona, a Bozzolo, il Vostro ha inco...

giovedì 16 marzo 2023

Traditionis Custodes - Newsletter #14 #traditioniscustodes

Vi proponiamo – in nostra traduzione – la newsletter numero 14 del sito traditioniscustodes.info, che offre una panoramica su come il motu proprio Traditionis custodes è stato applicato nelle Diocesi di tutto il mondo.
Invitiamo i nostri lettori ad aiutare il sito a creare una banca dati accurata dell’applicazione del motu proprio Traditionis custodes nel mondo inviando nuove informazioni QUI.

L.V.


Benvenuti alla nostra nuova newsletter!

Godetevi il nuovo formato della nostra newsletter. Ci dà più autonomia per aggiornarvi sulle ultime implementazioni del motu proprio Traditionis custodes, garantendo al contempo una maggiore flessibilità nella relazione.

Il ritmo del motu proprio Traditionis custodes

Quasi due anni fa abbiamo iniziato questo percorso di raccolta delle risposte al motu proprio Traditionis custodes e di renderle disponibili al pubblico. Oggi, con oltre 250 risposte confermate, possiamo individuare alcune tendenze interessanti:


Il 16 luglio 2021 viene pubblicato il motu proprio Traditionis custodes.

Da luglio a settembre 2021, i Vescovi che volevano eliminare le Sante Messe tradizionali dalle loro Diocesi hanno agito rapidamente. La linea rossa rappresenta queste azioni più aggressive (vietando tutte le Sante Messe tradizionali dalla Diocesi), e la linea cambia appena dopo il settembre 2021.

Da settembre 2021 a dicembre 2022, la linea gialla (che rappresenta le Diocesi che hanno soppresso alcune celebrazioni) è cresciuta lentamente, mostrando il movimento dei Vescovi di tutto il mondo per rimuovere la Santa Messa tradizionale dalle Parrocchie centrali e consentirla solo nelle cappelle.

Purtroppo, questa tendenza potrebbe aumentare nel 2023 dopo il rescritto.

Il rescritto

Ad oggi, suppongo che tutti voi siate a conoscenza del rescritto ex audientia SS.MI del 21 febbraio 2023, che limita ulteriormente la capacità dei vescovi di proteggere la celebrazione della Santa Messa tradizionale, specialmente in ambito parrocchiale.

Purtroppo, stiamo già ricevendo segnalazioni di ulteriori soppressioni di Sante Messe tradizionali in tutto il mondo. Stiamo lavorando per convalidare queste segnalazioni e le pubblicheremo presto su traditioniscustodes.info.

Aggiornamenti recenti delle Diocesi

Per ora, vi lasciamo con un elenco di sedici Diocesi di cui abbiamo potuto confermare lo stato. Tenete presente che questo è avvenuto prima del rescritto:

  • Cheyenne - Stati Uniti (vedi)
  • Avignon - Francia (vedi);
  • La Crosse - Stati Uniti (vedi);
  • Brněnská - Repubblica Ceca (vedi);
  • San Bernardino - Stati Uniti (vedi);
  • Almeria - Spagna (vedi);
  • Monterey - Messico (vedi);
  • Valparaiso - Cile (vedi);
  • Lafayette in Indiana - Stati Uniti (vedi);
  • Lyon - Francia (vedi);
  • Richmond - Stati Uniti (vedi);
  • Pražská - Repubblica Ceca (vedi);
  • Metuchen - Stati Uniti (vedi);
  • Charlotte - Stati Uniti (vedi);
  • Helena - Stati Uniti (vedi);
  • Pittsburgh - Stati Uniti (vedi).

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione