Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

mercoledì 8 marzo 2023

Mons. Schneider: Il Sinodo, strumento usato per generare confusione nella Chiesa.

Un'interessante traduzione pubblicata da Marco Tosatti.
"Il secondo compito di un sinodo dovrebbe essere quello di “respingere gli errori del tempo”, ma Schneider ha avvertito che le azioni attuali del sinodo stanno permettendo la diffusione di “veleni, veleni spirituali”".
Luigi

1 Marzo 2023 

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, offriamo alla vostra attenzione, nella nostra traduzione, questo articolo di InfoVaticana, che ringraziamo per la cortesia, in cui il vescovo Schneider esprime critiche e perplessità sul Sinodo sulla Sinodalità. Buona lettura e diffusione.
§§§

Il vescovo ausiliare di Astana, Athanasius Schneider, ha rilasciato un’intervista a LifeSiteNews in cui ha avvertito che le attuali tendenze della Chiesa cattolica, in particolare il Sinodo sulla sinodalità, sono “pericolose” per la fede cattolica e sono “veleni spirituali”.
Come è caratteristico del prelato kazako, ha parlato con forza e senza mezzi termini. Schneider è sempre stato particolarmente critico nei confronti di questo Sinodo e ha avvertito come l’attuale Sinodo sulla sinodalità sia “uno strumento utilizzato per diluire sempre più la chiarezza della fede cattolica, come stiamo osservando, riversando sempre più confusione e confusione dottrinale nella vita della Chiesa”.
“È un grave abuso dell’istituzione del sinodo, che la Chiesa ha compreso per 2.000 anni”, ha detto.
Schneider ha sottolineato che un sinodo correttamente ordinato ha chiare prerogative: “Il sinodo è uno strumento del Magistero, ma il suo primo obiettivo è quello di chiarire la dottrina in modo inequivocabile, senza alcun dubbio”.
Il secondo compito di un sinodo dovrebbe essere quello di “respingere gli errori del tempo”, ma Schneider ha avvertito che le azioni attuali del sinodo stanno permettendo la diffusione di “veleni, veleni spirituali”.
Un vero Sinodo dovrebbe anche occuparsi di questioni “disciplinari” per fornire un “rimedio contro gli abusi”, ha detto.
Invece, ha descritto il Sinodo sulla sinodalità come simile a un “parlamento in modo mondano”, qualcosa che “è contrario a tutta la storia della Chiesa e a tutto il metodo di Dio. È mondano, non è nemmeno cristiano”.
Inoltre, monsignor Schneider ha sottolineato la peculiarità dell’attenzione della Chiesa cattolica all'”ascolto” piuttosto che all’insegnamento. “L’umanità intera deve ascoltare la voce di Cristo, non gli uni gli altri”, ha detto. Ascoltare gli uni gli altri piuttosto che Cristo è “contro la rivelazione”, ha aggiunto.
“Perciò Cristo non ha detto a tutti gli apostoli: “Andate e ascoltate tutte le genti”, ma “Andate, insegnate e istruite in ciò che vi ho insegnato”. Questo è il messaggio della Chiesa: non presentarsi, non tenere sessioni parlamentari e ascoltare la gente, ma proclamare la verità, naturalmente con chiarezza e carità”, ha aggiunto il vescovo ausiliare di Astana.
Pur avvertendo dei pericoli posti dalle numerose correnti di pensiero moderno nella Chiesa cattolica, il vescovo Schneider ha offerto un incoraggiamento ai cattolici su come preservare la fede. “Studiate la fede cattolica”, ha detto.
“Studiate bene gli antichi catechismi dove si trova la fede immutabile”.
Ha menzionato alcuni testi post-conciliari, come Humanae Vitae e Vertitatis Splendor, ma ha sottolineato soprattutto che i cattolici devono seguire gli insegnamenti e i documenti pre-conciliari per la loro chiarezza.
Il vescovo ausiliare ha anche esortato i cattolici a fare della Santa Eucaristia “il centro della loro vita”. Ha incoraggiato a ricevere la Santa Comunione con grande riverenza, in ginocchio e sulla lingua “per evitare qualsiasi pericolo di profanazione o di minimizzazione della riverenza”.
Inoltre, Schneider, un convinto sostenitore della liturgia tradizionale della Chiesa, ha affermato che la ricerca della Messa tradizionale è un “gesto d’amore” per il prossimo e un atto di “fedeltà alla Santa Madre Chiesa”.

2 commenti:

  1. Ogni voce costruttivamente critica, che si leva nei confronti dell’attuale Sinodo sulla sinodalità, l’accolgo con immensa gioia e spero che tali richiami non cadano nel vuoto. In questa cosiddetta Chiesa inclusiva, mi aspetto che Bergoglio e i suoi collaboratori umilmente ascoltino queste critiche, non continuino a bollarle come “indietriste” e “tradizionaliste/restaurazioniste”.
    Link:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giustissimo. Il fatto e' che l'ottica post-conciliare e' necessariamente "progressista" (diciamo cosi') e quindi ogni richiamo alla Tradizione o al Magistero della Chiesa pre-conciliare e' necessariamente visto male...

      Elimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione