Post in evidenza

Intervista di MiL al prof. Andrea Grillo sulla liturgia tradizionale: "La Chiesa non è un club di notai o di avvocati"

Durante la Tre Giorni su don Primo Mazzolari (vedere foto sotto) che si tiene ogni anno in Diocesi di Cremona, a Bozzolo, il Vostro ha inco...

venerdì 17 febbraio 2023

Mater mea, Fiducia mea!

Il sabato che precede il mercoledì delle S. Ceneri, il Pontificio Seminario Romano Maggiore (il Seminario del Papa) festeggia la propria divina patrona: la Beata Vergine Maria onorata col titolo di Madonna della Fiducia: Mater Mea, Fiducia Mea (clicca qui).

Nel momento attuale di problematiche da risolvere, di fragili attese, di delicati equilibri da conservare e di continue polemiche un punto certo deve consolare il cattolico: non praevalebunt! 
E' proprio per questo che si deve coltivare la Speranza e la Fiducia nella Chiesa e nella promessa di Nostro Signore. 
Speranza che i molti operai nella vigna del Signore, non si scoraggino, siano fedeli a Cristo, e non vengano mai meno, e Fiducia nella divina protezione di Maria Santissima, Madre della Chiesa, per i suoi figli. (si veda atto di affidamento dei seminaristi).

Domani , Festa dalla Madonna della Fiducia, giorno in cui il Papa, vescovo di Roma, si reca in visita al "suo" seminario per rinnovare la devota supplica alla Vergine e per esortare i futuri preti, uniamoci con Fede perché i loro occhi si aprano (e non siano vuoti e bui come quelli delle figure realizzare da p. Rupnik che ha decurtato la cappella maggiore del seminario), e perchè noi non ci abbandoniamo mai allo sconforto nonostante le avversità  che vessano la Chiesa e il Papa. 
Se i seminaristi sapranno riconoscere nella Tradizione (sia dottrinale sia liturgica) il vero ed efficace strumento per "raddrizzare" la Barca di Pietro, saremo ad un ottimo traguardo! 

MATER MEA, FIDUCIA MEA!

Roberto

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione