Post in evidenza

Intervista di MiL al prof. Andrea Grillo sulla liturgia tradizionale: "La Chiesa non è un club di notai o di avvocati"

Durante la Tre Giorni su don Primo Mazzolari (vedere foto sotto) che si tiene ogni anno in Diocesi di Cremona, a Bozzolo, il Vostro ha inco...

lunedì 11 aprile 2022

“Quod Dominus surrexit vere et apparuit Simoni”

(Lc. 23, 33-35)
“Quod surréxit Dóminus vere, et appáruit Simóni. Et ipsi narrábant, quæ gesta erant in via: et quómodo cognovérunt eum in fractióne panis.”




Il nome del Lunedì di Pasqua (detto dell’Angelo) prende spunto dall’annuncio che ricevettero le tre donne:   
(Marco 16, 1-7) 


R1Et cum transisset sabbatum, Maria Magdalene et Maria Iacobi et Salome 
emerunt aromata, ut venientes ungerent eum.
2 Et valde mane, prima sabbatorum, veniunt ad monumentum, orto iam sole.

3 Et dicebant ad invicem: “ Quis revolvet nobis lapidem ab ostio monumenti? ”.
4 Et respicientes vident revolutum lapidem; erat quippe magnus valde. 
5 Et introeuntes in monumentum viderunt iuvenem sedentem in dextris, 
coopertum stola candida, et obstupuerunt. 
6 Qui dicit illis: “ Nolite expavescere! Iesum quaeritis Nazarenum crucifixum.
 Surrexit, non est hic; ecce locus, ubi posuerunt eum. 
7 Sed ite, dicite discipulis eius et Petro: “Praecedit vos in Galilaeam.
 Ibi eum videbitis, sicut dixit vobis” ”.

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione