Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

martedì 2 novembre 2010

S. Messa da Requiem a Dolcedo (Im)

Parrocchia di San Tommaso Apostolo
in Dolcedo
.Diocesi di Albenga-Imperia

Martedì 2 Novembre 2010
ore 18.00
.
MISSA PRO DEFUNCTIS
con Solenne Assoluzione al Catafalco
celebrata dal Can. Prevosto don Giancarlo Cuneo
.
.
Si ricorda che nella chiesa di San Tommaso Apostolo si celebra la S. Messa tradizionale ogni domenica e festa di precetto, alle ore 18:00.

15 commenti:

  1. Evviva don Giancarlo!!
    La famiglia Cuneo non si smentisce, per fortuna!

    RispondiElimina
  2. PECCATO CHE FURONO MANDATI VIA A PEDATE DA GENOVA!!!!! CHISSA' .......

    RispondiElimina
  3. chissà che le tue informazioni siano sbagliate?
    e che Genova ora li chieda?

    RispondiElimina
  4. Meno male che invece a Genova tengono ben stretti don Gallo e don Farinella........

    RispondiElimina
  5. Torno or ora da quelle parti, dove ho assistito alla MAGNIFICA funzione officiata a Villatalla per i Santi! Domenica invece per la prima volta sono entrato nel duomo di Porto Maurizio, dove nonostante il novus ordo si è usato l'organo, l'incenso, il silenzio alla consacrazione, i foglietti NON ufficiali ove scritto quando inginocchiarsi (solo panche con inginocchiatoi ovviamente) battersi il petto, ecc...il tutto preceduto da un'adorazione del Santissimo conclusa con un Tantum Ergo che riempiva il cuore (lo conoscevano persino i fedeli, e mica tutti ultranovantenni!!!). 
    Iddio benedica Monsignor Olivieri!

    RispondiElimina
  6. grande don giancarlo!

    RispondiElimina
  7. Difatti a Genova, nonostante le apparenze, la situazione della Messa antica è DISASTROSA!!!!

    Quando la Messa era alla Cappella della Misericordia (messa dell'indulto) era spesso cantata. Ora in via Balbi è ridotta all'ombra di se stessa...sempre messa letta frequentata da quattro gatti.

    RispondiElimina
  8. vi accontentate di poco se definite don giancarlo un grande.........peccato che chi decide il suo allontanamento ora è il Presidente dei Vescovi Italiani!!!!!!!!!!!!! 

    RispondiElimina
  9. ............certco che ci teniamo ben stretto don Gallo uno che viaggia con il vangelo in mano e non ha l'aria di un principino con la puzza sotto il nso come i vostri preti che tutto hanno meno che accogiere i piu' poveri e i piu' bisognosi!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  10. Alexander Von Trotta3 novembre 2010 alle ore 18:39

    Poi don Gallo conosce anche un quinto vangelo, no? Quello di De André, come dichiara. A quando il sesto della fata turchina?

    RispondiElimina
  11. Se tenete veramente così tanto a don Gallo, almeno un principino dovreste ringraziarlo...ma che dico?!? Dovreste ringraziare IL PRINCIPINO, il Cardinal Siri. Se non era per lui, e per la sua bontà innata con la quale da un lato a difendeva strenuamente l'ortodossia e dall'altro vedeva sempre un po' di bene anche nei peggiori avversari di essa, ci saremmo liberati del Gallo già da tempo, vale a dire da quando i Salesiani, ai quali il nostro apparteneva prima di entrare nel Clero di Genova, gli diedero una sonora pedata nel c.....

    RispondiElimina
  12. Lei discute di vicende che non conosce bene...

    ...provi ad informarsi meglio.

    RispondiElimina
  13. sono piu' informato di quanto lei crede....ma evito di scrivere i motivi sul blog per correttezza ..........

    RispondiElimina
  14. ....da genova periferia....4 novembre 2010 alle ore 13:03

    reverendo Cuneo La ricordiamo ancora in qulla periferia genovese vestito e non travestito da prete come purtroppo oggi è di consuetudine.....la salutiamo affettuosamente......

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione