Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

venerdì 23 dicembre 2022

NEWS: Rupnik consultore di dicasteri vaticani nonostante la scomunica!

Pubblichiamo di seguito la traduzione dell'articolo (QUI) uscito su The Pillar ieri, giovedì 22 dicembre 2022: «Rupnik è tuttavia ancora indicato come consultore - un consigliere esperto ufficialmente nominato - per diversi dicasteri vaticani, compresi quelli con la supervisione del clero e della liturgia».
Come sono vere le pa
role di Benedetto XVI a Fatima:
"Quanto alle novità che possiamo oggi scoprire in questo messaggio, vi è anche il fatto che non solo da fuori vengono attacchi al Papa e alla Chiesa, ma le sofferenze della Chiesa vengono proprio dall’interno della Chiesa, dal peccato che esiste nella Chiesa. Anche questo si è sempre saputo, ma oggi lo vediamo in modo realmente terrificante: che la più grande persecuzione della Chiesa non viene dai nemici fuori, ma nasce dal peccato nella Chiesa e che la Chiesa quindi ha profondo bisogno di ri-imparare la penitenza, di accettare la purificazione, di imparare da una parte il perdono, ma anche la necessità della giustizia. Il perdono non sostituisce la giustizia".
(Benedetto XVI, Ai giornalisti nel volo in Portogallo, 11 maggio 2010).
QUI i post pubblicati sul caso Rupnik da MiL.
Questa traduzione è stata realizzata grazie alle donazioni dei lettori di MiL.
Luigi

Rupnik resta consultore di importanti dicasteri vaticani nonostante la scomunica
Padre Rupnik rimane consulente ufficiale di diversi dicasteri vaticani, anche dopo la scomunica e l'accusa di aver abusato sessualmente di donne consacrate.
The Pillar, 22 dicembre 2022

P. Marko Rupnik, SJ, rimane un consulente ufficiale di diversi dicasteri vaticani, anche dopo essere stato scomunicato per un grave crimine canonico, ed è accusato di aver abusato spiritualmente e sessualmente di donne consacrate.

Nel 2020 Rupnik è stato dichiarato scomunicato per il crimine canonico di aver abusato del sacramento della penitenza per favorire la sua cattiva condotta sessuale.

Nel 2021 è stato formalmente accusato dal Dicastero per la Dottrina della Fede di aver abusato in modo seriale di religiose slovene negli anni Ottanta e Novanta. Rupnik è tuttavia ancora indicato come consultore - un consigliere esperto ufficialmente nominato - per diversi dicasteri vaticani, compresi quelli con la supervisione del clero e della liturgia.

Il ruolo del sacerdote in questi dipartimenti amplifica gli interrogativi sul fatto che sia stato effettivamente sottoposto a restrizioni ministeriali dal suo ordine religioso quando i suoi crimini sono diventati noti al Vaticano - e sul fatto che i funzionari vaticani avrebbero dovuto intervenire per limitare la sua partecipazione alla leadership e alla governance della Chiesa.

Nel 2020, mentre era soggetto a un processo penale ma prima che venisse dichiarata la pena di scomunica, Rupnik è stato invitato a predicare un ritiro quaresimale alla curia romana. Da quando è stato condannato, ha viaggiato molto, ha ricevuto premi internazionali per il suo lavoro e ha continuato a pubblicare video commenti su questioni teologiche.

Nel 2019, Rupnik, famoso artista religioso e membro di spicco della Compagnia di Gesù, è stato accusato di aver tentato di assolvere sacramentalmente un partner sessuale - uno dei crimini più gravi del diritto canonico - secondo alcune fonti mediatiche italiane, le accuse derivano da un contatto sessuale con una novizia religiosa nel 2015.

Il sacerdote ha affrontato un processo penale extragiudiziale autorizzato dal Dicastero vaticano per la Dottrina della Fede. Nel 2020, è stato giudicato colpevole di graviora delicta - un reato più grave, secondo la legge della Chiesa - e dichiarato scomunicato.

La scomunica è stata rimessa poco dopo la sua dichiarazione.

Secondo una cronologia rilasciata dalla Compagnia di Gesù, i superiori religiosi di Rupnik erano a conoscenza dell'accusa contro il sacerdote almeno dal 2019.

Ma nei registri ufficiali del Vaticano per il 2020, Rupnik era elencato come consultore della Congregazione per il Clero, che modera i programmi di formazione dei seminari in tutto il mondo, gestisce i casi speciali di laicizzazione dei chierici e rivede in appello una serie di questioni di governance nelle diocesi.

Sempre nel 2020, Rupnik ha ricoperto l'incarico di consultore presso la Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti e presso il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione.

Rupnik è stato nuovamente indicato come consultore di questi dicasteri nel 2021 e nel 2022.

Nel 2021, il Dicastero per la Dottrina della Fede ha ricevuto le denunce secondo cui Rupnik avrebbe abusato gravemente - spiritualmente, sessualmente e psicologicamente - dei membri di una comunità religiosa slovena negli anni '80 e '90, quando era cappellano del gruppo. Queste accuse, che includono l'abuso del sacramento della penitenza, non hanno portato a un processo canonico, apparentemente a causa della prescrizione canonica, secondo la Compagnia di Gesù.


Nonostante il suo ruolo ufficiale presso i dicasteri vaticani, la Compagnia di Gesù insiste sul fatto che il ministero di Rupnik è stato "limitato" nel 2019, e da quell'anno è rimasto limitato.

Nei registri ufficiali della Santa Sede, Rupnik risulta in servizio presso l'ormai rinominato Dicastero per il Clero, accanto a figure influenti come P. Hans Zollner, SJ, membro di spicco della Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori, e il canonista gesuita Cardinale Gianfranco Ghirlanda, nominato cardinale da Papa Francesco all'inizio di quest'anno.

All'inizio di quest'anno, il Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione è entrato a far parte del nuovo Dicastero per l'Evangelizzazione, in seguito alle riforme curiali di Papa Francesco - è stato definito il dicastero "preminente" della curia romana.

Anche il mantenimento del ruolo del sacerdote presso il Dicastero per il Culto Divino, che sovrintende alla vita liturgica della Chiesa, potrebbe suscitare preoccupazioni.

Secondo una delle sue presunte vittime, i presunti abusi di Rupnik erano fortemente carichi di immagini spirituali; la donna sostiene che Rupnik usava immagini dell'Eucaristia e della Santissima Trinità per costringerla sessualmente.

In una recente intervista, la presunta vittima ha detto che il sacerdote ha abusato della sua posizione di direttore spirituale per adescarla e costringerla ad atti di depravazione sessuale, compresi atti sessuali di gruppo, e le ha detto che il suo primo contatto con lei è stato "il modo in cui baciava l'altare dove celebrava l'Eucaristia, perché con me poteva sperimentare il sesso come espressione dell'amore di Dio".

"La sessualità doveva essere, secondo lui, libera dal possesso, a immagine della Trinità dove, diceva, 'la terza persona avrebbe accolto la relazione tra i due'", ha raccontato la sua presunta vittima. "La sua ossessione sessuale non era estemporanea ma profondamente legata alla sua concezione dell'arte e al suo pensiero teologico".

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione