Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

martedì 20 dicembre 2022

Caso Rupnik: traduzione in inglese su The Pillar dell'intervista a Domani/ English translation on The Pillar's interview with Domani

Ancora sul caso Rupnik, pubblichiamo di seguito la traduzione dell'articolo (QUI) su The Pillar con cui Diane Montagna introduce la sua traduzione in inglese dell'intervista uscita, il 18 dicembre scorso, su Domani (QUI MiL l'altro ieri).
La traduzione completa dell'intervista la potete trovare nello stesso stesso articolo di The Pillar (QUI).
QUI i post pubblicati sul caso Rupnik da Mil.
Questa traduzione è stata realizzata grazie alle donazioni dei lettori di MiL.
Luigi

Discesa all'inferno: Una presunta vittima di Rupnik parla
Una presunta vittima di p. Marko Ivan Rupnik ha raccontato nei dettagli gli abusi sessuali, psicologici e spirituali che ha detto di aver subito quando era una religiosa.
DIANE MONTAGNA, The Pillar, 19 dicembre 2022, 3:06 PM

Una presunta vittima dell'artista gesuita sloveno P. Marko Ivan Rupnik ha raccontato domenica, in una nuova intervista ai media italiani, gli abusi sessuali, psicologici e spirituali che ha detto di aver subito quando era una religiosa.
Le accuse sono state inviate al Dicastero per la Dottrina della Fede nel 2021, ma non hanno portato a un'azione penale canonica - i funzionari della Compagnia di Gesù hanno dichiarato di essere stati informati che Rupnik non sarebbe stato perseguito canonicamente per i presunti abusi, a causa della prescrizione canonica.
Questa affermazione ha scatenato una polemica nella Chiesa,
con giornalisti e sostenitori delle vittime che hanno chiesto perché il dicastero non abbia rinunciato alla prescrizione - la prescrizione canonica - come ha fatto in altri casi di abuso gestiti dal dicastero.

La controversia si è intensificata la scorsa settimana dopo che l'Associated Press ha confermato che, al termine di un processo iniziato nel 2019, il dicastero ha dichiarato Rupnik scomunicato. Il sacerdote è stato giudicato colpevole di aver tentato di assolvere un complice dopo un rapporto sessuale - un reato grave nel sistema legale della Chiesa.

La scomunica è stata rapidamente revocata, secondo il superiore generale dei Gesuiti, P. Arturo Sosa. A Rupnik è stato comunque chiesto nel marzo 2020 di predicare una riflessione spirituale quaresimale nel Palazzo Apostolico per i funzionari della curia romana.

Il sito italiano Messa in Latino ha sollevato per la prima volta il 4 dicembre la prospettiva che Rupnik sia stato scomunicato per aver tentato di assolvere sacramentalmente una consacrata italiana, una novizia religiosa, dopo un incontro sessuale con lei.

Mentre la storia continua a svilupparsi, una presunta vittima di Rupnik - un ex membro della comunità religiosa slovena di cui è accusato di aver abusato - ha parlato con l'agenzia di stampa italiana Domani degli abusi che ha detto di aver subito per nove anni e che descrive come una "discesa all'inferno".

The Pillar ha confermato in modo indipendente l'identità della vittima, che è stata tenuta nascosta per proteggere la sua privacy.

[...] QUI l'intervista.

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione