Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

mercoledì 12 ottobre 2022

La Messa tradizionale nell'arte #64 - Scoperta delle Americhe e "Prima Messa a Cuba di padre las Casas, OP", di J.B. Vermay (1826), porto di Avana (Cuba) #mtlnellarte #mtl #artesacra #sanfrancesco

Oggi 12 ottobre si ricorda il DXXX anniversario della scoperta delle Americhe, grazie alla determinazione di Cristoforo Colombo nel voler raggiungere le "Indie" passando per l'occidente. 

Ad uno dei suoi viaggi, nel 4° precisamente (1502), prese parte anche un giovane frate Bartolomé de Las Casas OP (ora servo di Dio), che fu il primo religioso ordinato nel nuovo mondo (nel 1510 sull'isola di Cuba).  

Per la nostra rubrica sulla Messa Tradizinale nell'arte quest'oggi ci sembra più che mai a tema questo dipinto ad olio di J. Baptiste Vermay, che operò a Cuba nei primi decenni del XIX secolo, dedicato alla "
Prima messa celebrata a Cuba da p. Las Casas, sotto la memorabile ceiba". L'opera raffigura p. Las Casas celebrare attorniato anche dagli Indios in favore dei quali si schierò scontradonsi con i suoi stessi connazionali conquistadores che li avevano schiavizzati. 
Qui un po' di info. 
L'opera fu realizzata nel 1826 ed è una delle opere del pittore che adornano le pareti del Templete, vicino al porto dell'Avana (Cuba).


Per altre immagini cliccare sull'etichetta "MTL nell'arte"

(Sono senz'altro ben accette segnalazioni e suggerimenti, da parte dei lettori, di altre opere d'arte raffigurati scene della Messa Tradizinale in Latino o di altri sacramenti o sacramentali in rito tradizionale. Grazie sin da ora).

Roberto

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione