sabato 15 luglio 2017

Circolare della Congregazione per il Culto Divino sulle ostie e sul vino della Messa

Vi rimandiamo all'articolo di Barile, sul blog "Munus: liturgia e dintorni" del 13.07.2017 che tratta di una
nuova circolare della CCDeDS circa le specie eucaristiche. 
Sostanzialmente non dice nulla di nuovo, ma precisa alcuni punti e autorizza alcune cose. 


Roberto

Si sta diffondendo in questi giorni una Lettera circolare della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti ai Vescovi su pane e il vino per l’Eucaristia, datata 15 giugno 2017, solennità del Ss.mo Corpo e Sangue di Cristo.



In sintesi, nelle affermazioni di fondo il documento non presenta alcuna novità, anche se il ribadire certe affermazioni è una novità nel senso che qua e là potrebbero essere disattese o in pratica o in teoria. Non è un documento sui celiaci, perché ciò che vi si dice ribadisce alla lettera documenti precedenti. La novità riguarda invece la produzione, il controllo, l’uso della materia eucaristica secondo le odierne condizioni. Poi, come spesso capita, qualcuno ha preso l’occasione per dare vita a un dibattito allargato, che sembra veramente troppo largo, cioè fuori luogo. Ma procediamo con ordine.



LE AFFERMAZIONI FONDAMENTALI


«Il pane utilizzato nella celebrazione del santo Sacrificio eucaristico deve essere azzimo, esclusivamente di frumento e preparato di recente, in modo che non ci sia alcun rischio di de-composizione.

(Continua a leggere qui)

10 commenti:

  1. Cioè io che sono celiaco dovrei rischiare una grave reazione allergica che può mettere a rischio la mia vita perché un criminale della curia romana senza alcuna competenza medica a deciso così. Spero sia una bufala altre èimenti non potrò più fare la comunione e a quel punto tanto vale lasciare questa Chieda Cattolica fariseistica dove il codice è più importante della Persona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 9,05: comprendo la sua dura reazione, però da qui a lasciare la Chiesa cattolica ce ne corre. Si calmi, non si faccia prendere dalla rabbia. Non è detto che per chi non può fare la Comunione l'appartenenza alla Chiesa cattolica sia preclusa. Calma. La prego.

      Elimina
    2. Spiace ma la misura comincia ad essere colma sono stufo di una chiesa che esclude, che non fa pulizia dentro se stessa, assetata di carrierismo e di potere, che guarda più ai codici che non alle persone, che guarda al passato e non al presente, che polemizza su concetti dottrinali e teologici e tralascia la vera Chiesa quella fatta di pietre umane e non di cattedrali di pietra fine a se stesse,aride e vuote forse piene di opere d'arte preziose ma questo è un altro discorso.

      Elimina
    3. In una nota Cei tutte le indicazioni per chi è intollerante al glutine. Dopo il caso della bimba di Brescia apparsa su qualche giornale Avvenire si propone di fare chiarezza. Nel 2001 l’Ufficio liturgico nazionale ha individuato delle ostie con la quantità minima della proteina e valide per la consacrazione, senza danni per chi soffre di celiachia.


      La soluzione è arrivata grazie all’interessamento dell’Associazione italiana celiaci (Aic). «Si è così appreso – si legge nel comunicato Cei – che vengono prodotte ostie di frumento contenenti una quantità di glutine decisamente bassa, attestata da indagine di laboratorio, che, pur permettendo la panificazione (e ciò le rende materia valida per la consacrazione), non rende le ostie nocive alla salute dei celiaci».

      https://www.avvenire.it/chiesa/pagine/la-comunione-ai-celiaci

      Elimina
    4. @ Anonimo17 luglio 2017 19:28

      Ammazza che modernista! Da dove viene lei dal Centro di Ascolto di Enzo Bianchi?

      Elimina
  2. In caso di mancanza della tradizionale ostia, è possibile consacrare pane "comune"?

    RispondiElimina
  3. Il problema per i celiaci è reale purtroppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sarebbe più semplice, per coloro che non possono prendere parte all'Eucaristia nemmeno con le ostie con poco glutine, comunicarsi col Vino anziché col Pane?

      Elimina
    2. Non sarebbe più semplice, per coloro che non possono prendere parte all'Eucaristia nemmeno con le ostie con poco glutine, comunicarsi col Vino anziché col Pane?

      Elimina
    3. Esiste la "comunione spirituale", molto meglio che di un rito di consacrazione invalido!

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.