lunedì 18 marzo 2013

Liturgia e crisi ecclesiale

 Liturgia e crisi ecclesiale
di Lorenzo Bertocchi, 
da Libertà e Persona del 15.03.2013


In questi giorni così importanti per la vita della Chiesa, nel momento in cui viene eletto un nuovo Papa, può essere utile ricordare qualcosa di questi ultimi otto anni vissuti accanto a Benedetto XVI.
Questo perchè – è stato lo stesso Benedetto XVI a insegnarcelo – il rinnovamento, la riforma, deve avvenire nella continuità, perciò, per evitare che il gran chiasso mediatico di questi giorni lo faccia dimenticare, è interessante riflettere su alcuni passaggi del magistero del predecessore di Papa Francesco.
Certamente uno dei più importanti insegnamenti di Benedetto XVI riguarda la necessità di un maggiore senso del sacro, sviluppato attraverso una forte coscienza liturgica. Questo insegnamento risale già ai tempi dell’allora Cardinale Ratzinger quando, nel volume “La mia vita”, scriveva queste parole che adesso, chissà perchè, rischiano di cadere nel dimenticatoio: “quando la liturgia è qualcosa che ciascuno si fa da sé, allora non ci dona più quella che è la sua vera qualità: l’incontro con il mistero, che non è un nostro prodotto, ma la nostra origine e la sorgente della nostra vita. Per la vita della Chiesa è drammaticamente urgente un rinnovamento della coscienza liturgica (…) Sono convinto che la crisi ecclesiale in cui oggi ci troviamo dipende in gran parte dal crollo della liturgia”.
A partire da questa forte considerazione abbiamo visto crescere in questi anni una certa attenzione alla liturgia che, senza scomodare la “messa di S.Pio V”, ha indubbiamente interessato molti sacerdoti e fedeli nella loro pratica di fede. Credo di poter dire che un traguardo è stato raggiunto: gli abusi liturgici sono intollerabili, non tanto e soltanto per questioni estetiche, o preferenze da addetti ai lavori, quanto piuttosto perchè il culto pubblico che dobbiamo a Dio, e la forma corretta con cui rendiamo questo culto, sono un fatto sostanziale per la vita dell’uomo.
Nella sua opera “Introduzione allo spirito della liturgia” il Cardinale Ratizinger scriveva, con parole inequivocabili, che “il diritto e la morale non stanno insieme se non sono ancorati nel centro litugico e non traggono da esso ispirazione”. Solo se il rapporto con Dio è giusto anche tutte le altre relazioni dell’uomo possono funzionare: “la giusta modalità del culto è costitutiva per la giusta esistenza umana nel mondo”. In altre parole dobbiamo dire che anche la riforma morale della Chiesa passa attraverso i diritti riconosciuti a Dio, ossia la giusta adorazione a Lui dovuta.
La liturgia – il giusto modo di adorare Dio – aggiungeva Ratzinger “implica una qualche forma di istituzione, la liturgia “non può trarre origine nella nostra fantasia, dalla nostra creatività, altrimenti rimarrebbe un grido nel buio o una semplice autoconferma”. Egli inoltre richiamava il pericolo di liturgie in cui tutto “è apparentemente in ordine e presumibilmente anche il rituale procede secondo le prescrizioni”, ma si assiste ad un “abbassamento di Dio alle nostre dimensioni”, arrivando di fatto a servirsi di Dio secondo il proprio bisogno e così ci “si pone sopra di Lui”.
Da qui la denuncia di culti sciatti, pauperistici, con danze e canti fuori luogo, carnevalate di ogni genere, prive di quel senso del sacro che è fondamentale per il giusto culto a Dio. Per questo il Santo Padre Benedetto XVI aveva introdotto nella sua prassi liturgica alcuni accorgimenti importanti per educare ad un autentico senso del sacro: il ritorno del Crocifisso e delle sette candele sull’altare, il situarsi nelle Sue celebrazioni verso il Crocifisso, il reimpiego dei paramenti liturgici antichi romani, l’abbandono quasi totale delle danze e delle attività non liturgiche nelle celebrazioni, l’uso frequente e più intenso del latino e del canto gregoriano e, cosa assai significativa, il ricevere la Santa Comunione sulla lingua e in ginocchio.
Se resta vera l’analisi che fece l’allora Card. Ratzinger – “sono convinto che la crisi ecclesiale dipende in gran parte dal crollo della liturgia" – c’è da augurarsi che Papa Francesco sappia attingere a piene mani all’insegnamento di Benedetto XVI, attuando così quella riforma nella continuità più volte richiamata dal suo predecessore. Questo, come abbiamo visto, porterà frutti anche per quella riforma morale della Chiesa che tutti si attendono e che altrimenti rischia di rimanere semplice moralismo.

170 commenti:

  1. "qui la denuncia di culti sciatti, pauperistici, con danze e canti fuori luogo, carnevalate di ogni genere,prive di quel senso del sacro"........ E conseguente approvazione neocatecumenale.

    RispondiElimina
  2. Concediamo pure, in ipotesi (tutta da verificare e con importanti eccezioni), che prima del Concilio ci fosse poca educazione liturgica. Adesso c'è maleducazione liturgica. Dov'è il progresso ?

    RispondiElimina
  3. Mi permetto di scrivere anche qui una risposta data poco fa a un signore che diceva che non si deve fare critica sul papa e bisogna accettare tutto solo perchè è il papa. Credo che la mentalità di quelli come lui che lega voi occidentali a un degrado spirituale (che si estende anche a livello culturale, demografico,artistico) Ecco io ve lo inoltro poi vi inoltro anche la lettera aperta che ho scritto ieri.

    Esiste il vero rispetto per la Cattedra di Pietro che è una cosa, poi esiste l'adorazione ad ogni costo che non è comportamento cristiano. Nella storia ci sono stati antipapi, uomini che non facevano gli interessi di Dio ma i loro, massoni, alcuni magari anche votati al demonio e di loro non so quanti pentiti. Allora per questo idolatriamo loro? No! Chiaro che Dio ha fatto e sa fare del male un bene più grande, ma a volte abbiamo pagato tutti questo sistema di persone accecate che idolatravano la persona solo perché era papa, o era Vescovo. No! Bisogna essere prudenti. La prudenza è cristiana e poi il rispetto è vissuto con l'intelligenza che Dio ci dà. Che cosa vi hanno insegnato a voi in occidente al Catechismo negli ultimi anni? Io lo so: a "rispettare lo straniero" alla "pace" (intesa più come falso pacifismo di sinistra, pacifismo ideologico da buttare nel pattume perchè distruttivo). Vi hanno fatto il lavaggio del cervello con le ideologie nascoste sotto forma di "verità cristiane". Il diavolo certo è stato molto astuto a plagiare gli occidentali.

    Quindi attenzione, rispetto per la Cattedra di Pietro e la missione, ma un papa si può anche ammonire, persone singole o il popolo cristiano può lanciare la voce e ammonire, con rispetto ma ammonire, esortare. Ci sono stati papi scomunicati, durante la loro vita e scomunicati anche dopo la loro morte. L'ignoranza fa parlare molti di voi che portate a distruggere la Chiesa occidentale e abbassate la qualità della spiritualità bimillenaria cristiana. Io sono solidale con i cattolici che cercano la Verità e sono severo con chi cerca di nasconderla o sfigurarla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna accettare tutto solo perchè è il papa? Santa Caterina non la pensava allo stesso modo.

      Elimina
    2. Ma no, certo che le critiche si possono avanzare, quando sono fondate, serie, amorevoli, motivate da fede sincera. Se però significano tacciare di antipapa massone un Pontefice perché ha inserito la stella di Maria nel suo stemma...

      Elimina
    3. Bravo, ma questi vedono segni massoni anche nella forma che prendono gli spaghetti cotti, stile quelli che interpretano le foglie di te.

      Elimina
    4. Vedono massoni ovunque sì. E' frutto di una certa abitudine. Sono percorsi mentali ripetuti mille volte, fino a diventare automatismi. Dovrebbero meditare "L'influence de l'habitude sur la faculté de penser" di Maine de Biran. Povere anime, non vivono troppo bene. Spiace.

      Elimina
    5. Ottimo suggerimento, ma non lo leggeranno mai. Io le suggerisco caldamente "The power of habit" di Duhigg. Veramente un bel libro

      Elimina
    6. Mi sa che oltre a un par di bigini del sillabo e a una versione per infanti del Catechismo di san Pio X lo psicotradizionalista non legga. I tradizonalisti seri sono un'altra faccenda.

      Elimina
    7. x Sergio: Io non ho detto che bisogna accettare tutto perchè è il papa, se avessi letto bene ho detto l'incontrario. Ho detto l'incontrario, non bisogna avere falsa adorazione cieca ma vero discernimento cristiano e il temperamento che sa ammonire.

      x Anonimo Chi ha detto che la stella sulla stemma di papa Francesco sia massonica? Io ho detto nulla riguardo a papa Francesco, sono prudente e aspetto. Ho parlato della storia della Chiesa, non fate le persone scorrette a mettere in bocca parole agli altri solo per farvi belli, usate le argomentazioni serie.

      Elimina
  4. Io sarei curioso di sapere cosa ne pensa Papa Francesco sugli insegnamenti di Papa Benedetto XVI riguardanti la liturgia.
    Marco

    RispondiElimina
  5. O bispo de Roma, quando era cardeal de BS AS, agiu com máxima astúcia por acasião de Summorum Pontificum. Nomeou um padre inimigo da missa tradicional para dizê-la aos fiéis que a tinham pedido.
    O padre criticava a liturgia tradicional durante os sermões e desprezava os fiéis presentes á missa.
    Eis o que pensa o bispo Bergoglio de Roma sobre as idéias litúrgicas de Ratzinger. Ele é um "furbo" como dizem os portenhos.
    Roma agora está nas mãos de um antigo cardeal camaleão, ambicioso,que, por índole, é um peronista, um homem de centro esquerda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A spagnò, so du giorni che se stai a trita li maroni co st'aneddoti der cardinal Bergojo 'n Argentina! Te l'esperienza l'hai fatta? E lassace fa' l'esperienza anch'a noi! Mo' vediamo e poi te sappiamo di' com'è annata. Te vva bene? Sinnò, me spiace tanto, ma nun ce sta molto da ddi' tra tte e noi. Semo ggente seria, lo capisci vero?

      Elimina
    2. E' portoghese, non spagnolo.

      Elimina
  6. Dove hai trovato queste notizie,amico portugues?

    RispondiElimina
  7. Alcuni informazzioni si trovano nel giornale O Estado de S. Paulo de hieri. C'e una grande materia di un sociologo portegno su questo argomento. Altri informazione c'e l'ho tramite alcuni amici di fiducia a Buenos Aires.

    RispondiElimina
  8. Non ho parole. Da quanto leggiamo nel post sopra torna la mozzetta, c'è Palestrina, si legge il Vangelo in greco (cioè, facciamo sommessamente notare, nella lingua in cui è scritto: se non è sacra quella!). E qui so sono spesi fiumi di parole indignate contro il Pontefice accusandolo preventivamente di essere un modernista, un massone, un antiratzingeriano, di avere mandato a monte la restaurazione di Benedetto XVI, si sono lette malignità su malignità, a partire dai post incontinenti, traboccanti antipatia per Francesco I, colpevole di avere pronunciato note bestemmie come "buonasera" e "buongiorno", di avere conservato la mitria scelta da Benedetto XVI, di avere leso la maestà di Guido Marini rifiutando la mozzetta per presentarsi al balcone di Piazza San Pietro, di avere ricordato che la Croce di salva e che ogni cristiano è chiamato a portarne una parte, ecc. ecc. Ricordo un altro cui furono rinfacciate, davanti a un certo sinedrio di giudei, una serie di malefatte non troppo dissimili. Anche in quel caso ci fu chi si stracciò le vesti, chi gridò alla blasfemia, chi invocò la morte del reo. Gli uomini non cambiano proprio mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non scordare il gravissimo "buon pranzo", chiaro insulto a duemila anni di tradizione.

      Elimina
    2. Siamo in Quaresima ma il papa francesco ha pranzato oggi con la Kirchner, presidente dell'argentina e sostenitrice dei matrimoni omosessuali e pro-aborto.
      Il papa francesco felicissimo ha persino baciato la Kirchner la quale radiosa ha detto che è stata la prima volta che un papa l'ha baciata!

      Elimina
    3. Ha pranzato con lei, pro-aborto e pro-omosessuali, in barba al digiuno quaresimale.

      Elimina
    4. Qual'era il menù?

      Elimina
    5. Pensa che roba. Anche quel tizio mangiava con i peccatori. Che forse sia stato giusto eliminarlo?

      Elimina
    6. E adesso anche questa farisaica osservazione sul pranzo con la peccatrice... Ma veramente gli uomini non cambiano mai. Che filisteismo!

      Elimina
    7. Ha pranzato con lei, pro-aborto e pro-omosessuali, in barba al digiuno quaresimale.
      Faccio presente, anche se mi rendo conto che si tratta di un distinguo di Lana cAPRINA(o un bizantinismo da spaccare il capello in 44), che Madame Kirchner, non è pro-aborto e pro-gay. Verso queste situazioni ha un approccio, per così dire "istituzionale", tipo quello della Rosy Bindi.
      Ovvero che lei ed il partito peronista di cui è esponente sono contrari, ma se il parlamento decide diversamente applicherà le leggi anche se non le condivide.
      Ciò non ne riduce le eventuali responsabilità di fronte a Dio ed alla storia, ma, se mai , le aumenta. Premesso ciò, se, in materia socio-economico e di difesa degli interessi e del prestigio nazionale, può dare lezioni ad ogni goverante europeo.

      Elimina
    8. scusate ma forse avete i c... al posto della testa.
      mi viene difficile ma molto difficile capire come è "fatta" la vostra fede.
      quante c....te state dicendo...............................

      Elimina
  9. APPELLO
    A QUALCHE SACERDOTE, LITURGISTA,
    O QUALCHE STUDIOSO DI SIMBOLI PONTIFICI
    DI BUONA VOLONTA'!

    Carissimi amici che condividete il sincero amore per il Pontificato Romano e per la Sede del Vicario di Cristo in terra,
    mai in vita mia (non lunghissima ancora) avrei pensato di vedere così strapazzati i millenari simboli che accompagnano da secoli e secoli la figura del Papa in Roma.

    Si è arrivati veramente al colmo: il Pontefice neoeletto che SI RIFIUTA ESPLICITAMENTE DI INDOSSARE LA MOZZETTA ROSSA propria del Pontefice Romano!

    E non è cosa di poco conto, perché i simboli di questa venerabile Tradizione conservano un loro significato di primaria importanza, senza bisogno di ulteriori precisazioni, per chi agisce e pensa in buona fede e senza odio inconscio per la Roma Cattolica.

    E fra l'altro, la Mozzetta non c'entra assolutamente nulla con la necessità di operare in favore della "Chiesa dei Poveri".
    Basterebbe leggere la biografia di Papa San PIO X per conoscere ed apprezzare una vita completamente dedita alla povertà personale ed alla carità immensa per il prossimo.
    Qualcuno potrebbe ricordare ai neomodernisti, ad esempio, l'impegno di Papa Sarto per gli orfani del terremoto di Messina e Reggio Calabria, o il testamento di Pio X, in cui scrive:
    <>.

    Non voglio fare una predica noiosa, voglio soltanto lanciare un piccolo appello.

    In questi giorni, con mia profonda amarezza, ho avuto modo di sentire decine e decine di cattolici anche vicini alla Tradizione che cercavano di minimizzare questo fatto che resta assolutamente grave, davvero grave, perché non si parlava di "pizzi e merletti", ma di UN INDUMENTO PROPRIO DEL PAPA, CHE QUESTI NON HA VOLUTO INDOSSARE!

    Con grande giubilo dei nemici di sempre della Chiesa, che hanno percepito bene, molto bene, questo atto non di umiltà, ma di UMILIAZIONE PER LA CHIESA CATTOLICA.

    Come porsi di fronte a questo rifiuto sconcertante?

    A mio avviso, ci sarebbe necessità assoluta di un'anima caritatevole, già versata in queste materie che potesse redigere un PICCOLO STUDIO SUL SIGNIFICATO DEI SIMBOLI PROPRI DEL PONTEFICE ROMANO, cioè una piccola pubblicazione da offrire, in larga diffusione, che spieghi le ragioni di un attaccamento a simboli venerandi che NON SONO UNA RELIQUIA DEL PASSATO, ma costituiscono un segno vivo e concreto della grandezza e della nobiltà del Pontificato Romano.

    Mi dispiace dirlo, purtroppo io non sono all'altezza e non ho la necessaria specifica preparazione: per questo spero che al di là delle tante parole di questi giorni, qualcuno di buona volontà compia questo servizio per amore della Santa Chiesa e del Papa e si faccia carico di questa bella iniziativa.

    Grazie
    Stefano Gizzi, Ceccano (Fr)
    stefanogizzi@alice.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figluolo, leggi il post successivo, sul ritorno della mozzetta.

      Elimina
    2. Grande Stefano Gizzi!!! hai ragionissima
      così qualcuno magari potrà capire che non si tratta di leziosità...

      Elimina
    3. I Pontefici in bianco e rosso

      di Stefano Sanchirico
      Cerimoniere pontificio


      http://www.vatican.va/news_services/or/or_quo/cultura/2010/159q08a1.html

      Perché le scarpe del Papa sono Rosse?
      il significato simbolico è molto profondo. Il rosso è il simbolo della gloria del martirio, evoca il rosso del sangue, come i paramenti che si usano nelle celebrazioni di feste dei Martiri. Il martirio è testimonianza della Fede. San Pietro,il primo Pontefice, è stato un martire e il Papa è il primo dei testimoni della Fede.

      Elimina
  10. Egregi Signori,

    credo che in molti, da domani in poi, dovranno dire qualcosa di diverso da quello che hanno detto fino ad ora.

    In primo luogo certi media che si aspettano da Francesco cambiamenti epocali, come l'accettazione dei matrimoni gay ed eutanasia. Subito dovranno invece accettare che il Magistero è sempre quello immutabile. Semmai cambiano le forme.

    In secondo luogo i cosiddetti tradizionalisti, da domani troveranno il Papa, che indosserà il palio e l'anello piscatorio (anche se non d'oro).

    A tutti voglio ricordare che:

    Il Santo Padre Francesco, secondo me, ha dettato la sua linea guida per tutti, sintetizzabile in tre quadri:

    Il Fine:

    Camminare verso il Signore, Edificare il Suo Regno, Confessare che Lui è il Signore. Alla luce della Croce. Senza relegare Dio nell'aldilà, ma mettendolo nel di quà, nella vita di ognuno, nella quotidianità di ciascuno;

    Il Mezzo:

    Nell'assoluta essenzialità del messaggio di Cristo Crocifisso. Con una Chiesa (laici e clero) che abbia come assoluta priorità l'evangelizzazione e la testimonianza. Ance in collaborazione con le altre Chiese, purché si cammini, si edifichi e si confessi Cristo.

    Nella Misericordia, e nell'accoglienza per tutti, per i peccatori, ma anche per coloro che non credono in Cristo o che lo avversano.

    Se noi cattolici per primi riusciremo a capire e a vivere questi valori, potremo, con l'aiuto della Spirito Santo, a rievangelizzare il mondo, camminando verso Cristo, edificando il Suo Regno, confessando che Lui è il Signore.

    La sobrietà e l'essenzialità della liturgia, la moderazione del vestire personale e dei costumi, esalta proprio questi concetti appena accennati.

    Ricordiamoci che comunque resta un gesuita (arroccato al Magistero) che ha assunto il nome di Francesco (arroccato alla povertà e alla sobrietà), che sono le due vere anime della Chiesa di Nostro Signore.

    Saluti a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'anello piscatorio (anche se non d'oro).

      Si è detto altrove, e vale la pena di ricordarlo ancora, che spesso l'anello piscatorio è stato in antiquo non in oro massiccio, ma, per esempio, in bronzo dorato. Dunque, anche a volerla cercare con il lanternino, non c'è alcuna infrazione della tradizione (a quanto se ne sa octosecolare, ma non per questo meno venerabile).

      Elimina
    2. Scusate pallio con due l.

      Elimina
  11. Se è vero com'è vero che il buongiorno si vede dal mattino, questi eventuali rimedi in extremis sono ridicoli. Non sono problemi le mozzette, anelli o orecchini, ma ci son problemi di teologia anti-primato petrino, pauperismo, sciatteria, ipocrisia. Ogni gesto del Papa sarà l'occasione per tanti preti sessantottini, inferociti da 8 anni di ratzinger, per distruggere la liturgia, ridurre le parrocchie a delle stalle, distruggere tutto quanto di buono si è fatto in questi anni e soprattutto distruggere chi ancora continuerà a usare con dignità la talare e celebrare come la Chiesa vuole. Questo in fin dei conti è l'unico tipo di povertà che tanti preti recepiranno: distruzione della liturgia... e tutti ben sappiamo: lex orandi, lex credendi. Dubito che per tanti confratelli povertà voglia dire privarsi del superfluo, magari della settimana bianca, della crocera, dell'iphon o chissà quale altra diavoleria moderna. I teologi e gli ecumenisti, (penso per esempio al mio ex prof di ecclesiologia), hanno ormai esaurito le lacrime per la commozione dopo aver sentito la famosa frase di ignaziana memoria "la chiesa di roma presiede nella carità tutte le chiese", a cui oggi viene attribuito tutto un altro significato, ossia sminuire il ruolo del Papa. I superiori dei seminari potranno prendersi le loro rivincite, perchè saranno loro ora ad appellarsi all'esempio del Papa. Ci sarà carità e misericordia per tutti, una grande amnistia per nostalgici di anni che sembravano lontani, anni del rigido inverno, ma non per i tradizionalisti. Ormai stiamo realmente tornando indietro. Tornerà a realizzarsi quella situazione che ben descriveva il Papa emerito nella lettera indirizzato ai vescovi (in particolare a quelli che in queste ore son ridiventati papisti!) dopo la remissione delle scomuniche nel 2009:"A volte si ha l’impressione che la nostra società abbia bisogno di un gruppo almeno, al quale non riservare alcuna tolleranza; contro il quale poter tranquillamente scagliarsi con odio"... speriamo ci sia ancora posto per tutti nella Chiesa, soprattutto per chi si è "illuso" sotto il precedente pontificato ed ora magari, in nome del dialogo, dell'amore e della misericordia, rischia persecuzioni e ritorsioni da parte di chi ora può invocare il Papa come esempio! Nella mia diocesi ormai l'intellighenzia modernista si sta già armando... Un parroco sconfortato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attenzione con la parola "Misericordia", Francesco ha fatto ben notare che per ottenere la Misericordia di Dio bisogna confessare il peccato.

      " Eh!, fratelli e sorelle, il volto di Dio è quello di un padre misericordioso, che sempre ha pazienza. Avete pensato voi alla pazienza di Dio, la pazienza che lui ha con ciascuno di noi? Quella è la sua misericordia. Sempre ha pazienza, pazienza con noi, ci comprende, ci attende, non si stanca di perdonarci se sappiamo tornare a lui con il cuore contrito. “Grande è la misericordia del Signore”, dice il Salmo."

      Attenti a non confondere un Gesuita con Mancuso, e farvi condizionare da certi media.

      Elimina
    2. Esattamente. Tra il perdonismo a gogò e la corretta concezione cristiana del perdono c'è per lo meno questa cruciale differenza: il peccatore chiede perdono con cuore sincero; solo a quel punto è perdonato. L'Angelus di Papa Francesco, se non si fosse capito, era fra l'altro un'esortazione a giovarsi del sacramento della Confessione. E non è forse un caso che alla sua prima uscita il nuovo papa si sia recato a pregare Maria, che per noi intercede, e a parlare con i padri confessori di S. Maria Maggiore.

      Elimina
    3. Se aver creduto nella riforma di papa Benedetto è un peccato, difficilmente riuscirò a confessarmene. Per il resto nessuna confusione o condizionamento, io sono ex alunno dei gesuiti

      Elimina
    4. Relegare l'azione di Benedetto XVI alla sola (non) riforma liturgica non fa onore né a lui né alla Spirito Santo. Benedetto ha redatto il "Catechismo della Chiesa Cattolica" (sebbene promulgato da Giovanni Paolo II), ha realizzato il Compendio. Il Catechismo e il Compendio sono le opere che oggi consentono ai credenti una salda direzione spirituale. Inoltre non possiamo scordare una delle più belle encicliche mai emanate: "Deus Caritas Est" che ha hanno permesso a molti di innamorarsi di Cristo, e non ultimi i due testi di cristologia quali "Gesù di Nazaret".

      Negli ultimi otto anni alla Chiesa è servito Benedetto, oggi lo Spirito Santo ci dona Francesco, che addirittura non è assolutamente solo perché può parlare anche con Benedetto.

      Accettare i Doni dello Spirito Santo è questione di Fede al di la della ragione.

      Elimina
    5. Ho parlato di sola liturgia perchè è la cosa più evidente. Il Catechismo e il Compendio i nemici della tradizione non sanno cosa siano, ancora meno le Encicliche. Cerchiamo di stare con i piedi per terra. Io sono il primo, in quanto parroco, a curare anche la dottrina, l'associazionismo, ecc... Io ho cercato solo di descrivere la realtà vista e vissuta in queste poche ore. Che il papa abbia fatto dei gesti abbastanza visibili con estrema leggerezza l'abbiamo visto tutti. Siamo meno hegeliani e più realisti, su!

      Elimina
    6. Aspetti domani mattino e poi, sono sicuro, che la sua opinione cambierà. Francesco non ha ancora "fatto" una celebrazione propriamente liturgica, se rivede le immagini della loggia avrà notato che al momento della benedizione ha indossato, anzi, ha chiesto la stola.
      Comunque la mia è solo un'opinione, sicuramente lei da prete, magari riesce a guardare qualcosa in più di me.

      Elimina
  12. Se resta vera l’analisi che fece l’allora Card. Ratzinger – “sono convinto che la crisi ecclesiale dipende in gran parte dal crollo della liturgia"

    Credo che resti più vera che mai. E mi auguro che Papa Francesco sappia farne tesoro. Se così sarà, portemo dirlo solo tra qualche tempo (non settimane, e nemmeno mesi).

    RispondiElimina
  13. TRADIZIONALISTA18 marzo 2013 22:51

    I criptosedevecantisti che impestano le Diocesi e che spesso sono stati fra i promotori dei gruppi organizzatori delle Messe dell'indulto (o che in un secondo momento si sono infiltrati in gruppi organizzati in buona fede per impetsarli con l'eresia sedevacantista) hanno ormai perso ogni remora e si comportano come dei veri "energumeni" posseduti come dimostrano i commenti diffamatori nei confronti del Pontefice romano in carica.
    Le Messe dell'indulto si salveranno solo e soltanto se saranno sciolti i gruppi organizzatori delle suddette (nati male o corrotti da infiltrazioni acattoliche col tempo) e dell'organizzazione delle suddette si occupino direttamente i sacerdoti con l'aiuto di diaconi e membri del clero di strettissima fiducia e fedeltà al Papa.
    Da ex organizzatore di Messe dell'indulto allontanatomi dopo avere preso atto dell'infiltrazione massiccia del mondo indultista da parte dei gallicani (soprattutto sedevacantisti ma anche lefebvriani dipende dalle città) dico di comprendere benissimo la diffidenza dei parroci e in generale dei fedeli nei nostri confronti a causa della fama che ci siamo cuciti addosso grazie agli intrighi dei criptosedevacantisti, perniciosi come i marrani e falsi come giuda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Simò, ancora che rompi er ca..o pure a st'ora?
      Basta l'avemo capito che Lefevre t'ha fatto un b... de c... grosso come na capanna.
      Ma che te dovemo fa noi? E' morto più de vent'anni fa, ma nun te fai schifo?
      Qui l'argomento è un'altro, li leggi l'articoli prima de scrive?

      Elimina
    2. Essendo parte di un gruppo promotore delle Messe da Summorum Pontificum (non da indulto, che è cosa diversa, o ignorante che non sei altro), posso attestare che i criptosedevacantisti di cui parli esistono soprattutto nella tua fantasia. Che tra le persone che vengono alla nostra messa o a quelle di molti altri gruppi ci siano anche anime confuse non si può escludere, né si può escludere che qua e là alberghino anche all'interno di un gruppo promotore: accade anche nelle messe in Novus Ordo. Ma generalizzare come fai tu, è stoltizia. E te lo dice uno che i gallicani, i marrani falsi e gli esaltati perniciosi li manderebbe tutti a costituire comunità stabile nell'isola di Sant'Elena.

      Elimina
    3. Io sono il primo di cui sopra. Non ho in parrocchia nessun gruppo stabile, anzi ho cacciato gente di altre parrocchie che criticava il proprio parroco, e ho negato la comunione a laici che giocavano con messali e mi parlavano di rubriche, ecc... Io lavoro con le anime normali, con la gente che il Signore mi ha affidato senza andare a cercare chissà chi. Sopra (22.02), parlavo di tradizione vissuta nella normalità, non di gruppi di malati feticisti. PARROCCHIANI NORMALI, che ora apprezzano la Messa antica, l'altare coram Deo, comunione in gionocchio, ecc... Nessun discredito sul Pontefice, ma il linguaggio non verbale spesso è più eloquente.

      Elimina
  14. A regà, e damose na carmata!
    Domani c'è la Messa, poi se pensa.

    RispondiElimina
  15. Loro pensano che la sede sia vacante... invece è solo la loro testa ad essere vacante.

    RispondiElimina
  16. Italiani sempre falsi e traditori...gente da nulla tenetevi l'Argentina fallita in fondo siete simili!

    RispondiElimina
  17. Messa tradizionale celebrata dal Cardinale Bergoglio in Argentina
    http://www.associazionelatorre.com/2013/03/stralci-di-messa-tradizionalista-del-cardinale-bergoglio/
    http://sanctorumangelorum.blogspot.com

    RispondiElimina
  18. Buongiorno, sono Sorpresa da Reggio, seguo sempre il vostro blog e anche se non posto mai commenti vi devo dire una cosa importante; non scriverò più ma mi farà piacere se mi risponderete.
    Date troppo corda ai troll, quelli che dicono il mio papa è Benedetto e aridatece Benedetto, qualcuno si convince e risponde si, aridatemelo pure a me.
    Benedetto ha regolarmente rinunciato, non è più un papa e non è un antipapa; ora c'è Francesco che è un papa e non un antipapa, e tutto il resto è trollismo.
    Non l'avete capito che i troll si divertono a farvi ripetere le cose che scrivono loro?
    Non c'entra niente la messa in latino, il papa c'è e basta.
    Mettere in campo l'argomento mozzetta si mozzetta no, anello di argento e anello di rame, tutto questo non c'entra niente, il papa c'è, non fate il gioco dei troll, ciao.

    RispondiElimina
  19. Sorpresa da Reggio segue
    Mi raccomando soprattutto alla redazione per quello che ho detto nell'ultimo post.
    Non scriverò più, se qualcuno mi ruba il nik censuratelo ciao.

    RispondiElimina
  20. Enrico continua a mentire sapendo di mentire. Si sapeva da subito che i frati avrebbero SOLO aiutato Mons. Marini, eppure ne ha approfittato per infangare Papa Francesco e le sue prime decisioni! E ora continua a perseverare in questa posizione che non fa che ricoprirla di spregevole iniquità!

    RispondiElimina
  21. don Camillo,don Camillo che questo sito faccia schifo è chiaro, da che mondo e mondo prima del concilio i laici non potevano parlare di liturgia, messali, ecc... Oggi, grazie a Lumen Gentium, tutto è possibile e ne vediamo i risultati: feticisti e sedicenti tradizionalisti a cui i preti servono solo per garantire la transustaziazione, frustrati, con gravi squilibri affettivi. E' per questo che nella mia parrocchia le porte son chiuse hai così detti gruppi stabili o simili. Tu però, caro prevosto di Bresciello, sei un pò troppo ottimista... Ne riparleremo, chissà magari al nostro consueto incontro mensile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo 10:04, che io non sia amico di questo sito è noto e arcinoto tu scrivi :"Oggi, grazie a Lumen Gentium, tutto è possibile e ne vediamo i risultati: feticisti e sedicenti tradizionalisti a cui i preti servono solo per garantire la transustaziazione, frustrati, con gravi squilibri affettivi." Ed io ti dico che non è colpa di LG, e quindi dei fedeli, ma colpa è dei sacerdoti piuttosto che favoriscono questo genere di gente. Il MP ha aperto i tombini di preti che magari abbiamo conosciuto in seminario, che han fatto del pizzo, dell'incenso, delle casule, pianete e delle mossette sull'altare il loro principio di esistenza completamente lontani da alcuna riflessione sulla CRISI e sulle ambiguità della Fede che oggi viviamo. La mia parrocchia però non la chiudo a nessuno. Ma sì ne riparleremo ai nostri incontri sacerdotali. Buona festa di San Giuseppe.

      Elimina
  22. Ricordate? Non fuggirò davanti ai lupi e invece siamo stati pugnalati e abbandonati tra i lupi.
    Ho smesso di credere nella bontà e fedeltà degli esseri umani.
    Il mondo? è solo un conato di vomito.
    Da oggi in poi il mio motto sarà Perdono e oblio.Se non avesse compiuto quella inaudita e scandalosa rinuncia Benedetto XVI sarebbe stao ricordato come il Grande e il Fedele invece mi sa tanto che sarà ricordato come colui che fece il gran rifiuto...si troverà in compagnia di Celestino V!

    RispondiElimina
  23. ...e dopo un atto di vigliaccheria così palese, non potevamo certo attenderci di meglio... papa Francesco, l'ideologo della banalità

    RispondiElimina
  24. ahimè..... quanti incoscienti e beati ignoranti non si rendono conto dell'importanza di certi vestimenti e segni esteriori che hanno un altissimo valore simbolico, di lunga e veneranda TRADIZIONE, quale la mozzetta rossa che si riferisce al Sangue Preziosissimo di Gesù versato nella Passione, e che nessun papa aveva rifiutato con quei discorsi sprezzanti con cui ha umiliato mons. Marini la sera del 13-3-2013 !
    infatti,
    se è vero che (come riportato qui sopra)
    ....Da qui la denuncia di culti sciatti, pauperistici, con danze e canti fuori luogo, carnevalate di ogni genere,
    che per anni si è dato libero sfogo alle carnevalate, come si è permesso il neo-papa di chiamare "carnevalate" le sacre insegne pontificali, che rendono omaggio non a lui, uomo, ma a Colui che dovrebbe (se si chiamasse Vicario, ma non vuole.....) rappresentare, cioè Nostro Signore che in quel rosso-sangue della mozzetta gli è ricordato,a ffinchè lo segua sulla Via della Croce Redentrice, conducendo il Corpo Mistico su quella stessa Via di Redenzione ?

    RispondiElimina
  25. bendatevi pure gli occhi se volete....
    tanto ormai assisteremo al trionfo mondiale dell'IGNORANZA, che chiama a regnare la Menzogna, intronizzata nelle coscienze dai grandi pifferai di ogni risma, che incantano i gonzi con vetrini luccicanti, promesse di felicità di QUESTA TERRA, UNIVERSALE AMORE che deve seppellire la Carità= Amore teologale a Cristo e solo per/conc/in LUI, alle anime !

    tutti imambolati al seguito delle "magnifiche sorti e progressive di una chiesa rinnovata= ridotta a bella facciata" che nasconde solo MACERIE dell'antica Liturgia-Fede-Dottrina e vita morale di SANTI, PADRI, VERGINI E MARTIRI di 2000 anni di storia.....tutto obliato in nome delle GRANDI NOVITA' (per i gonzi) conciliarv2iste !

    andate pure al seguito dei pifferai di belle novità distruttive dei DOGMI E DELLA DOTTRINA PERENNE DI NSGC...andate pure !
    chissà perchè, ma questo OSANNA mondial-fraterno-pentecatto-carismatico al grande RINNOVATORE, questo applauso di masse cieche e ottuse m i ricorda tanto ciò che accadde nei secc. I-III d.C.
    le varie FORME della

    APOKOLOKYNTOSIS DIVI ********(mettete il nome di qualsiasi divo osannato, anche Cannavaro santo-subito vanno bene tutti i DIVI delle folle di piazza in t utto l'orbe ex-cattolico....qualunque VIP civile o ecclesiastico fa lo stesso!)
    (===> gr. "zucchificazione x APOTEOSI".....)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. corrige:

      Carità=
      Amore teologale a Cristo e solo per/CON/in LUI, alle anime !

      Elimina
  26. chi segue la Messa ha visto:
    niente mozzetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che c'entra la mozzetta con la messa?

      Elimina
    2. legga spiegazioni nei commenti sopra

      ieri 21: 51

      otti 10:17

      ma per i ciechi volontari non c'è niente da fare
      sono artisti nel negare l'evidenza, come ai tempi di Gesù....

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Caro, a messa la mozzetta non si indossa. Trovami una foto di Papa Benedetto che ha la mozzetta mentre celebra e vedrai che non la troverai. Se dovesse indossarla, la indosserà alla cerimonia di obbedienza.

      Elimina
    5. La mozzetta non si è vista neanche dopo la messa. Niente.

      Elimina
  27. Parte 1. Appello al capo del Vaticano


    Leopoli (Ucraina), 16 marzo 2013

    Santo Padre Francesco I

    Città del Vaticano

    Santo Padre Francesco,

    se vuole o no, Lei sta davanti al fatto che la Chiesa Cattolica, con il gesto d’Assisi e la beatificazione di Giovanni Paolo II, ha cambiato il suo insegnamento e ha accolto un vangelo diverso da quello che aveva predicato San Paolo Apostolo e tutti Santi Apostoli. Si tratta di sincretismo con le religioni pagane. Giovanni Paolo II salvo altre negazioni pubbliche del Vangelo, ha permesso ad Assisi togliere le croci nelle chiese e collocare la statua di Budda sul tabernacolo come anche venerarla come Dio! Questa è una apostasia evidente. Il suo modo di pensare apostatico ha seguito tutta la gerarchia cattolica, sacerdoti, teologi e di conseguenza loro hanno introdotto un insegnamento nuovo tra i fedeli cattolici, cioè, non è necessario più predicare Gesù Cristo come unico Dio e Salvatore. Altrettanto che per salvarsi non bisogna accogliere e credere in Cristo, perché secondo quel nuovo vangelo ogni persona si salva nella propria religione, basta che “sinceramente confessa” la propria fede. Questa è la negazione dell’insegnamento di Gesù Cristo, della sua morte redentrice sulla croce e la profanazione di milioni martiri.

    Avete perso la consapevolezza in che maniera si salva la persona. Avete rinunciato alla verità immutabile del Vangelo, cioè che la persona si giustifica e si salva per la fede salvifica in Gesù Cristo, la quale lo unisce a Lui. Questa unione con Gesù è causata da osservazione dell’insegnamento immutabile di Gesù, dei comandamenti per il pentimento continuo. In contraddizione a ciò avete creato un vangelo diverso, un Gesù diverso somigliante a Budda, Krishna, Maometto e diversi guru. Avete inventato le nuove teorie teologiche, insegnando tutti che il peccato praticamente non esiste, che l’inferno sarà vuoto, che non è necessario raggiungere la salvezza, prechè la persona non nasce nello stato di maledizione. E pure che basta essere una persona buona, membro della nostra organizzazione cattolica ecc. A causa di tutto ciò il Preside della Conferenza Episcopale Tedesca Arcivescovo Zollitsch poteva senza essere punito pronunciarsi in Venerdì Santo dicendo “Gesù non è morto per i nostri peccati, ma soltanto a causa della compassione con i poveri”. Questa è una eresia maxima che distrugge la salvezza di milioni persone. Nonostante ciò voi tutti avete taciuto!

    A questo modo di pensare sacrilego ha preparato la via in Chiesa Cattolica la Teologia storico-critica (TSC), la quale, se lo riconoscete o no, nella sua sostanza nega la divinità di Gesù Cristo, la sua resurrezione reale e storica e praticamente tutti i miracoli ed eventi di carattere sopranaturale nella Sacra Scrittura. I Suoi cardinali e teologi hanno messo la Bibbia sullo stesso livello come tutti altri cosiddetti libri sacri delle religioni pagane. Ma la Parola di Dio dice che le divinità dei pagani sono i demoni e non c’è l’unità tra Cristo e Beliar (2 Kor 6, 15). Giovanni Paolo II ha baciato il Corano e ha detto che abbiamo con i musulmani lo stesso Dio. Il Corano nega la divinità di Gesù Cristo e la Santissima Trinità. La Parola di Dio dice: “Chiunque nega il Figlio, non possiede nemmeno il Padre” (1 Gv 2, 23). Agli ebrei Gesù disse: “Se infatti non credete che io sono, morirete nei vostri peccati”(Gv 8, 24).

    RispondiElimina
  28. Parte 2

    Il 1 maggio 2011 nella ora quando è stata pronunciata cosiddetta beatificazione di Giovanni Paolo II è stato de facto, da parte della Chiesa Cattolica, affermato il nuovo insegnamento eretico con lo spirito di New Age. Il Patriarcato Cattolico Bizantino e la Chiesa Ortodossa Greco-Cattolica Ucraina si sono separati dal Vaticano nello stesso giorno e in conformità di Gal 1, 8-9 hanno pubblicato l’anatema (scomunica) di Dio a Benedetto XVI e Giovanni Paolo II, nella quale sono incorsi da soli per la negazione della essenza stessa del Vangelo. La Chiesa è costruita sugli apostoli e profeti (Ef 2, 6). Allora noi stiamo esercitando la parte di questo ufficio apostolico e profetico per la Chiesa.

    I frutti della maledizione sono stati visibili ancora prima della pubblicazione di anatema. Sul territorio d’Europa cristiana è già stato proclamato l’antidecalogo del Trattato di Lisbona con la priorità di omosessualità; questa putrefazione morale è stata accolta da USA come priorità di sua politica estera. La ideologia di genere del omosessualità distrugge tutti valori morali, spirituali e cristiani. Sottrazione dei figli da parte della giustizia minorile, la loro demoralizzazione e satanizzazione sono altrettanto i frutti di questa maledizione.

    Per la colpa di gerarchia ecclesiale, allora anche la Sua, è avvenuta l’apostasia totale di quale scrive San Paolo nella Seconda lettera ai Tessalonicesi (Ts 2,3). Gesù la ha predetta quando disse: “Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra” (Lc 18,8). La ricordiamo la parola di Gesù sull’abominio della desolazione nel luogo sacro (Mt 24,15) collegato con la profezia di Daniele (Dn 9,26-27; 11,31). Là si parla dell’abolizione del sacrificio quotidiano. Questo non si può applicare, come lo vorrebbe forse la gerarchia cattolica, cioè alla distruzione del tempio di Gerusalemme nell’anno 70 sotto il governo di imperatore Vispasiano. Dal giorno della morte di Gesù Cristo sulla croce Dio cessò il sacrificio veterotestamentario e il tempio non fu più il luogo sacro, piuttosto «la sinagoga di satana» (Ap 2,9). Il vero tempio di Dio diventò allora il Corpo di Cristo – la Chiesa. Quando Gesù parla dell’abominio della desolazione nel luogo sacro Egli parla dello spirito di anticristo. Voi, cardinali e vescovi, lo faceste entrare, piuttosto lo avete introdotto nella Chiesa, allontanando da essa lo Spirito Santo. Dunque, quando Gesù parla sulla cessazione del sacrificio quotidiano, Egli parla che Dio ha preso da voi, apostati, l’Eucaristia per la vostra apostasia.

    Gesù Cristo è la vite e noi i tralci. Senza di Lui non possiamo fare nulla. Se uno dei sacerdoti o vescovi compie i peccati moralmente gravi, ma professa la stessa fede che hanno predicato gli apostoli, sebbene rimane il tralcio morto, compie il ministero sacerdotale validamente (ex opere operato). Però se qualcuno con il gesto o con l’unità di “fede” con l’apostata accoglie un’altro vangelo e nega l’essenza del cristianesimo, allora egli non è solo un membro morto del Corpo di Cristo, ma è tolto dalla vite che è Gesù Cristo. Il suo dono del sacerdozio non si attualizza a causa di apostasia. San Basilio Magnio come anche tutta la Chiesa Orientale confessa che apostata celebra i Sacramenti invalidamente. Egli non riconosceva i Sacramenti degli ariani perché loro non professavano Gesù come vero Dio. Lo stesso modo di pensare su Gesù degli ariani hanno i seguaci della Teologia storico-critica e dello spirito d’Assisi. Purtroppo, questo spirito vive nel Suo cuore e nei cuori dei gerarchi della Chiesa Cattolica i quali hanno accolto lo spirito che sta dietro la cosiddetta beatificazione di Giovanni Paolo II.

    Santo Padre Francesco, Lei è venuto in Vaticano che sta in contraddizione con la Parola di Dio. Perché è il primo Stato nel mondo che è totalmente chipizzato con un numero della bestia apocalittica 666. Aspettiamo che il primo passo di Lei sarà l’eliminazione di chipizzazione degli ufficiali vaticani. Chipizzazione del Vaticano è, in altre parole, il precedente per tutte le nazione del mondo.

    RispondiElimina
  29. Parte 3
    Certamente Lei stesso sente che non c’è tempo per festeggiamenti, ma per il pentimento autentico. Suo predecessore per quale ha sinceramente pregato se ne andato accusato dai crimini contro l’umanità. Egli solo copriva questi crimini, ma con ciò li de facto approvava. In tal modo conservava image della struttura ufficiale. Crediamo che sia consapevole che tutta questa triste eredità Le è consegnata.

    Quello che si presenta come la modestia cioè il fatto che Lei dimorava in un appartamento privato e non nell’edificio della propria residenza piuttosto fa nascere i sospetti che ammirazione.

    Argentina è diventato il primo Stato nell’America Latina che ha legiferato le unioni omosessuali con il diritto di addozione dei bambini. Lei in qualità di Primate d’Argentina ha sulla propria coscienza epidemia omosessuale, perché non ha condotto i sacerdoti alla conversione autentica e al pentimento che consiste nella rinuncia delle eresie di teologia liberale. Lei non ha partecipato nelle grandi manifestazioni di protesto contro l’omosessualità, ma piuttosto si è nascosto. Il pubblico ha giudicato questo come grande faux pas. Avete solo lasciato leggere il proprio contributo nulla dicente. È un manovro psicologico dei media che senza fine La presentano nel ruolo d’omofobo di merito. Sono ben consapevoli che con ciò svelano la più grande popolarità tra il pubblico cattolico.

    Il Suo detto “che dobbiamo rispettare i omosessuali” rivela la posizione reale. Rispettare l’omosessualità aggressive significa creare le condizioni per la omodittatura. Dopo di ciò non rimane altro che seguendo il Suo esempio bacciare i piedi non solo di alcuni omosessuali infettati, ma di tutta la generazione dei giovani moribonda d’AIDS.

    Per amore di Dio e la salvezza delle anime umane La invitiamo e preghiamo di rinunciare alle eresie odierne con un gesto pubblico: allo spirito d’Assisi e modo di pensare apostatico della Teologia storico-critica, con ciò elimina abominio della desolazione nella Chiesa. Pure è necessario eliminare la beatificazione di Giovanni Paolo II. Se non fa così, significherebbe che Egli non sarà in grado di guidare allo spirito di pentimento e alla conversione la Chiesa Cattolica. Allora rimarrà apostata il quale hanno scelto apostati. La struttura ufficiale della Chiesa Cattolica non sarà più la Chiesa di Cristo, ma la prostituta dell’anticristo. Dunque, è miglio per Lei fare in anticipo quel passo, che ha fatto Benedetto XVI.



    + Elia

    Patriarca del Patriarcato Cattolico Bizantino

    + Metodio, OSBMr + Timoteo, OSBMr

    Vescovi secretari

    Copie:

    Ai presidenti degli Stati europei ed eurodeputati

    Ai rappresentanti delle Chiese cristiane

    Ai mass media

    RispondiElimina
  30. Va bè questi pseudo patriarchi son quelle solite pazze che ogni tanto scomunicano qualcuno. La Pizia di Delfi era più autorevole. Ciò non cambia che papa Francesco sia un pifferaio magico...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eccolo qui: come volevasi dimostrare,
      chiunque dice la Verità viene detto "pazzo"....
      come Gesù davanti al sinedrio....
      Siamo al Venerdì Santo della Chiesa Sposa di Cristo,
      ma quasi nessuno se ne accorge !
      si va verso la Crocifissione del Corpo Mistico.
      E' scritto anche nel Catechismo, andate a leggerre le ultime pagine.

      Elimina
    2. «Ma io non voglio andare fra i matti», osservò Alice.
      «Be', non hai altra scelta», disse il Gatto «Qui siamo tutti matti. Io sono matto. Tu sei matta.»
      «Come lo sai che sono matta?» disse Alice.
      «Per forza,» disse il Gatto: «altrimenti non saresti venuta qui.»

      Elimina
  31. Sancte Míchaël Archángele, defénde nos in proélio: contra nequítias et insídias diáboli esto præsídium. Imperet illi Deus, súpplices deprecámur: tuque, Prínceps milítiæ cœléstis, Sátanam aliósque spíritus malígnos, qui ad perditiónem animárum pervagántur in mundo, divina virtúte, in inférnum detrúde.
    R. Amen.

    RispondiElimina
  32. Anonimo 10:04, che io non sia amico di questo sito è noto e arcinoto tu scrivi :"Oggi, grazie a Lumen Gentium, tutto è possibile e ne vediamo i risultati: feticisti e sedicenti tradizionalisti a cui i preti servono solo per garantire la transustaziazione, frustrati, con gravi squilibri affettivi." Ed io ti dico che non è colpa di LG, e quindi dei fedeli, ma colpa è dei sacerdoti piuttosto che favoriscono questo genere di gente. Il MP ha aperto i tombini di preti che magari abbiamo conosciuto in seminario, che han fatto del pizzo, dell'incenso, delle casule, pianete e delle mossette sull'altare il loro principio di esistenza completamente lontani da alcuna riflessione sulla CRISI e sulle ambiguità della Fede che oggi viviamo. La mia parrocchia però non la chiudo a nessuno. Ma sì ne riparleremo ai nostri incontri sacerdotali. Buona festa di San Giuseppe.

    RispondiElimina
  33. Michele,
    la ringrazio di aver riportato questo appello di alcuni anni orsono,
    ma nessuno ascolterà questo allarme, perchè la Chiesa è avviata decisamente all'abbraccio sincretico con le false religioni, subendo così il castigo preannunciato da secoli: l'autodemolizione per APOSTASIA dilagante, non più frenata, ma voluta e promossa dagli alti pastori (i Vertici).
    Vedrà Michele, qui molti diranno che lei è un fanatico geovista millenarista ecc. ecc. inoltre sedevacantista, dato che riporta un discorso di uno scismatico....anche pazzo da ricovero, vedrà !
    Anche se lei (o quel Patriarca citato) ha detto la Verità, sarà definito "pazzo" colui che la dice: chi testimonia la VERITA' deve essere ricoverato "alla neurodeliri" (così ha scritto la redazione, rittenendo che chi ammonisce sul pericolo reale della fine, connesso alla distruzione della Roccia di Pietro, citando in proposito il Vangelo, e le Scritture ben chiare sul tema, contenenti tante profezie sulla fine, sspecie Gesù in Persona fa queste predizioni, bene colui che cita gli avvisi di Gesù e degli Apostoli, citando la Dottrina perenne da NON calpestare o DEFORMARE per abbraciare belial e i poteri luciferi del mondo, costui che dice la Verità eterna, è un pazzo da neurodeliri....come Gesù sputacchiato e detto "pazzo" dai soldati romani....).
    Anche Nostro Signore fu detto pazzo e flagellato, nel Venerdì Santo, spogliato delle vesti di Maestro, Re con corona di spine, sputato e massacrato.
    Lui, Verità in Persona.
    Ecco, ora siamo nel Venerdì Santo del Corpo Mistico; la Sposa di Cristo va verso il suo Calvario.

    rm

    RispondiElimina
  34. Sub tuum praesidium confugimus, Sancta Dei Genetrix. Nostras deprecationes ne despicias in necessitatibus, sed a periculis cunctis libera nos semper, oVirgo gloriosa et benedicta. Amen.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi associo a questa preghiera volentieri.
      Solo la SS.ma Madre di Dio e della Chiesa puà custodirci dai mille inganni di satana.
      Vergine potente contro il male, ora pro nobis !

      rm

      Elimina
  35. Davvero credete alla povertà gesuitica?
    Beati voi...io so che vivono in splendidi palazzi compreso quello della curia Generalizia accanto al Vaticano, a Villa Malta sul Pincio in altre sontuosissime ville fuori Roma e ...cliegina posseggono pure un'isola in Canada ove vanno in villeggiatura...
    caro Francesco e cari gesuiti iniziate a scendere tra i mortali vendendo i vostri palazzi poi ne riparliamo...

    RispondiElimina
  36. Mons. Marini ha fatto miracoli! Pur nell'assoluta semplicità dei paramenti ha dato dignità alla figura del S.Padre!
    Andrea S.

    RispondiElimina
  37. io vorrei fare un appello a Papa Francesco ,qui a Perdifumo in provincia di Salerno esiste un essere che impone al giovane sacerdote di non celebrare più nessuna funzione religiosa presso due piccole chiese situate in piccole frazioni con la pretesa di imporre le persone anziane e malate di frequentare solo quella principale anche se non hanno i mezzi per arrivarci, perciò saranno costrette a vedere la benedizione delle palme per la televisione.A me non sembra giusto, queste due chiese sono state costruite con pietre trasportate a spalla senza nessun mezzo.Per favore fate recapitare questo abuso di potere al SANTO PADRE.

    RispondiElimina
  38. Secondo i laudatres principis oggi a San Pietro dovevano esserci due tre milioni di persone! Dove stanno? Se raggiungono i centomila è già tanto...al centro tante sedie vuote.
    Comunque quella di Bergoglio è una bella storia .
    Non ho visto don Bertone...spero non abbia fatto come Badoglio che la mattina del 9 settembre in fuga col re a Pescara nascose le mostrine per non essere riconosciuto.

    RispondiElimina
  39. Tutta la mattina avevo in mente Leone XIII e la Sua visione.
    Ho pregato S. Giuseppe, patrono della Chiesa ed ho pregato con l'esorcismo diPapa Leone XII.
    Che Dio illumini il vescovo Franceso ed invii un Papa alla Sua Chiesa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima preghiera. Se per caso lei è un sacerdote, speriamo che il Signore ascolti la sua preghiera-esorcismo, ascolti la supplica dei suoi umili servi, sacerdoti e laici, figli che Lo invocano giorno e notte, perchè soccorra la Sua Santa Chiesa travagliata, nella lunga Via Crucis da percorrere ancora.
      rm

      Elimina
  40. Ad Te, Beate Joseph,
    in tribulatióne nostra confúgimus,
    atque, imploráto Sponsæ tu sanctíssimæ auxílio, patrocínium quoque tuum fidénter expóscimus. Per eam, quaésumus, quæ te cum immaculáta Vírgine Dei Genetríce coniúnxit, caritátem, perque patérnum, quo Púerum Iesum ampléxus es, amórem, súpplices deprecámur, ut ad hereditátem, quam Jesus Christus acquisívit Sánguine suo, benignus respícias, ac necessitátibus nostris tua virtúte et ope succúrras. Túere, o Custos providentíssime divínæ Famíliæ, Jesu Christi sobólem eléctam; prohíbe a nobis, amantíssime Pater, omnem errórum ac corruptelárum luem; propítius nobis, sospitátor noster fortíssime, in hoc cum potestáte tenebrárum certámine e calo adésto; et sicut olim Púerum Iesum e summo eripuísti vitæ discrímine, ita nunc Ecclesiam sanctam Dei ab hostílibus insídiis atque ab omni adversitáte defende: nosque síngulos perpétuo tege patrocinio, ut ad tui exémplar et ope tua suffúlti, sancte vívere, pie emóri sempiternámque in cælis beatitúdinem ássequi póssimus. Amen.

    RispondiElimina
  41. Un vescovo tanto amato dal mondo e da questo mondo, lontano da Dio e dalla Sua legge è un vescovo secondo il volere di Dio?
    E che non si vuole chiamare Papa?

    RispondiElimina
  42. vorrei ricordare a tutti di tenere sempre a mente questa saggia considerazione dei redattori di alcuni giorni fa, dopo l'elezione:

    Questo entusiasmo per il nuovo vescovo-di-Roma ... è da un lato cosa buona e giusta, se è attaccamento alla figura che rappresenta. Ma se è gridolino isterico da fans, solleticati da gesti dimostrativi o dai tratti della personalità, diventa un'infatuazione degna d'un cantante pop. La positiva reazione di questo mondo stride singolarmente con l'opposizione che invece accolse la nomina del predecessore, osteggiato fin dal primo giorno...
    ----------------
    l'osanna delle masse acritiche, spesso incantate da belle apparenze, e che guardano le persone come ATTORI da applaudire su un grande palcoscenico, ci fa sovvenire l'ammonimento di S. Paolo:
    Passa la scena di questo mondo (1 Cor.7,31)
    e quelli di Gesù:
    I cieli e la terra passeranno, ma le mie Parole non passerano
    Guai a voi quando tutti parleranno bene di voi: infatti hanno trattato così i falsi profeti.
    Beati voi quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e vi insulteranno e respingeranno il vostro nome come scellerato, a causa del Figlio dell'Uomo. Rallegratevi in quel giorno ed esultate, perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nei Cieli. Allo stesso modo infatti facevano i loro padri con i profeti.

    ---------------
    E' un gran pericolo per la Fede volere per sè o per chiunque un trionfo o successo mondano.
    L'osanna (indice di GRADIMENTO) delle folle non è affatto segno certo di aderenza al Vangelo, nè di autentica santità e/o di compiacenza di Dio in quella/quelle persone, chiunque siano.

    rm

    RispondiElimina
    Risposte
    1. condivido il tuo pensiero.

      Elimina
  43. Sinceramente mi aspettavo di peggio. Per fortuna che c'è mons. Marini. Non penso che papa Francesco sia una persona cattiva. Purtroppo è strumentalizzato da molti, con la complicità dei media, in funzione anti-Ratzinger. I suoi modi di fare e le voci che si sono diffuse subito dopo l'elezione hanno contribuito a rendermelo antipatico. La cosa che non riesco a digerire è che sia riesplosa una campagna contro Benedetto XVI che viene dipinto come un uomo amante del lusso, dei gioielli, delle pellicce, delle scarpe "Prada" ed altre assurdità che si sono sedimentate nell'INVINCIBILE ignoranza del popolino. Sì, odio il popolino, il volgo stolto ed ignorante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non odiare il popolino, che aggredisce Benedetto XVI è intelligente e finissimo, solo manipola i più piccoli, il popolo.

      Elimina
    2. scusate chi aggredisce

      Elimina
  44. Carissimi, frequentatori di questo blog,

    oggi, ho visto una bella cerimonia religiosa, semplice, pensate fin nei dettagli. Cosa avrebbe potuto fare di più o di meno?

    Andando all'omelia dove sta l'errore, se incita anche i non cristiani a preservare il creato? Custodire il creato significa anche custodire i valori non negoziabili, dov'è l'errore?

    Dov'è la discontinuità con Benedetto XVI?

    Il vero cattolico è docile allo Spirito Santo e custodendo la Chiesa non darà mai ad Ella un pastore indegno.

    Finiamola con mozzette e latino, andiamo oltre: "amatevi come io vi ho amato". Non releghiamo la Croce sugli ori degli altari. Finiamola altrimenti Cristo sarà morto di nuovo invano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La discontinuità c'è, però io cerco di non essere troppo polemico perché penso che lui non sia
      esattamente come viene descritto dai media e percepito dal volgo idiota.

      Elimina
  45. "Vi prego, più che se riguardasse me stesso, che, quando vi sembrerà conveniente e utile, supplichiate umilmente i chierici di venerare sopra ogni cosa il santissimo corpo e sangue del Signore nostro Gesù Cristo e i santi nomi e le parole di lui scritte che consacrano il corpo. I calici, i corporali, gli ornamenti dell'altare e tutto ciò che serve al sacrificio, devono essere PREZIOSI. E se in qualche luogo trovassero il santissimo corpo del Signore collocato in modo miserevole, venga da essi posto e custodito in un luogo PREZIOSO, secondo le disposizioni della Chiesa, e sia portato con grande venerazione e amministrato agli altri con discrezione".

    San Francesco d'Assisi, Prima Lettera ai Custodi
    (Fonti Francescane, 240-244)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dove la cerimonia di oggi ha mancato nei confronti del Corpo e Sangue di Cristo?

      Elimina
    2. Per esempio, nel non inginocchiarsi alla Consacrazione, abbozzando invece un inchino e sciorinando le proprie terga di fronte alle telecamere.

      Elimina
    3. Che notazione malevola, Luciana Puppo (a proposito di terga)!

      Elimina
    4. anonimo, si chieda perchè il vescovo-di-Roma si inchina a malapena davanti al SS.mo Corpo e Sangue di Nostro Signore, e invece si inginocchia devotamente davanti a un qualsiasi uomo (peccatore come tutti) ERETICO, che deve impartirgli la benedizione ?
      nessuno ovviamente vi ha insegnato che secondo il CATECHISMO CATTOLICO bimillenario e inalterabile,
      gli eretici sono FUORI della Comuunione dei Santi (ovvero dalla CHIESA Militante, finchè non si convertono alla Cattolica) ?
      certo, coi catechismi a cartelloni e giochini sociali non insegnanio più da 40 anni i DOGMI DI FEDE: e allora tutti siamo dentro la Chiesa, non bisogna più evangelizzare nessuno.....casomai insegnare che la salvezza è già fatta, senza alcun lavoro personale, parola di cv2 (V. LG) !
      bene il neo-papa, meglio dei precedenti, convincera tutti di questo 6 politico, che si sia fuori o dentro la Chiesa ora non ha alcuna importanza, e farà dimenticare i dogmi di Fede cattolica tutti (se ci riesce)
      tenerezza: basta la parola !

      Elimina
    5. Sulla circostanza che il Santo Padre non si inginocchi dopo la consacrazione nessuno si è posto il dubbio che "non possa" farlo?

      Le fotografie che lo vedono in ginocchio per ricevere il gesto benedicente dei presenti risale ormai a diversi anni addietro. Quando cammina lo si vede veloce sì, ma sensibilmente claudicante, ancor di più quando sale e soprattutto quando scende le scale, momento in cui viene sorretto da due cerimonieri.
      Mi sembra che ci sia una ottima probabilità - non ho certezze come tanti che intervengono senza porsi qualche domanda in più - che il Santo Padre non possa mettersi in ginocchio per qualche problema alle gambe, non dimentichiamo che ha 76 anni.

      Qualcuno ha citato Santa Caterina da Siena, vergine e dottore della Chiesa, Ella ricordava al Papa di fare la volontà di Dio (e tornare a Roma), ma lo faceva chiamandolo «Dolce Cristo in terra» (a mo' di esempio Lettera 196), teneramente «Babbo mio» (ad esempio Lettera 270), «Cristo in terra, il quale ci ha a ministrare il sangue» (Lettera, 313 e 321), Colui che «tiene le chiavi del sangue dell'umile Agnello» (Lettera, 339).

      Preghiamo per la Santa Chiesa di Dio «perché la Chiesa è fondata nell’Amore ed è lo stesso Amore» (Lettera, 371) sia sempre unita all'unica vite vera, Gesù Cristo, Amore inestimabile, sulla quale ogni altra dev'essere innestata per riceverne vita. E preghiamo per il Dolce Cristo in terra Papa Francesco.

      Elimina
  46. In apparenza tutto era normale ma sappiamo che così non è...oggi è la giornata dei traditori si godano il loro trionfo...Bertone, Dolan , Mahony 'ndo state?

    RispondiElimina
  47. Ploraverunt omnes19 marzo 2013 12:12

    Il piano era ben preparato...Romeo in Cina afferò che entro l'anno Benedetto sarebbe morto...La Gran Loggia d' Italia tramite l'Associazione Bancaria Italiana ha donatoil nuovo altare cubico del Gesù ai gesuiti...coincidenze?
    Si farà un solo ovile e un solo pastore...si sotto il Gran Cofto!

    RispondiElimina
  48. BENEDETTO XVI NEL DISCORSO DEL 14 FEBBRAIO SCORSO ATTACCA LA MESSA TRIDENTINA!!! PERCHE' NESSUNO NE PARLA QUI DENTRO????

    "Cominciamo con il primo. Dopo la Prima Guerra Mondiale, era cresciuto, proprio nell’Europa centrale e occidentale, il movimento liturgico, una riscoperta della ricchezza e profondità della liturgia, che era finora quasi chiusa nel Messale Romano del sacerdote, mentre la gente pregava con propri libri di preghiera, i quali erano fatti secondo il cuore della gente, così che si cercava di tradurre i contenuti alti, il linguaggio alto, della liturgia classica in parole più emozionali, più vicine al cuore del popolo. Ma erano quasi due liturgie parallele: il sacerdote con i chierichetti, che celebrava la Messa secondo il Messale, ed i laici, che pregavano, nella Messa, con i loro libri di preghiera, insieme, sapendo sostanzialmente che cosa si realizzava sull’altare. Ma ora era stata riscoperta proprio la bellezza, la profondità, la ricchezza storica, umana, spirituale del Messale e la necessità che non solo un rappresentante del popolo, un piccolo chierichetto, dicesse “Et cum spiritu tuo” eccetera, ma che fosse realmente un dialogo tra sacerdote e popolo, che realmente la liturgia dell’altare e la liturgia del popolo fosse un’unica liturgia, una partecipazione attiva, che le ricchezze arrivassero al popolo; e così si è riscoperta, rinnovata la liturgia."


    http://www.internetica.it/Benedetto-Parroci013.htm

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ne è parlato qui
      http://chiesaepostconcilio.blogspot.it/2013/03/continuita-liturgica-tra-benedetto-xvi.html

      Elimina
    2. Una prova ulteriore della differenza tra mons. Lefevbre e Papa benedetto XVI, tra un vescovo somaro, razzista e ribelle e un Pontefice fine teologo e grande pastore!

      Elimina
  49. Troni e corone sono stati accantonati e deposti già dai predecessori, sostituiti con insegne la cui debole valenza simbolica allude all'altrettanto debole contenuto ch'esse vorrebbero esprimere. Il Papa non è più Rex regum et Dominus dominantium, al pari di Colui dal quale egli trae la propria potestà, né Vicario di Cristo, bensì semplice successore del primo Vescovo di Roma, che presiede alle altre chiese nella carità.

    Così, lui che si definisce solo vescovo di Roma - per usare le indicative espressioni dell'agenzia Ansa - ha fatto sapere che l'anello piscatorio non è in oro, ma in argento dorato: dinanzi a questo gesto di pauperismo ben sbandierato, ci torna alla memoria la più genuina povertà di San Pio X, che indossava una croce pettorale tempestata di gemme preziose e che solo dopo la sua morte si è saputo essere una copia identica all'originale, venduto per fare la carità ai poveri senza alcun comunicato della sala stampa vaticana. Quel santo Pontefice, allorché era Patriarca di Venezia, soleva salire in treno nella carrozza di prima classe (come si addice ad un Principe della Chiesa), per poi viaggiare in terza e ridiscendere, una volta giunto a destinazione, dalla prima. Oggi si usa viceversa salire in seconda classe, viaggiare nel salottino di prima e poi ridiscendere dalla seconda, facendosi immortalare dai fotografi in gesti tanto ipocriti quanto demagogici

    RispondiElimina
  50. Povertà è pauperismo; relatività è relativismo; fondamentalità è fondamentalismo; amore per l'ambiente è ambientalismo; per gli animali, è animalismo; per l'uomo, è filantropismo; attenzione al popolo è demagogismo; attenzione alla liturgia è liturgismo; attenzione alla tradizione è tradizionalismo; attenzione alla sensibilità moderna è modernismo; custodire l'integrità della fede è integrismo; progredire nella riflessione sulla fede è progressismo; eccetera, eccetera, eccetera... Possiamo usare gli -ismi solo quando è davvero necessario? E' possibile un confronto senza radicalizzare le posizioni? Possiamo evitare di buttare il bambino insieme all'acqua sporca?

    RispondiElimina
  51. Guardate che il diavolo, è molto astuto a distruggere la Chiesa non apertamente, ma soprattutto facendo passare una cosa anticristiana come “volontà di Dio”, come innovazione di costruzione, di pace, di fratellanza. Il diavolo è talmente astuto che è in grado di rovinare un intero popolo in nome della “pace”, della (falsa) “fratellanza”, dell’amore…. e a fare questo si compiace ancora di più!!!

    Inoltre sono la maggioranza oggi dei cristiani che non hanno un briciolo di discernimento, che si bevono tutto quello che il diavolo gli offre, ma vi rendete tutti conto in che tempi anticristiani viviamo? Vi rendete conto della grande apostasia della maggioranza del clero? Li leggete i giornali? Sentite le eresie e le diavolorie nei discorsi di vescovi ?
    Consolare gli afflitti per l’ideologia falsa pacifista e massonica-mondialista è ancora accettata e strumentalizzare, ma l’opera di Misericordia “ammonire i peccatori” e chiamare le cose per il loro nome questo è raro vederlo, perché c’è in giro un falso buonismo, una falsa umiltà che non vuole sapere di questo. Dicono che non si “può giudicare”, anche i mafiosi siciliani dicono “solo Dio mi può giudicare…. Lui solo!!” Questo è vero, Dio solo ha l’ultima parola, ma la carità cristiana in 2000 anni ha permesso che molte anime si salvassero, perché ha ammonito e SOPRATUTTO perché il peccato è DAVVERO pentito e ha dimostrato con i fatti, con la vita il suo pentimento, il suo sincero ritorno a Dio. L’amminimento di un uomo o donna ispirato è come la voce di Dio, questa gentaglia moderna vuole mettere il bavaglio a Dio e negarci le cose Sante di sempre.
    Basta questo cattolicesimo anticristiano, basta falsi buonisti, leggete la lettera di San Paolo Corinzi
    "Non v'ingannate: né i fornicatori, né gli idolatri, né gli adulteri, né gli effeminati, né gli omosessuali, né i ladri, né gli avari, né gli ubriaconi, né gli oltraggiatori, né i rapinatori erediteranno il regno di Dio" (1 Corinzi 6:9-10, cf. Lev. 18:22).

    I rapinatori sono anche cattolici, sacerdoti, Vescovi, Cardinali, che RUBANO al popolo di Dio le cose Sante, che rubano al popolo di Dio la verità Salvifica. Oltraggiatori e rapinatori che celebrano la S. Messa, certo ce ne sono! E anche quelli che sono oltraggiatori e rapinatori e fanno la S. Comunione sentendosi in coscienza pulita! Cristiani occidentali, non fatevi rubare la Vostra Eredità Spirituale, Culturale, Liturgica, restiamo uniti e combattiamo con la fedeltà a Dio e ai Padri della Chiesa per il Regno di Cristo e la Sua Regalità sul mondo intero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dimenticare che può capirti solo chi ne è disposto e chi è giunto a livello di farlo. Se ad altri piace "Panem et circenses" e tu gli rovini la festa, il minimo che ti possano dire è mandarti in quel paese...
      La coscienza raffinata ce l'hanno in pochi, come pochi si fanno incantare da sorrisi e da discorsi buonistici cercando, piuttosto, di capire in che direzione si va!
      Purtroppo per la maggioranza queste sono "finezze di poco conto". Ed è così che interi contesti di Chiesa possono crollare e vanificarsi. In questo caso è bene non stare troppo vicino ai palazzi che cadono altrimenti le macerie ti crollano addosso.

      In concreto: vogliono sentirsi dire che va tutto bene? E diglielo, visto che non sono in grado di voler o poter sentire altro!

      Elimina
    2. Conclusioni troppo semplicistiche, Anonimo.
      Suggestioni troppo semplicistiche, Michele (fatte però in buona fede, si spera).

      Elimina
    3. Spesso anch'io penso che sia meglio non dare perle ai porci anche perché il più delle volte si viene aggrediti, per ora solo verbalmente.
      E' impressionante, perché non c'è derisione ma odio rabbioso, anche tra amici e familiari, quindi la cosa è seria.
      Se fossimo solo dei visionari non perderebbero neanche tempo a risponderci.

      Elimina
  52. Pensiero rigido, personalità debole. Lettura parziale della realtà, incapacità relazionale. Molta luce in testa, tanto buio nell'anima. Sepolcri imbiancati, che puliscono l'estero, ma dentro sono pieni di iniquità. Ipocrisia farisaica. Ecco cosa ho pensato leggendo questi post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non fare il falso buonista. Non essere nemmeno fazioso per dire che tutti quelli che la pensano diversamente da te hanno nel cuore il rancore. Uomo, non è con la scorrettezza che lasci il posto alla verità! La verità non ama le persone bugiarde e faziose.

      E adesso strappati le vesti se vuoi, fariseo che dai via del tuo.

      Elimina
    2. I post, per tacer dei commenti, hanno preso una piega penosa. Questo è innegabile. La penna di Enrico è irriconoscibile. Triste, triste, triste. Speriamo che il ragazzo si riabbia. E' una persona intelligente e moderata, non può restare incagliato in queste miserabili secche troppo a lungo. Così, almeno, noi speriamo.

      Elimina
    3. Vedo tutto tranne che buonismo in quel post. Anzi, mi sembra un giudizio molto franco. Il problema è capire se è vero oppure no. Io condivido.

      Elimina
  53. Auguri Papa Francesco,preghiamo per te,ti vogliamo bene e ti obbediamo. Tu conferma la nostra fede.
    Chi su questo sito continua a insultarti nei post e nei commenti farebbe bene ad appendersi una macina al collo e gettarsi nel mare. Stolti,ciechi e ignoranti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come? Parlate di misericordia e vi reputate perfetti cristiani "in comunione col mondo" e poi invitate gli altri ad amazzarsi..... ahi ahi... no no il tuo papa Francesco non sarebbe contento! Continua a fare il papa boy che blatera a vanvera

      Elimina
    2. Ad Te, Beate Joseph,
      in tribulatióne nostra confúgimus,
      atque, imploráto Sponsæ tu sanctíssimæ auxílio, patrocínium quoque tuum fidénter expóscimus. Per eam, quaésumus, quæ te cum immaculáta Vírgine Dei Genetríce coniúnxit, caritátem, perque patérnum, quo Púerum Iesum ampléxus es, amórem, súpplices deprecámur, ut ad hereditátem, quam Jesus Christus acquisívit Sánguine suo, benignus respícias, ac necessitátibus nostris tua virtúte et ope succúrras. Túere, o Custos providentíssime divínæ Famíliæ, Jesu Christi sobólem eléctam; prohíbe a nobis, amantíssime Pater, omnem errórum ac corruptelárum luem; propítius nobis, sospitátor noster fortíssime, in hoc cum potestáte tenebrárum certámine e calo adésto; et sicut olim Púerum Iesum e summo eripuísti vitæ discrímine, ita nunc Ecclesiam sanctam Dei ab hostílibus insídiis atque ab omni adversitáte defende: nosque síngulos perpétuo tege patrocinio, ut ad tui exémplar et ope tua suffúlti, sancte vívere, pie emóri sempiternámque in cælis beatitúdinem ássequi póssimus. Amen.

      Elimina
  54. Beata povertà ...Come credete che i gesuiti abbian costruito le chiese e i palazzi in Roma? L'eredità di San Francesco Borgia nipote di Alessandro VI e l'eredità di Alessandro Farnese nipote di Paolo III fratello di Giulia amante di Alessandro VI..di queste cose Francesco non parlerà . Ma la gente beve tutto quel che gli si propina...vogliono essere servi e adorare gli idoli questo gli basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che c'entra con questo Papa Francesco? Ma si rende conto che parla di fatti di 7 secoli fa? E ci credo che alla gente non frega niente di tutto ciò!

      Elimina
    2. L'uomo difficilmente cambia! Oggi e sette secoli fa'. I santi non si fanno pubblicità. Gli uomini politici che vogliono farsi amare dal popolo sì. Eppoi in nome del popolo quante cose non sono state combinate? Il nostro problema è proprio che dimentichiamo la storia e non ne prendiamo lezione. E così il prossimo imbonitore che incontriamo per strada (qualsiasi esso sai) ci conquista. Se c'è una fregatura ci accorgiamo sempre troppo tardi...

      Elimina
    3. Cristo è addirittura di venti secoli fa

      Elimina
  55. Durante il ricevimento Bertone sorrideva , Bergoglio salutava...nel '43 Badoglio scappava...tutti e tre in B...tutti piemontesi che coincidenza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco lo psicotradizionalista mentre scopre arcani nessi simbolici... tutti e tre i B e tutti e tre piemontesi... Che scienza! Pffffhahahahaha!

      Elimina
  56. Ohibò, vengono a dare lezioni di cattolicesimo gli eretici e scismatici orientali, sedicenti vescovi e patriarchi che pullulano in pseudo chiese anche in Italia, ordinati sacerdoti e vescovi chissà quanto validamente da altri vescovi staccatisi a ,loro volta dalle Chiese di riferimento. Una smania di titoli, come per le avanguardie episcopali sedevacantiste: più vescovi che preti e fedeli.
    E c'è pure chi abbocca.

    RispondiElimina
  57. El Arzobispo de Buenos Aires y Cardenal Primado de Argentina,
    monseñor Jorge Bergoglio, prodigó una bendición especial al
    Parlamento Argentino de Religiones, a todas las Comunidades
    que lo integran y, en especial a U.T.C.R.A. - Unión de Trabajadores
    Cooperativistas de la República Argentina-, Mahatma Krishananda
    (Prof. José Sergio Griffa) en representación del Parlamento y Mario Carrera por U.T.C.R.A.
    En el Arzobispado de Buenos Aires, 05 Mayo del 2006
    http://www.guruom.com.ar/krishananda/bergoglio/bergoglio.htm
    http://www.par.org.ar/

    si spera di sbagliare, per il bene della Chiesa, ma andranno seguite con molta attenzione le prossime mosse del beroglio, viste e considerate certe premesse.
    http://www.guruom.com.ar/krishananda/bergoglio/bergoglio.htm
    http://www.par.org.ar/

    RispondiElimina
  58. Ma tanto ci sei tu a controllare il Papa, no? Così siamo tutti più tranquilli...

    RispondiElimina
  59. M'era sfuggito l'intervento in cui tal don Canmillo (s)parla di non meglio specificati preti usciti dai tombini, feticisti, tutti mossettine ecc. Tanto disprezzo denota profonde frustrazioni che si evidenziano in un rigore moralistico savonaroliano ma tutto esteriore e senza la santità d'intenti del frate domenicano. Ma lui, don Camillo, da quale fogna è uscito?

    RispondiElimina
  60. adm 16.02: fatti un giro.
    se hai da replicare bene, senno taci.
    Più che dire che spero di sbagliare e di valutare (tutti) le direzione che prenderà il pontificato non posso fare.. (ma krishananda col cristianesimo che c'entra? e questo http://www.par.org.ar/ ?)

    RispondiElimina
  61. TRADIZIONALISTA19 marzo 2013 16:23

    Ora che è emerso come i gruppi organizzatori delle Messe SP siano composti per la maggior parte da marrani sedevacantisti ben cammuffati da "cattolici tradizionalisti" è venuto il momento che questi gallicani vengano messi fuori dall'organizzazione delle suddette Messe, soprattutto mi riferisco a realtà compromesse sotto questo aspetto come Milano e l'Emilia. A organizzare le Messe, come insegna la Tradizione Cattolica, dovrebbero essere i preti e non bande di esaltati effemminati e/o obesi alla ricerca del brivido dell'eresia gallicana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non pensare alle Messe di SP, pensa a come si chiamava una volta la S. Messa: Il rinnovo incruento del Sacrificio di Cristo", la Divina liturgia negli ultimi 50 anni in occidente, diventata una "Cena del Signore", un incontro di "dialogo e di festa"., quindi TANTE TANTE TANTE DISTRAZIONI E POCO RACCOGLIMENTO (e il diavolo ride e fa molti bottini) la S. Liturgia sfigurata e diventato teatro e presa in giro, e diventa solo "memoriale" e accompagnato da un clima di falsa fratellanza e falsa gioia isterica. Mentre ci vuole adorazione, preghiera e raccoglimento. Senza dubbio da 50 anni la S.Messa è stata sfigurata, ridicolizzata, cani e porci oltre le balaustre dell'altare, milioni di Chiese distrutte in nome del "rinnovamento", milioni di oggetti liturgici venduti o regalati dagli stessi ministri di DIo (e magari erano stati comprati qualche secolo prima dal sudore di molte famiglie cristiane per avere il meglio per la lode al loro Dio.) Guardate che San Giovanni Maria Vianney era poverissimo, ha mangiato papate marcie e fatto grandi sacrifici tutta la vita perché amava sorella povertà eppure Amava i paramenti più preziosi e avrebbe voluto un calice d’oro massiccio perché il più bello che aveva non gli sembrava ancora degno di contenere il Sangue di Cristo, guarate solo perché molti di voi non vogliono vedere e sentire ma di Santi che la pensavano come Giovanni Viannet su questo ve ne posso citare tanti e non ho bisogno di fargli mettere in bocca parole come va di moda da alcuni teologici eretici antistorici.

      Inoltre che dire degli orrendi canti proposti nelle vostre chiese? Io denuncio soprattutto la ferocia con cui negli ultimi decenni sono state distrutte chiese millenarie o adirittura demolite, chi ha fatto questo in nome di un falso rinnovamento è stato come i perfidi rivoluzionari francesi o i barbari, ma almeno i barbari sono scusati perché non erano cristiani.
      Poi in non pochi casi fatte anche le Messe di carnevale, Messe in cui venivano benedette coppie omosessuali, ultimamente una Messa (non è valida) per i framassoni vestiti di abito ufficiale. Gente che non si confessa più e Ministri di Dio che prendono sotto gamba le cose sante, Comunioni lasciate per terra dope le Messe, Comunioni date a cani e porci e pure in mano,

      Quindi prima di parlare a casa degli altri, pensa a casa tua che c'è marcio e tanto. Ammiro molto invece chi ricerca la cura nella liturgia, perché vuol dire che cerca con il cuore Dio e vuol dire che cerca davvero di amarlo. La mistica Sposa di Cristo fatta diventare dai suoi stessi Custodi una vergogna, la mistica Sposa avvelenata, sfigurata e maltrattata. Crocifiggere la Chiesa è come crocifiggere Gesù!

      Elimina
  62. Ma è verus papa? Forse ma ... Non mi son chiare le circiostanze che hanno indotto Benedetto a rinunciare...forse è stato ingannato o costretto, in tal caso il successore è legittimo ?
    Finché vive Benedetto XVI l'unto del Signore obbedirò solo al vero papa!
    La Francia continuò ad obbedire a Celestino V e non a Bonifacio VIII.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Francia di Filippo il Bello? Buono quello, un vero re cristiano vero? Ma per favore...

      Elimina
    2. Da Filippo il Bello compreso e in avanti l'Europa cristiana è stata pian piano sgretolata e smantellata. Ora invece smantellano quello di ultimo che rimane di Santa Romana Chiesa.... pur sapendo tutti che i nuovi eretici e l'inferno non prevarranno.

      Elimina
    3. Citazione






      Buongiorno, sono Sorpresa da Reggio, seguo sempre il vostro blog e anche se non posto mai commenti vi devo dire una cosa importante; non scriverò più ma mi farà piacere se mi risponderete.
      Date troppo corda ai troll, quelli che dicono il mio papa è Benedetto e aridatece Benedetto, qualcuno si convince e risponde si, aridatemelo pure a me.
      Benedetto ha regolarmente rinunciato, non è più un papa e non è un antipapa; ora c'è Francesco che è un papa e non un antipapa, e tutto il resto è trollismo.
      Non l'avete capito che i troll si divertono a farvi ripetere le cose che scrivono loro?
      Non c'entra niente la messa in latino, il papa c'è e basta.
      Mettere in campo l'argomento mozzetta si mozzetta no, anello di argento e anello di rame, tutto questo non c'entra niente, il papa c'è, non fate il gioco dei troll, ciao.
      Sorpresa da Reggio segue
      Mi raccomando soprattutto alla redazione per quello che ho detto nell'ultimo post.
      Non scriverò più, se qualcuno mi ruba il nik censuratelo ciao.

      Elimina
  63. Nomi e prove, calunnniatore TRADIZIONALISTA?

    RispondiElimina
  64. X TRADIZIONALISTA (tradizionalista delle eresie moderne)

    Non pensare alle Messe di SP, pensa a come si chiamava una volta la S. Messa: Il rinnovo incruento del Sacrificio di Cristo", la Divina liturgia negli ultimi 50 anni in occidente, diventata una "Cena del Signore", un incontro di "dialogo e di festa"., quindi TANTE TANTE TANTE DISTRAZIONI E POCO RACCOGLIMENTO (e il diavolo ride e fa molti bottini) la S. Liturgia sfigurata e diventato teatro e presa in giro, e diventa solo "memoriale" e accompagnato da un clima di falsa fratellanza e falsa gioia isterica. Mentre ci vuole adorazione, preghiera e raccoglimento. Senza dubbio da 50 anni la S.Messa è stata sfigurata, ridicolizzata, cani e porci oltre le balaustre dell'altare, milioni di Chiese distrutte in nome del "rinnovamento", milioni di oggetti liturgici venduti o regalati dagli stessi ministri di DIo (e magari erano stati comprati qualche secolo prima dal sudore di molte famiglie cristiane per avere il meglio per la lode al loro Dio.) Guardate che San Giovanni Maria Vianney era poverissimo, ha mangiato papate marcie e fatto grandi sacrifici tutta la vita perché amava sorella povertà eppure Amava i paramenti più preziosi e avrebbe voluto un calice d’oro massiccio perché il più bello che aveva non gli sembrava ancora degno di contenere il Sangue di Cristo, guarate solo perché molti di voi non vogliono vedere e sentire ma di Santi che la pensavano come Giovanni Viannet su questo ve ne posso citare tanti e non ho bisogno di fargli mettere in bocca parole come va di moda da alcuni teologici eretici antistorici.

    Inoltre che dire degli orrendi canti proposti nelle vostre chiese? Io denuncio soprattutto la ferocia con cui negli ultimi decenni sono state distrutte chiese millenarie o adirittura demolite, chi ha fatto questo in nome di un falso rinnovamento è stato come i perfidi rivoluzionari francesi o i barbari, ma almeno i barbari sono scusati perché non erano cristiani.
    Poi in non pochi casi fatte anche le Messe di carnevale, Messe in cui venivano benedette coppie omosessuali, ultimamente una Messa (non è valida) per i framassoni vestiti di abito ufficiale. Gente che non si confessa più e Ministri di Dio che prendono sotto gamba le cose sante, Comunioni lasciate per terra dope le Messe, Comunioni date a cani e porci e pure in mano,

    Quindi prima di parlare a casa degli altri, pensa a casa tua che c'è marcio e tanto. Ammiro molto invece chi ricerca la cura nella liturgia, perché vuol dire che cerca con il cuore Dio e vuol dire che cerca davvero di amarlo. La mistica Sposa di Cristo fatta diventare dai suoi stessi Custodi una vergogna, la mistica Sposa avvelenata, sfigurata e maltrattata. Crocifiggere la Chiesa è come crocifiggere Gesù!

    RispondiElimina
  65. Costantino le avrebbe buttate in qualche vespasiano le chiavi se vedeva lo schifo di questi giorni che l'Urbe Aeterna ha dovuto ospitare. Scorte su scorte, questi pelosi caudilli latinos padroni della città con strade bloccate e servilismi della peggiore specie, isterismi sotto alberghi ed ambasciate delle varie comunità immigrate. L'antipapa Bergoglio si è ufficialmente impossessato del trono romano, il Santo Padre Benedetto XVI è costretto all'esilio come Pio VII e Pio IX prima di lui. Da oggi la capitale della Cristianità cattolica diventa Castel Gandolfo, la Roma che da anni non ama particolarmente la Chiesa che pure tanti soldi le porta è destinata a perdere del tutto quel briciolo di rilevanza rimastale nel mondo.

    Meo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Citazione






      Buongiorno, sono Sorpresa da Reggio, seguo sempre il vostro blog e anche se non posto mai commenti vi devo dire una cosa importante; non scriverò più ma mi farà piacere se mi risponderete.
      Date troppo corda ai troll, quelli che dicono il mio papa è Benedetto e aridatece Benedetto, qualcuno si convince e risponde si, aridatemelo pure a me.
      Benedetto ha regolarmente rinunciato, non è più un papa e non è un antipapa; ora c'è Francesco che è un papa e non un antipapa, e tutto il resto è trollismo.
      Non l'avete capito che i troll si divertono a farvi ripetere le cose che scrivono loro?
      Non c'entra niente la messa in latino, il papa c'è e basta.
      Mettere in campo l'argomento mozzetta si mozzetta no, anello di argento e anello di rame, tutto questo non c'entra niente, il papa c'è, non fate il gioco dei troll, ciao.
      Sorpresa da Reggio segue
      Mi raccomando soprattutto alla redazione per quello che ho detto nell'ultimo post.
      Non scriverò più, se qualcuno mi ruba il nik censuratelo ciao.

      Elimina
  66. Riporto un articolo che fa una buona riflessione. Per chi sente puzza di zolfo in questo papa

    La falsa umiltà di Francesco I

    Il nuovo capo della Chiesa Cattolica Romana, Francesco I, è da molti reputato una persona umile a motivo del suo stile di vita e di alcuni suoi gesti che già hanno fatto il giro del mondo. STATE MOLTO ATTENTI, perchè si tratta di una umiltà apparente in quanto una persona veramente umile di cuore non avrebbe mai accettato di essere eletto ‘vicario di Cristo’ e rifiuterebbe tutti quei titoli papali che vanno contro Cristo e la Sua Parola come per esempio quello di ‘santo padre’. E poi, chi è veramente umile si sottomette a tutta la Parola di Dio e quindi rigetta le eresie, le superstizioni e l’idolatria della Chiesa Cattolica Romana, e Francesco I non ha per niente questa caratteristica perchè queste cose le approva, le difende e le diffonde. Quindi prestate attenzione a quello che dice l’apostolo Paolo, “Nessuno a suo talento vi defraudi del vostro premio per via d’umiltà e di culto degli angeli affidandosi alle proprie visioni, gonfiato di vanità dalla sua mente carnale, e non attenendosi al Capo, dal quale tutto il corpo, ben fornito e congiunto insieme per via delle giunture e articolazioni, prende l’accrescimento che viene da Dio” (Colossesi 2:18-19).

    Paolo sì che era una persona umile, ed è un esempio di umiltà per i Cristiani di ogni epoca perchè seguì le orme di Cristo osservando i suoi insegnamenti. Ma Francesco I non segue affatto le orme di Cristo, ma semplicemente le orme di qualsiasi altro falso apostolo che si è succeduto sul soglio pontificio! Guardatevi dunque da Francesco I, è un lupo travestito da pecora!

    Chi ha orecchi da udire, oda

    Giacinto Butindaro



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per l'articolo dell'evangelico.

      Purtroppo è di parte, gli evangelici e i protestanti approfittano di questo momento debole della Chiesa cattolica per gettera su di essa il loro veleno. Soltanto i cattolici sembrano essere rincretiniti e volere ad ogni costo un'unione con questi eretici e scismatici. L'ecumenismo come oggi è inteso è anticristiano, riguardo alla falsa umiltà del papa..... ci sono alcune cose che lasciano pensare a uno che vuole farsi vedere. Sa benissimo che ha gli occhi del mondo puntati su di lui, non sappia la tua destra cosa fa la tua sinistra, se davvero umile cerca a tutti costi di nascondere le sue buone opere. Poi non mi è piaciuto che non si è inginochiato durante la consacrazione.

      Elimina
    2. concordo, Anonimo,
      infatti il blogger Butindaro (che ha le sue bizzarre idee come vediamo) non capisce che PROPRIO PER UMILTA' il POntefice designato doveva ACCETTARE le insegne pontificali, specie la mozzetta che rappresenta il Sangue Preziosissimo di Cristo, indossarla in omaggio devoto alla Sua Divina Maestà e alla Sua Passione, non certo per propria onorificenza; invece ha rigettato con disprezzo e nonchalance quei segni sacri che per lunga tradizione i papi indossavano, adducendo i pretesti di "semplicità" o sobrietà, ma con parole gravi di scherno "basta con le carnevalate", rivolte a mons. Marini, assurde, tragicomiche se si pensa a quale VERO carnevale siano ridotte le messe dissacrate in tutto l'orbe catto-conciliare, e anche nella sua Messa filmata, quella con i pupazzi, dove Gesù (in figura di mascherone) è messo in berlina come ai carri di Viareggio....
      davvero qui siamo al trionfo del grottesco per il terribile rovesciamento della realtà e della Verità....e la gente ignara esulta al "magnifico papa, umile e povero in spirito", lo crede santo più di tutti i papi del passato, lo mitizza come fosse una star; segno di tempi sempre più bui che la Chiesa deve attraversare, sempre più DEL mondo, dal concilio in poi, in discesa libera....

      Elimina
  67. è vero, i protestanti approfittano del momento di crisi della Chiesa, però.....
    è sempre vero il detto:

    Non è tutto ORO ciò che luccica

    RispondiElimina
  68. http://planetagea.files.wordpress.com/2013/03/el-cardenal-jorge-bergoglio-en_54369268241_53389389549_600_396.jpg

    RispondiElimina
  69. Il mondo ama ciò che è suo. Il papa non deve essere amato dal mondo, non deve piacere al mondo. Se il mondo ama questo papa non marca bene. Comunque staremo a vedere..... molti sono i cattolici (o gattolici per la scaltrezza con cui manipolano a loro comodità il Vangelo) che si sono adattati al mondo e alla sua mentalità

    Beati voi, quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e vi insulteranno e disprezzeranno il vostro nome come infame, a causa del Figlio dell’uomo. Rallegratevi in quel giorno ed esultate perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nel cielo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono pianamente daccordo !

      Angel

      Elimina
  70. In Argentina sono contro i cattolici in molti e la maggior parte pagani, atei, gnostici.
    Guardate cosa dicono di lui, lo chiamano mason con tanto di prove.
    http://www.taringa.net/posts/info/16515365/Pruebas-que-el-Papa-Francisco-es-un-Mason.html?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+Taringa%2Fultimos-post+%28Taringa.net+-+%C3%9Altimos+post%29

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche qui, fu profanata la Catedrale di Buenos Aires

      http://mensajesdelavirgenmaria.blogspot.com.ar/2013/03/el-papa-francisco-mason.html

      Elimina
  71. Dia-ballo. Siete nelle sue mani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gesù Cristo, nella SS.ma Trinità e la SS.ma Vergine: siamo nelle loro mani.

      Elimina
    2. La Santissima Trinità è mistero di comunione. Cristo il vincolo e Maria Santissima il modello dell'accoglienza. Le cose che ho letto sono dia-boliche.

      Elimina
    3. Non crediate che io sia venuto a portare la pace sulla terra; non sono venuto a portare la pace, ma una spada. Sono venuto infatti a separare il figlio dal padre, la figlia dalla madre, la nuora dalla suocera, e i nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa. Chi ama il padre o la madre piú di me, non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia piú di me, non è degno di me.
      (Mt 10, 34-37)
      -----------------
      Non lasciatevi legare al giogo estraneo degli infedeli.
      Quale rapporto infatti ci può essere tra la giustizia e l'iniquità, o quale unione tra la luce e le tenebre? 15 Quale intesa tra Cristo e Beliar, o quale collaborazione tra un fedele e un infedele?
      (2Cor 6, 14-15)

      Elimina
    4. La separazione di cui parla Cristo è dal male (così come dice Paolo). Studia, fratello, e impara quanto sia importante l'analogia fidei per una corretta ermeneutica. Un unum sint.

      Elimina
    5. Non lasciatevi legare al giogo estraneo degli infedeli.
      Quale rapporto infatti ci può essere tra la giustizia e l'iniquità, o quale unione tra la luce e le tenebre?

      QUALE INTESA TRA CRISTO E BELIAR, O QUALE COLLABORAZIONE TRA UN FEDELE E UN INFEDELE?

      (2Cor 6, 14-15)

      Elimina
    6. Questa è la vostra prospettiva. Solo questa. L'unica chiave di lettura. Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum pontificum Summorum

      Elimina
  72. La crisi ecclesiale dipende innanzitutto dalle divisioni. Se oggi si volesse far del male alla Chiesa verrebbero utilizzati come ariete i tradizionalisti. La scuola di Bologna è infatti finita. I poteri forti, i massoni, si servirebbero dei tradizionalisti. Preoccupatevi pure delle mozzette (vedi post precedente) l'importante è che non parliate di aborto, eutanasia, vicinanza agli ultimi e ai malati, cose di cui oggi ha parlato Papa Francesco nella sua omelia celebrando in maniera degnissima e in pieno accordo e comunione col cerimoniere Marini che ha proposto lui i francescani della Verna per il servizio liturgico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luciana Cuppo20 marzo 2013 07:03

      "La scuola di Bologna e' infatti finita".

      Non ne sono cosi' sicura; l'idea del papato come servizio IN ALTERNATIVA E AD ESCLUSIONE (qui sta il problema) DEL MUNUS PETRINO DI MAGISTERO, MINISTERO E GOVERNO DELLA CHIESA UNIVERSALE, recentemente riesumata da Francesco, e' un'idea ricorrente nei lavori di studiosi quali Giorgio Cracco ed Alberto Melloni, certo vicini alla scuola di Bologna. Essi si basano su un passo di Gregorio Magno, ma la loro e' un'interpretazione unilaterale e fatta ad usum delphini, cioe' per favorire le loro idee personali.

      Elimina
    2. Ben detto! Sottoscrivo al 100%. Sentiremo presto la parola forte e decisa del Papa su aborto, eutanasia e nozze gay. Altro che mozzetta!

      Elimina
  73. LOURDES 12 settembre 2008

    DOMANDA: Che cosa dice a coloro che in Francia temono che il Motu proprio "Summorum pontificum" segni un ritorno indietro rispetto alle grandi intuizioni del Concilio Vaticano II? In che modo può rassicurarli?

    BENEDETTO XVI: È una paura infondata perché questo Motu proprio è semplicemente un ATTO DI TOLLERANZA, ai fini pastorali, per persone che sono state formate in quella liturgia, la amano, la conoscono, e vogliono vivere con quella liturgia. È un gruppo ridotto poiché presuppone una formazione in latino, una formazione in una cultura certa. Ma per queste persone avere l'amore e la tolleranza di permettere di vivere con questa liturgia, sembra un'esigenza normale della fede e della pastorale di un vescovo della nostra Chiesa. Non c'è alcuna opposizione tra la liturgia rinnovata del Concilio Vaticano II e questa liturgia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tra la liturgia rinnovata del Concilio Vaticano II e questa liturgia.....
      -----------------------
      tra la Messa riformata di Paolo VI/Bugnini, ridotta a "Cena" simil-protestante, incontro amichevole+banchetto
      ---> e la S. Messa di S. Pio V =rinnovazione incruenta del Santo Sacrificio del Calvario, Gesù Agnello senza macchia offerto in espiazione dei nostri peccati,
      c'è la stessa distanza che separa
      le cose di quaggiù (terra)
      ---> da quelle di lassù = CIELO

      Elimina
  74. In Argentina la gente commenta che non c'e nessun problema ad essere massoni! Per ignoranza (non hanno religione) o per interessi. Sono senza parole!

    RispondiElimina
  75. Qualcuno di voi sa cosa significa la croce che porta? Perche Gesu ha le braccia incrociate come una figura egizia? Con le gambe scoperte cosi non avevo mai visto.

    http://2.bp.blogspot.com/-wTcwAe0se4s/UUOhrTS5RwI/AAAAAAAABko/MxotMzhG8LQ/s1600/croce.jpg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha sulle spalle un agnello e lo tiene per le zampe, è per questo che sembra che abbia le "braccia incrociate".
      Le gambe scoperte non ha nessun significato "esoterico", è vestito da pastore.
      ...pastore che deve anche attraversare i corsi d'acqua quindi si è tirato su la veste.
      Cerchiamo di non vedere complottismi ovunque!!!

      Giacomo

      Elimina
  76. Un particolare (si fa per dire) su cui non ho ancora visto qui alcun commento, e su cui gradirei l'opinione di Redazione e lettori:

    Il blog di Doug Lawrence (http://douglawrence.wordpress.com/2013/03/19/pope-francis-his-inaugural-mass-at-the-vatican-in-pictures) riporta un commento di Mark Higdon il 20.3.2013 alle 12:11 a.m. (ora locale), il quale scrive: "Biden and Pelosi were given Holy Communion." Sia Biden che Pelosi sono pubblici sostenitori dell'aborto. Higdon continua dicendo che se a loro si e' data la Comunione, a lui non occorre altro per farsi un'opinione - certo non positiva - su Francesco. Io dico che qui non si tratta di pizzi, merletti e colore delle scarpe, ma del Corpo e del Sangue di Cristo, e concordo pienamente con Mark Higdon. E se l'atto e' sacrilego, come non mi sembra possibile dubitare, preferirei venisse da uno pseudopapa che da un papa legittimo. Voi che ne dite?

    RispondiElimina
  77. Devo rendere l'onore delle armi a mons. Fellay che ha sempre un grande intuito e conosce i volponi del Vaticano meglio di chiunque altro. Ha infatti intuito che malgrado la bontà e le aperture del Papa la maggior parte dei suoi collaboratori remava contro per cui ha preferito attendere ed astenersi dal firmare.
    Ed ha fatto benissimo. Se prima non si sgrullano il progressismo di dosso e tornano a Cristo è inutile fare accordi con i i prelati lebbrosi(definizione di papa Francesco) di carrierismo del Vaticano .

    RispondiElimina
  78. Devo rendere l'onore delle armi a mons. Fellay che ha sempre un grande intuito e conosce i volponi del Vaticano meglio di chiunque altro. Ha infatti intuito che malgrado la bontà e le aperture del Papa la maggior parte dei suoi collaboratori remava contro per cui ha preferito attendere ed astenersi dal firmare.
    Ed ha fatto benissimo. Se prima non si sgrullano il progressismo di dosso e tornano a Cristo è inutile fare accordi con i i prelati lebbrosi(definizione di papa Francesco) di carrierismo del Vaticano .

    RispondiElimina
  79. Benedetto e Francesco: diversi e amati nella continuità della riforma.
    Vi invito a leggere questo articolo all'indirizzo
    www.santamariaelemosina.wordpress.com

    RispondiElimina
  80. Ha ragione Luciana Cuppo. Il munus petrino non può esaurirsi nel servizio sic et simplicitere, o nella pratica della carità (specie se "socialmente" intesa), con esclusione delle altre virtù teologali e del potere giurisdizionale.Il munus petrino dev'esser senz'altro di servizio: di servizio a Dio e per questo agli uomini a cui si deve trasmettere la Parola di Dio. La missione della Chiesa è la conversione di tutte le genti per la salvezza di tutte le anime. Per questo il vero servizio del Papa è la trasmissione della parola di Dio rivelata e della Sacra Tradizione tramite il Magistero, specie solenne.
    Questo è il cvero servizio che atrtendiamo dal Papa. certi limiti manifestati nei suoi comportamenti dei giorni scorsi mi sembra che stiano smussandosi: l'omelia di ieri è stata appagante.
    I bagni di folla, i baci e gli abbracci ben vengano: ma a niente servono e restano solo populismo se privati della sostanza costituita dal Magistero ed il risanamento non solo morale ma soprattutto dottrinale della Chiesa. Il vero amore in questo comportamento si deve manifestare per esser gradito a Dio.

    RispondiElimina
  81. ed il risanamento non solo morale ma soprattutto dottrinale della Chiesa
    -------------.
    è saltaTA la conclusione: è improcrastinabile.
    Mi scuso per i refusi, ma il treno mi sballotta.

    RispondiElimina
  82. Alois

    Santa Messa ben più tradizionale di altre sceneggiate a cui abbiamo assistito in passato (tradizionale secondo il recupero della Vera Tradizione operato dal Concilio Vaticano II, di quella vera non di quella tardorinascimentale e barocca):
    il Santo Padre celebra cum populo coram deo (con sette candelabri); il Santo Padre non canta (per secoli non diceva neppure la Santa Messa se non in forma privata, prima delle "sacre rappresentazioni" cioè delle sceneggiate del Rinascimento e del Barocco, ovviamente); il Santo Padre comunica sotto le due specie i diaconi in ginocchio che poi, a loro volta, portano il Corpo di Cristo ai fedeli laici, in ginocchio pure loro (come voluto, e giustamente, da Benedetto XV), il tutto ancher per evitare le penose "rincorse" alla comunione papale, con relativa fotografia, quanto mai imbarazzante. Che mons. Guido Marini abbia qualcosa da imparare sulla liturgia dei 15 (quindici) secoli precedenti il Concilio di Trento. E smettiamola con le sciocchezze sulle scarpe rosse e sulla mozzetta: Gregorio Magno non aveva nè scarpe rosse nè mozzetta! La casula X Regio ha la foggia di quella usata per 13/14 secoli dai pontefici. Viva il Papa (quello regnante)!

    RispondiElimina
  83. Sarebbe già una gran cosa se Papa Francesco iniziasse ad epurare le sacrestie che ormai da lungi son impestate da froci e checche....
    Jorge

    RispondiElimina
  84. Mi meraviglio che si continua a parlare in questo blog di Bergoglio come Papa quando è oltremodo evidente che la Sede è vacante. Mi risulta che non fu valida neppure la sua ordinazione episcopale perchè fatta col nuovo rito prima che venisse autorizzato. Non vi aspettate nessuna riforma liturgica se non in peggio.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.