lunedì 16 aprile 2012

Mirano, chiesa piena per il ritorno della Santa Messa "antica"




Grande concorso di popolo per la S. Messa in rito romano antico officiata sabato pomeriggio a Mirano (Venezia), nella chiesa parrocchiale di S. Leopoldo Mandic, primo appuntamento per le celebrazioni regolari mensili in forma straordinaria che il gruppo stabile miranese è riuscito ad ottenere dopo il via libera da parte della Curia di Treviso. Oltre 300 i fedeli presenti, provenienti anche da altre parrocchie, tra cui Salzano, il paese di cui fu arciprete per 23 anni mons. Giuseppe Vardanega, il celebrante desigato formalmente dalla Curia. A servire erano presenti un capo cerimoniere e due ministranti. L'organo è stato suonato dal giovane maestro Nicola Lamon, titolare nella cappellania di S. Simeon Piccolo a Venezia, mentre il canto gregoriano è stato assicurato da Antonio Furlan in coppia con lo stesso Lamon.
Tutti soddisfatti i partecipanti alla celebrazione eucaristica, di cui soltanto una minima parte faceva parte del gruppo stabile di Mirano. Evidentemente, i fedeli cominciano a sentire una sempre più impellente necessità di Messe caratterizzate da profonda spiritualità, mistero, devozione e anche da un tenore estetico ormai largamente mancante nelle liturgie domenicali a cui sono abituati nelle loro parrocchie.
Prossimo appuntamento, sabato 12 maggio, sempre alle 16.30.

1 commento:

  1. La Santa Messa di sempre non è pizzi e merletti e non è neppure marmi e stucchi. Ben venga, sempre e comunque, la Sua celebrazione.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.