domenica 12 giugno 2011

Torna la Messa Antica all'Università di Verona

un caro lettore, finalmente, ci dà questa attesa e notizia!!

Roberto


Monsignor Masina ha detto di sì alla celebrazione in rito antico presso la Cappella Universitaria dell'Università di Verona, che per ora è la Chiesa di San Paolo in Campo Marzio.
La prima celebrazione avrà luogo mercoledì 6 luglio alle ore 11.
Il celebrante sarà don Francesco Marini(che la celebra già a Desenzano sul Garda) in quanto don Wilmar Pavesi , incaricato da Zenti per il rito antico, è assente per motivi familiari in quel periodo.
Le celebrazioni proseguiranno (anche in Agosto,) sempre i primi mercoledì e con lo stesso orario. Monsignor Masina si è dimostrato per ora favorevole a far pubblicizzare la Messa attraverso i canali del Centro Pastorale e a mettere un avviso sulla porta della parrocchiale di San Paolo in Campo Marzio per avvisare del rito tridentino mensile.
L'Università di Verona è il primo Ateneo in Veneto ad avere stabilmente la Messa in rito antico mensilmente.Preghiamo che i benefici per le anime siano copiosi.

18 commenti:

  1. ORRORE, ORRORE! Amici, sto seguendo la diretta della S. Messa di RAI1. Ma avete visto che paramenti?! Ma di cosa si tratta? Sembra una kermesse folkloristica in un agriturismo. Percussioni, chitarre, un cavallo inciso sulla casula del vescovo celebrante, un altare rotondo. Ma cos'è questa cosa?

    Aiuto, è finito tutto. Signore salvaci.

    RispondiElimina
  2. Caro Praecentor speriamo che la redazione ci informi......
    Penso che ormai certe liturgie moderniste siano incorregibili, perchè manca sia la volontà di accettare le correzioni, sia la volontà dall'alto di fare le correzioni........ ci sarebbe un lungo discorso da fare........ la Congregazione del Culto divino nicchia e dorme.......
    Mentre Gesù agonizzava nell'orto gli apostoli dormivano......
    don Bernardo

    RispondiElimina
  3. parliamo di cose più belle, qualcuno ha notizie circa l'apostolato di don Vilmar in diocesi di Verona?

    RispondiElimina
  4. Sarebbe cosa buona e giusta che la Messa in forma straordinaria venisse celebrata anche all'università di Padova, la più imortante del Triveneto e una tra le prime in Italia per prestigio e dimensioni.

    RispondiElimina
  5. PRAECENTOR, hai ragione, avevo cambiato canale solo per curiosità per vedere da quale chiesa trasmettessero, poiché era terminata la Messa da S. PIETRO del PAPA. Ho subito spento il televisore, mi sembrava una delle tante messe che ho assistito in Francia, che pena. Di positivo, poiché in quel momento il Vescovo stava facendo l'Omelia, c'era che il Vescovo teneva il Pastorale e la Mitra in testa. Allez cordialmente.

    RispondiElimina
  6. Renato Degnipatri13 giugno 2011 11:32

    Non lo conosco personalmente. Questo il link del sito gestito dai "suoi" fedeli: www.traditio.it

    RispondiElimina
  7. Luis Moscardò13 giugno 2011 12:22

    Io lo conosco personalmente, per mia fortuna. La prima S. Messa cui mi sono avvicinato è stata in Santa Toscana (Q.re Portavescovo a Verona)  dove questo giovane sacerdote celebra quotidianamente alle 9,00 se non ricordo male e la domenica alle 11,00.
    Particlarmente devoto, spesso paga di persona per la sua ortodossia e anche molti dispetti che la curia veronese non gli fa mai mancare. E' una santa persona che val la pena di conoscere.
    Attenzione: non è automatico il riconoscimento dei fedeli di S. Toscana col sito sopra citato...

    RispondiElimina
  8. Renato Degnipatri13 giugno 2011 14:50

    Luis, sei di Verona?
    Giusta la tua precisazione. Sta di fatto che don Vilmar è rettore di S. Toscana, e a Verona - giusto o sbagliato che sia - i fedeli di S. Toscana vengono automaticamente "collegati" a chi cura il suddetto sito.

    RispondiElimina
  9. Io ho avuto la grazia di conoscere e incontrare il VALOROSO e PIISSIMO Don Vilmar nel corso di un viaggio in treno di ritorno da Bologna ! Quanto furono edificanti quei 35 minuti di viaggio con cui parlai con il Pio Sacerdote!
    Quando lo intravvidi in stazione a bologna in una buia sera di febbraio in Abito Talare, mi sembrava di sognare !
    Capsita! Un sacaerdote vestito da prete pensai !

    Spero possa esser presto a celebrare la Santa Messa di sempre presso l'università, cosicchè gli studenti possano essere edificati da un cosi tanto sublime esempio di Sacerdote Cattolico.

    Spero di tutto tutto cuore che gli impegni familiari che trattengono attualmente il Sacerdote non siano gravi ! E ad ogni modo gli faccio i miei più sentiti auguri ricordandolo nella preghiera quotidiana !

    Che il Buon Dio e la Vergine Santissiam conservino il pio don Vilmar per tantissimi anni in questo travagliato mondo. E che possano esserci tanti sacerdoti come lui di cui la Chiesa e il mondo hanno veramente bisogno !
    E che i nemici soprattutto dentro al Clero possano essere dispersi e confusi nelle loro menti e animi perversi!

    RispondiElimina
  10. è UN SANT'UOMO DON VILMAR. DA PROVARE ANCHE LA CONFESSIONE CON LUI.

    RispondiElimina
  11. Io ieri domenica 12 giugno, ho avuto la grazia di partecipare al Solenne Pontificale in Rito Tridendino celebrato a Modena nella Parrocchia dello Spirito Santo da S. Er. il sig. Crdinale Raimond Leonard Burke.

    Che gioia immensa!

    RispondiElimina
  12. Te lucis ante terminum14 giugno 2011 08:48

    Anche le sue prediche sono toste: sui valori non negoziabili, il peccato contro lo Spirito Santo, i Novissimi...tutte cose assolutamente normali e doverose per un prete cattolico, ma al giorni d'oggi purtroppo... :(

    RispondiElimina
  13. Segnalo che Don Francesco Marini, il sacerdote che sostituirà Don Wilmar, ha un anno di Messa (!), e fin dall'inizio del suo sacerdozio diocesano ha sempre celebrato anche in rito antico: è un prezioso regalo avere un sacerdote giovanissimo così determinato e ben orientato. Sosteniamolo.

    RispondiElimina
  14. nella chiesa di San Paolo in Campo Marzio il giovane chierico San Gaspare Bertoni cominciava il suo ministero di catechista.

    RispondiElimina
  15. Speriamo che si ricordi di indossare l'Abito Talare, e, non si faccia fregare dall'uso del clergiman da pastore protestante

    RispondiElimina
  16. Renato Degnipatri14 giugno 2011 16:12

    Don Francesco indossa spesso l'abito talare...dobbiamo stare attenti noi, a non farci fregare dall'idea che basti l'abito. L'abito è importante certo, assieme a tanti altri aspetti. E don Francesco li coltiva tutti, questi aspetti. A partire dalla preghiera personale, dallo studio della dottrina, dalla devozione e fedeltà al Papa e al Magistero...preghiamo per lui e per tutti i giovani sacerdoti e seminaristi.

    RispondiElimina
  17. Carissimi,
       per avere la Messa a Padova bisogna raccogliere firme e mandare la richiesta al Vescovo e all'Ecclesia Dei; questo comporta un pò di sacrificio , vale a dire che bisogna mettrsi in gioco anche a costo di subire qualche piccolo ''martirio'' che è facilmente sopportabile. La nostrta fede lo richiede

    RispondiElimina
  18. D. Vilmar non è un santo prete...ha negato la comunione alle donne con i pantaloni e senza velo e faceva omelie terroristiche, Gesù non avrebbe voluto sacerdoti così...che ti fanno perdere la fede...prego x lui

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.