sabato 22 gennaio 2011

Il Vaticano condanna i preti cattolici e difende i vescovi eretici



Da una parte, un vescovo che concelebra cogli anglicani alle pseudordinazioni di similpreti e druidesse (vedete qui), che inaugura moschee e all'offertorio "presenta all'altare" scritte inneggianti ad Allah e Maometto suo profeta (leggete qui), che sul suo giornaletto diocesano fa pubblicare articoli dei soliti vezzeggiati teologi-would-be che liquidano come medioevale l'idea di transustanziazione e insegnano che l'eucarestia è solo un simbolo (confronta qui). Dall'altra un parroco qualsiasi, che confessa e dice Messa (la nuova e la vecchia), fa processioni e visita i malati. Date queste sue retrive attitudini, la sua è l'unica parrocchia della diocesi che non ha visto un crollo di parrocchiani; anzi tutti, sindaco in testa, sono con lui.

Il vescovo lo odia, perché quel parroco è la vivente prova del fallimento di tutto il ciarpame modernistico in cui egli, degno successore degli Apostoli (cioè di Giuda) crede. E soprattutto incarna quel cattolicesimo vero e non adulterato che egli odia. Quindi decide di cacciarlo dalla sua parrocchia, per unirla a quella del paese vicino dove il prete è come piace a lui: scrive proclami sindacali, celebra alla chissenefregatantononcicredo, e naturalmente ha una chiesa desolatamente vuota. Quindi ha tutto il tempo per andare a far danno anche altrove. Il vescovo e il suo prete-cocco vanno a Thiberville, per scacciarne il buon parroco, l'abbé Michel. Tutti ricorderete la vicenda e, in caso contrario, ripassatela qui.

Il parroco si appella a Roma. Notizia di questi giorni: il ricorso è stato rigettato dalla Segnatura Apostolica. L'abbé Michel dovrà partire, la parrocchia è dissolta e "normalizzata", i cattolici si impicchino, a Roma se ne fottono.

Enrico

575 commenti:

  1. "a Roma se ne fottono"
    Il vocabolario di questo blog si adegua ai tempi?

    RispondiElimina
  2. Scusate, ma ci vuole un minimo di "contegno" (diciamo cosi). Non si può scrivere cosi di un vescovo, oltretutto non è detto che conosciamo esattamente come siano andate le cose.

    Quindi diamoci una calmata, per cortesia.

    RispondiElimina
  3. La notizia non fa piacere. Da un lato era prevedibile che Roma avrebbe dato l'ok al vescovo (la dottrina vuole che il sacerdote diocesano ubbidisca al proprio vescovo) però si poteva tenere in maggior conto delle esigenze dei fedeli.
    Bisogna pregare, e tanto, sostenuti dalla convinzione che non prevaranno!

    RispondiElimina
  4. Bravo Enrico, la reazione dei due modernisti semianalfabeti dimostra che hai colto nel segno. Non rispondono MAI nel merito, ma ne fanno questione di lessico o, nella peggiore delle ipotesi, insultano come una Nirenstein qualsiasi.
    Cari saluti

    RispondiElimina
  5. Certo che gli ebrei ti stanno proprio sulle palle!
    MD

    RispondiElimina
  6. Complimenti, Bartimeo, come sempre le tue argomentazioni sono molto profonde!

    RispondiElimina
  7. Dato che mi da del modernista replico.
    Avrei preferito che un blog che si richiama alla tradizione avesse approfondito le virtù cristiane che portarono centinaia di Santi a perseverare nella Buona Battaglia nonostante "Roma" sbagliasse. Penso a S.Pio da Pietrelcina o a S. Celestino V. E trovatemi negli scritti e nei racconti di questi Santi una riga in cui si incitasse all'impiccagione dei veri Cattolici perchè Roma "se ne fotte". Quando me ne troverà uno iota, le darò il permesso di darmi del modernista.
    Ammesso che abbia mai letto la Pascendi Dominici Gregis dell'ultimo Papa Santo e quindi che sappia di cosa parla.
    Ora capisco perchè persone illustrissime abbiano smesso di commentare questo blog. Manca un minimo di moderazione.

    RispondiElimina
  8. Lo confesso: il primo pensiero che ho avuto quando ho letto questo articolo non è stato sicuramente dei più cristiani. Penso che qualsiasi persona di buon senso si indignerebbe se queste cose qua scritte fossero realmente così.

    Dico realmente così perchè, fino a prova contraria credo, non sappiamo come stiano realmente le cose.

    Sicuramente la frase su Giuda, secondo me, andava formulata un pò meglio: da come è scritta sembra che l'autore voglia intendere che <span>tutti</span> gli apostoli fossero dei Giuda, mentre invece ben sappiamo che così non è :-)

    Non capitemi male: io sono il primo che, quando vede abusi liturgici, si fa inevitabilmente venire gli occhi di fuoco e, per usare un simpatico termine datomi dalla mia fidanzata in certi momenti, metterei tutto a "sangue e fiamme" :P

    Però è sbagliato come approccio: come tutte le ingiustizie, fa venire la bile. Però il cristiano dovrebbe (uso il condizionale innanzitutto per me stesso) prima di tutto credere realmente, oltra alla indiscutibile presenza reale eucaristica, che Cristo è il padrone della storia.
    Altrimenti rischiamo pure noi di cadere nell'errore in cui sono caduti quelli di cui stiamo parlando: pretendere NOI di guidare, stabilire, fare.

    Non prevalebunt, anche se potranno pure arrivere  ad 1 mm dalla cattedra di Pietro ;-)

    E, per quanto riguarda i fedeli, ricordiamoci che il Cristo non abbandona mai le sue pecore. Mai.

    un abbraccio e un saluto fraterno

    RispondiElimina
  9. A noi tocca pregare. Se i monsignori curiali del Vaticano "apprezzano" l'operato di quel vescovo, vuol dire che in questo preciso momento storico, il Signore ci chiede ai cattolici "normali" umiliati la prova della nostra fede. Guai se cadessimo nelle loro idee , occorre perseverare e avere  fede.... Il sacerdote normale che confessa e dice bene la santa messa, anch'eefgli è chiamato dal Signore ad adeguarsi in spirito di obbedienza . Pensiamo che iL Signore ci abbandonerà davvero? Mai tempi di Dio , non sono i tempi di noi uomini.

    RispondiElimina
  10. Non "a Roma se ne fottono", ma "il Card. Leo Burke se ne fotte", non è lui a capo della Segnatura Apostolica? Se ha deciso così avrà avuto le sue ragioni...

    RispondiElimina
  11. Non mi stupisce più di tanto la cosa. Se non erro già Lefebvre profetizzava le persecuzioni che avrebbero subito  i preti fedeli alla Tradizione ma al contempo desiderosi di rimanere in comunione con le gerarchie vaticane postconciliari. Purtroppo la verità è questa: non esiste Riforma della Riforma, non esiste alcuna continuità nella tradizione, non perché non sia possibile, ma perché nessuno (anche fra quelli che la invocano) la vuole attuare. E' doloroso dirlo ma così stanno le cose.

    RispondiElimina
  12. Caro Enrico,

    comprendo la Sua tristezza per l'accaduto; tuttavia mi è spiaciuta tantissimo la Sua espressione finale... si addice così poco a chi dona tantissimo del Suo tempo alla causa di Cristo e della Chiesa.
    Noi non conosciamo approfonditamente tutta la storia del caro confratello francese, se non altro perchè non abbiamo LETTO tutti i documenti.
    Il giorno della nostra ordinazione noi sacerdoti abbiamo promesso obbedienza al nostro vescovo e ai suoi successori. Non è sempre facile praticare l'obbedienza però lo abbiamo promesso... e tale virtù dobbiamo praticarla anche quando il nostro Ordinario è oggettivamente ... - mi si consenta - una mezza calzetta!
    Gli esempi riportati sopra sono CALZANTISSIMI all'argomento che stiamo trattando: p. Pio non disse mai nulla contro l'arcivescovo Gagliardi che di vescovo aveva solo i paramenti... così come non si permise mai di disubbidire (anche quando l'obbedienza gli richiedeva atroci sofferenze fisiche) al suo ultimo Guardiano che anche... la notte in cui il santo frate morì era fuori convento in dolce compagnia... e la cosa si sapeva coram populo!!!
    Infine vorrei precisare che non è vero che Roma dà sempre ragione ai vescovi... no! Non è proprio vero! Potrei fare nome e cognome di vari vescovi (anche forti) della nostra penisola che invece hanno dovuto rimangiarsi tutto... ma proprio tutto! Potremo commentare solo quando potremo leggere tutti i documenti.
    Termino: il caro confratello francese, poi, non è stato sospeso a divinis; è solo stato spostato di parrocchia... potrà continuare a lavorare come ha sempre fatto. Anzi il fatto che egli possa "evangelizzare" varie parrocchie dovrà, prima o poi, spingere gli altri confratelli di quel presbiterio a dare una sterzata al proprio operato.
    Con stima.

    RispondiElimina
  13. Enrico: io non solo non dico parolacce, ma neppure le penso. Ma quando ci vuole ci vuole!

    BRAVO. Peccato che la nostra indignazione non serva a nulla.

    In qualche commento si è accennato al rispetto e all'ubbidienza dovuta ai Pastori.  Nessuno di noi predica il contrario. Ma di fronte ad un Vescovo neomodernista che ha distrutto la diocesi (per la verità già distrutta pure dai suoi neomodernisti predecessori) abbiamo il dovere di reagire.

    La Fede è più importante dell'ubbidienza. E sempre che di ubbidienza si possa parlare verso chi pur avendone l'autorità governa una diocesi distruggendola. A me pare che più che di ubbidienza qui si tratta di servilismo; e san Tommaso insegna che il servilismo non solo non è una virtù, ma un peccato.

    RispondiElimina
  14. Ci aggiungo Rosmini!
    MD

    RispondiElimina
  15. L'Ordinario non ha ordinato in materia di dottrina e morale, ma ha semplicemente ordinato un avvicendamento in una parrocchia.
    Se vi fosse stato un comando contro la dottrina e la morale il confratello aveva il DOVERE (non il diritto) di disubbidire.

    RispondiElimina
  16. Provo a fare l'avvocato del diavolo.
    Posto che non ritengo il Vescovo in questione capace di tale ragionamento, ritengo che una riflessione più attenta avrebbe portato il Vescovo ad un ragionamento di questo tipo.
    Siccome a Thimberville le cose ormai vanno con le proprie gambe ed i fedeli hanno fatto un potente vaccino mando lì uno scalzacane qualsiasi che non potrà fare poi più di tanti danni e mando l'abbè in un altro posto dove potrà proseguire con altre anime ( e che sono queste meno degne?) l'opera di ricostruzione.
    L'abbè, dando esempio di abnegazione e spirito di sacrificio, prende e va!
    Fine della storia.
    Ribadisco: il vescovo in questione non lo ritengo capce di tale finezza "strategica" ma non mi sembra esente da colpe neanche l'Abbè! Chi lo sa!
    La disobbedienza porta comunque a risulatti tristi. Per tutti!
    MD

    RispondiElimina
  17. Anche nell'obbedienza.. ordinata da Dio come virtù e in quanto ordine anch'essa è sottoposta ad una gerarchia di valori perchè Dio è ordine... quindi è giusto obbedire al Vescovo come successore degli Apostoli ma ancor più giusto obbedire alla Fede, alla morale e alla dottrina Cattolica di sempre, dinanzi ad un Vescovo eretico non siamo chiamati ad abbasarci i pantaloni ed esibire le nostre vergogne perchè Dio non se ne compiacerebbe ma dobbiamo come fratelli in Cristo dimostrare la nostra riluttanza nei confronti del poveretto fratello nostro smarrito e ricondurlo prima con la mitezza e poi con l'asprezza e sempre in entrambi i casi con l'ausilio della preghiera, che tutto può e sostiene, e amore nell'ovile anche se egli non solo fosse Vescovo ma anche Cardinale o Papa... certamente è cosa difficile, ma la falsa umiltà nel fare equivale ad omissione, l'omissione è peccato perchè per via dell'omissione non si collabora alla edificazione del Regno di Dio nel mondo anzi la casa non solo non si ingrandisce ma anche la si abbandona e la si lascia sprofondare nella rovina cieca... il sig. Enrico redattore di questo articolo poi non credo che sia un consacrato ma un giornalista e se non lo è di professione lo è di merito poichè scrive molto bene, le parole un pò colorite da lui usate chiaramente non sono una bellezza, ma grazie ad esse e questo suo tono un pò duretto è riuscito a creare opinione e ad alzare un bel polverone sul caso... a volte serve cari fratelli...

    RispondiElimina
  18. Fa sorridere vedere quelli che si strappano i capelli per una parola un po' pesante (poi anche lì si potrebbe discutere), quelli che hanno lo strano tic di dovre scrivere "obbedienza" ogni due parole. Ma di che obbedienza stiamo parlando? Don Michel sa benissimo che per le anime a lui affidate sarebbe la fine se la sua parrocchia finisse nelle grinfie dei preti atei di cui è circondato, sa benissimo che via lui quella parrocchia sarebbe morta. A cosa bisogna obbedire? Un sacerdote deve lasciare che i suoi parrocchiani perdano la fede? E poi basta continuare a richiamare padre Pio! Prima di tutto la spiritualità di un cappuccino è ben diversa da quella di un sacerdote diocesano, inoltre, proprio perché egli conosceva l'obbedienza (quella vera!) si è sempre rifiutato di celebrare la "cena del Signore" alla faccia di Paolo VI e dei suoi amici protestanti. Da ultimo, Nostro Signore ha avuto la grazia di chiamarlo a sé nel 1968, senza farlo vivere attraverso l'apostasia che dobbiamo vedere noi. Chissà se fosse vivo adesso cosa direbbe su Assisi 1, 2 e 3? Cosa farebbe di fronte ai preti concubini di Linz? Distribuirebbe la comunione in mano a gente in canottiera ed infradito?

    RispondiElimina
  19. Seminarista affranto22 gennaio 2011 12:28

    <span>Anche nell'obbedienza.. ordinata da Dio come virtù e in quanto ordine anch'essa è sottoposta ad una gerarchia di valori perchè Dio è ordine... quindi è giusto obbedire al Vescovo come successore degli Apostoli ma ancor più giusto obbedire alla Fede, alla morale e alla dottrina Cattolica di sempre, dinanzi ad un Vescovo eretico non siamo chiamati ad abbasarci i pantaloni ed esibire le nostre vergogne perchè Dio non se ne compiacerebbe ma dobbiamo come fratelli in Cristo dimostrare la nostra riluttanza nei confronti del poveretto fratello nostro smarrito e ricondurlo prima con la mitezza e poi con l'asprezza e sempre in entrambi i casi con l'ausilio della preghiera, che tutto può e sostiene, e amore nell'ovile anche se egli non solo fosse Vescovo ma anche Cardinale o Papa... certamente è cosa difficile, ma la falsa umiltà nel fare equivale ad omissione, l'omissione è peccato perchè per via dell'omissione non si collabora alla edificazione del Regno di Dio nel mondo anzi la casa non solo non si ingrandisce ma anche la si abbandona e la si lascia sprofondare nella rovina cieca... il sig. Enrico redattore di questo articolo poi non credo che sia un consacrato obbligato a mostrare contegno nelle parole in ordine all'abito Sacro che indossa  ma un giornalista e se non lo è di professione lo è di merito poichè scrive molto bene, le parole un pò colorite da lui usate chiaramente non sono una bellezza, ma grazie ad esse e questo suo tono un pò duretto è riuscito a creare opinione e ad alzare un bel polverone sul caso... a volte serve cari fratelli...</span>

    RispondiElimina
  20. Seminarista affranto22 gennaio 2011 12:32

    <span><span>L'obbedienza ordinata da Dio come virtù è sottoposta ad una gerarchia di valori perchè Dio è ordine... quindi è giusto obbedire al Vescovo come successore degli Apostoli ma ancor più giusto è obbedire alla Fede, alla morale e alla dottrina Cattolica di sempre. </span></span>
    <span><span>Dinanzi ad un Vescovo eretico o scismatico non siamo chiamati ad abbasarci i pantaloni ed esibire le nostre vergogne perchè Dio non se ne compiacerebbe ma dobbiamo come fratelli in Cristo dimostrare la nostra riluttanza nei confronti del poveretto fratello nostro smarrito e ricondurlo prima con la mitezza e poi con l'asprezza e sempre in entrambi i casi con l'ausilio della preghiera e dell'amore , che tutto possono e sostengono, nell'ovile anche se egli non solo fosse Vescovo ma anche Cardinale o Papa... certamente è cosa difficile, ma la falsa umiltà nel fare equivale ad omissione, l'omissione è peccato perchè per via dell'omissione non si collabora alla edificazione del Regno di Dio nel mondo anzi la casa non solo non si ingrandisce o abbellisce  ma anche la si abbandona e la si lascia sprofondare nella rovina cieca... </span></span>
    <span><span>Il sig. Enrico, poi, redattore di questo articolo non credo che sia un consacrato obbligato a mostrare contegno nelle parole in ordine all'abito Sacro che indossa  ma un giornalista e se non lo è di professione lo è di merito poichè scrive molto bene, le parole un pò colorite da lui usate chiaramente non sono una bellezza, ma grazie ad esse e questo suo tono un pò duretto è riuscito a creare opinione e ad alzare un bel polverone sul caso... a volte serve cari fratelli...</span></span>

    RispondiElimina
  21. Christe eleison22 gennaio 2011 12:35

    Il Signor Enrico ha degli attributi e li ha usati.
    Non è forse vero che a Roma se ne fottono di chi ama la Chiesa e si fa posto agli eretici?

    RispondiElimina
  22. Christe eleison22 gennaio 2011 12:36

    <span>Il Signor Enrico ha gli 'attributi' e li ha usati.  
    Non è forse vero che a Roma se ne fottono di chi ama la Chiesa e si fa posto agli eretici?</span>

    RispondiElimina
  23. Calma! Calma! Calma!

    Il sig. Milanese è un ordinato in sacris? E se non lo è - mi si consenta - che ne sa lui della differenza tra l'obbedienza che deve praticare un cappuccino e quella che deve praticare un sacerdote diocesano? E se il sig. Milanese è un ordinato in sacris ha una concezione piuttosto riduttiva-legalista dell'obbedienza (i cappuccini fanno voto e i diocesani la promessa: giuridicamente la cosa è diversa ma la sostanza non cambia!).
    Dire che la parrocchia guidata dal confratello francese perderà la fede credo che sia una grave offesa all'operato del predetto confratello: i parrocchiani sono stati ben nutriti e sanno che devono guardare a Cristo, seguire lui solo e non le eventuali ipotetiche stramberie del successore. Se la fede dei parrocchiani finisse con la partenza del confratello (e non sarà così) vorrebbe dire che il parroco ha operato male... il buon Dio scrive diritto fra le righe storte e... non muta mai la sorte dei suoi figli se non per dare loro una gioia più grande...!
    Si continua ad incolpare la Santa Sede ma suvvia chi potrà mai credere che il card. Burke, che è a capo della Segnatura Apostolica, possa aver fatto una preferenza per quell'Ordinario???

    RispondiElimina
  24. E' un momento in cui il Signore sta chiedendo ai buoni sacerdoti lo stato di vittima; offriamoci - anche se io non sono un buon sacerdote - perché questi giorni "siano abbreviati" - Il Signore ci sta dicendo: "volete la Messa come Sacrificio e non come girotondo? Eccovi serviti". Non c'è rito più bello per un sacerdote che essere crocifissi con Gesù; non c'è gregoriano più soave che avere il cuore trapassato con Maria. Per un prete non è importante dove è parroco; siamo tutti parroci a Gerusalemme, e nessuno ci caccerà mai dal territorio veramente indispensabile: i 20 cmq dove va piantato il palo della croce. E voi laici aiutateci, perché "il fuoco sia riacceso" il prima possibile

    RispondiElimina
  25. Nobis quoque peccatoribus22 gennaio 2011 13:02

    Una volta c'erano anche i re cattolicissimi a vigilare sui Vescovi, che stavano ben attenti.

    FdS

    RispondiElimina
  26. Calma! Calma! Calma!

    Il sig. don (?) è un cattolico? Se non lo è, cosa ne sa lui dell'importanza di avere come guida prossima nella Fede un sacerdote preparato e cattolico piuttosto che un ateo? E se il sig. don (?) è cattolico, ha una visione piuttosto riduttiva-semplicistica della crisi della Chiesa e del mondo contemporaneo se crede che dei semplici fedeli, anche se ben preparati, possano, senza aiuti provenienti da dei validi sacerdoti, vivere in grazia di Dio ed arrivare alla salvezza della propria anima. 

    Io direi che seguire Gesù Cristo sarebbe sufficente se non ci fossero "pastori" pronti ad indicare con gioia la via della moschea o della pagoda. Se la Fede (io amo ancora scriverla con la maiuscola, ma si sa...sono un cattivone retrogrado lefèbvriano) dei parrocchiani finisse con la partenza di don Michel, vorrebbe dire che il suo successore non ha assolutamente idea di come alimentarla nel cuore delle persone, e sembra proprio questo il caso guardando alla situazione delle parrocchie in generale ed in Francia in particolare...il buon Dio scrive dritto sulle righe storte, ma per scrivere vuole aver bisogno di una penna chiamata sacerdote. Perché fondare la Chiesa allora? Avrebbe potuto stabilire il Suo regno sulle anime direttamente, ma ha voluto fare diversamente. 

    Si continua ad incolpare i tradizionalisti di vedere mali conciliari ovunque, ma suvvia, chi potrà mai credere che tutti questi bravi vescovi come Nourrichard (tra l'altro ben protetti dall'alto) facciano tutto questo in malafede col preciso scopo di far dimenticare il cattolicesimo alle persone che sono sciaguratamente sotto la loro "cura" pastorale???

    RispondiElimina
  27. E' grave che di fronte ai lupi c'e' chi da' l'allarme e poi ci sono i buonisti che si scagliano non contro i lupi, ma contro chi da' l'allarme perche' disturba il loro sonno o peggio, fa' troppo chiasso e con  termini poco eleganti come se l'allarme andasse bisbigliato anziche' urlato. E' molto grave vedere  che la nave e' guidata da gente che la manda contro gli scogli ,e grazie a Dio  qualcuno se ne accorge Ma  ecco i soliti "so_tutto_io" che invece di cercare di far cambiare rotta o alla peggio usare le scialuppe di salvataggio , in questi casi tragici stanno a guardare il bon ton perdendo tempo prezioso e dimostrando insensibilita' e disinteresse per le anime in pericolo che potrebbero naufragare. Io e mia moglie abbiamo ricevuto tante umiliazioni poiche' prendevamo  la comunione in ginocchio  e durante il  battesimo show di mia figlia in  parrocchia  in cui ci hanno propinato chitarrine e nacchere osanna ye osanna ye con il parroco che si dimenava sull'altare ( nonostante la ns, richiesta di sobrieta') con l'aggiunta di bambini invitati sull'altare a guardare il battesimo di mia figlia come se si affacciassero su una cucciolata appena nata,  con mio profondo scandalo.Alla fine abbiamo scoperto la Messa di Sempre, facciamo 600 km al mese in giro per andare solo a "Messe di Sempre"...e l'altro mio figlio l'ho battezzato con rito tradizionale......!! Parlate parlate...alla mia anima e quella della mia famiglia ci penso io secondo la Tradizione Cattolica e ringrazio Dio per avermi salvato!!!!!

    RispondiElimina
  28. Milanese, Padre Pio è stato un grande santo, e i santi devono esserci da esempio in ogni cosa.
    Era un religioso e non un sacerdote?
    Ma allora San Benedetto da Norcia dev'essere imitato solo dai monaci?
    Sant'Agostino solo dai teologi?
    San Francesco solo dai frati?
    E Pio X solo dai papi?
    Padre Pio inoltre non si ribellò mai a Paolo VI, chiese il permesso di poter celebrare la messa di sempre (perciò nessun festo di sfida) e gli fu concesso proprio da quel 'protestante' pontefice. Quando nel 1968 fu annunciata una sua possibile visita al santo frate, quest'ultimo rispose "Non sono degno!". Lo stesso pontefice fu il destinatario dell'ultima lettera di Padre Pio il quale: ringraziava per l'Humanae Vitae, assicurava le sue preghiere e confermava assoluta obbedienza 'alle sue illuminate direttive'.
    Non sapeva dell'apostasia? A parte il fatto che il santo visse abbastanza per vederne le basi (la contestazione del 68) e non ci voleva certo un genio per capire le conseguenze (soprattutto per uno come lui. D'altronde, secondo una testimonianza riportata da Giovanni Siena, quando fu eletto Giovanni XXIII, mentre tutti festeggiavano, il frate impallidì e sembrò stare male: aveva 'visto' le conseguenze delle azioni di quel pur santo e ben intenzionato pontefice), che in quel concilio (di cui comunque condannò alcuni aspetti sempre più emergenti, non l'evento in se) qualcosa non andasse lo aveva capito molto bene. Non solo per il famoso 'il concilio, per carità, chiudetelo in fretta' rivolto tramite il cardinale Bacci a Paolo VI (che forse ne tenne pure conto!) ma anche per alcuni ammonimenti dati ai vari visitatori di quegli anni ("Trattatemi bene la madonna" disse ad un gruppo di padri conciliari).
    Eppure rimase sempre fedele.
    Perciò, mi dispiace, ma non riuscirà a trasformarlo in un cripto-lefevbriano.

    RispondiElimina
  29. <span>Milanese, Padre Pio è stato un grande santo, e i santi devono esserci da esempio in ogni cosa.  
    Era un religioso e non un sacerdote?  
    Ma allora San Benedetto da Norcia dev'essere imitato solo dai monaci?  
    Sant'Agostino solo dai teologi?  
    San Francesco solo dai frati?  
    E Pio X solo dai papi?  
    Padre Pio inoltre non si ribellò mai a Paolo VI, chiese il permesso di poter celebrare la messa di sempre (perciò nessun gesto di sfida) e gli fu concesso proprio da quel 'protestante' pontefice. Quando nel 1968 fu annunciata una sua possibile visita al santo frate, quest'ultimo rispose "Non sono degno!". Lo stesso pontefice fu il destinatario dell'ultima lettera di Padre Pio il quale: ringraziava per l'Humanae Vitae, assicurava le sue preghiere e confermava assoluta obbedienza 'alle sue illuminate direttive'.  
    Non sapeva dell'apostasia? A parte il fatto che il santo visse abbastanza per vederne le basi (la contestazione del 68) e non ci voleva certo un genio per capire le conseguenze (soprattutto per uno come lui. D'altronde, secondo una testimonianza riportata da Giovanni Siena, quando fu eletto Giovanni XXIII, mentre tutti festeggiavano, il frate impallidì e sembrò stare male: aveva 'visto' le conseguenze delle azioni di quel pur santo e ben intenzionato pontefice), che in quel concilio (di cui comunque condannò alcuni aspetti sempre più emergenti, non l'evento in se) qualcosa non andasse lo aveva capito molto bene. Non solo per il famoso 'il concilio, per carità, chiudetelo in fretta' rivolto tramite il cardinale Bacci a Paolo VI (che forse ne tenne pure conto!) ma anche per alcuni ammonimenti dati ai vari visitatori di quegli anni ("Trattatemi bene la madonna" disse ad un gruppo di padri conciliari).  
    Eppure rimase sempre fedele, era un autentico uomo di Dio che sapeva guardare mooolto più lontano di noi e nonostante la crisi, sapeva che la Chiesa resta sempre Chiesa, nonostante le indubbie cavolate di molti suoi uomini.  
    Perciò, mi dispiace, ma non riuscirà a trasformarlo in un cripto-lefevbriano.</span>

    RispondiElimina
  30. Dio te ne renderà merito, sia delle umiliazioni che dei kilometri!

    RispondiElimina
  31. Capisco che possano saltare i nervi.
    Bisognerebbe però che comunque evitare ripercussioni sul bon ton.
    Detto fraternamente, non è una puntata d'indice.
    E' dei saggi accorgersi di un errore.
    E un post non è scritto con inchiostro indelebile.
    Sig. Enrico, è sempre in tempo a correggerlo.

    RispondiElimina
  32. <span>Capisco che possano saltare i nervi.  
    Bisognerebbe però comunque evitare ripercussioni sul bon ton.  
    Detto fraternamente, non è una puntata d'indice.  
    E' dei saggi accorgersi di un attimo in cui si è lasciati prendere.  
    E un post non è scritto con inchiostro indelebile.  
    Sig. Enrico, è sempre in tempo a correggerlo.</span>

    RispondiElimina
  33. Vedi, io non ho nessun problema ad accettare padre Pio così com'è, piuttosto mi pare che sia dalla parte opposta che si cerca di tirarlo per il cordone per farlo passare come un fautore dell'obbedienza cieca anche di fronte alle più grandi aberrazioni. Spero che unitamente ad evocare a don Michel padre Pio rispetto all'obbedienza, tu e quelli come te lo vadano ad evocare anche ai preti atei sguinzagliati nelle nostre parrocchie rispetto all'amore per il Santo Sacrificio e rispetto alle ore passate in confessionale.

    RispondiElimina
  34. Simon de Cyrène22 gennaio 2011 13:19

    Non posso che concordare con chi chiede di vedere questa notizia con sguardo soprannaturale, come già ho suggerrito su un'altro thread quando questo soggetto fu portato a galla da uno dei forumisti un paio di giorni fa.
    Per noi cristiani, le (apparenti o reali) ingiustizie non sono pietre d'inciampo ma croci che ci santficano se le abbracciamo con lo stesso spirito di obbedienza del Cristo stesso e dei Suoi grandi santi, come quelli citati più sopra.

    Perdipiù, non abbiamo tutti i dati e tutte le informazioni e lo spirito di umiltà comanda di fare giudizi temerari, soprattutto affermare che a i  responsabili "se ne fo**"no": quando questo responsabile è il Card. Burke, amico della forma straordinaria e di certo non un modernista, vuol dire cercare di darsi altre zappate sui propri piedi, cioè su chi ama la tradizione ela messa gregoriana nella Chiesa.

    Per chiudere, personalmente non vedo di buon occhio che un laico o un prete "possa averla vinta" contro il proprio vescovo, in quanto la Chiesa non è una democrazia, ma una teocrazia monarchica. Tanto ben sappiamo, che da ogni male il Cristo stesso fara un Bene ancora più grande: forse che avere l'abbé Michel in un altra parrocchia gli permetterà di incontrare, convertire e catechizzare il futuro San Benedetto di Norcia che converrirà l'Europa, mentre disobbedendo impedirebbe alla Grazia di spargersi come Dio vuole.

    Non serve aizzare l'abbé Michel ed i suoi simpatizzanti contro Roma, serve aiutarli con il nostro sostegno spirituale fatto di preghiiere e di mortificazioni e gesti amicali e di simpatia alfin di aiutarli ad accettare la volontà di Dio, sempre amabile.

    Ubi Petrus Ibi Ecclesia. I.P

    RispondiElimina
  35. certo che si può: c'è la documentazione, quandi non solo si può, MA SI DEVE!! I cattolici veri non prendevano forse a pedate i vescovi ariani che gli venivano inviati, all'epoca?

    RispondiElimina
  36. Simon de Cyrène22 gennaio 2011 13:26

    <span>Non posso che concordare con chi chiede di vedere questa notizia con sguardo soprannaturale, come già ho suggerrito su un'altro thread quando questo soggetto fu portato a galla da uno dei forumisti un paio di giorni fa.  
    Per noi cristiani, le (apparenti o reali) ingiustizie non sono pietre d'inciampo ma croci che ci santficano se le abbracciamo con lo stesso spirito di obbedienza del Cristo stesso e dei Suoi grandi santi, come quelli citati più sopra.  
     
    Perdipiù, non abbiamo tutti i dati e tutte le informazioni e lo spirito di umiltà comanda di non fare giudizi temerari, soprattutto affermare che a i  responsabili "se ne fo**"no": quando questo responsabile è il Card. Burke, amico della forma straordinaria e di certo non un modernista, scrivere questo vuol dire cercare di darsi altre zappate sui propri piedi, cioè su chi ama la tradizione e la messa gregoriana nella Chiesa.  
     
    Per chiudere, personalmente non vedo di buon occhio che un laico o un prete "possa averla vinta" contro il proprio vescovo, in quanto la Chiesa non è una democrazia, ma una teocrazia monarchica. Tanto ben sappiamo, che da ogni male il Cristo stesso fara un Bene ancora più grande: forse che avere l'abbé Michel in un altra parrocchia gli permetterà di incontrare, convertire e catechizzare il futuro San Benedetto di Norcia che convertirà nuovamente l'Europa, mentre disobbedendo impedirebbe alla Grazia di spargersi come Dio vuole.  
     
    Non serve aizzare l'abbé Michel ed i suoi simpatizzanti contro Roma, serve aiutarli con il nostro sostegno spirituale fatto di preghiiere e di mortificazioni e di gesti amicali e di simpatia alfin di fortificarli nell'accettare la volontà di Dio, sempre amabile.  
     
    Ubi Petrus Ibi Ecclesia. I.P</span>

    RispondiElimina
  37. La faccenda è molto più semplice: lo si preghi (e si ricordi il suo esempio) insieme a tutti i santi, a tutti gli uomini di Chiesa, di ogni tipo. Lo fa anche il papa, sa? Lo ha indicato, ad esempio, come modello di devozione eucaristica.
    Io non tiro Padre Pio da nessuna parte, semplicemente reagisco a chi cerca di tirarlo dalla sua parte ricordando cosa avvenne davvero.
    Sa che anche i tradizionalisti ultras praticano questo sport? Lo fanno appellandosi all'incontro con Lefevbre avvenuto nel 1967, quando entrambi chiesero una benedizione all'altro.

    RispondiElimina
  38. il cardinale Leo Burke magari ha meglio da fare che leggere blog cattolici... e soprattutto non spetta al suo ufficio valutare l'ortodossia di un vescovo, probabilmente di quel che veramente accade a Thiberville ne sa ben poco: gli è stato sottoposto un caso e lui ha dato, osservate le norme del diritto, il responso. Cos'altro poteva fare, dar ragione a tutti quei preti che si ribellano ai proprii vescovi creando così un pericolosissimo precedente?? La questione non è il trasferimento dell'Abbè Michel, la questione è che Nourrrichard non dovrebbe essere vescovo, e comunque comparire difronte al tribunale del santo officio.

    RispondiElimina
  39. Errata corrige: padre Pio si rifiutò di celebrare col messale del 1965, essendo già morto quando  si impose la cena di Bugnini. Il messale del 1965 non era certo così protestante come quello del 1969, ma evidentemente era già inaccettabile per un mistico innamorato della S. Messa com'era lui.

    RispondiElimina
  40. e fu così che ancora una volta le file della fraternità San Pio X si allargarono di un sacerdote...

    RispondiElimina
  41. Simone da Varagine22 gennaio 2011 13:34

    Nel diritto canonico il bene delle anime è la LEGGE SUPREMA. Prendiamo questo come punto fermo.PAdre Pio si sottopose con tutta umiltà alle ricognizioni richieste e allle restrizioni CANONICHE del caso per il semplice fatto che la Santa Madre Chiesa potesse svolgere quelle indagini necessarie affinchè fosse fugato ogni dubbio e ogni PERICOLO PER LE ANIME. Di fatto,quindi, è un paragone inapplicabile al caso Thiberville. Qui di fatto si è agito fregandosene altamente della salvezza delle anime.Si agito, invece, in tale modo per mantenere equilibri politici con l'episcopato francese. E' da un po' che lo dico: ROMA STA AGENDO IN QUESTA DIREZIONE SOLO PER COMPIACERE ALCUNI MOVIMENTI  E PERSONAGGI POLITICAMENTE ED ECONOMICAMENTE UTILI. LA SALVEZZA DELLE ANIME NON è MAI STATA POLITICAMENTE UTILE DA CHE MONDO è MONDO. Ovvio quindi che ce l'abbiano a morte con i cattolici della tradizione: politicamente sono ingovernabili (vogliono compiacere Dio e non gli uomini) ed economicamente risibili.

    Attenzione!

    non vorrei, ma inizio a vedere la possibilità, che qualche personaggio stia cercando di esasperare così tanto i cattolici legati alla tradizione fino a spingerli ad atti ecclesialmente inconsulti al fine di additarli, in seguito, come ribelli e indisiderati nella Chiesa.

    RispondiElimina
  42. <span>La faccenda è molto più semplice: lo si preghi (e si ricordi il suo esempio) insieme a tutti i santi, perchè illumini tutti gli uomini di Chiesa, di ogni tipo. Lo fa anche il papa, sa? Lo ha indicato, ad esempio, come modello di devozione eucaristica.  
    Io non tiro Padre Pio da nessuna parte, semplicemente reagisco a chi cerca di tirarlo dalla sua parte falsando i fatti, e quindi specifico cosa avvenne davvero.  
    Sa che anche i tradizionalisti ultras praticano questo sport del tirare? Lo fanno appellandosi all'incontro con Lefevbre avvenuto nel 1967, quando entrambi chiesero una benedizione all'altro.</span>

    RispondiElimina
  43. L'Ordinario ha usufruito del suo sacrosanto diritto di spostare un parroco. La questione però va contestualizzata; in questo caso si vuole distruggere una parrocchia troppo tradizionale. Punto e basta. E non si può neppure dire: prima di giudicare aspettiamo come va.
    Ma se è l'intera diocesi che va a rotoli e Tiberville è l'unica realtà che "funziona" c'è bisogno di distruggere anche questa prima di reagire?

    Ma per favoreeeeee!

    RispondiElimina
  44. Vedi che allora sei in malafede e vuoi arrivare al tuo punto anche su cose che non sono scritte? 
    Fammi vedere dove ho parlato dell'incontro con Mons. Lefèbvre! Fammi vedere dove ho accostato padre Pio alla Fraternità S. Pio X o al suo fondatore!
    Forse sarebbe bene non avere sempre il mirino puntato su Menzingen e cercare di capire le cose dette quando e perché sono dette.
    Quindi, vista la tua evidente faziosità, non intendo proseguire oltre questo dialogo con te.

    RispondiElimina
  45. Antonello ha ragione. Prima di tutto, se non ricordo male, ma potrei sbagliare, mi pare che non fosse previsto nessun ricollocamento di don Michel, ma sarebbe stato messo in condizione di "non nuocere". In secondo luogo, la sua ex parrocchia sarebbe diventata mi pare la tredicesima di un'unità pastorale di dodici. Quindi significa che non avranno nemmeno la messa tutte le domeniche. Bisogna obbedire e poi ottenere questo? Lasciare le anime senza sacramenti? 

    RispondiElimina
  46. Non cambia nulla, perchè il problema della Chiesa non è solo la liturgia, ma generale, purtroppo.
    E le ho già spiegato che Padre Pio rimase sempre fedele, pur avendo già intuito ampiamente, o anche visto (come solo lui sapeva fare) la grande apostasia di tanta parte del clero.
    Ma anche volendo restare sul piano più terreno e limitarci solo alla liturgia, Padre Pio avrebbe potuto restare sempre fedele anche col messale di Paolo VI, dato che quest'ultimo concesse ai sacerdoti anziani di continuare ad usare il messale tridentino (o forse per lui non valeva in quanto religioso?) per la messa privata (e quella pubblica? O si adattava come fece Escrivà, cosa che non possiamo escludere, o avrebbe ottenuto un permesso più largo, vista la stima di Montini per lui. Ma queste sono solo ipotesi).
    E anche se fosse vissuto di più, avrebbe potuto usufruire delle iniziative di GP II (che non ebbero molto successo, ma Padre Pio aveva Dio dalla sua) e oggi userebbe alla grande la liberalizzazione di Benedetto XVI.

    RispondiElimina
  47. "...egli, degno successore degli Apostoli (cioè di Giuda)" ...bellissima.

    RispondiElimina
  48. <span>Io sta cosa non al reggo proprio !!! E visto che per me essere cattolico non significa come intendono molti una pecora che abbassa la testa ad ogni sopruso che viene che d dovrebbe combatterlo io non sto affatto zitto !!! In Vaticano il fumo di satana sta sostituendo quello dell'incenso !!!!</span>

    RispondiElimina
  49. A me invece piacerebbe che tu mi mostrassi dove io ti ho accusato di aver tirato in ballo Lefevbre.
    Tu hai detto di non approvare quelli che cercano di tirare Padre Pio dalla loro parte.
    Bene.
    E siccome hai citato quelli che lo presentano come un campione di obbedienza anche di fronte all'eresia (e presumendo che ti riferissi a quelli della galassia progressista) o fatto notare come anche nella galassia tradizionalista c'è chi fa la stessa cosa.
    Dove avrei sbagliato dunque?

    RispondiElimina
  50. Quando non a sassate e forconate...vedasi gli esempi, appunto, degli ariani, o dei vescovi e degli abati concubini e simoniaci del Medioevo...o anche l'esempio di Nestorio e di Scipione de Ricci, che furono tirati giù dai fedeli stessi dal pulpito e dall'altare quando sentirono le loro soperchierie...

    RispondiElimina
  51. Milanese! siccome la redazione ( giustamente) si è più volte piccata per un certo linguaggio, il fatto, magari, che qualcuno per ri-piccaggio sottolinei lo strambo linguaggio redazionale è per lo meno giustificato!
    MD

    RispondiElimina
  52. Quando non a sassate e forconate...vedasi gli esempi, appunto, degli ariani, o dei vescovi e degli abati concubini e simoniaci del Medioevo...o anche l'esempio di Nestorio e di Scipione de Ricci, che furono tirati giù dai fedeli stessi dal pulpito e dall'altare quando sentirono le loro soperchierie...

    RispondiElimina
  53. grazie don Alfredo

    RispondiElimina
  54. ReazioneOscurantista22 gennaio 2011 14:30

    Caro amico Ospite, ma secondo te questo vescovo ha il diritto di impugnare la Dottrina Eucaristica della Chiesa (cioè la cosa più santa in assoluto che abbiamo) e tutti dovrebbero essere consenzienti per rispetto alla tradizione apostolica di cui questo signore si fa beffe??? 
    Signori finiamola! E' ora di reagire, di m'parlare, di gridiare al verità e di mostrare l'indignazione dei cattolici. Questi lupi travestiti da pastori stanno affondando la Chiesa, ma hanno le ore contate, perché la Santa Liturgia della Tradizione schiaccerà il Capo del Caporione dei demòni!!!

    RispondiElimina
  55. eh! appunto1 Nel solco della tradizione!
    Ma bravi!
    MD

    RispondiElimina
  56. ReazioneOscurantista22 gennaio 2011 14:32

    Bisogna pregare,ne convenog. Fare molta ADORAZIONE, ma non possiamo più tacere. Chi tace, favorisce il Nemico. Preghiamo, è l'arma indicata dalla SS Vergine, ma, per l'Amor di Dio, gridiamo la verità e denunciamo coloro che impugnano la Berità conosciuta!!!

    RispondiElimina
  57. Historia magistra vitae22 gennaio 2011 14:37

    ma quante bocche mielate a raccomandare la saggezza, il "non alzare i toni" !
    quanti maestri di virtù cristiane ad esortare le pecore a piegare il capo davanti AI LUPI CHE LE bastonano, per dare prova di santità !
    ma quanti farisei senza pudore sono pronti a far da maestri di SANTITA' !
    è incredibile, scandaloso, ma fa parte del mysterium  iniquitatis che cresce a dismisura:
        i lupi, e i loro servitori uimilissimi, qui dentro, danno lezione di obbedienza agli AGNELLI BASTONATI dai loro padroni  !
    Dovrebbero solo vergognarsi di queste loro stomachevoli ramanzine : loro che non fanno altro che calpestare Verità e Giustizia in tutti i loro discorsetti repllenti, grondanti di repellente buonismo da ogni sillaba : nauseasbondi come sepolcri imbiancati, che "filtrano il moscerino e ingoiano il cammello" !
     Tutto questo accade, perchè si è instaurato il regno della Menzogna, che ha rovesciato la Verità dal suo Trono, nella Chiesa  e nelle coscienze, fin dal 13 ottobre 1962, ad apertura del megaconcilio21.mo.

    RispondiElimina
  58. Historia magistra vitae22 gennaio 2011 14:39

    ma quante bocche mielate a raccomandare la saggezza, il "non alzare i toni" !
    quanti maestri di virtù cristiane ad esortare le pecore a piegare il capo davanti AI LUPI CHE LE bastonano, per dare prova di santità !
    ma quanti farisei senza pudore sono pronti a far da maestri di SANTITA' !
    è incredibile, scandaloso, ma fa parte certo del mysterium iniquitatis che cresce a dismisura: 
      i lupi, e i loro servitori uimilissimi, qui dentro, danno lezione di obbedienza agli AGNELLI BASTONATI dai loro altolocati padroni, insediati in alto loco, che tengono in scacco l'intera Chiesa di Cristo da 48 ANNI !

    Dovrebbero solo vergognarsi di queste loro stomachevoli ramanzine : loro che non fanno altro che calpestare Verità e Giustizia in tutti i loro discorsetti insinuanti e velenosi, grondanti di repellente buonismo da ogni sillaba : nauseasbondi come sepolcri imbiancati, IPOCRITI che "filtrano il moscerino e ingoiano il cammello" ! 
    Tutto questo accade, perchè si è instaurato il regno della Menzogna, che ha rovesciato la Verità dal suo Trono, nella Chiesa e nelle coscienze, fin dal 13 ottobre 1962, ad apertura del megaconcilio21.mo.

    RispondiElimina
  59. Caro Don,

                Mi spiace che l'espressione del Blog abbia ferito le sue caste orecchie! Tuttavia, potrei condividere il suo sconcerto solo se lo zelo con cui Ella lava in Arno le altrui espressioni fosse ugualmente impegnato nel condannare le patenti eresie di un vescovo indegno.

    Come si fa a dire che l'Abbé avrebbe dovuto obbedire ad un tale vescovo? Con che coraggio tirate in ballo l'obbedienza?!?

    Io non dico che la Signatura abbia sbagliato; dico che la Dottrina della Fede dovrebbe aprire un processo su un figuro del genere.

    Poi mi dite..."in fondo l'Abbé non è stato sospeso a divinis...": ma vi rendete conto?!?

    RispondiElimina
  60. Identico al discorso di Caifa tenuto un po' di più di duemila anni fa!
    MD

    RispondiElimina
  61. Chiedo scusqa ma se non sbaglio fu l' 11 Ottobre 1962 il discorso di apertura del VII!
    MD

    RispondiElimina
  62. Occhio Christe! Discorso <span>ambiguo!</span> Qualcuno potrebbe dirre : a Roma se ne fottono della fede si fa posto agli scismatici econiani!
    MD

    RispondiElimina
  63. Bravo cardinal Re,hai fatto un ottimo lavoro...tu si che che te ne intendi di nomine episcomiche...ehmm ehmm...volevo dire...episcopali!!!

    RispondiElimina
  64. Historia magistra vitae22 gennaio 2011 14:49

    ma quante bocche mielate a raccomandare la saggezza, il "non alzare i toni" !
    quanti maestri di virtù cristiane ad esortare le pecore a piegare il capo davanti AI LUPI CHE LE bastonano, per dare prova di santità !
    ma quanti farisei senza pudore sono pronti a far da maestri di SANTITA' !
    è incredibile, scandaloso, ma fa parte certo del mysterium iniquitatis che cresce a dismisura:
      i lupi, e i loro servitori uimilissimi, qui dentro, danno lezione di obbedienza agli AGNELLI BASTONATI dai loro altolocati padroni, strapotenti intoccabili, postisi AL DI SOPRA DEL BENE E DEL MALE a dettar legge a tutti, che tengono in scacco l'intera Chiesa di Cristo da 48 ANNI ! 

    Dovrebbero solo vergognarsi di queste loro stomachevoli ramanzine : proprio coloro che non fanno altro che calpestare Verità e Giustizia in tutti i loro discorsetti insinuanti e velenosi, grondanti di repellente buonismo da ogni sillaba : nauseasbondi come sepolcri imbiancati, IPOCRITI che "filtrano il moscerino e ingoiano il cammello" !  
    Tutto questo accade, perchè si è instaurato il regno della Menzogna, che ha rovesciato la Verità dal suo Trono, nella Chiesa e nelle coscienze, fin dal 13 ottobre 1962, ad apertura del megaconcilio21.mo.

    RispondiElimina
  65. Historia magistra vitae22 gennaio 2011 14:53

    ma quante bocche mielate a raccomandare la saggezza, il "non alzare i toni" !
         quanti maestri di virtù cristiane ad esortare le pecore a piegare il capo davanti AI LUPI CHE LE bastonano, per dare prova di santità !  
         ma quanti farisei senza pudore sono pronti a far da maestri di SANTITA' !  
    è incredibile, scandaloso, ma fa parte certo del mysterium iniquitatis che cresce a dismisura:
    i lupi, e i loro servitori uimilissimi, qui dentro, danno lezione di obbedienza agli AGNELLI BASTONATI dai loro altolocati padroni, strapotenti intoccabili, postisi AL DI SOPRA DEL BENE E DEL MALE a dettar legge a tutti, che tengono in scacco l'intera Chiesa di Cristo da 48 ANNI !

    Dovrebbero solo vergognarsi di queste loro stomachevoli ramanzine : proprio coloro che non fanno altro che calpestare Verità e Giustizia in tutti i loro discorsetti insinuanti e velenosi, grondanti di repellente buonismo da ogni sillaba : nauseabondi come sepolcri imbiancati, IPOCRITI che "filtrano il moscerino e ingoiano il cammello" !  
    Tutto questo accade, perchè si è instaurato il regno della Menzogna, che ha rovesciato la Verità dal suo Trono, nella Chiesa e nelle coscienze, fin dal 13 ottobre 1962, proprio all'apertura del megaconcilio21.mo.

    RispondiElimina
  66. Caro "Ospite", il suo "cerchiobottismo" non mi piace. Il Vescovo ha sbagliato. Punto. E il Vaticano ha sbagliato. Punto. E ora si scateni pure la canea moderrnista che dice che vogliamo "insegnare al Papa e ai Vescovi a fare il loro mestiere". Se a Roma, come dice giustamente Enrico, "se ne fottono", possiamo farlo anche noi.

    RispondiElimina
  67. ........la Chiesa e' come la politica.....corrotta, sporca......una vera tristezza!

    RispondiElimina
  68. C.S.!
    Allora non ci siamo!
    Quanti dei vescovi e Cardinali che parteciparono al VII furono eletti da Pio XII e dai suoi predecessori?
    In base al suo ragionamento, visto ciò che voi ritenete sia il VII, Pio XII sarebbe un traditore se non peggio!
    Vi contraddite sempre!
    MD

    RispondiElimina
  69. Tanti bei discorsi sull' obbedienza,etc, etc, ma a questo povero prete che soffre il martirio  chi tenderà una mano. Ho troppo visto nella mia vita sacerdotali delle anime sante condannate con il pretesto dell'obbedienza...e anime pie chinare la testa . Poco importa per queste anime pie la verità, la giustizia e la carità...ti citano Padre Pio e altri  indifferenti del contesto , danno lezioni di santità...ma chi aiuta il  povero sacerdote  vittima di un Vescovo senza dubbio in buona fede ( lo dobbiamo credere per carità cristiana) ma fortemente sospetto di infeldeltà alla dottrina cattolica?

    RispondiElimina
  70. Con il "cerchiobottismo", il moderatismo, il ""cerchiamodicapire", non ci sarebbe stata Lepanto, dove i Cristiani vinsero perchè avevano schiene dirette e non colli torti. E oggi il modernismo è avversario ancora più pericoloso e insidioso dell'Islam. Il caso in questione e il suo esito lo dimostrano.

    RispondiElimina
  71. Con il "cerchiobottismo", il moderatismo e il "cerchiamodicapire" non ci sarebbe stato Lepanto, ove i Cristiani vinsero perchè avevano schiene dritte e non colli torti. E oggi il modernismo è avversario ancora più pericoloso e insidioso dell'Islam. Il caso in questione e il suo esito lo dimostrano.

    RispondiElimina
  72. Historia magistra vitae22 gennaio 2011 15:15

    per chi ha occhi aperti a leggere TUTTA la storia dell'uomo alla Luce della Verità che è Cristo signore  Eterno del tempo e della storia, è evidente che questo non sarà l'ultimo della lunga serie di soprusi che il regime insediato ai vertici della Chiesa ha permesso e favorito con la connivenza con tanti errori, abusi, scandali mai corretti, anarchia e caos accettati e lasciati incancrennire, fino all'estremo frutto inquinato:
       il CAPOVOLGIMENTO SATANICO del Bene chiamato male e viceversa, come profetizzato da Isaia.
    Non sarà l'ultimo, nè il più disgustoso dei soprusi che la Madre (!) Chiesa dovrà vedere entro il suo seno, non sarà che un exemplum - ancora piccolo - dell'inizio dei dolori, della grande tribolazione annunciata nelle Scritture e negli avvisi di Maria Santissima Madre di Dio e Nostra, che un secolo fa ha  preannunciato durissime persecuzioni ai buoni e veri cristiani, dentro la Chiesa stessa, da quando satana si è "introdotto fino alle sommità  della Chiesa", oltre che negli "alti seggi" del mondo civile, dai quali "determina l'andamento delle cose".
    E' ancora un piccolo saggio dell'INIQUITA' che si prepara a trionfare, dappertutto, senza che la forza dei giusti possa porvi adeguato contrasto, proprio perchè gli iniqui vincono con INGANNO E VIOLENZA !
    Vedremo ancora di peggio, dal momento che l'Autorità suprema della Chiesa non può più funzionare nella sua pienezza, demolita dagli arroganti rivoluzionari 48 anni orsono: non usa il munus regendi e sanctificandi , e il  munus docendi  è  usato in modo parziale e inefficiente, poichè NON VENGONO MAI CORRETTI CON FERMEZZA GLI ERRORI e i sopruisi: a questo punto errori e malvagità -per forza maggiore - si impongono sul vero e sul giusto.
     La Legge si rivela inutile, perchè NESSUNO la fa rispettare: non v'è più alcuna CERTEZZA DEL DIRITTO.
    E' come se uno Stato si volesse reggere solo col potere Legislativo:
      ma quello Esecutivo e quello giudiziario non esistono più: come potrà non cedere alla legge del più forte, ovvero alla   GIUNGLA  ? ed eccola:  nella Santa Chiesa siamo tornati all' homo homini lupus. 
    E vinca il più forte !    UCCISO IL LOGOS, in quel 1962,  muore la Verità e con Essa muore la GIUSTIZIA.

    RispondiElimina
  73. Tenebrae factae sunt dum crucifixissent Jesum Iudaei.....

    RispondiElimina
  74. :-[  purtroppo, caro Enrico, devo convenire sulla sconvenienza di certo linguaggio inappropriato per una moderazione che, a sua volta, si farebbe poi garante degli interventi altrui, raccomandando continenza nella verbalità....

    Seguo questa notizia specifica da molti mesi, e ne sono addolorata quanto voi, ma seppur Gesù stesso, costruendosi una funicella di corde ed osò "perdere la pazienza" scacciando i mercanti dal Tempio, non legittima noi "che eravamo peccatori quando Cristo morì in Croce per noi" (cfr san Paolo ) ad assumere un atteggiamento, specialmente verbale, che possa accendere ulteriormente gli animi non tanto ad una SERENA valutazione dei fatti, quanto piuttosto ad uno scontro tra tifoserie che possano interpretare la Santa Sede quale nemica di ogni autentica restaurazione...

    Ci sono momenti nei quali, dopo magari aver dato ugualmente la notizia, in modo sereno e mai di parte... diventa saggio invitare al silenzio ORANTE.... all'offerta, alla penitenza, alla speranza....

    RispondiElimina
  75. Historia magistra vitae22 gennaio 2011 15:18

    per chi ha occhi aperti a leggere TUTTA la storia dell'uomo alla Luce della Verità che è Cristo Signore Eterno del tempo e della storia, è evidente che questo non sarà l'ultimo della lunga serie di soprusi che il regime insediato ai vertici della Chiesa ha permesso e favorito con la connivenza con tanti errori, abusi, scandali mai corretti, anarchia e caos accettati e lasciati incancrenire per decenni, fino all'estremo frutto velenoso: 
    il CAPOVOLGIMENTO SATANICO del Bene chiamato male e viceversa, come profetizzato da Isaia.
    Non sarà l'ultimo, nè il più disgustoso dei soprusi che la Madre (!) Chiesa dovrà vedere entro il suo seno, non sarà che un exemplum - ancora piccolo - dell'inizio dei dolori, della grande tribolazione annunciata nelle Scritture e negli avvisi di Maria Santissima Madre di Dio e Nostra, che un secolo fa ha preannunciato durissime persecuzioni ai buoni e veri cristiani, dentro la Chiesa stessa, da quando satana si è "introdotto fino alle sommità della Chiesa", oltre che negli "alti seggi" del mondo civile, dai quali "determina l'andamento delle cose".
    E' ancora un piccolo saggio dell'INIQUITA' che si prepara a trionfare, dappertutto, senza che la forza dei giusti possa porvi adeguato contrasto, proprio perchè gli iniqui vincono con INGANNO E VIOLENZA !
    Vedremo ancora di peggio, dal momento che l'Autorità suprema della Chiesa non può più funzionare nella sua pienezza, demolita dagli arroganti rivoluzionari 48 anni orsono: non usa il munus regendi e sanctificandi , e il munus docendi è usato in modo parziale e inefficiente, poichè NON VENGONO MAI CORRETTI CON FERMEZZA GLI ERRORI e i sopruisi: a questo punto errori e malvagità -per forza maggiore - si impongono sul vero e sul giusto.
    La Legge si rivela inutile, perchè NESSUNO la fa rispettare: non v'è più alcuna CERTEZZA DEL DIRITTO.
    E' come se uno Stato si volesse reggere solo col potere Legislativo:
    ma quello Esecutivo e quello giudiziario non esistono più: come potrà non cedere alla legge del più forte, ovvero alla GIUNGLA ? ed eccola: nella Santa Chiesa siamo tornati all' homo homini lupus.
    E vinca il più forte ! UCCISO IL LOGOS, in quel 1962, muore la Verità e con Essa muore la GIUSTIZIA.

    RispondiElimina
  76. Seguendo alla lettera quel che dice Enrico, non dovrebbe "fottersene", quello già lo fa Roma. A lei non resta che impiccarsi. E' peccato? Fa nulla, se lo si fa contro il Concilio tutto è permesso!

    RispondiElimina
  77. Caro Simon, è curioso, pittoresco e paradossale che un progressista e antitradizionalista come lei si appelli al principio, totalmente condivisibile, che "la chiesa non è una democrazia, ma una teocrazia monarchica". Ma la sua conferenza episcopale (svizzera se non vado errato, ammesso che esista), è d'accordo?

    RispondiElimina
  78. Bartimeo,credo proprio che il problema sia sempre la stesso...di sicuro non sono i tradizionalisti a contraddirsi!
    Lo sanno anche i muri(quelli del palazzo apostolico Vaticano,se potessero parlare... O:-) )che le nomine cardinalizie per i concistori hanno un "meccanismo" molto complesso e burocratico;ahimè,anche i prelati purtroppo fanno "politica".
    Lei sa benissimo quanto me che i papi,in molte circostanze,non si occupano in prima persona di svolgere certe mansioni proprio perchè affidate ad altri...
    Una concistoro non e mica un Dogma,cioè nomine perfette perchè fatte infallibilmente come verità di fede perche promulgateex cathedra!!!......Dai che ci siamo capiti... ;)

    RispondiElimina
  79. Caro silente....è questa reazione come la sua che inificia l'intervento della Redazione e ci impone un atteggiamento dissociato da certa verbalità pur condividendo il dolore di tale e ferale notizia....
    se si è in lutto, non è da cristiani prendersela con qualcuno.... è uno sfogo, diventa uno sfogo attraverso il quale si potrà sempre dire: "non ascoltateli! SONO FUORI DI TESTA!"

    Santa Caterina da Siena osava definire, certa corruzione: "LA PUZZA DELLA CURIA GIUNGE FIN SOTTO CASA MIA", ma non interveniva mai nelle dettaglio delle questioni che erano di competenza dei vescovi o del Pontefice.... non si dissociava mai dagli eventi della Curia romana, ai suoi fedeli chiedeva preghiera ed obbedienza nonostante tutto, dopo averne denunciato i tradimenti....

    RispondiElimina
  80. Caro Don, Dio la guardi dall'ipocrisia. A monte di queso "avvicendamento" non c'erano forse proprio questioni dottrinali e liturgiche?

    RispondiElimina
  81. Spezzo una lancia a favore della redazione: quando ce vo ce vo!
    E' facendo i fighettini leccaculi che i problemi non si risolvono mai.

    RispondiElimina
  82. Historia magistra vitae22 gennaio 2011 15:27

    caro Reazionario, le ORE CONTATE di cui lei parla non sono ore: possono essere molti anni e decenni, secondo le profezie che sono in pieno avveramento;
    certo, davanti a Dio "mille anni sono un giorno", ma per noi uomini? un'ora di persecuzione, violenza e umiliazione può essere lunga quanto un secolo, per l'intensità della SOFFERENZA, come accade nel Purgatorio !

    RispondiElimina
  83. Il sacerdote si sta comportando in maniera degna di un cristiano. E' della redazione e della cagnara di commenti che ne sono seguiti che sono disgustato. A rifarsi a P. Pio non dovrebbe essere il sacerdote ma chi urla e strepita contro Roma la nuova Babilonia. Tra l'altro molto Geovista come posizione. Contenti voi!
    Purtroppo questo blog, non da oggi, sta estremizzando la sua posizione. Ed il successo di numeri, non è detto che vada sotto braccio con l'ortodossia cattolica. Ma il web è questo. Si diventa avidi di click.

    RispondiElimina
  84. io sapevo che fosse invece permesso tutto in nome del concilio...

    RispondiElimina
  85. E chi decide quando "ce vo"? Perchè se per me "ce vo" vengo censurato?

    RispondiElimina
  86. Il mdernismo è avversario più insidioso dell'ISLAM!
    In effetti i CENTO MILIONI di CRISTIANI PERSEGUITATI NL MONDO SONO A CAUSA DEL NEOMODERNISMO! Come dire? Il vesco Nerrichard dice a Bin Laden e C. perseguitateli perchè sono contro Cristo!
    Ma ti rendi conto della stupidata che hai detto o no?
    MD

    RispondiElimina
  87. Cristo si è ribellato ai farisei o ha accettato la punizione?
    MD

    RispondiElimina
  88. Historia magistra vitae22 gennaio 2011 15:34

    poi la correggo:
    NON SARA' affatto la Santa Liturgia A SCHIACCIARE il capo del serpente antico, ma solo La SS.ma Vergine, come volontà espressa da Dio Padre Onnipotente, all'inizio dei tempi, dopo il peccato di Adamo;
    e questo avverrà SOLO quando le Gerarchie della Chiesa si decideranno -che non sia troppo tardi- a dare esecuzione alla volontà del Padre trasmessa alla Chiesa nel lontano 1917, per mezzo della Madonna: quella richiesta che mai fu esaudita come richiesto; le Autorità responsabili hanno abilmente  nascosto per decenni al popolo cattolico l'intero e reale contenuto del messsaggio di Fatima, e poi lo hanno  travisato  pesantemente e i castighi annunciati si stanno avverando, giorno dopo giorno; anche se chi ha nascosto ciò che DOVEVA ESSERE SVELATO entro il 1960 ha creduto di fare il miserevole giochino di     occhio non vede cuore non duole !

    RispondiElimina
  89. <span>"a Roma se ne fottono"  quando ci vuole ci vuole... i soliti farisei che si scandalizzano per le cose insigfnificanti...</span>

    RispondiElimina
  90. una calmata? questo vescvovo é un bestia.

    RispondiElimina
  91. "Scismatici econiani"? Le hanno risposto, a vario titolo, decine di volte riguardo a questo suo insultante e falso tormentone. Glielo dico con lessico piano, semplice, comprensibile e familiare: perchè non la pianta?

    RispondiElimina
  92. Caro Don Luca,
    non è il caso di contrapporsi fra sacerdoti.... non sarebbe mai un bello spettacolo per i laici che leggono, non almeno per queste situazioni che per altro non ci competono...
    il "Don" sopra non mi pare abbia contrastato la notizia in sè, ma il modo con il quale si conclude.... fermiamoci solo a questo, perchè credo che tutti noi che stiamo leggendo qui, se abbiamo a cuore il bene della Chiesa, stiamo TUTTI soffrendo seppur in modi diversi...

    Infine c'è da considerare che probabilmente la Divina Provvidenza abbia un disegno più grande e diverso per questo parroco... perchè la santa Dottrina stessa ci insegna che solo morendo a noi stessi si potranno fare cose davvero grandi.... ;)
    Madre Lalìa, Fondatrice delle Domenicane di san Sisto a Roma, venne cacciata via, inesorabilmente e con l'inganno, dalla sua Congregazione.... l'ingiustizia era palese, ma ella andò prima nell'Aula Capitolare di san Sisto dove soggiornò san Domenico, innalzò il Te Deum e solo con una borsa di undumenti personali, lasciò il Convento per andare in esislio.... e disse alle Consorelle: "QUANTO DEGNA SEI D'AMORE O DIVINA VOLONTA': morte a me, vita alla Congregazione!" ....
    questo fu il suo Testamento... e ciò che sembrò in quei giorni una tremenda sconfitta, fu invece l'inizio di una grande Opera della Provvidenza...solo dopo 50 anni dalla sua morte, la storia le diede ragione, ma poco importava, Lei era già "venerabile"....

    Se agli attuali fallimenti o ingiustizie che vediamo compiersi sotto i nostri occhi noi non poniamo davanti i MISTERIOSI DISEGNI DELLA DIVINA PROVVIDENZA, ci lasceremo invadere dallo scoraggiamento, la bile prenderà il sopravvento, l'ira la farà da padrone... la stessa causa perderà in credibilità.... i veri nemici ci sguazzeranno...

    Sursum corda!!!

    RispondiElimina
  93. Historia magistra vitae22 gennaio 2011 15:44

    poi la correggo:
    NON SARA' affatto la Santa Liturgia A SCHIACCIARE il capo del serpente antico, ma solo La SS.ma Vergine, come volontà espressa da Dio Padre Onnipotente, all'inizio dei tempi, dopo il peccato di Adamo;
    e questo avverrà SOLO quando le Gerarchie della Chiesa si decideranno -che non sia troppo tardi- a dare esecuzione alla volontà del Padre trasmessa alla Chiesa nel lontano 1917, per mezzo della Madonna: quella richiesta che mai fu esaudita come richiesto; le Autorità responsabili hanno abilmente nascosto per decenni al popolo cattolico l'intero e reale contenuto del messsaggio di Fatima, e poi lo hanno travisato pesantemente e i castighi annunciati si stanno avverando, giorno dopo giorno; anche se chi ha nascosto ciò che DOVEVA ESSERE SVELATO entro il 1960 ha creduto di fare il miserevole giochino di occhio non vede cuore non duole !
    Questo disastro, con la serie di PERSECUZIONI che attendono la Tradizione a E TUTTI coloro che, sacerdoti, laici, prelati, vogliano riportare la Liturgia perenne all'onore negatole da 40 anni, cioè nel CUORE della Chiesa, senza più ibridismi e compromessi con le eresie e profanazioni moderniste,
    tutto questo immane scatenarsi di odio diabolico per la Santa Messa istituita da Nostro Signore, e per i suoi cultori, finirà solo col Trionfo del Cuore Immacolato di Maria. Non Prima.  Così come fu detto da Maria Santissima, le cui parole furono sottovalutate e snobbate da molti papi, come leggiamo dalla storia.
        Dio però non ci  prende in giro, NON racconta favolette, così come Cristo NON CI HA AMATI PER SCHERZO:
    se noi siamo sempre infedeli, chi più chi meno,
    Egli è sempre fedele alle sue promesse, che si compiranno, piegando lo strapotere attuale di satana e dei suoi accoliti, sia demoni che uomini ! e si compiranno alle SUE CONDIZIONI, NON ALLE NOSTRE  !
    Noi possiamo solo umilmente SUPPLICARE che venga in soccorso alla Sua povera Chiesa infangata e piagata:   solo supplicare e attendere la Provvida MAN dal Cielo, non pretendere soluzioni rapide e immediato sollievo:
    dovremo passare per quella VIA CRUCIS che Lui stesso ha percorso e ha preparato per tutti noi, tutti peccatori, anche se non in modo diretto di questo sfacelo: è una necessaria PURIFICAZIONE della Sposa di Cristo.

    RispondiElimina
  94. Sei meraviglioso, ne sforni con cadenza quasi oraria! Solo chi crede che il corpo è più importante dell'anima può scrivere delle cose simili. Cosa sono cento milioni di martiri, che probabilmente sono in Paradiso, di fronte alle schiere di anime uccise dal modernismo? Quanti cattolici buoni si sono lasciati traviare dal modernismo trionfante del concilio? Quanti sacerdoti hanno abbandonato il ministero? È peggio chi uccide il corpo o l'anima? Chi è che perseguita veramente? Non è forse chi sradica Nostro Signore dai cuori e dalle menti? Non è forse chi umilia Nostro Signore mettendolo al pari degli idoli? Non è forse chi contravviene al comando di Nostro Signore ed invece di battezzare dialoga? E potrei continuare...
    Ma prova a renderti conto tu delle stupidate che dici! 

    RispondiElimina
  95. caro "laico" si disgusti di meno e faccia suo l'appello di Don Alfredo.... non alimenti il fuoco che brucia senza appassionare....

    RispondiElimina
  96. Mah...io ricordo solo parole vaghe, sai non conosco tutta la Bibbia, si sa che per i tradizionalisti reazionari puzza un po' di protestante...ma dalla mia memoria emergono cose tipo "razza di vipere"..."sepolcri imbiancati"..."guai a voi"...potrò sbagliarmi. Poi la "punizione" (io preferisco chiamarla Redenzione), Nostro Signore non l'ha "accettata", ma l'ha scelta, che è molto diverso.

    RispondiElimina
  97. :) ... magari la Redazione potrebbe aggiungere questo P.S. di Don Alfredo nel testo di apertura thread ?

    Grazie Don Alfredo!

    RispondiElimina
  98. Grazie per avere esplicitato il soggetto della subordinata. Ogni tanto c'è chi se lo dimentica.

    RispondiElimina
  99. Caro Don Alfredo, in questi giorni sono in Piemonte e, come dicono qui, "esageruma nen". Non puo chiedere ai fedeli tradizionali di farsi parabolani. Come la Vandea, il Messico e la Spagna ci hanno insegnato, è dovere dei fedeli difendere i loro sacerdoti.

    RispondiElimina
  100. Caro tripparolo, che proprio lei ci parli di bon ton mi sembra quanto meno paradossale....

    RispondiElimina
  101. Historia magistra vitae22 gennaio 2011 16:02

    Proprio così, Don Magnifico: si sta ripetendo ora nel Corpo Mistico, la Crocifissione di Nostro Signore, che è Capo della Sua Chiesa, ora OGGI, in questo giorno di tenebra, primo di una serie di altri tenebrosi giorni di PASSIONE, che costelleranno una
    lunga Via Crucis, un lungo Calvario che la Chiesa dovrà percorrere, come grande Tribolazione, lavando le sue vesti nel Sangue dell'Agnello.
    In questo contesto sono previsti tutti i dolori dell'Agnello di Dio: FLAGELLAZIONI, gogne mediatiche e SOCIALI schiaffeggiamenti, sputi, insulti, derisioni, spintoni, calci, bastonature sulla testa già coronata di spine, battute di scherno, FANGO SUL VISO, esser trattati da pazzi, così :
     "Chi siete voi ? CHI CREDETE DI ESSERE ? oh...eccoli, i devoti della Liturgia di sempre....eccoli, quelli che credevano di rinnovare la Chiesa, sputategli addosso, CACCIATELI dalle chiese normali, esliateli, rinchiudeteli,  ISOLATELI dal consorzio civil-ecclesiastico, chiamateli pazzi, dannati, figli del demonio, fateli odiare da tutti, segnateli a dito come nemici di Dio e della Chiesa ----> fate a loro tutto ciò che doveva essere fatto a suo tempo  a quel Lefebvre, fate in modo che si estinguano....CHE NON DIANO esempio a nessuno, se prprio vogliono la loro Messa, che se la celebrino lontano, FUORI DALLE MURA DELLA CITTA' SACRA, che è nostra ormai...fateli SCOMPARIRE  !"
    questi sono gli efficaci e visibili ordini di satana ai suoi servi, come vediamo bene.
    Tutto questo dirà e farà il potere di satana, servendosi ottimamente degli altolocati uomini di Chiesa, come vediamo da anni, e specialmente dagli eventi degli ultimi 3 anni:
    e si rinnoverà così nella Sua Santa Sposa la Morte di Croce del Suo Signore Gesù Cristo, al quale Ella DEVE ESSERE CONFORMATA, per risorgere con LUi.
    ma la Resurrezione della Sposa di Cristo è ancora MOLTO LONTANA !

    RispondiElimina
  102. Guardi Caterina (se è la stessa utente di qualche tempo fa ricordo ci dessimo del tu, comunque non è un problema) se non commento piu' spesso come prima questo blog non è per mancanza di tempo.
    Come avrà notato, per due frasi in cui faccio solamente notare una certa decadenza di linguaggio (senza entrare nel contenuto) mi sono preso, in ordine di tempo, del "modernista" e del "fariseo".
    Qualche tempo fa, certe frasi su un blog cattolico le leggevi solo dal troll di turno e sarebbero state isolate dagli altri commentatori. Oggi invece coloro che hanno queste posizioni sono la maggioranza. E credo che la redazione, anzichè "guidare", si lascia trasportare dall'attuale corrente aizzando gli animi, anche col linguaggio, contro "Roma", rea di essere un manipolo di tiranni. E non sempre il Pontefice si salva, anche se mai viene nominato. Troppe volte si "annusa" aria di anti-papismo. Anti-papismo che in tutte le religioni di questo mondo è ben accetto tranne che nella chiesa cattolica.

    RispondiElimina
  103. W ENRICO. Non solo si può! SI DEVE! E lo si dovrà fare sempre di più. Che il vescovo Nourricard (è l'hawaiano con spumante della foto a lato) avesse spedito in vaticano nell'ultimo anno un TIR di bottiglie di "Spirito d'Assisi" lo si era capito. Ma che là dentro avessero "gradito" lo stiamo scoprendo in questi ultimi mesi. Non siamo più al preti contro preti, siamo al Cardinali contro Cardinali e c'è qualcuno che si preoccupa delle parolacce? Ma fatevi un viaggio in treno ed ascoltate le fanciulle, i preti e le frequentatrici di parrocchie mentre parlano al cellulare ....... "se ne fottono" è una parolaccia solo per noi.   Centinaia di anime vengono mandate al macero,  e voi vi preoccupate delle parolacce? Quando capiterà anche a noi in Italia (e con l'andazzo vaticano attuale capiterà molto presto) magari potessimo dire "se ne fottono" allora ci toccherà dre "così hanno deciso". Scgliete un pò voi!

    RispondiElimina
  104. Historia magistra vitae22 gennaio 2011 16:14

    lei, Laico, è il classico tipetto che, trovandosi sulla Via dolorosa percorsa da Nostro signore, vedendo le donne e i presenti che piangevano su quell'UOMO innocente condotto all'iniqua Morte, davanti a quelle persone sdegnate e doloranti per un'INGIUSTA CONDANNA all'Innocente perseguitato dal POTERE sostenuto dalle potenze infernali,
    avrebbe detto, tutto schizzinoso e snobbino:
      "Ehh...ma ragazzi, che cagnara  !...ma state buonini, su....non è la prima volta che si condanna un innocente ... su, da bravi, contegno,   ricomponetevi...ma volete dare proprio questa sconveniente immagine di voi al mondo ?
    lasciate perdere...tutto s'aggiusta, diamine, est modus in rebus...ecc."
    Non val la pena di far cagnara di fronte ad un Innocente che muore per i peccati altrui !
    ....e in fondo, anche davanti alla Messa, non val la pena star troppo a TURBARSI per quell'Agnello Immolato per peccati altrui: un po'....ma non turbiamoci troppo, dài !...."
    Mantteniamo il senso della "misura" .....
    (....di fronte ad un Amore Infinito Ucciso per Iniquità SENZA misura : diamoci una calmata, parola di laico....)

    RispondiElimina
  105. Cara Caterina, apprezzo sempre i suoi interventi, ma quest'ultimo non l'ho capito. Se ho offeso la sua sensibilità con l'uso di un termine volgare, ma purtroppo di uso comune, me ne scuso sinceramente. Per il merito, può per cortesia rileggere con l'attenzione e l'acume che le è usuale quanto ho scritto? Ha capito che l'infelice verbo all'infinito era riferito alle possibili reazioni dei modernisti?. Se non sono stato chiaro, ovviamente la colpa è mia. Ci tengo a non essere frainteso, almeno con interlocutori come lei.Grazie.  

    RispondiElimina
  106. Historia magistra vitae22 gennaio 2011 16:17

    lei, Laico, è il classico tipetto che, trovandosi sulla Via Dolorosa percorsa da Nostro Signore, vedendo le donne e i presenti che piangevano su quell'UOMO innocente condotto all'iniqua Morte, davanti a quelle persone sdegnate e doloranti per un'infinitamente INGIUSTA CONDANNA all'Innocente perseguitato dal POTERE sostenuto dalle potenze infernali, (somma iniquità che grida vendetta al Cielo, anche se l'innocente sulla Croce PERDONA, Dio esige e FA Giustizia, attraverso quell'Innocente Crocifisso, certo!.....)
    avrebbe detto, tutto schizzinoso e snobbino:
      "Ehh...ma ragazzi, che cagnara !...ma state buonini, su...e che sarà mai accaduto ?.....non è la prima volta che si condanna un innocente ... su, da bravi, contegno, ricomponetevi...ma volete dare proprio questa sconveniente immagine di voi al mondo ? 
    lasciate perdere...tutto s'aggiusta, diamine, est modus in rebus...ecc."
    Non val la pena di far cagnara di fronte ad un Innocente che muore per i peccati altrui !
    ....e in fondo, anche davanti alla Messa, non val la pena star troppo a TURBARSI per quell'Agnello Immolato per peccati altrui: un po'....ma non turbiamoci troppo, dài !...."
    Mantteniamo il senso della "misura" ..... se no sembrate GEOVISTI, che melo-drammatici, ma via.....
    (....di fronte ad un Amore Infinito Ucciso per Iniquità SENZA misura : diamoci una calmata, parola di laico....)

    RispondiElimina
  107. bartimeo stai sognando  a occhi aperti... va bene che la carità scusa tutto ma bisigna anche essere astuti come serpenti...
    questo Nourrichard ha voluto DISTRUGGERE una parrocchia tradizionale, conservatrice... chiamala come vuoi che lo disturba perché NON E' PROGRESSISTA

    Svegla !!!!!, la rivuluzione é in corso da 40 anni, non si combatte facendo finta che va tutto bene !

    Ti cito una frase di Mgr Vilnet, vescovo di Saint Dié <span>nel settembre 1974</span>:
    « La Francia non ha bisogno di preti che pregano e siano tradizionalisti. Bisogna mandarli nel Vietnam che é ancora un paese di pio.»

    Questo tipo di vescovi ha DISTRUTTO LA CHIESA SAPENDO e VOLENDOLO FARE !

    RispondiElimina
  108. Solidarità piena alla Redazione. Inutile accanirsi o stracciarsi le vesti con un certo modus scrivendi che rispecchia esattamente la gravità della situazione, ovvero  quando la posta in gioco è ben più alta, CIOE'  LE ANIME DEI FEDELI.

    RispondiElimina
  109. <span>Cristo si è ribellato  quendo ha buttato tutti fuori dal tempio trasformato in spelonca di ladri...</span>
    <span>Paolo si é ribellato a Pietro, quando lo ha ripreso in pubblico.(la famosa lettera ai Galati)</span>
    <span>S.Atanasio si é ribellato al papa per mantenere intatta la fede contro l'arianesimo</span>
    <span>...</span>
    <span>Ci sono anche delle sante collere...</span>

    RispondiElimina
  110. Considerato che in Francia le chiese sono propietà dello Staro, e considerato che la municipalità di Tiberville era schierarata col parroco io mi auguro vivamente che prete e fedeli si rovolgano alla Fraternità san Pio X. La conservazione dell'integrità della Fede cattolica è più importante di tutto il resto. Più importante di una ubbidienza che in questo caso è servilismo e quindi non solo non è virtù ma peccato.

    RispondiElimina
  111. Dominus nobiscum22 gennaio 2011 16:24

    Hai ragione ReazioneOscurantista: è ovvio per tutti ormai che la promessa di Pietro è rivolta a mons Fellay e che lui è il vero Papa della SOLA, UNICA, VERA CHIESA!
    Scacciamo Simone da dal trono di Pietro E METTIAMO FELLAY PAPA con il nome di Marcel 1° !
    Viva la Vergine, viva Fatima, abbasso Merdjougorie e tutti i MOVIMENTI che fanno di QUESTA CHIESA UN'ERESIA DOVE TUTTI FOTTONO ; ROMA PER PRIMA!!!!

    RispondiElimina
  112. Difatti Nostro Signore usò appunto le parole della redazione nella sua via dolorosa. Si vergogni e vada a fare la predica da qualche altra parte.

    RispondiElimina
  113. Dire che la parrocchia guidata dal confratello francese perderà la fede  ...io ci metto la mano sul fuoco!
    Se non la perde é solo perché cambia aria...

    RispondiElimina
  114. Dominus nobiscum22 gennaio 2011 16:26

    Nourricard AL ROGO! Damnatio MEMORIAE a BURKE; il cerchiobottista colla CAPPA MAGNA!

    RispondiElimina
  115. Francesco Colafemmina22 gennaio 2011 16:27

    Ottimo Enrico! Purtroppo è la dura realtà. Aggiungo una domandina: chi è il Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica? 

    Ecco dunque in un giorno abbiamo il povero vescovo giapponese di Takamatsu che deve scontrarsi con la Santa Sede perché non gli è consentito sospendere le attività del Cammino Neocatecumenale, e ricevere pertanto una bella visitazione apostolica. E un altro vescovo che invece viene dichiarato nel giusto quando se la prende con un sacerdote tradizionale. 

    Ci rendiamo conto che sta succedendo qualcosa di strano sì o no?

    Quanto poi al "fottersene", è un po' anglosassone (si è molto diffuso nel linguaggio attraverso i doppiaggi dei film americani), ma ci sta tutto. Sarebbe stato altrettanto grazioso usare l'espressione più volitiva e maschia "a Roma se ne fregano", ma evidentemente Enrico sa bene che a Roma manca spesso sia la volontà che la virilità...

    RispondiElimina
  116. <span>Perchè se per me "ce vo" vengo censurato?</span>

    Perché sei antipatico!!!

    RispondiElimina
  117. ma la smetta, provocatore dei fichi secchi ! vada a giocare altrove con le sue idiozie !

    RispondiElimina
  118. Dominus nobiscum22 gennaio 2011 16:30

    Questa decisione appella alla VENDETTA della Vergine stessa! Il segno stesso che SIAMO ALLA FINE DEI TEMPI.  CRISTO CI AMA PER DAVVERO: saprà schiacciare tutti i peccatori in quel covo di meretrici che è il VATICANO CONCILIARE. Bravo Historia!

    RispondiElimina
  119. Caro Bartimeo, il bravo conterraneo Milanese è arrivato prima di me quindi non voglio ripetere quanto ha già detto: l'islam mette a repentaglio le nostre vite, la nostra civiltà e la nostra cultura e le sue radici greche, romane e cristiane (no, non manca niente...), il modernismo le anime. Aggiungo solo: il modernismo è più pernicioso anche perchè, con il suo irenismo, pacifismo, relativismo e "dialoghismo" impedisce una sana e santa reazione contro i nemici "esterni", come l'islam, appunto.

    RispondiElimina
  120. Mi associo ai tuoi auguri di passaggio alla Fraternità ed aggiungo che a suo tempo, il sindaco disse che la chiesa del paese la lasciava in uso a don Michel.

    RispondiElimina
  121. Come fare? ci è stato insegnato che nei superiori c'è la presenza di Cristo, ma io sacerdote di Gesù posso mai avere la nausea di Cristo presente in questo Vescovo? Ma in questo Vescovo c'è Cristo? questo dubbio era l'ultima speranza di un povero prete di campagna, sperana dissolta, distrutta! Secondo Pietro, secondo la Chiesa sì, c'è Cristo dietro al Vescovo! Ma chi è questo Cristo che viene proclamato dal Vescovo Nourrichard e ora in comunione certa ed esatta con il Papa di Roma? E Gesù o un ANTI-Gesù? orribile martirio? o orribile inganno del sacerdote?

    RispondiElimina
  122. Dominus nobiscum22 gennaio 2011 16:33

    Pregare sì! MA CONDANNARE SEMPRE! Ne va dell'onore della Vergine  e della SOLA E VERA TRADIZIONE: un atradizione che vede immediatamente i nemici di DIO INCARNATO E MORTO IN CROCE

    RispondiElimina
  123. State tranquilli che se noi preghiamo e basta e loro trafficano: Prevarranno (ci siamo già passati) Dunque preghiamo ed attacchiamo pubblicamente eresie ed abusi. Così non prevalebunt

    RispondiElimina
  124. Dominus nobiscum22 gennaio 2011 16:35

    I VESCOVI VANNO ELETTI dal popolo cattolico e tradizionale: solo il popolo tradizionalista come noi ha il diritto di giudicare i Vescovi, vox populi, vox dei. Non questa Roma dove se ne fottono.

    RispondiElimina
  125. Dominus nobiscum22 gennaio 2011 16:37

    Un ordinario che non ci piace DEVE ESSERE ZITTITO ad ogni costo! 

    RispondiElimina
  126. Dominus nobiscum22 gennaio 2011 16:38

    La buona redenzione per Nurricard è la SCOMUNICA E LA DEPOSIZIONE! Il parroco deve essere fatto CARDINALE!

    RispondiElimina
  127. ma che SCHIFO!!!!!! E si che pensate di essere cristiani! Andatevi a leggere cosa significa. Fate proprio pena e vi permettete di giudicare, magari senza aver accertato: E addirittura ve la prendete col Papa voi che dite di essere i cristiani perfetti: VA TUTTO BENE QUELLO CHE VI PIACE.
    DOVRESTE VERGOGNARVI
    Davide

    RispondiElimina
  128. Dominus nobiscum22 gennaio 2011 16:39

    DOVE ROMA SE NE FOTTE, ECONE FOTTE!

    RispondiElimina
  129. non la pianta perchè usa il   gutta cavat  lapidem: è qui in pianta stabile, servo utilissimo del regime, per sfiancare i devoti alla Tradizione, logorandoli con le sue eretiche scempiaggini, una guerra dei nervi senza fine.......non se ne può più, e lui martella martella.... finchè non vedrà tutti capitolare alle sue sballatissime modernità con-vat2, che gli dicano: sì hai ragione tu, hai vinto...siamo anche noi servi del regime....se la Verità è sconfitta, tanto peggio per la Verità  !
    :(

    RispondiElimina
  130. si Bartimeo,  ma come dicevo prima tu prendi i guanti per criticare i modernisti difendendo per esempio quella bestia (non ti preoccupare é il temine tencico giusto) del sig. Nourrichard
    e le mazze di ferro per criticare i Milanese, Hpoirot... per dettagli insignificanti come il linguaggio usato dalla redazione !
    ma quando diventi un po' coerente?

    RispondiElimina
  131. Mi viene in mente la vicenda di Padre Andrea d'Ascanio a l'Aquila!

    RispondiElimina
  132. Dominus nobiscum22 gennaio 2011 16:44

    SIMONE VA DEPOSTO: RATZINGER IN CONVENTO! Questo è  un caso di necessità ovvia: che l'argangelo Michele dia la fiaccola della REDENZIONE a mons Fellay. GIUSTIZIA E CONVERSIONE per tutti i nemici della vera e sola Tradizione: la NOSTRA!

    RispondiElimina
  133. Dominus nobiscum22 gennaio 2011 16:48

    E ROMA se ne FOTTE! Roma è la BABILONIA BIBLICA. =-O  La Meretrice dell'APOCALISSE. Rivoltiamoci colle armi della preghiera: basta con discorsi pieni di buonismo satanico. Dobbiamo buttare a mare questa gerarchia PERVERSA e MASSONICA OLTRETEVERE  O:-)

    RispondiElimina
  134. Pur condividendo il pensiero di Don Alfredo, concordo  con Silente, E' dovere dei fedeli difendere i loro Sacerdoti.

    RispondiElimina
  135. bartimeo stai sognando  a occhi aperti... va bene che la carità scusa tutto ma bisigna anche essere astuti come serpenti... 
    questo Nourrichard ha voluto DISTRUGGERE una parrocchia tradizionale, conservatrice... chiamala come vuoi che lo disturba perché NON E' PROGRESSISTA 
     
    Svegla !!!!!, la rivOluzione é in corso da 40 anni, non si combatte facendo finta che va tutto bene ! 
     
    Ti cito una frase di Mgr Vilnet, vescovo di Saint Dié nel settembre 1974: 
    « La Francia non ha bisogno di preti tradizionalisti che pregano. Bisogna mandarli nel Vietnam che é un paese ancora pio.» 
     
    Questo tipo di vescovi ha DISTRUTTO LA CHIESA SAPENDO e VOLENDOLO FARE !

    RispondiElimina
  136. Dominus nobiscum22 gennaio 2011 16:55

    Si, Matteo! Lefebvre ha profetizzato le persecuzione: ha confermato Fatima e tutto è successo coem lui ha previsto. Esiste solo l'ERESIA che è la Chiesa Cattolica: la vera Chiesa è la TRADIZIONE.

    RispondiElimina
  137. Historia magistra vitae22 gennaio 2011 16:56

    guardi che io non difendo le parolacce di nessuno, nè le uso, nè le attribuisco a Nostro Signore: questa è una sua miserabile mistificazione di quello che ho detto ! io posso solo comprendere lo stato d'animo esacerbato e lo sdegno di persone che sanno ancora cos'è GIUSTIZIA E VERITA' di fronte ad azioni così ABIETTE come quelle che vediamo, e che vengono avallate dall'alto, con PROTEZIONE OFFERTA AI PREPOTENTI, capisce ? non ho approvato il turipiloquio, nè lo stimo: non è necessario per sfogare il dolore estremo di un'ingiustizia immane !
    ma mi rendo conto che con persone come lei parlare di Verità e Giustizia è tempo perso....perchè a lei non interessa la sostanza dei fatti !

    RispondiElimina
  138. Historia magistra vitae22 gennaio 2011 16:57

    guardi che io non difendo le parolacce di nessuno, nè le uso, nè le attribuisco a Nostro Signore: questa è una sua miserabile mistificazione di quello che ho detto ! io posso solo comprendere lo stato d'animo esacerbato e lo sdegno di persone che sanno ancora cos'è GIUSTIZIA E VERITA' di fronte ad azioni così ABIETTE come quelle che vediamo, e che vengono avallate dall'alto, con PROTEZIONE OFFERTA AI PREPOTENTI, capisce ? non ho approvato il turpiloquio, nè lo stimo: non è certo necessario per sfogare il dolore estremo di un'ingiustizia immane, ma si capisce che la pazienza è solo dei santi, e spesso la perdiamo.... 
    ma mi rendo conto che con persone come lei parlare di Verità e Giustizia è tempo perso....perchè a lei non interessa la sostanza dei fatti !

    RispondiElimina
  139. Concordo con Colafemmina. C'è qualcosa che non torna. A Roma sta succedendo qualcosa di molto strano.

    RispondiElimina
  140. Dominus nobiscum22 gennaio 2011 16:58

    Il peggio del peggio, Milanese, non sono tutti i sacerdoti che hanno abbandonato il ministero, ma tutte quelle centinaia di migliaia che ancora rimangono in una Chiesa MENEFOTTISTA invece di uscirne e raggiungere Econe! Bartimeo non capisce niente e dice solo stipidaggini.

    RispondiElimina
  141. Dominus nobiscum22 gennaio 2011 17:01

    ABBIAMO IL SACROSANTO DIRITTO DI CRITICARE E DI GIUDICARE PERCHE NOI SIAMO LA TRADIZIONE!

    RispondiElimina
  142. Barti se vuoi un po' di mabiguità... TUFFATI NEL CVII -> La Lumen Gentium  dice "
    I laici, come tutti i fedeli, hanno diritto di ricevere abbondantemente dai sacri Pastori i beni spirituali della Chiesa"   

    E' per questo che Roma appoggia Nourrichard e lascia a piedi l'abbé Michel ?

    Come al solito nello spirito CVII si dice una cosa e se ne fa un'altra, a tutti i livelli della gerarchia.   

    RispondiElimina
  143. Ti posso assicurare a informazioni riservate che il Papa è stato non solo informato, ma il Papa stesso ha preso la decisione che il "fedelissimo" Burke a trasmesso! Basta con le teorie del PoveroPapaprigionierochenonsanulla!

    RispondiElimina
  144. :-[  caro Silente.... lei dice:

    -  Il Vescovo ha sbagliato. Punto. E il Vaticano ha sbagliato. Punto.
    -  E ora si scateni pure la canea moderrnista che dice che vogliamo "insegnare al Papa e ai Vescovi a fare il loro mestiere".
    -  Se a Roma, come dice giustamente Enrico, "se ne fottono", possiamo farlo anche noi.

    *** ehm!
    - se il Vescovo ha sbagliato e se anche il Vaticano ha sbagliato, più che un punto, proporrei un bel Rosario in gionocchio sui ceci=punti....;
    - che la canea modernista si scatena non è necessario che siamo proprio noi ad aizzarla.... di accuse ne riceveremmo sempre e gratuitamente.... ;)
    - Enrico di giusto e corretto ha fatto la denuncia dei fatti, quanto al " Roma se ne fotte...." è una sua opinione che seppur può essere condivisibile non è saggio esporla perchè così "possiamo fare anche noi", in tal caso siamo chiamati ALLA PRUDENZA soprattutto chi porta avanti un compito difficile come questo della MODERAZIONE....è per questo che si chiama "moderazione"....

    Se Enrico si è potuto permettere una "nota poetica" come questa, sta a NOI che lo sosteniamo a non alimentarla in tal senso...
    tutto qui... questo non significa far tacere lo scandalo che sta avvenendo o che si è consumato in quella Diocesi, ma ascoltiamo davvero i Santi come reagirono quando ricevettero ingiustizie e sorprusi...
    Ritengo che questa sia la miglior difesa proprio all'intervento di Enrico, evitando di rinchiuderlo alle sue parole e guardando alla drammaticità dell'evento....diversamente faremmo il gioco dei modernisti che stanno cantando già vittoria....

    RispondiElimina
  145. Historia magistra vitae22 gennaio 2011 17:02

    ma comunque,....se le ho provocato una incomprensione insanabile, posso anche cancellare, nessun problema.

    RispondiElimina
  146. <span>Ti posso assicurare a informazioni riservate che il Papa è stato non solo informato, ma il Papa stesso ha preso la decisione che il "fedelissimo" Burke ha trasmesso, con sommo piacere (alla faccia del Cardinale amico della Tradizione!) Basta con le teorie del PoveroPapaprigionierochenonsanulla!</span>

    RispondiElimina
  147. E sul fumo si satana non solo concorda pure  l'esorcista P. Amorth, ma egli stesso va oltre!!


    http://www.pontifex.roma.it/index.php/opinioni/consacrati/6534-io-esorcista-e-il-demonio-nella-chiesa-padre-gabriele-amorth-insiste-sul-diavolo-che-alberga-in-vaticano

    RispondiElimina
  148. Caro Laico, grazie per il suo cortesissimo invito a impiccarmi, ma, spiacente, non ne ho nessuna intenzione. Oltre al fatto che, come lei giustamente osserva, è peccato, ho molte altre buone ragioni per non farlo, inclusa quella (beh, non è proprio una delle prime) che vorrei continuare a irritare persone come lei. Il suo invito, comunque, è molto utile per un futuro studio che potrebbe essere titolato "Psicopatologia del cattolicesimo conciliare", nel quale lei potrebbe essere un "case study". Però si deve impegnare di più per poter sperare di essere menzionato....

    RispondiElimina
  149. A paragonare il tutto con i testimoni di geova, significa proprio farla fuori dal vasino, ma dirò di più lei non conosce affatto i testimoni di geova, per permettersi di fare un tal paragone.

    Mi stia bene laico

    RispondiElimina
  150. magari senza aver accertato

    io ho accertato.. conosco bene la realtà di Thiberville. é una storia lunga ...
    E' un regolamento di conti che poco ha a che vedere con la fede e il santo timore di perdere delle anime.
    E' chi difende Nourrichard che non ha accertato un bel niente...

    RispondiElimina
  151. <span>a Roma se ne f."  </span>
    Enrico,
    nel mentre nel merito le ragioni sono tutte le tue, al 112%, nella forma, io avrei detto lo stesso, usando altri verbi. Premesso ciò, avete capito perchè parlo di fare la guardia a bidoni di benzina VUOTI? Avete capito perchè, da un lato invidio la vostra fiducia nelle Autorità (o presunte/sedicenti tali), dall'altro reputo un loro intervento nella giusta direzione, una eventualità paragonabile ad un terno al lotto (Per la cronoca, mi gioco 2 €uro a settimana)?!? non dimenticare che, alla vigilia del "ritiro" della "scomunica", proprio la Signatura respinse il ricorso di Padre Vasil, della FSS Josaphat martire ("sezione" di rito bizantino della FSSPX) contro la "scomunica" comminatagli dai vescovi greco-cattolici di Ucraina e Polonia. Detto, ciò, faccio la domanda al giurista, dato che la Signatura è l'equivalente ecclesiastico della Cassazione, non è che, tali sentenze, sono (quanto meno ufficialmente e formalmente) solo dei pronunciamenti sulla "forma" e sulla "procedura" e non entrano nel merito? 

    RispondiElimina
  152. Caro Laico,
    è vero che un certo linguaggio ferisce, ma devi comprendere che certi fatti sono di una drammaticità assai peggiore...
    Sotto al tuo primo intervento ho postato anche il mio con il quale intendevo sostenere proprio la denuncia di Enrico, ma augurabile con altre espressioni....
    il timore è quello appunto di offuscare la notizia per rinchiuderci tutti in un falso perbenismo associato alle parole dette....
    L'unica soluzione a questo rischio è, a mio parere, il consiglio dato dal "Don" e da Don Alfredo sopra.... e questo non certo per lavarsi le mani e "fottercene dei fatti avvenuti" ma perchè quello è il solo modo per far trionfare la giustizia vera...
    A me NON hanno disgustato le parole di Enrico, ma i fatti che sono accaduti..... solo è che mi associo a chi rincorre la prudenza nel linguaggio e nel dare queste notizie con parole più idonee soprattutto a chi, confuso e già amareggiato, legge blog come questi per cercare di capire qualcosa.... e se una tale spaventevole notizia viene offuscata dagli interventi pro o contro il linguaggio di Enrico, avremmo fatto il gioco di chi davvero se ne fotte o peggio, da chi cavalca queste onde tempestose...
    ;)

    RispondiElimina
  153. Laico come mai viene a chiedere nel blog di messain latino che le si parli di Santi e che approfondisca le virtù cristiane? Che forse nella sua parrocchia il suo parrocco se ne fotte di spiegarle?

    Mi faccia il piacere non faccia il finto devoto della tradizione non le riesce tanto bene......

    RispondiElimina
  154. <span>Calam ragazzini viziati! Seguiamo il discorso più fattuale di tutti, quello di placentinum:</span>
    <span>Ora llui dice:</span>
    <span>il cardinale Leo Burke magari ha meglio da fare che leggere blog cattolici... </span>
    <span>infatti la virtù del'umiltà qui manca assai</span>
    <span>e soprattutto non spetta al suo ufficio valutare l'ortodossia di un vescovo, probabilmente di quel che veramente accade a Thiberville ne sa ben poco:</span>
    <span>infatti un'istituzione curiale chiusa nella sua torre d'avorio poco vede delle sofferenze del popolo, cristiano o no, praticante o no </span>
    <span>gli è stato sottoposto un caso e lui ha dato, osservate le norme del diritto, il responso.</span>
    <span>non è la prima volta che si decide a favore dell'autorità anche quando viola il diritto; nquel vescovo non vale certo Florit, e tanto meno mons. Romero o mons. Bello, ma quel parroco ha da fare molta strada per essere come don Milani; al limite fa il Franzoni alla rovescia</span>
    <span>Cos'altro poteva fare, dar ragione a tutti quei preti che si ribellano ai proprii vescovi creando così un pericolosissimo precedente?? </span>
    <span>c.v.d.</span>
    <span>La questione non è il trasferimento dell'Abbè Michel, la questione è che Nourrrichard non dovrebbe essere vescovo, e comunque comparire difronte al tribunale del santo officio.</span>
    <span>punto dolente: il modo burocratico e autoritario di trattare le parrocchie è anche e soprattutto dei vescovi pro tradizione e anche del cardinali :-P :-P :-P ; vi lamentate? forse il vostro modello nonsono le prelature personali, ma le comunità di base. BENVENUTI!</span>

    RispondiElimina
  155. E' evidente che mi conosce molto poco. Anche a lei riesce male fare la finta donna educata, ma non tengo a sottolinearlo.

    RispondiElimina
  156. Dominus nobiscum22 gennaio 2011 17:22

    Brava Raffaella: Laico ha torto visto che non è d'accordo con te  :)  W la TRADIZIONE, quella vera! :-D  

    RispondiElimina
  157. i re cattolicissimi non brillavano per

    RispondiElimina
  158. Eh! si immagino che  abbia avuto le stesse ragioni di quanti zittiscono le catechiste che in parrocchia vogliono INSEGNARE il Catechismo come DIO COMANDA e NON come chi comanda.

    Ma com'è che uno diventa disobbediente se segue il Magistero di sempre e invece è obbediente se segue il CVII? ...... per cortesia, quelli che si riempiono la bocca di questi slogan triti e ritriti dimostra  di non conoscere altri che il concilio pastorale vaticano2, RINNEGANDO gli altri 20 Concili DOGMATICI. Questi signori dovrebbero conoscere che i Concili Dogmatici IMPEGNANO il FEDELE e la GERARCHIA in modo INELUDIBILE, quello che non può fare un concilio pastorale!!!

    RispondiElimina
  159. oh, ma se è così, non dobbiamo far altro che dire: Tutto va bene, lasciamo andare tutto così ! non vedo alcun motivo di protestare nè di scandalizzarsi : tutto va bene, perchè tutto avrà buon fine, Caterina. 
    EVVIVA !

    RispondiElimina
  160. Aggiungo che, volendo, don Michel può anche, come GIà hanno fatto in molti in Francia, restare al suo posto, e continuare il ministero, anche in piena autonomia (apparente & formale, ma in piena sottomissione sostanziale), senza legarsi ufficialmente a nulla e nessuno. Se avrà "successo" prima o poi, proprio direttamente da Roma, qualcuno si muoverà per "recuperalo", come già è accaduto a molti di quelli di cui sopra, non escluso qualcuno che si anche fatto consacrare vescovo, anche più volte e, da Roma, gli è stato riconosciuto, non solo l'episcopato, ma persino gli annullamenti matrimoniali che ha sentenziato nel corso degli anni.

    RispondiElimina
  161. Tipetto. E' una parola comprensibile. Nessuna incomprensione. Ho compreso benissimo il suo giudizio su di me. Se avesse avuto la buona volontà di andare a spulciare le mie opinioni sui fatti di Thiberville (nei post piu' "antichi") avrebbe notato come non sono mai stato favorevole al "monsignore". Purtroppo, però, come dicevo, da allora ne è passata di acqua sotto i ponti e di commentatori attraverso il blog. E' cambiato il modo di relazionarsi e di esprimersi. Così lei può dare del "tipetto" al primo che capita, Enrico può invitare all'impiccagione i cattolici e nessuno invita più alla preghiera e al santo contegno. Bisogna urlare e strepitare. Fatelo voi, io preferisco le vecchie sane armi dei santi che ho menzionato.

    RispondiElimina
  162. Suggerisco a tutti la lettura del seguente promemoria:

    <span>1978-2005: aspetti meno noti nei XXVII anni di Pontificato di Giovanni Paolo II</span>

    <span>leggibile qui: </span><span>http://www.totustuus.it/modules.php?name=News&file=article&sid=435</span>

    RispondiElimina
  163. La Redazione farebbe opera buona a cancellare i commenti da sciacallo di questo insulso sabotatore

    RispondiElimina
  164. Ma insomma, senza polemica e solo per curiosità, e dando per scontato che le altre accusse non fossero vere, ma le unioni "mistiche" (tanto "mistiche" che sono nati bambini) con le fedeli, felici di essere state le prescelte,  padre Andrea le aveva o non le aveva?

    RispondiElimina
  165. Dominus nobiscum22 gennaio 2011 17:31

    ECONE è una comunità di base! E' nata dopo il Concilio MENEFOTTISTA VII e non ce ne frega niente della burocrazia e dell'autorità quando non viene da noi: mettitelo bene in testa! I soli ad avere autorità sono i papi tra Pietro e PioXII: cosî abbiamo deciso. Oggi questa autorità risiede ad Econe tra le mani di mons Fellay che dovrebbe portare all'onore degli altari San Marcel Lefebvre morto martire per opera della persecuzione satanica dei papi del post-concilio affumicati da SATANA >:o .

    RispondiElimina
  166. don Camillo, stia attento, non gli risponda !| perchè questo ospite col nick blasfemo "Dominus vobiscum" è un volgarissimo troll che sta sabotando il blog, spargendo fango mediante PARODIA su chi protesta per lo scempio del fattaccio avvenuto !

    RispondiElimina
  167. Dominus nobiscum22 gennaio 2011 17:35

    Raffaella non è una finta donna educata: è una donna colle palle!!!!!

    RispondiElimina
  168. don Camillo, stia attento, non gli risponda !| perchè questo ospite col nick blasfemo "Dominus vobiscum" è un volgarissimo troll che sta sabotando il blog, spargendo fango mediante PARODIA su chi protesta per lo scempio del fattaccio avvenuto !

    RispondiElimina
  169. il provocatore blasfemo continua a imperversare come un volgare SCIACALLO speculando sul dolore di chi protesta, o anche svolazza come un avvoltoio....  

    RispondiElimina
  170. <span>don Camillo, stia attento, non gli risponda !| perchè questo ospite col nick blasfemo "Dominus nobiscum" è un volgarissimo troll che sta sabotando il blog, spargendo fango mediante PARODIA su chi protesta per lo scempio del fattaccio !</span>
    NON GLI RISPONDETE

    RispondiElimina
  171. Oltre a ciò che dici, molto deleterio, attento aanche a come ti firmi: in tedesco suona proprio male. Cambia nick, chiamti Williamson.

    RispondiElimina
  172. ...come se strane forze si stiano impadronendo (ancor più) del potere....da questo, fratelli miei, Dio ce ne scampi!

    RispondiElimina
  173. <span>don Camillo,</span>
    PENSO che si tratti del mistero insondabile del Corpo Mistico, oggi dilaniato ENTRO se stesso, nelle più intime fibre.
    E' una realtà di tenebra che la Chiesa non aveva mai vissuto in 2000 anni. Era prevista: la Chiesa fuori di sè e dentro di sè: Cristo è sia cacciato via, estromesso, sia  interno ad Essa, ma sempre Crocifisso.

    RispondiElimina
  174. Caro "dominus nobiscim", visto che oggi(ma solo oggi) si può dire: vai a fari fottere. Imbecille.

    RispondiElimina
  175. Signorina/Signora Raffaella, il rispetto che le porto è dovuto solo alla lettera finale del suo nome. Non abusi della pazienza altrui.

    RispondiElimina
  176. <span>aro "dominus nobiscum", visto che oggi(ma solo oggi) si può dire: vai a fari fottere. Imbecille.</span>

    RispondiElimina
  177. <span><span>caro "dominus nobiscum", visto che oggi(ma solo oggi) si può dire: vai a fari fottere. Imbecille.</span></span>

    RispondiElimina
  178. Dominus nobiscum22 gennaio 2011 17:51

    Chi decide chi è Cristo o non Cristo? Solo mons Fellay può dirlo: ascoltalo e ubbidisci a lui che è stato consacrato vero vescovo, uno dei quattro ultimi su questa terra!  :'(  I tempi dell'apocalisse sono venuti: bisogna lottare contro il fuoco con il fuoco, alla DISOBBEDIENZA profetizzata a Fatima nel quarto segreto, che nessuno ha letto, ma che in realtà ben conosciamo noi della VERA TRADITIO , bisogna lottare colla SANTA DISOBBEDIENZA. O:-)

    RispondiElimina
  179. <span><span><span>caro "dominus nobiscum", visto che oggi(ma solo oggi) si può dire te lo dico io: vai a farti fottere. Imbecille.</span></span></span>

    RispondiElimina
  180. ...e continuo: povero deficiente, sei venuto qua a prendere per il C**O?

    RispondiElimina
  181. L'ERRORE CHE STATE TUTTI FACENDO E' QUELLO DI PENSARE CHE IL CARDINALE ABBIA LA STESSA CONOSCENZA DEL CASO DI THIBERVILLE CHE ABBIAMO NOI, COME SE ANCHE LUI AVESSE LETTO TUTTO QUELLO CHE ABBIAMO LETTO NOI GRAZIE ALLA REDAZIONE. RIPETO: NON SPETTA AL SUO DICASTERO INFORMARSI SE NOURRICHARD SIA UN ERETICO O MENO. NON PRENDIAMOCELA CON UN PRELATO DI PROVATA ORTODOSSIA, SIN NELLE SUE ULTIME DICHIARAZIONI: PREGO CHI SA L'INGLESE DI VEDERSI QUESTO VIDEO:
    http://en.gloria.tv/?media=120910

    RispondiElimina
  182. <span>il provocatore blasfemo continua a imperversare come un volgare SCIACALLO o come avvoltoio che svolazza, speculando sul dolore di chi protesta....</span>

    RispondiElimina
  183. Poi per chi ci accusa di non attaccare (giustamente o ingiustamente) i veri responsabili della non applicazione del Motu Proprio, cioè i Vescovi, ECCO! Ecco l'esempio! chi si è permesso di attaccare un Vescovo EMPIO perchè tale è! e poi irrispettoso del MP, ha avuto in cambio un sonoro calcio con annessa bacchettata dal Papa IN PERSONA e da uno ritenuto "AMICO" della Tradizione, che va in giro per le parrocchie di Roma con la CAPPAMAGNA!! Che speranza potremmo avere noi? Che abbiamo a che fare sì, con vescovi della stessa pasta, ma per opportunismo, molto più furbi del Vescovo Nourrichard pensano e approvano ma non fanno o proclamano pubblicamente quelle azioni assurde del Vescovo Evreux??

    Il Papa è il primo responsabile della morte e dello scandalo di una intera comunità, perchè il gregge senza il Pastore che lo difende PERIRA', parola di Gesù (altro che comunità forte!!!)

    B16, il vostro mite pastore, anzi il "mite pastore" di Caterina, Bartimeo &Co., don Alfredo Morselli, ecc., è mite nel piegarsi e nel divulgare l'errore (libro: "luce dal mondo", e discorsi che esaltano lo spirito massonico ed illuminista, ASSISI3), ma assolutamente "forte" e determinato nell'approvare Vescovi pubblicamente eretici, Cardinali empi e non credenti, canonizzare sette NON-cattoliche come il Cammino e imporle per tutta la Chiesa, E CASTIGARE un'intera conferenza episcopale e un prete di campagna, che si sono ribellati per amore (solo per amore cristiano) delle loro comunità... ditemi voi... cosa fare!

    RispondiElimina
  184. Cara Caterina,
    grazie per la retta interpretazione del mio pensiero; mi spiace che forse il confratello preso dalla foga non mi abbia letto con attenzione e soprattutto non mi abbia risposto esattamente da (con)fratello!
    Grazie Caterina per la sua saggezza e la sua testimonianza!

    RispondiElimina
  185. BARTIMEO ........... ti cominciano a mancare le cartucce ........... e sai benissimo perchè lo fai !!!!!!!!!!! ......

    RispondiElimina
  186. Caro Silente,
    noi non abbiamo letto i documenti. A monte - forse - possono esserci state le motivazioni a cui Ella allude ma certamente non sono quelle ciò che ha permesso al vescovo di fare lo spostamento.
    Le faccio un esempio per chiarire quanto ho affermato. Il mio vescovo intendendo rimuovere un caro confratello che gli sta tutt'ora VISCERALMENTE ANTIPATICO le ha provate di tutte, appigliandosi a tutto. Egli voleva togliere quel parroco (per antipatia) e dare la importante (e ricca) parrocchia a dei religiosi (per ingraziarseli)... Questi sono i motivi veri - che conosciamo tutti - ma il motivo ufficiale è: che erano già passati 9 anni di parrocato!
    Il vescovo ha ottenuto quello che voleva ma nessuno ha potuto contestare la motivazione ufficiale.
    Che sia successa la stessa cosa nel nostro caso?

    RispondiElimina
  187. sei come la minestra senza sale .............

    RispondiElimina
  188. ci fa, per creare confusione. Perché nessun amante della tradizione avrebbe scritto quello che ha scritto lui, anche se a Roma la Verità è oscurata e di brutto...

    RispondiElimina
  189. Dominus nobiscum22 gennaio 2011 18:17

    Parole SANTE , don Camillo: CONDIVIDO QUEL CHE SCRIVI AL 1'000%
    Roma locuta, TRADITIO fottuta  (cioè quella che solo la FSSPX difende INTERGRALMENTE)
    E con Assisi la fine dell'inizio dell'apocalisse COMINCIA: e questo a causa dell'ambiguità massonica ed illuminista che ormai dirige questo cadavere ancora vivo che è si chiama la Chiesa Cattolica ma che, in verità, è SCISMA  dalla vera Chiesa, la sola che rimane ad Econe. Cosa possiamo fare?

    RispondiElimina
  190. Perchè non la pensi come la redazione!
    MD

    RispondiElimina
  191. che lo faccia ..........

    e poi CARO ENRICO  ......... detto con stima ............ ioooooooooo  , dovrei impiccarmi ???? .......

     sta nevicando ....... domani faro' una bella passeggiata nei boschi con i miei cani !!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  192. Caro HP! Sapessi quante volte la redazione si è scandalizzata per cose da nulla! Pensa che ho detto ad uno che gli ebrei gli stanno sulle palle e mi ha censurato!
    MD

    RispondiElimina
  193. E per fortuna che c'è Econe!
    MD

    RispondiElimina
  194. Dominus nobiscum22 gennaio 2011 18:22

    Placentium ha ragione: NOI NE SAPPIAMO DI PIU DEL CARDINALE! Bravo! Hai capito finalmente tutto!  :-D

    RispondiElimina
  195. Dominus nobiscum22 gennaio 2011 18:24

    Amico Placentium, se ti sembra che prendo per il c**o con i miei interventi, ma allora voi cosa fate con quel che scrivete?

    RispondiElimina
  196. Historia magistra vitae22 gennaio 2011 18:26

    Purtroppo si sta dimostrando forte con i deboli e debole con i forti: questi sono i fatti.
    Leggiamo invece nell'Eneide che Anchise predisse ad Enea il futuro atteggiamento del
         diritto romano nei confronti degli altri popoli:

                  Parcere subiectis et debellare superbos.

    I vertici della Chiesa Cattolica del 3. millennio fanno il contrario: stanno adottando una giustizia inferiore a quella degli antichi romani , dai quali essa ha ereditato  lo IUS, perfezionandolo con la misericordia verso i nemici.
    Ma la Giustizia, dov'è ?
    Ora è visibile solo l'iniquità somma della Croce.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.