martedì 8 giugno 2010

Il 'gran rifiuto' del cardinale Pell


Una notizia costernante, se sarà confermata. Ma la fonte è attendibile, provenendo dalla Ciguena de la Torre, che aveva dato l'anteprima assoluta della revoca delle scomuniche ai lefebvriani.

Il cardinale Pell avrebbe declinato la richiesta del Papa di assumere l'incarico di Prefetto per la Congregazione dei Vescovi, allegando problemi di età e di salute che gli impedirebbero di trasferirsi a Roma.

Salvo, quindi, che il Papa riesca a persuaderlo, sfuma la tanto attesa nomina di Pell. In sua voce si ipotizza, sempre secondo la stessa fonte, la nomina del card. Sandri.

62 commenti:

  1. Ragioni di età, non sono credibili, non avendo compiuto 70 anni. Ragioni di salute può essere, perchè ha avuto problemi cardiaci, ma son cose vecchie. Dunque, se la notizia è attendibile, risale ai primi contatti tra il Papa e Pell oppure nasconde una diversa realtà, cioè la vittoria delle pressioni progressiste.

    RispondiElimina
  2. Caspita, Gesù chiama e i cardinali dicono di essere ammalati? Non sanno che è Lui che fa la buona salute?

    RispondiElimina
  3. ...............................  -.-'

    RispondiElimina
  4. Siamo rovinati!

    RispondiElimina
  5. Una volta al Papa si obbediva e basta. Ma erano altri tempi, saran passati almeno 45 anni.

    RispondiElimina
  6. il grande bluff8 giugno 2010 17:39

    prego, Bile, corregga: 48 !

    RispondiElimina
  7. Luis Moscardò8 giugno 2010 17:44

    ...usque ad effusionem sanguinis....

    RispondiElimina
  8. ma tu c'eri 45 o 48 anni fa?

    RispondiElimina
  9. "colui che fece PER VILTADE il gran refiuto"....

    RispondiElimina
  10. ovvia, mica l'hanno eletto Papa....

    RispondiElimina
  11. il grande bluff8 giugno 2010 18:13

    c'era chi ha documentato gli eventi e scritto LA STORIA!

    RispondiElimina
  12. O la paura di Pell (scheletri antichi, minacce moderne?)

    RispondiElimina
  13. la storia chi la scrive?

    RispondiElimina
  14. E chi è il card. Sandri?

    RispondiElimina
  15. sono tentato di stracciarmi le vesti e financo l'epidermide per il dolore... speriamo davvero che ci ripensi

    RispondiElimina
  16. DANTE PASTORELLI8 giugno 2010 19:49

    Non riesco a capire queste reazioni talora al limite dell'inconsulto.
    Se il card. Pell ha rfiutato avrà avuto le sue buone ragioni. Preghiamo piuttosto che il Papa nomini un altro prelato degno e capace.

    RispondiElimina
  17. Noi Vogliam Dio, che è nostro Padre.. e Oliveri al posto di Re!!!

    RispondiElimina
  18. Proprio oggi pomeriggio si parlava di questo... ho aperto ora il blog e trovo questa notizia che spero dal più profondo del cuore che sia FALSA. E' una vera sciagura!
    Magari Oliveri, ma praticamente impossibile!

    RispondiElimina
  19. Il Signore ti ascolti!

    RispondiElimina
  20. Non mi sono mai piaciute le anticipazioni in generale e quelle delle nomine in particolare.
    Qui ci si straccia le vesti(non so se si dica)per un rifiuto non confermato ad una nomina non confermata. Insomma tutti rumori di corridoio.
    Aspettiamo  e preghiamo affinchè lo Spirito Santo guidi il Papa nella sua decisione così importante.

    RispondiElimina
  21. Gentile Ospite,
    suppongo che il suo "ovvia, mica l'hanno eletto Papa..." rimandava al commento che precede il Suo e che citava il sommo poeta "Colui che per viltade fece il gran refiuto".

    Lei mi consentirà di notificarLe che Mai nessun Papa ha rifiutato il Sommo Pontificato.
    Infatti non si può RIFIUTARE ciò che già si possiede; invece si può RINUNCIARE a qualcosa si cui si è in possesso.

    Un'errata interpretazione del verso dantesco vedeva nella citazione riportata un chiaro riferimento al grande SANTONE d'ISERNIA, San Pietro Celestino o come è più conosciuto Celestino V; in onore del quale l'Abruzzo e il Molise stanno celebrando l'Anno Celestiniano (motivo per il quale il 4 luglio p.v. il Santo Padre sarà in visita pastorale a Sulmona).
    Dicevo l'errata interpretazione è davvero una bufala.

    il PRIMO MOTIVO l'ho spiegato precedentemente (differenza tra rifiutare e rinunciare).
    Il SECONDO MOTIVO invece è legato al grande ossequio che Dante sinceramente nutriva verso la Chiesa, pertanto non avrebbe mai collocato all'Inferno un uomo morto da poco in chiarissima fama di santità.

    Chiedo scusa per la digressione, ma mi era sembrata necessaria.

    RispondiElimina
  22. Argentino, ex Sostituto della Segreteria di Stato, attualmente Prefetto delle Chiese Orientali.

    RispondiElimina
  23. Sandri, cardinale, è il prefetto per le Chiese Orientali, Sostituto alla Sgr. di Stato sotto Giovanni Paolo II . Un diplomatico  estraneo totalmente alle cose che interessano a noi per un rinnovamento nella tradizione della Chiesa.

    RispondiElimina
  24. Ci lasci la suspence?8 giugno 2010 20:40

    Hai spiegato chi sicuramente non è, ma non hai scritto a chi probabilmente si riferiva Dante...

    RispondiElimina
  25. Insomma, ci è mancato un pell...

    RispondiElimina
  26. Bhè! La critica non è concorde nell'indicare questo personaggio misterioso.
    Da parte mia protendo per quella teoria secondo cui l'Alighieri volesse riferirsi a Ponzio Pilato.

    RispondiElimina
  27. Sandri non lo conosco, ma se può essere lui un candidato, perchè non dovrebbe andare bene? Perchè il suo lavoro ha riguardato finora soprattutto la diplomazia? Ma allora anche Pio XII avrebbe dovuto essere un pessimo papa, data che fino ad allora il cardinale Pacelli era stato considerato solo come il diplomatico pontificio per antonomasia. E invece...

    RispondiElimina
  28. Oliveri sarebbe ottimo come arcivescovo di Torino al posto del protestante Poletto, che sta per lasciare una diocesi in stato fallimentare. Voglia Iddio che Ratzinger lo intuisca. Sandri credo appartenga alla scuola di Re e di Filoni, rispettivamente predecessore e successore dello stesso quale sostituti alla segreteria di Stato. Uno dei tanti prelati che hanno banchettato sul letto di morte di Giovanni Paolo II.

    RispondiElimina
  29. Guardia Svizzera8 giugno 2010 21:11

    Certo che se anche il Papa si fa togliere la tiara dallo stemma per una piu' democratica mitra....

    RispondiElimina
  30. Io credo che la ragione sia questa:

    BOOM DI VOCAZIONI RELIGIOSE IN AUSTRALIA DOPO LA GMG CON BENEDETTO XVI.... ;)
    http://www.papanews.it/news.asp?IdNews=14780

    è evidente che il cardinal Pell sta lavorando e seminando bene....

    RispondiElimina
  31. godeva di fama di uomo di sinistra o mi sbaglio? non era un sodaniano?

    RispondiElimina
  32. Filippo Burighel8 giugno 2010 22:23

    Parole sacrosante!

    RispondiElimina
  33. una diocesi in stato fallimentare??
    dopo tutti i soldi incassati dall'ostensione?

    RispondiElimina
  34. DANTE PASTORELLI9 giugno 2010 00:12

    Le indicazioni son diverse. A favore dell'ipotesi Celestino c'è la spiegazione di Dante con Dante e l'importanza della storia recente nella Divina Commedia: la sua rinuncia fece salire al trono papale Bonifacio VIII con quel che ne seguì a danno di Firenze e di Dante. E del resto anche Jacopone diceva a Celestino che se avesse ingannato sarebbe seguita al suo atto la maledizione.
    La Chiesa aveva canonizzato Celestino V, ma ad Avignone, da Clemente V su pressione di Filippo il Bello: e Dante li odiava tutt'e due. E, fra l'altro, non si sa se Dante fosse venuto a copnoscenza della bolla di canonizzazione. Resta il fatto che D. non fa nomi: non fu vivo in vita quel personaggio non dev'esser vivo in morte nella poesia.

    RispondiElimina
  35. DANTE PASTORELLI9 giugno 2010 00:13

    Acqua ossigenata.

    RispondiElimina
  36. que farai, Pier da Morrone?

    RispondiElimina
  37. ma l'ospite che ha ctato dante son io, perchè non mi ha fatto uscire il nick? bè comunque forse per pell è davvero meglio iacopone: "QUE FARAI, PIER DA MORRONE"?????

    RispondiElimina
  38. Finché non gli schiatta il fratello, non si muoverà mai!

    RispondiElimina
  39. Andrea Carradori9 giugno 2010 07:29

    La notizia, se vera, fa molto pensare.

    RispondiElimina
  40. dal blog che ha riportato la notizia:

    Titolo del post:
    <span><span>Una mala noticia

    <span>commenti vari:</span>
    <span><span>"El Cardenal Sandri no sería una buena opción." (utente Francesco)</span></span>
    "Rylko"                                                                                   (utente "brr")
    <span><span>"Cada vez es más evidente que el Santo Padre no es un monarca absoluto. Ahora resulta que los grupos de presión pueden vetar a los candidatos que él elige. O que estos se dan cuenta de que van a tener un escaso margen de maniobra. Este es uno de los puntos que se discuten con la FSSPX: </span></span>
    <span><span><span>Que el Papa recupere el poder.</span> No me parece mala idea." *                  (utente Qvo Primum) </span></span>
    ----------------
    *commento mio a margine dell'ultimo riportato:
    "Ubi maior, minor cessat".
    </span></span>

    RispondiElimina
  41. <span>dal blog che ha riportato la notizia:  
     
    Titolo del post:  
    <span><span>Una mala noticia  
     
    <span>commenti vari:</span>  
    <span><span>"El Cardenal Sandri no sería una buena opción." (utente Francesco)</span></span>  
    "Rylko"                                                           (utente brr ) 
    <span><span>"Cada vez es más evidente que el Santo Padre no es un monarca absoluto. Ahora resulta que los grupos de presión pueden vetar a los candidatos que él elige. O que estos se dan cuenta de que van a tener un escaso margen de maniobra. Este es uno de los puntos que se discuten con la FSSPX: </span></span>  
    <span><span><span>Que el Papa recupere el poder.</span> No me parece mala idea." *    (utente Qvo Primum) </span></span>  
    ----------------  
    *commento mio a margine dell'ultimo riportato:  
    "Ubi maior, minor cessat". 
    </span></span></span>

    RispondiElimina
  42. <span><span>dal blog che ha riportato la notizia:    
       
    Titolo del post:    
    <span><span>Una mala noticia    
       
    <span>commenti vari:</span>    
    <span><span>"El Cardenal Sandri no sería una buena opción." (utente Francesco)</span></span>    
    "Rylko"                                                           (utente brr )   
    <span><span>"Cada vez es más evidente que el Santo Padre no es un monarca absoluto. Ahora resulta que los grupos de presión pueden vetar a los candidatos que él elige. O que estos se dan cuenta de que van a tener un escaso margen de maniobra. Este es uno de los puntos que se discuten con la FSSPX: </span></span>    
    <span><span><span>Que el Papa recupere el poder.</span> No me parece mala idea." *    (utente Qvo Primum) </span></span>    
    ----------------    
    *commento mio qui a margine dell'ultimo riportato:    
    Ubi maior, minor cessat.  
    </span></span></span></span>

    RispondiElimina
  43. Sandri?  Jamais!!!

    RispondiElimina
  44. Una diocesi può trovarsi in stato fallimentare anche con due miliardi di euro d'attivo. Almeno così era una volta. Ma se non si riesce più a distinguere Dio da Mammona la cosa diventa grave.

    RispondiElimina
  45. Per carità, lasciate Sandri dove sta, anzi, mandatelo in pensione.. Faccio fanta-nomine? Vedrei bene Scola ai Vescovi e Oliveri a Venezia.
    Infine, un'anticipazione: ho inviato appena adesso in redazione una documentazione shock di quello che è accaduto ieri in un posto che, pensavo, insospettabile, a breve gli sviluppi.

    RispondiElimina
  46. Sandri? Per l'amor di Dio! Chiedete come mai fu prelevato urgentemente dall'Argentina e messo al riparo in Vaticano; ora potrebbe anche andare in visita in Argentina, ma solo con passaporto diplomatico. Su di lui pesano alcuni gravi dossier di vario genere.

    RispondiElimina
  47. sì perché i seminari di Sidney e di Perth sono neo-catecumenali e ormai nella Chiesa si dovrebbe sapere come avvengono le famose 'alzate' vocazionali e la successiva formazione dei futuri prebiteri che, a norma degli statuti di quei seminari, DEVONO seguire l'iter previsto per il cammino neocatecumenale sottoposti ai catechisti totipotenti megafoni degli iniziatori. Ricordo che gli statuti dei seminari furono redatti a suo tempo dal card Poletti, quando ancora l'Associazione laicale (tale è giuridicamente anche se il cammino non si riconosce in questa identità e si consente che agisca a nome della Chiesa) non era neppure approvata... e le sue catechesi erano segrete. Oggi non più e se ne conoscono le eresie, ma nella Chiesa c'è posto per tutti tranne che per i veri cattolici

    RispondiElimina
  48. Filippo Burighel9 giugno 2010 13:59

    Il Card. Scola purtroppo è ciellino. Non che questo sia di per sé un peccato (ho conosciuto tra i ciellini sia brave persone che emeriti "figli di"), ma questo per molti suoi confratelli costituisce un problema e girano voci che questo avrebbe portato alla sua estromissione dalla candidatura a nuovo Presidente CEI e alla nomina di Bagnasco, un nome "inerte" che non avrebbe dato fastidio a nessuno dei veri galli del pollaio CEI.
    Certo, questi sono pettegolezzi curiali, ma non escludere che possa esserci un fondo di verità.

    Se posso ardire, io preferirei Scola restasse nella mia diocesi. Spesso è stata una buona anticamera per i conclavi...

    RispondiElimina
  49. Guardia Svizzera9 giugno 2010 14:02

    Perche' non Bergoglio allora,  che inginocchatosi davanti ad una assemblea di evangelicals a Baires chiese loro perdono a nome della Chiesa?

    RispondiElimina
  50. Guardia Svizzera9 giugno 2010 14:10

    Non ha un sostituto a Sidney? Pietro chiede aiuto e l'eminenza accampa  pretesti? Che tristezza!
    E' evidente che i lupi a Roma sono ancora potenti e pensare che basterebbe cosi' poco per ridurli al silenzio!

    RispondiElimina
  51. Che Scola non sia andato a capo della CEI perché osteggiato (o meglio non voluto) dagli altri vescovi è ormai una verità di fatto.
    Se Scola dovesse salire in grado lo si dovrebbe soltanto ai prelati stranieri, visto che nessuno in patria lo vorrebbe. Scola, a mio avviso, ha più il profilo di un diplomatico, ecco perché lo vedrei bene in un incarico curiale. Non mancano i precedenti nella storia dei patriarchi.
    Resta il fatto, secondo me, che l'organizzazione generale della Chiesa sta attraversando un momento un po' poco chiaro (vedi scontri Schoenborn-Sodano, strane interpretazioni, non smentite, che vengono fatte della Instrumentum Laboris, dichiarazioni concilianti del Papa su omicidi di vescovi ma che, purtroppo, sembrano essere state smentite da recenti investigazioni, attacchi da ogni dove e una fronda conciliarista agguerrita come non mai)... Occorrerebbe, probabilmente, una sterzata decisa, visto che la politica dei piccoli passi non sembra aver condotto molto lontano.

    RispondiElimina
  52. Nobis quoque peccatoribus9 giugno 2010 16:19

    Ne parlavo di recente con un ecclesiastico australiano, persona di solito ben informata, e mi sembrava alquanto scettico nonostante le mie e nostre aspettative. Ora capisco il perche'....

    contra spem in spem

    FdS

    RispondiElimina
  53. Sì, è vero quello che si dice di Sandri.
    Tuttavia essendo molto amico di Sodano automaticamente non lo è di quella serpe di Re; pertanto si comporterà diversamente dal predecessore.
    Speriamo bene!

    RispondiElimina
  54. Io propongo il mago Silvan.

    RispondiElimina
  55. Fuori come un balcone9 giugno 2010 16:49

    Basta mandare tutto il Sacro Collegio Cardinalizio in viaggio con un vecchio aereo cubano.
    Sperare che l'aereo cada, ( altrimenti ci penserà la contraerea cubana ).
    Dopo di che il Papa potrà rinominare e riformare tutto da capo.
    E se qualche vescovo ha qualcosa da dire...no problem...si organizza un altra gita a Cuba su un aereo più scassato del primo.

    RispondiElimina
  56. Se da Pell  si passera' davvero a sandri, si capira' davvero chi comanda a Roma.
    Ripeto se sara' cosi'.......

    RispondiElimina
  57. Miei cari, sbaglio o stiamo diventando simili a delle vecchie comari di provincia? Ma che sono tutti 'sti pettegolezzi, 'ste malizie, 'ste mezze frasi? Comunque, dato che molti di voi hanno dapprima lanciato il sasso e poi nascosto la mano, gradirei sapere, di grazia, cosa avrebbe combinato Sandri in Argentina di così terribile, cosa potrebbe nascondere di così clamoroso l'Instrumentum Laboris e, possibilmente, qualche anticipazione sullo scoop vagamente accennato da colui che si cela dietro lo pseudonimo di "amico". No, perchè, se le vostre conoscenze sono così altolocate e ben appostate da permettervi di conoscere dettagli che a noi comuni mortali non è dato sapere, almeno abbiate la gentilezza e l'accortezza di rendeci partecipi delle vostre notizie privilegiate. E che dianime, non fateci morire dalla curiosità!

    RispondiElimina
  58. Domani G.B. Re raggiungerà un'altra delle sue vittorie... che vipera.
    Alle 12.00... è convocato il Consiglio Presbiterale dell'Archidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno... dato l'orario certamente sarà annunziata la nomina del nuovo Arcivescovo.
    L'eletto dovrebbe essere l'Arcivescovo Vicegerente di Roma, Moretti, che viene defenestrato dal vicariato...
    Praticamente due piccioni con una fava!!!
    Povera Chiesa di Dio.

    RispondiElimina
  59. er tripparolo9 giugno 2010 22:45


    poi vvè n'cazzate
    ssè vvè dico chè ppè voi
    a Chiesa è cosa umana.......

    mè sembrate er congresso
    ddè partito
    ppè elegge er segretario.....

    suvvia fiji belli
    pensate à Terza Persona........

    RispondiElimina
  60. Redazione di Messainlatino.it9 giugno 2010 22:52

    A 'un amico'. Se per redazione intendi quella di Messainlatino, guarda che finora non abbiamo ricevuto alcunché di quanto dici.

    RispondiElimina
  61. Nobis quoque peccatoribus10 giugno 2010 02:25

    per una volta sono d'accordo con tripparolo

    FdS

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.