lunedì 9 novembre 2009

Messa in latino alla radio. Come ai tempi di Marconi...



Domenica 29 novembre 2009 -Prima di Avvento- alle ore 10,30 dalla Chiesa di Sant'Antonio in Acireale (CT), verrà trasmessa da Radio Maria, per la prima volta, la Santa Messa in Rito Romano Antico. La Santa Messa verrà organizzata da "Giovani e Tradizione", da "Amicizia Sacerdotale Summorum Pontificum" e da "Famiglie per la Tradizione Cattolica". Sarà celebrata in ringraziamento al Signore per il 2° Convegno romano sul Motu proprio "Summorum Pontificum" e secondo le intenzioni del Sommo Pontefice Benedetto XVI felicemente regnante.

DEO GRATIAS

53 commenti:

  1. Nuara batte Scicolone 1-0 .

    RispondiElimina
  2. Uomini di poca fede, avete visto che radio maria sarebbe arrivara a trasmettere la Messa V.O.? Alessandro

    RispondiElimina
  3. Qualcuno riesce a registrarla in formato digitale e a condividerla?

    RispondiElimina
  4. Ottimo, Nuara batte Scicolone è proprio così!
    A proposito di Scicolone ricordo che timidamente in una mia telefonata in diretta a Radio Maria gli parlai del Summorum Pontificum del fatto che mi aveva aiutato anche a celebrare meglio col Novus Ordo, e gli dissi perchè non ne parlate alle Settimane Liturgiche....
    La risposta fu piena di saccenteria e di disprezzo (malcelato). Mi disse che avrebbe accettato una discussione solo con un esperto di lingua latina e in base alle fonti liturgiche antiche.... mah
    don Bernardo

    RispondiElimina
  5. E' una gran bella notizia! A nessuno poteva sfuggire la palese contrapposizione fra i due principali liturgisti di Radio Maria: Padre Nuara e l'abate Ildebrando Scicolone.
    Anch'io più volte interloquii telefonicamente con quest'ultimo ricevendone sempre risposte piccate e saccenti.
    Speriamo ora che l'apparato di commento nel corso della celebrazione sia costruito in modo, da una parte da far comprendere agli ascoltatori i gesti del celebrante, ma dall'altra senza sommergere la Liturgia da un profluvio di parole.
    Sarà un equilibrio difficile ma la sapienza di p. Nuara saprà sicuramente trovare la via giusta.

    RispondiElimina
  6. .......... '' e tira via ,, ........

    e MAMMA RAI invece ????????

    che trasmette celebrazioni protestanti ......... che aspetta ???.... il permesso dalla CEI ???..... o qualcuno ha messo l' alt .???...... o allora c' è qualcun' altro che farà i capricci se....... ???......

    non so quanto può rendere una MESSA in latino

    trasmessa per radio ....... coi suoi silenzI ..........

    RispondiElimina
  7. Sentimenti contrastanti:
    a) DEO GRATIAS. UN ATTO dovuto DI PURA GIUSTIZIA, come la "remissione" della "scomunica" ;
    B) i neocat./medjgoristi di Radio Maria hanno capito da parte spira il vento e vogliono "rifarsi una verginità"?
    c) A quando/quanto per televisione?
    d)aTTENZIONE! Quando saremo del tutto omologati, che senso avrà la nostra battaglia?
    Dopo quaranta anni di persecuzioni e sofferenze, da un lato fa piacere, dall'altro è per questo che si è lottato? Anche una Messa al giorno, in tutte le parrochie, magari celebrata da qualcuno che non si è neppure certi che sia prete (e che, magari,la condirà con prediche progressiste) ed Una Messa, per TV, magari durante la settimana di preghiera per l'unità (non il giornale) magari ad anni alterni con quella di Rito Bizantino?
    Ed in cambio la "Muserola"? ripeto: IO NOn ho DI CERTO lottato e sofferto tanti anni per questo!

    RispondiElimina
  8. E nessuno ti impedisce allora di continuare la tua guerra di secessione.

    RispondiElimina
  9. voglio vedere come faranno cl CANONE a bassa voce

    RispondiElimina
  10. Forse, dico forse, durante i momenti di silenzio le persone all'ascolto potranno pregare. Non sarebbe una idea cattiva, durante una messa!

    RispondiElimina
  11. stamattina ho scoperto che tele radio Buon Cosiglio dei francascani dell'immacolata ha trasmesso la S. Messa in diretta (VO, logicamente)!
    E la nonna, senza commenti superflui e inutili, si univa in preghiera ricordando l'infanzia (ha 90 anni e passa...)

    RispondiElimina
  12. Mentre Nuara batte Scicolone, Maranatha.it rilancia al Santo Padre la richiesta per la messa V.O. in ogni parrocchia.

    http://www-maranatha-it.blogspot.com

    RispondiElimina
  13. Mi sembrano tutti provvedimenti improntati ad una certa convenienza. Ed improntati ad un certo ecumenismo infracattolico.
    (va bene parlare di apparizioni dubbie, un po' di canti neocatecumenali, poi l'intervento di Cl, infine un po' di pepe con la Messa in latino). Ridicolo!!!!!
    Come si fa' a fare cosi? ed ad entusiasmarsi per tale confusione dottrinale????
    La sfida e' portare la Messa antica nelle parrocchie.
    Leggevo ieri su Paix liturgique che in Francia un 30 per cento vorrebbe la messa antica nelle parrocchie. Di conseguenza il clero tradizionale in potenza potrebbe essere circa il 30 per cento.
    Penso che i frutti sarebbero ben maggiori quando cadra' anche questo muro di Berlino ecclesiale.

    RispondiElimina
  14. Non dimentichiamoci di ringraziare PADRE LIVIO, che ha accolto il nostro suggerimento.

    RispondiElimina
  15. sentite, smettetela di lamentarvi, un passo per volta, per favore. Dieci anni fa era impensabile la Summorum Pontificum. Ora Radio Maria sta per trasmettere il V.O.. Credo che sia la prima radio a grande diffusione a farlo. Qualcuno vorrebbe la Messa V.O. in ogni parrocchia. Anch'io lo vorrei ma non si può ottenere tutto e subito (come i bambini) perchè le ostilità (dei vescovi e dei preti di mezza età) sono tante. Ogni ostilità deve e può essere superata. Oltre radio Maria, avrebbe un grandissimo significato pedagogico, ad esempio, se il Papa iniziasse a celebrare il N.O. (Novus) in latino e in contemporanea Bertone, Vallini e Levada si associassero a Canizares. Sarebbe l'inizio della fine per certo catto progressismo che è molto simile al non compianto muro di Berlino. Alessandro

    RispondiElimina
  16. sei tanto sicuro che Bertone, Vallini e Levada si associono....?

    RispondiElimina
  17. all'anonimo delle 13,53. sono tutt'altro che sicuro, fra i capi dicastero della Curia mi pare che solo Canizares stia lavorado per ridare dignità e visibilità al V.O.. Alessandro

    RispondiElimina
  18. Radio Maria ha sicuramente tanti meriti, ma ricordate che deve accontentare le varie componenti del suo pubblico: neocatecumenali, cattolici "oridnari", opus Dei etc.. Se questa novità riscuoterà un certo successo, probabilmente ci sarà un poi, altrimenti finirà lì. Di sicuro non si mettono a fare la carità ai tradizionalisti. In Radio Maria ci sono forze contrapposte, c'è qualcuno molto molto influente,di tendenza estremamente giudaizzante, che quasi idolatra i giudei. Tempo fa disse che grazie a Dio, col Concilio V.II, la Chiesa si era finalmente liberata da certi inutili orpelli di tipo lefebvriano.

    RispondiElimina
  19. Certi commenti mi fanno tornare alla memoria un veccio amico monarchico che ha passato la vita a combattere contro l'ingiusto esilio a cui furono condannati Umberto II e i suoi discendenti maschi, e appena è stato permesso il rientro a Vittorio Emanuele e a suo figlio Emanuele Filiberto, molto prima che uno cominciasse a frequentrare le patrie galere e l'altro le sale da ballo, è diventato repubblicano. Certo una Messa Gregoriana a Radio Maria non è il massimo, ma tre anni fa chi avrebbe potuto sperarci? Grazie Padre Livio!

    RispondiElimina
  20. che bello, leggendo questa notizia mi vengono i brividi, sarà commovente, come commovente è stato ieri ascoltare a radio mater il credo in lingua latina cantato in occasione della messa celebrata dal Papa a Brescia. Che bello, chissà tettamanzi e ghidelli e gli altri vascovi conciliari lì presenti come erano inmbufaliti. Grazie Gesù ti amo tanto grazie PP Benedetto VXI

    RispondiElimina
  21. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  22. Cos'è questa storia dei vescovi dubbi dopo il 1972 di cui parla l'anonimo delle 17,07? Quindi anche il Papa, essendo stato ordinato vescovo nel 1977 sarebbe un vescovo dubbio? Ma il dubbio che qualche volta è meglio star zitti non viene a nessuno? Ricordiamoci che un po' di umiltà non guasta mai; se non ci salva dall'inferno ci salva almeno dal ridicolo.

    RispondiElimina
  23. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  24. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  25. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  26. Mettere in dubbio le ordinazioni episcopali e sono da infami!

    Che siano state composte IDEOLOGICAMENTE male ciò è evidente!!!

    Si può ammettere un errore umano e in casi simili vale il noto supplet Ecclesia,

    144, § 1, qui statuit: «In errore communi de facto aut de iure, itemque in dubio positivo et probabili sive iuris sive facti, supplet Ecclesia, ...

    ovvero che La Chiesa Santa supplisce agli errori umani anche se dolosi per il bene delle ANIME! QUINDI I VESCOVI SONO VESCOVI, SENZA DUBBIO, PUNTO E BASTA!

    Ciò non significa che quella porcata di preghiera consacratoria non si DEBBA modificare... ma si sa...

    TUTTA LA RIFORMA LITURGICA E' UN GRANDE ERRORE! MA ATTENTI!!!

    TUTTO VALIDO E SANTIFICANTE!

    RispondiElimina
  27. ...cari amici, ma il supplet Ecclesia non si applica alla potestas ordinis! Questa o c'è o non c'é!
    Se il rito della consacrazione episcopale fosse stato cambiato nella sua forma in modo sostanziale la Chiesa non supplirebbe un bel niente!
    Se fosse vero quanto quel sito e tanti altri sostengono, tutte le consacrazioni episcopali e ordinazioni presbiterali sarebbero da allora fittizzie...con tutto quello che questo comporta...

    E cosa supplisce la Chiesa...?
    Si legga bene l'intero canone citato.
    Questo detto i parole semplici.

    RispondiElimina
  28. Se fosse vero quanto quel sito e tanti altri sostengono, tutte le consacrazioni episcopali e ordinazioni presbiterali sarebbero da allora fittizzie...con tutto quello che questo comporta...

    *************************************

    Pura fantascienza! Don Luigi... Le parole di Consacrazione non sono solo formule "magiche" è Cristo la Chiesa che si fa carico delle sue Sacrosante Azioni Liturgiche!

    Ma come dicevo nulla toglie che siano state composte in modo orrendo!

    RispondiElimina
  29. mo ha detto...

    Se fosse vero quanto quel sito e tanti altri sostengono, tutte le consacrazioni episcopali e ordinazioni presbiterali sarebbero da allora fittizzie...con tutto quello che questo comporta...

    *************************************

    Pura fantascienza! Don Luigi... Le parole di Consacrazione non sono solo formule "magiche" è Cristo la Chiesa che si fa carico delle sue Sacrosante Azioni Liturgiche!

    Ma come dicevo nulla toglie che siano state composte in modo orrendo!

    10 novembre 2009 13.14
    Sono anni che, nel mondo tradizionalista, c'è tutto un dibattito su tale argomento. Ed il fatto stesso che ci sia è segno che nessuna delle tre posizioni(consacrazioni certamente inefficaci e, quindi, fittizie; consacrazioni certamente efficaci e quindi valide; consacrazioni di efficacia e validità dubbie) gode del privilegio dell'evidenza. A maggior ragione, nessuno dei sostenitori dell'una o dell'altra tesi può invocare Autorità. Al massimo possiamo parlare dell'autorevolezza dello studioso esperto.Allorfa, come regolarsi in pratica? Onestamente non saprei. Per quel che mi concerne, sospendo il giudizio. Certo è che, quando mi capita di dovermi confessare al fuori del mondo della Tradizione, mi rivolgo a preti anziani, che, certamente, hanno ricevuto il Sacramento dell'ORDINE prima del '72, o, quanto meno, DA vescovi ante-1972. Paradossalmente, il riuto dell'Ordinazione dei preti è stato il meno rifomato, quindi ci sono molti dubbi di meno

    RispondiElimina
  30. al sig. anonimo....

    Chè cristo si sia in un certo senso "legato" alle formule non significa minimamente che siano magiche! Ma perchè operino ciò che significano....perché siano performatrici è necessario che siano esatte!
    Se stasera alla messa dirò: questo è il corpo di Gesù....o simili...posso fare a meno di genuflettermi!
    ok?

    RispondiElimina
  31. A maggior ragione, nessuno dei sostenitori dell'una o dell'altra tesi può invocare Autorità.
    **************************

    Credo che solo un segno dal Cielo potrà dirci se le ordinazioni Episcopali dopo il 72 siano INVALIDE!



    Io comunque sono stato ordinato sacerdote dopo il 72 da un vescovo ordinato PRIMA del 72. Sto relativamente tranquillo!

    RispondiElimina
  32. Ogni discorso anche lontanamente sedevacantista, oltre che off topic, ricade nella proibizione di impugnare la verità conosciuta. Che nel caso è quella dell'indefettibilità della Chiesa.

    Siete pregati di NON rispondere al presente commento.

    RispondiElimina
  33. A maggior ragione, nessuno dei sostenitori dell'una o dell'altra tesi può invocare Autorità.

    beh, caro confratello, i sostenitori dell'invalidità la invocano e come l'autorità del precedente pontificale e della tradizione...fino ad arrivare a Leone XIII!
    Ho dato uno sguardo ai siti citati...c'è da rabbrividire!
    Intanto il dubbio lo seminano in tanti lettori! Bah!

    RispondiElimina
  34. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  35. nimo ha detto...

    Intanto il dubbio lo seminano in tanti lettori! Bah!

    10 novembre 2009
    Io, se fossi prete (a maggior ragione vescovo) cercherei un Oreintale (e/o un tradizionalista) e mi farei ri-consacrare su conditione.

    11 novembre 2009 10.59
    Ovviamente, come "Priam scelta" cercherei qualche vescovo emerito. "Leggenda urbana" narra che Mons. Arrigo Pintonello ne abbia fatta qualcuna di queste ri-ordinazioni di preti sub condizione.
    Mentre è assodato e risaputo che Padre Alessio Ulisse Floridi S.J.,nella sua parrocchia di rito bizantino nel New Jersy, ne abbia celebrati tanti di matrimoni, di coppie di tutto il mondo che NON volevano sposarsi con i riti bugniniani. Parrocchia bizantina che, come tante altrew in tutto il mondo, è stata il rifugio di tanti fedeli scandalizzati dal N O.
    Rafminimi13@libero.it

    RispondiElimina
  36. Pintorello è morto nel 2001. Da chi andare?

    http://www.catholic-hierarchy.org/bishop/bpinta.html

    RispondiElimina
  37. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  38. Vedo che qui c'è gente che invece di pensare alla riforma della Chiesa, di cui abbiamo un gran bisogno, preferisce rinchiudersi nel proprio orticello credendo di possedere la privativa della verità e degli ordini sacri. Che tristezza!

    RispondiElimina
  39. . Da chi andare?
    Ci sono gli Orientali.

    RispondiElimina
  40. "Ci sono gli orientali".

    Basta abiurare il cattolicesimo e tutti i concili dopo Nicea II...

    RispondiElimina
  41. onimo ha detto...

    "Ci sono gli orientali".

    Basta abiurare il cattolicesimo e tutti i concili dopo Nicea II...

    11 novembre 2009 17.50
    Ovviamente il riferimento è ai *CATTOLICI* di Rito orientale.

    RispondiElimina
  42. e mons. Fellay.......

    RispondiElimina
  43. DANTE PASTORELLI12 novembre 2009 12:52

    Le consacrazioni e le ordinazioni degli orientali son illecite valide, Nicea o post Nicea.
    Quanto alle leggende urbane sarebbe meglio lasciarle perdere.

    RispondiElimina
  44. Prof. pastorelli lei cosa ci può dire in merito al qeusta storia delle ordinazioni probabilmente invalide?

    RispondiElimina
  45. Io credo che a questo punto per dissipare ogni dubbio ci si possa con fiducia rivolgere ad un Vescovo che, al di la delle Rito utilizzato ci da la certezza della "validità" della sua Ordinazione Episcopale, essendo, tra l'altro, ben disposto a riconsacrare vescovi o/e presbiteri.

    S. E. Mons. Claudio Gatti, Ordinato direttamente da Dio.

    ***************************************************

    stim.ma Redazione

    credo che sia il momento per cancellare tutto questo materiale off topic.

    RispondiElimina
  46. Addirittura abbiamo l'onore di leggere su queste pagine il sig. C.Gatti, già ridotto allo stato laicale da Giovanni Paolo II regnante per essersi indebitamente auto-proclamato vescovo.

    E leggo con interesse che è disposto anche a consacrare altri vescovi e presbiteri come se si trattasse di prendere una birra in taverna.

    Con divertimento, vi saluto.

    RispondiElimina
  47. Guardia Svizzera22 novembre 2009 21:28

    Alla fine a Radio Maria la Messa di sempre non e' stata trasmessa.
    C.D.D.

    RispondiElimina
  48. Guardia Svizzera, sei in anticipo di una settimana: è prevista per domenica prossima

    RispondiElimina
  49. Guardia Svizzera22 novembre 2009 22:24

    A pensar male si fa peccato e non ci si azzecca sempre . Chiedo venia.

    RispondiElimina
  50. ordunque io e mia figlia, grazie al Messale Tradizionale che acquistai da Fede e Cultura, ci siamo messi in salotto, con la radio, a seguire la santa Messa....

    E ci siamo riusciti benissimo....
    preparando bene il messale e i suoi segnalini, abbiamo potuto seguire tutte le parti senza difficoltà, così mia figlia comprendendo anche con la traduzione ciò che si diceva, ha potuto seguire lasciandosi veramente catturare dalla Messa senza distrazione alcuna...

    Bella l'omelia di Padre Nuara incentrata non solo sul Vangelo ma, guarda il caso, riprendeva i nodi centrali dell'omelia del Papa fatta ieri ai Primi Vespri d'Avvento...
    C'è stata davvero UNITA' di mente, di cuore, di spirito....

    Ringrazio il gruppo Giovani e Tradizione per questa opportunità e un grazie a padre Livio il quale, mi auguro, si prodigherà in futuro per donare alla Messa nella forma Straordinario lo spazio doveroso che davvero merita...

    C'è solo un punto al quale ho pensato: noi avevamo il Messale e abbiamo potuto seguire...tuttavia attraverso la radio, NON VEDENDO ciò che avviene, se non si ha un messale o un foglietto con il quale seguire, diventa difficile capire cosa sta facendo il sacerdote....e di fedeli ignari di questa Messa ce ne sono tanti, troppi e molti seguono Radio Maria...Non so come si potrebbe fare, ma sarebbe ottima cosa donare, per esempio, a padre Livio i foglietti (futuri) che potrebbe mettere nel suo sito prima di mandare in onda la Messa antica e così chiunque vuole potrebbe scaricarlo e seguire la Liturgia...oppure padre Livio potrebbe inviare con il giornalino, un foglietto con le parti più importanti della Messa (in latino e in italiano)...in questo modo i fedeli, ne sono sicura, si sentiranno chiamati in prima persona al concetto della PARTECIPATIO in modo meditativo e costruttivo e di impegno...


    PER LE DIFFICOLTA' RISCONTRATE....


    scrivete a Radio Maria anche voi....
    io ho fatto così:

    info.ita@radiomaria.org

    (saluti e presentazione, ringraziamenti)
    poi:

    C'è solo un punto al quale ho pensato e che sto riscontrando in alcuni blog come critica costruttiva, caro padre Livio glielo spiego così come ho scritto in questi Blog di Messainlatino e Rinascimento Sacro:

    " noi avevamo il Messale e abbiamo potuto seguire...tuttavia attraverso la radio, NON VEDENDO ciò che avviene, se non si ha un messale o un foglietto con il quale seguire, diventa difficile capire cosa sta facendo il sacerdote....e di fedeli ignari di questa Messa ce ne sono tanti, troppi e molti seguono Radio Maria...Non so come si potrebbe fare, ma sarebbe ottima cosa donare, per esempio, a padre Livio i foglietti (futuri) che potrebbe mettere nel suo sito prima di mandare in onda la Messa antica e così chiunque vuole potrebbe scaricarlo e seguire la Liturgia...oppure padre Livio potrebbe inviare con il giornalino, un foglietto con le parti più importanti della Messa (in latino e in italiano)...in questo modo i fedeli, ne sono sicura, si sentiranno chiamati in prima persona al concetto della PARTECIPATIO in modo meditativo e costruttivo e di impegno..."
    ^__^

    Caro padre Livio, ringraziandola di cuore per questo immenso atto di Carità vera che lei ha fatto, concedendo alla Messa Straordinaria di sentirsi un cuor solo ed un anima sola attraverso Radio Maria e tutti gli ascoltatori, incoraggiandoci vicendevolmente per superare gli ostacoli che potrebbero non permettere più alla Radio di trasmettere questa Messa a causa magari della carenza di foglietti per la comprensione...auguro a Lei ed alla Radio con i collaboratori, un bellissimo Cammino d'Avvento all'insegna propria esplicata anche dal desiderio del Pontefice espresso nel MP a favore di questo messale, affinchè si attenuino le divisioni interne alla Santa Chiesa e tutti possiamo arricchirci.
    Buon Avvento!

    (nome e saluti)

    RispondiElimina
  51. Grazie padre Livio!

    Per i sussidi suggerirei Maranatha.it, sono ben fatti ed esteticamente impeccabili come al solito del resto...non ha pubblicità che distolga l'utente da cose non sacre.

    suggerirei di mettere quindi questi link:

    per il foglietto scaricabile dell'Ordinario della Messa, padre Livio lo potrebbe prendere senza problemi e tutto utilizzabile liberamente e gratuitamente:

    http://www.maranatha.it/MissaleRomanum/ORDINARIO DELLA MESSA (Romano).zip

    per le letture e le preghiere sempre il sito, che settimanalmente accanto alla Messa Ordinaria, propone anche le letture e orazioni della Messa Straordinaria!

    quelle di oggi erano

    http://www.maranatha.it/calendar/cal10Apage.htm

    quelle di domenica prossima saranno:


    http://www.maranatha.it/calendar/cal10Apage.htm


    grazie ancora padre Livio

    RispondiElimina
  52. Per i messalini scaricabili, consultabili e stampabili segnalo:

    http://www.messalini.org/

    RispondiElimina
  53. quando ero piccola sono stata dalle suore s.famiglia mi ricordo che ogni mattina prima di andare a scuola bisognava andare a messa, eravamo piccole io avevo 9 anni la messa era in latino e durava poco forse una mezzoretta piena non ci pesava perche appunto non era lunga e a me piaceva moltissimo certo non dico che fosse paragonabile a quella di oggi ma era come dire un buon alimento ogni giorno . mi piacerebbe se si ritornasse a questo tipo di messa almeno per la messa del mattino presto chissa forse le chiese sarebbero più piene.al mattino .

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.