Post in evidenza

Intervista di MiL al prof. Andrea Grillo sulla liturgia tradizionale: "La Chiesa non è un club di notai o di avvocati"

Durante la Tre Giorni su don Primo Mazzolari (vedere foto sotto) che si tiene ogni anno in Diocesi di Cremona, a Bozzolo, il Vostro ha inco...

giovedì 6 giugno 2024

USA. Le vendite di veli da donna per la Messa stanno crescendo del 2000%

Come a Chartres, i giovani vanno verso la Tradizione.
"Anna Tabeling, studentessa del Wyoming Catholic College e cliente di Veils by Lily, dice di aver iniziato a indossare il velo tre anni fa. Ha detto al Register che le piace l'enfasi che il velo pone sul rapporto dell'anima con Cristo come una sposa. Per lei, il velo ha aiutato a riaggiustare la sua mentalità e la sua postura davanti al Signore, il segno esteriore aiutando la disposizione interiore: “Il velo, mentre copre, adorna anche”. 
QUI e sotto un breve ed interessante video.
Nostra traduzione.
Luigi C.

Zenit Spagna, 28-5-24 

È iniziata nel 2010 in un angolo della sua cucina, gestendo tra i 30 e i 60 ordini al mese. Ora ci sono 12 persone che lavorano in un ufficio a Kimmswick, storica cittadina del Missouri. Gestiscono una media di 900 ordini al mese, compresi quelli all'ingrosso.
Potrebbe essere che il suo lavoro sia stato un po' troppo lungo. Forse non penserete di indossare un velo (noto anche come mantiglia) per andare a messa o immaginerete che sia un articolo in crescita, ma da quando Lily Wilson ha iniziato a venderli, la sua azienda, Veils by Lily, è cresciuta di ben il 2.000%. “Ho iniziato nel 2010 in un angolo della mia cucina, gestendo 30-60 ordini al mese. Ora siamo in 12 a lavorare in un ufficio a Kimmswick, storica cittadina del Missouri. Abbiamo una media di 900 ordini al mese, compresi quelli all'ingrosso", racconta Wilson al Register. Wilson è stata introdotta ai veli da cappella da un'amica che l'ha invitata a pregare all'Oratorio di San Francesco di Sales a Saint Louis. Mentre era lì, notò una donna che indossava un velo da cappella in pizzo che le sembrò bellissimo. Lasciò il posto con un'idea fissa. Cercò finché non trovò un pizzo simile in un negozio di tessuti e imparò a usare la macchina da cucire. Sua madre, che era in visita in quel periodo, le suggerì di creare un sito web e di iniziare a venderli. “Così ho fatto. Gli ordini cominciarono ad arrivare e presto fui così occupata che dovetti lasciare il mio lavoro part-time per farlo", ricorda Lily. 
Sebbene un tempo fosse molto comune e persino menzionato nel Codice di Diritto Canonico del 1917, oggi il velo non è una pratica obbligatoria per le donne. Ogni donna, se lo desidera, può indossare il velo durante la Messa e l'adorazione eucaristica. “È un bene che non sia più obbligatorio, secondo me, perché ora possiamo farlo in libertà e con purezza di intenzione”, dice Lily Wilson e afferma che “molte donne” le hanno confidato “che il loro rapporto con Dio e la loro esperienza della Messa si sono approfonditi da quando hanno iniziato a portare il velo”. 
Una testimonianza simile viene data al Register da Jane Mary-Gianna Yeak, fondatrice dell'azienda Filia Dei Veils e anche dell'atelier di cucito Evintage Veils “situato nel profondo delle tranquille montagne della Pennsylvania”. Allo stesso modo, nel Regno Unito, Di Clara, di proprietà di una madre cattolica, produce non solo veli, ma anche paramenti e altri articoli devozionali. Fondata da Clare Short per sostenere i suoi tre figli piccoli e il marito che si stava riprendendo da una lunga malattia, il loro commercio è culminato con la presentazione di una casula a Papa Benedetto XVI. Sempre in Australia, Magnificat Veils serve l'Australia e la Nuova Zelanda: l'obiettivo, dicono i proprietari, è “rendere i veli più accessibili alle donne in Australia e Nuova Zelanda”. Gestita da Niña e Rafael Nepomuceno, una giovane coppia di marito e moglie di Melbourne, Niña racconta che “da giovane donna che cresceva” ha visto “la bellezza di indossare una mantiglia o un velo durante la messa” e si è sempre chiesta perché così poche donne conoscessero questa tradizione cattolica. 
“Per Lily Wilson ‘il velo è un invito ad adorare Nostro Signore, un riconoscimento della presenza reale di Cristo nell'Eucaristia, un segno di umiltà davanti a Colui che è presente durante la Messa e che adoriamo nel tabernacolo’. Lily sottolinea che “nella Chiesa, guardando alla sua storia, il velo ha sempre coperto il sacro, e in questo caso, paradossalmente, è anche una celebrazione della grande dignità della donna”. Sebbene si possano scoprire molti strati di significato per l'uso del velo, Wilson afferma che il principale ha a che fare con l'immagine nuziale che San Paolo usa per descrivere la relazione di Dio con l'anima e di Cristo con la Chiesa. “Il velo diventa un atto di riverenza e di umiltà davanti a Dio, in cui diciamo: ‘Tu sei il mio Dio e io mi arrendo alla tua amorevole volontà di vita’”. Un “Veil Influencer” nelle giovani generazioni Sebbene i dati di vendita indichino che il velo è diventato molto più comune rispetto a 15 anni fa, non è ancora di massa. Ma una grande promotrice del velo da preghiera femminile sta cambiando la situazione tra le giovani donne. Si tratta dell'ex modella Leah Darrow. Dopo essere tornata alla Chiesa cattolica nel 2017, ha scritto diversi libri, tra cui “L'altro lato della bellezza. Embracing God's Vision for Love and True Worth", in cui sottolinea anche il ruolo del velo nell'aggiungere bellezza alle preghiere di una donna. Anna Tabeling, studentessa del Wyoming Catholic College e cliente di Veils by Lily, dice di aver iniziato a indossare il velo tre anni fa. Ha detto al Register che le piace l'enfasi che il velo pone sul rapporto dell'anima con Cristo come una sposa. Per lei, il velo ha aiutato a riaggiustare la sua mentalità e la sua postura davanti al Signore, il segno esteriore aiutando la disposizione interiore: “Il velo, mentre copre, adorna anche”. 
Il noto sacerdote Mike Schmitz incoraggia le donne a sentirsi libere di indossare il velo considerandolo un sacramento...