Post in evidenza

Intervista di MiL al prof. Andrea Grillo sulla liturgia tradizionale: "La Chiesa non è un club di notai o di avvocati"

Durante la Tre Giorni su don Primo Mazzolari (vedere foto sotto) che si tiene ogni anno in Diocesi di Cremona, a Bozzolo, il Vostro ha inco...

domenica 2 giugno 2024

Informazioni “Fuorvianti e Confuse”: i Medici Cattolici Australiani sul Testo dell’Accademia per la Vita.

Grazie a Marco Tosatti per questa utile traduzione sull'ennesimo equivoco documento dell'Accademia Vaticana per la Vita.
"Uno dei principali problemi evidenziati nella nuova critica è “l’oscurità e la confusione” nel linguaggio di ETV, che potrebbe fuorviare i fedeli".
QUI, QUI e QUI alcuni articoli in inglese sul tema.
Luigi C.


1° Giugno 2024 

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, offriamo alla vostra attenzione questo articolo pubblicato da Catholic World Report, che ringraziamo per la cortesia. Buona lettura e condivisione.
§§§

Rappresentanti dell’Associazione medica cattolica australiana, con il sostegno di diversi teologi morali e bioeticisti cattolici, hanno criticato un libro pubblicato dalla Pontificia Accademia per la Vita per la sua mancanza di comprensione della “scienza attuale” e di aree specifiche della medicina.
Gli esperti sostengono che il libro diffonde informazioni teologiche e mediche “fuorvianti e confuse” che contraddicono gli insegnamenti consolidati della Chiesa sulla contraccezione e sulle tecnologie di riproduzione assistita.

Il libro in questione, “Etica Teologica Della Vita” (ETV), tratta di “Etica teologica della vita: Scrittura, tradizione e sfide pratiche”. La pubblicazione italiana di 528 pagine è la sintesi di un seminario promosso dall’Accademia nel 2021.

La critica, pubblicata il 23 aprile sul Linacre Quarterly, la rivista ufficiale della Catholic Medical Association, descrive le contraddizioni tra il libro e gli insegnamenti consolidati della Chiesa sulla contraccezione e sulle tecnologie di riproduzione assistita.

L’elenco degli autori comprende esperti medici, teologi e bioeticisti: Elvis Šeman; Eamonn Mathieson; VillaUmberto; Deirdre Piccolo; Randy De Los Reyes Juanta; Padre Pasquale Corby, OFMConv; Padre Giovanni Fleming; e Brendan Purcell.

Mathieson ha detto alla CNA di essere stato informato delle preoccupazioni sollevate dagli esperti di lingua italiana della Scuola Camen di Milano, un istituto educativo sulla fertilità.

“Nonostante il profilo di alto livello della Pontificia Accademia per la Vita, non siamo riusciti a reperire alcuna traduzione ufficiale in inglese del testo originale italiano di ETV. Dopo aver ottenuto un’accurata traduzione in inglese, è diventato chiaro che ETV contiene argomenti teologici e medici confusi e fuorvianti”, ha affermato Mathieson.

Gli autori hanno dichiarato in un’intervista scritta alla CNA di aver sottolineato la necessità di chiarezza e adesione agli insegnamenti della Chiesa, soprattutto in materia di bioetica.

“Come rappresentanti dell’Australian Catholic Medical Association, ci siamo sentiti moralmente e fraternamente obbligati a produrre una risposta correttiva rispettosa, pubblicamente disponibile, basata sull’evidenza e sottoposta a revisione paritaria alle dichiarazioni ambigue e problematiche contenute in ETV”.

Non è la prima volta che un libro o la Pontificia Accademia per la Vita vengono criticati. Una lettera aperta nel 2022 ha sottolineato una serie di errori. Anche l’attuale presidente dell’Accademia, monsignor Vincenzo Paglia, ha suscitato polemiche nel 2023 per le sue dichiarazioni su aborto ed eutanasia.

Mancanza di comprensione della “scienza attuale”

Uno dei principali problemi evidenziati nella nuova critica è “l’oscurità e la confusione” nel linguaggio di ETV, che potrebbe fuorviare i fedeli: “Siamo rimasti davvero sorpresi e preoccupati sia dal linguaggio che dalle dichiarazioni fatte in ETV. La nostra preoccupazione era tale che ci ha ispirato a imbarcarci in un compito di 18 mesi per scrivere questa risposta e pubblicarla”.

Nella sua intervista con la CNA, Mathieson ha anche sottolineato la mancanza di comprensione della “scienza attuale” e di aree specifiche della medicina nell’ETV. Egli ha sottolineato che la collaborazione con diverse associazioni mediche cattoliche internazionali riflette un consenso più ampio.

“È uno sviluppo meraviglioso lavorare insieme ai nostri colleghi internazionali per portare la ricerca medica più aggiornata nello spazio dell’insegnamento sociale cattolico. Ci auguriamo che questa collaborazione internazionale possa continuare a fiorire e servire come risorsa per la Pontificia Accademia per la Vita e per la Chiesa in questi e altri settori della bioetica e della medicina nel futuro”, ha affermato.

La critica si concentra su tre preoccupazioni principali. In primo luogo, i medici evidenziano “oscurità e confusione” nel linguaggio di ETV, che secondo loro potrebbero fuorviare i fedeli sugli insegnamenti cruciali della Chiesa.

In secondo luogo, sottolineano una mancanza di comprensione degli attuali progressi scientifici e di aree specifiche della medicina. Mathieson ha sottolineato che le argomentazioni di ETV sembrano ignorare i metodi moderni e altamente efficaci di pianificazione familiare naturale e i progressi nella medicina riproduttiva riparativa che sono in linea con l’etica della Chiesa.

In terzo luogo, la critica sottolinea le contraddizioni tra ETV e gli insegnamenti consolidati della Chiesa sulla contraccezione e sulle tecnologie di riproduzione assistita, sostenendo che le raccomandazioni di ETV potrebbero portare a un’interpretazione errata delle dottrine della Chiesa su queste questioni bioetiche vitali.

Riguardo al potenziale impatto di questa critica, Mathieson ha espresso la speranza per una comunicazione continua: “Si spera che questo articolo serva da veicolo per la comunicazione e il dialogo continui con la Pontificia Accademia per la Vita così come con altre agenzie all’interno della Chiesa”.

La critica affronta anche il ruolo vitale della Pontificia Accademia per la Vita nell’orientare i fedeli sulle questioni bioetiche.

Mathieson ha sottolineato l’importanza di aderire alla visione di San Giovanni Paolo II, che istituì l’Accademia nel 1994. “Per compiere la sua vitale missione di formare e informare le persone e la cultura del nostro tempo, la Pontificia Accademia per la Vita deve essere fedele a questa visione. Non è una visione statica, ma che accoglie la ricerca e l’iniziativa nel dinamismo della creazione di una “cultura della vita””, ha detto alla CNA.

Gli autori hanno raccomandato alla Pontificia Accademia per la Vita di consultare le associazioni mediche cattoliche, rappresentate dalla FIAMC (un’associazione mondiale di medici cattolici), per essere di aiuto con futuri testi che forniscano una guida morale sulla pratica medica cattolica e sulle questioni etiche.

“La nostra comprensione, dalle nostre comunicazioni con le associazioni mediche cattoliche internazionali affiliate alla FIAMC, e attraverso il nostro coinvolgimento in conferenze e congressi internazionali, è che esiste effettivamente un consenso riguardo a queste questioni del matrimonio e della sessualità, soprattutto per quanto riguarda la contraccezione e ART [tecnologie di riproduzione assistita]”, ha affermato Mathieson.

Per i cattolici e i professionisti medici che affrontano questioni relative alla fertilità e alla procreazione, Mathieson ha consigliato di cercare medici generali cattolici fedeli che possano chiarire questioni mediche e bioetiche. Ha inoltre raccomandato diverse organizzazioni, come l’Istituto Internazionale di Medicina Riparativa Riproduttiva, che promuovono metodi coerenti con gli insegnamenti della Chiesa.

Mathieson ha concluso sottolineando la disponibilità di servizi di fertilità di qualità in Australia in linea con gli insegnamenti della Chiesa. “Siamo davvero benedetti con numerosi servizi di fertilità di qualità in Australia”, ha osservato.

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione