Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

mercoledì 1 maggio 2024

S. Messa tradizionale nell'arte #144 - Martirio di S. Stanislao, patrono di Polonia - W. Barwicki (1902), chiesa di S. Stanislao, a Piotrawin (Polonia) #sanstanislao #polonia #mtlnellarte

Mercoledì prossimo, 7 maggio, cade la memoria di S. Stanislao di Cracovia, Vescovo e Martire (vissuto nell'XI secolo), patrono della Polonia.
Per la rubrica della S. Messa nell'arte, in suo onore, proponiamo quest'opera del pittore polacco Władysław Barwicki (1865-1933), intitolata "L'assassinio di San Stanislao".
In essa è raffigurata la scena in cui l'8 maggio 1079 il re Boleslao (Boleslao II il Temerario) uccise il vescovo Stanislao (poi San Stanislao di Cracovia: il vescovo aveva scomunicato il monarca per la sua vita dissoluta e scandalosa) mentre celebrava Santa Messa. 
A compiere il sacrilegio gesto fu il re in persona perchè le guardie inviate ad uccidere il vescovo caddero respinte da una forza misteriosa (o più realisticamente, si erano rifiutate di macchiarsi di un tale crimine). Qui per l'agiografia. 
L'opera è datata 1902 e si trova nella chiesa di San Stanislao, a Piotrawin (Lublino, Polonia).

Per altre immagini cliccare sull'etichetta "MTL nell'arte"
..
(Sono senz'altro ben accette segnalazioni e suggerimenti, da parte dei lettori, di altre opere d'arte raffigurati scene della Messa Tradizinale in Latino o di altri sacramenti o sacramentali in rito tradizionale. Grazie sin da ora).
Roberto

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione