Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

sabato 18 maggio 2024

I vescovi australiani hanno approvato una liturgia aborigena. Che cos'è?

Ci mancava solo questa.
…Nel maggio 1973, la diocesi di Broome ricevette il permesso di utilizzare la liturgia "ad experimentum" (sperimentale).... Come ha spiegato padre Brian McCoy, S.J., in un articolo del 2023, "sebbene la versione finale fosse in inglese, essa cercava di esprimere un modello di espressione linguistica che sarebbe stato accettato da molti gruppi in cui la trasmissione di una tradizione orale era spesso espressa con parole, danze e canti ripetitivi, accompagnati da battito di mani, clapstick o didgeridoo". (…) Ci sono paralleli? (…)nel 2019, un'assemblea del Sinodo dei Vescovi a Roma ha proposto "l'elaborazione di un rito amazzonico che esprima il patrimonio liturgico, teologico, disciplinare e spirituale dell'Amazzonia".Una delegazione della Conferenza ecclesiale dell'Amazzonia (CEAMA) ha presentato il suo lavoro sull'elaborazione di un rito amazzonico al Dicastero vaticano per il Culto divino nel settembre 2022. Nel 2023, la Conferenza episcopale messicana ha presentato al Vaticano una proposta per "adattamenti liturgici indigeni", soprannominata "rito maya" dai media cattolici. Ma il cardinale Felipe Arizmendi ha spiegato che "non si tratta di creare un nuovo rito indigeno, ma di incorporare nella liturgia vari modi di rapportarsi a Dio di questi popoli e che esprimono la stessa cosa del rito romano, ma nella sua forma culturale". (…)Il movimento di adattamento della liturgia sta quindi assumendo diverse forme nella Chiesa latina, dalla creazione di nuovi "riti" (in senso stretto, usi liturgici del Rito Romano), all'introduzione di "adattamenti", alle traduzioni del Rito Romano della Messa in lingue indigene. Il testo della Messa della Terra dello Spirito Santo sarà ora sottoposto al Dicastero vaticano per il Culto divino per la recognitio (riconoscimento ufficiale)….”.
E a noi ci vietano le Messe Tradizionali.
Luigi C.

LUCA COPPEN, 10 maggio 2024, The Pillar

I vescovi australiani hanno formalmente approvato l'uso di una liturgia aborigena martedì durante una riunione plenaria a Sydney.
Il 1 luglio 2018, presso la cattedrale di Nostra Signora Regina della Pace a Broome, in Australia, viene celebrata la Missa Terra Spiritus Sancti (Messa della Terra dello Spirito Santo). Screenshot dalla pagina Facebook della Cattedrale di Nostra Signora Regina della Pace.
Hanno approvato la liturgia – conosciuta come Messa della Terra dello Spirito Santo, o Missa Terra Spiritus Sancti in latino – per l’uso nella diocesi di Broome , che copre circa 30.000 miglia quadrate nello stato dell’Australia occidentale e serve una popolazione cattolica. di circa 15.000 persone.
A chi è rivolta la liturgia? Quali sono le sue origini? E ci sono dei parallelismi?

The Pillar ha dato un'occhiata.

A chi è rivolta la liturgia?

La Messa della Terra dello Spirito Santo è destinata all'uso nelle comunità di indigeni australiani, principalmente nella diocesi di Broome.

Gli indigeni australiani sono composti da due gruppi etnici distinti: gli aborigeni australiani, che vivono sulla terraferma e sulle isole al largo, e gli isolani dello Stretto di Torres, le popolazioni indigene delle isole dello Stretto di Torres, un arcipelago situato tra lo stato australiano del Queensland e la Papua Nuova Guinea.

Nel 2016 in Australia c'erano 798.400 aborigeni e isolani dello Stretto di Torres, pari al 3,3% della popolazione totale. Si prevede che questa cifra salirà a un milione tra il 2027 e il 2029.

Secondo il Consiglio cattolico nazionale aborigeno e isolano dello Stretto di Torres ( NATSICC ), nel 2016 c'erano 133.540 cattolici aborigeni e isolani dello Stretto di Torres, che rappresentano circa il 17% della popolazione totale aborigena e isolana dello Stretto di Torres.

Il numero di cattolici aborigeni e isolani dello Stretto di Torres è cresciuto a un ritmo impressionante tra il 1986 e il 2016, passando da 46.405 a 133.540, con un aumento del 188%.

Solo nel quinquennio dal 2011 al 2016 il numero è passato da 124.625 a 133.540, con un incremento del 7%.

NATSICC descrive i cattolici aborigeni e isolani dello Stretto di Torres come “il gruppo demografico più giovane e in più rapida crescita nella Chiesa cattolica australiana di oggi”.

Quali sono le origini della liturgia?

La Messa della Terra dello Spirito Santo è opera di molte mani, ma la maggior parte dei resoconti delle sue origini evidenziano il ruolo di p. Kevin McKelson , un prete pallottino che fu inviato a Bidyadanga , sede della più grande comunità aborigena dell'Australia occidentale, all'inizio degli anni '60.

McKelson iniziò a imparare cinque lingue parlate dai gruppi tribali locali: Garadjari , Nyangumarta , Yulparija , Djuwarliny e Mangarla .

Con l'aiuto degli anziani aborigeni, il sacerdote tradusse la versione inglese del rito romano della messa nelle cinque lingue, con il sostegno dell'allora vescovo di Broome John Jobst .

McKelson scoprì che alcuni termini e frasi usati nella liturgia romana non avevano equivalenti diretti nelle lingue.

"La sua soluzione è stata quella di prendere i concetti fondamentali utilizzati nel rito romano e raccomandare un equivalente culturale che potesse essere compreso dalla popolazione locale", secondo una dichiarazione del 7 maggio pubblicata dal blog mediatico della Conferenza episcopale cattolica australiana.

“I testi liturgici tradotti sono diventati canti, in cui ogni parte intrinseca del rito romano è espressa in modo consono alle antiche culture locali”.

Ciò che questo significa in pratica può essere visto in un video di una Messa della Terra dello Spirito Santo celebrata nella cattedrale di Nostra Signora Regina della Pace a Broome nel 2018.

Il corteo d'ingresso è stato accompagnato dal suono dei bastoncini e dei didgeridoo. Dopo il segno della croce, il celebrante legge una preghiera di benedizione sull'acqua contenuta in un contenitore decorato con simboli aborigeni.

“Padre che sei nei cieli”, ha detto, “quest’acqua dà la vita a tutto il popolo di questa terra. Lo benediciamo nel tuo santo nome. Lascia che porti speranza eterna e la tua presenza tra noi. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo”.

Durante l’atto penitenziale, l’assemblea ha cantato un canto che ripeteva le parole: “Abbiamo sbagliato, ci dispiace, aiutaci, Padre, a non peccare più”.

McKelson, morto nel 2011, non solo ha tradotto il rito romano della messa dall'inglese alle lingue aborigene; li tradusse anche di nuovo in inglese.

Nel 1972 esisteva un testo completamente formato, pronto per essere presentato al più ampio mondo cattolico.

Come p. Brian McCoy, SJ, ha spiegato in un articolo del 2023 , “sebbene la versione finale fosse in inglese, cercava di esprimere un modello di espressione linguistica che sarebbe stato accettato da molti gruppi in cui la trasmissione di una tradizione orale era spesso espressa con parole, danze e canti ripetitivi, accompagnati da battiti di mani, bastoncini o didgeridoo.

Il 24 febbraio 1973 fu un giorno fondamentale nella storia della liturgia aborigena australiana. Quel giorno, il cardinale statunitense Lawrence Shehan – legato pontificio al 40° Congresso Eucaristico Internazionale di Melbourne – celebrò la prima liturgia aborigena al Sidney Myer Music Bowl della città.

Il filmato dell'evento mostra Shehan, l'arcivescovo di Baltimora, seduto vicino a un altare decorato con simboli aborigeni, con dozzine di aborigeni in piedi su una piattaforma rialzata dietro di lui.

Nel maggio 1973, la diocesi di Broome ricevette il permesso di utilizzare la liturgia “ ad sperimentale ” (sperimentale).

La liturgia - variamente conosciuta come Missa Bidyadanga , Missa Indigena e Missa Kimberley (dal nome della regione del Kimberley nell'Australia occidentale) - continuò a essere perfezionata negli anni successivi.

Nel 2018 il testo della messa è stato pubblicato da Liturgy Brisbane . Si intitolava “Massa della Terra dello Spirito Santo”, apparentemente in riferimento a una frase usata dall’esploratore portoghese Pedro Fernandes de Queirós, che andò alla ricerca della “ terra australis incognita ” (“terra sconosciuta del sud”). Dopo aver scoperto quello che credeva essere il territorio nel 1606, lo chiamò “ Tierra Australia del Espíritu Santo ” (Terra meridionale dello Spirito Santo).

Sebbene il testo della Messa della Terra dello Spirito Santo sia in inglese, è stato tradotto anche nelle lingue aborigene. La versione pubblicata nel 2018 era destinata all'uso nella diocesi di Broome, così come in altre comunità, con l'accordo del vescovo di Broome e del vescovo locale.

La liturgia aborigena sembra aver ricevuto un notevole impulso al Consiglio Plenario australiano, l'evento cattolico più importante del Paese negli ultimi anni.

La messa di apertura della seconda assemblea del Consiglio plenario, nel luglio 2022, è stata caratterizzata da una cerimonia del fumo aborigena durante la messa di apertura della sua seconda assemblea.

Il Consiglio Plenario ha emesso un decreto in cui si afferma: “La spiritualità degli aborigeni e delle isole dello Stretto di Torres contiene simboli e rituali che, se utilizzati in modo appropriato nei contesti liturgici cattolici, arricchiscono le nostre celebrazioni e facilitano un ambiente accogliente per le popolazioni indigene”.