Post in evidenza

Elenchi dei Vescovi (e non solo) pro e contro Fiducia Supplicans #fiduciasupplicans #fernández

Pubblichiamo due importanti elenchi. QUI  un elenco coi vescovi contrari, quelli favorevoli e quelli con riserve. QUI  un elenco su  WIKIPED...

lunedì 1 aprile 2024

Sinodalità. Non è Apostolica, è contro il Concilio e mina il Magistero. Mons. Marian Eleganti #sinodo

Grazie a Marco Tosatti per la pubblicazione del Vescovo Emerito di Coira.
QUI una bellissima dichiarazione su X del Card Ambongo su dove sta andando l'Occidente scristianizzato.
QUI Franca Giansoldati sulle pazzie della Diocesi di Friburgo (Germania): "«Basta confessare i bambini della prima comunione, evitare rischio di possibili abusi sessuali», lo studio della diocesi di Friburgo".
Catholic World Report/CNA – Jonathan Liedl: La controverse dichiarazioni del Cardinale Grech vengo a sommarsi alle preoccupazioni per i gruppi di studio post-sinodali: “…Il cardinale maltese ha anche affermato che la comunione della Chiesa dovrebbe assumere la forma di una "unità di differenze" piuttosto che di una "uniformità di pensiero" e ha descritto la sua visione della Chiesa come un "arcobaleno", con una maggiore flessibilità negli approcci pastorali e nell'insegnamento in luoghi diversi.” I commenti di Grech non sono la prima volta che la leadership sinodale mette in discussione la credibilità del progetto. Ma arrivano in un momento particolarmente impegnativo per il Sinodo sulla sinodalità. Sia il passaggio ai gruppi di studio, sia la recente promozione da parte del Vaticano di benedizioni non liturgiche per lo stesso sesso che "scavalcano la sinodalità", hanno sollevato dubbi sul fatto che l'assemblea sinodale finale, che si terrà dal 2 al 27 ottobre a Roma, avrà una grande importanza.  (…) Dando ai gruppi di studio un mandato che si estende oltre l'assemblea sinodale stessa - e spostando un numero significativo di argomenti fuori dall'ambito della prossima assemblea sinodale di ottobre (che si concentrerà più strettamente su "Come essere una Chiesa sinodale in missione") - il Vaticano ha probabilmente fatto il contrario: ha ridotto il Sinodo sulla sinodalità a un ausiliario dei gruppi di studio. [...] Il tema è molto significativo e le conclusioni del gruppo potrebbero avere un impatto sull'insegnamento e sulla pastorale della Chiesa, dalla contraccezione all'identità di genere. Lo ha anticipato il vescovo tedesco Georg Bätzing, capo della Conferenza episcopale tedesca, che dopo l'assemblea dell'ottobre 2023 ha affermato che la richiesta del documento di sintesi di rivisitare le formulazioni antropologiche della Chiesa è un "enorme passo avanti" e presumibilmente una rivendicazione del controverso Cammino sinodale".
Luigi C.

20 Marzo 2024 

Cari amici e nemici di Stilum curiae, mons. Eugenio Marian Eleganti, vescovo emerito di Coira, che ringraziamo di cuore, offre alla vostra attenzione queste riflessioni sulla sinodalità. Buona lettura e condivisione.

Sinodalità e cattolicesimo dei comitati

In base alla mia esperienza personale, ogni vescovo siede in 10-20 commissioni (consigli, conferenze, fori, comitati, commissioni, gruppi di lavoro, gruppi specializzati, presìdi, associazioni ecc. ecc.) In questi gruppi, gli stessi affari e argomenti vengono negoziati e discussi in larga misura in composizioni sempre diverse. Inoltre, il vescovo ha molte riunioni, funzioni religiose, visite e molto altro: tutto sommato, un sovraccarico (overkill) di appuntamenti!
Domanda: Quando un vescovo decide effettivamente qualcosa da solo nella sua responsabilità davanti a Dio per la diocesi che gli è stata affidata? Nella maggior parte dei casi, segue le decisioni prese a maggioranza nei comitati sopra citati o nel back office dei donatori (almeno in Svizzera).

Tutti questi organismi sono in gran parte misti: Laici, ecclesiastici, esperti, donne e uomini vi siedono ed esercitano la loro influenza. Ciononostante, i laici sentono ancora di non avere voce in capitolo nelle decisioni. Ora questo apparato sinodale viene ulteriormente gonfiato. I vescovi corrono di appuntamento in appuntamento, di riunione in riunione, come un criceto sulla ruota. Le strutture li tengono in tensione. Gli attori di questo cattolicesimo dei comitati trascorrono ore e giorni al tavolo delle riunioni. Basta dare un’occhiata agli ordini del giorno per convincersi che parlo per esperienza e non esagero.

Così ora, oltre ai consigli già esistenti, sono all’ordine del giorno anche i consigli sinodali, in cui anche i laici devono ricevere o esercitare indistintamente le competenze di guida della Chiesa. Si sta lavorando diligentemente a un insieme di regole che sta già prevedibilmente minando la struttura sacramentale della Chiesa e la sua leadership. Le affermazioni contrarie non convincono. Il Regolamento interno dell’ultimo Sinodo parla in senso contrario.

Questa sinodalità è apostolica? No, non lo è. Siamo ancora sul terreno del recente Concilio? No, non lo siamo. Ricordiamo:

– Nella Costituzione dogmatica “Lumen Gentium” (LG), il Concilio Vaticano II insegna a proposito dei vescovi: “Come membri del collegio episcopale e legittimi successori degli apostoli, essi sono tenuti, per fondamento e precetto di Cristo, a prendersi cura della Chiesa universale” (23).

– Il Concilio insegna che i vescovi presiedono al posto di Dio il gregge di cui sono pastori: come maestri nell’istruzione, come sacerdoti nel culto sacro, come servitori nella guida (LG 20).

– Il Concilio insegna a proposito dei vescovi che “per nomina divina hanno preso il posto degli apostoli come pastori della Chiesa. Chi li ascolta ascolta Cristo, e chi li disprezza disprezza Cristo e colui che lo ha mandato” (LG 20).

– A proposito dei vescovi, il Concilio insegna che la consacrazione episcopale conferisce anche i ministeri dell’insegnamento e della guida insieme al ministero della santificazione. (LG 21). Tradotto in diritto canonico: “Solo i chierici possono ricevere i ministeri per il cui esercizio è richiesta l’ordinazione o l’autorità ecclesiastica” (CIC, c. 274).

– A proposito dei vescovi, il Concilio insegna che solo essi sono autentici maestri dotati dell’autorità di Cristo (LG 25) e che con la loro autorità organizzano l’amministrazione dei sacramenti. (LG 26).

– Sui vescovi il Concilio insegna che essi guidano le Chiese particolari loro assegnate come rappresentanti e inviati di Cristo con il consiglio, l’incoraggiamento e l’esempio, ma anche con l’autorità e la sacra potestà, e che questa potestà, che esercitano personalmente in nome di Cristo, appartiene loro come potestà propria, ordinaria e diretta. (LG 27).

– Il Concilio insegna che i vescovi, insieme al Papa e sotto la sua autorità, continuano l’opera di Cristo, pastore eterno, attraverso i secoli. “Perciò, per mezzo dello Spirito Santo loro comunicato, i vescovi sono diventati veri e autentici maestri della fede, sacerdoti e pastori” (CD 2).

– A proposito dei vescovi, il Concilio insegna che i vescovi scelti dalle varie regioni della terra assistono effettivamente il pastore supremo della Chiesa in un consiglio chiamato “Sinodo dei vescovi”. (CD 5)

– Il Concilio sostiene la differenza essenziale, non graduale, tra il sacerdozio comune dei fedeli e il sacerdozio dei vescovi e dei sacerdoti. (LG 10).

– Il Concilio insegna che i laici sono chiamati a collaborare con l’apostolato della gerarchia e possono essere chiamati dalla gerarchia a determinati ministeri ecclesiali che servono a fini spirituali (LG 33).

Sulla base di questi orientamenti, il diritto canonico stabilisce che solo coloro che hanno ricevuto l’ordinazione sacra sono autorizzati ad assumere il potere di guida che esiste nella Chiesa per nomina divina e che è chiamato anche potere di giurisdizione, ma che i laici possono partecipare all’esercizio di questo potere a norma del diritto. (CIC, can. 129 § 1 e § 2).

Tuttavia, questa partecipazione non significa che l’autorità episcopale sia estesa ai laici attraverso una sorta di divisione dei poteri nel governo della Chiesa in virtù di un diritto di voto egualitario, che siedono insieme ai vescovi nei concili sinodali e decidono insieme a questi ultimi su un piano di parità al tavolo delle riunioni (decisioni a maggioranza).

Questo non solo abbandona il terreno del Concilio, ma mina anche l’apostolicità e la sacramentalità del ministero di guida e lo neutralizza attraverso una sorta di parlamentarismo sinodale (la cosiddetta separazione dei poteri). Le conseguenze sono prevedibili.

Questo è ben noto nella Chiesa orientale.

Solo nell’Occidente latino il fuoco arde ancora.

1 commento:

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione