Post in evidenza

Elenchi dei Vescovi (e non solo) pro e contro Fiducia Supplicans #fiduciasupplicans #fernández

Pubblichiamo due importanti elenchi. QUI  un elenco coi vescovi contrari, quelli favorevoli e quelli con riserve. QUI  un elenco su  WIKIPED...

mercoledì 3 aprile 2024

Il cardinale Müller definisce le "benedizioni" omosessuali di Papa Francesco un attacco al matrimonio #Müller #fiduciasupplicans

"Purtroppo abbiamo molti vescovi con una comprensione sbagliata" e che "non hanno una teologia della teologia cattolica", ha detto il cardinale Müller.
Ad oggi molti vescovi hanno già dichiarato che non applicheranno il documento vaticano, lo vietano ai loro sacerdoti e rifiutano di impartire le benedizioni indicate dalla Fiducia Supplicans: QUI l'elenco e QUI.
Luigi C.

Michael Haynes, LifeSiteNews, 26-3-24

CITTÀ DEL VATICANO (LifeSiteNews) - In un'intervista esclusiva a LifeSiteNews, il cardinale Gerhard Müller ha criticato il Sinodo sulla sinodalità per la sua "concessione alle idee femministe", e ha affermato che Fiducia Supplici è "un trucco propagandistico" per ottenere il sostegno del movimento LGBT.
"Dietro Fiducia Supplicans non ha nulla a che fare con la [cura] pastorale per queste persone con la cosiddetta attrazione per lo stesso sesso, ma è solo un trucco propagandistico per dimostrare che 'non siamo contro questo movimento mondiale di LGBT e dobbiamo fare una certa concessione per non essere attaccati da loro come controparte'", ha dichiarato il cardinale Müller.

I commenti del cardinale fanno parte di un'ampia intervista rilasciata a LifeSiteNews {Parte I si può trovare qui} condotta di recente a Roma, riguardante il Cammino sinodale, il Sinodo sulla sinodalità, le benedizioni omosessuali e l'aborto. (N.d.T.: l'intervista è pubblicata in tre articoli separati, con la trascrizione completa di ogni parte rilevante della discussione presentata alla fine di ogni articolo).

Con l'intento, da parte dei suoi promotori, di dimostrare che "noi apparteniamo a voi", cioè al movimento LGBT, Müller ha attestato che Fiducia Supplicans "è stato un duro colpo contro il matrimonio, come fondato nel Logos di Dio nella sua ragione, nella formazione del mondo, della creazione".

"Non si può dire che tutto sia chiaro", ha detto Müller, respingendo la difesa fatta dai sostenitori di Fiducia Supplici. "Tutte le azioni o riflessioni pastorali devono basarsi su una vera antropologia e sul matrimonio come sacramento. Il senso della sessualità umana non è quello di avere un piacere per se stessi - il piacere legato alla sessualità è un dono di Dio - ma di promuovere l'attrazione tra uomo e donna. Si tratta di un'espressione corporea dell'amore personale che è aperto ad altre persone".

Ha esortato le persone "ad avere una comprensione cristiana della creazione dell'essere umano, dell'antropologia cristiana, della cristologia cristiana, dell'ecclesiologia, della comprensione dei sacramenti della grazia [e] di cosa sia la vita eterna", piuttosto che accettare il movimento dell'ideologia omosessuale.

Risposta pratica ai vescovi che spingono per le benedizioni degli omosessuali

Il cardinale tedesco ha già mosso una serie di critiche all'operato del Vaticano. Fiducia Supplicans documento sulle benedizioni per le persone dello stesso sesso, compreso il precedente dichiarazione che "porta all'eresia".

Intervento sul tema nel settembre 2023 prima della pubblicazione di Fiducia SuppliciMüller ha dichiarato che "benedire un comportamento immorale da parte di persone dello stesso o dell'altro sesso è una contraddizione diretta della parola e della volontà di Dio, una bestemmia gravemente peccaminosa".
All'epoca, aggiunse che "in una situazione così estrema... ogni funzionario ecclesiastico avrebbe perso la sua autorità e nessun cattolico è più obbligato a obbedire religiosamente a un vescovo eretico o scismatico".

Interrogato da LifeSite sulle implicazioni pratiche di questa dichiarazione, Müller ha esortato i cattolici a protestare presso i loro vescovi.

Dovrebbero contraddire [i vescovi] e, se ne sono capaci, [dovrebbero] spiegare o dire ai loro pastori o ai loro vescovi che non sono servi del vescovo e che il vescovo ha solo l'autorità sui fedeli data da Gesù Cristo.

Ripetendo una frase precedente, Müller ha osservato che "i vescovi e il Papa non sono i salvatori del mondo, e servono solo i ministri".

"Purtroppo abbiamo molti vescovi con una comprensione sbagliata", ha detto. "Non hanno una teologia della teologia cattolica. Non sanno che la nostra fede si basa sulla relazione [con], e ha questo criterio ultimo e più alto nella Sacra Scrittura, e nella Tradizione ufficiale e apostolica della Chiesa, e che il magistero e l'autorità dei vescovi non è al di sopra o al di là della Parola di Dio".

Tali vescovi, ha attestato Müller, hanno ridotto la loro teologia all'idea che il Papa abbia l'autorità ultima sulla fede e possa attuare idee "personali" come insegnamento. Persone "senza idee teologiche, senza conoscenza della Bibbia e della Tradizione apostolica, dei Padri della Chiesa, della grande tradizione della teologia cattolica" finiscono per ridurre il Papa ad avere "un potere assoluto nel mondo o in Vaticano come un autocrate".

"La conseguenza sarebbe che i fedeli credono nel vescovo o nel papa, ma non in Gesù Cristo. Questa è una perversione assoluta della fede cattolica", ha detto.

Müller ha osservato che tale posizione, oggi sostenuta dai vescovi cattolici, ripropone "l'errata interpretazione del papato e dell'episcopato" che fu esposta da Martin Lutero e dai suoi seguaci.

Al contrario, Müller ha osservato che il Papa e i vescovi sono chiamati a essere "i primi a dover essere obbedienti a Gesù" e che "i cattolici non devono essere obbedienti ai vescovi [nella loro persona], ma devono essere obbedienti nella fede a Gesù Cristo. I vescovi sono solo i messaggeri, i predicatori del Vangelo della verità, ma non della loro verità, bensì della verità di Gesù Cristo".

La trascrizione completa della seconda parte dell'intervista di LifeSite al cardinale Müller si trova qui di seguito.

Michael Haynes: Volevo riprendere l'"ordine del giorno" che lei ha menzionato. È interessante vedere che nel Sinodo della sinodalità stanno emergendo anche alcune delle questioni più controverse del Cammino sinodale. Era il marzo 2023 quando il Cammino Sinodale votò per andare avanti con una forma di diaconato femminile, e poi anche con una forma di benedizione per le persone dello stesso sesso. Naturalmente ora stiamo vedendo con il Sinodo della sinodalità alcune voci molto importanti che chiedono il diaconato femminile. Ora abbiamo i Fiducia Supplicans che si occupano della benedizione delle coppie omosessuali. Lei ha parlato di "agenda", pensa che ci sia un'agenda proveniente da certe forze in Germania o da certe forze forse a Roma, o è meno definita di così?

Il cardinale Gerhard Müller: Questa è una prova della nostra analisi, perché non sono interessati alla sostanza della missione della Chiesa. Gesù ha parlato del Regno di Dio, della vicinanza della grazia, della conversione e della vita eterna, della testimonianza del Vangelo e quindi porta speranza a tutti.

Ma hanno questi temi - il diaconato per le donne - non perché sia necessario o abbia qualcosa a che fare con il sacramento dell'Ordine, ma solo con questo motivo dietro: fare una concessione alle idee femministe, alla promozione delle donne e all'emancipazione, e stanno giocando con la dottrina della Chiesa solo per promuovere le proprie idee non teologiche.

Dietro Fiducia Supplicans non c'è nulla che abbia a che fare con la [cura] pastorale per queste persone con la cosiddetta attrazione per lo stesso sesso, ma è solo un trucco propagandistico per dimostrare "non siamo contro questo movimento mondiale di LGBT e dobbiamo fare una certa concessione per non essere attaccati da loro come controparte". Volevano dimostrare "noi vi apparteniamo", ma in realtà si trattava di un pesante attacco al matrimonio, come fondato nel Logos di Dio nella sua ragione, nella formazione del mondo, della creazione.

Non possono dire che tutto è chiaro. Tutte le azioni o riflessioni pastorali devono basarsi sulla vera antropologia e sul matrimonio come sacramento. Il senso della sessualità umana non è quello di avere un piacere per se stessi - il piacere legato alla sessualità è un dono di Dio - ma di promuovere l'attrazione tra uomo e donna. Si tratta di un'espressione corporea dell'amore personale che è aperto ad altre persone.

I figli: i figli non sono lì solo per il piacere soggettivo dei genitori... la relazione tra genitori e figli è assolutamente ontologicamente [su] un altro livello rispetto a qualsiasi animale o altra cosa, o per entrare nell'amore dell'uso contro, ma è una relazione personale, e questa relazione personale è radicata nella relazione trinitaria interna che è Dio stesso. Questo deve essere sotto i nostri occhi. Dobbiamo capire cosa significa avere una comprensione cristiana della creazione dell'essere umano, dell'antropologia cristiana, della cristologia cristiana, dell'ecclesiologia, della comprensione dei sacramenti della grazia [e] della vita eterna.

Haynes: Per quanto riguarda la questione delle benedizioni tra persone dello stesso sesso, da quando è uscito il documento Fiducia Supplicans a dicembre, abbiamo visto numerosi vescovi, in particolare in Africa, che hanno espresso forti preoccupazioni al riguardo, e anche lei e altri cardinali avete espresso preoccupazioni al riguardo. Volevo tornare su un aspetto che lei ha menzionato a settembre e sottolinearlo, ora che abbiamo la Fiducia Supplicans. C'è stato un commento che lei ha fatto a settembre, quando la prospettiva delle benedizioni tra persone dello stesso sesso è stata sollevata come una possibilità al Sinodo sulla sinodalità. Lei ha detto che "la benedizione di comportamenti immorali da parte di persone dello stesso sesso o di sesso opposto è una contraddizione diretta della parola e della volontà di Dio, una bestemmia gravemente peccaminosa", e ha aggiunto che se questo accadesse allora "ogni funzionario ecclesiastico [che lo facesse] avrebbe perso la sua autorità, e nessun cattolico sarebbe obbligato a obbedire religiosamente a un vescovo eretico o scismatico". Visti i molti vescovi che hanno accolto e promosso le benedizioni per le coppie dello stesso sesso, sarebbe in grado di spiegare cosa significa in pratica per i cattolici di quelle diocesi?

Cdl. Müller: Dovrebbero contraddire [i vescovi] e, se ne sono capaci, [dovrebbero] spiegare o dire ai loro pastori o ai loro vescovi che non sono i servi del vescovo e che il vescovo ha solo l'autorità sui fedeli data da Gesù Cristo. Non è un'autorità propria, non è un'autorità assoluta, non può dire: "Ho l'autorità e quindi posso dedurre tutte le mie idee personali e obbligarvi ad accettare il mio pensiero personale".

I vescovi e il Papa non sono i salvatori del mondo e servono solo i ministri. Perciò, purtroppo, abbiamo molti vescovi con una comprensione sbagliata. Non hanno una teologia della teologia cattolica. Non sanno che la nostra fede si basa sulla relazione [con], e ha questo criterio ultimo e più alto nella Sacra Scrittura, e nella Tradizione ufficiale e apostolica della Chiesa, e che il maestoso e l'autorità dei vescovi non è al di sopra o al di là della Parola di Dio.

La loro teologia si riduce [all'idea che] "solo questo papa ha il massimo potere, noi abbiamo un altro potere e con l'autorità del nostro potere formale possiamo imporre le nostre idee personali ai fedeli". La conseguenza sarebbe che i fedeli credono nel vescovo o nel papa, ma non in Gesù Cristo. Questa è una perversione assoluta della fede cattolica.

È un po' come nei tempi antichi, quando alcuni vescovi dell'epoca bizantina... erano più obbedienti a Cesare che a Gesù Cristo. Gli ariani, che erano promossi da imperatori cristiani, ariani. Questo è il modo sbagliato, l'altro modo è quello giusto.

Papa Benedetto, [come] il cardinale Joseph Ratzinger, ma [anche] tutta la teologia cattolica classica dice che il Papa e i vescovi sono i primi a dover essere obbedienti a Gesù. I cattolici non devono essere obbedienti ai vescovi [nella loro persona], ma devono essere obbedienti nella fede a Gesù Cristo. I vescovi sono solo i messaggeri, i predicatori del Vangelo della verità, ma non della loro verità, bensì della verità di Gesù Cristo.

Ci sono persone che non hanno idee teologiche, non conoscono la Bibbia e la Tradizione apostolica, i Padri della Chiesa, la grande tradizione della teologia cattolica: riducono il Papa ad "avere un potere assoluto nel mondo [o] in Vaticano come un autocrate, e nella Chiesa abbiamo solo il dovere di una cieca obbedienza". Questa era la caricatura di Lutero e Calvino, la caricatura della nostra Fede cattolica, che era l'interpretazione sbagliata nel XVI secolo.

Ma ora è molto strano che i vescovi cattolici accettino l'interpretazione errata del papato e dell'episcopato dei luterani che hanno rifiutato la fede cattolica, ma loro [i luterani] non hanno rifiutato la fede cattolica, hanno rifiutato la comprensione errata della fede cattolica.

È ridicolo che i vescovi di oggi accettino l'interpretazione sbagliata della gerarchia cattolica all'interno dei cosiddetti riformatori.

Foto: Cardinale Müller il 19 novembre 2014 nella Città del Vaticano, Vaticano.Foto di Franco Origlia/Getty Images