Post in evidenza

Elenchi dei Vescovi (e non solo) pro e contro Fiducia Supplicans #fiduciasupplicans #fernández

Pubblichiamo due importanti elenchi. QUI  un elenco coi vescovi contrari, quelli favorevoli e quelli con riserve. QUI  un elenco su  WIKIPED...

sabato 9 marzo 2024

Prelati ortodossi e cattolici in Russia criticano aspramente la dichiarazione Fiducia supplicans sul senso pastorale delle benedizioni #fiduciasupplicans

Vi proponiamo – in nostra traduzione – l’articolo di Edward Pentin, pubblicato sul sito National Catholic Register il 6 marzo 2024, in cui si riportano le dichiarazioni molto critiche espresse dalla Commissione sinodale biblica e teologica della Chiesa ortodossa russa e dalla Conferenza dei Vescovi Cattolici della Russia in merito alla dichiarazione Fiducia supplicans sul senso pastorale delle benedizioni.
I due organismi sono stati, per ora, gli ultimi ad esprimersi sul controverso documento vaticano.

QUI l’elenco aggiornato dei Vescovi e delle Conferenze episcopali che hanno dichiarato che non intendono applicare la dichiarazione «Fiducia supplicans», rifiutano di impartire le benedizioni e le vietano ai loro sacerdoti; QUI la rassegna aggiornata di tutti i post su MiL.

L.V.


I Vescovi cattolici russi e i membri della Commissione biblico-teologica della Chiesa ortodossa russa hanno criticato la dichiarazione Fiducia supplicans sul senso pastorale delle benedizioni di Papa Francesco, che consente la benedizione delle coppie dello stesso sesso e di altre coppie in «situazioni irregolari».

In una dichiarazione del 1º marzo a seguito di un’assemblea plenaria di due giorni a Listvjanka, vicino a Irkutsk, nel sud della Russia, la Conferenza dei Vescovi cattolici della Federazione Russa ha sottolineato che «per evitare tentazioni e confusioni», ha voluto richiamare l’attenzione sul fatto che «le benedizioni di qualsiasi tipo di coppie che persistono in relazioni moralmente irregolari dal punto di vista cristiano (convivenza, risposo o dello stesso sesso) sono inaccettabili».

I Vescovi hanno sottolineato che, nonostante la confusione seguita alla pubblicazione del documento, l’insegnamento cattolico sulla famiglia e sul matrimonio «rimane invariato» e che la Chiesa «benedice e circonda le unioni matrimoniali e le famiglie con la cura pastorale».

La dichiarazione Fiducia supplicans sul senso pastorale delle benedizioni, pubblicata dal Dicastero per la Dottrina della fede e approvata da papa Francesco il 18 dicembre, consente di impartire benedizioni non liturgiche «spontanee», a condizione che non siano collegate ad abiti e altri ornamenti cerimoniali che possano far pensare che il sacerdote stia approvando l’unione o lo stile di vita della coppia.

Il documento ha scatenato un acceso dibattito in molti Paesi, oltre che all’interno del Vaticano e tra i Vescovi. L’opposizione più forte è venuta dai Vescovi cattolici in Africa, dove il rifiuto del documento è stato più diffuso.

Nella loro dichiarazione, i Vescovi della Federazione Russa hanno anche sottolineato la differenza tra benedizioni e preghiere: «Nello spirito della carità evangelica e dell’amore materno, la Chiesa non ha rifiutato e non rifiuta la preghiera di intercessione agli individui in un’ampia varietà di situazioni, chiedendo la grazia di Dio per convertirli, per rafforzarli nelle loro buone intenzioni, per iniziare o continuare il cammino della rettitudine».

I Vescovi sono stati guidati da mons. Paolo Pezzi F.S.C.B., Arcivescovo metropolita della Madre di Dio a Mosca e Presidente della Conferenza dei Vescovi cattolici della Federazione Russa, e da mons. Cyryl Klimowicz, Vescovo di San Giuseppe a Irkutsk. All’incontro del 28-29 febbraio ha partecipato anche mons. Giovanni d’Aniello, Nunzio Apostolico nella Federazione Russa.

Le preoccupazioni della Chiesa ortodossa russa

La loro dichiarazione è arrivata a seguito di un incontro online del 20 febbraio della Commissione biblico-teologica del Patriarcato di Mosca della Chiesa ortodossa russa, in cui i membri della commissione hanno affermato che la dichiarazione Fiducia supplicans sul senso pastorale delle benedizioni riflette un netto allontanamento dall’insegnamento morale cristiano, secondo quanto riportato.

I membri della commissione durante la riunione, convocata dal Patriarca ortodosso russo Kirill per analizzare il documento, sono giunti alla conclusione che «le Sacre Scritture non possono giustificare in alcun modo questa nuova pratica».

Lo sostiene Ilarion Alfeev, Presidente della Commissione biblico-teologica e Metropolita di Budapest e Ungheria, che in un’intervista del 25 febbraio ha dichiarato che, sebbene il Vaticano non si stia spingendo fino alle chiese protestanti, «tutto questo è percepito come un segnale molto pericoloso e una concessione da parte della leadership della Chiesa cattolica a quei circoli liberali che stanno cercando di dettare la loro agenda».

Il Metropolita Ilarion Alfeev ha anche affermato che la dichiarazione vaticana non prevede che le cosiddette coppie irregolari si convertano o cambino stile di vita.

In un’intervista del 29 febbraio pubblicata sul sito web della Chiesa ortodossa russa, il prelato ortodosso ha affermato che il documento «ha suscitato una reazione inequivocabilmente molto negativa» da parte della commissione.

Ha osservato che il documento ha «già causato gravi divisioni» all’interno della Chiesa cattolica e ha ampliato le sue osservazioni precedenti, notando che la dichiarazione Fiducia supplicans «non dice nulla» sul «sacramento della confessione, nulla sul pentimento o sulla lotta contro il peccato». Ha inoltre osservato che la parola «peccato» è menzionata, ma solo nel contesto che il peccato «non può superare l’amore di Dio».

«Il documento postula che l’insegnamento della Chiesa sul matrimonio come unione di un uomo e una donna aperta alla procreazione rimane invariato», ha detto il prelato ortodosso. «Ma allo stesso tempo, questa pratica di benedire le coppie dello stesso sesso, a nostro avviso, è in radicale contraddizione con l’insegnamento morale cristiano».

Il Metropolita Ilarion Alfeev ha sottolineato che le comunità protestanti hanno intrapreso la stessa strada, permettendo «benedizioni non rituali e spontanee» prima di introdurre il rituale delle benedizioni per le coppie dello stesso sesso. Non crede che la Chiesa cattolica «arriverà a quel punto», ma ha ribadito la sua preoccupazione che si tratti di un «segnale molto pericoloso».

Il prelato ortodosso russo, che è stato a capo dell’ufficio estero della Chiesa ortodossa russa dal 2009 fino alla metà del 2022, ha dichiarato a dicembre allo scrittore ortodosso americano Rod Dreher di essere rimasto scioccato dal documento quando è stato pubblicato, aggiungendo di ritenerlo «ingannevole ma anche pericoloso».

Ha detto di ritenere il documento «una rivoluzione, un grande cambiamento» e di ritenere che sia anche «un cambiamento molto sfortunato perché è una trappola e una scappatoia» che permetterà ad alcuni sacerdoti di benedire le coppie omosessuali.

Ilarion Alfeev ha ipotizzato: «Molto presto diventerà una grande industria nella Chiesa cattolica perché sarà su richiesta. Questi sacerdoti saranno molto popolari in certi ambienti e praticheranno queste benedizioni con il permesso del Vaticano».

2 commenti:

  1. Benedire ciò che non è contemplato nella dottrina cristiana, si ritorcerà sulla coscienza di chi la pratica.
    Starei attenta a procedere in questo senso. Riflettete.

    RispondiElimina
  2. La Chiesa cattolica è umiliata da questa gerarchia, dal verminaio modernista, capzioso, subdolo e catalizzatore di tutte le eresie.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione