Post in evidenza

Elenchi dei Vescovi (e non solo) pro e contro Fiducia Supplicans #fiduciasupplicans #fernández

Pubblichiamo due importanti elenchi. QUI  un elenco coi vescovi contrari, quelli favorevoli e quelli con riserve. QUI  un elenco su  WIKIPED...

lunedì 11 marzo 2024

America. I gesuiti USA Propongono l’ordinazione femminile…

Sempre peggio e, come al solito, gesuiti:  “…Immaginate come il ministero femminile, già diaconale nella sua risposta ai bisogni dei poveri e degli emarginati, potrebbe essere potenziato dall’autorità e dalla dedizione al servizio associate all’ordinazione. E se le porte del diaconato fossero aperte a donne come suor Persch e suor Murphy, la signora McCarthy e suor Liette o le migliaia di altre donne che stanno già percorrendo il cammino del servizio diaconale? Tante persone nel mondo e nelle nostre comunità soffrono per la violenza, l’oppressione, la povertà e la solitudine. Quanti altri fedeli potrebbero essere portati al centro della vita della Chiesa se le donne potessero usare più efficacemente i loro doni per il ministero, la liturgia e la carità?”.
Grazie a Marco Tosatti per la pubblicazione e la traduzione.
QUI il testo di America. QUI su X (notate l'età media delle suore in "borghese".
Crux – Elise Ann Allen: La Chiesa deve rivedere la complementarietà femminile, dicono le donne riunite in convegno nel Vaticano: "(Maeve Heany dell’Australia) ha anche chiesto un riesame della teologia dell'ordinazione della Chiesa, affermando che "nella sua forma attuale, la nostra teologia del ministero ordinato... collega il processo decisionale in tutte le sfere all'ordinazione, ma nel nostro battesimo siamo tutti introdotti a Cristo e siamo chiamati profeti, sacerdoti e re".Questo significa che tutti hanno un ruolo da svolgere, ha detto, affermando che il ministero ordinato è necessario, ma può cambiare.(…)".
Luigi C.

9 Marzo 2024 

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, offriamo alla vostra attenzione, nella nostra traduzione, questo articolo pubblicato da America, la rivista dei gesuiti statunitensi. Buona lettura e diffusione.
§§§

Come persona che ha tentato (e fallito) di fare il pane a lievitazione naturale in più di un’occasione, sono stato colpita dalla vivida immagine della panificazione che Timothy Radcliffe, O.P., consigliere spirituale della riunione del Sinodo sulla sinodalità a Roma lo scorso ottobre, ha usato nella sua seconda meditazione del ritiro sinodale:
Rinnovare la Chiesa, quindi, è come fare il pane. Si raccolgono i lembi della pasta al centro e si allarga il centro ai margini, riempiendo il tutto di ossigeno. Si fa la pagnotta rovesciando la distinzione tra i bordi e il centro, facendo in modo che la pagnotta di Dio, il cui centro è ovunque e la cui circonferenza non è da nessuna parte, ci trovi.
Se riusciamo a reimmaginare un diaconato del XXI secolo che sia profetico e sinodale e che si estenda ai margini – che rovesci le distinzioni tra i margini e il centro – un maggior numero di fedeli sarà nutrito, avvicinandoci tutti a Dio e infondendo nuova vita alla nostra Chiesa malata.
L’immagine di padre Radcliffe che prepara il pane mi è tornata in mente leggendo la recente Relazione di sintesi della 16ª Assemblea generale del Sinodo dei vescovi, che propone di rivalutare il ruolo del diacono non solo nell’ambito della liturgia, ma anche al servizio dei bisognosi, soprattutto di coloro che vivono in povertà, proprio come i diaconi della Chiesa primitiva: “I diaconi sono ordinati per il ministero di servire il popolo di Dio nella diaconia della Parola, nella liturgia, ma soprattutto nell’esercizio della carità”.

Il rapporto raccomanda anche ulteriori ricerche e deliberazioni sull’accesso delle donne al diaconato, sollecitando il sinodo a discutere i rapporti delle passate commissioni papali e sottolineando l’importanza dei contributi attivi e dei carismi delle donne nel ministero e nella leadership pastorale.

Le donne laiche e religiose stanno raggiungendo le persone ai margini al servizio della Chiesa intorno a noi, offrendo esattamente i doni a cui si fa riferimento nella relazione. Considerate i seguenti esempi di ministero pastorale svolto da donne.

Chicago ha ricevuto più di 35.000 rifugiati in cerca di asilo in un solo anno, la maggior parte dei quali provenienti da Paesi prevalentemente cattolici dell’America centrale e meridionale. Queste persone, alle prese con traumi inimmaginabili e indignazioni subite durante il viaggio, hanno bisogno e vogliono accedere ai sacramenti e alla parola di Dio. Tuttavia, a causa del numero limitato di sacerdoti e diaconi, i loro bisogni spirituali rimangono spesso insoddisfatti.

Due donne che si occupano di questi rifugiati sono JoAnn Persch, R.S.M., e Pat Murphy, R.S.M., Sorelle della Misericordia che servono immigrati e rifugiati da oltre 40 anni. Mi hanno detto che il loro ministero è a volte limitato a causa delle limitazioni imposte alle donne nella Chiesa. Anche i loro sforzi per visitare gli immigrati nei centri di detenzione si sono spesso scontrati con ostacoli. In quei centri, lo stato di ordinazione apre le porte a sacerdoti e diaconi; non sempre è così per i laici o addirittura per le religiose.

Suor Pat e suor JoAnn dicono che lo Spirito Santo le chiama sempre a nuove sfide e, a 94 e 89 anni, continuano a rispondere. Mentre gli immigrati continuano a riversarsi a Chicago, le suore sono chiamate a camminare con loro. In collaborazione con la più ampia comunità di Mercy, composta da suore, associati e volontari, attualmente ospitano nove famiglie appena arrivate, con piani di espansione.

Un altro esempio: Katie McCarthy è una moglie, una mamma di adolescenti e un’imprenditrice. Dedica gran parte del suo tempo libero al volontariato come sacrestana, lavorando come facilitatrice di ritiri femminili e servendo nella dispensa parrocchiale di una parrocchia della periferia di Chicago. Trova gioia nell’aiutare gli adolescenti a partecipare alle liturgie della domenica sera. Katie crea uno spazio accogliente per i giovani e a loro volta gli adolescenti diventano parte attiva della Messa: preparano l’altare, leggono, cantano, offrono petizioni e servono come uscieri e ministri eucaristici.

Questo tipo di ministero per i giovani cattolici è fondamentale in un momento in cui i giovani rischiano più che mai di allontanarsi dalla vita della Chiesa. Secondo un sondaggio nazionale del Center for Applied Research in the Apostolate del 2021, quasi un terzo dei giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni ha dichiarato che dopo la pandemia prevede di partecipare meno spesso alla Messa rispetto a prima.
Forse più preoccupante per la Chiesa, il 73% ha concordato “in qualche modo” o “fortemente” di poter essere buoni cattolici senza andare a Messa ogni domenica. E solo il 39% è d’accordo “in qualche modo” o “fortemente” sul fatto che non potrebbe mai immaginare di lasciare la Chiesa cattolica.

Quando le donne infondono le loro diverse competenze, i loro valori e la loro esperienza vissuta nella pianificazione e nella partecipazione alle liturgie, si crea un’esperienza più coinvolgente e inclusiva. Ordinare le donne al diaconato e dare loro l’autorità di predicare durante la Messa può portare una dimensione completamente nuova alla condivisione del Vangelo e alla cura pastorale, che rafforzerà e rinnoverà le parrocchie.

Un terzo esempio: Donna Liette, C.P.P.S., membro delle Suore del Preziosissimo Sangue da oltre 60 anni, lavora nel South Side di Chicago con alcune delle comunità più emarginate: giovani vittime di violenza o che hanno commesso atti di violenza e madri che hanno perso i figli a causa della violenza o dell’incarcerazione. Usa i suoi doni per creare spazi in cui tutti possano condividere le loro storie e trovare sostegno, guarigione e speranza. Nel suo ministero con le madri in lutto, suor Liette sente spesso il loro desiderio di nutrimento spirituale sotto forma di preghiere, benedizioni e Scritture aperte a loro.

Immaginate come il ministero femminile, già diaconale nella sua risposta ai bisogni dei poveri e degli emarginati, potrebbe essere potenziato dall’autorità e dalla dedizione al servizio associate all’ordinazione. E se le porte del diaconato fossero aperte a donne come suor Persch e suor Murphy, la signora McCarthy e suor Liette o le migliaia di altre donne che stanno già percorrendo il cammino del servizio diaconale?

Tante persone nel mondo e nelle nostre comunità soffrono per la violenza, l’oppressione, la povertà e la solitudine. Quanti altri fedeli potrebbero essere portati al centro della vita della Chiesa se le donne potessero usare più efficacemente i loro doni per il ministero, la liturgia e la carità?

Forse lo Spirito Santo, protagonista del sinodo, ci sta incoraggiando ad approfondire la nostra comprensione del ministero diaconale nella vita della Chiesa. Ci sono buone ragioni per riprendere il lavoro di comprensione teologica e pastorale dell’accesso delle donne al diaconato permanente, come richiesto nella relazione di sintesi. Si tratta di una conversazione viva e pulsante che siamo incoraggiati a intraprendere in quanto noi, popolo di Dio, siamo chiamati a essere corresponsabili della missione della nostra Chiesa.

Possiamo iniziare riconoscendo i doni delle donne diaconali intorno a noi – quelle che preparano le liturgie, vanno ai margini, servono i poveri e infondono vita alla Chiesa. Immaginate cosa potrebbe essere possibile se questi doni fossero potenziati attraverso l’ordinazione?

Come ha affermato il Concilio Vaticano II a proposito del ripristino del diaconato permanente, “è giusto rafforzarli con l’imposizione delle mani che è discesa dagli Apostoli, e legarli più strettamente all’altare, affinché possano svolgere il loro ministero in modo più efficace grazie alla grazia sacramentale del diaconato (“Decreto sull’attività missionaria della Chiesa”, n. 16).

In Cristo, donne e uomini sono rivestiti della stessa dignità battesimale (Gal 3,28) e ricevono ugualmente la varietà dei doni dello Spirito. Nella sua meditazione finale del ritiro sinodale, padre Radcliffe ha detto: “Non ci può essere una conversazione fruttuosa tra di noi se non riconosciamo che ognuno di noi parla con autorità”.

Riconosciamo le donne che già offrono il servizio diaconale in tanti modi. Riconoscere e comprendere il loro ministero può arricchire le nostre riflessioni teologiche in corso sulla possibilità di avere donne diacono.