Post in evidenza

Elenchi dei Vescovi (e non solo) pro e contro Fiducia Supplicans #fiduciasupplicans #fernández

Pubblichiamo due importanti elenchi. QUI  un elenco coi vescovi contrari, quelli favorevoli e quelli con riserve. QUI  un elenco su  WIKIPED...

mercoledì 7 febbraio 2024

Un Pontificato logorante si avvicina alla sua fine

Vi proponiamo – in nostra traduzione – l’articolo di Eric Sammons, caporedattore di Crisis Magazine, pubblicato il 5 febbraio, in cui pensa di «parlare a nome di molti Cattolici» quando dice che «l’intero circo che circonda papa Francesco sia diventato logorante».

L.V.


Ci stiamo avvicinando agli undici anni da quando il card. Jorge Mario Bergoglio è stato eletto Sommo Pontefice della Chiesa cattolica. Mentre la maggior parte di noi non sapeva quasi nulla di quest’uomo quando è salito sul balcone della Basilica di San Pietro in Vaticano, ora la maggior parte dei Cattolici vorrebbe sapere meno di quanto sa. Dal card. Godfried Maria Jules Danneels, che ha favorito la pedofilia, che si è unito a papa Francesco su quel balcone, alla recente approvazione da parte di papa Francesco delle benedizioni per le coppie dello stesso sesso, le controversie hanno circondato questo Pontificato dall’inizio alla fine; sembra che non passi settimana senza che papa Francesco faccia scoppiare un polverone con una nomina papale, un documento o un commento di circostanza.

Penso di parlare a nome di molti Cattolici quando dico che l’intero circo che circonda Francesco è diventato stancante. Probabilmente, a questo punto, nulla di ciò che papa Francesco potrebbe fare o dire ci sorprenderebbe, sebbene si sforzi ancora disperatamente di farlo. Si ripete un ciclo stancante:
  • fase 1: papa Francesco dice o fa qualcosa di controverso;
  • fase 2: i Cattolici conservatori e tradizionali criticano le sue azioni (i Tradizionalisti direttamente, i Conservatori più obliquamente);
  • dase 3: i Cattolici progressisti si rallegrano e ritengono che papa Francesco intenda esattamente ciò che dice;
  • fase 4: i sostenitori di papa Francesco non progressisti prendono d’assalto i social media per spiegare che papa Francesco non intende esattamente quello che dice;
  • fase 5: ritorno alla fase 1.

È come se fossimo bloccati in un loop di causalità alla Star Trek, condannati a ripetere sempre le stesse azioni. Dove ci porta esattamente tutto questo? Le anime vengono conquistate a Cristo? La voce morale della Chiesa nel mondo si sta rafforzando? I cattivi attori della Chiesa vengono smascherati e rimossi dal loro incarico? È difficile sostenere che una di queste cose stia accadendo.

Siamo stanchi. Quando ci svegliamo di fronte all’ennesima controversia papale, il nostro primo pensiero è «ci risiamo». Sappiamo che tipo di Papa abbiamo: un progressista concentrato quasi esclusivamente su questioni terrene, circondato da yes-man profondamente corrotti e in combutta con le élite globaliste di questo mondo. Aggiungete un’animosità irrazionale verso la Tradizione cattolica e avrete papa Francesco.

Inoltre, sappiamo che papa Francesco è un uomo anziano e non è destinato a rimanere a lungo in questo mondo. Se è possibile per un nominato a vita avere una sessione zoppa, sicuramente la stiamo vivendo ora. La maggior parte dei fedeli cattolici ora ignora papa Francesco, aspettando (e pregando) il prossimo conclave e l’elezione del prossimo successore di San Pietro.

Quando le generazioni future guarderanno a questo Pontificato, la sua eredità sarà piena di rumore e furore, senza alcun significato. Papa Francesco si è concentrato sulle ultime mode progressiste di questo mondo, e quindi il suo impatto a lungo termine sarà trascurabile in termini storici. San Giovanni Paolo II si è opposto al Comunismo; papa Francesco gli ha steso il tappeto rosso. Papa Benedetto XVI ha combattuto la dittatura del relativismo; papa Francesco è stato giustamente etichettato come il papa dittatore. Nessuno degli scritti di papa Francesco supererà la prova del tempo (soprattutto se paragonato ai suoi due immediati predecessori) e la maggior parte degli storici lo relegherà probabilmente a un paragrafo nella storia dei Papi.

Naturalmente, questo non significa minimizzare il danno grave ed eterno che ha fatto alle singole anime con la confusione, lo scandalo e la corruzione che ha seminato. Quante persone che soffrono di attrazione per lo stesso sesso non hanno abbandonato il loro stile di vita peccaminoso e distruttivo perché la Chiesa cattolica sembrava aver messo il suo timbro di approvazione su quello stile di vita? Quanti non Cattolici non hanno cercato di diventare Cattolici perché la Chiesa sembra avere un leader che non vuole che diventino Cattolici? E quanti Cattolici sono rimasti così scandalizzati da questo Pontificato da lasciare la Chiesa per l’ortodossia, il sedevacantismo o l’ateismo?

Eppure, da questo Pontificato è uscito del bene, anche se involontariamente. Dopo tutto, Dio può trarre il bene da qualsiasi cosa, anche dai peggiori mali. So che molti Cattolici sono diventati più consapevoli della loro fede in risposta alla difesa di una dottrina che papa Francesco mina. Inoltre, molti Cattolici hanno iniziato il processo di rimozione delle aggiunte fatte dall’uomo al Deposito della Fede riguardo al ruolo del Papato. Grazie a papa Francesco, i futuri Cattolici saranno più cauti nel creare un culto della personalità attorno a chiunque sieda sulla Cattedra di San Pietro.

Negli ultimi dieci anni, papa Francesco ha fatto molto rumore sui social media cattolici e tra i banchi, ma non posso fare a meno di pensare che la sua voce si sia indebolita con il tempo. Molti di noi gli hanno concesso il beneficio del dubbio nei primi anni del suo Pontificato, ma quel beneficio è stato sprecato. Chi lo considera più un pensatore serio? Chi guarda a lui come a un vero leader morale? Più abbiamo sentito parlare di questo papa, più il nostro rispetto per lui come persona è diminuito. L’insistenza di papa Francesco nel «fare casino» invece di limitarsi a fare il suo lavoro lo fa apparire come l’adolescente immaturo che si rifiuta ostinatamente di pulire la sua stanza.

Non siamo più arrabbiati. Siamo solo stanchi. Stanchi dell’ambiguità usata come arma, stanchi degli scandali, stanchi dell’accondiscendenza verso le persone peggiori del mondo. La forma di questo Pontificato è chiara e la storia non sarà gentile con lui. Sebbene papa Francesco possa ancora fare danni prima del suo giudizio particolare, la maggior parte di noi sta aspettando di avere un nuovo Papa che speriamo aiuti a ripulire la situazione. Fino a quel momento, continueremo a vivere la nostra fede con resistenza, perché «la tribolazione produce pazienza, la pazienza una virtù provata e la virtù provata la speranza» (Rm 5, 3-4).

12 commenti:

  1. Finalmente. Era necessario arrivare fino a questo sconcio? C'è chi ha avuto la forza della verità e da anni lo va gridando, ma vergognosamente lo avete nascosto.

    RispondiElimina
  2. Analisi lucidissima e azzeccata. Il problema è in effetti chi verrà dopo questo sfacelo. Anche perché cercherà di fare in modo che il prossimo papa sia uno come lui.

    RispondiElimina
  3. Condivido, in pieno tutto l'articolo. Il cuore di molti fedeli geme e pensiamo : "fino a quando Signore, fino a quando ? Quando avrà fine tutto ció ?"

    RispondiElimina
  4. Purtroppo ha avvelenato i pozzi con la creazione di cardinali incredibili. Il Papa che verrà avrà la forza di rimuovere Fernandez, ad esempio? E di rimuoverlo subito, senza balletti strani in punta di diritto canonico? Temo che non glielo consentiranno. Per riparare ai danni di questo pontificato, voluto da quei poteri che nel 2012 dopo le primavere arabe auspicavano una primavera cattolica (Islam, cattolicesimo ed ortodossia pari sono per loro), ci vorranno molti papi. A meno che chi gli subentrasse avesse la forza di dichiarare al mondo gli errori del suo predecessore, scatenando però uno scisma. Ma, almeno, in questo caso ad uscire dalla Chiesa sarebbero gli altri, gli eretici, non noi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. condivido, i cardinali ELETTORI ormai sono in maggioranza dei "fedelissimi alla linea", mentre i "conservatori" sono ormai quasi tutti in pensionamento

      Elimina
  5. en bref, ce Francis a dévalorisé la fonction qu'il occupe ...

    RispondiElimina
  6. La situazione è d'una gravità inesprimibile. E, umanamente parlando, sarà ben difficile che il prossimo conclave ci dia un papa che, per usare l'espressione (mi pare) di Romano Amerio, "pareggi" pienamente "la verità". Tuttavia, è vero che questa situazione tragica presenta qualche vantaggio secondario. A quelli elencati nell'articolo, aggiungerei questo: Francesco I mi sembra (e lo dico col rispetto che gli è dovuto) un uomo poco cólto, rozzo, forse nemmeno molto intelligente; se il partito che l'ha eletto avesse puntato su un candidato d'un altro livello intellettuale, come il cardinal Martini o il cardinal Kasper, forse, paradossalmente, i danni sarebbero stati anche maggiori e più duraturi.

    RispondiElimina
  7. concordo, ma ci sono due perplessità:
    - Fiducia Supplicans e quanto fatto da Francesco bastano all'ala "progressista" delle gerarchie?
    - come sarà il successore, dato che i card.elettori sono a maggioranza "Bergogliani"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. appunto. Ha gettato le basi perché il disastro già compiuto possa poi continuare…

      Elimina
  8. Il prossimo Papa, temo, sarà peggio di questo, dato che i cardinali elettori sono perlopiù di nomina bergogliana e comunque dell'ala progressista e massonica(c.d. mafia di San Gallo) che ha contribuito ad eleggerlo. Bergoglio arriverà al punto da provocare uno scisma: da una parte la Chiesa Cattolica, dall'altra la chiesa bergogliana

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione