Post in evidenza

Elenchi dei Vescovi (e non solo) pro e contro Fiducia Supplicans #fiduciasupplicans #fernández

Pubblichiamo due importanti elenchi. QUI  un elenco coi vescovi contrari, quelli favorevoli e quelli con riserve. QUI  un elenco su  WIKIPED...

lunedì 4 dicembre 2023

NOSTRE INFORMAZIONI di mons. Eleuterio Favella: la Costituzione Apostolica «In consilio justorum et congregatione»

Per tramite del suo segretario diacono Ambrogio Fidato, abbiamo ricevuto la seguente informazione ex Aedibus da S.E.R. Mons. Eleuterio Favella.
La comunicazione segue alle indiscrezioni secondo le quali mons. Roberto Repole, Arcivescovo metropolita di Torino e Vescovo di Susa, starebbe preparando un’ostensione pubblica della Santa Sindone per il Giubileo del 2025 (QUI).
Grati a Sua Eccellenza Reverendissima per il rinnovato privilegio della sua considerazione nel volerci segnalare alcuni documenti che altrimenti passerebbero inosservati o non verrebbero evidenziati come dovrebbero ed inginocchiati al bacio dell’anello, ci professiamo imperituramente suoi servitori umilissimi et figli devoti in Cristo, e imploriamo la sua augusta benedizione.

L.V.

NOSTRE INFORMAZIONI

La curia metropolitana di Torino, con nota diffusa stamane dalla propria cancelleria, ha precisato che per l’ostensione della S. Sindone prevista per il 2025 nel capoluogo pedemontano, è allo studio dell’ecc.mo arcivescovo e del capitolo cattedrale un progetto per l’affidamento in appalto dell’intera organizzazione dell’evento al C.i.c.a.p. (Comitato italiano per il controllo delle affermazioni sulle pseudoscienze) in collaborazione con l’U.A.A.R. (Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti), ai sensi della Cost. Ap. «In consilio justorum et congregatione», promulgata dal S. Padre il 31 giugno 2019.

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione