Post in evidenza

Elenchi dei Vescovi (e non solo) pro e contro Fiducia Supplicans #fiduciasupplicans #fernández

Pubblichiamo due importanti elenchi. QUI  un elenco coi vescovi contrari, quelli favorevoli e quelli con riserve. QUI  un elenco su  WIKIPED...

domenica 3 dicembre 2023

'Nessuno ha ascoltato': vittima di Rupnik in lotta con la gerarchia ecclesiastica per la verità

"Ha descritto la richiesta di padre Rupnik “di sempre più giochi erotici nel suo studio al Collegio del Gesù a Roma mentre dipinge o dopo la celebrazione dell'Eucaristia o della confessione” [...] “Ormai c’erano molte sorelle coinvolte a vari livelli in rapporti sessuali con lui. Ho provato a parlare un'ultima volta con padre Rupnik, ma lui mi aveva cinicamente respinto dicendo che era solo un mio problema, che il suo scopo era arrivare a un'orgia collettiva con sorelle 'più forti' di me'”, ha detto. [...] “Ho parlato con il padre provinciale e nel 1998 sono andata anche dal delegato per le case internazionali (della Compagnia di Gesù) a Roma, padre Francisco J. Egaña, ma non hanno fatto nulla”, ha detto a OSV News. Le donne sottolineano che né i gesuiti sloveni, né l'allora arcivescovo di Lubiana, né l'influente padre Špidlík, poi cardinale, ritenevano necessario avviare un'indagine su padre Rupnik, permettendogli di continuare a circolare indisturbato per altri 30 anni".
Senza parole.
Chi gli ha tolto la scomunica per "assoluzione del complice"? E' stato un ordine di Francesco, lui che è stato descritto "come il regista di tutto"
"Ci sarà un giudice a Berlino?"
QUI i post pubblicati sul caso Rupnik da MiL.
Luigi


Una schermata mostra l'allora gesuita padre Marko Rupnik, artista e teologo, mentre tiene una meditazione quaresimale dalla Sala Clementina in Vaticano in questa foto d'archivio del 6 marzo 2020. L'espulsione di padre Rupnik dai gesuiti è stata confermata il 24 luglio 2023. Il 27 ottobre 2023 il Vaticano ha annunciato che Papa Francesco stava revocando i termini di prescrizione per indagare su numerose accuse di abusi sessuali da parte del sacerdote. (Foto OSV News/Vatican Media)

TORINO, Italia (OSV News) -- Il 30 ottobre, tre giorni dopo che Papa Francesco ha revocato i termini di prescrizione e aperto la strada a un processo in chiesa e alla possibile rimozione dal sacerdozio dell'ex gesuita e mosaicista padre Marko Rupnik, una donna allora conosciuta come Anna ha rivelato al mondo il suo vero nome, rivelandolo al quotidiano italiano Domani.
Branciani aveva avvertito le autorità ecclesiastiche del comportamento di padre Rupnik anni fa, ma la sua lotta con il sistema ecclesiastico era, come ha ricordato in una conversazione con OSV News, una battaglia persa.
In una prima intervista in assoluto di una presunta vittima di padre Rupnik, pubblicata da Domani il 18 dicembre 2022, ha parlato di una “discesa agli inferi” che ha vissuto per nove anni e ha ricordato come “padre Marko all’inizio si è infiltrato lentamente e delicatamente nella mia mondo psicologico e spirituale facendo appello alle mie incertezze e fragilità mentre uso la mia relazione con Dio per spingermi ad avere esperienze sessuali con lui”.

Ha descritto la richiesta di padre Rupnik “di sempre più giochi erotici nel suo studio al Collegio del Gesù a Roma mentre dipinge o dopo la celebrazione dell'Eucaristia o della confessione”.

Padre Rupnik è stato espulso dall'ordine dei gesuiti il ​​9 giugno a causa del suo “ostinato rifiuto di osservare il voto di obbedienza”. L'artista era stato accusato da diverse donne di abusi sessuali, spirituali e psicologici che, secondo i media, duravano da 30 anni. Rimase sacerdote dopo la sua dimissione dai gesuiti, e fu accolto nella diocesi di Capodistria, in Slovenia, alla fine di agosto in risposta alla sua richiesta.

In una conversazione con OSV News, Branciani, laureato in filosofia, racconta che all'inizio degli anni Novanta alcune suore della comunità Loyola di Mengeš, in Slovenia, accusarono Rupnik di abuso di potere e di coscienza nonché di abuso sessuale, ma «nessuno ascoltato le sorelle”.

Suor Ivanka Hosta ha fondato negli anni '80 la Comunità Loyola in Slovenia. Fin dall'inizio padre Rupnik fu il consigliere spirituale della comunità.

Invece di intraprendere azioni per garantire giustizia, riparazione e il necessario sostegno alla denunciante, Branciani è stata ridicolizzata, accusata di essere responsabile del suo rapporto improprio con padre Rupnik.

Nel marzo 1993, Branciani, che studiava filosofia alla Pontificia Università Gregoriana a Roma, lasciò il convento della Verna, sull'Appennino toscano, dove viveva, con l'intenzione di lasciarsi morire nel bosco. "Volevo solo che il mio dolore finisse e che il mio gesto riportasse in sé Marko Rupnik", ha detto a OSV News.

“Ormai c’erano molte sorelle coinvolte a vari livelli in rapporti sessuali con lui. Ho provato a parlare un'ultima volta con padre Rupnik, ma lui mi aveva cinicamente respinto dicendo che era solo un mio problema, che il suo scopo era arrivare a un'orgia collettiva con sorelle 'più forti' di me'”, ha detto.

Poi, per proteggere le altre suore, Branciani ha avvertito suor Ivanka, madre superiora della Comunità di Loyola; il provinciale dei gesuiti, padre Lojze Bratina; e l'allora arcivescovo di Lubiana, mons. Alojzij Šuštar. Avvertì perfino l’allora padre Tomáš Špidlík, influente gesuita che lavorava a Roma per la Radio Vaticana, poi creato cardinale.

Tuttavia, invece di intraprendere azioni per garantire giustizia, riparazione e il necessario sostegno alla denunciante, Branciani è stata ridicolizzata, accusata di essere responsabile del suo rapporto improprio con padre Rupnik e punita: “Nell’agosto 1993, (padre) Špidlík mi consigliò di scrivere una lettera di dimissioni” dalla vita religiosa, ha detto Branciani, aggiungendo che si trattava di “una lettera che lui stesso scrisse e che conservo ancora oggi, in cui suggeriva di dire che non c'erano ragioni precise per la mia richiesta di dispensa dai voti”.

La denuncia però ebbe qualche effetto e nell'ottobre 1993 l'arcivescovo Šuštar allontanò padre Rupnik dalla comunità Loyola di Mengeš, senza spiegazioni.

All'epoca padre Rupnik si era trasferito dalla Slovenia a Roma, dove aveva creato il Centro Aletti, luogo dedicato alla vita religiosa e alla creatività artistica.

Hanno seguito padre Rupnik alcune sorelle della Comunità di Loyola, che già vivevano al Centro Aletti di Roma, tra cui Maria Campatelli, attuale direttrice del centro. (Padre Rupnik, secondo il sito web, è ancora formalmente il direttore del suo atelier, o studio, di arte spirituale, e direttore del suo atelier di teologia). Lei difende ancora l'ex gesuita e il 15 settembre è stata ricevuta dal papa. Lei sostiene che le accuse contro padre Rupnik erano “diffamatorie e non provate” e equivalevano a una forma di “linciaggio” mediatico contro il prete sloveno e il suo centro d’arte.

Quando alcune suore, tra cui Campatelli, lasciarono la comunità di Loyola per fondare il Centro Aletti con padre Rupnik, Bracianci ha detto a OSV News: "Ho scritto una lettera per avvertirle delle dinamiche manipolative e abusive che ho vissuto con padre Rupnik" e "ho consegnato la lettera a Ivanka Hosta. Ad oggi non so se le suore del Centro Aletti l’abbiano mai ricevuto”.

Dopo la partenza di Padre Rupnik dalla Slovenia, Gloria Branciani si reintegra nella Comunità di Loyola. Secondo la sua testimonianza cercò di trovare il suo posto, ma l'ostilità della superiora e la freddezza delle altre suore le resero la vita impossibile.

Nella Pasqua del 1994, dopo il suo ultimo tentativo di denunciare l'inautenticità e la menzogna su cui sostiene si basasse la vita comunitaria, lascia per sempre Loyola.

Tuttavia, le sorelle non erano a conoscenza di ciò che le era successo. Solo dopo che il quotidiano Domani ha pubblicato un'intervista a Branciani nel dicembre 2022, hanno appreso delle violenze subite e hanno potuto finalmente dimostrarle la loro solidarietà. “Ivanka aveva detto a tutti che ero sotto l'influenza del diavolo e che ero pericolosa per la comunità”, ricorda Branciani.

La vita successiva di Branciani fu profondamente segnata dagli abusi subiti: dovette fare i conti con due fibromi uterini emorragici e un tumore ovarico di origine psicosomatica, oltre a un grave incidente stradale, che la lasciò in coma, seguito da una lunga riabilitazione.

Branciani non fu il solo a tentare di mettere in guardia le autorità ecclesiastiche. Mirjam Kovac, un'altra ex suora della Comunità di Loyola e segretaria della sua superiora all'epoca dei fatti, suor Ivanka, ha testimoniato di aver ricevuto diverse testimonianze confidenziali di sorelle abusate da padre Rupnik e di averle denunciate ai gesuiti.

“Ho parlato con il padre provinciale e nel 1998 sono andata anche dal delegato per le case internazionali (della Compagnia di Gesù) a Roma, padre Francisco J. Egaña, ma non hanno fatto nulla”, ha detto a OSV News.

Le donne sottolineano che né i gesuiti sloveni, né l'allora arcivescovo di Lubiana, né l'influente padre Špidlík, poi cardinale, ritenevano necessario avviare un'indagine su padre Rupnik, permettendogli di continuare a circolare indisturbato per altri 30 anni .

Nel 2022 Branciani e Kovac non furono informati che il loro caso era in quel momento in corso presso il Dicastero per la Dottrina della Fede. Hanno scritto una lettera aperta alle autorità ecclesiastiche per essere informati sull'indagine in corso presso il dicastero, ma, come hanno detto, nessuno ha risposto. Così hanno deciso di rivolgersi alla stampa.

La recente notizia della riapertura del processo canonico contro padre Rupnik è stata una sorpresa per Branciani.

“Speriamo che questo sia un passo adeguato verso il riconoscimento della verità. Aspettiamo ulteriori sviluppi”, hanno scritto lei e altre donne in una lettera del 30 ottobre, dopo che il papa ha revocato il termine di prescrizione per consentire il processo canonico. Hanno detto che sperano che finalmente, dopo 30 anni, la verità venga riconosciuta.