Post in evidenza

Elenchi dei Vescovi (e non solo) pro e contro Fiducia Supplicans #fiduciasupplicans #fernández

Pubblichiamo due importanti elenchi. QUI  un elenco coi vescovi contrari, quelli favorevoli e quelli con riserve. QUI  un elenco su  WIKIPED...

mercoledì 13 dicembre 2023

Il card. Gregory (Washington) attacca ancora la Messa Tradizionale #traditioniscustodes #tlm

Ennesimo attacco dal card. Wilton Gregory (noto anche per essere un pro gay accanito), arcivescovo di Washinton, alla liturgia tradizionale: "In molti luoghi dove è cresciuto, il rito tridentino, è cresciuto perché i sacerdoti lo hanno promosso. E non perché la gente - in altre parole, se c'è stato un tizio che è arrivato in parrocchia e ha detto: 'Beh, mi piace questo rito, lo farò', e ha riunito le persone, e ora all'improvviso ha creato il bisogno, in luoghi dove non c'era un bisogno".
QUI Diane Montagna su X: "Alla domanda sul perché gli studenti CUA non hanno accesso al TLM nel campus, +Wilton Gregory dice che "la tradizione muore di una morte lenta, a volte cruenta", si comporta come se il Summorum Pontificum non fosse mai accaduto".
QUI  il modernista Massimo Faggioli ammette la forza sempre crescente del mondo tradizionalista e conservatore in questo pontificato profondamente in crisi.
QUI e in fondo al post il video completo della conversazione del Cardinale.
Luigi C.

Il cardinale Gregory e il rapporto con i sacerdoti

JD FLYNN, The Pillar, 9 dicembre 2023 

Il cardinale Wilton Gregory ha affermato mercoledì che i sacerdoti hanno causato problemi nella Chiesa statunitense imponendo le loro preferenze liturgiche alle parrocchie, e che sia lui che Papa Francesco sono impegnati ad affrontare il problema attraverso restrizioni sulla forma straordinaria della Messa.
Se da un lato le osservazioni del cardinale possono essere state dettate dalla sua esperienza di supervisione della liturgia, dall'altro sono state senza dubbio evocative per alcuni sacerdoti della diminuzione dei livelli di fiducia tra i sacerdoti e i loro vescovi, e del malcontento espresso da Papa Francesco riguardo alla sua percezione dei chierici più giovani.

Le osservazioni, quindi, potrebbero sembrare esemplificare la spaccatura tra un gruppo di vescovi negli Stati Uniti e i loro sacerdoti.

Le osservazioni di Gregory sulla liturgia sono arrivate durante un periodo di domande e risposte offerto durante un'apparizione del 6 dicembre del cardinale alla Catholic University of America.

Dopo il suo discorso sulla diversità nella Chiesa, un leader studentesco della CUA ha chiesto a Gregory come avrebbe dovuto rispondere al gran numero di studenti che gli hanno chiesto perché la Messa non è disponibile nel campus usando le rubriche liturgiche precedenti al Concilio Vaticano II.

Gregory ha dato una risposta piuttosto lunga, in cui ha offerto il suo senso dello scopo della Traditionis custodes e ha offerto il suo punto di vista sulla storia della liturgia dopo il Concilio Vaticano II. Il cardinale ha dichiarato di ritenere di aver assecondato il desiderio della Messa latina tradizionale fornendo una sede a nord di Washington, D.C., una in città - vicino al CUA - e una nella parte meridionale della sua diocesi.
Ma ha anche sottolineato la sua convinzione che l'uniformità liturgica sia un obiettivo importante e il suo sostegno agli sforzi di Papa Francesco su questo fronte.

Dopo aver concluso la sua prima risposta alla domanda, e quando un moderatore aveva intenzione di rispondere a un'altra domanda, Gregory è tornato sull'argomento.

"Voglio anche aggiungere qualcosa", ha detto il cardinale.
"In molti luoghi dove è cresciuto, il rito tridentino, è cresciuto perché i sacerdoti lo hanno promosso. E non perché la gente - in altre parole, se c'è stato un tizio che è arrivato in parrocchia e ha detto: 'Beh, mi piace questo rito, lo farò', e ha riunito le persone, e ora all'improvviso ha creato il bisogno, in luoghi dove non c'era un bisogno". Quindi penso che il Santo Padre abbia ragione a dire: "Occupatevi dei sacerdoti"".

È possibile che l'osservazione di Gregory sulla crescita della liturgia più antica risuoni con la sua esperienza di vescovo in Illinois, Georgia e nell'arcidiocesi di Washington - anche se alcuni nell'area di Washington hanno contestato questa affermazione.

Poco dopo che le sue osservazioni sono circolate online, i sacerdoti che celebrano la liturgia più antica hanno iniziato a ribattere: molti di loro hanno dichiarato di aver imparato la "Messa antica" perché i parrocchiani l'avevano richiesta, soprattutto tra il crescente numero di giovani che negli Stati Uniti dicono di voler sperimentare la liturgia preconciliare.

Ci sono pochissimi dati affidabili sulla diffusione della vecchia forma liturgica durante il periodo in cui era ampiamente permessa nella Chiesa, secondo le disposizioni del Summorum pontificum di Benedetto XVI. È quindi impossibile dire con quale frequenza sia stata introdotta nelle parrocchie soprattutto dai sacerdoti e con quale frequenza sia comparsa nei luoghi in cui i laici l'hanno richiesta.

Naturalmente, alcuni cattolici direbbero che, nella misura in cui i sacerdoti hanno introdotto la liturgia più antica al loro popolo, stavano attingendo alla loro formazione, ai loro studi e alla loro esperienza per offrire alle persone un modo di adorare che potesse risuonare con loro - e che farlo era perfettamente legittimo sotto l'egida della legge della Chiesa di allora.

Alcuni cattolici potrebbero anche suggerire che la diffusione del rito più antico tra i giovani - la richiesta di questo rito all'Università Cattolica, per esempio - indica che quei sacerdoti avevano ragione nel loro giudizio, e che è notevole vedere i giovani entusiasti della questione del modo in cui praticano il culto, in un periodo di diffusa e crescente disaffiliazione istituzionale.

In altre parole, alcuni cattolici si chiedono se Gregorio non voglia catturare l'entusiasmo dei giovani per la liturgia, piuttosto che placarlo.

Ma a prescindere dalla diffusione delle vecchie rubriche negli Stati Uniti, alcuni sacerdoti hanno espresso sorpresa venerdì per la conclusione di Gregorio, che sembrava dire che la loro iniziativa pastorale e il loro giudizio significavano che stavano in qualche modo causando un problema, e quindi dovevano essere "trattati".

La retorica del cardinale sembrava suggerire ad alcuni sacerdoti che non erano stati creduti quando avevano detto che i giovani volevano la liturgia più antica, o che i loro sforzi per raggiungere i giovani usando un'opzione che era stata legalmente disponibile per loro fino al 2021 li rendeva sospetti, o un problema.

Ma la notevole franchezza delle osservazioni di Gregory ha evidenziato una questione degna di nota nella Chiesa: gli ostacoli al ripristino della fiducia dei sacerdoti nei confronti dei loro vescovi diocesani.

Nelle sue osservazioni di mercoledì, Gregory ha sottolineato di essere d'accordo con Papa Francesco sulla necessità di "occuparsi" dei sacerdoti che celebrano la liturgia più antica. Questa enfasi era evocativa del recente ammonimento del Papa contro lo "scandalo dei giovani sacerdoti che provano tonache e cappelli, o abiti di albi e pizzi".

Le parole di Gregory, e quelle di Francesco, hanno rivelato un divario - probabilmente un ampio divario generazionale - nel modo in cui le questioni liturgiche sono percepite tra i chierici. Mentre le liturgie più antiche e l'attenzione ai paramenti sono apparentemente considerate da Gregory e Francesco come una prova di "clericalismo", per i chierici più giovani sono spesso viste come un modo per servire il loro popolo e per servire Dio.

I divari generazionali, naturalmente, si verificano. Sono prevedibili. Ma una serie di dati analitici pubblicati all'inizio di quest'anno suggerisce che il particolare divario in cui si è imbattuto Gregory - percezioni diverse sulla liturgia - fa parte di una serie specifica di problemi che rendono difficile stabilire la fiducia tra i vescovi e i loro sacerdoti.

In ottobre, il Progetto Cattolico della CUA ha pubblicato una nuova serie di dati provenienti dallo studio nazionale sui sacerdoti cattolici, condotto da un team di ricercatori e analisti dell'università.

I dati hanno evidenziato che mentre i sacerdoti della generazione di Gregory si identificano in gran parte come "progressisti" o "molto progressisti" dal punto di vista teologico, i sacerdoti più giovani hanno maggiori probabilità di identificarsi come "conservatori" e quasi nessuno si identifica come "molto liberale". Presumibilmente, questi orientamenti teologici si estendono alle prospettive sulla liturgia.

A lungo termine, i dati del CUA indicano che alla fine la Chiesa probabilmente si allontanerà dall'approccio di Francesco alle questioni liturgiche. Quasi nessun sacerdote delle recenti coorti di ordinazione si identifica teologicamente come "molto progressista", e il numero di sacerdoti ordinati anche negli ultimi due decenni con un orientamento "progressista" è in calo.

Questi dati significano che il malcontento nei confronti dell'approccio di Francesco alla liturgia è destinato a diventare più pronunciato negli anni a venire, anche tra i vescovi di nuova nomina, provenienti dalle coorti di sacerdoti meno "progressisti" dal punto di vista teologico.

Ciò potrebbe significare che alla fine un numero maggiore di vescovi adotterà l'approccio liturgico della "riforma della riforma", o addirittura che alla fine chiederanno lo sviluppo di un nuovo Messale Romano, o almeno di una nuova versione dell'Istruzione Generale del Messale Romano, che ne regola l'interpretazione pratica.
In breve, i dati indicano che spingere semplicemente per un particolare stile di uniformità all'interno della forma ordinaria - mentre i vescovi di tutto il Paese limitano persino cose come la postura ad orientem - probabilmente si ritorcerà contro molti vescovi, e potrebbe in realtà accelerare una discussione più significativa sulla liturgia post-conciliare nei decenni a venire.

Per quanto riguarda le osservazioni di Gregory, i dati più immediatamente rilevanti sono quelli che hanno identificato che, mentre i sacerdoti in generale dicono di avere una fiducia sempre minore nei loro vescovi, i sacerdoti che dicono di essere teologicamente allineati con i loro vescovi sono i più propensi a dire di avere fiducia nei loro vescovi diocesani.

Per i vescovi, questi dati potrebbero essere istruttivi. I numeri dicono che le coorti di sacerdoti da cui sono stati selezionati i vescovi più anziani molto probabilmente non sono teologicamente allineate con i sacerdoti più giovani - il che potrebbe suggerire, almeno, che sarebbe lo stesso per i vescovi stessi.
Nella misura in cui ciò è vero, significa che hanno un gap di fiducia particolarmente difficile da superare: i vescovi che vogliono la fiducia dei loro sacerdoti devono superare il gap delle differenze teologiche quando cercano di guadagnarsela.

È possibile superare questo gap? Probabilmente sì.

E i dati potrebbero essere letti in modo da suggerire che sarà superato quando i sacerdoti sentiranno che i loro vescovi li conoscono - questo è un probabile motivo per cui i vescovi delle diocesi più piccole godono di tassi di fiducia più elevati tra il loro clero.

Ma per conoscere i loro sacerdoti, i vescovi devono probabilmente dimostrare di essere disposti ad ascoltare, e di farlo senza pregiudizi sugli uomini che dovrebbero essere i loro "più stretti collaboratori" nel servire il Vangelo.

E dimostrare questo significa probabilmente evitare l'impressione che le iniziative pastorali dei sacerdoti siano in realtà finalizzate all'auto-realizzazione, o che i loro sacerdoti siano essi stessi dei problemi da "affrontare".