Post in evidenza

La Messa proteiforme: a modest proposal. Risposta e proposta al Prof. Grillo

Il Prof. Grillo ha voluto gentilmente confrontarsi (v. qui ) con il nostro commento critico alla sua intervista (in cui, lo ricordiamo, el...

domenica 22 ottobre 2023

Perché Whoopi Goldberg elogia Francesco e Giovanni XXIII e critica la Messa in latino

Ora ci si mettono anche le star americane, abortiste e pro gay, a elogiare Francesco e ad attaccare la Messa Tradizionale.
I commenti della femminista radicale dopo la visita a Papa Francesco sono strani, considerando la sua storia di aborto e il suo disprezzo per la Chiesa cattolica: "Goldberg ha divorziato tre volte. Nelle sue numerose apparizioni pubbliche negli ultimi quarant'anni, ha attaccato ferocemente gli insegnamenti della Chiesa sull'aborto, sul "matrimonio" omosessuale e su una serie di altri argomenti".
"Ed è questa la persona che Vatican News presenta come portavoce della Messa Novus Ordo?".
Nostra traduzione
Luigi

Stephen Kokx, LifeSiteNews, 18-10-23

(LifeSiteNews) - L'attrice e nota femminista di sinistra Whoopi Goldberg ha elogiato con entusiasmo Papa Francesco per aver normalizzato l'omosessualità durante la sua visita in Vaticano all'inizio del mese. L'attrice è in procinto di produrre "Sister Act 3" e, a quanto pare, un viaggio a Roma era necessario per suscitare interesse.
Stranamente, la Goldberg ha ringraziato anche il defunto Giovanni XXIII, morto nel 1963, per i suoi sforzi di cambiare la Chiesa.
"Per me che ero una bambina, [Giovanni XXIII] permise alle suore di uscire dai pesanti abiti che indossavano, in modo che sembrassero delle persone e si potesse parlare con loro", ha detto a Vatican News.
"E amava la musica che diverse persone in diverse parti del mondo facevano... ma non era cantata in latino. E per i bambini come me, ci permetteva di fare la Messa in inglese, il che era fantastico!".

La Goldberg ha avuto aborti multipli

È difficile capire cosa Goldberg, che ha frequentato la scuola cattolica, abbia mai ricevuto dal "parlare" con le suore senza abito. A quanto pare, non molto.

In "Le scelte che abbiamo fatto", Goldberg ha rivelato di essere rimasta incinta a soli 14 anni alla fine degli anni '60, proprio nel periodo in cui veniva introdotta la sua messa inglese preferita. Cosa fece quando scoprì di essere incinta? Ha abortito clandestinamente.

Goldberg ha anche detto di essere rimasta incinta l'anno successivo. Invece di rivolgersi a una suora per chiedere la saggezza della Chiesa sulla questione, si è recata a Planned Parenthood per ottenere il suo secondo aborto.

In totale, la Goldberg ha avuto più di cinque aborti prima dei 25 anni. "Dio ti dà la libertà di scelta", ha detto una volta.

Ed è questa la persona che Vatican News presenta come portavoce della Messa Novus Ordo?

Giovanni XXIII lodò la lingua latina

A complicare le cose per Goldberg, così come per il Vaticano, c'è il fatto spesso dimenticato che nella sua Costituzione Apostolica Veterum Sapientia del 1962, Papa Giovanni non solo ha difeso l'uso storico del latino da parte della Chiesa, ma ha anche chiesto di continuare a usarlo in futuro.

"Per sua natura il latino è il più adatto a promuovere ogni forma di cultura tra i popoli. Non dà adito a gelosie", ha insegnato.

"La Chiesa cattolica ha una dignità che supera di gran lunga quella di ogni società meramente umana... È quindi del tutto appropriato che la lingua che essa usa sia nobile, maestosa e non vernacolare".

"La Sede Apostolica", ha continuato, "si è sempre preoccupata di preservare il latino, ritenendolo degno di essere usato nell'esercizio della sua autorità didattica".

Immagino che Goldberg, o Papa Francesco, non l'abbiano mai letto.

Un nemico pubblico degli insegnamenti morali della Chiesa

Goldberg ha divorziato tre volte. Nelle sue numerose apparizioni pubbliche negli ultimi quarant'anni, ha attaccato ferocemente gli insegnamenti della Chiesa sull'aborto, sul "matrimonio" omosessuale e su una serie di altri argomenti.

Questa settimana, a The View, ha parlato del suo incontro con Francesco. Prevedibilmente, ha osservato che non le ha fatto cambiare idea.

"Non so se mi farà tornare in chiesa", ha detto. "Ma quello che ha fatto è che... mi sento meglio perché sento che qualcuno lassù mi vuole bene. Questo è il modo migliore per dirlo".

In altre parole, il periodo trascorso in Vaticano l'ha fatta "sentire" calda e confusa all'interno, ma non l'ha spinta a riconsiderare la fede che le era stata insegnata in gioventù.

Questo tipo di reazione non dovrebbe sorprendere. Francesco ha detto più volte che affronta tutti i suoi incontri con i non cattolici in questo modo. Cercare la loro conversione non è una cosa che gli passa per la testa.

Le suore tradizionali stanno tornando in auge

La Goldberg ha dichiarato a Vatican News di essere triste per il fatto che il "reclutamento" delle religiose è difficile al giorno d'oggi e spera che Sister Act 3 possa essere d'aiuto.

Non ha bisogno di guardare lontano per vedere dove e perché questo è accaduto. Nelle comunità in cui i tailleur di Hillary Clinton e l'attivismo per la giustizia sociale sono la norma, non c'è quasi nessun interesse da parte delle giovani donne. Nelle comunità tradizionali, dove la preghiera, il sacrificio e, sì, le abitudini, sono lo standard, viene prestata molta più attenzione.

Nel 2019, il Catholic Herald ha pubblicato un articolo intitolato "La nuova sorellanza: gli ordini tradizionali sono in piena espansione". Il saggio metteva in evidenza diverse comunità religiose femminili nel Regno Unito che stanno assistendo a un massiccio aumento di nuovi ingressi.

Anche la crescita delle Suore Domenicane di Nashville, delle Suore Consolatrici in Italia e delle Suore Domenicane di Fanjeaux è un segno sicuro che Dio sta lentamente ripristinando ciò che Goldberg e la Chiesa degli anni '60 hanno tanto cercato di sradicare. E questo è un pensiero incoraggiante.

2 commenti:

  1. Anche Barack Obama (se non sbaglio quando era Presidente USA) e qualche anno fa anche Joe Biden dichiararono espressamente di opporsi a quella contraddizione in termini che avete citato, aggiungendo che il fatto che il matrimonio potesse essere concepito esclusivamente tra un uomo e una donna non significava in alcun modo discriminare chi coltivava scelte o nutriva preferenze diverse.

    RispondiElimina
  2. Quando il puparo non ci sarà più i pupi non balleranno e non parleranno.....

    RispondiElimina