Post in evidenza

La Messa proteiforme: a modest proposal. Risposta e proposta al Prof. Grillo

Il Prof. Grillo ha voluto gentilmente confrontarsi (v. qui ) con il nostro commento critico alla sua intervista (in cui, lo ricordiamo, el...

giovedì 12 ottobre 2023

Il cardinale Tobin al Sinodo parla dei gay ma va contro a coloro che amano la Messa Tradizionale #traditionescustodes #sinodo

"Todos, todos, todos", gay sì ma noi "tridentini liturgici" no. 
Chissà perchè?
Nella lunga risposta Tobin dice - quasi esplicitamente - che le comunità tradizionaliste hanno perso, di fatto, gli scopi originari del cristianesimo.
Le parole di Tobin QUI e sotto al minuto 43.
"Direi che l'esperienza di sentirsi fuori è qualcosa che purtroppo fa parte dei segni dei tempi, non solo per le persone che amano molto la Messa tradizionale".
La giornalista che ha fatto la domanda è Diane Montagna (QUI): "Al briefing del 10 ottobre #Synod , il cardinale Tobin ha affermato di sperare che “questo sinodo ci aiuti” ad aprire le porte alle “persone LGBTQ+” in “un modo ancora più significativo”. Ho chiesto cosa direbbe ai cattolici della Messa tradizionale latina che sono stati banditi dalla loro parrocchia. [...] Solo una nota da sottolineare: non è che le persone semplicemente “si sentano bandite” dalla propria parrocchia. Come ho accennato nella mia domanda – facendo l'esempio di Washington DC – in alcune diocesi sono state bandite, insieme alla Messa tradizionale latina".
La risposta del Card.l Tobin nell'articolo qui sotto. 
QUI Borgo Pio della Bussola.
Luigi

Di Walter Sánchez Silva, Aciprensa, 10 ottobre 2023

L'arcivescovo di Newark (Stati Uniti), cardinale Joseph Tobin, ha risposto a due domande su come la Chiesa accoglie i cattolici "LGBTQ+" (lesbiche, gay, bisessuali, transgender, queer e altro) e su come vengono trattati i fedeli che amano la Messa tradizionale.

Durante la conferenza stampa di martedì 10 ottobre sul Sinodo sulla sinodalità in Vaticano, il cardinale ha risposto a una domanda sugli "esclusi" citati nel documento di lavoro, come i divorziati e i risposati e le persone che si identificano come LGBTQ+.

Il Sinodo sulla sinodalità è stato convocato nell'ottobre 2021 sul tema "Per una Chiesa sinodale: comunione, partecipazione e missione". Alla sessione di ottobre a Roma sono state convocate 365 persone, tra vescovi, religiosi, sacerdoti, diaconi e laici. Per la prima volta, i non vescovi - tra cui 54 donne - avranno diritto di voto.

Rispondendo a una domanda di un giornalista italiano, il cardinale ha ricordato che alcuni anni fa ha accolto "un pellegrinaggio di persone che si sentivano emarginate a causa del loro orientamento sessuale - persone LGBTQ+ - nella cattedrale. Non ho potuto partecipare all'intera funzione per via di altri impegni, ma li ho accolti".

Uno dei miei vescovi ausiliari, un cubano-americano, ha fatto una bellissima riflessione dopo il mio benvenuto: "Abbiamo una bellissima cattedrale (...) probabilmente la più bella del Nord America". (...) Il vescovo Mani (Manuel Aurelio) Cruz ha detto: "Questo è un posto meraviglioso, bellissimo, ma è molto più bello quando le porte sono aperte"", ha continuato.

"Quindi penso che la vera bellezza della nostra Chiesa cattolica sia evidente quando le porte sono aperte, quando sono accoglienti. E spero che il Sinodo ci aiuti a esserlo in modo più significativo", ha detto l'arcivescovo.

Cosa direbbe il cardinale Tobin a chi ama la Messa tradizionale?

Il cardinale ha poi risposto alla domanda di un altro giornalista [DIANE MONTAGNA], questa volta in inglese, su cosa direbbe ai cattolici che amano la Messa tradizionale e si sentono fuori dalla Chiesa, anche negli Stati Uniti.

"Direi che l'esperienza di sentirsi fuori è qualcosa che purtroppo fa parte dei segni dei tempi, non solo per le persone che amano molto la Messa tradizionale", ha detto.

Il cardinale ha poi ricordato che quando era arcivescovo di Indianapolis ha dovuto chiudere alcune parrocchie, il che faceva parte di "alcune decisioni molto dolorose" e che solo "due o tre anni dopo" è stato chiaro che "questo era un bene per noi. Lo abbiamo scoperto solo in tempo.

"Con le persone che amano la Messa tradizionale, sono ancora sotto le condizioni di due motu proprio, così come le decisioni del Dicastero per il Culto Divino. Ci sono ancora opportunità, forse non quelle a cui ero abituato. So che ha causato molto dolore alle persone che amano quella Messa, ma non credo che siano state escluse dalla Chiesa cattolica", ha detto.

Il 16 luglio 2021 il Vaticano ha pubblicato il motu proprio di Papa Francesco Traditionis custodes. Il testo limita quasi completamente la celebrazione della Messa tradizionale in latino (forma straordinaria) o in rito tridentino, cioè con il Messale del 1962.

3 commenti:

  1. sono stupido io, o è vero che linguisticamente dalla risposta del cardinale non si capisce niente ? Teologicamente invece si capisce benissimo.

    RispondiElimina
  2. Che tristezza questo Eminentissimo.

    RispondiElimina
  3. Sì, non si capisce niente, forse perché non ha niente da dire. Avrà ancor meno da dire quando con le porte aperte e la chiesa in uscita, dalla chiesa saranno usciti proprio tutti per non più farvi ritorno...

    RispondiElimina