Post in evidenza

Osservatorio Van Thuan. Corso a Lonigo (VI) l'8 ottobre e il 12 e 26 novembre

Riceviamo e pubblichiamo. Luigi PROVE IN CORSO DI DEMOCRAZIA TOTALITARIA. TRE INCONTRI SULL’ATTUALITÀ POLITICA A LONIGO (VICENZA) Cari Ami...

giovedì 24 agosto 2023

Il velo delle donne in chiesa

Vedere MiL anche QUI, QUI, QUI, QUI, QUI, QUI.
Dalla prima lettera di Paolo ai Corinzi 11: 1Fatevi miei imitatori, come io lo sono di Cristo. 2Vi lodo poi perché in ogni cosa vi ricordate di me e conservate le tradizioni così come ve le ho trasmesse. 3Voglio però che sappiate che di ogni uomo il capo è Cristo, e capo della donna è l'uomo, e capo di Cristo è Dio. 4Ogni uomo che prega o profetizza con il capo coperto, manca di riguardo al proprio capo. 5Ma ogni donna che prega o profetizza senza velo sul capo, manca di riguardo al proprio capo, poiché è lo stesso che se fosse rasata. 6Se dunque una donna non vuol mettersi il velo, si tagli anche i capelli! Ma se è vergogna per una donna tagliarsi i capelli o radersi, allora si copra. 7L'uomo non deve coprirsi il capo, poiché egli è immagine e gloria di Dio; la donna invece è gloria dell'uomo. 8E infatti non l'uomo deriva dalla donna, ma la donna dall'uomo; 9né l'uomo fu creato per la donna, ma la donna per l'uomo. 10Per questo la donna deve portare sul capo un segno della sua dipendenza a motivo degli angeli. 11Tuttavia, nel Signore, né la donna è senza l'uomo, né l'uomo è senza la donna; 12come infatti la donna deriva dall'uomo, così l'uomo ha vita dalla donna; tutto poi proviene da Dio. 13Giudicate voi stessi: è conveniente che una donna faccia preghiera a Dio col capo scoperto? 14Non è forse la natura stessa a insegnarci che è indecoroso per l'uomo lasciarsi crescere i capelli, 15mentre è una gloria per la donna lasciarseli crescere? La chioma le è stata data a guisa di velo. 16Se poi qualcuno ha il gusto della contestazione, noi non abbiamo questa consuetudine e neanche le Chiese di Dio. 
Luigi

5 commenti:

  1. San Paolo va saputo interpretare altrimenti vedete come ha ispirato i protestanti, tant'è che potremmo citare anche altri versetti che piacciono meno e comunque l' importante è cosa abbiano nella testa le femmine di oggi, perché portare il velo in Chiesa e avere poi pensieri perversi o di lussuria non va bene. Inoltre i veli bianchi spesso rimangono bianchi e non diventano neri. Non si sposano con facilità le donne tradizionaliste e non si capisce come mai. In questa epoca vergognosa il velo è un lusso per chi è davvero seria

    RispondiElimina
  2. Il velo è bellissimo, ed è anche una forma di rispetto per il luogo sacro quale la chiesa è. Mi commuove il fatto che sta ritornando in uso, anche nelle chiese dove si celebra con il novus ordo. Segno che il bello, l'eleganza, la classe, lo stile, la tradizione, non scompariranno mai, anzi, rappresentano il nucleo indistruttibile della cattolicità. San Paolo, riguardo il capo coperto, non avrebbe potuto dire diversamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, l'eleganza e lo stile sono fondamentali per partecipare alla Messa. Soprattutto nella forma straordinaria, che richiede un decoro di un livello nettamente superiore.

      Elimina
    2. Gentile Anonimo delle 06:46, concordo con Lei che la forma straordinaria richieda un decoro massimo. Io frequento solitamente la Messa Tridentina, ma mi è capitato di vedere donne con il velo anche nelle Messe novus ordo, e questo mi ha fatto piacere. Un caro saluto.

      Elimina
  3. Vi sorprenderà, ma in diversi paesi, il velo non viene usato dalle donne tradizionaliste!
    Queste sono solo crociate fondamentaliste basate sul nulla, in cui volete imporre il vostro modo di vedere le cose come se fosse legge suprema, mentre sono solo usanze umane.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione