Post in evidenza

La Messa proteiforme: a modest proposal. Risposta e proposta al Prof. Grillo

Il Prof. Grillo ha voluto gentilmente confrontarsi (v. qui ) con il nostro commento critico alla sua intervista (in cui, lo ricordiamo, el...

mercoledì 31 maggio 2023

Ordinariato per gli ex Anglicani: a che punto siamo?

"Come si può avere una conversazione con una chiesa in cui molti credono che sia possibile il matrimonio tra due uomini? Va contro l'intera comprensione della creazione e del sacramento del matrimonio così come lo intende un cattolico. Penso che siamo arrivati a una situazione che potremmo definire "ecumenismo della gentilezza". Siamo gentili l'uno con l'altro, siamo educati, ma non sono sicuro che si andrà molto oltre, non è questa l'unità per cui Gesù ha pregato".
"Questa è la prima volta nella storia in cui la Chiesa Cattolica apre le proprie porte e permette che una tradizione coltivata negli anni della Riforma protestante entri in piena comunione con Roma".
Per inciso: sin da quando era cardinale, l'Ordinariato non è mai stato nelle simpatie del regnante Pontefice Francesco.
Questa traduzione è stata realizzata grazie alle donazioni dei lettori di MiL.
Luigi

Edward Pentin, National Catholic Register, 03/05/2023

Sono passati quasi 14 anni da quando Papa Benedetto XVI ha istituito una struttura canonica per i fedeli anglicani che vogliono entrare in comunione con la Chiesa Cattolica preservando il proprio distintivo patrimonio anglicano e i buoni frutti di questa iniziativa stanno emergendo in Inghilterra e in Galles, ma rimangono significativi ostacoli.

Questo è quanto afferma Mons. Keith Newton, ordinario dell'Ordinariato di Nostra Signora di Walsingham, che ha rilasciato un'intervista per il Register a Londra, lo scorso 19 aprile, per fare una valutazione sincera dei progressi compiuti e delle sfide che ancora si presentano.

Mons. Newton, originario di Liverpool, è stato ordinato sacerdote anglicano nel 1974 e proviene dalla tradizione del Prayer Book Catholic, una corrente moderata del revival cattolico nella Chiesa anglicana del XIX secolo. Desideroso di ritrovare l'unità anglo-cattolica, si è reso però conto che ciò stava diventando impossibile, mentre la Comunione anglicana si allontanava sempre più dall'insegnamento cattolico e dalla Tradizione apostolica, e vide nella Costituzione apostolica di Benedetto XVI del 2009, Anglicanorum Coetibus, che creava l'Ordinariato, una risposta alle sue preghiere.

In questa intervista, egli spiega che ciò di cui l'Ordinariato in Inghilterra e Galles ha maggiormente bisogno sono edifici e fondi, e prevede una crescita continua, mentre gli anglicani diventano sempre più insoddisfatti della propria Comunione e cercano invece la comunione con la Chiesa Cattolica.

Mons. Newton, come è andato l'Ordinariato dal 2011, quando è stato istituito qui in Inghilterra? Come valuterebbe i suoi progressi?

Ebbene, è stato un processo lento. I vescovi non sono stati in alcun modo cattivi, ma non penso che ci sia un grande interesse da parte di tutta la gerarchia, quindi non abbiamo avuto il sostegno di tutti i nostri vescovi e ci stiamo un po' arrangiando da soli. Finanziariamente abbiamo pochi soldi.

Direbbe che le tensioni sono maggiori internamente, con la gerarchia cattolica, piuttosto che con la Comunione anglicana?

Penso che le tensioni all'interno della Chiesa anglicana siano per lo più cessate, tranne che, penso, per gli anglo-cattolici, che non sanno bene come relazionarsi con noi, perché penso che siamo un promemoria di ciò che alcuni di loro avrebbero dovuto fare. Penso che accada come per qualsiasi cosa nuova, le persone sono portate ad avere sospetti, ma poi abbiamo anche avuto persone molto, molto collaborative e disponibili in tutta la Chiesa cattolica, quindi non è tutto a senso unico.

Quindi, in generale, le relazioni stanno migliorando, si stanno normalizzando?

Sì, penso di sì, ma nei primi anni è stato piuttosto difficile, penso per alcune persone, soprattutto per alcuni dei nostri preti che hanno trovato tutto ciò difficile, in parte a causa del luogo in cui prestavano servizio e perché non avevamo i nostri edifici. Ancora non ce li abbiamo, i nostri edifici, ed è uno dei problemi più seri per noi. Se sei un ospite nell'edificio di qualcun altro, non puoi avere molto controllo e può essere difficile per le relazioni.

Ho sempre pensato che l'Ordinariato sarebbe stato una specie di maratona, non uno sprint, e che sarebbe partito lentamente e si sarebbe sviluppato. Sapevo che alcuni gruppi si sarebbero dissolti e ne sarebbero iniziati di nuovi, ed è ciò che è successo. Nessuno di essi ha le dimensioni di quelli che si trovano negli Stati Uniti.

La cosa importante per me, riguardo all'Ordinariato, è l'influenza più ampia che esso assume nella Chiesa cattolica, particolarmente in termini di ecumenismo. Mi stanco di ripeterlo, ma questa è la prima volta nella storia della Chiesa che la Chiesa cattolica apre le proprie porte e permette a una tradizione che è stata coltivata negli anni della Riforma di entrare nella Chiesa cattolica, portando con sé alcune delle cose che hanno nutrito i membri nel loro particolare percorso.

E penso che sia una cosa incredibile e sono sorpreso che molti ecumenisti non si entusiasmino per questo, ma non lo fanno in effetti.

Perché pensa che sia così?

Penso che siano sospettosi in qualche modo. Eppure l'Ordinariato è l'unico esempio nella Chiesa cattolica di "ecumenismo realizzato" nell'Occidente. E penso che ciò sia più significativo di quanto le persone riescano a riconoscere. Alcuni cattolici sono un po' stanchi o confusi al riguardo. Qualcuno mi ha detto proprio ieri: "Perché non diventa un vero cattolico?" Quindi questo dimostra una mancanza di comprensione su ciò che è effettivamente accaduto.

Ebbene, pensano che siamo mezzi anglicani, perché hanno una visione del Cattolicesimo molto monolitica. La maggior parte dei cattolici pensano che si tratti della diocesi e del vescovo, o del papa e della parrocchia, onestamente, e basta, quindi se non fai parte di quello, allora non sei in qualche modo un vero cattolico. E non è vero. È stata una battaglia in salita far capire alle persone che siamo "veri cattolici". Sono membro della conferenza dei vescovi, proprio come qualsiasi altro vescovo diocesano.

Alcuni vedono il permesso dei preti sposati come un'ingiustizia nei confronti dei preti cattolici del rito latino, che sono invece vincolati al celibato sacerdotale. Vede l'Ordinariato, in tal senso, come un indebolimento della regola del celibato?

È inevitabile che abbia qualche effetto su di essa, perché se le persone hanno un parroco sposato e pensano che funzioni bene, e potrebbero dire: "Bene, perché non possiamo avere preti sposati?" Non penso che sia compito nostro, come Ordinariato, spingere per il sacerdozio uxorato, ma deve ricordare che abbiamo preti sposati anche nel clero cattolico che non è composto di ex anglicani, come nel caso dei cattolici di rito orientale, quindi non è un'impossibilità.

Quali sono stati i frutti tangibili dell'Ordinariato che ha osservato?

Penso che la liturgia sia stato un frutto tangibile. Di recente abbiamo prodotto il nostro libro ufficiale, essenzialmente il Book of Common Prayer, Mattutino e Vespri, ma con materiale aggiuntivo come inni ufficiali e antifone e così via, ed è stato un grande successo. Un giovane seminarista cattolico americano è venuto a trovarmi e mi ha detto che lo usa perché legge l'intero salterio ogni mese, invece di prendere solo alcune parti, e legge l'intera Bibbia, cosa che l'ufficio romano non fa in modo coerente.

Quali sono le principali necessità dell'Ordinariato al momento?

Avere edifici che siano veramente nostri, in modo da poter organizzare le cose come vogliamo. È meglio quando il nostro sacerdote è il parroco e possiamo utilizzare l'edificio in modo più libero.

Poiché la Comunione Anglicana si allinea sempre di più con un'agenda secolare progressista, pensa che l'Ordinariato diventerà più attraente per molti anglicani?

Penso di sì, ma non credo che sia davvero penetrato nella mente delle persone al momento. Il parrocchiano medio di una chiesa anglicana non nota davvero questa tendenza, finché le cose continuano normalmente nella loro chiesa.

Cosa direbbe a coloro che stanno contemplando l'idea di unirsi all'Ordinariato per questa o altre ragioni?

Direi di farlo. Non se ne pentirà. Non ho mai rimpianto di essere diventato cattolico, nemmeno per un istante, anche se a volte la Chiesa ti fa impazzire. Non puoi dire agli anglicani che si sentiranno diversi quando si uniranno a Roma. Tutto ciò che puoi fare è incoraggiarli e dire loro che non se ne pentiranno. Alla fine, devi arrivare alla conclusione che questa è effettivamente la Chiesa fondata da Gesù. E ciò che mi dimostra che questa sia la Chiesa fondata da Gesù è che è l'unica comunione ecclesiale che può aprire le proprie porte a tutti i tipi di persone. Gli ortodossi non potrebbero farlo, ma noi sì, non solo per l'Ordinariato, ma abbiamo anche cattolici ucraini di rito greco e altri provenienti dalle parti orientali della Chiesa cattolica.

Penso che sia davvero una cosa straordinaria. Mostra semplicemente la possibilità di unità e diversità. Quello che c'era con gli anglicani era diversità senza unità.

Dove siamo in termini di dialogo anglicano-cattolico quando l'unità sembra essere più lontana che mai?

Come si può avere una conversazione con una chiesa in cui molti credono che sia possibile il matrimonio tra due uomini? Va contro l'intera comprensione della creazione e del sacramento del matrimonio così come lo intende un cattolico. Penso che siamo arrivati a una situazione che potremmo definire "ecumenismo della gentilezza". Siamo gentili l'uno con l'altro, siamo educati, ma non sono sicuro che si andrà molto oltre, non è questa l'unità per cui Gesù ha pregato.

Quanto è importante per lei che l'Inghilterra torni alle sue radici cattoliche e che ciò possa avvenire attraverso l'Ordinariato, come mezzo per riscoprire Cristo e la sua Chiesa come l'unica vera fede?

Bene, quello è l'obiettivo finale e spero che per alcune persone l'Ordinariato possa essere un modo per tornare in comunione con Pietro, perché ci sono certe cose che ricordano la loro storia e la loro formazione nella fede cristiana. Può anche ricordarci che c'era effettivamente una Chiesa cattolica vibrante qui, prima che Enrico VIII ci mettesse lo zampino, probabilmente uno dei Paesi cattolici più vivaci nell'Europa dell'epoca.

In qualche modo, molti cattolici se ne sono dimenticati. Ecco perché [il santuario] di Nostra Signora di Walsingham non è importante quanto dovrebbe esserlo. Sta diventando sempre più importante, ma molti cattolici non ci sono mai stati a Walsingham, sono stati a Lourdes o Fatima, ma non a Walsingham.

Pensa che, guardando allo stato della società, questo sia ciò di cui il Paese ha disperatamente bisogno, ossia un ritorno alle sue radici cattoliche?

Sicuramente ha bisogno di una bussola morale da qualche parte, e la Chiesa è l'unico luogo che può fornirla. Ma come Paese, siamo diventati piuttosto secolarizzati, vero? Il cristianesimo sembra spesso essere messo da parte.

Pensa che ci sia un meccanismo di causa ed effetto, nel senso che la Chiesa è stata debole, specialmente negli ultimi 60 anni, e quindi la società sia diventata così?

Penso che la Chiesa cattolica in Inghilterra e Galles fosse molto emarginata prima, probabilmente fino agli anni '60, ed ora è molto più accettata. E penso che molti dei nostri vescovi non vogliano perdere questa accettabilità, quindi non fanno dichiarazioni forti su alcune cose che in realtà ci stanno molto a cuore, come l'aborto e così via.

Cosa ne pensa di questo silenzio?

Non penso che dovrebbe essere così. Penso che dobbiamo parlare alla società con una voce molto più forte. Se la società sta sprofondando o annegando, non vuole sentirsi dire che sta annegando, vuole sentirsi dire il motivo per cui non dovrebbe annegare, che è il Vangelo, la Buona Novella. Ma se c'è la Buona Novella, essa porta con sé anche una vita morale, un certo modo di vivere.
 
E prevede che l'Ordinariato aprirà quella strada?

Pensare di poterla aprire è ottimismo. Ci piacerebbe pensare di avere un'influenza in questo, ma siamo solo pochi, faremo parte della più ampia Chiesa cattolica che fa questo. Abbiamo il nostro punto di vista su alcune cose. Sa, per esempio, a proposito del sinodalismo nella Chiesa cattolica. Naturalmente, gli ex anglicani sono un po' più scettici a riguardo rispetto alla maggior parte delle altre persone, perché abbiamo visto cosa succede. Ciò che si ottiene sono persone che hanno la propria agenda e che parlando più forte ottengono ciò che vogliono. E possiamo vedere che questo sta accadendo nella Chiesa cattolica ora, nonostante quello che il Santo Padre ha detto all'inizio, che non si tratta di dottrina. Si può vedere che molte persone pensano, certamente, ma queste sono le cose di cui vogliamo parlare. E sono una minoranza di persone, poiché tutti gli altri non si interessano, e la loro opinione si diffonde. Dicono che le persone sono preoccupate di queste questioni, mentre in realtà la maggior parte dei cattolici non è preoccupata delle questioni che ho menzionato.

Quali sono le sue speranze e i suoi piani per il futuro?

Spero solo che continuiamo e cresciamo. Spero che alla fine inizieremo ad avere più basi da sviluppare, e che saranno presenze forti dell'Ordinariato, dove si potrà essere definitivamente riconosciuti come Ordinariato, lavorando anche con le diocesi cattoliche locali. Non siamo separati da queste, e speriamo di aggiungere bellezza e diversità al Cattolicesimo. Certamente, se alcune chiese cattoliche diventano vacanti, potremmo prenderle in consegna, poiché abbiamo bisogno di luoghi in cui prosperare ed essere visti come tali. Ma è un processo lento, perché richiede denaro e proprietà immobiliari, e l'Inghilterra è costosa.