Post in evidenza

La Messa proteiforme: a modest proposal. Risposta e proposta al Prof. Grillo

Il Prof. Grillo ha voluto gentilmente confrontarsi (v. qui ) con il nostro commento critico alla sua intervista (in cui, lo ricordiamo, el...

sabato 18 marzo 2023

A Roma domenica, con mons. George Gänswein, una targa in onore di Benedetto XVI e la sua talare in dono #benedettoxvi

Si dice che molti giornalisti andranno alla S. Messa, che mons. Georg Gänswein celebrerà domani, proprio per sapere cosa sta succedendo per lui.
Luigi

Il Sismografo, 15-3-23
(Vicariato di Roma - Comunicato) Era cardinale titolare della parrocchia di Casal Bertone che considerava la sua «casa romana» e con la quale ha mantenuto sempre un legame speciale. Domenica 19 alle 10 la Messa presieduta da monsignor George Gänswein, al termine della quale verrà scoperta e benedetta la lapide commemorativa «Questa mia visita a Santa Maria Consolatrice, prima parrocchia romana in cui mi reco da quando il Signore ha voluto chiamarmi ad essere Vescovo di Roma, è per me in un senso molto vero e concreto un ritorno a casa. Mi ricordo molto bene di quel 15 ottobre 1977, quando presi possesso di questa mia chiesa titolare (….). Da allora in poi il nostro reciproco legame è divenuto progressivamente più forte, più profondo. Un legame di affetto e di amicizia, che ha realmente riscaldato il mio cuore e lo riscalda anche oggi». BENEDETTO XVI pronunciò queste parole il 18 dicembre 2005, in occasione della sua prima visita da pontefice a una parrocchia romana. Si trattava di Santa Maria Consolatrice, nella piazza omonima, a Casal Bertone. 
Già molte volte vi si era recato in precedenza, poiché ne era cardinale titolare. A ricordare questo speciale legame tra la comunità e il Papa emerito, scomparso il 31 dicembre scorso, sarà una targa commemorativa, che verrà scoperta la prossima domenica 19 marzo – solennità di san Giuseppe e quindi onomastico di JOSEPH RATZINGER. A benedirla sarà monsignor GEORGE GÄNSWEIN, al termine della celebrazione che presiederà nella chiesa parrocchiale, alle ore 10. Monsignor GÄNSWEIN, in quell’occasione, consegnerà alla parrocchia anche una talare appartenuta a BENEDETTO XVI. 
«La parrocchia ha un legame affettivo e storico con PAPA BENEDETTO – ricorda il parroco don LUIGI LANI –. Sia negli anni in cui è stato cardinale titolare che da Papa, ha sempre mantenuto un rapporto di affetto, anche attraverso numerosi doni che ci ha voluto fare, e che presto troveranno spazio in una stanza che allestiremo come una sorta di museo a lui dedicato. Ci sarà senz’altro la talare che ci verrà donata domenica 19 marzo. Nel giorno di san Giuseppe di diversi anni fa fece recapitare anche un cero votivo da accendere a Maria Consolatrice. Inoltre ci ha regalato un bellissimo calice e una pisside, alcuni libri e pregiate pubblicazioni. Un anno, a Natale, donò una somma per la Caritas parrocchiale. Sono piccoli gesti ma segno di una grande attenzione». Nella stanza allestita a museo verranno esposte anche le numerose foto che già sono in bella mostra nel corridoio della parrocchia, e che ricordano le tante occasioni in cui il cardinale RATZINGER andava a Santa Maria Consolatrice. «Davvero questa era la sua casa romana – sottolinea il parroco –. Con la fortuna di stare a Roma, da cardinale titolare era spesso qui per le cresime, le processioni, la festa patronale. Talvolta veniva semplicemente a cena. Aveva una grande familiarità con questa comunità, che ha sempre ricordato con affetto e nostalgia. Qui tanti parrocchiani, soprattutto quelli tra i 50 e i 60 anni, lo ricordano attraverso vari episodi. A Natale, ad esempio, veniva e portava i dolcetti della Baviera. Quando celebrava, in sacrestia, si fermava sempre a parlare con i ministranti, chiedendo loro come si chiamavano e informandosi su come andavano a scuola. Tante persone hanno del Papa emerito un ricordo vivo, commosso». 
Don LANI all’epoca non era parroco a Casal Bertone, ma anche lui ha incontrato JOSEPH RATZINGER, quando già era Papa emerito. Un dialogo nei Giardini Vaticani, davanti alla Grotta di Lourdes, che il sacerdote rievoca con commozione. «Fu un momento breve ma intenso, durante il quale mi ribadì che sentiva Santa Maria Consolatrice come la sua casa». Tra fine dicembre e inizio gennaio, numerosi sono stati nella comunità i momenti di preghiera dedicati a BENEDETTO XVI. «Non appena abbiamo appreso la notizia della sua morte, la mattina del 31 dicembre scorso – ricorda don LANI – abbiamo recitato il Rosario. La chiesa era gremita, nonostante fosse un giorno festivo. In occasione dei funerali abbiamo allestito dei maxischermi nel teatro parrocchiale. La presenza di padre GEORGE è ancora attestazione di affetto.

2 commenti:

  1. Spero che per l'occasione abbiano cancellato la scritta "Tutte le chiese come Notre Dame" che qualche pseudospiritoso dei centri sociali (che in quel quartiere imperversano) ha scritto sul fianco della chiesa, in memoria di uno degli aforismi preferiti dagli anarchici che si credono intelligenti: "L'unica chiesa che illumina è quella che brucia".

    RispondiElimina
  2. Credo che sarà spedito in qualche piccola diocesi tedesca, oppure, in qualche lontana nunziatura. Di sicuro non resterà a Roma. Bergoglio, non vuole più vederlo!.
    MAX 75

    RispondiElimina